Niente profilo per il predatore sessuale

Nello stato di New York i sexual offender attivi sui siti di social networking vengono consegnati a migliaia. Mentre la maggior parte degli stati USA approva leggi per facilitarne l'individuazione

Roma – Gli Stati Uniti non smettono di mobilitarsi per impedire a coloro che si sono macchiati di reati a sfondo sessuale di scorrazzare fra i social network, siti a cui i governi locali offrono ora dispositivi legislativi di maggiore utilità e praticità tecnica rispetto al passato. Ultimo in ordine di tempo ad approvare una legge del genere è lo stato di New York, con il procuratore generale Andrew Cuomo che annuncia un repulisti di migliaia di profili sulle due principali reti di relazione del web .

La lotta ai reati di molestie e abusi sessuali perpetrati tramite la Internet statunitense si è largamente evoluta nel corso degli ultimi tempi, e se in passato era necessario richiedere espressamente una lista dei colpevoli accertati che veniva poi spedita via fax, ora basta consultare un archivio centralizzato di profili e indirizzi email disponibile in tutti e 25 gli stati che hanno già provveduto ad adottare una legge apposita.

Assieme agli altri dettagli personali, ai molestatori è ora richiesto di fornire gli indirizzi di posta elettronica e altri dati telematici che ne permettano l’identificazione immediata, e secondo le informazioni fornite da Cuomo nel 2009 sono stati più di 3.500 i profili cancellati da MySpace e Facebook grazie alla suddetta identificazione facilitata.

In attesa che la legge sul database nazionale già votata dal Congresso produca i suoi frutti, Cuomo preannuncia la volontà di coinvolgere nel piano anti-predatori online anche i siti minori, oltre ai soliti noti del social networking mondiale.

