Oggi lo sciopero dei Call center Telecom

Gli operatori rivendicano garanzie promesse che non sarebbero state concesse. Si riapre la ferita del lavoro precario nei call center italiani. In cui si lavora a cottimo e senza alcuna certezza


Roma – Sciopero generale di 8 ore oggi per tutti i lavoratori dei call center Telecom Italia . Lo sciopero è indetto perché Telecom, dopo aver approvato a dicembre 2004 l’adozione di un unico numero nazionale per il servizio di assistenza ai clienti e aver dunque accorpato gli addetti in un solo call center, non avrebbe provveduto alla definizione dei termini contrattuali.

Secondo gli operatori, manca una chiara divisione fra addetti alle attività di front-end (relazioni con la clientela) e quelli di back office (organizzazione delle modalità tramite le quali gli addetti al front-end possono fornire assistenza agli utenti che chiamano). La trasformazione di molti dei contratti da part-time a full-time , sebbene concordata in passato, non sarebbe ancora stata attuata; infine gli addetti lamentano il fatto che i turni di lavoro sarebbero stati riorganizzati senza tener conto delle esigenze di chi lavora.

Lo sciopero di oggi riapre la dolorosa ferita legata alla gestione delle risorse umane all’interno dei diversi call center del nostro paese che, nonostante siano sempre più considerabili l’emblema della precarietà del lavoro, vivono comunque una crescita esponenziale, legata proprio alla difficoltà di trovare occupazioni più soddisfacenti e redditizie; i numeri parlano di circa 192.000 persone (rilevazioni Osservatorio Contact Center) occupate nei call center di tutta Italia, con punte massime in Lombardia e Lazio. L’età media degli addetti è di 28 anni, in prevalenza donne (62%), con un livello di istruzione abbastanza elevato, se è vero che circa il 30% degli addetti è laureato .

Il call center più grande d’Italia è quello gestito da Atesia, prima di proprietà Telecom e ora acquistata all’80% dal Gruppo Cos , che conta circa 11.000 addetti dei quali solo 3.000 a tempo indeterminato (grazie ad un accordo siglato con Telecom lo scorso 24 maggio 2004); ed è stata proprio la mobilitazione dei dipendenti Atesia a portare alla ribalta il problema dei call center, mettendo in evidenza il fatto che le aziende che offrono servizi di questo tipo sono solite contrattualizzare i propri lavoratori “a progetto” di tre mesi in tre mesi, con sospensioni improvvise (e non remunerate) e soprattutto nessuna garanzia sul posto di lavoro.

Nei call center si lavora solitamente sei ore al giorno per cinque giorni: i due giorni di riposo variano di settimana in settimana sulla base di un accordo definito in partenza e si ha diritto a un quarto d’ora di pausa ogni due ore .

Un altro problema di alcuni call center (non necessariamente di Telecom), è che gli addetti sono pagati “a cottimo”, anzi a qualcosa che al cottimo assomiglia solo: non è infatti prevista, nel 90% dei casi, una retribuzione fissa ma si viene retribuiti “a contatto utile”, ovvero in base ad ogni singola chiamata che arriva all’operatore .

Può dunque capitare che il telefono non squilli per giornate intere e non è detto che più si lavora, in termini temporali, e più si guadagni. E le buste paga, nonostante il minimo contrattuale sia di 6,73 euro l’ora per il primo anno di lavoro (7,50 dal secondo), raccontano quasi sempre di stipendi da fame , non proporzionati al lavoro svolto che prevede sovraccarichi, sistemi di controllo molto rigidi, monotonia, e ritmi molto intensi.


Il tutto è destinato a ricadere anche sulla qualità del servizio offerta agli utenti. È ben difficile che addetti sottopagati, magari a cottimo, con turni di lavoro massacranti, possano infatti svolgere al meglio e in ogni circostanza una buona assistenza ai clienti. È quanto è emerso dall’inchiesta pubblicata sul primo numero di Punto Informatico Solido: i call center soffrono di una contraddizione. Sono diventati, per i gestori di TLC (soprattutto di telefonia fissa e Internet) il solo punto di contatto con i clienti ; ciononostante, sono amministrati spesso al risparmio. L’investimento fatto dagli operatori tende insomma a non essere commisurato all’importanza e alla complessità del lavoro che i call center sono chiamati a svolgere. Soprattutto in un mondo come quello delle telecomunicazioni, dove i servizi e le tecnologie si avvicendano senza sosta, richiedendo la formazione continua degli addetti.

Dall’inchiesta è emerso anche che gli operatori avevano, almeno in parte, compreso il problema e stavano cercando di rimediarvi, per esempio migliorando le condizioni contrattuali degli addetti . Telecom aveva detto che da gennaio di quest’anno avrebbe passato tutti gli addetti a un contratto a tempo indeterminato.

