News, pedaggi disastrosi?

Sarebbero appena 150mila gli utenti registrati alla versione digitale del quotidiano britannico The Times. Circa 15mila gli abbonati. Numeri che garantirebbero al paywall imposto da Murdoch una cocente disfatta

Roma – C’è chi ha sottolineato come si tratti di risultati non certo soddisfacenti, almeno per tutti quei signori dell’editoria che vedono nel cosiddetto “paywall” l’unica strada percorribile per giungere alla salvezza dei giornali online. Tycoon del calibro di Rupert Murdoch, che continua incessante la sua battaglia contro aggregatori del web e motori di ricerca succhia-notizie.

Ma il tanto contestato pedaggio imposto dal magnate di origini australiane ai lettori online del quotidiano britannico The Times – e della sua versione domenicale The Sunday Times – non sembra affatto aver prodotto i risultati sperati. Anzi, si tratterebbe di una vera e propria debacle .

Certo, si tratta di dati non ufficiali, recentemente pubblicati online dal sito Beehivecity , che hanno tuttavia illustrato un panorama decisamente sconsolante per l’edizione digitale del celebre quotidiano d’Albione, a poco più di un mese dall’imposizione del paywall. Le registrazioni gratuite – a cui sono stati obbligati gli utenti nell’intero mese di giugno – sarebbero state appena 150mila .

Numeri che, se confermati, rappresenterebbero circa il 12 per cento dell’intera audience giornaliera di The Times , ovviamente prima che venisse eretto il paywall. Stando sempre ai dati pubblicati, sarebbero poi stati appena 15mila gli utenti convinti dalla necessità di effettuare una sottoscrizione a pagamento. A questi dovrebbero venire affiancati circa 12.500 abbonati in possesso di un esemplare di iPad.

E c’è chi si è fatto due semplici calcoli . Immaginando che tutti i 150mila utenti registrati paghino 2 sterline ciascuno – necessarie all’accesso illimitato per una settimana – si arriverebbe ad una media di 100 sterline annuali guadagnate a partire da un singolo lettore. Le entrate complessive per il quotidiano di Murdoch sarebbero pari a 15 milioni di sterline . Che non sarebbero affatto sufficienti a coprire i costi di gestione di un giornale così prestigioso.

Una situazione critica, visibilmente peggiorata dai dati relativi al traffico di utenti. Che sarebbe dunque sceso del 58 per cento nel primo mese , ovvero quello della semplice registrazione gratuita. Una percentuale aumentata poi di quasi dieci punti nelle prime settimane dall’attivazione effettiva del paywall.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MeX scrive:
    mah...
    é come fare le statistiche sugli OS piú diffusi prendendo il sito www.ubuntu.com oppure update.microsoft.com o www.apple.comInsomma, Amazon che ha Kindle e vende i suoi ebook anche su iPad, iPhone e iPod Touch ha sicuramente i dati un po' "drogati" sicuramente ci vorrá ancora moltissimo prima che gli ebook superino il mercato dei libri cartaceiIo ho un sono PRS-300 e sono felicissimo della scelta, anche perché leggo in Inglese, che in Italiano non si trova nulla peró se non fossi all'esetero e leggessi in inglese non penso che l'avrei mai comprato
    • GastonMazza cane scrive:
      Re: mah...
      in italiano non si trova nulla?e quei 35 Gigabyte di libri in italiano in PDF che ho sull'HD da dove sono usciti?(rotfl)
      • MeX scrive:
        Re: mah...
        non so te, ma io le cose le compro, non le rubo.Inoltre il PDF é il formato piú odioso per un ebook..
        • angros scrive:
          Re: mah...
          - Scritto da: MeX
          non so te, ma io le cose le compro, non le rubo.Qui nessuno ruba nulla. Si scarica, non si ruba.Tra l'altro, se possiedo già il libro cartaceo, e mi scarico il PDF per leggerlo anche sul reader, secondo gli editori starei piratando... e allora, che vadano pure in rovina! Meriterebbero forse rispetto?
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            hai ragione scusa, mettiamola cosí.Io pago gli autori, non scarico a sbafo.Dubito che il signore qui sopra abbia migliaia di libri in biblioteca, ma posso sempre sbagliarmi!Inoltre, pensa che se compri la versione cartonata del signore degli anelli con le illustrazioni fatte a mano e poi vuoi un'edizione economica da portarti in spiaggia deve pagare due libri e non uno solo.
          • angros scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: MeX
            hai ragione scusa, mettiamola cosí.

            Io pago gli autori, non scarico a sbafo.E ti sembra un merito pagare autori come questi?http://punto-informatico.it/2948622/PI/Commenti/mina-ancora-ancora-ancora.aspx

            Dubito che il signore qui sopra abbia migliaia di
            libri in biblioteca, ma posso sempre
            sbagliarmi!

            Inoltre, pensa che se compri la versione
            cartonata del signore degli anelli con le
            illustrazioni fatte a mano e poi vuoi un'edizione
            economica da portarti in spiaggia deve pagare due
            libri e non uno
            solo.O farmi le fotocopie del libro che ho: visto che le fotocopie mi costerebero più o meno quanto l'edizione economica, mi sembra che il prezzo dell'edizione economica sia accettabile. Ma se le fotocopie fossero gratuite, mi aspetterei di avere gratis anche l'edizione economica.
          • MeX scrive:
            Re: mah...

            E ti sembra un merito pagare autori come questi?

            http://punto-informatico.it/2948622/PI/Commenti/mino, infatti la RAI i diritti li paga e deve stare zitta.Ci sono persone cosí stupide da meritare due schiaffi al giorno, al mattino cosa fai? esci e dai schiaffi a chiunque perché potrebbe rientrare nella categoria?
            O farmi le fotocopie del libro che ho: visto che
            le fotocopie mi costerebero più o meno quanto
            l'edizione economica, mi sembra che il prezzo
            dell'edizione economica sia accettabile. Ma se le
            fotocopie fossero gratuite, mi aspetterei di
            avere gratis anche l'edizione
            economica.perché fare un ebook é gratis?distribuirlo con dei server online é gratis?Puoi prendere il libro e farti il PDF tu a manina se vuoi non ti costa "niente" se non qualche ora a sXXXXXXXre...
          • angros scrive:
            Re: mah...

            no, infatti la RAI i diritti li paga e deve stare
            zitta.
            Ci sono persone cosí stupide da meritare due
            schiaffi al giorno, al mattino cosa fai? esci e
            dai schiaffi a chiunque perché potrebbe rientrare
            nella
            categoria?Punisco tutta la categoria, così saranno gli altri autori a inca22arsi e a punire i responsabili.


            O farmi le fotocopie del libro che ho: visto che

            le fotocopie mi costerebero più o meno quanto

            l'edizione economica, mi sembra che il prezzo

            dell'edizione economica sia accettabile. Ma se
            le

            fotocopie fossero gratuite, mi aspetterei di

            avere gratis anche l'edizione

            economica.

            perché fare un ebook é gratis?Uno scanner, e un po' di tempo
            distribuirlo con dei server online é gratis?Sì, ci sono un mucchio di server che offrono hosting gratuito.
            Puoi prendere il libro e farti il PDF tu a manina
            se vuoi non ti costa "niente" se non qualche ora
            a
            sXXXXXXXre...L'ho anche fatto, per delle riviste (ormai introvabili): solo che io ho perso un po' di tempo du un singolo numero, e ho avuto acXXXXX a decine di altri numeri, fatti da altri. Nel cambio ci ho guadagnato.
          • MeX scrive:
            Re: mah...

            Punisco tutta la categoria, così saranno gli
            altri autori a inca22arsi e a punire i
            responsabili.ah beh allora continua cosí secondo me invece dai la scusa agli editori per il DRM e per pubblicare con il contagocce sul digitale
            Uno scanner, e un po' di tempolo scanner é gratis?le ore di tempo libero bruciate a scansionare libri sono "gratis" ?
            Sì, ci sono un mucchio di server che offrono
            hosting
            gratuito.senza lmiti di banda, con gateway per i pagamenti e un sistema di ecommerce? wow!Dev'essere lo stesso che usa Amazon
            L'ho anche fatto, per delle riviste (ormai
            introvabili): solo che io ho perso un po' di
            tempo du un singolo numero, e ho avuto acXXXXX a
            decine di altri numeri, fatti da altri. Nel
            cambio ci ho
            guadagnato.bravo, ti sei sforzato a farne uno per sentirti giustificato a scaricarne 10 ;)
          • angros scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: MeX

            Punisco tutta la categoria, così saranno gli

            altri autori a inca22arsi e a punire i

            responsabili.

            ah beh allora continua cosí secondo me invece
            dai la scusa agli editori per il DRM e per
            pubblicare con il contagocce sul
            digitale
            Per me va benissimo che gli editori non pubblichino più niente , nè sul digitale, nè in altre forme. Così ci libereremo di loro. È esattamente la punizione che volevo infliggergli: la distruzione dell'attività.

            Uno scanner, e un po' di tempo

            lo scanner é gratis?
            le ore di tempo libero bruciate a scansionare
            libri sono "gratis"
            ?Lo scanner ce l'ho già, e delle mie ore faccio cosa voglio.


            Sì, ci sono un mucchio di server che offrono

            hosting

            gratuito.

            senza lmiti di banda, con gateway per i pagamenti
            e un sistema di ecommerce?Pagamenti? Ecommerce? Non voglio quella roba!Il file è gratis

            L'ho anche fatto, per delle riviste (ormai

            introvabili): solo che io ho perso un po' di

            tempo du un singolo numero, e ho avuto acXXXXX a

            decine di altri numeri, fatti da altri. Nel

            cambio ci ho

            guadagnato.

            bravo, ti sei sforzato a farne uno per sentirti
            giustificato a scaricarne 10
            ;)Ovvio: se siamo in 10 a farlo, ognuno con un numero diverso, ognuno ne converte uno e lo carica, così ne vengono caricati 10, e chi ne aveva uppato uno scarica i rimanenti 9.E online restano comunque tutti e 10, così se tu arrivi e li vuoi puoi scaricarli tutti senza uppare nulla (a me non importa: ho già avuto quello che volevo, se tu vuoi approfittare fai pure)Non ha senso dire "chi carica 1 può scaricare 1"; a che servirebbe?
          • Sborone di rubikiana memoria scrive:
            Re: mah...

