Novell: lasciate perdere Vista, usate Linux

A ridosso del mega accordo con Microsoft, Novell torna all'attacco di Windows, e gli contrappone la propria distribuzione desktop di Linux, che definisce come la migliore alternativa desktop a Windows Vista

Waltham (USA) – L’ alleanza stipulata lo scorso novembre con Microsoft non sembra impedire a Novell di fare la guerra a Windows Vista. A una settimana dal debutto mainstream del nuovo sistema operativo di Microsoft, Novell ha infatti lanciato una campagna online in cui esalta la convenienza del proprio SUSE Linux Enterprise Desktop (SLED) 10 evidenziando, per contro, gli elevati costi di aggiornamento a Vista.

Novell definisce SLED 10 “una convincente alternativa a Windows Vista”, affermando che la propria distribuzione ha costi di licenza e manutenzione assai inferiori a quelli di Windows e, come quest’ultimo, è adatta sia ad un uso domestico che aziendale.

Sul proprio sito la società americana ha pubblicato alcuni documenti che comparano le caratteristiche dei due sistemi operativi, e tra questi un white paper in cui si mettono a confronto funzionalità, usabilità, costi e sicurezza. Novell afferma che SLED 10 fornisce il 90% delle funzionalità presenti in Vista al 10% del costo di quest’ultimo .

Oltre ai costi di licenza , pari a 50 dollari per SLED e a 300 dollari per Vista, nella propria stima l’azienda ha tenuto conto della differenza di prezzo tra OpenOffice 2.0 (gratuito e già integrato in SLED) e Office 2007, la cui licenza costa tra i 400 e i 500 dollari. I costi di supporto considerati nel documento sono invece di 50 dollari l’anno per SLED e di 385 dollari l’anno per Vista.

“Ma l’acquisto di una licenza di Windows Vista e Office 2007, insieme al contratto di supporto, non sono i soli costi di cui dovrete farvi carico”, spiega Novell nel proprio white paper. “Quasi certamente dovrete infatti aggiornare anche il vostro hardware, e questo solo per far girare alcune delle nuove funzionalità di Windows Vista (come Aero Glass)”.

Va detto che in questi confronti Novell dà per scontate cose che spesso non lo sono affatto, quali ad esempio il fatto che OpenOffice 2.0 sia equivalente a Office 2007 e che i servizi di supporto offerti dalle due aziende abbiano qualità ed efficienza paragonabili.

Novell afferma che la propria distribuzione sia superiore a Windows Vista anche sotto il profilo della sicurezza , e questo sia per le qualità intrinseche di Linux che per l’adozione del proprio software open source AppArmor .

Infine, la mamma di Netware ritiene che SLED abbia funzionalità “comparabili” a quelle di Vista e superiori a quelle di Windows XP.

Il white paper integrale è scaricabile, previa registrazione, da questa pagina .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti