Nomine AGCOM/ La parola ad Alessandra Poggiani

Per interpretare il nuovo mercato della comunicazione l'Autorità non dovrà essere guidata da immigrati digitali. E in ogni caso i commissari dovranno fare i tecnici e non i politici, in tutti i casi (diritto d'autore compreso)

Roma – Continua la serie di interviste ai potenziali commissari AGCOM. È ora il turno di Alessandra Poggiani, docente di interfacce, sistemi e contenuti per le nuove tecnologie presso la Facoltà di Scienze Sociali de La Sapienza di Roma e visiting professor di Economia Digitale alla Business School dell’Imperial College di Londra. Il suo CV completo è disponibile all’indirizzo manafactory.it .

Punto Informatico: Quattro commissari per la corsa agli uffici di Via Isonzo. Dopo 15 anni, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ha ormai guadagnato un ruolo da protagonista nella gestione dei settori TV/TLC. Una responsabilità cruciale per gli sviluppi futuri del Belpaese. Una domanda semplice: perché ha deciso di auto-candidarsi?
Alessandra Poggiani: Otto giorni fa mi trovavo a Londra per lavoro quando il telefono ha iniziato a cinguettare aggiornamenti Twitter che mi citavano. Ho controllato e il primo diceva #donnagcom ha un nome: @la_pippi . Nell’arco di poche ore, era partita una campagna spontanea al grido di #appoggiamolapoggiani . Ci ho sorriso, a dire il vero. Poi mi hanno chiamata dicendomi che era tutto vero. Una volta rientrata a Roma, mi sono detta “perchè no?”.
Soprattutto mi interessa mettermi al servizio di un principio: il principio è la necessità di selezione basata su regole, criteri e competenza, prima ancora della rappresentanza di genere (che è comunque importante), le “quote rosa” che poi sono state lo spunto della campagna su Twitter. Riflettendoci oggi, se è vero che sono arrivati centinaia di CV, il segnale da cogliere non è quello di affidare alla Rete le decisioni, quanto quello, ben più importante per questo paese, che in questi anni è cresciuta una generazione preparata e attenta e più europea. La generazione di Erasmus, cittadina del mondo anche attraverso l’apertura che il digitale ha permesso. Una generazione che è presente sulla Rete in quanto spazio libero e pubblico di dibattito democratico. Da questi spazi, se ascoltati, possono nascere solo buoni spunti.

PI: Come sottolineato dal Presidente della Camera Gianfranco Fini, tutte le candidature in formato CV saranno funzionali ad una valutazione professionale, indipendente e soprattutto trasparente dei papabili. È solo un segnale, ma pare che le istituzioni abbiano intrapreso un percorso preciso verso la meritocrazia. Secondo lei per l’authority sulle comunicazioni occorre un profilo tecnico o politico? Quali sono le competenze necessarie per operare al meglio in quel ruolo?
AP: AGCOM ha un ruolo tecnico, basta leggerne la sua missione istitutiva. E le questioni che deve affrontare sono principalmente tecniche, in ottemperanza a indirizzi politici che vengono espressi dal Parlamento e dal Governo. Come è stato scritto nel sostegno alla mia candidatura, sono convinta anche che le competenze che occorrono per affrontare un settore in costante e rapida evoluzione non possano ridursi a quelle giuridico-amministrative, pur importanti. C’è bisogno di competenze tecnologiche e competenze specifiche sull’economia digitale e i suoi contenuti. Penso anche che l’età e la capacità di interpretare i nuovi contesti rappresentino un fattore importante. AGCOM non può essere governata solo da “immigrati digitali”, se vuole essere in grado di interpretare il mercato in rapidissima evoluzione del mondo della comunicazione, delle nuove tecnologie, e dei loro impatti.

PI: Individuando le problematiche più spinose, il cosiddetto beauty contest è stato annullato a maggioranza dalla Commissione Finanze della Camera. E così il dividendo digitale che proviene dal passaggio al digitale terrestre sarà probabilmente assegnato attraverso un’asta a pagamento molto simile a quella già effettuata per le reti mobili. La politica italiana è però divisa, diciamo spaccata. Secondo l’ex-ministro Paolo Romani, l’emendamento che ha annullato il beauty contest sarebbe inefficace oltre che inopportuno: “così com’è congegnato non consentirà a Rai e Mediaset di partecipare alla gara”. Qual è la sua posizione a riguardo
AP: Il Governo ha adottato una decisione che ritengo utile per promuovere la concorrenza nel mercato italiano e al contempo valorizzare la risorsa pubblica. Ricordo che, già dal 2006, la Commissione Europea ha avviato una procedura di infrazione contro l’Italia per i vantaggi che, secondo la Commissione, hanno gli operatori analogici esistenti. L’AGCOM dovrà applicare quanto definito dal Governo, predisponendo un bando di gara, anche in collaborazione con la Commissione Europea, capace di guardare già al futuro, così come indicato dalle decisioni ITU a Ginevra nello scorso gennaio, che fissano al 2015 la liberazione della banda 700 dall’utilizzo televisivo allo scopo di aumentare il dividendo digitale per i servizi di banda larga mobile . Voglio però ricordare che la questione della concorrenza nel mercato italiano televisivo non può essere affrontata esclusivamente sotto il profilo tecnologico, perché è legata anche alla opportunità di accesso alle risorse pubblicitarie o altre nuove risorse economiche che possano permettere a più operatori di entrare nel mercato.

PI: Un’altra tematica che ha destato vibranti polemiche è legata alle misure di tutela del diritto d’autore sulle nuove reti di comunicazione elettronica. Parliamo della famigerata delibera 668/10/CONS. In Francia c’è HADOPI e i cosiddetti tre colpi che disconnettono gli utenti colti ripetutamente con le mani nel sacco del P2P. I netizen italiani dovrebbero attendersi un destino simile? L’ex-presidente Calabrò aveva rifiutato la visione di AGCOM “sceriffo di Internet”. Il notice-and-takedown di matrice statunitense diventa una formula sempre più diffusa, coinvolgendo le stesse piattaforme, ma anche i fornitori di connettività. Secondo lei chi dovrebbe agire per l’effettiva rimozione del materiale in violazione del copyright? Le chiedo anche se ha una proposta alternativa a quella introdotta dalla delibera?
AP: Probabilmente, un modello di autoregolamentazione dei soggetti coinvolti, in linea con quello adottato in Gran Bretagna, avrebbe potuto rappresentare una strada alternativa, che non è stata considerata con sufficiente attenzione. Altrimenti credo che, a garanzia dei diritti, la strada maestra sia quella di ricorrere all’autorità giudiziaria. Penso anche che su questi temi che toccano i diritti degli individui così profondamente (il diritto di accesso ad Internet è stato recentemente qualificato dall’Unione Europea come diritto costituzionale del cittadino europeo) la discussione debba essere affidata al Parlamento e debba avere uno sbocco legislativo.