            Non ha senso dire "chi carica 1 può scaricare 1";
            a che
            servirebbe?Lo so io, lo so io!A niente. :)
          • GastonMazza cane scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: MeX
            hai ragione scusa, mettiamola cosí.

            Io pago gli autori, non scarico a sbafo.

            Dubito che il signore qui sopra abbia migliaia di
            libri in biblioteca, ma posso sempre
            sbagliarmi!

            Inoltre, pensa che se compri la versione
            cartonata del signore degli anelli con le
            illustrazioni fatte a mano e poi vuoi un'edizione
            economica da portarti in spiaggia deve pagare due
            libri e non uno
            solo.il signore qui sopra possiede molti libri.Insieme a mio cognato (assiduo lettore pure lui, visto che ha tempi morti sul lavoro) compravamo 10-15 libri al mese (tra tutti e due), spendendo a testa 40-50 euroPoi siamo passati agli ebook reader: 250 euro di spesa ma con tanti aspetti positivi che non sto qui ad elencare.il problema era riempire le memorie dei nostri ebook reader: certo ci sono tanti titoli in inglese e qualcosa abbiamo acquistato, ma in italiano? Ci siamo guardati in giro e.... non c'è praticamente nulla. Da qui a cercare su circuiti meno "ufficiali" il passo è breve.E per gli editori sono un centinaio di euro al mese in meno...se avessero proposto un buon catalogo PDF a pagamento (a prezzi concorrenziali, max 5 euro a libro) avremmo comprato lì e da incassare 100 euro al mese sarebbero scesi a che so a 60-70.Invece da 100 a zero, sono 8 mesi che non compriamo più libri :D ed abbiamo già amortizzato il costo del lettore.Adesso sotto a leggere perchè i nostri PDF sono una MAREA!! (e si trasformano con pochi click in ePUB)(rotfl)
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            ah infatti se vuoi leggere in italiano l'ebook reader ora come ora non ha senso (a meno che non sei a posto con la coscienza a scaricare)
          • angros scrive:
            Re: mah...
            Se scarichi una cosa che non è in vendita, nessuno può dirti che hai causato una "mancata vendita". Quindi, che scrupoli ti fai?
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            se non é in vendita significa che nessuno deve acquistarla anche la fontana di trevi non é in vendita, prendila e portatela a casa, che scrupoli ti fai...
          • angros scrive:
            Re: mah...

            se non é in vendita significa che nessuno deve
            acquistarla E infatti nessuno la acquista.
            anche la fontana di trevi non é in
            vendita, prendila e portatela a casa, che
            scrupoli ti
            fai...Posso copiarmela, e farmene una identica a casa: è perfettamente lecito (basta avere lo spazio). L'unico vincolo che ho è che non devo danneggiare quella nella piazza.
          • kurdt scrive:
            Re: mah...
            Bisognerebbe dire che esistono migliaia di libri con il copyright scaduto,libri meravigliosi,tralaltro,e manco troppo vecchi.Quindi ha assolutamente un senso possedere un ereader per leggere in italiano.Cosi staresti a posto con la coscienza e potresti scaricare allegramente e avresti da leggere per i prossimi 2000 anni,probabilmente.Riguardo al discorso "possedere un libro su carta e scaricare un ebook dello stesso" invece,sono parzialmente in disaccordo.Posseggo 10.000 libri su carta,di ogni forma e tipo,e non mi sentirei in colpa a scaricare un edizione che già possiedo,a meno che,ovviamente,non ci siano cambiamenti importanti,per dire,una differente traduzione.
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: kurdt
            Bisognerebbe dire che esistono migliaia di libri
            con il copyright scaduto,libri
            meravigliosi,tralaltro,e manco troppo
            vecchi.si, ma il tipo di libri che mi piace leggere non rientrano in quella categoria
            Quindi ha assolutamente un senso possedere un
            ereader per leggere in
            italiano.se leggi quel tipo di libri sicuramente
            Cosi staresti a posto con la coscienza e potresti
            scaricare allegramente e avresti da leggere per i
            prossimi 2000
            anni,probabilmente.sicuramente, tutto sta se ti piacciono quei libri.
            Riguardo al discorso "possedere un libro su carta
            e scaricare un ebook dello stesso" invece,sono
            parzialmente in
            disaccordo.

            Posseggo 10.000 libri su carta,di ogni forma e
            tipo,e non mi sentirei in colpa a scaricare un
            edizione che già possiedo,a meno
            che,ovviamente,non ci siano cambiamenti
            importanti,per dire,una differente
            traduzione.quindi ti sentiresti in diritto di farti spedire una copia economica a spese dell'editore per ogni copia che possiedi?
          • kurdt scrive:
            Re: mah...
            Rispondo solo sull'ultimo punto,essendo d'accordo sul resto.Non è comparabile,se ci pensi l'editore non sta spendendo niente per l'e-book,non puoi paragonare i due sistemi.Possiamo sempre calcolare i costI di pubblicità/autore/etc etc etc etc costi che ho ampiamente sostenuto con il mio libro cartaceo.Il costo di spedizione non esiste,magari utilizzo il p2p;probabilmente non richiede nemmeno tempo uomo,essendo la scansione frutto del lavoro di un qualche lettore anonimo.Quindi sarebbe solo una comodità;come una copia di un cd che possiedo,per esempio.
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: kurdt
            Rispondo solo sull'ultimo punto,essendo d'accordo
            sul
            resto.

            Non è comparabile,se ci pensi l'editore non sta
            spendendo niente per l'e-book,non puoi paragonare
            i due
            sistemi.guarda che per fare un ebook devi ripensare a tutto il lavoro tipografico.Devi fare i collegamenti per la tabella dei contenuti e re-impaginare il tutto.Inoltre, devi pagare un distributore (Amazon, iTunes, Nook) per distribuirlo
            Possiamo sempre calcolare i costI di
            pubblicità/autore/etc etc etc etc costi che ho
            ampiamente sostenuto con il mio libro
            cartaceo.no, ci sono semplicemente i costi per creare e distribuire quel file.
            Il costo di spedizione non esiste,magari utilizzo
            il p2p;probabilmente non richiede nemmeno tempo
            uomo,essendo la scansione frutto del lavoro di un
            qualche lettore
            anonimo.c'é il costo di distribuzione!Utilizzo P2P implica che hai un server 24h su 24h con i contenuti disponibili in condivisione, con tutti i costi che ne derivano
            Quindi sarebbe solo una comodità;come una copia
            di un cd che possiedo,per
            esempio.quindi facciamo cosí, ogni volta che mi serve la copia di un CD lo vieni a prendere a casa mia, poi mi metti i files su un FTP hostato da te accessibile 24h su 24h e mi raccomando, con una buona banda minima garantita per farmi scaricare in fretta!Guarda, ti posso concedere un sistema per cui se ho l'originale l'ebook mi viene fatto scaricare ad un prezzo simbolico tipo 99 cents
          • kurdt scrive:
            Re: mah...
            Francamente il costo di ri-impaginazione tende a zero,quasi tutti i titoli degli ultimi 20 anni sono stati trasferiti in un qualche formato digitale,il tempo per passare ad e-pub et similia è piuttosto breve,ma se proprio vogliamo,diciamo un giorno di lavoro di un professionista decente.In ogni caso è un costo che impatta su quello generale in maniera pressochè ininfluente.Riguardo la distribuzione,che comprende anche la pubblicità e tutte le cose che ho elencato in cima,credo di averle già pagate comprando l'edizione cartacea.(diciamo che se anche calcolassi appena 3 euro a libro,cosa totalmente irreale,ho aquistato circa 30.000 euro di libri negli ultimi 20 anni.)Il costo del p2p non grava sulle casse dell'editore,al massimo su quelle dell'isp (che viene pagato) e dei computer di chi scambia quel file.Non affermo di desiderare un server h24 per farmi scaricare i libri dal sito dell'editore,affermo semplicemente il mio diritto di scaricarlo,nel caso qualcuno lo avesse già creato nel formato da me richiesto,o crearlo io stesso,in alternativa.
            quindi facciamo cosí, ogni volta che mi serve la
            copia di un CD lo vieni a prendere a casa mia,
            poi mi metti i files su un FTP hostato da te
            accessibile 24h su 24h e mi raccomando, con una
            buona banda minima garantita per farmi scaricare
            in
            fretta!Ripeto,non voglio che l'ebook venga messo a disposizione da parte della casa editrice,mi basta che venga reso legislativamente chiara la possibilità di creare un ebook personale possedendo il tomo cartaceo.Non credi che sarebbe giusto ed equo?
            Guarda, ti posso concedere un sistema per cui se
            ho l'originale l'ebook mi viene fatto scaricare
            ad un prezzo simbolico tipo 99
            centsSi potrebbe fare anche qualcosa del genere,anche se mi costerebbe in ogni caso 10k euro rifarmi la collezione,e francamente mi sembra una punizione eccessiva.
          • gerry scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: MeX
            Io pago gli autori, non scarico a sbafo.Io vado in biblioteca. Sono a posto con la coscienza, la legge, il portafoglio e anche con la lettura.Però un giorno dovremo chiederci perchè è moralmente accettabile prendere un libro in biblioteca gratis ed è moralmente inaccettabile scaricare un libro gratis dal sito della biblioteca comunale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 luglio 2010 14.25-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: MeX


            Io pago gli autori, non scarico a sbafo.

