Niente Boot Camp senza Leopard?

Apple ha annunciato che le attuali versioni beta del noto tool che consente di installare Windows sui Mactel scadranno con il lancio di Mac OS X 10.5. Dopo questa data il programma potrebbe funzionare solo con Leopard

Roma – Apple ha avvisato gli utenti delle due più recenti beta di Boot Camp , la 1.3 e la 1.4, che la licenza fornita insieme al programma terminerà con l’imminente rilascio di Mac OS X Leopard . Ciò potrebbe significare che gli utenti dovranno necessariamente acquistare l’aggiornamento a Leopard se vorranno continuare ad avvalersi delle piene funzionalità di Boot Camp.

Come noto, Boot Camp è una utility gratuita fornita da Apple che permette agli utenti di Mac OS X di far girare Windows in una partizione separata del sistema, in modalità dual-boot. Versioni beta del programma sono disponibili per il download pubblico fin dalla scorsa primavera, e sebbene fino ad oggi siano sempre state gratuite, c’è chi ritiene che la release finale potrebbe diventare a pagamento.

Per il momento le intenzioni di Apple non sono però affatto chiare. Computerworld.com fa ad esempio notare come l’azienda di Cupertino non abbia fornito una data di scadenza precisa per Boot Camp, lasciando presagire che l’ultima beta continuerà a funzionare ancora per qualche tempo dopo il rilascio di Leopard. È anche possibile, sostiene il magazine americano, che la mamma del Mac abbia già incluso una data di scadenza in Boot Camp persino se non è ancora stata annunciata alcuna data di rilascio ufficiale del nuovo Mac OS X 10.5.

Va detto che nelle versioni 1.0 e 1.2 di Boot Camp, scadute a fine settembre, Apple si è limitata a disattivare l’Assistant, ovvero la funzione che permette di creare o rimuovere le installazioni di Windows. Qualcuno non esclude che Boot Camp 1.4, una volta scaduto, invece, si disattivi del tutto: ma in tal caso è lecito attendersi che Apple fornirà ai suoi utenti un certo margine di tempo per acquistare ed installare Leopard.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • INNOCENTE MARCOLINI scrive:
    NEURINOMA AL TRIGEMINO A NERVO ACUSTICO
    Ho iniziato ad usare il cordless e il cellurare all'inizio degli anni '90. Passavo per motivi di lavoro 4-5 ore al giorno al cellulare o al cordless. Nel 2002 cusualmente mi é stato diagnosticato un neurinoma al trigemino e al ganglio di Gassner sinistro dove abitualmente usavo i due apparecchi. Mi hanno asportato il neurinoma e dopo parecchi mesi di convalescenza ho perso il lavoro dopo 31 anni. Ora ho 55 anni mi é stata riconosciuta l'invalidità e soffro di continui forti dolori per 24 ore al giorno perv 365 giorni all'anno. Ovviamnete lavori che potrebbero un pò distrarmi dal dolore non ne trovo.Casualmente l'anno scorso(2006) ad un mio collega che ha usato come me sia il cordelles che il cellulare per più di diaci anni gli é stato diagnosticato un neurinomo al nervo acustico e al trigemino destro dove abitualmente usavo gli apparecchi.Casualmente ho scoperto che un lavoratore di un paese vicino al mio, della mia stessa età che ha usato per più di dieci anni il cordless e cellulare gli é stato diagnosticato un neurinoma al trigemino e un tumore al palato superiore.Presso gli Spedali Civili di Brescia sono in forte aumento gli interventi neurochirugici sul trigemino e nervo acustico.Da parte mia ho in corso con l'INAIL una causa per il riconoscimento della malattia professionale.Sto facendo da 5 anni una continua ricerca e aggiornamento sulle cause delle onde Elettromagnetiche dovute all'uso del cordless e cellulare. Ho costanti contatti con un Prof.Hardell.Sono stato proprio fortunato.Consigli:-a chi ha dei bambini e ragazzi: Non dategli in uso i cellulari e i cordless, o per lo meno limitate l'usoChi usa abitualmente il cellulare usate l'auricolare e in macchine il viva voce.
  • daniel scrive:
    i celluari eccitano
    http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2006/05_Maggio/22/cellulari.shtml
  • kermitilros po scrive:
    il cellulare dei miei sogni
    mi astengo da dare un parere sulla correlazione tra tumori e uso del cellulare, non sono in grado di dire niente di più di quello che già si dice in giro da un po' di tempo a questa parte . Volevo invece porre l'attenzione sulla mia esperienza riguardante l'influenza del cellulare sul cervello: per motivi di reperibilità lavorativa alcuni giorni alla settimana lascio acceso il cellulare di notte e funzionando anche come sveglia lo lascio sul comodino. Io credo o credevo di far parte di quelli che di notte non sognano mai, non lo fanno da anni e/o comunque non ricordano il sogno quando sono appena svegli; ebbene, da quando lascio acceso il cell di notte faccio sogni e/o comunque li ricordo. Pensavo fosse un caso, ma ormai è un anno che va avanti e sinceramente sto molto meglio adesso che sogno che quando non sognavo nulla! Che sia il mio nokia a inviarmi messaggi onirici subliminali, oppure ho anchio un mio inconsapevole tumore al cervello ed è lui che mi aiuta a sognare?In una nazione "letteralmente impazzita" per l'uso e l'abuso del cellulare, che sia forse questa la vera è unica funzione di questo apparecchio maledetto? mi piacerebbe sapere se capita anche a qualcun altro...
  • www.joecast le.it scrive:
    Cellulari e tumori
    Noi lo avevamo sempre saputo che il campo elettromagnetico dei cellulari potesse nel tempo nuocere gravemente alla salute, ma la cosa inquietante è che nessuno lo ha mai affermato apertamente sicuramente a causa dei forti interessi economici in gioco, si è questa la verità. Per le multinazionali è piu importante il proprio profitto piuttosto che la salute delle persone, che schifo! Meno male che c'è qualcuno che ha avuto il coraggio e la sapienza di indagare...
  • Might scrive:
    Tutto ancora da dimostrare, ma...
    ma quanti di voi, come me, hanno spostato il telefonino un po' più lontano del solito, oggi?:-)
  • Michele scrive:
    Evidente
    Che faccia male è evidente e palese, solo le case costruttrici e le aziende di telefonia mobile lo negano per meri interessi economici.Altro discorso è quanto faccia male, più dell'aria inquinata che respiriamo? Più dei cibi corrotti con cui ci nutriamo? E poi il danno è trascurabile o no?Tante domande e poche risposte, come anni fa per il fumo difeso strenuamente dalle aziende del settore e poi smascherato dalle evidenze cliniche molti anni (e morti) dopo.
  • mythsmith scrive:
    Reazioni chimiche in microonde
