Norsub, multa per l'admin dei sottotitoli

Uno studente norvegese dovrà pagare 2mila euro di multa per aver distribuito online file contenenti i sottotitoli a film e telefilm. Chiuso immediatamente il sito. Il ragazzo evita il carcere

Roma – È stato accusato di violazione del copyright su larga scala, avendo fornito centinaia di file con i sottotitoli ai grandi film di Hollywood così come alle più popolari serie televisive. Uno sconosciuto studente di Trondheim, in Norvegia, pagherà una multa da 15mila corone (circa 2mila euro) in qualità di principale amministratore del sito web Norsub.

Come noto nell’universo digitale dei fansub , esistono comunità di utenti specializzate nella distribuzione di file compatibili con svariati player multimediali, ad esempio VLC. Molto spesso, la produzione dei sottotitoli è a cura degli stessi utenti, che lavorano di traduzione da una lingua all’altra.

L’industria cinematografica ha però accusato l’admin di Norsub di abuso della proprietà intellettuale nella distribuzione di traduzioni per circa 6mila film . I sottotitoli sarebbero dunque parte integrante di una determinata pellicola, con gli utenti del sito ad agire come chi permette lo scaricamento illecito di un film intero.

I responsabili del sito hanno subito deciso di chiudere bottega, evidentemente in preda al panico dopo le accuse contro lo studente-admin. L’industria di celluloide aveva chiesto addirittura un periodo di detenzione per il giovane, richiesta respinta dal giudice norvegese dal momento che la distribuzione illecita di sottotitoli appare meno grave di quella dei film .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    speciale attacco crittografico
    che e' poi alla base della feature piu interessante di questo mammutone modulare che e' Flame... ossia XXXXXXX il Windows Update... tramite questo e' stato possibile violare PC win full patched nella stessa lan...
    • Lumaco Scarafoni scrive:
      Re: speciale attacco crittografico
      - Scritto da: bubba
      che e' poi alla base della feature piu
      interessante di questo mammutone modulare che e'
      Flame... ossia XXXXXXX il Windows Update...
      tramite questo e' stato possibile violare PC win
      full patched nella stessa
      lan...Quoto, l'attacco fa davvero abbastanza impressione (questa è la notizia, non che Flame e Stuxnet siano "parenti" visto che si sapeva già da qualche tempo).
      • Sgabbio scrive:
        Re: speciale attacco crittografico
        Adesso, se i malware rescono a manumettere winupdate è un bel problema.
        • styx scrive:
          Re: speciale attacco crittografico
          - Scritto da: Sgabbio
          Adesso, se i malware rescono a manumettere
          winupdate è un bel
          problema.eh.. selle macchine aggiornate non ci riescono piu'... perche M$ ha XXXXto proprio tutta la root dei certificati abusati (tra l'altro la combinazione di fattori che gli hacker hanno trovato -a prescindere dalla md5 collision- e' stata abbastanza geniale... shame alla M$)
          • bubba scrive:
            Re: speciale attacco crittografico
            A futura memoria, lo spiegone sull'hack a Windows Update e' questo https://www.securelist.com/en/blog/208193566/Flame_Replication_via_Windows_Update_MITM_proxy_server ... e in seguito leggere il post http://blogs.technet.com/b/srd/archive/2012/06/03/microsoft-certification-authority-signing-certificates-added-to-the-untrusted-certificate-store.aspx
          • bubba scrive:
            Re: speciale attacco crittografico
            - Scritto da: bubba
            A futura memoria, lo spiegone sull'hack a Windows
            Update e' questo
            https://www.securelist.com/en/blog/208193566/Flamee scordavo la fine ... http://blogs.technet.com/b/srd/archive/2012/06/06/more-information-about-the-digital-certificates-used-to-sign-the-flame-malware.aspx dove si parla del certificato manomesso (da cui la scoperta dell'uso dell'attacco crittografico )
Chiudi i commenti