            Io vado in biblioteca. Sono a posto con la
            coscienza, la legge, il portafoglio e anche con
            la
            lettura.certo, e la biblioteca ha pagato gli autori comprando il libro, tutto fila liscio.
            Però un giorno dovremo chiederci perchè è
            moralmente accettabile prendere un libro in
            biblioteca gratis ed è moralmente inaccettabile
            scaricare un libro gratis dal sito della
            biblioteca
            comunale.perché prendere un libro in prestito per 20 giorni e doverlo riporatare indietro, o andare in biblioteca e non averlo disponibile e dover apsettare che chi lo sta leggendo lo riporti indietro é DIVERSO dal POSSEDERE quel libro.Ad ogni modo, alcune biblioteche permettono l'affitto di ebook, ovviamente con DRM a scadenza.
          • gerry scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: MeX
            Ad ogni modo, alcune biblioteche permettono
            l'affitto di ebook, ovviamente con DRM a
            scadenza.Non credi che questo, a regime, sarà visto come un incubo dagli autori?Un conto è dover aspettare n giorni e recarsi in biblioteca per recuperare il libro (cosa che peraltro va scomparendo, adesso le biblioteche ti fanno prenotare i libri da casa e ti mandano un SMS quando è disponibile).Un conto invece è andare sul sito della biblioteca, aspettare che il precedente autorizzatario decada e magari vedersi recapitato il libro comodamente nella casella mail. Non dovresti nemmeno alzarti dalla poltrona. A queste condizioni chi spenderebbe 10/15 euro solo per non aspettare 20 giorni?
          • angros scrive:
            Re: mah...
            assurdo: perchè bisognerebbe aspettare che un altro abbia finito di usarlo, per prenderlo? Trattandosi di un file, lo possono usare più persone insieme.
    • anonimo scrive:
      Re: mah...
      - Scritto da: MeX
      Io ho un sono PRS-300 e sono felicissimo della
      scelta, anche perché leggo in Inglese, che in
      Italiano non si trova nulla peró se non fossi
      all'esetero e leggessi in inglese non penso che
      l'avrei mai
      compratoOra c'è questo:http://www.bookrepublic.it/
      • MeX scrive:
        Re: mah...
        grazie! salvato tra i preferiti
        • GastonMazza cane scrive:
          Re: mah...
          - Scritto da: MeX
          grazie! salvato tra i preferitiazz 13,50 euro per un PDF di indipendente mi sembra un tantino caruccio....dove sta il risparmio???togli carta, trasporto, spese libreria ect..mah....
          • anonimo scrive:
            Re: mah...
            - Scritto da: GastonMazza cane
            - Scritto da: MeX

            grazie! salvato tra i preferiti
            azz 13,50 euro per un PDF di indipendente mi
            sembra un tantino
            caruccio....
            dove sta il risparmio???
            togli carta, trasporto, spese libreria ect..
            mah....Non è in formato pdf ma epubcomunque la maggior parte dei libri ha un prezzo più basso di 13.50Accontentati sono appena partiti
    • Bruco scrive:
      Re: mah...

      Io ho un sono PRS-300 e sono felicissimo della
      scelta, anche perché leggo in Inglese, che in
      Italiano non si trova nulla peró se non fossi
      all'esetero e leggessi in inglese non penso che
      l'avrei mai
      compratoEh ... il PRS-305 o 300 è proprio bello. Strano che sia un Sony.
      • anonimo scrive:
        Re: mah...
        - Scritto da: Bruco

        Io ho un sono PRS-300 e sono felicissimo della

        scelta, anche perché leggo in Inglese, che in

        Italiano non si trova nulla peró se non fossi

        all'esetero e leggessi in inglese non penso che

        l'avrei mai

        comprato

        Eh ... il PRS-305 o 300 è proprio bello. Strano
        che sia un
        Sony.Io ho il 500 e a distanza di un anno mi sembra ancora più bello. Mentre quelli nuovi col touchscreen mi attirano di meno.
  • indriocul scrive:
    Il libro però è più caro del cartaceo
    Sul sito di Amazon alcuni testi (quelli tecnici IT, ad esempio) sono più cari sulla versione kindle di quella hardcover (escluse spese trasporto).I costi di trasporto e produzione sono tagliati ma i prezzi sono più alti.Forse è ancora un settore di nicchia monopolistica, mah...
    • JosaFat scrive:
      Re: Il libro però è più caro del cartaceo
      è che Amazon sta lucrando moltissimo sull'elettronico, giocando la carta della maggior facilità di acquisto.Ma sugli store italiani (finora limitati, per carità) non va così e non dovrebbe andare anche quando arriveranno i romanzi di maggior richiamo.
      • John Dortmunder scrive:
        Re: Il libro però è più caro del cartaceo
        - Scritto da: JosaFat
        è che Amazon sta lucrando moltissimo
        sull'elettronico, giocando la carta della maggior
        facilità di
        acquisto.Non sono sicuro che le cose stiano cosi'.L'ultima volta che ho letto del problema deiprezzi la colpa era principalmente degli editori, che spaventati appunto dei possibili mancatiguadagni pretendono che per i libri nuovii prezzi del libro elettronico e del hardcoversiano quasi allineati.C'e' stato un periodo iniziale in cuiil prezzo dei libri e' stato tenuto artificiosamente basso da Amazon, tantoche penso ci rimettesse, pur di far venderei lettori Kindle, ma avere un prezzo standard(ragionevole) per le nuove uscite non era quelloche volevano gli editori.g.
        • JosaFat scrive:
          Re: Il libro però è più caro del cartaceo
          Sì, forse è più corretto dire che a lucrare sull'elettronico ci sono sia gli editori che Amazon stessa... purtroppo quando per un libro con i diritti scaduti, c'è gente che spende 10 dollari per averlo sul kindle, c'è poco da fare...
  • John Dortmunder scrive:
    Dati riportati in modo ERRATO!!!
    Non e' vero che i libri elettronici hanno vendutodi piu' di quelli di carta.Hanno venduto di piu' di quelli cartonati (hardback)dei quali se ne vendono chiaramente molti meno dei paperbackper motivi di costo.L'autore e' pregato di ricontrollare le fonti e correggerel'articolo... grazie.
    • Vitalij scrive:
      Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
      Ogni bravo statistico sa che, se si torturano i dati abbastanza a lungo, alla fine i dati confessano qualunque cosa.Si può correggere l'articolo ma lasciarlo fazioso, presentando magari le percentuali di crescita e dimostrando (?) così che i libri di carta sono destinati a morire! O_O
      • ullala scrive:
        Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
        - Scritto da: Vitalij
        Ogni bravo statistico sa che, se si torturano i
        dati abbastanza a lungo, alla fine i dati
        confessano qualunque
        cosa.
        Si può correggere l'articolo ma lasciarlo
        fazioso, presentando magari le percentuali di
        crescita e dimostrando (?) così che i libri di
        carta sono destinati a morire!
        O_OSe parliamo di "convinzioni" ognuno ha le sue se parliamo di faziosità pure se parliamo di mercato no!che si vendano ancora più libri di carta che elettronici è un dato (torturalo pure quanto vuoi).Che questo sia il futuro è questione che invece resta opinabile.
        • Vitalij scrive:
          Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
          - Scritto da: ullala
          Se parliamo di "convinzioni" ognuno ha le sue se
          parliamo di faziosità pure se parliamo di mercato
          no!
          che si vendano ancora più libri di carta che
          elettronici è un dato (torturalo pure quanto
          vuoi).
          Che questo sia il futuro è questione che invece
          resta
          opinabile.Come scrisse C. P. Scott: «Comment is free, but facts are sacred.»Che i libri di carta vendono più di quelli elettronici è sacrosanto.Ma posso trovare una zona del mondo in cui i libri elettronici vendono più (o quasi quanto) quelli di carta e dichiarare che, per qualche motivazione convincente che inventerò, quella zona rappresenta ciò che succederà nel futuro prossimo. Oppure posso andare in una cittadina rurale ed intervistare persone che già è tanto se hanno visto un libro rilegato e mi diranno che quelli digitali sono opera del demonio.Oppure posso linkare questo post meraviglioso su libri elettronici e tradizionali:http://www.shirky.com/weblog/2009/11/local-bookstores-social-hubs-and-mutualization/
          • ullala scrive:
            Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
            - Scritto da: Vitalij
            - Scritto da: ullala

            Se parliamo di "convinzioni" ognuno ha le sue se

            parliamo di faziosità pure se parliamo di
            mercato

            no!

            che si vendano ancora più libri di carta che

            elettronici è un dato (torturalo pure quanto

            vuoi).

            Che questo sia il futuro è questione che invece

            resta

            opinabile.

            Come scrisse C. P. Scott: «Comment is free, but
            facts are
            sacred.»

            Che i libri di carta vendono più di quelli
            elettronici è
            sacrosanto.
            Ma posso trovare una zona del mondo in cui i
            libri elettronici vendono più (o quasi quanto)
            quelli di carta e dichiarare che, per qualche
            motivazione convincente che inventerò, quella
            zona rappresenta ciò che succederà nel futuro
            prossimo. Oppure posso andare in una cittadina
            rurale ed intervistare persone che già è tanto se
            hanno visto un libro rilegato e mi diranno che
            quelli digitali sono opera del
            demonio.