E chi lavora da precario? Il 2 marzo dello scorso anno, dopo mobilitazioni e interrogazioni parlamentari, si è raggiunto un accordo normativo per la gestione dei contratti di collaborazione (ma non dei contratti a progetto, i più numerosi) nei call center: E’ infatti ora previsto che, in caso di infortunio , il lavoratore abbia diritto alla sospensione fino alla completa guarigione clinica o alla scadenza del contratto di collaborazione e che in caso di maternità la sospensione del rapporto di lavoro sia prevista per un totale di 180 giorni. Ma molti operatori ritengono questa soluzione uno specchietto per le allodole: chi, con contratto trimestrale e senza alcuna garanzia, si prenderebbe il lusso di stare a casa sapendo che una scelta del genere comprometterebbe del tutto la propria posizione lavorativa?

E’ in questa condizione che migliaia di persone, alcune anche con 10 anni di anzianità , vanno a lavorare per diverse ore al giorno, arrivando a fine turno senza aver effettivamente guadagnato pur essendo stati incollati alla sedia per 6-8-10 ore; ciò in palese violazione dell’articolo 36 della Costituzione Italiana, che stabilisce la proporzione tra il lavoro prestato e la retribuzione ottenuta.

Del problema, dicono in tanti, dovrebbe occuparsi il Parlamento, per discutere di una precarizzazione del lavoro ormai accettata per necessità da chi deve subirla.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    perchè non aspettiamo prima di giudicare
    Ma pèerchè così disfattisti? aspettiamo un pò no? non vi sembra troppo prestro per parlarne già male? bisognerebbe provarlo magari.
    • Anonimo scrive:
      Re: perchè non aspettiamo prima di giudi
      - Scritto da: Anonimo
      Ma pèerchè così disfattisti? aspettiamo un pò no?
      non vi sembra troppo prestro per parlarne già
      male? bisognerebbe provarlo magari.eh magari... hai detto bene...cmq in rete si trovano messaggi di gente che ha provato la beta e dicono voli...
  • Anonimo scrive:
    Domanda, stupida ?
    Mi chiedo, dall'albume della mia ignoranza informatica:ma se MAC_OS poggia la sua struttura su un kernel UNIX, perchè è così difficle il porting su X86 ?Non chiedo ovviamente i motivi di mercato & Co, chiedo lumi solo sugli aspetti tecnici, che mi "pare" siano di suo abbastanza grossiHo il malsano pensiero che il rilascio di MAC_OS su X86 possa essere la vera tomba di Linux su desktop, posto che il porting ne mantenga le attuali caratteristiche(è solo un pensiero, non una provocazione eh eh eh...)Grazie
  • Anonimo scrive:
    era ora ^_^
    ma tanto non lo compro lo stesso :)
  • Anonimo scrive:
    winsozz 64 quanto spyware contiene???
    winsozz 64 quanto spyware contiene???
  • Anonimo scrive:
    immagino i crash
    di solito è così quando inglobano hardware nuovo guarda il wirwless in generale: bluetoot/IR/lan wireless immagina processare a 64 :Scomunque scusatemi l'ignoranza storica ma come mai in questi anni ci si è basati sempre e solo sui 32 bit quando altri processori vedi Mac processavano a 128?N.B. non è una domanda ironica mi piacerebbe saperlo davvero grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: immagino i crash
      - Scritto da: Anonimo
      di solito è così quando inglobano hardware nuovo
      guarda il wirwless in generale: bluetoot/IR/lan
      wireless immagina processare a 64 :S

      comunque scusatemi l'ignoranza storica ma come
      mai in questi anni ci si è basati sempre e solo
      sui 32 bit quando altri processori vedi Mac
      processavano a 128?Quanti bit hanno i processori Mac ? A parte ovviamente il fatto che i Mac sono dei computer e non dei processori...
      • Anonimo scrive:
        Re: immagino i crash
        Si effettivamente hai ragione mi sono espresso male il concetto era che mac monta su processori a 128 ma rileggendo quello che ho scritto mi sono reso conto che sembra Mac=processore Sorry ;-)
        • Anonimo scrive:
          Re: immagino i crash
          - Scritto da: Anonimo
          Si effettivamente hai ragione mi sono espresso
          male il concetto era che mac monta su processori
          a 128 ma rileggendo quello che ho scritto mi sono
          reso conto che sembra Mac=processore Sorry ;-)Si... però la domanda era un'altra...
    • Anonimo scrive:
      Re: immagino i crash

