Niente Linux sui PC low-cost di Intel

Anche se ci può girar su il sistema del pinguino, Classmate PC viene per ora venduto solo in configurazioni Windows XPe. La colpa è dei costruttori e delle scuole, sostiene il chipmaker
Anche se ci può girar su il sistema del pinguino, Classmate PC viene per ora venduto solo in configurazioni Windows XPe. La colpa è dei costruttori e delle scuole, sostiene il chipmaker

Classmate PC , il laptop pensato per i paesi tecnologicamente arretrati su cui Intel ha deciso di puntare per sfidare la Children’s Machine di Negroponte, non è attualmente commercializzato con distro Linux : per quanto esista la possibilità di scegliere in quale configurazione averlo, per ora sono in commercio solo le varianti con incluso Windows XPe .

Agnes Kwan, portavoce del chipmaker, ha dichiarato a riguardo che “i sistemi Classmate basati su Linux saranno disponibili su ogni mercato, ma la scelta tra Windows e Linux toccherà alle scuole che acquisteranno i pc”. E le scuole e le istituzioni di Messico e Brasile, i due paesi ove Classmate PC è attualmente in vendita, hanno deciso di affidarsi a Windows piuttosto che alle soluzioni open.

Per quanto siano un progetto di casa Intel, i portatili a basso costo vengono sviluppati ed assemblati da produttori appartenenti ai mercati su cui essi verranno poi venduti, e ad essi compete anche la scelta della distribuzione Linux da associare alle macchine . Il lavoro di ottimizzazione delle varie distro esistenti è ancora in corso, e l’unica scelta che è attualmente certificata per l’hardware del Classmate PC è Mandriva Linux .

Il PCcino Non è quindi responsabilità di Intel l’adozione del laptop in versione pinguino: il layout dei componenti di Classmate PC, così come previsto dalla versione di riferimento, prevede l’utilizzo di un Celeron M con clock a 900 MHz, 256 megabyte di RAM DDR2, 1 gigabyte di memoria NAND flash connessa tramite USB e il pieno supporto alla connettività sia via WiFi che con collegamento ethernet.

Al contrario della Children’s Machine, sviluppata dal consorzio One Laptop per Child con l’intento di riprogettare hardware e software preesistenti in funzione di mercati totalmente differenti da quelli tradizionali, Classmate PC ambisce a fornire le stesse possibilità di utilizzo disponibili nel mondo tecnologicamente più progredito , tanto che Intel stessa ha avuto in passato occasione di definire la Children’s Machine “un gadget” e non un vero PC.

La scelta di Santa Clara si riflette poi sul prezzo finale: Classmate PC offre tutte le sue capacità al costo non proprio economicissimo di circa 400 dollari, contro i 150 del ben più abbordabile concorrente. Target diversi per ambienti operativi piuttosto lontani : Classmate PC monta persino un chip Trusted Platform Module per interfacciarsi con l’hardware fortemente compromesso protetto dalle tecnologie DRM, contro la vocazione decisamente più open della Children’s Machine.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 04 2007
Link copiato negli appunti