PI: Per non parlare dell’urgente necessità di rivedere l’intero sistema giuridico alla base della proprietà intellettuale. Tra licenze copyleft e creative commons, l’Unione Europea ha esteso di altri 20 anni la durata del copyright legato alle registrazioni musicali. Qual è la sua posizione in merito? Sembra certo: bisogna trovare il giusto equilibrio tra il diritto di tutela della proprietà intellettuale e quello legato alla libertà d’informazione e di espressione. Ma come farlo al meglio?
AP: Sono convinta che il diritto d’autore sia sacrosanto e vada tutelato. Ma bisogna trovare forme di tutela adeguate ai nuovi canali che l’innovazione tecnologica ha reso possibili per la diffusione dei contenuti. Occorre ripensare complessivamente la legislazione sulla materia, alla luce dei cambiamenti radicali che l’economia digitale ha portato, in uno spazio di tempo molto breve. L’AGCOM potrebbe essere uno strumento tecnico consultivo di ausilio alla discussione parlamentare.

PI: Nel frattempo è stato divulgato il documento che contiene i piani preliminari per l’agenda digitale italiana. Sarà varato come decreto nella prossima estate. Concretamente, l’obiettivo ribadito è quello di portare la banda larga a tutti entro il 2013, ultraveloce alla metà delle abitazioni entro il 2020. Le buone intenzioni ci sono, ma il punto cruciale è rappresentato dalla effettiva disponibilità di risorse per trasformare i progetti in realtà. Quali sono, secondo lei, i campi d’azione di AGCOM?
AP: Il tema delle risorse non è un argomento su cui l’AGCOM può dare un contributo. Ritengo tuttavia che l’Autorità possa interpretare, nel rispetto delle competenze degli attori del sistema, un ruolo di stimolo alla necessità di realizzazione delle infrastrutture, la cui disponibilità effettiva e “universale” è una garanzia fondamentale nel sistema della comunicazione.

PI: All’inizio del 2012 l’Autorità aveva avanzato una proposta “in relazione all’imminente adozione delle misure pro-liberalizzazione per sostenere la crescita”. Si era parlato dell’adozione di una politica dello spettro radio, per la valorizzazione delle risorse frequenziali e dunque la liberazione di più risorse per la banda larga. Ma come incentivare al meglio lo sviluppo dell’intero ecosistema digitale tricolore? Penso alla questione legata allo scorporo della rete fissa. Lei pensa che la competizione vada accentuata sulle infrastrutture o sui servizi? Come vede la decisione di Cassa Depositi e Prestiti di investire in Metroweb?
AP: Di nuovo non possiamo immaginare che AGCOM abbia compiti che non ha. Gli indirizzi sulla politica industriale del paese sono di competenza del Governo e del Parlamento. Anche per questa ragione è importante che i commissari AGCOM abbiano competenze specialistiche e di settore: in questo modo l’AGCOM potrà rappresentare un migliore strumento consultivo anche su questi temi.

PI: Una questione annosa è legata alla riduzione delle tariffe di terminazione mobile. L’Europa ha indicato la via da tempo, ma il percorso intrapreso da AGCOM nello scorso novembre avrà compimento solo nel corso del 2013. Nel frattempo, gli utenti italiani continuano ad avere i prezzi più cari. Per non parlare del fatto che il valore di 5,3 eurocent resta in vigore fino al prossimo 1 luglio, in contrasto con la decisione di Bruxelles che ha previsto una diminuzione a 4,1 eurocent dal 1 gennaio 2012. Forse AGCOM si preoccupa troppo delle possibili conseguenze sul mercato?
AP: Il problema delle tariffe è uno dei principali problemi all’ordine del giorno e la sua soluzione dovrebbe essere una priorità. Seguire la rotta tracciata dalle indicazioni comunitarie è una strada che va percorsa con meno lentezze e maggiore determinazione.

PI: Il giornalista/storico siciliano Carlo Ruta è stato alla fine assolto in Cassazione. In sostanza, il suo blog Accade In Sicilia viene considerato come una semplice pagina web e non come un prodotto editoriale da chiudere per “stampa clandestina”. Inevitabilmente, viene coinvolta la legge 62/2001 che costringe i blogger a differenziarsi dagli editori. Sembra che l’Italia non sia un paese per Internet. Cosa si può fare allora?
AP: Come accennato in una risposta precedente, il tema di fondo è che la legislazione in questo settore non è riuscita a stare al passo con i tempi. Le norme che andavano bene per la carta stampata, e che poi sono state in qualche modo adattate al mezzo televisivo (si noti ambedue comunque strumenti di comunicazione di massa), non si attagliano ai nuovi mezzi di comunicazione digitali e interattivi. Occorre – lo ripeto – ripensare complessivamente la legislazione sulla materia, alla luce della rivoluzione digitale. Ma questo è di competenza del Parlamento. Poter contare su una AGCOM preparata ed esperta in materia di nuove tecnologie e di economia digitale può rappresentare un acceleratore e uno straordinario supporto di competenza al dibattito parlamentare e pubblico.

PI: In definitiva, la prossima agenda di AGCOM sarà piena, con numerose questioni accompagnate dalle polemiche più feroci. Dallo sviluppo delle reti di nuova generazione alle politiche di gestione dello spettro radio già adottate dalla Commissione Europea. Secondo lei quali sono le più urgenti per il futuro del paese?
AP: È urgente fare in modo che questo paese lo abbia, un futuro! Fuori di battuta, la realizzazione delle infrastrutture è un punto cruciale per immaginare che l’Italia possa ancora competere sul piano internazionale e avere occasioni di sviluppo e di crescita. Il settore Comunicazioni è un settore cruciale e cardine della nuova fase economica. Ma ha bisogno di regole certe, pluralità e trasparenza. Garantire con procedure più certe e aperte la selezione delle persone chiamate a ricoprire questo ruolo non potrà che portare bene.

a cura di Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dont feed the troll/dovella scrive:
    A quanto pare
    pure i link in cui google mostra che jellybean è Android 4.1 e non 5 violano la privacy.
    • crumiro scrive:
      Re: A quanto pare
      Hai notato anche tu?Che clowns...
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: A quanto pare
        - Scritto da: crumiro
        Hai notato anche tu?

        Che clowns...Mai contraddire Annunziata, fa le ripicche come i mocciosi.
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: A quanto pare
        - Scritto da: crumiro
        Hai notato anche tu?

        Che clowns...Scusa non posso risponderti "chissaitu" sta ancora sbavando bile come un castoro psicopatico.
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    Luca, non capisco
    Perchè perdi tempo a XXXXrmi un post alla volta, quando è ormai evidente che è una questione personale.Cancellami l'account e facciamola finita.
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    Cmq non per insistere ma
    http://www.google.it/#q=jellybean+android+5.0+or+4.1%3F&hl=it
    • MeX scrive:
      Re: Cmq non per insistere ma
      ma che poi la cosa triste è che Annunziata non ha capito che il problema non è 5 o 4.1, io mi riferivo al modo con cui ha risposto ad un suo utente!"sai qualcosa che noi non sappiamo?"In una domanda è riuscito a risultare supponente, arrogante e antipatico!
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Cmq non per insistere ma
        - Scritto da: MeX
        ma che poi la cosa triste è che Annunziata non ha
        capito che il problema non è 5 o 4.1, io mi
        riferivo al modo con cui ha risposto ad un suo
        utente!