Restano infine da chiarire dettagli non proprio trascurabili nell’ambito di questo genere di enforcement automatizzato a mezzo database, cose come la definizione rigorosa di “social network” nella Internet del 2009 per stabilire a quali siti tocchino i compiti di vigilare sulla materia e i problemi che possono derivare dal tipo di reato che le varie legislazioni locali rubricano come “crimine sessuale”. Un conto è un tentativo di molestia vero e proprio, un altro è una infrazione minore come urinare in luogo pubblico .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Silvio scrive:
    Soluzione tutta italiana
    Si faccia eleggere ed invochi l'immunità... :D
  • AnyDVD scrive:
    AnyDVD
    Inviolabilità del DRM o copia per uso personale? La riposta è ovvia: copia per uso personale .Altrimenti AnyDVD cosa lo hanno inventato a fare:http://www.slysoft.com/it/anydvdhd.html
    • James Kirk scrive:
      Re: AnyDVD
      La legge italiana consente la copia per uso personale e non a fini di lucro, ANCHE superando le protezioni (vedere Art. 71-sexies comma 4 qui: http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm#71-sexies ).Tuttavia, paradossalmente, vieta la commercializzazione di software che bypassa le protezioni anticopia, regola peraltro valida in tutta la UE.Non a caso quindi AnyDVD lo si compra direttamente dalla SlySoft che risiede alle isole Barbados, dove non esistono leggi che vietano l'uso o la vendita di questi software.
      • fox82i scrive:
        Re: AnyDVD
        E se uso programmi non a pagamento che fanno la stessa cosa di AnyDvd??..si intendo i free software presenti in sourceforge.net...
      • Pel scrive:
        Re: AnyDVD
        - Scritto da: James Kirk
        La legge italiana consente la copia per uso
        personale e non a fini di lucro, ANCHE superando
        le protezioni (vedere Art. 71-sexies comma 4 qui:
        http://www.interlex.it/testi/l41_633.htm#71-sexiesAttenzione però, questo articolo specifica solo che il detentore dei diritti deve far sì che l'acquirente del media possa eseguire una copia di sicurezza, "ANCHE SOLO ANALOGICA". Ovvero, io compro il DVD protetto, e se è possibile farne una copia su VHS, mi devo accontentare di quella, perché il produttore iha ottemperato a quanto richiesto dalla legge...
        • James Kirk scrive:
          Re: AnyDVD
          Rileggi bene : "anche solo analogica" non vuole dire "esclusivamente analogica".Sul fatto poi che l'articolo (anzi...tutta la legge) sia poco chiaro non ci sono dubbi.
  • LuNa scrive:
    assurdità
    se è legale la copia privata ma è illegale rompere le protezioni, dovrebbe invece essere implicito il permesso di romperle in caso di copia privata. o no ? :D
    • LuNa scrive:
      Re: assurdità
      e suggerirei anche ... ma non si possono mettere dentro alla confezione 2 dischi ? :) produrne uno costa 0.qualcosa euro ! magari potrebbero farne uno 'originale' e uno contrassegnato come 'copia' che non puoi per esempio rivenderti. ;)
      • upr scrive:
        Re: assurdità
        so' di software molto costosi che lo fanno...sarebbe una buona idea anche per i dvd/film/altro..cosi almeno si comprano con un amico e si fa a metà (tipico italiano). :)
    • Wolf01 scrive:
      Re: assurdità
      Bhe ti dico una cosa, io ho acquistato un gioco, per l'esattezza Spellforce 2, il gioco è protetto da DRM Starforce.Starforce ha il brutto effetto di farmi sparire il lettore dvd dopo il riavvio (e il riavvio è richiesto), proprio non lo vedo neanche su gestione periferiche, finchè non rimuovo il driver con l'apposito tool.Sono quindi impossibilitato dal DRM ad usufruire del prodotto, se non acconsento all'uso del DRM non posso usufruire del prodotto e mi ritrovo in un limbo.Portare il gioco indietro non ne valeva la pena, l'ho pagato 6, però volevo a tutti i costi giocarci.Avrei potuto riportarlo si indietro e comprare una versione magari in inglese che è senza DRM in quanto è stato scelto dal distributore quale protezione utilizzare, però avrei dovuto pagarla molto di più.Praticamente dopo lunghe ricerche sono riuscito a craccare il gioco trovando l'eseguibile pulito, in italiano e della versione corretta.L'ho avviato, ho inserito il mio codice di attivazione presente nel manualetto e posso anche giocarci in internet.Perchè dovrei sentirmi colpevole di aver fatto qualcosa di illegale?Posso anche denunciarmi, infatti ho detto chiaramente di aver craccato la copia originale del gioco legalmente acquistato per uso personale.Il problema sta nelle protezioni e nel comma che protegge dall'aggiramento di queste protezioni, sono loro ad essere illegali e il comma è in contrasto con la legge, invalidando entrambi a mio parere.
      • Sgabbio scrive:
        Re: assurdità
        Non sei l'unico che fa cosi :D
        • Wolf01 scrive:
          Re: assurdità
          Si ma farlo con software originali è un controsenso.Mi sento truffato un po' come se comprassi un'automobile e le chiavi non funzionassero per aprire le porte ma solo per l'accensione e dovessi forzare la serratura per poterla usare.
          • krane scrive:
            Re: assurdità
            - Scritto da: Wolf01
            Si ma farlo con software originali è un
            controsenso.
            Mi sento truffato un po' come se comprassi
            un'automobile e le chiavi non funzionassero per
            aprire le porte ma solo per l'accensione e
            dovessi forzare la serratura per poterla
            usare.Esatto: quando invece comprandola rubata la trovi con le porte gia' comodamente forzate e solo piu' da usare.
          • MeX scrive:
            Re: assurdità
            ehehe verissimo!Il DRM rompe le balle esclusivamente a chi acquista, é una sutpidata immonda
        • LuNa scrive:
          Re: assurdità
          siamo in tanti allora.io compro i giochi (spesso li compro) e li cracco. TUTTI, essì che devo inserire sempre il DVD originale per giocare. non ci penso nemmeno.
      • TheGynius scrive:
        Re: assurdità
        Io per prassi e per non rovinare i supporti originali uso SEMPRE i NODVD e le immagini per bypassare il controllo del disco alla partenza del software.E la mia coscienza è a posto.
        • MeX scrive:
          Re: assurdità
          piú che altro é anche fastidioso dover pescare il DVD per far partire il gioco
        • fox82i scrive:
          Re: assurdità
          Di solito uso un software che emula il supporto cd o dvd.. ....dopo aver fatto una bella iso del cd/dvd....-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 dicembre 2009 09.03-----------------------------------------------------------
          • MeX scrive:
            Re: assurdità
            non capisco perché Windows non "monti" i CD/DVD come fanno i *nix sarebbe comodissimo...
          • TheGynius scrive:
            Re: assurdità
            Li monta, usando software come Daemon Tools, Alcohol e similiSul fatto che la HAL dei sistemi *nix sia più duttile non ci sono dubbi, ed effettivamente è strano che MS non l'abbia implementata
    • nauseato scrive:
      Re: assurdità
      - Scritto da: LuNa
      se è legale la copia privata ma è illegale
      rompere le protezioni, dovrebbe invece essere
      implicito il permesso di romperle in caso di
      copia privata. o no ?
      :DSarei di questo parere. Ma sopratutto vedrei la cosa in altro modo: mi faccio comunque copia privata (bit a bit, 1:1, cosa tecnicamente sempre possibile alla faccia dei ridicoli DRM), e non sto nemmeno a guardare se ci sono questi ridicoli impedimenti. Se qualcuno me lo contesta, dico che non ho constatato i suddetti ridicoli in oggetto, talmente erano inefficenti...!
      • MeX scrive:
        Re: assurdità
        (bit a bit, 1:1,
        cosa tecnicamente sempre possibile alla faccia
        dei ridicoli DRM)si ma cosí giá stai aggirando il sistema di protezioneÉ come entrare in una casa senza sfondare la porta, non c'é l'aggravante dello scasso, ma é sempre violazione di proprietá privata-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 dicembre 2009 14.51-----------------------------------------------------------
  • MeX scrive:
    DRM...
    ha senso solo per il noleggio.Se compro é giusto che possa usufruire come voglio del contenuto, sta alla mia responsabilitá non abusare di tale diritto.Dal punto di vista legislativo mi pare ci fosse un caso in cui era stato detto che il diritto di copia decade sul tentativo di protezione dei detentori del diritto, nel senso che il diritto di limitare la copia é piú forte del diritto di farte fare una copia di backup, quindi seguendo questa linea il diritto di copia del danese non gli consetirebbe di aggirare il DRM.Non condivido questa linea, ma non sono un giurista, magari in legalese ha senso...
    • Guybrush scrive:
      Re: DRM...
      - Scritto da: MeX
      ha senso solo per il noleggio.

