Nuova Zelanda, l'anno dei tre colpi

Nuova Zelanda, l'anno dei tre colpi

L'industria culturale festeggia la riduzione dei download illeciti, ma pretende un numero più alto di notifiche da inviare agli scariconi. Per di più, i discografici vorrebbero pagare pochi spiccioli per tenere oliata la ghigliottina
L'industria culturale festeggia la riduzione dei download illeciti, ma pretende un numero più alto di notifiche da inviare agli scariconi. Per di più, i discografici vorrebbero pagare pochi spiccioli per tenere oliata la ghigliottina

È passato quasi un anno dall'introduzione del Copyright (Infringing File Sharing) Amendment Act in terra neozelandese. Una versione agli antipodi della famigerata Dottrina Sarkozy , la legge dei tre colpi per dissuadere gli scariconi della Rete. I discografici della Recording Industry Association of New Zealand (RIANZ) hanno ora snocciolato numeri in chiaroscuro, non pienamente soddisfacenti per i signori del diritto d'autore.

Dall'ottobre 2011 allo scorso aprile, i legittimi titolari dei diritti hanno ordinato ai vari provider locali di inviare un totale di 2766 notifiche. Appunto i colpi per gli utenti colti con le mani nel sacco del P2P, che – secondo la legge kiwi – rischiano fino a 15mila dollari neozelandesi (quasi 10mila euro) di multa. Un risultato che soddisfa a metà i discografici, intenzionati a spedire 5mila notifiche al mese .

Una legge che sta funzionando, almeno secondo i rappresentanti dell'industria culturale. Sui primi 200 film più visti in Nuova Zelanda, si è passati dai 110mila download dell'agosto 2011 ai 50mila nel mese successivo all'adozione del disegno di legge . Un dato che potrebbe però risultare viziato dall'ovvio mix di timore e novità apportato a ridosso dell'implementazione delle misure in stile francese.

Cosa preoccupa maggiormente i rappresentanti di RIANZ? Gli eccessivi costi legati all'invio delle infringement notice da parte dei singoli provider, che chiedono alle varie etichette il pagamento di una somma pari a 25 dollari per notifica. Le associazioni di categoria hanno dunque chiesto al ministero dello Sviluppo Economico di ridurre il costo a 2 dollari . Diverso il parere dei fornitori di connettività, che avrebbero già speso 500 milioni per avviare la ghigliottina legale.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 07 2012
Link copiato negli appunti