        "sai qualcosa che noi non sappiamo?"

        In una domanda è riuscito a risultare supponente,
        arrogante e
        antipatico!Eh capirai che novità.
      • crumiro scrive:
        Re: Cmq non per insistere ma
        Quotone.Subito pensavo fosse l'nsimo troll, ma poi ho letto "redazione".Mamma mia!
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Cmq non per insistere ma
        - Scritto da: MeX
        ma che poi la cosa triste è che Annunziata non ha
        capito che il problema non è 5 o 4.1, io mi
        riferivo al modo con cui ha risposto ad un suo
        utente!

        "sai qualcosa che noi non sappiamo?"

        In una domanda è riuscito a risultare supponente,
        arrogante e
        antipatico!Wow mi ha censurato persino "Eh capirai che novità".Forse devo incominciare a dare del ladro a tutti e magari aprire una videoteca, così non mi censura +.
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    Oh Luca, grazie
    per avermi censurato ancora una volta. Mi farai fare il record.Ps.Continua a coccolare i pirate haters, altrimenti su 'ste pagine non ci viene + nessuno.
  • ruppolo scrive:
    Flop!
    10% dopo 8 mesi è un flop. Per gli utenti, naturalmente.
    • gnammolo scrive:
      Re: Flop!
      peccato che la 2.2 fa già più cose dei ios 5
    • Ciccio scrive:
      Re: Flop!
      Ma si sta parlando di device nuovi venduti o di device attivi in generale?Ad esempio, io non compro un nuovo telefono ogni sei mesi... mi pare abbastanza logico che ci voglia tempo prima che avvenga il ricambio. Suppongo che anche in campo OSX esistano ancora degli utenti con il loro obsoleto iPhone 3G, no? Così come su Windows ci sono ancora moltissimi Windows XP in uso.Comunque, che i produttori di hardware per Android dovrebbero essere più efficienti nel far uscire gli aggiornamenti del sistema operativo per i loro device, secondo me è vero (alcuni device vengono aggiornati ad anni di distanza, altri non vengono aggiornati affatto...).
      • MeX scrive:
        Re: Flop!
        - Scritto da: Ciccio
        Ma si sta parlando di device nuovi venduti o di
        device attivi in
        generale?poverini, ormai per voi è normale dover COMPRARE un nuovo telefono per avere l'ultima versione?
      • sviluppa mucche scrive:
        Re: Flop!
        - Scritto da: Ciccio
        Ma si sta parlando di device nuovi venduti o di
        device attivi in
        generale?
        Ad esempio, io non compro un nuovo telefono ogni
        sei mesi... mi pare abbastanza logico che ci
        voglia tempo prima che avvenga il ricambio.cioé quando compri un telefono dai per scontato di non poter aggiornare il firmware? Apple te li aggiorna per tre anni: il giorno stesso in cui è uscito iOS5 (lo scorso ottobre, più o meno quando è uscito anche ICS) lo potevi installare sull'iPhone 3GS del 2009.
        Suppongo che anche in campo OSX esistano ancora
        degli utenti con il loro obsoleto iPhone 3G, no?
        Così come su Windows ci sono ancora moltissimi
        Windows XP in
        uso.

        Comunque, che i produttori di hardware per
        Android dovrebbero essere più efficienti nel far
        uscire gli aggiornamenti del sistema operativo
        per i loro device, secondo me è vero (alcuni
        device vengono aggiornati ad anni di distanza,
        altri non vengono aggiornati
        affatto...).
      • sviluppa mucche scrive:
        Re: Flop!
        - Scritto da: Ciccio
        Ma si sta parlando di device nuovi venduti o di
        device attivi in
        generale?
        Ad esempio, io non compro un nuovo telefono ogni
        sei mesi... mi pare abbastanza logico che ci
        voglia tempo prima che avvenga il ricambio.cioé quando compri un telefono dai per scontato di non poter aggiornare il firmware? Apple te li aggiorna per tre anni: il giorno stesso in cui è uscito iOS5 (lo scorso ottobre, più o meno quando è uscito anche ICS) lo potevi installare sull'iPhone 3GS del 2009.Qui stiamo parlando di telefoni del 2010 o anche 2011 di cui non eiste alcun aggiornamento del firmware
        Suppongo che anche in campo OSX esistano ancora
        degli utenti con il loro obsoleto iPhone 3G, no?il 3G è del 2008 ed è stato aggiornato fino a iOS4, cioé ha avuto l'ultima vwersione di iOS fino a un anno fa, 2011. Il Galaxy S, telefono del 2010 (cioé di due anni più nuovo) non può essere aggiornato a ICS
        Così come su Windows ci sono ancora moltissimi
        Windows XP in uso.Ovvio: Vista faceva pena e non l'ha preso nessuno, gli sviluppatori non aggiornava il sw per le nuove release, e qualcosa si sta muovendo solo adesso con Seven, dopo che MS ha cessato di vendere XP. Il paragone non c'azzecca per niente
        Comunque, che i produttori di hardware per
        Android dovrebbero essere più efficienti nel far
        uscire gli aggiornamenti del sistema operativo
        per i loro device, secondo me è vero (alcuni
        device vengono aggiornati ad anni di distanza,
        altri non vengono aggiornati affatto...).non è che dovrebbero essere più efficienti... dovrebbero quantomeno farli, perché al momento non li fanno
        • crumiro scrive:
          Re: Flop!
          A parte che sono aggiornamenti parziali (Siri sul 4 non si è visto, ed è solo un esempio!), quello che mi sembra la maggior parte delle persone non ha capito è che la 2.x continua a funzionare e ad avere app e tutto quello che serve.Pertanto, veramente, come avevo scritto: è una non notizia. È come fare un articolo per dire "Siri esiste solo sul 4S".Ridicolo.
    • sbertuccia scrive:
      Re: Flop!
      - Scritto da: ruppolo
      10% dopo 8 mesi è un flop. Per gli utenti,
      naturalmente.io non mi lamento di esser rimasto alla 2.3.xx...il sistema funziona, tutti le app che mi interessano funzionano pure, direi che non potrei desiderare di più! L'XXXXXXXX sarebbe avere un sistema non funzionante, seppure aggiornato all'ultimissima versione ISXCxXC di Android, di cui sinceramente posso fare anche a meno!
  • Antony scrive:
    Troppe versioni
    ...o meglio: troppo lenti i fornitori (Motorola, HTC, Samsung, eccetera...) a rilasciare le customizzazioni per i modelli che non nascono già con l'Android nuovo.Ho un DualCore da 1 anno e mezzo ed è previsto IceCream a fine anno...cioè ben 1 anno dopo la sua uscita.Mi pare ovvio che Gingerbread domina: non ci sono gli aggiornamenti ad ICS per il 905 dei device usciti....nemmeno i top della Gamma come il Galaxy S2 da 700 euro (quando è uscito)!!!Ridicoli....
    • Trout scrive:
      Re: Troppe versioni
      Ah, il parlare spacciando dicerie per certezze!!Com'è che il mio SII ha già ricevuto l'aggiornamento "ufficiale" da quasi un mese e un richiamino OTA pochi giorni fa?
  • crumiro scrive:
    Notizia non notizia
    Come da titolo.
  • sviluppa mucche scrive:
    wow...
    ..."ben" il 10% in circa 8 mesi: un sucXXXXXne!!! E adesso che a fine mese esce una versione nuova che fanno? L'inno alla frammentazione?
  • crumiro scrive:
    Annunziata
    Spiegami perchè i miei commenti spariscono.Non mi dire che "non sono coerenti con l'argomento", perchè altrimenti dovreste XXXXre via il 90% dei commenti.Ti da forse fastidio se i tuoi "clienti" si sentono infastiditi del trattamento e te lo fanno notare?
  • un amico scrive:
    rapporto bimestrale
    The following pie chart and table is based on the number of Android devices that have accessed Google Play within a *14-day period* ending on the data collection date noted below.A dire il vero il rapporto e' bi-settimanale.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: rapporto bimestrale
      grazie, un lapsus, sistemiamo
    • Ciccio scrive:
      Re: rapporto bimestrale
      Ma con "percentuale del mercato" si sta parlando di DEVICE NUOVI VENDUTI (come dire che meno del 10% dei nuovi device monta l'ultimo sistema operativo), oppure di TUTTI I DEVICE ANDROID ATTIVI?A leggere questo articolo, sembrerebbe essere il primo caso... ma ho l'impressione che in realtà si tratti del secondo, vista la frase "...number of Android devices that have accessed Google Play within a 14-day period ending..." citata in un commento.Tra le due cose c'è una differenza mica da poco!
  • MeX scrive:
    10%...
    oooo eh si questo è l'effetto della "update committee" annunciata al Google I/O dell'anno scorso AHAHAHAH :D
    • Umme scrive:
      Re: 10%...
      Mi potete chiarire un punto?Visto che android gira su una vm e questo metodo è stato scelto appunto per gestire vari dispositivi più facilmente come mai c'è ancora questa frammentazione?I produttori suppongo debbano fornire i driver per l'hardware che s'interfaccia con la vm e poi quest'ultima passa le risorse hw al sistema operativo. Quindi più o meno non sarebbe sempre quello? Che poi ICS li utilizzi differentemente non dovrebbe essere un problema visto che il produttore va a riscrivere solo la parte HW
      VM?
      • Winaro scrive:
        Re: 10%...
        - Scritto da: Umme
        Mi potete chiarire un punto?
        Visto che android gira su una vm e questo metodo
        è stato scelto appunto per gestire vari
        dispositivi più facilmente come mai c'è ancora
        questa
        frammentazione?
        I produttori suppongo debbano fornire i driver
        per l'hardware che s'interfaccia con la vm e poi
        quest'ultima passa le risorse hw al sistema
        operativo. Quindi più o meno non sarebbe sempre
        quello? Che poi ICS li utilizzi differentemente
        non dovrebbe essere un problema visto che il
        produttore va a riscrivere solo la parte HW