            Oppure posso linkare questo post meraviglioso su
            libri elettronici e
            tradizionali:
            http://www.shirky.com/weblog/2009/11/local-bookstoBe ovvio se facci le "statistiche di casa mia" posso dire che ormai compro relativamente pochi libri "di carta" (una volta ne compravo molti di più) così come sempre nelle "statistiche di casa mia" io (e non solo io) leggo molta più roba elettronica che di carta....Ma questo è un "sezionamento del campione" di indagine che forse ha qualche "limite"... non che il dato sia "falso in se" ma se lo dici per quello che è "statistiche di casa mia" e poi aggiungi i numeri capisci (qualunque sia la "tortura") che il dato significa solo quello che rappresenta... il problema sorge solo quando non dai tutto il dato!Ovvero se non dici che si tratta di 5 persone (in un certo contesto culturale e familiare) assieme al resto (x testi elettronici e y di carta)!Se dici TUTTO non ci sono santi!Capisci subito di che si parla e quanto non sia generalizzabile!
          • Vitalij scrive:
            Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
            - Scritto da: ullala
            Be ovvio se facci le "statistiche di casa mia"
            posso dire che ormai compro relativamente pochi
            libri "di carta" (una volta ne compravo molti di
            più) così come sempre nelle "statistiche di casa
            mia" io (e non solo io) leggo molta più roba
            elettronica che di
            carta....
            Ma questo è un "sezionamento del campione" di
            indagine che forse ha qualche "limite"... non che
            il dato sia "falso in se" ma se lo dici per
            quello che è "statistiche di casa mia" e poi
            aggiungi i numeri capisci (qualunque sia la
            "tortura") che il dato significa solo quello che
            rappresenta... il problema sorge solo quando non
            dai tutto il
            dato!
            Ovvero se non dici che si tratta di 5 persone (in
            un certo contesto culturale e familiare) assieme
            al resto (x testi elettronici e y di
            carta)!
            Se dici TUTTO non ci sono santi!
            Capisci subito di che si parla e quanto non sia
            generalizzabile!Sì ed infatti riportare un dato sbagliato equivale a mentire al lettore.Se fai le statistiche per farti tornare i conti, come negli esempi che facevo io, comunque il lettore smaliziato se ne accorge. Se dai un dato sbagliato fingendo che sia buono, no.A proposito, il titolo non è ancora diventato "Kindle, e-reader batte rilegati".
    • freefred scrive:
      Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
      - Scritto da: John Dortmunder
      Non e' vero che i libri elettronici hanno venduto
      di piu' di quelli di carta.

      Hanno venduto di piu' di quelli cartonati
      (hardback)
      dei quali se ne vendono chiaramente molti meno
      dei
      paperback
      per motivi di costo.Si' ma e' comunque un dato direi molto importante.Proprio perche' sono hardback significa che sono libri nuovi,prime edizioni, e vuol dire quindi che le persone hanno preferitocomprarli in formato elettronico.bye
      • JosaFat scrive:
        Re: Dati riportati in modo ERRATO!!!
        magari considerando le edizioni in hardcover sono più costose del digitale, oltre a essere libri per il quale non si sa se valgono o meno...
  • GINO la quaglia scrive:
    Moda del momento
    Che ci trova la gente a leggere in questi cosi? Un buon libro di carta è sempre un buon libro...non potrà mai tramontare di fronte a questi accrocchi.
    • John Dortmunder scrive:
      Re: Moda del momento
      - Scritto da: GINO la quaglia
      Che ci trova la gente a leggere in questi cosi?
      Un buon libro di carta è sempre un buon
      libro...non potrà mai tramontare di fronte a
      questi accrocchi.Mah, io di libri ne ho abbastanza in casa, contandosolo i romanzi almeno 2000.Siccome leggo piu' che altro in inglese, mi sono compratoun Kindle e almeno quando vado in vacanza non mi devo portaredietro una ventina di volumi...Io lo trovo comodissimo. Al momento leggo in parallelo un librosul Kindle e un libro di carta, a seconda delle circostanze.Quando schiariranno lo sfondo del Kindle sara' perfetto.Io vedendoci poco trovo molto comodo poter cambiare la dimensionedei caratteri.Il difetto principale dei libri elettronici e' che per le nuove uscitecostano spesso piu' o meno come la versione hardback. Ma almeno sirisparmiano le spese di spezione..g.
      • Sturmtruppe n scrive:
        Re: Moda del momento


        dietro una ventina di volumi...
        XXXXXXX , o leggi lbri da 30 pagine l'uno, ho fai dellevancanze mooooolto lunghe.O senno ti piacia spararle grosse.
        • Vitalij scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: Sturmtruppe n




          dietro una ventina di volumi...


          XXXXXXX , o leggi lbri da 30 pagine l'uno, ho fai
          delle
          vancanze mooooolto lunghe.
          O senno ti piacia spararle grosse.Se ti porti un solo libro, non sei sicuro che sarai dell'umore di leggere proprio quello...Ci sono libri per rilassarsi, per riflettere, per scoprire cose nuove, per avere il fiato sospeso fino all'ultima pagina...Io quando viaggio non mi porto libri, però a casa leggo 5-6 libri in uno stesso periodo.
        • Talking Head scrive:
          Re: Moda del momento


          dietro una ventina di volumi...


          XXXXXXX , o leggi lbri da 30 pagine l'uno, ho fai
          delle
          vancanze mooooolto lunghe.
          O senno ti piacia spararle grosse.Cambiando città circa ogni 2-3 mesi io ne porto anche di più con me. E' sempre stata la mia tortura, più che altro per il peso extra con Ryanair.In vacanza la situazione è più tranquilla, ma un libro ogni 3 giorni più o meno lo digerisco: partire con 5-6 libri in meno significa partire con uno zainetto invece di un borsone.Più che i libri in più comunque per me il Kindle ha significato avere sempre il libro con me. Coda alle poste? Leggo. Conferenza noiosa? Leggo. Viaggio in treno? Leggo. E ho sempre il libro che voglio leggere. Splendido.
        • John Dortmunder scrive:
          Re: Moda del momento
          Veramente quando sono in vacanza leggo quasi tutto il giorno.Quindi leggo dalle 200 alle 300 pagine al giorno, a seconda delformato e di quanto e' difficile l'inglese.Un romanzo umoristico di Wodehouse contiene molti termini desuetie poi va gustato, quindi magari ci metto un po' di piu'. Molti thriller, tipo quelli di Larsson, sono dei mattonazzi masono scritti con un linguaggio molto diretto ed elementare quindivado piu' veloce, perche' a parte la trama c'e' ben poco.E mi piace portare piu' libri di quanti ne leggo, perche' di solitofaccio incetta durante l'anno e poi mi piace scegliere al momento.ciao,g.
    • 1977 scrive:
      Re: Moda del momento
      - Scritto da: GINO la quaglia
      Che ci trova la gente a leggere in questi cosi?
      Un buon libro di carta è sempre un buon
      libro...non potrà mai tramontare di fronte a
      questi
      accrocchi.lo dicevano anche del vinile.RIP
      • Ittiointerp rete scrive:
        Re: Moda del momento
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: GINO la quaglia

        Che ci trova la gente a leggere in questi cosi?

        Un buon libro di carta è sempre un buon

        libro...non potrà mai tramontare di fronte a

        questi

        accrocchi.

        lo dicevano anche del vinile.
        RIPNon è la stessa cosa, è stato l'hardware per riprodurlo a diventare superato. Il problema secondo me è se il medesimo contenuto sarà leggibile anche tra 50anni.Ho 35 anni e posso ancora leggere gli Urania di quando mio padre andava a scuola.
        • 1977 scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: Ittiointerp rete
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: GINO la quaglia


          Che ci trova la gente a leggere in questi
          cosi?


          Un buon libro di carta è sempre un buon


          libro...non potrà mai tramontare di fronte a


          questi


          accrocchi.



          lo dicevano anche del vinile.

          RIP

          Non è la stessa cosa, è stato l'hardware per
          riprodurlo a diventare superato. Il problema
          secondo me è se il medesimo contenuto sarà
          leggibile anche tra
          50anni.
          Ho 35 anni e posso ancora leggere gli Urania di
          quando mio padre andava a
          scuola.hmm no, non sono d'accordo. anche i miei libri saranno leggibili tra 50 anni. secondo me il parallelo e' preciso.
      • ullala scrive:
        Re: Moda del momento
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: GINO la quaglia

        Che ci trova la gente a leggere in questi cosi?

        Un buon libro di carta è sempre un buon

        libro...non potrà mai tramontare di fronte a

        questi

        accrocchi.

        lo dicevano anche del vinile.
        RIPE comunque il vinile per ora non RIPHa i suoi cultori mercato ridotto (ma redditizio alla grande) non significa affatto RIP.Occhio a non fare errori banali di faciloneria e approssimazione!
        • 1977 scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: ullala
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: GINO la quaglia


          Che ci trova la gente a leggere in questi
          cosi?


          Un buon libro di carta è sempre un buon


          libro...non potrà mai tramontare di fronte a


          questi


          accrocchi.



          lo dicevano anche del vinile.

          RIP
          E comunque il vinile per ora non RIP
          Ha i suoi cultori mercato ridotto (ma redditizio
          alla grande) non significa affatto
          RIP.
          Occhio a non fare errori banali di faciloneria e
          approssimazione!mi dici una percentuale? grazie.
          • ullala scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: 1977
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: 1977


            - Scritto da: GINO la quaglia



            Che ci trova la gente a leggere in questi

            cosi?



            Un buon libro di carta è sempre un buon



            libro...non potrà mai tramontare di fronte a



            questi



            accrocchi.





            lo dicevano anche del vinile.


            RIP

            E comunque il vinile per ora non RIP

            Ha i suoi cultori mercato ridotto (ma redditizio

            alla grande) non significa affatto

            RIP.

            Occhio a non fare errori banali di faciloneria e

            approssimazione!

            mi dici una percentuale? grazie.Sai il mercato e la sua redditività la fanno i soldi (in valore assoluto) non le percentuali!Non lo sapevi?
          • 1977 scrive:
            Re: Moda del momento
            Ha i suoi cultori mercato ridotto (ma redditizio

            alla grande) quote, grazie. il resto e' solo fuffa, scienza.
          • ullala scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: 1977
            Ha i suoi cultori mercato ridotto (ma redditizio


            alla grande)

            quote, grazie. il resto e' solo fuffa, scienza.No sono soldi caro il mio presuntuosello da 2 soldi è sono molti più (in fatturato effettivo) di tutte le vendite "on line" dei vari store a centesimi messe assieme!
      • 1977 scrive:
        Re: Moda del momento
        - Scritto da: fabianope
        - Scritto da: 1977

        - Scritto da: GINO la quaglia


        Che ci trova la gente a leggere in questi
        cosi?


        Un buon libro di carta è sempre un buon


        libro...non potrà mai tramontare di fronte a


        questi


        accrocchi.



        lo dicevano anche del vinile.