    I cellulari emettono microonde. Quindi la domanda è: Le microonde influiscono sulla chimica del cervello?Semplice:http://scholar.google.com/scholar?hl=en&lr=&client=iceweasel-a&q=microwaves+reaction+rate&btnG=SearchLeggetevi un po' di articoli a caso. O, per una breve review:http://designer-drugs.com/pte/12.162.180.114/dcd/pdf/microwave.chemistry.rationalization.pdfLe microonde sono largamente usate da una ventina d'anni nelle sintesi organiche per modificare le velocità di reazione. Irraggiando i reagenti con microonde si ottengono quasi sempre risultati diversi in termini di velocità, e talvolta anche di percorso seguito dalla sintesi. Non è raro ad esempio che le microonde portino ad un prodotto diverso da quello che si otterrebbe con il semplice riscaldamento, poiché può accadere che una reazione venga accelerata molto più di quelle concorrenti. Del resto, provate a cuocere un pollo nel microonde... è evidente che alla fine abbiamo un "prodotto di reazione" diverso da quello che avremmo ottenuto riscaldandolo normalmente (dicono sia una vera schifezza!).Dunque, quando i venditori di cellulari dicono "sì ma dopo un ora al telefono avete un aumento locale di temperatura di soli 2 gradi!", tenete presente che quei 2 gradi, per le reazioni chimiche del vostro cervello, sono BEN DIVERSI dai due gradi dopo 10 minuti che indossate una cuffia di lana!Ora, non dico di essere sicuro che ciò faccia male molto poco o niente: è certo però che gli effetti, attualmente, sono totalmente imprevedibili ma ci sono per forza.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 ottobre 2007 13.01-----------------------------------------------------------
    • BBartok scrive:
      Re: Reazioni chimiche in microonde
      "Del resto, provate a cuocere un pollo nel microonde... è evidente che alla fine abbiamo un "prodotto di reazione" diverso da quello che avremmo ottenuto riscaldandolo normalmente (dicono sia una vera schifezza!)."Non TI è evidente un bel NULLA visto che non hai mai cotto un pollo nel microonde. La cosa strabiliante è che ne parli senza sapere NULLA di prima mano.Il pollo nel microonde a me non piace perchè è di gusto identico a quello bollito, che personalmente trovo orrendo. Devo essere eccezionalmente resistente, mangio roba cucinata a microonde ogni giorno da 25 anni e non ho l'ombra di un problema salutistico.
      • mythsmith scrive:
        Re: Reazioni chimiche in microonde
        Ho forse detto che devi avere problemi di salute perché cucini roba al microonde?NO.Ho solo detto che le microonde modificano le velocità ed i percorsi di moltissime reazioni organiche, rimandando alle evidenze scientifiche in merito.E' vero, non ho mai usato il microonde per cucinare (non per motivi ideologici, semplicemente non ne possiedo uno). Tutti quelli cui ho chiesto mi hanno però confermato che la carne in genere è immangiabile cotta al microonde. Sei il primo che mi dice che la carne è buona lo stesso (intendo come sapore, non come commestibilità!). Chissà quante volte ti sarai fatto una bella fiorentina al microonde...Comunque è irrilevante cosa ne pensiamo noi due del sapore dei cibi cotti al microonde. La fuori è pieno di fior fiore di articoli scientifici che dimostrano gli effetti delle microonde sulle reazioni chimiche, con evidenze incontrovertibili.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 ottobre 2007 14.13-----------------------------------------------------------
        • BBartok scrive:
          Re: Reazioni chimiche in microonde
          Di solito parlo solo di ciò che conosco personalmente, e se così non è fornisco sempre i riferimenti esatti sulle mie fonti. Gli "articoli scientifici" che "divulgano" probabilmente notizie inattendibili scritte da giornalisti incolti sulla materia di cui parlano fanno a botte con i miei 25 anni di quotidiano uso di cottura a microonde senza aver, a tutt'oggi che non sono più un giovanotto, l'ombra dell'ombra di un problema di salute.Anche questo è un fatto, e mi fido più di questo che di "articoli scientifici".Sicuramente poi ognuno è e deve essere libero di pensarla come vuole :)
          • mythsmith scrive:
            Re: Reazioni chimiche in microonde
            Guarda che le tecniche di reazioni modificate in microonde sono talmente vecchie che ormai si studiano perfino all'università.Continui a non capire il punto del mio post, pazienza. Ripeto: il sapore dei cibi al microonde, o la loro tossicità o, perché no, maggiore salubrità (anche questo è possibile) è del tutto ininfluente . E' rilevante solo il fatto, documentato dalla ricerca scientifica e dalla ormai comune pratica di laboratorio, che molte reazioni avvengono in modo "DIVERSO", il che non comporta alcunché sulla bontà o meno di questa diversità.Ed è irrilevante perché il cibo lo mangi, cioè lo digerisci e lo demolisci una volta che l'hai nello stomaco: è plausibile che il modo in cui vengono cotti i cibi non faccia poi tutta questa differenza, lo scopo della cottura è, di solito, uccidere i germi e per quello basta la temperatura: le reazioni che avvengono nel processo influenzeranno un po' il sapore ma alla fine la roba che butti giù è plausibile non cambi più di tanto.Il cervello invece è un equilibrio estremamente complesso tra miliardi di reazioni chimiche e processi chimico-fisici e deve continuare funzionare, non essere demolito in amminoacidi grassi e zuccheri in un paio d'ore! Una differenza in una velocità di reazione può avere effetti molto più importanti (di nuovo, non è un giudizio di bontà, magari fa bene!) rispetto a quel che ingurgiti.Il punto quindi è: quei 2 gradi, non sono uguali a 2 gradi termici. E non "ti ammalerai a causa dei cibi al microonde"...
