USA, autogogna online per i sex offenders

Chi è stato condannato per reati sessuali dovrà consegnare i propri indirizzi di posta elettronica, gli account di instant messaging e qualsiasi altro identificativo web. Così da poter essere messo al bando con un clic
Chi è stato condannato per reati sessuali dovrà consegnare i propri indirizzi di posta elettronica, gli account di instant messaging e qualsiasi altro identificativo web. Così da poter essere messo al bando con un clic

Il Congresso ha votato in questi giorni una nuova normativa nel tentativo di impedire a chi è stato condannato per reati sessuali di ricadere nello stesso errore interagendo in rete. La legge è bipartisan ed è stata approvata anche grazie all’impegno personale del candidato repubblicano alla presidenza alle prossime elezioni politiche, John McCain (nella foto). Come spesso accade per questo genere di normative, però, è una legge pressoché inutile , probabilmente dannosa in quanto restrittiva del diritto di parola e di espressione.

il candidato repubblicano In buona sostanza, il Congresso chiede a tutti coloro che hanno subito condanne di quel genere di informare il National Sex Offender Registry delle proprie identità elettroniche , in particolare di passare all’organizzazione che gestisce database di nominativi il proprio indirizzo di posta elettronica, gli account utilizzati per l’instant messaging, eventuali siti e blog gestiti e più in generale tutte le informazioni che consentano un rapido e facile tracciamento delle attività online del soggetto.

L’idea dietro questo provvedimento, cioè, è che questa sorta di auto-denuncia per integrare la gogna nazionale dei pregiudicati con i propri dati Internet , servirà a tenere lontano da ambiti di social networking e siti per minori persone che potrebbero, secondo il giudizio comune, approfittare degli strumenti online per perpetrare ulteriori reati.

Il database con tutti i nuovi dati, infatti, verrà messo a disposizione dei grandi fornitori di servizi social come MySpace, Facebook e via dicendo, integrando così la ricerca che questi ultimi già svolgono per individuare e mettere al bando i pregiudicati. Queste grandi società del networking sociale non avranno quindi più scuse, questa è l’idea, e la rete sarà più protetta di prima .

Inevitabile chiedersi se sarà davvero così. Le prime domande che emergono riguardano la facilità con cui è possibile creare identità multiple in rete, adottando account diversi per servizi diversi, differenziando le modalità di accesso a questo o quel network, nascondendo l’IP di connessione e via dicendo. Questo significa che qualunque persona condannata per reati sessuali, o qualsiasi altro reato, non dovrebbe avere difficoltà ad aggirare il ban imposto dal Congresso.

A questo si aggiunge poi, naturalmente, la delicata questione della libertà di espressione e la tutela degli altri diritti della persona. Di recente alcune sentenze hanno ribadito il diritto ad esprimersi anonimamente in rete anche per coloro che sono stati condannati per reati sessuali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 10 2008
Link copiato negli appunti