        RIP

        ho a casa moltissimi vinili comprati tanti anni
        fa a 4
        soldi.
        vedo ora i loro prezzi su ebay....ma quanto sono
        cresciuti!!!...e vendono pure....chissa' perche',
        caro 1977...io non me lo so spiegare....
        :=)))))

        ps: se RIP vuol dire che la mia collezione di
        dischi ha ora un valore 1000-plicato....ebbene...
        evviva il
        RIP!!!

        ps2: RIP e' una magnifica canzone del banco,
        contenuta in questo
        LP:

        http://www.popsike.com/BANCO-MUTUO-SOCCORSO-1LP-IT

        l'ho pagato 12.000 lire a suo tempo...che ne dici
        mio caro amante dei "tempi moderni"??? ho buttato
        i miei soldi??? devo chiudermi in XXXXX a
        piangere????
        ahahahhahhhh!!!!io mi domando perche' non tolgo PI forum dai miei bookmark e fine del discorso. giochi picche ti rispondono cuori, io veramente non capisco.che XXXXX c'entra il fatto che mille anni fa hai fatto un buon acquisto. sto dicendo che OGGI il vinile e' RIP perche' ovviamente fatto 100 il volume di vendita dell'industria musicale, se il vinile arriva al 2% e' grasso che cola, e col 2% sei RIP.detto questo, un saluto e fine. non si puo' fare un ragionamento che sia uno, su questo forum.
        • fabianope scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: 1977
          sei
          RIP.
          detto questo, un saluto e fine. non si puo' fare
          un ragionamento che sia uno, su questo
          forum.mai stato cosi' felice di essere RIP!!
        • Funz scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: 1977
          che XXXXX c'entra il fatto che mille anni fa hai
          fatto un buon acquisto. sto dicendo che OGGI il
          vinile e' RIP perche' ovviamente fatto 100 il
          volume di vendita dell'industria musicale, se il
          vinile arriva al 2% e' grasso che cola, e col 2%
          sei
          RIP.Mai sentito parlare di nicchie di mercato? Finché sopravvivono, non sono RIP per definizione. Che importa se non fanno i grandissimi numeri.
          detto questo, un saluto e fine. non si puo' fare
          un ragionamento che sia uno, su questo
          forum.Addio, non ci mancherai.
      • angros scrive:
        Re: Moda del momento
        Banco del mutuo soccorso?"Taxi" era la mia preferita!
        • fabianope scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: angros
          Banco del mutuo soccorso?
          "Taxi" era la mia preferita!ciao,per l'XXXXXXXto 1977 andava bene "non mi rompete" :=)))
    • TADsince1995 scrive:
      Re: Moda del momento
      - Scritto da: GINO la quaglia
      Che ci trova la gente a leggere in questi cosi?Io ho un bebook. Il gadget più bello che abbia mai comprato in vita mia. Nella scheda SD ci stanno migliaia e migliaia di libri, li porto con me e li leggo quando voglio. Portati migliaia di libri appresso...
      Un buon libro di carta è sempre un buon
      libro...non potrà mai tramontare di fronte a
      questi
      accrocchi.Tante volte mi sono sentito dire questa cosa, e rispondo sempre: "Ce l'hai un lettore mp3?", "Sì...", "Eh beh è meglio il vinile!". Funziona sempre!E' la stessa cosa. Certo, è chiaro che leggere un vero libro è sempre più piacevole, non c'è ombra di dubbio, ma vuoi mettere i vantaggi di cui sopra?
      • Vitalij scrive:
        Re: Moda del momento
        - Scritto da: TADsince1995
        - Scritto da: GINO la quaglia

        Un buon libro di carta è sempre un buon

        libro...non potrà mai tramontare di fronte a

        questi

        accrocchi.

        Tante volte mi sono sentito dire questa cosa, e
        rispondo sempre: "Ce l'hai un lettore mp3?",
        "Sì...", "Eh beh è meglio il vinile!". Funziona
        sempre!Ci sono anche controesempi.La radio non è morta. I teatri non sono stati tutti chiusi, i cinema nemmeno. La musica dal vivo richiama ancora tantissime persone. I telefoni fissi ci sono ancora. Le videochiamate sono state un gran flop. La posta di carta gode di ottima salute. Altrettanto vale per quaderni, penne e matite.Spesso le nuove tecnologie si limitano ad affiancare le vecchie.
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Moda del momento
          - Scritto da: Vitalij
          Ci sono anche controesempi.Vediamo
          La radio non è morta.Grazie alle auto (radio) ed alcune aziende (dove per passare il tempo si accende la radio)...altrimenti il bacino d'ascolto sarebbe ben più ridotto e le stazioni radio chiuse.
          I teatri non sono stati tutti chiusi,Grazie a ingenti o ridicole* sovvenzioni pubbliche altrimenti pure la Scala la sostituivano con un ascensore*Dipende dal punto di vista di coloro a cui interessa o no che i teatri restino aperti
          i cinema nemmeno.Qui solo perchè difesi da leggi apposite, non certo per "libera scelta del consumatore"
          La musica dal
          vivo richiama ancora tantissime persone.Ok, ma più che la musica... il "musicista"
          I telefoni fissi ci sono ancora.Idem come per i cinema... il mercato delle telecomunicazioni viene costruito su regole che cercano di mantenere certe posizioni di reddito a danno di soluzioni tecnologiche migliori spesso agendo sul fattore costi.
          Le videochiamate sono state un gran flop.Finchè non ci sarà l'opzione "immagine virtualizzata" lo sarà sempre perchè uno al telefono normale può rispondere anche in mutande mentread una videochiamata dovresti spesso "farti bello".
          La posta di carta gode di ottima salute. Idem come per Cinema e telefoni fissi.Metti regole per cui la posta elettronica diventa affidabile e documentabile come le raccomandate AR e vedrai quanto meno lavoro per i postini trovi...invece anche quell'oborbrio delle PAC funzionava solo verso la pubblica amministrazione e non tra privati
          Altrettanto vale per quaderni,
          penne e
          matite.Beh, questa roba ha pochi anni davanti...nonostante la strenua difesa che hanno posto e la tendenza al conservatorismo degli addetti all'istruzione(spesso motivato dal "conservatorismo" del posto)
          Spesso le nuove tecnologie si limitano ad
          affiancare le vecchie.Spesso solo perchè le vecchie non vogliono morire, ma tra essere il metodo principale ed una nicchia tradizionale o per appassionati la differenza è notevoleCiao!
          • angros scrive:
            Re: Moda del momento

            Grazie alle auto (radio) ed alcune aziende (dove
            per passare il tempo si accende la
            radio)...altrimenti il bacino d'ascolto sarebbe
            benO meglio: grazie al fatto che automobilisti e gente che lavora in alcune aziende vogliono ancora ascoltare la radio. Quindi, non è obsoleta.

            i cinema nemmeno.

            Qui solo perchè difesi da leggi apposite, non
            certo per "libera scelta del
            consumatore"Infatti Avatar è stato un flop colossale al cinema, è andato in perdita, gli incassi sono dovuti solo al noleggio del BR.... ma non scherziamo!


            La musica dal

            vivo richiama ancora tantissime persone.

            Ok, ma più che la musica... il "musicista"Del resto, chi ha bisogno di soldi mangiare è il musicista, non la musica.


            I telefoni fissi ci sono ancora.

            Idem come per i cinema... il mercato delle
            telecomunicazioni viene costruito su regole che
            cercano di mantenere certe posizioni di reddito a
            danno di soluzioni tecnologiche migliori spesso
            agendo sul fattore
            costi.La tua connessione ad internet come è? Chi ha l'ADSL usa il telefono fisso.

            La posta di carta gode di ottima salute.

            Idem come per Cinema e telefoni fissi.
            Metti regole per cui la posta elettronica diventa
            affidabile e documentabile come le raccomandate
            AR e vedrai quanto meno lavoro per i postini
            trovi...invece anche quell'oborbrio delle PAC
            funzionava solo verso la pubblica amministrazione
            e non tra
            privatiQuando potrai spedire oggetti con la posta elettronica avrai ragione. Prima, no.

            Altrettanto vale per quaderni,

            penne e

            matite.

            Beh, questa roba ha pochi anni
            davanti...nonostante la strenua difesa che hanno
            posto e la tendenza al conservatorismo degli
            addetti
            all'istruzione
            (spesso motivato dal "conservatorismo" del posto)E allora come mai insegnano ancora a fare i conti a mano, anche se ci sono le calcolatrici?
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: angros

            Grazie alle auto (radio) ed alcune aziende (dove

            per passare il tempo si accende la

            radio)...altrimenti il bacino d'ascolto sarebbe

            ben

            O meglio: grazie al fatto che automobilisti e
            gente che lavora in alcune aziende vogliono
            ancora ascoltare la radio.Beh, se potesse guidare o lavorare mentre guardano la tv o giocano alla PSP credi che terrebbero accesa la radio?Diciamo che "impegna meno" ed allo stesso tempo fa passare il tempoquindi copre una sua funzione a sufficienza per mantenere il "settore" (comunque in crisi)
            Quindi, non è
            obsoleta.No, per certe funzioni ha il suo perchè




            i cinema nemmeno.



            Qui solo perchè difesi da leggi apposite, non

            certo per "libera scelta del

            consumatore"

            Infatti Avatar è stato un flop colossalePurtroppo no
            al
            cinema, è andato in perdita, gli incassi sono
            dovuti solo al noleggio del BR.... ma non
            scherziamo!Mi sa che non hai capito quali sono le leggi.Secondo te se poteva uscire sia al cinema che contemporaneamente in tv o in rete (com'è stato ma non certo ufficialmente o in uguale definizione) incassava uguale? Tira via poi l'idea che li ha salvati parecchio del 3d che ha preso in contropiede l'attrezzatura "home", ma i film tradizionali credi che porterebbero qualcuno in sala (non a pomiciare) se fossero disponibili subito, e a prezzi normali, in tv?I cinema, i dvd, i noleggi, ma a cnhe i passaggi in tv a pagamento prima o libera poi, sono tutti "mantenuti" dalla regola delle "finestre"


            La musica dal


            vivo richiama ancora tantissime persone.



