Nokia e il ritorno al profitto

Risultati finanziari più positivi del previsto per l'azienda, che piazza qualche milione di terminali Lumia e torna a fare cassa. Ma il business complessivo continua a crollare

Roma – Qualcosa sta cambiando nel destino finanziario di Nokia, che negli ultimi risultati economici fa registrare una crescita nelle vendite di smartphone Lumia e un ritorno agli utili dopo anni di magra. Ma potrebbe essere solo una vittoria di Pirro: nel complesso, il business della società finlandese si restringe.

Come già anticipato in precedenza , nell’ultimo trimestre dell’anno Nokia ha venduto 4,4 milioni di nuovi terminali Windows Phone (Lumia), un incremento di più del 50 per cento rispetto ai dati del terzo trimestre (2,9 milioni) e un contributo importante ai ricavi complessivi per il periodo temporale in oggetto (8,04 miliardi di euro).

Nokia torna alla redditività con 439 milioni di euro in profitti, un dato molto positivo se si fa il confronto con quello di fine 2011 (un deficit di 1,2 miliardi di euro).

La realtà è però amara, se si prendono in considerazione i dati nel complesso. I 4,4 milioni di Lumia venduti (o un decimo di quanto venda in tre mesi una Apple qualsiasi , per non parlare di Samsung) non riescono a compensare il crollo della divisione “smart device” della multinazionale, che unisce la linea Windows Phone e Symbian (l’ultimo dei quali rimarrà 808 PureView): crolla del 66 per cento rispetto ai dati del 2011 e da 19,6 milioni di dispositivi si passa ai magrissimi 6,6 milioni attuali, con i ricavi che scendono da 113,5 milioni a 86,3 milioni.

Il grosso dei ricavi di Nokia continua a venire dalla divisione di dispositivi di telecomunicazioni Nokia Siemens Networks e, anche se il CEO Stephen Elop si dice “molto incoraggiato” dalle performance economiche, il futuro della società finlandese è ancora incerto secondo gli analisti : nel 2013 le vendite dovranno crescere in maniera molto più significativa di quanto abbiano sin qui permesso di fare i gadget “piastrellati” con Windows Phone.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Lisander scrive:
    Costruttivi?
    Niente di costruttivo *realmente*.La sicurezza dei sistemi è sacrosanta, specie per le infrastrutture primarie (energia e trasporti), ma che si inizi così non è un buon segno.Quoto tutti e purtroppo l'accenno a mps di armstrong mi ha messo di cattivo umore: per salvare una banca (ma dove sta scritto che va salvata?) si spendono miliardi di euro, specie di questi tempi...Sono schifato da banche, bce (dei privati governano l'europa!), politici di emmenthal, & simili.E anche da noi, che permettiamo a questa gente di continuare i loro sporchi affari...
    • Leguleio scrive:
      Re: Costruttivi?
      - Scritto da: Lisander
      Quoto tutti e purtroppo l'accenno a mps di
      armstrong mi ha messo di cattivo umore: per
      salvare una banca (ma dove sta scritto che va
      salvata?) si spendono miliardi di euro, specie di
      questi
      tempi...Purtroppo anche per salvare Alitalia. Ancora non sappiamo a quanto ammonta il conto, la vicenda non è conclusa, ma al termine della storia avremo amare sorprese. E la più amara sarà che Alitalia non è stata affatto salvata, è semplicemente in mani straniere. E di casi del genere, noti e meno noti, ce ne sono tanti...Non sta scritto da nessuna parte che una banca va salvata, in effetti. Non va però dimenticato che una banca è fatta dai soldi di privati cittadini, alcuni ricchi altri no, e dei risparmi che vi mettono. In caso di fallimento, i suddetti privati cittadini non hanno più acXXXXX ai loro soldi. Esiste un fondo di garanzia (il fondo interbancario di tutela dei depositi) che però copre solo fino a 100 000 euro a correntista. È abbastanza ovvio che il resto, in caso di fallimento, lo debba rimborsare lo Stato (e quindi il contribuente): talvolta conviene di più tenere un vita una banca moribonda che lasciarla morire e poi dividersi le magre spoglie.
      • armstrong scrive:
        Re: Costruttivi?
        - Scritto da: Leguleio
        - Scritto da: Lisander


        Quoto tutti e purtroppo l'accenno a mps di

        armstrong mi ha messo di cattivo umore: per

        salvare una banca (ma dove sta scritto che va

        salvata?) si spendono miliardi di euro,
        specie
        di

        questi

        tempi...

        Purtroppo anche per salvare Alitalia.E qui mi girano forte, forte a me :D Ancora non
        sappiamo a quanto ammonta il conto, la vicenda
        non è conclusa, ma al termine della storia avremo
        amare sorprese. E la più amara sarà che Alitalia
        non è stata affatto salvata, è semplicemente in
        mani straniere.Ha importanza, se poi funziona?
        Non sta scritto da nessuna parte che una banca va
        salvata, in effetti. Non va però dimenticato che
        una banca è fatta dai soldi di privati cittadini,
        alcuni ricchi altri no, e dei risparmi che vi
        mettono. In caso di fallimento, i suddetti
        privati cittadini non hanno più acXXXXX ai loro
        soldi.Forse e dico forse, starebbero più attenti a dove li mettono ;)
        Esiste un fondo di garanzia (il fondo
        interbancario di tutela dei depositi) che però
        copre solo fino a 100 000 euro a correntista.Pensa a quel poveraccio che avrebbe perso 28 miliardi di lire in libretti al portatore :D
        • Leguleio scrive:
          Re: Costruttivi?
          - Scritto da: armstrong


          Quoto tutti e purtroppo l'accenno a mps
          di


          armstrong mi ha messo di cattivo umore:
          per


          salvare una banca (ma dove sta scritto
          che
          va


          salvata?) si spendono miliardi di euro,

          specie

          di


          questi


          tempi...



