Nexus One, in cosa posso esserle utile?

Attivata una linea di supporto telefonico per tutti i possessori del googlefonino. L'help desk risolverà solo problemi legati a ordini e spedizioni. Intanto, rescindere un contratto costerà meno

Roma – Da quando è stato ufficialmente lanciato sul mercato , Nexus One non sembra aver spopolato. Stando a dati recenti , lo smartphone di Google ha venduto appena 80mila unità nel corso del suo primo mese di vita. Risultati non certo incoraggianti, probabilmente generati – tra i vari fattori – da un livello piuttosto scarso di assistenza al cliente.

È recente, infatti, un annuncio da parte dei responsabili di BigG che hanno sottolineato come sia stata attivata una linea di supporto telefonico , disponibile per tutti i possessori di googlefonino dalle 7 di mattina alle 10 di sera (fuso orario della costa pacifica).

Basterà dunque comporre il numero 888 48NEXUS (in numeri, 63987) per ottenere l’assistenza di un help desk telefonico. Certamente, un modo per mettere fine al caos che si era creato tra utenti disorientati: rivolgersi al maker HTC in caso di problemi hardware o all’operatore T-Mobile?

Disorientamento che non era piaciuto agli utenti, impossibilitati ad instaurare un filo diretto con Google. Ora, tutto questo sarà possibile , ma con una precisazione : l’help desk attivato da BigG non potrà risolvere problematiche di natura tecnica, bensì tematiche legate all’ordinazione delle unità , alle spedizioni dei vari smartphone sul territorio.

Infatti – come sottolineato da un portavoce di Google – il supporto telefonico è stato concepito tenendo sempre presente l’aiuto da parte di HTC e T-Mobile, da affiancare all’help desk online che già era stato intasato nel primo periodo di commercializzazione. Nel frattempo, da Mountain View sono arrivate buone nuove sui termini contrattuali legati al googlefonino.

Dopo l’avvio di un’indagine da parte della Federal Communications Commission (FCC), BigG ha comunicato che il costo della rescissione di un contratto per Nexus One scenderà da 350 a 150 dollari (circa 110 euro). Questo se l’utente deciderà di cambiare idea nei 120 giorni successivi alla stipulazione del contratto.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xUzQGdAHDWh AOW scrive:
    PmIHaFqY
    http://www.bloomquistestateservices.com/homeinsurance.htm home insurance 5287
  • Sgabbio scrive:
    leggendo l'articolo...
    Sembra che sia un attacco ai noti siti di videosharnig dedicati al XXXXX o sbaglio ?Trailer ed altro... Potrebbero rilasciare di tanto in tanto su quei siti dei film completi :D
    • Franky scrive:
      Re: leggendo l'articolo...
      - Scritto da: Sgabbio
      Sembra che sia un attacco ai noti siti di
      videosharnig dedicati al XXXXX o sbaglio
      ?

      Trailer ed altro... Potrebbero rilasciare di
      tanto in tanto su quei siti dei film completi
      :DPotrebbero al max richiedere una parte dei profitti del portale al portale stesso...invece di rompere l'anima pure loro...Tanto se hanno inserito uno spyware questo risultera' sicuramente illegale...
      • Franky scrive:
        Re: leggendo l'articolo...
        - Scritto da: Franky
        - Scritto da: Sgabbio

        Sembra che sia un attacco ai noti siti di

        videosharnig dedicati al XXXXX o sbaglio

        ?



        Trailer ed altro... Potrebbero rilasciare di

        tanto in tanto su quei siti dei film completi

        :D

        Potrebbero al max richiedere una parte dei
        profitti del portale al portale stesso...invece
        di rompere l'anima pure
        loro...
        Tanto se hanno inserito uno spyware questo
        risultera' sicuramente
        illegale...Rettifico anche qui...si Sgabbio prenderanno di mira i portali di videosharing...in quanto ho riletto con calma l'articolo... in pratica le case produttrici del video...doteranno questivideo di una sorta di impronta...e metteranno appunto uno spider (cioe' un programma automatico che va in giro per i vari portali su internet)che sara' in grado di riconoscere queste impronte ed indicizzare dove si trovano e quali sono i contenuti contenenti queste impronte...
        • pippO scrive:
          Re: leggendo l'articolo...

          Rettifico anche qui...si Sgabbio prenderanno di
          mira i portali di videosharing...in quanto ho
          riletto con calma l'articolo... in pratica le
          case produttrici del video...doteranno
          questi
          video di una sorta di impronta...e metteranno
          appunto uno spider (cioe' un programma automatico
          che va in giro per i vari portali su
          internet)
          che sara' in grado di riconoscere queste impronte
          ed indicizzare dove si trovano e quali sono i
          contenuti contenenti queste
          impronte...l'impronta della mano destra? :$
          • Guru Meditation scrive:
            Re: leggendo l'articolo...
            " l'impronta della mano destra? "No, quella del... "bigolo" !:-)
        • cognome scrive:
          Re: leggendo l'articolo...
          Vai rewriterule su .htaccess e via.Che problema c'è?Ah già, i web winari non possono, almeno una buona parte di loro hihihi.
    • r1348 scrive:
      Re: leggendo l'articolo...
      Tanto si sa come vanno a finire...
  • angros scrive:
    Se possono seguire un film...
    ... perchè non usano la stessa tecnologia per veicolare la pubblicità? Rilasci il film (XXXXX o meno, non importa) con tanto di spot pubblicitari, lo segui sul P2P contando quanti lo hanno scaricato, e poi ti fai pagare dagli inserzionisti in funzione di quante persone l'hanno scaricato (vedendo, quindi, gli spot inclusi)
    • Franky scrive:
      Re: Se possono seguire un film...
      - Scritto da: angros
      ... perchè non usano la stessa tecnologia per
      veicolare la pubblicità? Rilasci il film (XXXXX o
      meno, non importa) con tanto di spot
      pubblicitari, lo segui sul P2P contando quanti lo
      hanno scaricato, e poi ti fai pagare dagli
      inserzionisti in funzione di quante persone
      l'hanno scaricato (vedendo, quindi, gli spot
      inclusi)Quando una persona e' in gamba e' in gamba...bravo...questa sarebbe un'idea intelligente...solo che non consideri una cosa...questa tecnologia di cui parlano lor signori molto probabilmente e' un banalissimo spyware inserito magari nel video...un po' come la tecnologia del rootkit della sony per evitare la copia...
      • Franky scrive:
        Re: Se possono seguire un film...
        - Scritto da: Franky
        - Scritto da: angros