            Ok, ma più che la musica... il "musicista"

            Del resto, chi ha bisogno di soldi mangiare è il
            musicista, non la
            musica.Ok, ma Pasqualino Cammarata non richiama certo "tantissime persone" come Vasco Rossi o Ligabue (per dire i più seguiti nei concerti far gli italiani).Quelc he volevo dire è che non è una questione di tecnologia ma di "idolatria" (infatti si chiamano "idoli") e quel che conta è il poter dire "c'ero".In fondo pure il Papa ogni Domenica fa il pienone eppure lo trasmettonoa nche in tv ;-)




            I telefoni fissi ci sono ancora.



            Idem come per i cinema... il mercato delle

            telecomunicazioni viene costruito su regole che

            cercano di mantenere certe posizioni di reddito
            a

            danno di soluzioni tecnologiche migliori spesso

            agendo sul fattore

            costi.

            La tua connessione ad internet come è?Adsl
            Chi ha
            l'ADSL usa il telefono
            fisso.Userà il doppino necessariamente e perchè le varie tecnologie senza fili sono da una parte frenate e dall'altra non riescono a pensare come guadagnarci sopra più di ora, che è quasi necessario perchè si adotti una tecnologia non così libera.Da un punto di vista tecnologico e con un Governo "illuminato" di telefoni fissi ne avresti ben pochi ma anche di adsl tramite doppino




            La posta di carta gode di ottima salute.



            Idem come per Cinema e telefoni fissi.

            Metti regole per cui la posta elettronica
            diventa

            affidabile e documentabile come le raccomandate

            AR e vedrai quanto meno lavoro per i postini

            trovi...invece anche quell'oborbrio delle PAC

            funzionava solo verso la pubblica
            amministrazione

            e non tra

            privati

            Quando potrai spedire oggetti con la posta
            elettronica avrai ragione.Emh...ha detto "la posta di carta"...per tutto il resto c'è master...emhil corriere
            Prima, no.Si torna lì..si parlava di nicchie o di "normali mezzi quotidiani"?La maggior parte della gente e della corrispondenza altro non è che lettere, cartoline e raccomandante...molta di essa pure spazzatura pubblicitaria.Quindi se organizzi un sistema di posta certificata anche tra privati, il resto diventa "nicchia"




            Altrettanto vale per quaderni,


            penne e


            matite.



            Beh, questa roba ha pochi anni

            davanti...nonostante la strenua difesa che hanno

            posto e la tendenza al conservatorismo degli

            addetti

            all'istruzione

            (spesso motivato dal "conservatorismo" del
            posto)

            E allora come mai insegnano ancora a fare i conti
            a mano, anche se ci sono le
            calcolatrici?Magari fosse vero...qui ormai la calcolatrice è stata sdoganata da almeno 10 anni ed infatti si vedono i risultati, ma comunque confondi il mezzo con il fine. Non era in discussione l'imparare (a far di conto, in questo caso) con il mezzo (foglio e penna o "game school" e non certo calcolatrice che ti fa i calcoli ma non ti insegna ad apprendere come farli) Ciao!
          • Vitalij scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: Surak 2.0
            Ok, ma Pasqualino Cammarata non richiama certo
            "tantissime persone" come Vasco Rossi o Ligabue
            (per dire i più seguiti nei concerti far gli
            italiani).
            Quelc he volevo dire è che non è una questione di
            tecnologia ma di "idolatria" (infatti si chiamano
            "idoli") e quel che conta è il poter dire
            "c'ero".
            In fondo pure il Papa ogni Domenica fa il pienone
            eppure lo trasmettonoa nche in tv ;-)Secondo me qui stai portando acqua al mio mulino. Mi spiego.I concerti e l'angelus funzionano perché abbiamo questo istinto del branco, che ci fa sentire forti e rilassati e ci fa divertire di più quando stiamo tutti insieme. Parecchie tecnologie, invece, ti portano l'intrattenimentola comunicazione a casa, che non è esattamente la stessa cosa.
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: Vitalij
            Secondo me qui stai portando acqua al mio mulino.Basta che me la paghi ;-)
            Mi
            spiego.
            I concerti e l'angelus funzionano perché abbiamo
            questo istinto del branco, che ci fa sentire
            forti e rilassati e ci fa divertire di più quando
            stiamo tutti insieme. Parecchie tecnologie,
            invece, ti portano l'intrattenimentola
            comunicazione a casa, che non è esattamente la
            stessa
            cosa.Appunto, "parecchie" ma ci sono anchee tecnologie o loro usi che vivono di codesto stesso principio...Facebook è il più eclatante poichè a molti offre l'opportunità di formarsi un "branco" (intimo chi accetta amicizia solo di chi conosce, molto meno chi accetta qualunque richiesta).Comunque il discorso diventa sociologico ed io mi limitavo a dire che molte tecnologie o usanze resistono perchè trovano grosse "nicchie" che gli permette comunque di restare sul mercato oppure perchè le nuove opportunità arrivano in unmercato dove grossi gruppi e grossi numeri di persone ha un interesse consolidato e resiste alle semplificazione se vuol dire guadagnarci meno o rimetterci proprio.Poi che ci riesca o meno è un altro discorso ma intanto frenaCiao!
          • Vitalij scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: Surak 2.0
            - Scritto da: Vitalij



            Secondo me qui stai portando acqua al mio
            mulino.

            Basta che me la paghi ;-)Ok. Li accetti i Linden-dollari? :)


            Mi

            spiego.

            I concerti e l'angelus funzionano perché abbiamo

            questo istinto del branco, che ci fa sentire

            forti e rilassati e ci fa divertire di più
            quando

            stiamo tutti insieme. Parecchie tecnologie,

            invece, ti portano l'intrattenimentola

            comunicazione a casa, che non è esattamente la

            stessa

            cosa.

            Appunto, "parecchie" ma ci sono anchee tecnologie
            o loro usi che vivono di codesto stesso
            principio...Facebook è il più eclatante poichè a
            molti offre l'opportunità di formarsi un "branco"
            (intimo chi accetta amicizia solo di chi conosce,
            molto meno chi accetta qualunque
            richiesta).Ed infatti è il perfetto surrogato del muretto/piazzetta/cortile per incontrare gli amici. Ottimo anche per organizzare le serate e vedersi dal vero. Ma non credo che una persona possa mai preferire facebook ad una telefonata, anche via voip.
            Comunque il discorso diventa sociologico ed io mi
            limitavo a dire che molte tecnologie o usanze
            resistono perchè trovano grosse "nicchie" che gli
            permette comunque di restare sul mercato oppure
            perchè le nuove opportunità arrivano in unmercato
            dove grossi gruppi e grossi numeri di persone ha
            un interesse consolidato e resiste alle
            semplificazione se vuol dire guadagnarci meno o
            rimetterci
            proprio.
            Poi che ci riesca o meno è un altro discorso ma
            intanto
            frenaIl fenomeno c'è ed è impossibile ignorarlo. Ci sono certamente le lobby, ma ci sono anche i professionisti, che hanno investito anni per imparare a lavorare con i vari strumenti.Insomma, i costi per seguire le innovazioni sono abbastanza alti, quindi le nuove tecnologie andrebbero, secondo me, seguite solo quando il gioco vale la candela.Penso sia difficile non finire sul sociale quando si parla di tecnologia, perché l'unico scopo della tecnologia è servire più uomini possibile.

            Ciao!Ciao!
          • Surak 2.0 scrive:
            Re: Moda del momento
            - Scritto da: Vitalij

            Basta che me la paghi ;-)

            Ok. Li accetti i Linden-dollari? :)Devo vedere le quotazioni prima
            Ed infatti è il perfetto surrogato del
            muretto/piazzetta/cortile per incontrare gli
            amici. Ottimo anche per organizzare le serate e
            vedersi dal vero. Ma non credo che una persona
            possa mai preferire facebook ad una telefonata,
            anche via
            voip.Beh, il punto però non è che utilizzi anche cose più tradizionali ma quanto le nuove cose, in percentuale, sostituiscono le vecchie sia come uso che come risultato,per stabilire chi o cosa "soppianta" o resiste.Il telefono fisso lo abbiamo ancora in molti, ma è evidente che rispetto a 10 anni fà è stato notevolmente messo in un angolo dai telefonini e in buona parte del continuare ad esistere del telefono fisso (parlo di telefono non di doppino) è motivato dal fatto che tanto il canone Telecom lo paghi uguale (lo chiamino o lo giustifichino come vogliono ma resta una certa cifra da pagare) infatti tutte le offerte sono costrette ad essere sulle ore di telefonate gratis visto che più in basso non possono scendere. Molti in case nuove però già non mettevano alcuna linea fissa ma dovevano rinunciare ad internet (a meno di espedienti) ma ora che si sta diffondendo internet senza fili e con flat o almeno offerte ragionevoli, credo che il fisso perderà molti sottoscrittori in tempi rapidi.Questo è il soppiantare poichè è chiaro che per cose semplici nessuno si prende la briga di cambiarle.Da una stanza all'altra si va ancora a piedi come gli uomini primitivi anche perchè è ben più complicato organizzarsi per andarci in macchina o anche con un Segway a meno di non essere "Naomo"

            Comunque il discorso diventa sociologico ed io
            mi

            limitavo a dire che molte tecnologie o usanze

            resistono perchè trovano grosse "nicchie" che
            gli

            permette comunque di restare sul mercato oppure

            perchè le nuove opportunità arrivano in
            unmercato

            dove grossi gruppi e grossi numeri di persone ha

            un interesse consolidato e resiste alle

            semplificazione se vuol dire guadagnarci meno o

            rimetterci

            proprio.