          • Rosario scrive:
            Re: Reazioni chimiche in microonde
            Quindi che tu sia diventato gaio non è colpa dei cibi che hai cotto al microonde? lol Pensavo di si!
    • Microonda scrive:
      Re: Reazioni chimiche in microonde
      - Scritto da: mythsmith
      Ora, non dico di essere sicuro che ciò faccia
      male molto poco o niente: è certo però che gli
      effetti, attualmente, sono totalmente
      imprevedibili ma ci sono per
      forza.I cibi cotti al microonde sono perfettamente mangiabili e non hanno alcun tipo di controindicazione. Il solo pensarlo denota solo disinformazione a tal riguardo. Senza prodigarmi in noiose spiegazioni tecnico-scientifiche, il microonde cuoce perchè eccita le molecole d'acqua contenute nella pietanza, lo sfregamento tra le molecole produce calore che cuoce il cibo. Il cellulare invece, emette altresi radiazioni come quelle del microonde, solo con molta meno potenza. L'uso prolungato del cellulare inevitabilmente farà riscaldare le cellule contenenti acqua che transitano in prossimità dell'apparecchio con il risultato che la temperatura corporea aumenta. Da qui parte tutto il discorso su cosa avvenga alle cellule vive esposte alle radiazioni e come il corpo umano interpreta questa anomalia (il calore), mutazioni, reazioni dei linfociti, ecc. ecc. A un pollo morto stecchito questo non puo avvenire, semplicemente perchè... è morto!Comunque il pollo cotto nel microonde e rifinito con il grill è ottimo, bisogna solo tagliarlo prima ;)
      • mythsmith scrive:
        Re: Reazioni chimiche in microonde
        Ho mai detto che il cibo a microonde ha controindicazioni? No. Anzi personalmente sono convinto che sia più salubre, perché si cuoce più uniformemente e senza punti caldi dove il cibo si abbrustolisce producendo una marea di composti tossici. Leggi il resto del thread e poi riparliamone. Il cibo lo digerisci: lo disintegri. Il modo in cui è cotto è quasi irrilevante: il più è assicurarsi che non ci siano germi. Il tuo cervello, auspicabilmente, non è destinato alla stessa fine, deve rimanere vivo! Personalmente non mi fido a tenere attaccato al mio cervello, non destinato alla demolizione da acidi gastrici, una sorgente di microonde che è provato modifichino in modo non ancora chiaro un numero incredibile di reazioni organiche (leggi un po' di articoli su googlescholar): reazioni sulle quali si basa appunto il mio esistere e pensare.L'effetto delle microonde infatti non si limita affatto al calore,perché questo calore viene concentrato più su alcuni modi di vibrazione che su altri (ma il meccanismo è ancora oscuro), e l'effetto è che alcune rallentano, altre accelerano, altre seguono un percorso diverso, altre non cambiano. E questo in modo non riconducibile all'uniformità di riscaldamento. È una cosa che qualsiasi chimico organico ti può confermare senza esitazione, perché è ormai pratica diffusa in molti laboratori.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 ottobre 2007 08.42-----------------------------------------------------------
  • Bex scrive:
    Cellulare & Tubi neon
    Fate partire una chiamata al buio da un cellulare messo a contatto con un tubo neon...E vedrete se non emette niente di pericoloso...
    • anoninona scrive:
      Re: Cellulare & Tubi neon
      Che c'entra?Allora hai mai provato a toccare l'antenna metallica delle vecchie radio? Il segnale aumenta. Pericolose anche le onde radio.E poi il corpo umano al buio è lievemente illuminato. Bandiamo anche quello.E il gatto? mamma mia, uno strumento del demonio in grado di catturare e rilasciare pericolose onde di natura sconosciuta.Ma sta' zitto, và!!!
  • paul scrive:
    è tutto falso
    moggi ne è la prova esistente! è ancora vivo!
  • VE LO DICO IO scrive:
    Il microonde
    Tutti a fare l'esempio con questo strumento che serve a cucinare ed a riscaldare il cibo.... ma pochi parlano dei suoi effetti collaterali, ossia che avendo lo stesso principio di funzionamento di qualsiasi apparecchio EM, le cellule primarie contenute nei cibi che servono a "nutrire" il nostro corpo vengono bruciate o addirittura modificate.Anche la TAC fa male.... tutto ciò che ha a che fare con i Campi Magnetici fa male, perchè modifica vettorialmente le informazioni contenute nelle cellule.
    • anonimo scrive:
      Re: Il microonde
      - Scritto da: VE LO DICO IO
      tutto ciò che ha a che
      fare con i Campi Magnetici fa male, perchè
      modifica vettorialmente le informazioni contenute
      nelle cellule.Da qualche milione di anni ci viviamo in un campo magnetico da 70000 nT).
      • VE LO DICO IO scrive:
        Re: Il microonde
        Beh.. ma l'evoluzione umana ha fatto si che tutti gli esseri viventi hanno imparato a conviverci.. un conto è il CM naturale... un'altro è quello "artificiale" continuo e sempre in crescita.Quindi non vedo proprio il nesso con il tuo esempio...
        • Categorico scrive:
          Re: Il microonde
          - Scritto da: VE LO DICO IO
          Beh.. ma l'evoluzione umana ha fatto si che tutti
          gli esseri viventi hanno imparato a conviverci..
          un conto è il CM naturale... un'altro è quello
          "artificiale" continuo e sempre in
          crescita.