      comunque scusatemi l'ignoranza storica ma come
      mai in questi anni ci si è basati sempre e solo
      sui 32 bit quando altri processori vedi Mac
      processavano a 128?I mac processavano a 32 bit fino al G4, Altivec era solo una subunità del processore, che processava a 128 bit.Da un bel pezzo le architetture di computer e gli stessi processori sono un mix di ampiezze di bit diverse, per esempio già dai pentium c'era la subunità MMX, un bel po prima di Altivec e analoga come concetto, cioè superporcessore scalare, che processava 8 byte per volta, quindi a 64 bit, e il bus delle memorie aveva 64 bit.In compenso le rambus erano tornate ad avere una interfaccia, multipla, a 16 bit perchè tecnicasmente in quel caso gli conveniva così...Poi ci sono le subunità mmx2, sse1..3, i corrispettivi di amd... ecc ecc eccNei processori e tantopiù in una macchina completa c'è un bel mix perlomeno di componenti da 8 a 256 bit. Nella PS2 c'è anche una subunità a 2048 bit...Ma paragonare ampiezza di bit a "modernità" in senso assoluto di una macchina, o tantopiù alle prestazioni, può essere fuorviante, e limitarsi all'ampiezza in bit dei registri del processore principale è sicuramente fuorviante.CMQ se è a questi che ti riferisci, fino al G4 compreso Apple ha usato processori a 32 bit e per numerosi aspetti l'osx 10.3 è ancora ibrido e non sfrutta appieno i 64 bit del G5.
  • Anonimo scrive:
    Con palladium è meglio avere le password
    ...infatti senza la password di amministratore non si potranno più sniffare i dati di un PC, rubandone solo il disco rigido (attualmente nei sistemi NT/XP l'unica alternativa e quella di criptare i files con l'apposita interfaccia... ma è un sistema troppo macchinoso per grosse mole di informazioni)...... e tutto questo darà fastidio a molti pirati e parassiti# W Windows, Intel, AMD e i sistemi Unix commerciali #
    • Anonimo scrive:
      Re: Con palladium è meglio avere le password
      - Scritto da: Anonimo
      ...infatti senza la password di amministratore
      non si potranno più sniffare i dati di un PC,
      rubandone solo il disco rigido (attualmente nei
      sistemi NT/XP l'unica alternativa e quella di
      criptare i files con l'apposita interfaccia... ma
      è un sistema troppo macchinoso per grosse mole di
      informazioni)...

      ... e tutto questo darà fastidio a molti pirati e
      parassiti

      # W Windows, Intel, AMD e i sistemi Unix
      commerciali #Non ti preoccupare, che nessuno è interessato a sniffare i punteggi delle partitone che fai su X-Box...
    • Anonimo scrive:
      Re: Con palladium è meglio avere le pass

      ...infatti senza la password di amministratore
      non si potranno più sniffare i dati di un PCVeramente si possono intercettare le emissioni elettromagnetiche di qualsiasi dispositivo consumer e quindi carpirne il flusso di dati e sceglierne almeno un flusso di dati decrittati, dopotutto non digiterai mica in codice e non vorrari mica vedere informazioni codificate a video... nel momento che il flusso in chiaro viene generato ed inviato i governi con apparecchiature apposite a qualche decina di metri riescono a sniffartelo!Solo che si accontenta il grande pubblico con pippe su bug di qua e di la (intendiamoci, non che non sia importante, ma ad oggi su molti OS è di gran lunga la parte più sicura dell'intero processo) quando una qualsiasi macchina consumer a livello di tastiera e monitor è e rimane niente più che un libro aperto per uno spione organizzato a breve raggio, con Palladium o senza!E non parliamo degli arzigogoli assurdi che stanno dietro la gestione fisica di un disco! Per essere sicuri di avere realmente sovrascritto un bit bisogna fare i salti mortali! E se il disco si mette a marcarli come non utilizzabili in modo non trasparente impedendoti di cancellare una password???In pratica friggere l'hd in un altoforno è l'unico modo per essere sicuri della cancellazione al di la di ogni ragionevole dubbio!Insomma, la sicurezza sta diventando un grande businness, ma mentre i fornitori di soluzioni si focalizzano su rendere eccezionalmente forti alcune parti della palizzata (n bit di qua, n bit di là, bugfix automatiche in tempo reale, e io ti faccio vedere tutto il codice, e io ti cripto tutti i flussi con Palladium) perchè sono facili da fare capire al pubblico, tante altre parti importanti rimangono sguarnite ed accessibili ai veri spioni organizzati.Mentre la massa rimane anestetizzata e beata da un falso senso di sicurezza perchè "ha Palladium", o "ha visto il codice", o usa un algoritmo con una "forza di tanti bit" che ogni elaboratore futuribile impiegherebbe miliardi di anni per decrittarlo, mentre la massa guarda felice al lato della palizzata che è un muro di cemento armato alto 100 metri, dall'altra parte lo spione organizzato continua ad entrare sfondando la solita vecchia porticina di legno fatiscente, e sempre continuerà ad entrare dal punto di minore resistenza.
    • Anonimo scrive:
      Re: Con palladium è meglio avere le pass
      - Scritto da: Anonimo
      ...infatti senza la password di amministratore
      non si potranno più sniffare i dati di un PC,sai che sforzo ... il 99% degli utenti la impostera a' 'pippo' o al cognome ...
      • Anonimo scrive:
        Re: Con palladium è meglio avere le pass
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...infatti senza la password di amministratore

        non si potranno più sniffare i dati di un PC,
        sai che sforzo ... il 99% degli utenti la
        impostera a' 'pippo' o
        al cognome ...A dire il vero la mia password è composta da 11 caratteri tra lettere numeri e simboli... sono nell'1%? lol
        • Anonimo scrive:
          Re: Con palladium è meglio avere le pass

          A dire il vero la mia password è composta da 11
          caratteri tra lettere numeri e simboli... sono
          nell'1%? lolsi . e non capisco cosa ci sia da ridere .
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass


            A dire il vero la mia password è composta da 11

            caratteri tra lettere numeri e simboli... sono

            nell'1%? lol
            si . e non capisco cosa ci sia da ridere .Leggetevi entrambi uno degli ultimi numeri del blog di Schneier... lo sforzo per ricordarsi una password e lo sforzo per bruteforzarla sono due linee che si sono intersecate già da qualche anno.Ormai un sistema di autenticazione basato solo sulla password non può che ritenersi obsoleto.Certo usare "pippo" non è che un modo per diminuire ancora il valore di questa strategia, o anche per inficiare parzialmente il valore di un doppio o multiplo sistema di autenticazione.Come dicevo in altro post, sarò paranoico (il dubitativo è solo una forma retorica) ma i fornitori di soluzioni danno in pasto alle masse veri e propri frotini con caratteristiche pregevolissime ma con la porta sul retro bell'e pronta per essere sfondata... un attaccante esperto non cercherà mai di forzare l'aspetto più rigoroso della vs sicurezza, sarà sempre in grado di identificare ed attaccare il particolare più vulnerabile.
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass

            Leggetevi entrambi uno degli ultimi numeri del
            blog di Schneier... lo sforzo per ricordarsi una
            password e lo sforzo per bruteforzarla sono due
            linee che si sono intersecate già da qualche
            anno.
            Ormai un sistema di autenticazione basato solo
            sulla password non può che ritenersi obsoleto.
            Certo usare "pippo" non è che un modo per
            diminuire ancora il valore di questa strategia, o
            anche per inficiare parzialmente il valore di un
            doppio o multiplo sistema di autenticazione.
            Come dicevo in altro post, sarò paranoico (il
            dubitativo è solo una forma retorica) ma i
            fornitori di soluzioni danno in pasto alle masse
            veri e propri frotini con caratteristiche
            pregevolissime ma con la porta sul retro bell'e
            pronta per essere sfondata... un attaccante
            esperto non cercherà mai di forzare l'aspetto più
            rigoroso della vs sicurezza, sarà sempre in grado
            di identificare ed attaccare il particolare più
            vulnerabile.Vero... ma sicuramente avere una password robusta contribuisce a non incrementare i "punti deboli".
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass

            Vero... ma sicuramente avere una password robusta
            contribuisce a non incrementare i "punti deboli".Una pw, anzi, passphrase, robusta *memorizzabile, anche con errori voluti* è già da anni sotto quella soglia che può essere bruteforzata praticamente in tempo reale su un elaboratore mainstream.Avere "un4_Passuord mol7o luNga-e g3ek" anzichè "pippo" può tenere alla larga uno spione estemporaneo ma verranno forzate entrambe in tempo reale da un vero attaccante, che non perderà tempo a provare prima con "pippo" o "nome e cognome".Nello stabilire una strategia poi ha anche importanza rapportarla ad un uso esteso della stessa, tu e io sappiamo che scrivere "un4_Passuord mol7o luNga-e g3ek" è un fattore di rischio ma quanti lo faranno se la password gli sembra difficile da ricordare?Una volta che gli utonti si mettano a scrivere le pw perchè gli sembrano troppo difficili (lo fanno anche con quelle facili, ma meno) saranno in balia anche di un attaccante improvvisato.
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass

            Una pw, anzi, passphrase, robusta *memorizzabile,
            anche con errori voluti* è già da anni sotto
            quella soglia che può essere bruteforzata
            praticamente in tempo reale su un elaboratore
            mainstream.
            Avere "un4_Passuord mol7o luNga-e g3ek" anzichè
            "pippo" può tenere alla larga uno spione
            estemporaneo ma verranno forzate entrambe in
            tempo reale da un vero attaccante, che non
            perderà tempo a provare prima con "pippo" o "nome
            e cognome".
            Nello stabilire una strategia poi ha anche
            importanza rapportarla ad un uso esteso della
            stessa, tu e io sappiamo che scrivere
            "un4_Passuord mol7o luNga-e g3ek" è un fattore di
            rischio ma quanti lo faranno se la password gli
            sembra difficile da ricordare?
            Una volta che gli utonti si mettano a scrivere le
            pw perchè gli sembrano troppo difficili (lo fanno
            anche con quelle facili, ma meno) saranno in
            balia anche di un attaccante improvvisato.Dipende dagli ambiti... se la password è su un sito internet o comunque tenti di forzarla attraverso la rete, dubito tu possa brute-forceare qualcosa in tempi accettabili... perchè potenza di calcolo a parte c'è il collo di bottiglia della connessione di rete.Il tuo ragionamento può al limite essere valido solo se hai accesso diretto al sistema di autenticazione e se questo sistema di autenticazione non ha qualche sistema di protezione (es. massimo tre tentativi errati).
    • Anonimo scrive:
      Re: Con palladium è meglio avere le pass

      ...infatti senza la password di amministratore
      non si potranno più sniffare i dati di un PC,
      rubandone solo il disco rigido (attualmente nei
      sistemi NT/XP l'unica alternativa e quella di
      criptare i files con l'apposita interfaccia... ma
      è un sistema troppo macchinoso per grosse mole di
      informazioni)...
      ... e tutto questo darà fastidio a molti pirati e
      parassitiscusa ma quando mai hai visto un sw m$ funzionare e soprattutto essere SICURO?ma piantala di fare ridere
      • Anonimo scrive:
        Re: Con palladium è meglio avere le pass

        scusa ma quando mai hai visto un sw m$ funzionare
        e soprattutto essere SICURO?