        VM?Android ha una VM, Dalvik attraverso cui esegue le "apps".Non "gira" su una VM.La frammentazione credo riguardi in parte le API rese disponibili di versione in versione, in parte al parco hardware, troppo esteso per dire che (per fare un esempio) "angry birds" funzioni in maniera fluida su qualsiasi dispositivo Android.Per fortuna ora c'è Windows 8 (TM) di Microsoft Corporation. Ne vederemo delle belle! :DParola di Winaro! ;)
        • il solito bene informato scrive:
          Re: 10%...
          - Scritto da: Winaro
          - Scritto da: Umme

          Mi potete chiarire un punto?

          Visto che android gira su una vm e questo
          metodo

          è stato scelto appunto per gestire vari

          dispositivi più facilmente come mai c'è
          ancora

          questa

          frammentazione?

          I produttori suppongo debbano fornire i
          driver

          per l'hardware che s'interfaccia con la vm e
          poi

          quest'ultima passa le risorse hw al sistema

          operativo. Quindi più o meno non sarebbe
          sempre

          quello? Che poi ICS li utilizzi
          differentemente

          non dovrebbe essere un problema visto che il

          produttore va a riscrivere solo la parte HW



          VM?

          Android ha una VM, Dalvik attraverso cui esegue
          le
          "apps".
          Non "gira" su una VM.
          La frammentazione credo riguardi in parte le API
          rese disponibili di versione in versione, in
          parte al parco hardware, troppo esteso per dire
          che (per fare un esempio) "angry birds" funzioni
          in maniera fluida su qualsiasi dispositivo
          Android.
          Per fortuna ora c'è Windows 8 (TM) di Microsoft
          Corporation. Ne vederemo delle belle!
          :D

          Parola di Winaro! ;)"parco hardware troppo esteso" per me è una str*****a (con rispetto parlando). I dispositivi sono diversi ma l'hardware è sempre quello: proXXXXXri, schermi, fotocamere... il fatto è che se un produttore rilasciasse aggiornamenti puntuali del sistema operativo, non avrebbe più senso la sua funzione di <i
          cagatore di smartphone </i
          diversi-ma-uguali-ma-diversi settimanale. Non ho un iPhone e credo che non me ne prenderò mai uno (io amo i Mac...) ma ringrazio la venuta di Apple nel mondo della telefonia che mi ha fatto aprire gli occhi su questa truffa continua da parte dei produttori di telefoni.
          • Winaro scrive:
            Re: 10%...
            - Scritto da: il solito bene informato

            "parco hardware troppo esteso" per me è una
            str*****a (con rispetto parlando). I dispositivi
            sono diversi ma l'hardware è sempre quello:
            proXXXXXri, schermi, fotocamere... Eh, ma è appunto quello il problema, e checché ne dica Oracle (sulle API Java rese incompatibili da Google, vedi proXXXXX recente), c'è sempre stato. Nel senso: a meno che tu non sviluppi ai minimi termini, sei costretto a tener conto di N quantità di memorie ram, N^2 risoluzioni diverse, N^3 proXXXXXri differenti (con prestazioni differenti), e ora con gli smartphone/tablet della presenza o assenza di acXXXXXri interni (giroscopio, accellerometro, ecc..).Di fatto non sviluppi "per Android", ma sei costretto o a scegliere dei target, o adottare un minimo comun denominatore fra i possibili modelli, o adattare l'applicazione alle diverse situazioni. Una bella rottura di scatole, se si pensa di sviluppare "per Android" e basta.Per dirla tutta... non è che prima, con i telefonini Java fosse il bengodi: Google con Dalvik, i più disparati produttori, e l'assenza di regole hardware minime per la distribuzione di Android, ha ereditato questa situazione.Fortunatamente Microsoft (TM) ha imposto dei requisiti minimi per Windows 8, e quindi questi problemi dovrebbero essere di minore rilevanza.il fatto è che
            se un produttore rilasciasse aggiornamenti
            puntuali del sistema operativo, non avrebbe più
            senso la sua funzione di <i
            cagatore di
            smartphone </i