      Se compro é giusto che possa usufruire come
      voglio del contenuto, sta alla mia responsabilitá
      non abusare di tale
      diritto.

      Dal punto di vista legislativo mi pare ci fosse
      un caso in cui era stato detto che il diritto di
      copia decade sul tentativo di protezione dei
      detentori del diritto, nel senso che il diritto
      di limitare la copia é piú forte del diritto di
      farte fare una copia di backup, quindi seguendo
      questa linea il diritto di copia del danese non
      gli consetirebbe di aggirare il
      DRM.

      Non condivido questa linea, ma non sono un
      giurista, magari in legalese ha
      senso...Mmmm.Cosa rende un diritto più forte di un altro?Se stiamo a contare le persone che vengono coinvolte allora vincono gli utenti a mani basse. Per definizione sono la maggiranza.In realtà anche a contare i soldi messi in moto vincono gli utenti, dato che sono loro che pagano.E allora "quid juris", che xAZZx vuole il detentore dei diritti di sfruttamento economico? Semplice:Vuole che sia illegale frire delle "sue" cose senza che gli venga corrisposto un adeguato compenso. Possibilmente a vita o comunque per un periodo di tempo superiore alla durata della vita sua e dei suoi eredi.L'azione di lobby fa si che questo diritto sia più forte.GT
      • MeX scrive:
        Re: DRM...
        come ho detto non sono un avvocato ne ho studiato giurispreudenza o diritto, ho solo riportato una sentenza
      • Ingenuo 2001 scrive:
        Re: DRM...
        Ma che diritto sarebbe un diritto che in pratica afferma che "Guybrush ha diritto di ricevere un compenso X da Ingenuo 2001, a meno che Ingenuo 2001 si rifiuti di darglielo"?Boh!Ingenuo 2001
    • MeX scrive:
      Re: DRM...
      si ma non é implementato in modo da essere una sorta di protezione:http://www.tuaw.com/2007/06/20/get-rid-of-itunes-plus-watermarking/sono banali metadata
      • angros scrive:
        Re: DRM...
        L' idea, comunque, c' è (d' altra parte, per funzionare un sistema del genere richiede che l' utente sappia della sua esistenza, quindi, almeno all' inizio, deve essere molto vistoso)E comunque, tu puoi togliere i metadati, ma sei sicuro che ci siano solo quelli? Sei sicuro che i dati non siano stati scritti anche in altri modi, nascosti, ad esempio con la steganografia?Togliere un DRM è facile, perchè puoi fare quanti tentativi vuoi, e soprattutto puoi sapere subito se ci sei riuscito o no (se ci sei riuscito, il file funziona, altrimenti non funziona); ma come fai a sapere se sei riuscito a togliere un watermark nascosto? Il file funziona comunque, e tu hai un solo tentativo a disposizione (se diffondi un file a cui non hai tolto il watermark completamente, te ne accorgi solo quando ti arriva la multa, e a quel punto non so se hai voglia di riprovarci)
        • MeX scrive:
          Re: DRM...
          non ho capito cosa centra la stenografia...Comunque, non é un gran deterrente, servirebbe piú che altro a beccare i piú ingenuotti, basta ri-encodare il file... e sei a posto...
          • angros scrive:
            Re: DRM...
            Non stenografia, ste ga nografia: http://it.wikipedia.org/wiki/SteganografiaSe fatta nel modo corretto, resiste anche al tentativo di ri-encodare i files (per toglierla, senza avere un filtro con lo schema specifico, dovresti ridurre la risoluzione del file e aggiungere rumori di fondo, ma a quel punto avresti una qualità così schifosa che nessuno vorrebbe più quel file)
          • MeX scrive:
            Re: DRM...
            ah ok! non ne ero a conoscenza!Dubito sia comunque cosí difficile da "eliminare" ma in fondo non é quello il fine...Il punto é che tanto chi non vuole comprare non compra, bisogna offrire sistemi di acquisto online senza vincoli di DRM (se poi vuoi mettere il watermark o steganografia per i fresconi ok) cosí almeno chi é disposto a comprare non si sente gabbato.Non escluderei comunque sistemi di noleggio basati su DRM abbinati a prezzi bassissimi o tariffe flat particolarmente vantaggiose
          • Silvio scrive:
            Re: DRM...

            Dubito sia comunque cosí difficile da "eliminare"
            ma in fondo non é quello il
            fine...Pensa che alcuni schemi spostano la spaziatura delle lettere, tu non te ne accorgi, ma per chi sa come leggere tra le righe...
    • angros scrive:
      Re: DRM...
      - Scritto da: MeX