          Quindi non vedo proprio il nesso con il tuo
          esempio...La peste bubbonica è un fenomeno naturale, eppure in milioni di anni non ci siamo ancora adattati...
    • gio scrive:
      Re: Il microonde
      errato. la tac modifica le cellule, le microonde no. La differenza è nella frequenza e nella variabilità nel tempo dei campi elettromagnetici. Alla frequenza delle microonde l'unico effetto è quello del riscaldamento (la potenza del segnale viene trasferita ai tessuti acquosi e provoca agitazione termica)
      • VE LO DICO IO scrive:
        Re: Il microonde
        Dipende dalle tue fonti di informazioni, le mie dicono che tale strumento da cucina faccia venire il cancro...Quando riscaldiamo una zuppa, il calore che viene dalla fiamma del fornello passa pian piano dalla pentola alla zuppa. Lolio nella friggitrice scalda e questo calore passa alla verdura o ad un altro alimento che vuoi scaldare. Quando cucini il riso il calore fa diventare porosa la parete delle cellule del chicco, lacqua entra facendo gonfiare il chicco, che diventa morbido da masticare. Quando la cottura è rapida senza lasciar che lalimento su rammollisca troppo e quando evitiamo le fritture, che elevano troppo la temperatura, negli alimenti iniziano alcuni processi simili alla digestione nel corpo umano. In un certo senso la cottura riduce il lavoro dellorganismo. ( E vero che si formano anche altre sostanze che possono far male, ma questo è un altro discorso). Nel microonde gli alimenti non sono esposti a un calore dolce, ma sottoposti in modo cruciale a una vibrazione tecnica, dura e anti-naturale. Al contrario della luce solare e delle altre vibrazioni della natura, le vibrazioni del microonde non hanno come principio la corrente elettrica continua, ma la corrente alternata. Nel microonde, la corrente alternata fa sì che gli atomi, le molecole e le cellule cambiano polarità 2.5 bilioni di volte per secondo. Le cellule piene dacqua entrano in un gigantesco caos e così, lattrito libera calore che scalda gli alimenti. Le molecole e le cellule sono polarizzate in modo distruttivo. Tutta la vita finisce, come tanti scienziati Varga, Hertel e altri dimostrano. Così nascono radicali liberi che causano grandi disagi nel corpo umano. Per la immensa quantità di energia, le cellule degli alimenti si aprono in maniera esplosiva e la loro struttura biologica muore. Questo processo di distruzione assomiglia al processo di irradiazione degli alimenti. La proteina è più alterata che negli altri processi di cottura; il grasso del latte è trasformato in palline giganti; elementi vitali coma la vitamina C per esempio, nel succo darancia sterilizzato al microonde questo è comune o lacido folico sono distrutti o degradati. Durante i milioni di anni di storia dellevoluzione, lessere umano mai ha avuto contatto con questo tipo di alimentazione, che comincia ad agire nel suo organismo come un veleno. Questo fu constatato in ricerche minuziose che mostrarono gli effetti degli alimenti fatti nel forno a microonde e sullessere umano.Gli alimenti scaldati, scongelati o cotti nel microonde (latte e legumi) causarono alterazioni nel sangue: diminuzioni dei tassi di emoglobina e dei linfociti (cellule che difendono lorganismo dalle malattie). Queste alterazioni indicano linizio di un processo morbido. Appare anche allinizio di un processo cancerogeno. Oltre a questo fu provato che alimenti fatti nel forno a microonde trasmettono al vibrazione nociva, della microonda allorganismo che lo consuma. Così, possono apparire lesioni simili a quelle che conosciamo quando si subiscono irradiazioni dirette da microonde. Le microonde, comunque, distruggono la vitalità. Dr. Devanando Otfried Weise Fonte: Lebenskunde Magazin Vedi un po tu....
        • ppp scrive:
          Re: Il microonde
          Sei Pazzo e Disinformato.
        • Microonda scrive:
          Re: Il microonde
          - Scritto da: VE LO DICO IO
          Quando riscaldiamo una zuppa, il calore che viene
          dalla fiamma del fornello passa pian piano dalla
          pentola alla zuppa. Lolio nella friggitrice
          scalda e questo calore passa alla verdura o ad unCon il microonde
          altro alimento che vuoi scaldare. Quando cucini
          il riso il calore fa diventare porosa la parete
          delle cellule del chicco, lacqua entra facendo
          gonfiare il chicco, che diventa morbido da
          masticare.E' l'acqua calda che fa gonfiare il riso, non il calore. Se scaldi l'acqua con il gas o con il microonde al riso succede la stessa identica cosa: cuoce!
          Quando la cottura è rapida senza lasciar che
          lalimento su rammollisca troppo e quandoLa cottura nel microonde non è rapida, chi ti ha dato questa falsa informazione? E' uno strumento da cucina con diverse potenze, basta solo saperlo usare. Per quocere delle penne che normalmente richiedono 11 minuti, con il microonde ce ne vogliono 18.
          evitiamo le fritture, che elevano troppo la
          temperatura, negli alimenti iniziano alcuni
          processi simili alla digestione nel corpo umano.La frittura va fatta sempre con la temperatura dell'olio molto elevata, altrimenti lo scambio acqua olio è troppo elevato con il risultato di avere il cibo pregno d'olio.
          In un certo senso la cottura riduce il lavoro
          dellorganismo. ( E vero che si formano anche
          altre sostanze che possono far male, ma questo è
          un altro discorso).Le sostanze di cui parli si formano quando si cuoce la carne sulla brace, nulla a che vedere con le microonde.
          Nel microonde gli alimenti non sono esposti a un
          calore dolce, ma sottoposti in modo cruciale a
          una vibrazione tecnica, dura e anti-naturale.Falso, il veicolo che crea riscaldamento è la frizione tra le molecole dell'acqua, che avvenga tramite il gas o via microonde è irrilevante.
          Al contrario della luce solare e delle altre
          vibrazioni della natura, le vibrazioni delVibrazioni della natura?
          microonde non hanno come principio la corrente
          elettrica continua, ma la corrente alternata. Nel
          microonde, la corrente alternata fa sì che gli
          atomi, le molecole e le cellule cambiano polarità
          2.5 bilioni di volte per secondo. Le cellule
          piene dacqua entrano in un gigantesco caos e
          così, lattrito libera calore che scalda gliAnche con il gas.
          alimenti. Le molecole e le cellule sono
          polarizzate in modo distruttivo. Tutta la vitaSolo l'acqua in essa contenuta, cosa che avviene anche con il gas.
          finisce, come tanti scienziati Varga, Hertel e
          altri dimostrano. Così nascono radicali liberi
          che causano grandi disagi nel corpo umano.Muhahahahahah. "La vita finisce"... in padella?
          Per la immensa quantità di energia, le cellule
          degli alimenti si aprono in maniera esplosiva e
          la loro struttura biologica muore. QuestoTi confondi con la tecnica del congelamento/surgelazione. Rileggiti il bignami.
          processo di distruzione assomiglia al processo di
          irradiazione degli alimenti. La proteina è più
          alterata che negli altri processi di cottura; il
          grasso del latte è trasformato in palline
          giganti; elementi vitali coma la vitamina C per
          esempio, nel succo darancia sterilizzato al
          microonde questo è comune o lacido folico sono
          distrutti o degradati. Questo avviene anche con il gas. Comunque non è consigliabile cuocere con il microonde cibi contenenti cellule vive (per esempio il latte vaccino).
          diminuzioni dei tassi di emoglobina e dei
          linfociti (cellule che difendono lorganismo
          dalle malattie). Queste alterazioni indicano
          linizio di un processo morbido. Appare anche
          allinizio di un processo cancerogeno. Oltre a
          questo fu provato che alimenti fatti nel forno a
          microonde trasmettono al vibrazione nociva, della
          microonda allorganismo che lo consuma. Così,Sai che scoperta... una cibo cotto al microonde non va consumato immediatamente. Bisogna attendere almeno un paio di minuti per dare il tempo alle molecole d'acqua che sono ancora in movimento, di fermarsi completamente.
          Le microonde, comunque, distruggono la vitalità. Come il gas.
          Dr. Devanando Otfried Weise
          Fonte: Lebenskunde Magazin Mio cuggino, mio cuggino?
          Vedi un po tu....Se vabbè, informati meglio.
  • Giacomo scrive:
    ricerche vagee approssimative
    "l'uso intensivo del telefono cellulare per un periodo di tempo prolungato, superiore ai 10 anni"che vuol dire INTENSIVO?10 minuti al giorno? 1 ora su 24, 5/24, 12/24???Numeri non chiacchiere!!!
    • Categorico scrive:
      Re: ricerche vagee approssimative
      - Scritto da: Giacomo
      "l'uso intensivo del telefono cellulare per un
      periodo di tempo prolungato, superiore ai 10
      anni"