        ma piantala di fare riderePerchè ci sono sistemi sicuri? ;-)
        • rootINO scrive:
          Re: Con palladium è meglio avere le pass


          Perchè ci sono sistemi sicuri? ;-)Si'......ragionevolmente sicuriUno spento, staccato dalla rete, chiuso in un caveau e senza nulla di importante sopra e' ragionevolmente sicuro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass

            Ormai un sistema di autenticazione basato solo sulla
            password non può che ritenersi obsoleto.stai scherzando vero? mi spieghi un un a password lunga,alfanumerica,con caratteri speciali e che vine spesso cambiata,è obsoleta? certo,se poi si usa un sistema che non da aggiornamenti lasciando mesi senza pach ,allora ti dico che hai ragione.(linux)
          • Anonimo scrive:
            Re: Con palladium è meglio avere le pass

            Ormai un sistema di autenticazione basato solo sulla
            password non può che ritenersi obsoleto.stai scherzando vero? mi sdici un un a password lunga,alfanumerica,con caratteri speciali e che vine spesso cambiata,è obsoleta? certo,se poi si usa un sistema che non da aggiornamenti lasciando mesi senza pach ,allora ti dico che hai ragione.(linux)le prime 2 regole per la sicurezza:usate password difficili,configurate gli utetenti togliendo OGNI DIRITTO(o quasi)2)usate l'amministratore SOLO per interventi e possibilmente NON connessi ad internet 3)firewall4)aggiornare un sistema5)usare sui server s.o. decenti
    • Anonimo scrive:
      Re: Con palladium è meglio avere le pass
      - Scritto da: Anonimo
      ...infatti senza la password di amministratore
      non si potranno più sniffare i dati di un PC,
      rubandone solo il disco rigido (attualmente nei
      sistemi NT/XP l'unica alternativa e quella di
      criptare i files con l'apposita interfaccia... ma
      è un sistema troppo macchinoso per grosse mole di
      informazioni)...

      ... e tutto questo darà fastidio a molti pirati e
      parassiti

      # W Windows, Intel, AMD e i sistemi Unix
      commerciali #Troll
  • Anonimo scrive:
    che storia è ?...
    ... se ho sullo stesso disco fisso longhorn e Linux e voglio fare un boot da floppy con lilo o grub non posso più ? ma sono pazzi ?
  • Anonimo scrive:
    Sempre meno calcolatore
    sempre più sistema chiuso.Con ogni innovazione viene introdotta una qualche limitazione alle possibilità di fare con il calcolatore (questo è un pc) limitantone le funzioni in nome della sicurezza.Tuttavia spero che tali funzioni siano disabilitabili...il boot da periferiche normalmente inusuali può essere molto utile in certi casi, se non indispensabile per determinati usi.
  • illegalinstruct scrive:
    bill gates colpisce ancora ...
    "tra cui il supporto ad uno speciale chip che rende automaticamente inaccessibili i dati dell'utente quando il PC viene avviato da un drive esterno (floppy, chiavetta USB, ecc.)."fionra se si sputtanva completamente windows a un cliente era sempre possibile ,prima di formattare ,fargli il backup dei dati usando una knoppix , ora non piu !!mi sta venendo in mente una certa canzone di marco masini ...
    • Anonimo scrive:
      Re: bill gates colpisce ancora ...
      - Scritto da: illegalinstruct
      "tra cui il supporto ad uno speciale chip che
      rende automaticamente inaccessibili i dati
      dell'utente quando il PC viene avviato da un
      drive esterno (floppy, chiavetta USB, ecc.)."

      fionra se si sputtanva completamente windows a un
      cliente era sempre possibile ,prima di formattare
      ,fargli il backup dei dati usando una knoppix ,
      ora non piu !!Smonti l'HD e lo monti su un'altra macchina... praticamente ha la stessa sicurezza della password sul bios con in più molti svantaggi ed un'ombra nera sul futuro... Vorrei solo che qualcuno dei win-talebani (da distinguersi dai comuni utenti Windows) mi spiegasse il vantaggio per l'utente (privato o azienda che sia) di una schifezza del genere...
      • pippo75 scrive:
        Re: bill gates colpisce ancora ...

        Smonti l'HD e lo monti su un'altra macchina...
        praticamente ha la stessa sicurezza della
        password sul bios con in più molti svantaggi ed
        un'ombra nera sul futuro... Vorrei solo che
        qualcuno dei win-talebani (da distinguersi dai
        comuni utenti Windows) mi spiegasse il vantaggio
        per l'utente (privato o azienda che sia) di una
        schifezza del genere...Es:vai in un comune, avvii il PC, ti chiede la password, non puoi accedere.Riavvi il PC con un dischetto nel drive, con un programma che scarichi da internet recuperi la password (il sito al tempo era www.astalavista.box.sk, non so se esiste ancora).Riavvii il PC inserisci la password, accedi al PC dove magari ci sono dati importanti.Potresti mettere una sicurezza al setup del PC, ma in genere non sono proprio afidabili.cmq. a casa non lo vorrei.ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: bill gates colpisce ancora ...
          - Scritto da: pippo75

          Smonti l'HD e lo monti su un'altra macchina...

          praticamente ha la stessa sicurezza della

          password sul bios con in più molti svantaggi ed

          un'ombra nera sul futuro... Vorrei solo che

          qualcuno dei win-talebani (da distinguersi dai

          comuni utenti Windows) mi spiegasse il vantaggio

          per l'utente (privato o azienda che sia) di una

          schifezza del genere...

          Es:
          vai in un comune, avvii il PC, ti chiede la
          password, non puoi accedere.
          Riavvi il PC con un dischetto nel drive, con unCon la password sul bios non riavvii un bel nulla...
          programma che scarichi da internet recuperi la
          password (il sito al tempo era
          www.astalavista.box.sk, non so se esiste ancora).Puoi farlo con un altro PC.Per lanciare il programma che cracchi la password non hai bisogno di accedere in senso stretto ai dati.Comunque bastava crittare meglio la password (e comunque continuo a dire che è inutile).
          Riavvii il PC inserisci la password, accedi al PC
          dove magari ci sono dati importanti.Una volta che hai ottenuto la password al PC accedi senza fare il boot da una periferica esterna.
          Potresti mettere una sicurezza al setup del PC,
          ma in genere non sono proprio afidabili.Infatti. Ne più e ne meno della protezione di cui stiamo parlando. Se hai un po' la mano il tempo necessario per aprire il PC e smontare l'HD non è maggiore di quello necessario a fare il boot. Però non devi perdere tempo a cercare e copiare i dati. Inoltre se i dati sono importanti allora devi fare anche un backup. E va protetto anche quello. La sicurezza non la improvvisi. Se hai questa esigenza ti devi affidare a sistemi seri. I dati sensibili devono essere contenuti su un file server sotto chiave e protetto con password dagli accessi remoti, qualsiasi altra soluzione è un palliativo che crea molti più problemi di quanti ne risolva.
      • illegalinstruct scrive:
        Re: bill gates colpisce ancora ...
        - Scritto da: Anonimo

        Smonti l'HD e lo monti su un'altra macchina...
        praticamente ha la stessa sicurezza della
        password sul bios con in più molti svantaggi ed
        un'ombra nera sul futuro... non so se e' possibile .. da quello che ho capito sul palladium , se i dati dell'utente sono criptati (che mi sembra sia quello che ha detto gates) la chiave crittografica per decriptarli e' nel TPM (o come si chiama il chip) ,che risiede sulla scheda madre, e non so se si possa estrarre da li'
        • Anonimo scrive:
          Re: bill gates colpisce ancora ...
          - Scritto da: illegalinstruct

          - Scritto da: Anonimo




          Smonti l'HD e lo monti su un'altra macchina...

          praticamente ha la stessa sicurezza della

          password sul bios con in più molti svantaggi ed

          un'ombra nera sul futuro...
          non so se e' possibile .. da quello che ho capito
          sul palladium , se i dati dell'utente sono
          criptati (che mi sembra sia quello che ha detto
          gates) la chiave crittografica per decriptarli e'
          nel TPM (o come si chiama il chip) ,che risiede
          sulla scheda madre, e non so se si possa estrarre
          da li'Appunto... un'ombra nera sul futuro...Come dicevo da un'altra parte palladium o lo accetti in toto o non serve a nulla. In quanto alla chiave io preferisco che stia nella mia testa piuttosto che in un chip che non so bene cosa possa combinare... Ah... a proposito, e se nel chip salta fuori un bug che permette ad un virus di prelevare in qualche modo la chiave cosa succede ?
        • awerellwv scrive:
          Re: bill gates colpisce ancora ...
          - Scritto da: illegalinstruct