      è il noleggio che non ha senso, per i beni

      digitali

      perché no? ti limito la visione di quel file a
      24h dal download, ma te lo faccio pagare una
      miseria, o lo includo in una flat
      mensileIl noleggio ha senso per un bene materiale: mi impresti la cassetta, ne fai a meno per qualche giorno, e io ti pago per questo. Oppure mi vendi la cassetta, tu non ce l'hai più, e io ti pago di più.Per un bene digitale, tecnicamente non c' è differenza tra vendita o noleggio: in entrambi i casi mi fai scaricare una copia di un file sul mio computer; come giustifichi i due prezzi diversi? Se puoi permetterti di farmi scaricare il film al prezzo più basso, io non accetterò mai di comprartelo al prezzo pieno, perchè è chiaro che a te costa molto meno (e che quindi il prezzo di "vendita" è una mezza truffa).Il "noleggio" diventa in realtà l' inserimento di una antifeature: mi fai pagare di meno se accetto di mettere un sistema di "sabotaggio" che mi blocchi il film dopo una certa data: a questo punto, io però dico: perchè mi devi sabotare? Per vendermi due volte lo stesso film? Se io ti vendessi una macchina che dopo tot chilometri si blocca, tu non ne compresti un' altra da me, smonteresti quella che hai già e risolveresti il guasto: allo stesso modo, io mi sentirei in diritto di craccare il DRM per vedermi il film quante volte voglio (o peggio, di scaricarmelo dal mulo, così non ho nemmeno quella grana lì). Quindi, un sistema del genere non farbbe altro che incoraggiare la pirateria (a riprova di ciò, citami un solo sistema DRM che non sia stato subito craccato)In questo modo, il "noleggio" con DRM non solo non ti dà nessun vantaggio, ma ti rovina anche la possibilità della vendita normale, perchè, come ho detto, quando vedo la differenza di prezzo non voglio più il film che costa più caro.Il discorso "il DRM è analogo a noleggiare una videocassetta" non ha senso: io so che non ho noleggiato una cassetta, che tu non hai bisogno che te la restituisca, e che il DRM serve solo come scusa per farmi pagare due volte: chiedermi di "fare finta" e di "stare al gioco" è una presa in giro, e distrugge la tua credibilità.
      • MeX scrive:
        Re: DRM...
        tu hai un cellulare?Sappi che stai noleggiando le onde radio ;)
        • angros scrive:
          Re: DRM...
          Con un cellulare non "noleggio" le onde radio, uso un servizio (qualcuno che tiene in funzione i ripetitori e i centralini); se smetto di pagare, il servizio viene sospeso (se il gestore non guadagna, spegne i ripetitori o i centralini, e io con il cellulare posso arrangiarmi come credo)Con un film, o una musica, questo concetto non funziona: se non guadagni, tu puoi smettere di produrre musica o film, ma quelli che io ho già rimangono utilizzabili; l' idea, forse, si potrebbe applicare alle news: io compro un abbonamento, e il giornale mi manda news per un mese: se smetto di pagare, il giornale smette di scrivere notizie nuove, e io posso tenermi quelle vecchie (per quello che servono) e arrangiarmi.
          • MeX scrive:
            Re: DRM...
            allora non ha senso pensare a nessuna forma flat...Io trovo il noleggio molto sensato per serie televisive o commedie da "intrattenimento"Non comprerei mai la serie de "il principe di belair" peró magari guardare qualche puntata se costa molto poco ci sta...
          • angros scrive:
            Re: DRM...
            Ehm... se costa molto poco, a volte te lo ritrovi pure su Youtube (io mi sono rivisto quasi tutti i "Camera Cafè")Comunque, nell' esempio che fai tu, non c' è bisogno di noleggio, basta vendere direttamente a basso prezzo (tanto, la versione "costosa" interessa solo ai collezionisti, ai quali però interessa avere il cofanetto originale, e i dischi (o le cassette, o le chiavette, o le pellicole... qualsiasi supporto, insomma) con l' etichetta originale, quindi di certo non li scaricano online.
          • MeX scrive:
            Re: DRM...
            mmm no, sono convinto che la distribuzione fisica di ció che si puó digitalizzare é destinata all'estenzione... guarda... mi spingo a dire che il BlueRay secondo me sará ricordato come l'ultimo supporto fisico per i film (un come i CD per la musica)
          • pippO scrive:
            Re: DRM...

            mmm no, sono convinto che la distribuzione fisica
            di ció che si puó digitalizzare é destinata
            all'estenzione... guarda... mi spingo a dire che
            il BlueRay secondo me sará ricordato come
            l'ultimo supporto fisico per i film (un come i CD
            per la
            musica)Beh se riescono ancora a stampare i vinili per "audiofili" (XXXXXXXXX che pagano a peso d'oro cose SENZA senso) :DForse ci sarà sempre un mercato per le copie fisiche...
          • MeX scrive:
            Re: DRM...
            beh i vinili non li stampano solo per gli audiofili... anche per i DJ per esempio... ma sono ancora retaggi del passato... le nuove generazione di audiofili cercano master inediti in FLAC su torrent e i nuovi DJ scaricano da beatpoart ;)
  • ortega7 scrive:
    VUOTO
    Qui in Italia è lecito avere una "copia" di un DVD (film) o di un CD (musica) che non è in commercio in Italia?
    • Wolf01 scrive:
      Re: VUOTO
      Si, lo ordini dove è in commercio, paghi le tasse doganali e l'iva.Il problema sussiste nel fatto di prodotti dei quali è espressamente vietata l'importazione: armi, certi cibi, certi animali, certi prodotti elettronici.Però se non è possibile comprarlo in Italia per una scelta di mercato da parte del produttore/distributore nessuno ti vieta di comprarlo all'estero, come fanno in tanti con i giochi per PS che ci sono solo in Giappone, e si imparano pure il giapponese pur di giocarci, e non è che non vogliano esportarli, è solo una scelta di mercato, lì vanno di moda quelli e qui non venderebbero così tanto.
Chiudi i commenti