      che vuol dire INTENSIVO?

      10 minuti al giorno? 1 ora su 24, 5/24, 12/24???

      Numeri non chiacchiere!!!Un'altra cosa va considerata: chi ha usato molto il telefonino anche in tempi più pionieristici, si è esposto a campi di intensità molto maggiore, dato che in passato la copertura era minore e in ogni caso la potenza minima di trasmissione degli apparecchi maggiore.Anche più recentemente di 10 anni fa c'erano ancora in commercio apparecchi con potenze molto maggiori di quelle massime raccomandate da medici e biologi.Per non parlare dei firmware bacati che sparavano la potenza al massimo anche quando c'era campo, mio padre ha avuto un fetente Samsung che si ciucciava la batteria in un quarto dell'autonomia dichiarata per questo "difettuccio".
  • AndreaP scrive:
    Ma un mese fa dicevano il contrario..
    Avevo letto circa un mese fa una notizia su una ricerca che diceva che i cellulari NON portavano ad un aunmento dei tumori dopo anni di uso intensivo. Ovviamente aveva suscitato molto meno clamore. Il che mi fa pensare che un ricercatore possa avere un qualche interesse a mostrare piccole correlazioni tra uso del telefono e tumori, anche quando queste piccole correlazioni non ci sono.
    • il gelato che uccide scrive:
      Re: Ma un mese fa dicevano il contrario..
      O magari il contratio ... no ?
    • Categorico scrive:
      Re: Ma un mese fa dicevano il contrario..
      - Scritto da: AndreaP
      Avevo letto circa un mese fa una notizia su una
      ricerca che diceva che i cellulari NON portavano
      ad un aunmento dei tumori dopo anni di uso
      intensivo. Ovviamente aveva suscitato molto meno
      clamore. Il che mi fa pensare che un ricercatore
      possa avere un qualche interesse a mostrare
      piccole correlazioni tra uso del telefono e
      tumori, anche quando queste piccole correlazioni
      non ci
      sono.Quando una GROSSA azienda (mi verrebbe un esempio a caso) vuole a tutti i costi dimostrare una tesi a lei favorevole, che fa?Contando sulla varianza, finanzia TANTI studi sull'argomento a centri di ricerca diversi, con accordi di esclusiva sulla pubblicazione dei risultati, dopodiché pubblica solo i risultati degli studi favorevoli alle sue tesi.Lo hanno fatto pure le multinazionali del tabacco, per fare un esempio.
    • Rosario scrive:
      Re: Ma un mese fa dicevano il contrario..
      Io invece avevo letto che l'uso intensivo del cellulare ti faceva allungare il pene di 2cm l'anno ( o era l'ano?) ahahaahah
  • Er Monnezza scrive:
    La fama...
    Come al solito... Dati statistici, moltissimi se, moltissimi condizionali... Intanto si mette il paletto del nome, poi si vedrà. E così studi magari serissimi vengono dati in pasto ad una stampa sensazionalistica e catastrofistica che demonizza tutto. Scommettiamo che è l'ennesima notizia a sparire nell'oblio in pochi giorni?
  • wakkkkkkkkk kkkk scrive:
    non tenetelo troppo vicino
    basta non tenerlo troppo attaccato all'orecchio :D :D[img]http://www.connessomagazine.it/system/files/images/cell1.thumbnail.jpg[/img]
  • billygatto scrive:
    Si è sempre saputo
    che i cellulari aumentano il rischio di tumore. Emettono delle onde elettromagnetiche ad alta frequenza (GHz), ossia delle microonde, si le stesse usate nel forno a microonde per riscaldare i cibi. Se mettiamo la testa nel microonde per un'oretta non credo che tra qualche anno saremo ancora vivi!Certo nel caso del cellulare non è la stessa cosa perchè per il forno le onde sono "ottimizzate" per colpire il target posto all'interno del vano. La quantità assorbita sarà minore ma è sempre una questione di dosi.
    • carpigjan scrive:
      Re: Si è sempre saputo
      Per lo stesso principio del microonde, si sapeva (ed è certo) che le onde elettromagnetiche del cellulare scaldano i tessuti della zona intorno e interna all'orecchio sul quale lo utilizziamo... si parla di calore non di tumori.In questo studio statistico invece si è analizzato la percentuale di tumori e il risultato è sicuramente allarmante.Sono però due cose diverse.
  • beppe scrive:
    se è vero i dati statistici lo diranno
    basterebbe controllare i dati statistici di quei tipi di tumore dall'avvento del cellulare a oggi , se c'è un incremento lineare a parità di cellulari per densità di popolazione ,allora hanno ragione , altrimenti i casi riscontrati sono solo un campione sbagliato.Anche se sono arrivato alla conclusione che meno si usa il cellulare meglio si stà , non solo dal punto di vista fisico , ma anche di quello mentale.
    • Pinguazzo scrive:
      Re: se è vero i dati statistici lo diranno
      - Scritto da: beppe
      basterebbe controllare i dati statistici di quei
      tipi di tumore dall'avvento del cellulare a oggi
      , se c'è un incremento lineare a parità di
      cellulari per densità di popolazione ,allora
      hanno ragione , altrimenti i casi riscontrati
      sono solo un campione
      sbagliato.

      Anche se sono arrivato alla conclusione che meno
      si usa il cellulare meglio si stà , non solo dal
      punto di vista fisico , ma anche di quello
      mentale.Però i tumori aumentano anche all'aumentare della durata media della vita, ci vogliono studi più mirati.Quello che però è molto strano è che invece nessuno insista troppo su dei killer certi: le acciaierie, nelle cui vicinanze si hanno aumenti macroscopici delle malattie polmonari e della mortalità per esse, nonché, grazie al periodo in cui l'Italia comprò rottami d'acciaio russi contaminati senza fare troppe domande (avevano smantellato un sacco di testate nucleari per i vari trattati con gli USA), anche un aumento dei tumori (le statistiche sul quartiere Cornigliano a Genova sono fatte un po' più seriamente dei farneticamenti dei complottisti).Tra l'altro le acciaierie sono, dopo i vulcani, la fonte più abbondante di emissioni di micro e nanoparticelle nell'atmosfera.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: se è vero i dati statistici lo diranno

        Però i tumori aumentano anche all'aumentare della
        durata media della vita, ci vogliono studi più
        mirati.Non hanno tenuto conto di questo fattore ?Ricavo quindi che hai letto lo studio per dire cio'. Dove lo posso trovare in forma originale ?
        • un anonimo scrive:
          Re: se è vero i dati statistici lo diranno
          Per chi volesse cimentarsi nella lettura dell'articolo, può reperirlo a questo indirizzo:http://tinyurl.com/2d2jl8L'articolo è una metanalisi ( http://tinyurl.com/mx5ar ) di diversi lavori scientifici, la cui validità dipende comunque dagli articoli scientifici su cui si basa. Un sistema di gradazione delle evidenze scientifiche si può leggere a questo indirizzo: http://tinyurl.com/2dtwot
        • Pinguazzo scrive:
          Re: se è vero i dati statistici lo diranno
          - Scritto da: Nome e cognome

          Però i tumori aumentano anche all'aumentare
          della

          durata media della vita, ci vogliono studi più

          mirati.

          Non hanno tenuto conto di questo fattore ?
          Ricavo quindi che hai letto lo studio per dire
          cio'. Dove lo posso trovare in forma originale
          ?No era un'osservazione, me lo sto chiedendo anch'io se ne hanno tenuto conto o no.Comunque è un'osservazione che viene da considerazioni puramente matematiche: se integri una distribuzione di probabilità che sia espressa da una stessa funzione, ma lungo un periodo (la vita del soggetto) più lungo, la probabilità totale aumenta.Tutti noi abbiamo più probabilità di ammalarci di tumori e altre malattie solo per il fatto di vivere più a lungo.Ma anche se ne avessero tenuto conto, saranno riusciti ad isolare il contributo dato dal telefonino da quelli di altri fattori?Comunque, come è riportato nell'articolo, è chiaro che usare spesso il telefonino dove c'è poco campo e quindi l'antenna lavora a potenza più alta, aumenta il rischio, il fatto che quantifichino e specifichino le cose mi fa avere più fiducia rispetto a certi articoli allarmistici pseudoscientifici.
      • VE LO DICO IO scrive:
        Re: se è vero i dati statistici lo diranno
        Prima delle acciaierie bisogna risolvere il problema dell'inquinamento delle vetture e delle caldaie.... di uso molto più frequente e di vicinanza molto più costante con la fonte per ogni cittadino.Per tirar fuori energia per le nostre esigenze, ci sono tantissimi altri modi che emettono "scorie" pulite...
    • Rosario scrive:
      Re: se è vero i dati statistici lo diranno
      Inizia a pigliartelo tu così facciamo sti studi su di te...
      _
  • Ken Shiro scrive:
    oddio
    e pensare che quando passo vicino alle scuole elementari, vedo gia tutti i bambini di 5 o 6 anni già col cellulare all'orecchio :|, eppure io me l'aspettavo che il cellulare col tempo poteva creare dei problemi visto che spara un segnale che arriva fino a 1km di distanza... god help us
    • Alphonse Elric scrive:
      Re: oddio
      - Scritto da: Ken Shiro
      e pensare che quando passo vicino alle scuole
      elementari, vedo gia tutti i bambini di 5 o 6
      anni già col cellulare all'orecchio :|, eppure io
      me l'aspettavo che il cellulare col tempo poteva
      creare dei problemi visto che spara un segnale
      che arriva fino a 1km di distanza... god help
      usIl problema è la quantità.Prova a bere 50 litri di acqua in una volta... possiamo concluderne che l'acqua è velenosa? Certo che lo è... se presa in quantità eccessive è velenosa, anzi, mortale.Lo stesso vale per i cellulari.
      • Andre scrive:
        Re: oddio

        Il problema è la quantità.
        Prova a bere 50 litri di acqua in una volta...
        possiamo concluderne che l'acqua è velenosa?
        Certo che lo è... se presa in quantità eccessive
        è velenosa, anzi,
        mortale.

        Lo stesso vale per i cellulari.prova a mangiare 10 grammi di veleno per topi, poi mi dici se il problema è la quantità.
        • Pinguazzo scrive:
          Re: oddio
          - Scritto da: Andre

          Il problema è la quantità.

          Prova a bere 50 litri di acqua in una volta...

          possiamo concluderne che l'acqua è velenosa?

          Certo che lo è... se presa in quantità eccessive

          è velenosa, anzi,

          mortale.



          Lo stesso vale per i cellulari.


          prova a mangiare 10 grammi di veleno per topi,
          poi mi dici se il problema è la
          quantità.Ogni sostanza ha la sua dose tossica e letale.Per i telefonini è stata da questo studio accertata non una pericolosità assoluta e incondizionata, ma solo in caso di uso molto frequente, prolungato negli anni e soprattutto se il telefonino funziona spesso dando molta potenza all'antenna, cioè in zone con poco campo.
        • MESCAL. scrive:
          Re: oddio
          - Scritto da: Andre

          Il problema è la quantità.

          Prova a bere 50 litri di acqua in una volta...

          possiamo concluderne che l'acqua è velenosa?

          Certo che lo è... se presa in quantità eccessive

          è velenosa, anzi,

          mortale.



          Lo stesso vale per i cellulari.


          prova a mangiare 10 grammi di veleno per topi,
          poi mi dici se il problema è la
          quantità.Ma che stai dicendo?!? Prova a prenderne 1 milligrammo anzichè 10 grammi di veleno per topi e poi vedrai che a parte forse un bel maldipancia non ti succedera' nulla...PS: A proposito forse non lo sai ma anche l'ossigeno oltre una certa percentuale/concentrazione risulta velenoso da respirare...
    • Pinguazzo scrive:
      Re: oddio
      - Scritto da: Ken Shiro
      e pensare che quando passo vicino alle scuole
      elementari, vedo gia tutti i bambini di 5 o 6
      anni già col cellulare all'orecchio :|, eppure io
      me l'aspettavo che il cellulare col tempo poteva
      creare dei problemi visto che spara un segnale
      che arriva fino a 1km di distanza... god help
      usNon hai scampo... a meno che tu non vada a vivere in una caverna abbastanza profonda. Occhio però che non sia di roccia vulcanica porosa, altrimenti il radon ti ucciderebbe con atroci tumori. E comunque, anche in una caverna non inquinata dal radon, non avresti scampo, i raggi cosmici ti trapasserebbero anche lì.Non hai scampo, l'unico modo per porre fine a quest'angoscia è farla finita subito, che tra l'altro faresti fesse le onde EM.
  • Santos-Dumont scrive:
    Solo la punta dell'iceberg *** (Edit)
    Combinazione, guardate un po' cosa ho letto giusto ieri (tentato peraltro di postare sul tema, ma la redazione di PI mi ha anticipato): http://tinyurl.com/2bbj2k*********P.S. Ci avrei scommesso che gli informatici entravano subito in fibrillazione non dico alla prospettiva, ma alla semplice ipotesi di rinunciare a cose come WiFi, cellulare, etc. (rotfl) Ma vi capisco, è come togliere la droga a un tossico. E naturalmente sulla base di questa dipendenza, BISOGNA bollare il tutto quale cumulo di farneticazioni. ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 ottobre 2007 00.10-----------------------------------------------------------
    • avvelentani scrive:
      Re: Solo la punta dell'iceberg
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Combinazione, guardate un po' cosa ho letto
      giusto ieri (tentato peraltro di postare sul
      tema, ma la redazione di PI mi ha anticipato):
      http://tinyurl.com/2bbj2kMamma mia, e` pieno di cavolate!
      • Pinguazzo scrive:
        Re: Solo la punta dell'iceberg
        - Scritto da: avvelentani
        - Scritto da: Santos-Dumont