          non so se e' possibile .. da quello che ho capito
          sul palladium , se i dati dell'utente sono
          criptati (che mi sembra sia quello che ha detto
          gates) la chiave crittografica per decriptarli e'
          nel TPM (o come si chiama il chip) ,che risiede
          sulla scheda madre, e non so se si possa estrarre
          da li'le macchine devo seguire i MIEI COMANDI non pensare per me... le mie password - chiavi di accesso le gestisco IO non un chip di provenienza sconosciuta...che ne sei poi che il chip spedisca le pass al tuo capo per decrittare il tuo disco fisso per indagare su un illecito (magari presunto) e che non e' autorizzato (solo la finanza puo' farlo). No grazie cose di sto genere hanno controindicazioni grosse come capanne e bosogna rendersene conto... fate attenzione.... io nel frattempo acquistero' da chi non mette sti chip nel proprio hardware
  • Anonimo scrive:
    Ai piu' non serve
    Trovo che i processori a 64 bit di classe desktop/notebook siano una stupidata completa. Salvo alcune particolari applicazioni professionali (tra le altre, le mie) dove si richiede l'accesso random a decine di miliardi di record, non c'e' ragione di passare a 64 bit:* le applicazioni multimediali possono essere gestite da istruzioni dedicate, come si e' sempre fatto;* il supporto a file di dimensioni superiori ai 2GB/4GB esiste gia', con la tecnica della paginazione;* con 64 bit, che dissipazione devo garantire?* con 64 bit, quanti MB di RAM devo allocare per eseguire un "Hello There"?Suvvia, per un desktop tutto cio' non ha senso. Quello che serve e' bassa dissipazione ed alte prestazioni. Allora ha piu' senso un dual core. Ma non simmetrico come quelli che stanno uscendo, semmai un main core per le applicazioni di potenza pura (giochi, DSP) contornato da N piccoli core di classe Pentium. Faccio un esempio: se voglio sentire la musica con Winamp, non mi serve un P4 EE. Un core Pentium shrinkato a 90nm e' piccolo, risparmioso e veloce quanto basta, anche se gira a 300MHz. Tutto il resto del chip, cioe' il main core e i Pentium-fratelli, puo' restare spento e attivarsi all'occorrenza. Allora, se sto ascoltando solo Winamp, probabilmente la ventola non entra nemmeno in funzione.Ma se voglio masterizzare e contemporaneamente lavorare (mettiamo il caso) con AviSynth, non posso farlo senza rischiare di incartare tutto.Potrei passare a Linux, direte, ma per certe cose DEVO usare Windows, quindi che faccio? mi attacco, oppure prendo l'n-esima edizione del P4 raffreddato ad elio liquido.Se invece avessi 1 core che esegue 1 processo (AviSynth sul main core, Winamp su un coretto), avrei il carico sufficientemente bilanciato per continuare a lavorare, senza bisogno di inutili upgrade di memoria, radiatori e amenita' del genere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ai piu' non serve
      - Scritto da: Anonimo
      Trovo che i processori a 64 bit di classe
      desktop/notebook siano una stupidata completa.già il fatto che possano giovare ai giochi (farcry docet) gli dà motivo di esistere essendo questo ambito trainante del mercato e della tecnologia...
    • pippo75 scrive:
      Re: Ai piu' non serve
      si che servono, anzi sono ancora pochi, meglio 8192bit, non si sai mai, meglio abbondare che deficere, almeno il pc e' piu' potentememoria di sistema, almeno 10 kg, forse meglio 20.HD, nessuno e' abbastanza grosso.Masterizzatore DVD 1000000x, cavolo, veramente potenteScheda video, ram di piu' che non si sa mai, almeno e' piu' potente.anche nelle macchine fotogragiche e nelle telecamere, zoom da 10000x almeno sono piu' potenti, se poi non si possono fare ottici, vanno bene anche digitali, quello che importa e' che siano potenti.Megapixel a non finire, almeno e' piu' potente...... ma quanta ram avete sui vosti PC?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ai piu' non serve
        - Scritto da: pippo75
        ma quanta ram avete sui vosti PC?2 giga (faccio grafica).10 anni fa avevo 32 mega.pensi davvero che poter montare 8 giga sia una cosa da folli?le case produttrici di software ne approfitteranno senza ombra di dubbio ed ecco che photoshop cs 5.0 userà 500 mega di ram.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ai piu' non serve
      - Scritto da: Anonimo
      Trovo che i processori a 64 bit di classe
      desktop/notebook siano una stupidata completa.probabile, resta pero' un passo che prima o poi si doveva fare secondo me, anche se al 99% della popolazione non servira' a nulla se non a spendere soldi
      Salvo alcune particolari applicazioni
      professionali (tra le altre, le mie) dove si
      richiede l'accesso random a decine di miliardi di
      record, non c'e' ragione di passare a 64 bit:
      * le applicazioni multimediali possono essere
      gestite da istruzioni dedicate, come si e' sempre
      fatto;
      * il supporto a file di dimensioni superiori ai
      2GB/4GB esiste gia', con la tecnica della
      paginazione;qui si parla di ram, non di filesystem.Tale features si puo' avere con robaccia del tipo PAE di Intel che ti permette di indirizzare fino a 64GB di ram (in 36 bit), questo con un calo di prestazioni scandaloso (almeno in Linux) soprattutto dopo i 16GB dato che (come raccontava Arcangeli) il problema sta nel fatto che il kernel rimane nei 2GB bassi e deve tenere strutture dati per lo userspace di tutti gli altri 62GB...con i 52 bit di AMD64 e' tutto piu' ordinato e nativo... :)
      * con 64 bit, che dissipazione devo garantire?
      * con 64 bit, quanti MB di RAM devo allocare per