            Poi che ci riesca o meno è un altro discorso ma

            intanto

            frena

            Il fenomeno c'è ed è impossibile ignorarlo. Ci
            sono certamente le lobby, ma ci sono anche i
            professionisti, che hanno investito anni per
            imparare a lavorare con i vari
            strumenti.Mai fatto distinzioni...anzi mettici pure i lavoratori di un settore a rischio ma anche quelli della mensa per questi lavoratori a rischio, poichè è chiaro che un certo settore o commercio ha tanti individui, in alto o in basso, che vorrebbero che tutto rimanesse come è (se non possono sperare di migliorare quel che ottengono).
            Insomma, i costi per seguire le innovazioni sono
            abbastanza alti, quindi le nuove tecnologie
            andrebbero, secondo me, seguite solo quando il
            gioco vale la
            candela.E qui si entra in un discorso che potrebbe definire "modelli di società attuali ed alternative" che non mi sembra il caso di iniziare però un sistema sociale ed economico che non rallenta il progresso* solo perchè deve dare il tempo ad alcuni di specularci** ha qualcosa di sbagliato.Considerando poi che tanto se da una parte qualcuno "guadagna" dall'altra qualcuno paga...per un servizio non ottimale*non negativo, se occoresse specificarlo**visto che non si accontentano mai solo di riprenderci i soldi
            Penso sia difficile non finire sul sociale quando
            si parla di tecnologia, perché l'unico scopo
            della tecnologia è servire più uomini
            possibile.Purtroppo, troppo spesso, solo alcuniCiao!
          • angros scrive:
            Re: Moda del momento

            Mi sa che non hai capito quali sono le leggi.
            Secondo te se poteva uscire sia al cinema che
            contemporaneamente in tv o in rete (com'è stato
            ma non certo ufficialmente o in uguale
            definizione) incassava uguale? Tira via poi
            l'idea che li ha salvati parecchio del 3d che ha
            preso in contropiede l'attrezzatura "home", ma i
            film tradizionali credi che porterebbero qualcuno
            in sala (non a pomiciare) se fossero disponibili
            subito, e a prezzi normali, in
            tv?I film tradizionali sono disponibili subito in tv, grazie al P2P e a megaupload/megavideo. Eppure la gente va al cinema; e quelli che vanno al cinema di solito sanno benissimo come scaricare, non mi risulta che ci sia qualcuno che dica "sono andato a vederlo al cinema perchè non riuscivo a scaricarlo".
            I cinema, i dvd, i noleggi, ma a cnhe i passaggi
            in tv a pagamento prima o libera poi, sono tutti
            "mantenuti" dalla regola delle "finestre"Ma se togli tale regola (e la pirateria, di fatto, la toglie), sono i DVD a risentirne, non il cinema; il noleggio è praticamente morto, il bluray stenta, mentre il cinema resiste bene.
          • angros scrive:
            Re: Moda del momento
            Tu quindi dici che i ragazzini sono i proncipali clienti dei cinema, se ho ben capito: eppure, i ragazzini non dovrebbero essere proprio quelli con meno soldi da spendere, e inoltre quelli che sanno usare meglio il P2P e megaupload? Sono proprio le persone che avrebbero più motivi per disertare i cinema e scaricare a manetta.E allora, perchè vanno comunque al cinema? Evidentemente al cinema trovano qualcosa che il web non può dare: il punto d'incontro, l'"esperienza" (che è ben diversa dal vedersi il film a casa). Del resto, l'hai detto anche tu.E finchè il cinema ha questo vantaggio, rispetto alla visione domestica, non rischia di venire spiazzato. Mi sembra più plausibile che venga abbandonato il mercato di film per l'home video, piuttosto che quello per il cinema.
    • Uno scrive:
      Re: Moda del momento
      Il punto non è se è meglio libro tradizionale, rispetto all'ebook, anche la foto su carta son meglio di quelle solo sul monitor, ma se fai 100 le foto scattate quante sono quelle stampate? ... Insomma il libro digitale è un'alernativa, ancora in stato embrionale, ma che tra qualche anno potrà essere un'altra possibilità per la lettura, che questo sostituisca i libri non lo credo, ma un 20-30% di tutto il mercato sarabbe una cosa enorme....
  • Pix scrive:
    100 ??
    Cento libri venduti da Amazon a luglio?? 100?Siamo sicuri che non ci vada aggiunto qualche zero?O forse è un rapporto? 180 ogni 100 avrebbe più senso.
    • 1977 scrive:
      Re: 100 ??
      - Scritto da: Pix
      Cento libri venduti da Amazon a luglio?? 100?
      Siamo sicuri che non ci vada aggiunto qualche
      zero?
      O forse è un rapporto? 180 ogni 100 avrebbe più
      senso.fatto 100 quanto vendi in carta, vendi 180 digitale.
      • John Dortmunder scrive:
        Re: 100 ??
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: Pix

        Cento libri venduti da Amazon a luglio?? 100?

        Siamo sicuri che non ci vada aggiunto qualche

        zero?

        O forse è un rapporto? 180 ogni 100 avrebbe più

        senso.

        fatto 100 quanto vendi in carta, vendi 180
        digitale.In realta' il dato riportato e' errato. Basta controllare sualtre fonti. Il dato esatto e' 180 in digitale per 100 Hardcover.Chiaramente solo una frazione (non specificata) dei libri vendutie' costituita dai costosi hardcover.ciao,g.
  • nemo230775 scrive:
    Sciocchezze...
    Chi ama realmente leggere e compra un dispositivo per farlo, compra un ereader, nn certo l'ipad...Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che saran briciole...
    • Uno scrive:
      Re: Sciocchezze...
      Io credo che il numeri di libri per utente dell'Ipad saranno ridicoli, però i numeri di libri su Ipad no. Perchè le vendite dell'ipad, colpa/merito della pubblicità della mela, ne venderanno un fottio... e l'ebookreader è uno strumento dedicato a lettori "incalliti"
      • GINO la quaglia scrive:
        Re: Sciocchezze...
        In Italia non leggono libri, ma si azzuffano per comprare iPad.c'è qualcosa non torna...
        • mk miki scrive:
          Re: Sciocchezze...
          Bravo! L'ho provato (un fanatico mac me l'ha fatto provare)Tutti quei solid per un giocattolino idota.....Non capico come faccia certa gente a comprere tutte le XXXXXXXte crate da Apple e vendute a caro prezzo come innovazioni ( quando in realtà dispositivi simi sono sul mecato da anni)
    • 1977 scrive:
      Re: Sciocchezze...
      - Scritto da: nemo230775
      Chi ama realmente leggere e compra un dispositivo
      per farlo, compra un ereader, nn certo
      l'ipad...
      Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla
      fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che
      saran
      briciole...manda curriculum alla Apple. ti prendono al marketing, c'e' posto.
      • nemo230775 scrive:
        Re: Sciocchezze...
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: nemo230775

        Chi ama realmente leggere e compra un
        dispositivo

        per farlo, compra un ereader, nn certo

        l'ipad...

        Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla

        fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che

        saran

        briciole...

        manda curriculum alla Apple. ti prendono al
        marketing, c'e'
        posto.Cioe' fai del sarcasmo perche' mi limito a dire un ovvieta'?E' come se avessi detto che se uno vuol giocare a calcio spesso, si compra delle scarpette da calcio, con le scarpe da ginnastica ci giochi uguale ma probabilmente lo farai meno....Poi son opinioni, valgon piu' o meno tutte uguale anche se non han la mela sopra sai...
        • 1977 scrive:
          Re: Sciocchezze...
          - Scritto da: nemo230775
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: nemo230775


          Chi ama realmente leggere e compra un

          dispositivo


          per farlo, compra un ereader, nn certo


          l'ipad...


          Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla


          fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che


          saran


          briciole...



          manda curriculum alla Apple. ti prendono al

          marketing, c'e'

          posto.

          Cioe' fai del sarcasmo perche' mi limito a dire
          un
          ovvieta'?
          E' come se avessi detto che se uno vuol giocare a
          calcio spesso, si compra delle scarpette da
          calcio, con le scarpe da ginnastica ci giochi
          uguale ma probabilmente lo farai
          meno....
          Poi son opinioni, valgon piu' o meno tutte uguale
          anche se non han la mela sopra
          sai...Hai ragione, sono stato eccessivamente, immotivatamente sarcastico e ti chiedo scusa.Fermo restando questo, rimango della mia idea quando penso che la tua analisi non sta ne' in cielo ne' in terra.
          • Cortisolo scrive:
            Re: Sciocchezze...
            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli accenti?
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: Cortisolo
            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli
            accenti?macbook comprato a NY
          • ullala scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: 1977
            - Scritto da: Cortisolo

            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli

            accenti?

            macbook comprato a NY(rotfl)(rotfl)(rotfl)e quindi?Un mac user affezionato che non sa come avere gli accenti?Non è mica difficile sai!Se vuoi te lo spiego.
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: 1977

            - Scritto da: Cortisolo


            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli


            accenti?



            macbook comprato a NY
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)
            e quindi?
            Un mac user affezionato che non sa come avere gli
            accenti?
            Non è mica difficile sai!
            Se vuoi te lo spiego.la tastiera e' americana, scienza.
          • ullala scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: 1977
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: 1977


            - Scritto da: Cortisolo



            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli



            accenti?





            macbook comprato a NY

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)

            e quindi?

            Un mac user affezionato che non sa come avere
            gli

            accenti?

            Non è mica difficile sai!

            Se vuoi te lo spiego.

            la tastiera e' americana, scienza.Ho capito perfettamente (anche la mia lo è) ma come vedi questo non impedisce che scriva con accenti!e quindi?
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: 1977

            - Scritto da: ullala


            - Scritto da: 1977



            - Scritto da: Cortisolo




            Ma perché usate gli apostrofi al posto
            degli




            accenti?







            macbook comprato a NY


            (rotfl)(rotfl)(rotfl)


            e quindi?


            Un mac user affezionato che non sa come avere

            gli


            accenti?


            Non è mica difficile sai!


            Se vuoi te lo spiego.



            la tastiera e' americana, scienza.
            Ho capito perfettamente (anche la mia lo è) ma
            come vedi questo non impedisce che scriva con
            accenti!
            e quindi?bravo, sai switchare tra 2 layout. sei forte forte forte. ma io sto bene cosi', saluti.
          • ullala scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: 1977
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: 1977


            - Scritto da: ullala



            - Scritto da: 1977




            - Scritto da: Cortisolo





            Ma perché usate gli apostrofi al posto

            degli





            accenti?









            macbook comprato a NY



            (rotfl)(rotfl)(rotfl)



            e quindi?



            Un mac user affezionato che non sa come
            avere


            gli



            accenti?



            Non è mica difficile sai!