            diversi-ma-uguali-ma-diversi settimanale. Mah... io non cambio certo telefono perché ne escono 4 un po' simili ma nuovi, credo che nemmeno le altre persone lo facciano, a parte qualche maniaco. Forse i produttori pensano che sia buono un telefono per ogni gusto (sbagliando).
            Non ho
            un iPhone e credo che non me ne prenderò mai uno
            (io amo i Mac...) ma ringrazio la venuta di Apple
            nel mondo della telefonia che mi ha fatto aprire
            gli occhi su questa truffa continua da parte dei
            produttori di telefoni.Ti consiglio di attendere un po' per acquistare un bellissimo smartphone con Windows 8 (TM), che secondo "i chiacchiericci di corridoio" sarà davvero un prodotto nuovo, affidabile, veloce, sicuro.Insomma, da avere assolutamente.Parola di Winaro! ;)
  • Giuseppe scrive:
    Errore
    Veramente Jelly Bean dovrebbe essere Android 4.1 :)
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Errore
      sai qualcosa che noi non sappiamo? non ci sono indicazioni al riguardo, quindi è lecito anche pensare che possa essere la 5l'unica indicazione al riguardo sarebbe il fantomatico tablet nexus, che non è manco stato annunciato
      • MeX scrive:
        Re: Errore
        - Scritto da: Luca Annunziata
        sai qualcosa che noi non sappiamo? WOW! come li trattate bene i vostri utenti!
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Errore
          come li dovremmo trattare?quella faccenda de "il cliente ha sempre ragione" è falsa: delle due l'una, o ci dici come quando e perché sarebbe la 4.1, oppure è solo una opione come un'altra, non un errore nostro
          • Shu scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            come li dovremmo trattare?In modo cortese, ma non entro nel dettaglio.
            delle due l'una, o ci dici come quando e
            perché sarebbe la 4.1, oppure è solo una opione
            come un'altra, non un errore
            nostrohttp://www.androidpolice.com/2012/05/29/an-asus-nexus-tegra-3-tablet-has-potentially-been-outed-shows-android-jelly-bean-is-version-4-1/http://www.androidpolice.com/2012/04/14/alleged-app-crash-log-points-to-a-mysterious-takju-variant-of-galaxy-nexus-confirms-android-jellybean-codename-rumor-analysis/Giusto per citarne due, ma praticamente tutti concordano con l'equazione JB=4.1Bye.P.S.: Complimenti a Cristiano per l'articolo concreto, ben scritto e senza sottintesi.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            tutti che citano quello che ho detto io: ovvero un SINGOLO benchmark, riferito a un FANTOMATICO tablet, che non è stato annunciatovuoi fare 2 risate?http://phandroid.com/2011/12/02/verizon-galaxy-nexus-receives-android-4-1-0-update-ready-for-primetime/ANDROID 4.1oh cavolo! e adesso?non c'è un release number ufficiale fino a quando non lo comunica Googlee fino ad allora, il 5 è accettabile come il 4.1
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            tutti che citano quello che ho detto io: ovvero
            un SINGOLO benchmark, riferito a un FANTOMATICO
            tablet, che non è stato
            annunciato

            vuoi fare 2 risate?

            http://phandroid.com/2011/12/02/verizon-galaxy-nex

            ANDROID 4.1

            oh cavolo! e adesso?

            non c'è un release number ufficiale fino a quando
            non lo comunica
            Google
            e fino ad allora, il 5 è accettabile come il 4.1Ma Tristo Sanco, ma ti rendi conto quanto è ridicola questa presa di posizione nell'ammettere di aver sbagliato?
          • mura scrive:
            Re: Errore
            A dire il vero da una rapida ricerca su Google si dice sia che sarà la 4.1 che la 5.0 quindi la richiesta di maggiori info è più che mai lecita, certo che come l'hai messa ha tutta l'aria di una risposta un po' rude tutto qua ;-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            ce la leggi tu, io sono tranquillissimo :)va da se che se qualcuno scrive "errore" sarebbe quanto mai opportuno offrire argomenti, non "dovrebbe essere così", non credi?
          • italiano scrive:
            Re: Errore
            errore: sé si scrive, in questo caso, con l'accento acuto
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            hai ragione
          • mura scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ce la leggi tu, io sono tranquillissimo :)Non lo metto in dubbio guarda ma se non sono l'unico che l'ha interpretata così quanto meno un dubbio dovrebbe venirti non trovi ?
            va da se che se qualcuno scrive "errore" sarebbe
            quanto mai opportuno offrire argomenti, non
            "dovrebbe essere così", non credi?Su questo sfondi una porta aperta criticare e non argomentare è quantomai puerile.
          • crumiro scrive:
            Re: Errore
            Complimentoni per la risposta.Il cliente è vero può non avere ragione, ma prenderlo a scarpate appena apre bocca la vedo un po' forzata come cosa.
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Se prima di rispondere avessi fatto una piccola ricerca su google ti saresti risparmiato questa figura barbina....
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            tu l'hai fatta? http://phandroid.com/2011/12/02/verizon-galaxy-nexus-receives-android-4-1-0-update-ready-for-primetime/
          • crumiro scrive:
            Re: Errore
            Tu e maxsix siete per caso la stessa persona, viste le risposte di *****?
          • kaiserxol scrive:
            Re: Errore
            Ma che gli hai fatto a tutti quanti?? :-D
          • pignolo scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: kaiserxol
            Ma che gli hai fatto a tutti quanti?? :-DAvrà cancellato loro qualche commento di troppo ;)
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Stai solo peggiorando la tua situazione giá alquanto imbarazzante.Hai linkato un articolo che parla di rumors risalenti a dicembre 2011.Da maggio in poi i soliti rumors parlano di 4.1=JB.Leggiti gli articoli linkati da shu.Se avessi un po' più di umiltá e un po' meno arroganza faresti anche meglio il tuo lavoro.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            da maggio
            31 maggiosarà 4.1? amen
          • J55 scrive:
            Re: Errore
            Dai, hai fatto lo spocchioso e praticamente tutti ti han fatto notare che hai detto una boiata, è così difficile ammettere i propri errori?E' da mesi che in ambito android è certo sarà una 4.1 e non una 5.0 per tutti i motivi già descritti, così come era certo che l'S3 sarebbe stato un quadcore con schermo (troppo imho) grande e via discorrendo.Un pò di modestia e buone maniere sono sempre ben accette..
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            da mesi cosa?dove?come?quando?da mesi si sa solo il nome in codice, e vi ho dimostrato che circolavano a dicembre build con il 4.1 stampato dentroil release number per android è solo un fattore marketing, e non c'è dubbio che Google sia ansiosa di riavvicinarsi a Apple (che è pronta a sfornare il 6 di iOS): prova ne sia android 3.x, honeycomb, una release assolutamente inutile vista la sua esigua utilità e diffusione, eppure G non si è tirata indietro dal propinarcelaper un momento, fermatevi e guardate la faccenda su un piano oggettivo: a parte il divertimento di sXXXXXXX il sottoscritto, avete argomentazioni diverse dal "si dice" o "lo sanno tutti" per affermare che sarà 4.1 o 5? io no, e mi limito a valutare entrambe le possibilitàho deciso che per me è 5, se sarò smentito dai fatti ne prenderò atto
          • Piero scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            sfornare il 6 di iOS): prova ne sia android 3.x,
            honeycomb, una release assolutamente inutile
            vista la sua esigua utilità e diffusione, eppure
            G non si è tirata indietro dal
            propinarcelaLa honeycomb è stata transitoria e serviva a migliorare la gestione di Android per i tablet, tant'è che è stata rilasciata in GPL per evitare che si diffondesse oltre il voluto.
            per un momento, fermatevi e guardate la faccenda
            su un piano oggettivo: a parte il divertimento di
            sXXXXXXX il sottoscritto, avete argomentazioni
            diverse dal "si dice" o "lo sanno tutti" per
            affermare che sarà 4.1 o 5? io no, e mi limito a
            valutare entrambe le
            possibilità
            ho deciso che per me è 5, se sarò smentito dai
            fatti ne prenderò
            attoOddio, un distinguo nell'articolo poteva starci. Ma la tentazione di scrivere Android CINQUE è stata troppo forte
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            gingerbread 2.3HONEYCOMB 3.x"La honeycomb è stata transitoria e serviva a migliorare la gestione di Android per i tablet, tant'è che è stata rilasciata in GPL per evitare che si diffondesse oltre il voluto."ICS 4.xadesso, alla luce di quanto hai scritto, mi vorresti far credere che Google non potrebbe decidere di passare alla 5? potrebbe, non potrebbe, la cosa non cambiaparafrasandoti: la tentazione di scrivere ERRORE nei commenti è stata troppo fortechiariamoci: sarebbe potuta essere una discussione molto più interessante se fosse stata impostata sul tema "il pezzo dice 5, io dico 4.1, voi che ne pensate? quali sono gli indizi che portano da una o dall'altra parte?"invece no, peccato
          • Piero scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            gingerbread 2.3
            HONEYCOMB 3.x