        ... perchè non usano la stessa tecnologia per

        veicolare la pubblicità? Rilasci il film (XXXXX
        o

        meno, non importa) con tanto di spot

        pubblicitari, lo segui sul P2P contando quanti
        lo

        hanno scaricato, e poi ti fai pagare dagli

        inserzionisti in funzione di quante persone

        l'hanno scaricato (vedendo, quindi, gli spot

        inclusi)

        Quando una persona e' in gamba e' in
        gamba...bravo...questa sarebbe un'idea
        intelligente...solo che non consideri una
        cosa...questa tecnologia di cui parlano lor
        signori molto probabilmente e' un banalissimo
        spyware inserito magari nel
        video...
        un po' come la tecnologia del rootkit della sony
        per evitare la
        copia...scusate rettifico quanto detto...in quanto ho riletto con calma l'articolo... in pratica le case produttrici del video...doteranno questivideo di una sorta di impronta...e metteranno appunto uno spider (cioe' un programma automatico che va in giro per i vari portali su internet)che sara' in grado di riconoscere queste impronte ed indicizzare dove si trovano e quali sono i contenuti contenenti queste impronte...in ogni caso il modello pubblicitario si potrebbe benissimo applicare....
    • MFioretti scrive:
      Re: Se possono seguire un film...
      - Scritto da: angros
      ... perchè non usano la stessa tecnologia per
      veicolare la pubblicità? Facile. Primo perchè sarebbe inutile, visto che dopo un giorno sicuramente qualche genio metterebbe online copie senza pubblicità e tutti si scaricherebbero quelle. Secondo perchè l'unico modo di prevenire quella o le altre frodi che partirebbero a valanga (per far risultare più download di quelli veri, cioè prendersi una parte maggiore degli introiti pubblicitari) se si facesse come tu dici sarebbe costringere tutti per legge a usare solo computer, lettori eccetera con molto più DRM di quanto s'è visto finora.
      • pippO scrive:
        Re: Se possono seguire un film...


        ... perchè non usano la stessa tecnologia per

        veicolare la pubblicità?

        Facile. Primo perchè sarebbe inutile, visto che
        dopo un giorno sicuramente qualche genio
        metterebbe online copie senza pubblicità e tutti
        si scaricherebbero quelle. Secondo perchè l'unico
        modo di prevenire quella o le altre frodi che
        partirebbero a valanga (per far risultare più
        download di quelli veri, cioè prendersi una parte
        maggiore degli introiti pubblicitari) se si
        facesse come tu dici sarebbe costringere tutti
        per legge a usare solo computer, lettori eccetera
        con molto più DRM di quanto s'è visto
        finora.Legge per OBBLIGARMI a guardare la pubblicità???Ma che razzate stai dicendo??? :@
        • MFioretti scrive:
          Re: Se possono seguire un film...
          "Legge per OBBLIGARMI a guardare la pubblicità???"No, NON è AFFATTO per quello che potrebbero rendere obbligatori per legge computer e altro con DRM, o quanto meno provarci. Sto dicendo che SE proponi un modello in cui- i produttori di film inseriscono spot nei film medesimi e poi li mettono a disposizione gratis su internet- e si spartiscono i soldi pagati da chi ha inserito gli spot nei vari film- in proporzione ai download di ogni singolo film, cioè il film scaricato 1000 volte prende una fetta di quei soldi 1000 volte maggiore del film scaricato solo unaallora non fregherebbe nulla a nessuno se poi tu gli spot nella tua copia del film non li guardi, li cancelli o quello che è. Però l'unico modo per evitare frodi, cioè per avere statistiche di download attendibili, sarebbe di costringere tutti quelli che pubblicano o scaricano quei film a usare computer non craccabili.
    • petrestov scrive:
      Re: Se possono seguire un film...
      - Scritto da: angros
      ... perchè non usano la stessa tecnologia per
      veicolare la pubblicità? Rilasci il film (XXXXX o
      meno, non importa) con tanto di spot
      pubblicitari, lo segui sul P2P contando quanti lo
      hanno scaricato, e poi ti fai pagare dagli
      inserzionisti in funzione di quante persone
      l'hanno scaricato (vedendo, quindi, gli spot
      inclusi)già me lo immagino:"ah, aaah, aaahaaaah, sì sì sì, fammi godere, aaaaah, aaaaaah, di più, di più di piùùùù!!!!". "Sì, prendilo tutto, ti squarto, ti rompo, tiè e tiè"zappete[yt]h464vqDkiEs[/yt][yt]modNDs0ciTA[/yt]"Aaaaaaaah, sì, in faccia. Mmmmmmm!".
  • Obeso scrive:
    Magari se si alleano con il pontefice...
    "8x1000, chiesa cattolica, per sostenere l'industria del XXXXX e i bambini poveri del mondo"Uno slogan del tipo: "Una XXXX potrebbe salvargli la vita".Oih oih....
Chiudi i commenti