        Combinazione, guardate un po' cosa ho letto

        giusto ieri (tentato peraltro di postare sul

        tema, ma la redazione di PI mi ha anticipato):

        http://tinyurl.com/2bbj2k

        Mamma mia, e` pieno di cavolate!Suvvia, ho sentito di peggio... quando Basaglia ha fatto aprire i manicomi e i mattarelli senza famiglia bighellonavano farneticando in giro :p
    • andrea scrive:
      Re: Solo la punta dell'iceberg
      mai lette tante cavolate tutte insieme
    • Guybrush scrive:
      Re: Solo la punta dell'iceberg
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Combinazione, guardate un po' cosa ho letto
      giusto ieri (tentato peraltro di postare sul
      tema, ma la redazione di PI mi ha anticipato):
      http://tinyurl.com/2bbj2kFantastico: la distanza non influisce?Quindi se adesso mi metto ad usare il cellulare danneggero' un po' anche te, ti pare?G.T.
    • Microwave scrive:
      Re: Solo la punta dell'iceberg *** (Edit)
      "Alla fine, in una ricerca pubblicata nel giugno 2003, si è dimostrato che ununica esposizione di 2 ore ad un cellulare, una sola volta nella vita, ha danneggiato definitivamente la barriera sanguigna del cervello; 50 giorni più tardi nellautopsia è stato verificato che il 2% delle cellule del cervello dellanimale erano state distrutte, incluse le cellule collegate allapprendimento, alla memoria e al movimento"Abbi pazienza.Io di telefonate per più di due ore ne ho fatte parecchie e non sono ancora in stato vegetativo...
  • Categorico scrive:
    Be', ma lo studio dimostra anche...
    ...che è la dose che fa il veleno, cosa che allarmisti, complottisti e ludditi cercano sempre di negare a dispetto di ogni logica.Ne consegue anche che mettendo più centraline locali, a bassa potenza, ma più diffuse e disposte razionalmente (migliorando il campo e, quindi, limitando la potenza di trasmissione impiegata dai cellulari, si ridurrebbe molto il rischio).D'altra parte seguendo il principio di precauzione, applicato razionalmente, anche tenendo conto solo dell'effetto termico, prima di questa scoperta, medici e biologi già da tempo raccomandano l'uso dell'auricolare per chi fa un uso intenso del telefonino.
    • No No scrive:
      Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
      No no, eradichiamoli tutti!
      • Categorico scrive:
        Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
        - Scritto da: No No
        No no, eradichiamoli tutti!Eh, eh, anche se non per motivi salutistici, a volte mi sento di concordare (idea) :D
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
      - Scritto da: Categorico
      ...che è la dose che fa il veleno, cosa che
      allarmisti, complottisti e ludditi cercano sempre
      di negare a dispetto di ogni
      logica.
      Ne consegue anche che mettendo più centraline
      locali, a bassa potenza, ma più diffuse e
      disposte razionalmente (migliorando il campo e,
      quindi, limitando la potenza di trasmissione
      impiegata dai cellulari, si ridurrebbe molto il
      rischio).Si aumenterebbe di molto il numero di persone che vivono vicino alle antenne, e se non e' un uso intesivo vivere nel lobo di emissione di un'antenna ...
      • vai scrive:
        Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
        Infatti il lobo dell'antenna produce valori di 0,5 - 1 V/m mentre misurando a contatto con il telefono (che viene normalmente messo a contatto con l'orecchio) si misurano dai 30 fino ai 70 V/m (dipende dai modelli di telefono) !!!Secondo me fa più male il telefono. Inoltre il campo E delle antenne può essere schermato/ridotto dalla presenza di alberi ,muri,ecc...
      • Categorico scrive:
        Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
        - Scritto da: Nome e cognome
        - Scritto da: Categorico

        ...che è la dose che fa il veleno, cosa che

        allarmisti, complottisti e ludditi cercano
        sempre

        di negare a dispetto di ogni

        logica.

        Ne consegue anche che mettendo più centraline

        locali, a bassa potenza, ma più diffuse e

        disposte razionalmente (migliorando il campo e,

        quindi, limitando la potenza di trasmissione

        impiegata dai cellulari, si ridurrebbe molto il

        rischio).

        Si aumenterebbe di molto il numero di persone che
        vivono vicino alle antenne, e se non e' un uso
        intesivo vivere nel lobo di emissione di
        un'antenna
        ...L'intensità diminuisce quadraticamente con la distanza dall'emettitore, basta disporre i ripetitori in alto e spaziati in modo razionale, ottimizzando la copertura di ognuno, e il rischio sarà enormemente minore di quello causato tenendo un cellulare appoggiato alla testa, specialmente se funzionante con alta potenza di trasmissione.
        • Rosario scrive:
          Re: Be', ma lo studio dimostra anche...
          Anche Lea De Mae dicevano che fosse scomparsa proprio a causa di sta roba. :°°°
Chiudi i commenti