            "La honeycomb è stata transitoria e serviva a
            migliorare la gestione di Android per i tablet,
            tant'è che è stata rilasciata in GPL per evitare
            che si diffondesse oltre il
            voluto."

            ICS 4.xSinceramente, non ci ho capito nulla. Ho scritto che Honeycomb, 3.x, è stata una versione transitoria. Come giustifichi il fatto che fosse GPL?

            adesso, alla luce di quanto hai scritto, mi
            vorresti far credere che Google non potrebbe
            decidere di passare alla 5? potrebbe, non
            potrebbe, la cosa non
            cambia
            Io non faccio credere nulla. Le ipotesi più accreditate dell'ultimo periodo sono che JB sarà la 4.1. Voi siete partiti sparati a dire che era la CINQUE. Si poteva semplicemente specificare che in realtà il numero di versione non è ancora ufficiale.A pensare male si farà peccato, ma...
            parafrasandoti: la tentazione di scrivere ERRORE
            nei commenti è stata troppo
            forteAncora una volta, non ho capito. Sarò tonto io.
            chiariamoci: sarebbe potuta essere una
            discussione molto più interessante se fosse stata
            impostata sul tema "il pezzo dice 5, io dico 4.1,
            voi che ne pensate? quali sono gli indizi che
            portano da una o dall'altra
            parte?"

            invece no, peccatoTi dico la verità, io sono prevenuto quando leggo articoli su Android in questo magazine. Lo stesso atteggiamento che stai avendo in questa discussione non mi aiuta a cambiare idea. Peccato.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            meglio una persona che ti dice CHIARAMENTE come la pensa, e tu giudichi, o qualcuno che lascia intendere, dice e non dice ecc?raramente scrivo di androidho una mia opinione netta e precisa su android, per quello che ho visto, provato, analizzato, testato, valutatoè una opinione negativa, non nel senso di dire che android sia spazzatura, solo perché non vedo coerenza in un progettodetto ciò, resta il fatto che a mio parere il release number è assolutamente un fattore di marketing: prova ne sia il modo in cui è stato gestito nel caso di honeycombdetto ciò, fino a qualche settimana fa si pensava che sarebbe stato 5.0, adesso si pensa a 4.1, ma la sostanza è: se la 4.0 è ancora sul 7 per cento, come faranno a spingere per la 5 (4.1)?
          • Piero scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            meglio una persona che ti dice CHIARAMENTE come
            la pensa, e tu giudichi, o qualcuno che lascia
            intendere, dice e non dice
            ecc?

            raramente scrivo di android
            ho una mia opinione netta e precisa su android,
            per quello che ho visto, provato, analizzato,
            testato,
            valutato
            La tua opinione la conosciamo fin troppo bene, però io non mi riferivo a Luca Annunziata, ho scritto chiaramente di un magazine, Punto Informatico.Questo articolo non è firmato Annunziata, e l'altra spalata di guano della settimana scorsa era di Maruccia.
            è una opinione negativa, non nel senso di dire
            che android sia spazzatura, solo perché non vedo
            coerenza in un
            progettoA occhio e croce Android deve essere veramente il progetto meno coerente sul pianeta, visto il fuoco di fila.
            detto ciò, resta il fatto che a mio parere il
            release number è assolutamente un fattore di
            marketing: prova ne sia il modo in cui è stato
            gestito nel caso di
            honeycombE' un tuo parere, rispettabile anche se sbagliato :)
            detto ciò, fino a qualche settimana fa si pensava
            che sarebbe stato 5.0, adesso si pensa a 4.1, ma
            la sostanza è: se la 4.0 è ancora sul 7 per
            cento, come faranno a spingere per la 5
            (4.1)?Non lo so, non essendo un giornalista posso anche ammetterlo.
          • J55 scrive:
            Re: Errore
            Proprio in maniera oggettiva ti dico che molte delle tue argomentazioni sono fallate.L'idea che sta alla base del numero delle release di android non è tanto quella di marketing quanto quella di vedere se sono legate ad un filo conduttore o meno. la release 2 ha introdotto di fatto Android al grande mondo degli smartphone, il 3 a quello dei tablet (molto limitato), il 4 li ha raggruppati. Per stessa ammissione dei progettisti (e qui è veramente sufficiente andare a vedere nelle interviste quali sono i progetti per JB e vedere quanto si avvicinino, come differenze, rispetto alla versione precedente, a quello che era Froyo rispetto ad Eclair, GB rispetto a Froyo rispetto alle differenze di major release). Anche l'aggiornamento di pochi dispositivi è legata a doppio filo rispetto a queste "cause", ovvero iniziare un grosso nuovo filone (e secondo me, questo si è soggettivo, hanno accettato un altro periodo di grossa frammentazione 2.x, 4.x per dare un'accellerata alla vendita dei tablet). Sulla "rincorsa" a Apple per il segmento smart si è secondo me fermata da molto tempo, sia per maturità del sistema che per quantità di venduto.La cosa che critico non è tanto l'esprimere un'opinione (5 invece che 4.1), quanto ignorare che, pur parlando di rumors, basterebbe analizzare senza spirito polemico (che ti contraddistingue nei confronti di big G, questo è ineluttabile) le interviste e i rumors più recenti senza rinchiudersi in un recinto fatto dei rumors che più ti aggradano.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            non so cosa intendi con "ineluttabile", ma io non ho alcun problema con Googleutilizzo tutti i giorni google, con qualche dubbio ma senza alcun pregiudiziodetto questo, vi sfugge che i piani a cui si prendono certe decisioni non sono popolati da ingegneri ma da manager: anche a mountain viewper i manager il marketing contae, ribadisco, basta guardare la progressione di honeycomb da 3.0 a 3.1 e 3.2 per vanificare ogni ragionamento: è tutto marketing, pure Linux è andato dietro la teoria del "release number evidente" per rendersi più potabile alla massa
          • Piero scrive:
            Re: Errore
            Eh, ma parlare di Android 5 facilita il discorso "frammentazione". Vuoi mettere?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            sono numeri, a oggi la release più diffusa è la 2.3.3, uscita a febbraio 2011la frammentazione non è un problema di release number, ma di capacità di aggiornare l'intero parco macchine o la sua maggioranza all'ultima release in tempi rapidi, ma soprattutto è un problema di form-factor, funzioni e capacità molto eterogeneeaggiungo: se davvero apple si lancerà in un iphone 5 con schermo con formato differente, starà facendo la stessa sciocchezza fatta da google con android
          • crumiro scrive:
            Re: Errore
            Tu di Android non hai capito nulla e continuerai a non capire.Per favore, che ne dici di scrivere solo articoli di cose che capisci? Io ad esempio non scrivo articoli che si occupano di AS/400 ed iSeries.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            magari non capisco android, di sicuro capisco il quadro in cui si muove questo mercatoe non è certo un mercato fatto di fazioni "filosofiche", ma di aziende che cercano di guadagnare ognuna più delle altre
          • crumiro scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            magari non capisco android, di sicuro capisco il
            quadro in cui si muove questo
            mercatoSecondo molti qui sopra Android sta per sparire.Credo che tu abbia la "stessa visione di mercato". Che non corrisponde alla realtà.

