Nightwatch, un bracciale smart contro l'epilessia

Dai laboratori di un'università olandese un bracciale in grado di identificare le crisi epilettiche, allertando prontamente i soccorsi.

Arriva dai laboratori della Eindhoven University of Technology un bracciale smart destinato a tutti coloro che soffrono di epilessia, un dispositivo indossabile progettato in modo da identificare i segnali che caratterizzano un attacco, così da poter allertare l’intervento di un soccorso in modo pressoché immediato se il soggetto si trova isolato.

Nightwatch, come funziona

Nightwatch, questo il nome del dispositivo, si indossa sull’avambraccio in modo del tutto non invasivo. Integra al suo interno sensori in grado sia di misurare la frequenza del battito cardiaco sia di rilevare i movimenti involontari del corpo che solitamente vengono innescati dal sopraggiungere di una crisi. Sulla base di queste due indicazioni può stabilire quando si verifica un attacco, agendo di conseguenza. I test condotti durante la fase di collaudo hanno fatto registrare un elevato livello di affidabilità: il device rileva l’85% delle convulsioni di entità importante e il 96% di quelle più gravi. Le alternative oggigiorno disponibili sul mercato si fermano mediamente poco oltre il 20%.

I responsabili del progetto hanno dato vita a una società, battezzata LivAssured, con l’obiettivo di commercializzare il prodotto una volta giunto alla sua versione definitiva. Rimane in ogni caso del lavoro da svolgere, ad esempio per combinare i due parametri misurati in modo da raggiungere un livello di precisione e affidabilità ancora più elevato. Il team ha inoltre manifestato l’intenzione di voler consentire a ognuno di personalizzarne il comportamento così da adattarlo ai diversi modi di manifestarsi della patologia.

Nightwatch, il braccialetto smart che identifica gli attacchi di epilessia

L’epilessia, un problema globale

Uno strumento di questo tipo, secondo i suoi creatori, può potenzialmente ridurre il numero dei decessi riconducibili alla cosiddetta SUDEP (Sudden Unexpected Death in Epilepsy) ovvero un evento legato alle crisi epilettiche che si verifica all’improvviso, spesso durante le ore notturne. Un fenomeno che espone a gravi rischi soprattutto coloro affetti da disabilità intellettive o la cui malattia si dimostra resistente alle terapie farmacologiche.

Nightwatch è il risultato di studi e ricerche protrattesi per circa due decenni, condotte dalla già citata Eindhoven University of Technology e dall’organizzazione olandese Kempenhaeghe che si occupa proprio di studiare e curare una condizione che nelle sue varie forme interessa circa l’1% della popolazione mondiale, arrivata a causare 125.000 decessi solo nel 2015.

Fonte: Eindhoven University of Technology

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Mauro scrive:
    Molto interessante... tuttavia, spero non sia soggetto a falsi positivi. Esempio. Sono epilettico, ma da anni (20) non ho più una crisi. Tuttavia, a volte, per stanchezza, al computer, senza un po' di irrigidimento muscolare, ma non si presenta nemmeno sottoforma di tremito. Spero sappia riconoscere i segnali da una crisi vera e propria
Chiudi i commenti