Nintendo, più pupazzi che videogiochi

La corporation nipponica svela le novità in arrivo per Wii U, 3DS, Amiibo e merchandising vario, mentre sul marketplace virtuale tornano i classici N64 e spariscono i remake creati dai fan

Roma – Nintendo è una società sempre più orientata al merchandising e sempre meno allo sviluppo di videogiochi puri, almeno da quanto emerge dopo la presentazione delle future novità ludiche nel nuovo appuntamento con la trasmissione in streaming Nintendo Direct .

La parte del leone della nuova line-up Nintendo , in questi primi giorni di aprile, l’hanno infatti avuta le nuove action figure interattive della linea Amiibo con nuovi modelli in arrivo; per le statuette che accompagneranno il gioco Yoshi ‘s Wooly World si parla dell’utilizzo di un rivestimento in tessuto, mentre la funzionalità Amiibo Tap: Nintendo’s Greatest Bits permetterà ai possessori di Amiibo di “sbloccare”, tramite apposita app gratuita, un demo casuale di tre minuti per uno dei giochi a cui il soggetto della statuina appartiene.

Non bastassero le figure e i DLC (il pokemon Mewtwo per Super Smash Bros.), Nintendo continua la sua apparente mutazione genetica con una nuova linea di Amiibo card – vale a dire carte collezionabili con integrato un chip per le comunicazioni NFC su console Nintendo compatibili (al momento 3DSL XL).

E i videogiochi o presunti tali? In attesa del prossimo Zelda con gameplay open world, qualche sparuta novità è stata presentata anche in occasione dello streaming Direct e include Mario Maker, pacchetti di espansione per Mario Kart 8, e poco altro.

Nintendo ha infine annunciato la rinascita dei vecchi giochi per Nintendo 64 e DS sulla Virtual Console di Wii U, esperienza emulativa/simulativa che sarà disponibile a prezzi modici e includerà una serie di personalizzazioni per controlli e layout visivo sul gamepad della home console e sullo schermo televisivo. Si comincia con Yoshi ‘s Island e Mario 64 al costo di 10 dollari cadauno, e a questo punto non stupisce che il remake amatoriale del primo livello di Mario 64 (su engine Unity) sia stato cancellato dalla rete tramite notifica DMCA.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gino pasticcino scrive:
    Bah
    Onestamente paragonare l'universal app platform di Microsoft con questa mondezza di emulatore di gogol è alquanto <i
    unfair </i
    • . . scrive:
      Re: Bah
      - Scritto da: gino pasticcino
      Onestamente paragonare l'universal app platform
      di Microsoft con questa mondezza di emulatore di
      gogol è alquanto <i
      unfair </i
      In effetti sarebbero paragonabili solo se le universal app fossero multipiattaforma.
      • gino pasticcino scrive:
        Re: Bah
        - Scritto da: . .
        - Scritto da: gino pasticcino

        Onestamente paragonare l'universal app
        platform

        di Microsoft con questa mondezza di
        emulatore
        di

        gogol è alquanto <i
        unfair </i


        In effetti sarebbero paragonabili solo se le
        universal app fossero
        multipiattaforma.Quindi Android/Chrome/ChromeOS sarebbe "multipiattaforma"?Secondo me è un multiaborto però io sono uno esigente, in molti si accontentano.
        • Gibbuti scrive:
          Re: Bah
          - Scritto da: gino pasticcino
          - Scritto da: . .

          - Scritto da: gino pasticcino


          Onestamente paragonare l'universal app

          platform


          di Microsoft con questa mondezza di

          emulatore

          di


          gogol è alquanto <i
          unfair
          </i




          In effetti sarebbero paragonabili solo se le

          universal app fossero

          multipiattaforma.

          Quindi Android/Chrome/ChromeOS sarebbe
          "multipiattaforma"?
          Secondo me è un multiaborto però io sono uno
          esigente, in molti si
          accontentano.Secondo me una app universale dovrebbe girare su Android/Windows/Linux/IOS
  • JJ JJ scrive:
    Advertising
    Cito dall'articolo:Il nuovo ARC supporta un certo numero delle API Android più importanti per autenticazione (OAuth2), messaggistica (Google Messaging), advertising e altro, fatto che dovrebbe incrementare notevolmente la compatibilità tra le app Android e Chrome/Chrome OS.Era davvero fondamentale introdurre il supporto alle API pubblicitarie prima, di altre....
  • colore scrive:
    funziona!
    Altro che scherzo del primo aprile.Ho caricato un apk e funziona egregiamente, unico problema il text-to-speech non è attivo, per il resto è più veloce dei vari emulatori Android!
    • Etype scrive:
      Re: funziona!
      - Scritto da: colore
      Altro che scherzo del primo aprile.
      Ho caricato un apk e funziona egregiamente, unico
      problema il text-to-speech non è attivo, per il
      resto è più veloce dei vari emulatori
      Android!E dimmi un po', senza chrome funziona tutto?Esiste LiveCode, da una vita.Di questo progetto non si sentiva alcun bisogno.Non fosse il bisogno di Google di espandere il suo controllo sui device fissi.Siamo tornati all'era degli ActiveX, made in Google.
      • collione scrive:
        Re: funziona!
        strategia EEE on steroidscomunque l'idea di activex non era male, in un'epoca in cui non esistevano vp8, spidermonkey, ecc...era di fatto l'unico modo per avere qualcosa che somigliava ai moderni web servicesil problema era che ms l'aveva sviluppata senza minimamente considerare la sicurezza, cosa che invece google ha fattopoi è chiaro che una piattaforma standard, molto diffusa, di dimensioni notevoli, crea una superficie d'attacco significativa per i malintenzionaticomunque lo scopo di google è evidentemente quello di rendere inutile windows, mostrare all'utente cosa si può fare con le app android, offrendogli un'esperienza castrata su desktop in modo da farlo passare a dispositivi android-basedquello che non capisco è perchè far fare la stessa fine a chromeos, visto che nelle loro intenzioni doveva essere un OS riservato a specifici usi, orientato al cloud aziendale, alle configurazioni zero-config e ad una maggiore sicurezza
    • Hop scrive:
      Re: funziona!
      - Scritto da: colore
      Altro che scherzo del primo aprile.
      Ho caricato un apk e funziona egregiamente, unico
      problema il text-to-speech non è attivo, per il
      resto è più veloce dei vari emulatori
      Android!Ci risiamo:"Write Once, Debug Everywhere" :D
      • Otelma scrive:
        Re: funziona!
        - Scritto da: Hop
        "Write Once, <s
        Debug </s
        bot-net Everywhere" :DFixed
        • tucumcari scrive:
          Re: funziona!
          - Scritto da: Otelma
          - Scritto da: Hop


          "Write Once, <s
          Debug </s

          bot-net Everywhere"
          :D
          FixedImpara dagli esperti, trolletto!Io mandavo e-mai già nel 1980!
          • Piscio d aprile scrive:
            Re: funziona!
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: Otelma

            - Scritto da: Hop




            "Write Once, <s
            Debug
            </s



            bot-net Everywhere"

            :D

            Fixed

            Impara dagli esperti, trolletto!
            Io mandavo e-mai già nel 1980![img]http://loldamn.com/wp-content/uploads/2011/12/funny-gif-cat-shocked-face.gif[/img]
  • ner scrive:
    LINUX HA FALLITO
    come da titolo
    • AG DOM scrive:
      Re: LINUX HA FALLITO
      - Scritto da: ner
      come da titoloAncora no ma tanto l'anno prossimo sarà l'anno di windows phone!(rotfl)(rotfl)
  • Etype scrive:
    Fool?
    Non era un pesce d'Aprile?Google non ha alcuna intenzione di fare app universali, Google è interessata a sfruttare l'open source per aumentare il suo predominio sui sistemi mobili e fissi.
  • Western Digital scrive:
    pesce?
    pubblicato il 1o aprile su google store, non credo proprio.
Chiudi i commenti