            e non è certo un mercato fatto di fazioni
            "filosofiche", ma di aziende che cercano di
            guadagnare ognuna più delle
            altreApple guadagna più delle altre grazie ai ricarichi fatti su di un simbolo a forma di mela.E questo è indiscutibile. Nel mondo delle moto ci sono le Harley D. e gli harleysti, poi ci sono quelli che invece amano "le Giapponesi" ecc.ecc.Tu in questo momento sei un Harleysta.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            io non penso che android spariràpenso che ha rimesso in mano agli operatori e ai produttori di cellulari molto più controllo sulla piattaforma di primail risultato non è un prodotto migliore per tutti: il risultato è che il marketing e i budget vendite decidono cosa darti, prova ne sia il modo in cui vengono distribuiti (se vengono distribuiti) gli aggiornamenti
          • Ubunto scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            come li dovremmo trattare?
            quella faccenda de "il cliente ha sempre ragione"
            è falsa: delle due l'una, o ci dici come quando e
            perché sarebbe la 4.1, oppure è solo una opione
            come un'altra, non un errore
            nostroUno spunto: pare che Google abbia voluto lasciare un alone di mistero sulla numerazione. Perché? Cosa ci sarà sotto? :oMa sopratutto... ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 giugno 2012 16.06-----------------------------------------------------------
          • crumiro scrive:
            Re: Errore
            Grazie per aver XXXXto il commento ;)Avete dimostrato automaticamente quello che dicevo.
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Errore
          - Scritto da: MeX
          - Scritto da: Luca Annunziata

          sai qualcosa che noi non sappiamo?

          WOW! come li trattate bene i vostri utenti!ha offeso qualcuno?
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Errore
        ci sono 3 argomenti1. il link che vi ho mostrato2. honeycomb3. marketing (ios arriva alla 6 tra 1 settimana)
        • benkj scrive:
          Re: Errore
          - Scritto da: Luca Annunziata
          ci sono 3 argomenti
          1. il link che vi ho mostratonon hai mostrato nessun link, o almeno nessuno dove stia scritto android 5
          2. honeycombche difatti e' arrivato alla 3.2 prima del salto di versione
          3. marketing (ios arriva alla 6 tra 1 settimana)Questa e' l'unica cosa sensata che hai scritto. Ma google con android non ha mai scelto la numerazione a casaccio (come ha fatto invece con chrome). Non vedo quindi perche' debba cambiare con JB
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            il link mostrato indica che il numero di release indicato in una build di sviluppo non significa nulla: sulla base di quello si stanno diffondendo queste "idee" di un jellybean 4.1non è così che funzionanon ho capito cosa c'entri il fatto che honeycomb si arrivato alla 3.2a me pare che google abbia scelto di numerare android come le conveniva sul piano della comunicazione, ma ognuno è libero di pensarla come gli pare
          • benkj scrive:
            Re: Errore
            - Scritto da: Luca Annunziata
            il link mostrato indica che il numero di release
            indicato in una build di sviluppo non significa
            nulla: sulla base di quello si stanno diffondendo
            queste "idee" di un jellybean 4.1 non è così che funzionaMa ti interessi di informatica o di psicologia inversa? Prima citi un tuo link inesistente per difendere la tesi dell'android 5 e poi mi ritorci contro le tue stesse affermazioni? Sei tu che parli facendo finta di sapere le cose. Io non ho mai detto di saperle (so bene che la build non significa niente) ma non scrivo articoli con informazioni sbagliate. Ho solo detto che 4.1 mi sembra molto piu' sensato, e l'ho sempre pensato, prima ancora dell'ennesime speculazioni.
            non ho capito cosa c'entri il fatto che honeycomb
            si arrivato alla 3.2che non si e' mai visto su android un salto dalla x.0 alla x+1.0
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            alla fine del 2011 giravano build 4.1ma erano solo build compilate da un vendor per testare degli smartphoneora gira un bench di una build 4.1 su un fantomatico nexus tablet: va da sè che potrebbe essere la stessa cosanon capisco il ragionamento su honeycomb, ma va bene uguale
    • Paolo scrive:
      Re: Errore
      - Scritto da: Giuseppe
      Veramente Jelly Bean dovrebbe essere Android 4.1 :)Io non ho fonti, ne' certezze sul numero di versione, ma da piccolo sviluppatore Android (quindi avvezzo al succedersi delle varie API version), confermo che la numerazione di gran lunga più probabile è la 4.1.Il salto di numerazione primario si è avuto con modifiche radicali al sistema. La primissima versione 1.x, poi il ben noto e attualmente largamente diffuso 2.x (Eclair, Froyo, Gingerbread), poi la versione tablet-only 3.x (Honeycomb), infine il ricongiungimento dei due rami smartphone e tablet 4.0 (Ice Cream Sandwich). Perchè JellyBean deve essere un 4.1? Beh, perchè il ramo 4.x ha pochissimo share, perchè storicamente i device ricevono più facilmente upgrade nella propria major version, perchè le API non hanno bisogno di altre rivoluzioni, ma di stabilità nel tempo (altrimenti gli sviluppatori non si sentono sicuri ad usarle, vedi le pochissime app per tablet).
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Errore
        ma NON SAI oggi cosa ci sarà nel prossimo jellybean, perché G lo rilascerà a Google I/O, o sbaglio?vogliamo ricordare quanto ci abbia messo G a rilasciare i sorgenti di ICS?
        • crumiro scrive:
          Re: Errore
          Nemmeno tu lo saicicca cicca ciccaQuanto ti rode eh?PS: tanto vale scrivere fesserie...
        • Urrrr scrive:
          Re: Errore
          Be' non lo sapete neanche voi, anche se il titolo ("ovvero android 5.0", cito esattamente) sembra dire l'opposto. In pratica predichi bene ma razzoli male :)In realtà ci sono su web alcuni articoli che idmostrino che il prox android sarà 4.1... Fuffa? Probabilmente si ma non meno dell'articolo che hai postato tu annunziata. Nn dimostra niente se non che qualche produttore ha cannato a scrivere la versione per un dispositivo...In realtà tutta la comunità di sviluppatori, e piu in generale tutta la comunità tecnica si aspetta una versione 4.1, sembra in assoluto l'ipotesi piu plausibile. Non ė cosa sicura certamente!- Scritto da: Luca Annunziata
          ma NON SAI oggi cosa ci sarà nel prossimo
          jellybean, perché G lo rilascerà a Google I/O, o
          sbaglio?