            Se vuoi te lo spiego.





            la tastiera e' americana, scienza.

            Ho capito perfettamente (anche la mia lo è) ma

            come vedi questo non impedisce che scriva con

            accenti!

            e quindi?

            bravo, sai switchare tra 2 layout. sei forte
            forte forte. ma io sto bene cosi',
            saluti.Temo proprio che tu non abbia capito...Il che mi meraviglia francamente...Ma se sta bene a te perchè dovrebbe preoccupare me?
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: 1977

            - Scritto da: ullala


            - Scritto da: 1977



            - Scritto da: ullala




            - Scritto da: 1977





            - Scritto da: Cortisolo






            Ma perché usate gli apostrofi al posto


            degli






            accenti?











            macbook comprato a NY




            (rotfl)(rotfl)(rotfl)




            e quindi?




            Un mac user affezionato che non sa come

            avere



            gli




            accenti?




            Non è mica difficile sai!




            Se vuoi te lo spiego.







            la tastiera e' americana, scienza.


            Ho capito perfettamente (anche la mia lo è) ma


            come vedi questo non impedisce che scriva con


            accenti!


            e quindi?



            bravo, sai switchare tra 2 layout. sei forte

            forte forte. ma io sto bene cosi',

            saluti.
            Temo proprio che tu non abbia capito...
            Il che mi meraviglia francamente...
            Ma se sta bene a te perchè dovrebbe preoccupare
            me?Infatti.
          • MeX scrive:
            Re: Sciocchezze...
            eih guarda che ti perdi uno dei pezzi forti di OSX!Guarda, io ho 3 layout (quello standard Inglese/Irlandese) di cui due personalizzati da me:- italiano à è ì ò ù Á É Í Ó Ú- lettone (per mia moglie) ā ē ī ō ū Ā Ē Ī Ō ŪCon Windows era impossibile scrivere in lettone se non installando mille utility del XXXXX :DScaricati Ukelele http://scripts.sil.org/cms/scripts/page.php?site_id=nrsi&id=Ukelele e divertiti a fare il tuo layout io per esempio faccio le accentante tenendo premuto ALT, e ALT+SHIFT per le accentate maiuscole.[img]http://img40.imageshack.us/img40/1430/screenshot20100721at094.png[/img]
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: MeX
            eih guarda che ti perdi uno dei pezzi forti di
            OSX!
            Guarda, io ho 3 layout (quello standard
            Inglese/Irlandese) di cui due personalizzati da
            me:
            - italiano à è ì ò ù Á É Í Ó Ú
            - lettone (per mia moglie) ā ē
            ī ō ū Ā Ē Ī Ō
            Ū

            Con Windows era impossibile scrivere in lettone
            se non installando mille utility del XXXXX
            :D

            Scaricati Ukelele
            http://scripts.sil.org/cms/scripts/page.php?site_i
            [img]
            http://img40.imageshack.us/img40/1430/screenshot20ecco QUESTA e' una dritta. grazie mille
          • mk miki scrive:
            Re: Sciocchezze...
            Mac user...mi fate pena.
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: mk miki
            Mac user...mi fate pena.e 'st*****i?
          • nemo230775 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: Cortisolo
            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli
            accenti?per me personalmente si tratta di pigrizia,,,
          • gorgia scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: Cortisolo
            Ma perché usate gli apostrofi al posto degli
            accenti?per vedere se qualcuno si accorge che al posto di un apostrofo va un accento (è un esercizio anche questo/e' un esercizio anche questo)
          • gerry scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: 1977
            Fermo restando questo, rimango della mia idea
            quando penso che la tua analisi non sta ne' in
            cielo ne' in
            terra.Magari dare anche uno straccio di perchè non sarebbe male, eh?
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: 1977


            Fermo restando questo, rimango della mia idea

            quando penso che la tua analisi non sta ne' in

            cielo ne' in

            terra.

            Magari dare anche uno straccio di perchè non
            sarebbe male,
            eh?anche solo per una questione di prezzo. se devo comprarmi un bulacco che legge solo ebook (anche se a suo favore c'e' l'ottimo eink) ad una certa cifra, affronto l'esborso maggiore e mi compro un ipad, che mi permette di fare altre millemila cose.
          • nemo230775 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: 1977
            - Scritto da: gerry

            - Scritto da: 1977




            Fermo restando questo, rimango della mia idea


            quando penso che la tua analisi non sta ne' in


            cielo ne' in


            terra.



            Magari dare anche uno straccio di perchè non

            sarebbe male,

            eh?

            anche solo per una questione di prezzo. se devo
            comprarmi un bulacco che legge solo ebook (anche
            se a suo favore c'e' l'ottimo eink) ad una certa
            cifra, affronto l'esborso maggiore e mi compro un
            ipad, che mi permette di fare altre millemila
            cose.si ma col kindle a 189 euro la differenzaq di prezzo non e' piccola...Io nn sono un detrattore puro dei pad...ma in effetti mi fa un po specie spendere 500+ euro per un oggetto simile....Se poi prendi quello col 3g arrivi a 700....ovvio tu ci faccia tanto di piu' ci mancherebbe, ma tutto sta a quanto puo spendere una persona in gadget nn essenziali....lo ammetto io se avessi soldi d'avanzo forse lo comprerei, nn avendone ho un ebook reader...
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: nemo230775
            - Scritto da: 1977

            - Scritto da: gerry


            - Scritto da: 1977






            Fermo restando questo, rimango della mia
            idea



            quando penso che la tua analisi non sta ne'
            in



            cielo ne' in



            terra.





            Magari dare anche uno straccio di perchè non


            sarebbe male,


            eh?



            anche solo per una questione di prezzo. se devo

            comprarmi un bulacco che legge solo ebook (anche

            se a suo favore c'e' l'ottimo eink) ad una certa

            cifra, affronto l'esborso maggiore e mi compro
            un

            ipad, che mi permette di fare altre millemila

            cose.

            si ma col kindle a 189 euro la differenzaq di
            prezzo non e'
            piccola...
            Io nn sono un detrattore puro dei pad...ma in
            effetti mi fa un po specie spendere 500+ euro per
            un oggetto
            simile....
            Se poi prendi quello col 3g arrivi a 700....ovvio
            tu ci faccia tanto di piu' ci mancherebbe, ma
            tutto sta a quanto puo spendere una persona in
            gadget nn essenziali....lo ammetto io se avessi
            soldi d'avanzo forse lo comprerei, nn avendone ho
            un ebook
            reader...si dai in effetti la differenza di prezzo e' alta, il ragionamento che fai lo capisco. e' che prima o poi i prezzi scenderanno, si spera. tocca vedere in che misura.
          • nemo230775 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            be la apple scende difficilmente di prezzo, ma col suo marketing ha spesso fatto da apripista a certe tecnologie che altrimenti sarebbero' state relegate a rimaner di nicchia....auspico che entro breve si vedano a giro tablet con un rapporto qualita'/prezzo decorosi nell'attesa che la apple saturi il mercato quel tanto da esser costretta ad abbassar i prezzi...
          • 1977 scrive:
            Re: Sciocchezze...
            - Scritto da: nemo230775
            be la apple scende difficilmente di prezzo, ma
            col suo marketing ha spesso fatto da apripista a
            certe tecnologie che altrimenti sarebbero' state
            relegate a rimaner di nicchia....auspico che
            entro breve si vedano a giro tablet con un
            rapporto qualita'/prezzo decorosi nell'attesa che
            la apple saturi il mercato quel tanto da esser
            costretta ad abbassar i
            prezzi...lo auspico anche io, la concorrenza e' sempre un'ottima cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sciocchezze...
      - Scritto da: nemo230775
      Chi ama realmente leggere e compra un dispositivo
      per farlo, compra un ereader, nn certo
      l'ipad...
      Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla
      fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che
      saran
      briciole...Io ho entrambi. Ieri sera stavo leggendo a letto un PDF sull'ebook reader della Sony, poi siccome non volevo tenere la luce accesa ho continuato sull'ipad mettendo lo sfondo nero e il testo bianco, con Stanza c'è un'icona apposta per farlo.La pecca maggiore è stata la pesantezza dell'ipad rispetto al Sony, è molto meno maneggevole. Non ho notato maggiore affaticamento per gli occhi, però effettivamente sul Sony leggo molte più pagine, quindi forse senza che io me ne renda conto un affaticamento maggiore per la vista c'è...o forse un affaticamento dei polsi, con l'ipad a volte è come fare i pesi
      • tumore scrive:
        Re: Sciocchezze...
        mbè potevi riaccende iLampadina... ma quanti probblemi
      • nemo230775 scrive:
        Re: Sciocchezze...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: nemo230775

        Chi ama realmente leggere e compra un
        dispositivo

        per farlo, compra un ereader, nn certo

        l'ipad...

        Poi questo nn vuol dire che chi ha l'ipad alla

        fine qualche ebook nn lo compri...ma credo che

        saran

        briciole...

        Io ho entrambi. Ieri sera stavo leggendo a letto
        un PDF sull'ebook reader della Sony, poi siccome
        non volevo tenere la luce accesa ho continuato
        sull'ipad mettendo lo sfondo nero e il testo
        bianco, con Stanza c'è un'icona apposta per
        farlo.
        La pecca maggiore è stata la pesantezza dell'ipad
        rispetto al Sony, è molto meno maneggevole. Non
        ho notato maggiore affaticamento per gli occhi,
        però effettivamente sul Sony leggo molte più
        pagine, quindi forse senza che io me ne renda
        conto un affaticamento maggiore per la vista
        c'è...o forse un affaticamento dei polsi, con
        l'ipad a volte è come fare i
        pesiio ho un lettore ebook ma nn l'ipad...con il lettore riesco a leggere per ore, ho provato a volte a leggere qualcosa sul netbook ma trovo sia stancante per gli occhi....Tornando sull'argomento, parlando di desideri personali, potrei trovar comodo un pad quarsiasi ma probabilmente lo userei in ambito lettura piu' per riviste e quotidiani o al massimo per libri carichi di illustrazioni che per gli ebook classici ...
Chiudi i commenti