P2P, la Nuova Zelanda riattiva la ghigliottina

Nuove smentite dopo i ripensamenti annunciati in seguito al report commissionato dalle Nazioni Unite. Wellington non avrebbe alcuna intenzione di rivedere le attuali predisposizioni di legge a tutela del copyright

Roma – È subito intervenuto in prima persona, per smentire in maniera netta le recenti dichiarazioni rilasciate da Clare Curran, portavoce del ministero per le Comunicazioni neozelandese. Il ministro della Giustizia Simon Power ha così sottolineato come il governo di Wellington non abbia alcuna intenzione di rivedere le attuali predisposizioni legislative per la tutela del copyright .

Le autorità kiwi sarebbero dunque soddisfatte degli attuali dettami della famigerata sezione 92A , modificata ad hoc per imporre agli utenti sanzioni pecuniarie fino a 15mila dollari neozelandesi (circa 9mila euro) e la possibile sospensione temporanea – 6 mesi – di tutti quegli Internet account colti in violazione del diritto d’autore. La nuova versione del Copyright (Infringing File Sharing) Bill entrerà in vigore a partire dal prossimo settembre.

Come spiegato da Power, il governo neozelandese non avrebbe alcuna intenzione di buttare al vento due anni di lavoro, più volte minato dalle più aspre reazioni da parte degli attivisti per i diritti digitali. La legge avrebbe insomma trovato il giusto bilanciamento tra gli interessi dei detentori dei diritti e i vari ISP. Le preoccupazioni mostrate dal relatore speciale Frank La Rue non avrebbero dunque sortito effetti agli antipodi del mondo connesso.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Rizzo Master scrive:
    ma il tag in generale
    è una cosa che mi sta sulle balle, i tag dovrebbe sempre e comunque necessitare dell'approvazione della persona che si desidera taggare.
  • nome cognome scrive:
    bimbiminkia
    Tanto ai bimbiminkia che ogni 10 minuti vanno su feisbuck con il loro aifon bianco il concetto di privacy non importa, o meglio non ne capiscono le conseguenze.
  • gomez scrive:
    "Cosa fatta capo ha"
    protestate pure, tanto FB ha capito da mo' chepuo' fare cio' che vuole, tanto una volta implementata una "feature" nessuno riuscira' a fargliala levare, al massimo si attenuera' un poco il danno ma il loro fine ultimo della schedatura totale globale lo otterranno comunqueMauro
    • infame scrive:
      Re: "Cosa fatta capo ha"
      sei schedato dal momento in cui sei stato iscritto all'anagrafe, nel caso non te ne fossi accorto.tutto il resto sono pippe mentali.
      • rippone scrive:
        Re: "Cosa fatta capo ha"
        si ma all'anagrafe mica sanno se se gay o bisexse sei simpatizzante di obama o di berluscase sei ebreo o cristianose hai malattie o amicie quali... continua
        • Nome e cognome scrive:
          Re: "Cosa fatta capo ha"
          - Scritto da: rippone
          si ma all'anagrafe mica sanno se se gay o bisex
          se sei simpatizzante di obama o di berlusca
          se sei ebreo o cristiano
          se hai malattie o amici
          e quali

          ... continuae anche sapendolo non lo gridano ai 4 venti... Sopratutto non lo ho usano contro di te...In ogni caso ci vuole proprio una pazienza da santi a rispondere a uno che confonde l'anagrafe con FB..
      • gomez scrive:
        Re: "Cosa fatta capo ha"
        - Scritto da: infame
        sei schedato dal momento in cui sei stato
        iscritto all'anagrafe, nel caso non te ne fossi
        accorto.
        tutto il resto sono pippe mentali.pensa che sei destinato a morire sin dalla nascita!!! :-Dah, e non ci sono piu' le mezze stagioni :-)Mauro
  • MARIA CREA scrive:
    questo non è giusto!
    E no! così non si fa. questa è violazione della privacy.
  • mary anne scrive:
    ripristinare chat e posta privata
    fb dovrebbe rispristinare di nuovo il meccanismo in cui la chat era diviso dai messaggi privati.ora invece è tutt'uno e che vuole eliminare la conversazione non può più.
Chiudi i commenti