          vogliamo ricordare quanto ci abbia messo G a
          rilasciare i sorgenti di
          ICS?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            4.1 o 5, la questione è una: a 1 anno dal lancio e con la nuova versione alle porte ice cream sandwich non arriva al 10 per cento del totale
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            La questione é che hai il brutto vizio di rispondere male ai tuoi lettori.Ics é stato presentato un anno fa ma rilasciato meno di 7 mesi fa. Il 17 novembre 2011.Il fatto che prendi in considerazione la data di presentazione e non quella di rilascio dimostra quanto sei fazioso e/o superficiale nel fare il tuo lavoro.Più sotto ruppolo, che é più bravo di te, scrive infatti 8 mesi.Ció non toglie che il 10% dopo 6 mesi e mezzo sia un risultato deludente.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            che io ricordi, ICS è stato "lanciato" con un cellulare, e dopo molte polemiche il suo codice è stato rilasciato mesi dopoil vostro brutto vizio è di pensare che noi, o io, si sia meno "scafati" di quanto dovremmo: abbiamo le nostre opinioni, leggiamo probabilmente più articoli di voi, sappiamo quello che scriviamo (il più delle volte, gli errori capitano e quando ci sono chiediamo scusa ed emendiamo)
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Il tuo brutto vizio é quello di scrivere di getto, lasciandoti guidare dalle tue idee e dalla tua mmaginazione. Se lo fa ruppolo, nonostante non sia mai stato cosi' grossolano, ci può anche stare. Se lo fai tu diventa disinformazione.Ora fatti una ricerchina su google, rileggi quello che hai scritto, e poi torna qui a chiedere scusa.Cerca la data di quando e' stato messo in vendita il galaxy nexus e quando sono stati rilasciati i sorgenti di ics.Molto spesso i tuoi lettori sono professionisti che vivono di questo. Non sottovalutarli.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            non sottovalutare meso perfettamente quello che dicomi spieghi per cortesia perché un prodotto "open source" deve essere rilasciato da un'azienda quotata in borsa? mi sfugge
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Che centra? A questo punto non so se ci fai o ci sei.Ciao
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            la questione non è tecnica, ma strategico-commercialefingere di non comprenderlo è appigliarsi alla questione pseudotecnica di un release numberbuona giornata anche a te
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Luca, qui nessuno si appiglia a niente.Si voleva solo farti notare che hai il brutto vizio di scrivere di ciò che non sai e di farlo passare come verità. Ruppolo è molto più bravo di te in questo e lo fa gratis. Ti inventi i release number, ti inventi addirittura che ci sono state polemiche infinite per rilasciare i sorgenti di ics quando lo hanno rilasciato soltanto 2 o 3 giorni dopo senza nessuna polemica. Ci sarebbero mille altri esempi, questi sono solo quelli di oggi.Quando ti fanno notare di aver detto degli strafalcioni la tua tecnica è sempre la stessa: invece di chiedere scusa cerchi di minimizzare e di screditare il tuo interlocutore. Hai la penna dalla parte del manico e ne approfitti.A questo punto, mettendo da parte la tua cafonaggine mi chiedo:-Possibile che un giornalista informatico che scrive di queste cose tutti i giorni da anni sia così ignorante e abbia idee così confuse su cose di cui parla tutti i giorni? -Possibile invece che questo giornalista lo faccia di proposito per istigare il trolling?Io questo non lo so.Ci sono molti elementi a favore di entrambe le ipotesi.Mi saresti molto simpatico se la seconda ipotesi fosse quella vera e che il tuo sia un nome di fantasia.:)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            hai ragione, mi sbaglioera honeycombhttp://punto-informatico.it/3127507/PI/News/gioie-dolori-frammentazioni-del-giovane-android.aspxhttp://punto-informatico.it/3117518/PI/News/google-honeycomb-open-source-ma-non-troppo.aspx
          • tarzanerd scrive:
            Re: Errore
            Sbagli ancora.I sorgenti di honeycomb non sono usciti in ritardo.Sono usciti puntualmente insieme a quelli di ics proprio come aveva promesso google.Honeycomb era dichiaratamente una versione di transizione e google non voleva che i produttori personalizzassero questa versione che non era ne carne ne pesce.Hai visto quante cose stai imparando oggi?
          • J55 scrive:
            Re: Errore
            https://www.google.it/#q=jellybean+android+5.0+or+4.1%3F&hl=it&fp=1&bav=on.2,or.r_gc.r_pw.r_cp.r_qf.,cf.osb&cad=bInformati prima di continuare ad essere strafottente. Ci fosse un avatar anzichè il tuo faccione che sorride sembreresti un sedicenne immaturo.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Errore
            LEGGI bene: 6 giorni fa, NEXUS 7, tu hai per le mani un nexus 7?orsù
          • J55 scrive:
            Re: Errore
            Ok, o fai il troll o sei veramente limitato mentalmente. Nelle prime pagine ci fosse un articolo 1 che parla dei rumors di una versione 5.0....tutti della 4.1, tranne il nostro eroe annunziata.. ma lui è eroe quindi ha ragione lui.. :)FAIL MAN ;)
          • Piero scrive:
            Re: Errore
            Perché opensource è una strategia di business come tutte le altre.
        • Urrrr scrive:
          Re: Errore
          Inoltre l'utente che ha aperto il thread almeno ha parlato al condizionale, a leggere il titolo se,Bra che il 5 sia cosa certa.Hai mangiato pesante stamattina? Lol pure i giornalisti diventano troll su sto forum!
        • tarzanerd scrive:
          Re: Errore
          Quanto ci avrá messo? Due tre giorni?I sorgenti di android escono puntualmente qualche giorno dopo che il nexus di riferimento viene messo in vendita. Nel caso di ics, il galaxy nexus é arrivato nei negozi intorno a metá novembre e i sorgenti sono stati rilasciati il 17.Lo sa anche ruppolo.
Chiudi i commenti