          Purtroppo anche per salvare Alitalia.

          E qui mi girano forte, forte a me :DCitazione di una canzone di Gipo Farassino?https://www.youtube.com/watch?v=r7SJ8cuBZGM
          Ancora non

          sappiamo a quanto ammonta il conto, la
          vicenda

          non è conclusa, ma al termine della storia
          avremo

          amare sorprese. E la più amara sarà che
          Alitalia

          non è stata affatto salvata, è semplicemente
          in

          mani straniere.

          Ha importanza, se poi funziona?Sì, ha importanza. Sono stati spesi soldi per un tentativo che non ha prodotto un bel niente; che Alitalia sarebbe stata pesantemente svenduta si sapeva fin dall'inizio.

          Non sta scritto da nessuna parte che una
          banca
          va

          salvata, in effetti. Non va però
          dimenticato
          che

          una banca è fatta dai soldi di privati
          cittadini,

          alcuni ricchi altri no, e dei risparmi che vi

          mettono. In caso di fallimento, i suddetti

          privati cittadini non hanno più acXXXXX ai
          loro

          soldi.

          Forse e dico forse, starebbero più attenti a dove
          li mettono
          ;)Eh, ma non è compito del cliente della strada controllare gli assetti finanziari di una banca. Soprattutto quando è la quarta in Italia.

          Esiste un fondo di garanzia (il fondo

          interbancario di tutela dei depositi) che
          però

          copre solo fino a 100 000 euro a correntista.
          Pensa a quel poveraccio che avrebbe perso 28
          miliardi di lire in libretti al portatore
          :DNel caso del fallimento del Monte dei Paschi di Siena, i poveracci sarebbero diverse migliaia. Non è cosí importante il valore complessivo delle perdite, ma il numero spropositato di cittadini incolpevoli trascinati nel baratro da questa vicenda.
        • dataghoul2 scrive:
          Re: Costruttivi?
          - Scritto da: armstrong

          una banca è fatta dai soldi di privati
          cittadini,

          alcuni ricchi altri no, e dei risparmi che vi

          mettono. In caso di fallimento, i suddetti

          privati cittadini non hanno più acXXXXX ai
          loro

          soldi.

          Forse e dico forse, starebbero più attenti a dove
          li mettono
          ;)ti sei reso conto da solo dell'immane stupidaggine che hai scritto, o te la dobbiamo spiegare?
  • XYZ scrive:
    No seriamente...
    ..Non ho mai letto tante XXXXXXX tutte insieme. Un ottimo esempio su come riempire un foglio bianco senza riempirlo.In ogni caso la dinamica è quella, identity convergence a livello mondiale... magari fra 5 anni loggheremo su un sito per prenotare una visita medica utilizzando facebook connect e pagando il ticket via paypal, anzichè fare la fila ad uno sportello... Ed è QUESTO il reale interesse. Be Digital or Cease To Exist.
    • armstrong scrive:
      Re: No seriamente...
      - Scritto da: XYZ
      ..Non ho mai letto tante XXXXXXX tutte insieme.

      Un ottimo esempio su come riempire un foglio
      bianco senza
      riempirlo.

      In ogni caso la dinamica è quella, identity
      convergence a livello mondiale... magari fra 5
      anni loggheremo su un sito per prenotare una
      visita medica utilizzando facebook connect e
      pagando il ticket via paypal, anzichè fare la
      fila ad uno sportello...Ma perchè bisogna ficcare fessbuk ovunque? :D
  • gualth scrive:
    nuova cybermangiatoia??
    sarà una nuova mangiatoia.. di solito le pensano pure di notte pur di pappare durante il giorno!
  • mnovait scrive:
    babele
    magari potrebbero iniziare a porre un freno alla miriade di software gestionali fatti ad hoc per ogni ente pubblico/amministrazione locale.siamo arrivati al ridicolo....http://pinobruno.globalist.it/2012/07/la-babele-dei-50mila-software-nei-comuni-italiani/finchè non si inizia a ragionare in termini di spendig review seriamente non si fa nulla.con buona pace di tutti i riformatori.
  • Leguleio scrive:
    Boh?!?
    "gli utenti tricolore dovrebbero essere tutelati da "sistemi one-time-password, smart card o sistemi biometrici"."Cos'avranno contro le smart card? Mah....[img]http://images.yourdictionary.com/images/computer/_SCMCARD.GIF[/img]
    • MarcusPisel lonius scrive:
      Re: Boh?!?
      Quanti italiani vedi in giro che hanno un dispositivo di firma digitale? (a parte professionisti e società).Oltre al fatto che i driver sia dei lettori di smart-card sia delle smart-card stesse non sono il massimo dell'interoperabilità tra sistemi operativi diversi dal solito windows ..
  • AxAx scrive:
    Il tutto verrà ottenuto
    mediante l'istituzione di 3 apposite agenzie e relativi garanti (tutti a stipendo di 15k al mese + portaborse ed assimilati)
    • armstrong scrive:
      Re: Il tutto verrà ottenuto
      - Scritto da: AxAx
      mediante l'istituzione di 3 apposite agenzie e
      relativi garanti (tutti a stipendo di 15k al mese
      + portaborse ed
      assimilati)e al primo problema, un bello scarica barile tra le tre agenzie, vedi mps di questi giorni :D
Chiudi i commenti