      eseguire un "Hello There"?hai semplicemente uno stack allineato a 64 bit, le cose non cambiano di molto e puoi continuare ad allocare quello che ti serve, ti ricordo ad esempio che le Sun Ultra1 (UltraSPARC a 140/170/200Mhz) avevano anche solo 64MB di ram da gestire con i 64bit, o meglio 40 di indirizzamento reali)
      Suvvia, per un desktop tutto cio' non ha senso.
      Quello che serve e' bassa dissipazione ed alte
      prestazioni. Allora ha piu' senso un dual core.si, cosa che si sta smerciando da anni a partire da Pentium PRO, Xeon e in modo un po' diverso P4 con hyperthreading (e AMD64 multicore per desktop ecc ecc...mi pare si chiamino Rock gli imminenti octal core della Sun)
      Ma non simmetrico come quelli che stanno uscendo,
      semmai un main core per le applicazioni di
      potenza pura (giochi, DSP) contornato da N
      piccoli core di classe Pentium. potrebbe essere un'idea, non mi intendo tantissimo di multicore ma potrei azzardare problemi di snooping troppo complesso...
      Faccio un esempio: se voglio sentire la musica
      con Winamp, non mi serve un P4 EE. Un core
      Pentium shrinkato a 90nm e' piccolo, risparmioso
      e veloce quanto basta, anche se gira a 300MHz.
      Tutto il resto del chip, cioe' il main core e i
      Pentium-fratelli, puo' restare spento e attivarsi
      all'occorrenza.
      Allora, se sto ascoltando solo Winamp,
      probabilmente la ventola non entra nemmeno in
      funzione.
      Ma se voglio masterizzare e contemporaneamente
      lavorare (mettiamo il caso) con AviSynth, non
      posso farlo senza rischiare di incartare tutto.
      Potrei passare a Linux, direte, ma per certe cose
      DEVO usare Windows, quindi che faccio? mi
      attacco, oppure prendo l'n-esima edizione del P4
      raffreddato ad elio liquido.
      Se invece avessi 1 core che esegue 1 processo
      (AviSynth sul main core, Winamp su un coretto),
      avrei il carico sufficientemente bilanciato per
      continuare a lavorare, senza bisogno di inutili
      upgrade di memoria, radiatori e amenita' del
      genere....condivido le tue osservazioni sull'inutilita' della potenza di calcolo per la maggioranza dell'utenza, ma ormai e' quasi retorica...ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: Dannato sara'...
    - Scritto da: Anonimo[...]
    Mi fa una gran pena il CED di un ente che conosco
    che ha comprato un Alpha e ci ha messo WindowsNT
    per Alpha proprio nei giorni in cui M$ annunciava
    l'abbandono di quella piattaforma.anche perche' NT per alpha non gira nativamente su alpha ma nello user space di un kernel digital unix ridotto ai minimi termini, con tutto il conseguente overhead che ne deriva. Solita porcata targata microsoft :-D
  • Anonimo scrive:
    BELLISSIMO PALLADIUM!
    Fantastico! se win si impalla non potremo neanche attaccare il disco fisso ad un'altra macchina per recuperare i dati! e dicono che è per la sicurezza dell'utente? Frottole. Io da anni conservo i dati in una vera e propria cassaforte virtuale (Drivecrypt). Non solo: anche il S.O. è completamente criptato, compresi tutti i file temporanei, i dati utente eccetera (Drivecrypt Plus Pack). Ma basta un dischetto (e la password) per recuperare tutto.La verità è che il sistema palladium serve a controllare gli utenti e a tenere traccia di ciò che fanno. Microsoft e, probabilmente, il governo USA, vogliono prendere il completo controllo di cosa passa sui pc di tutto il pianeta.Anche da noi le cose non vanno tanto bene dal punto di vista delle libertà personali: passo dopo passo, i BIT acquistano valore come indizi, prove, corpi di reato! Già oggi, il fatto di trovare un file -anche cancellato- su un disco fisso, viene usato come prova di un reato. Un file su disco! ma è solo una sequenza di bit! Chiunque potrebbe crearlo, cancellarlo, modificarlo, alterarlo, falsificarlo... senza lasciare traccia. I bit non hanno colore, odore, impronte digitali, tracce di DNA. I bit sono virtuali, non esistono, se non come convenzione arbitraria che assegna un valore uno o zero ad un campo magnetico. Eppure poco per volta sta passando l'idea che i bit possano essere usati come prove per incriminare le persone. Ma che differenza c'è tra un campo magnetico e un impulso elettrochimico tra due neuroni del mio cervello? Secondo me, niente. Pretendere di controllare cosa passa nel mio computer, e di considerare come potenziali prove di reato dei bit del mio hard disk, equivale a voler controllare ciò che penso, le mie idee, i miei ricordi.La libertà è in pericolo. Premuniamoci. Se vogliono usare la tecnologia per controllarci, noi possiamo usare la tecnologia per difenderci. Il marketing ci constringe ad acquistare PC sempre più potenti? Bene, sfruttiamoli per la crittografia.A quando un sistema come DriveCrypt Plus Pack per Linux?cya
    • Anonimo scrive:
      Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
      CrpytoLib per Linux, vengono utilizzate anche in sistemi militari tanto che in alcuni paesi ne è vietato l'utlizzo.Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
        - Scritto da: Anonimo
        CrpytoLib per LinuxGrazie. Vanno bene anche per criptare completamente la partizione di boot? Con Drivecrypt PlusPack si può fare, al punto che, senza l'apposito dischetto di avvio, la partizione appare come "non formattata", ovvero completamente piena di dati random. Non c'è neppure modo di capire se si tratta di una partizione fat o ntfs...ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
          Beh smanettando un pochino e attuando degli accorgimenti si cifra anche la partizione di boot si. Puoi creare + passphrase a seconda della partizione. E' lo strumento più potente per cifrare che sia in giro credo.Saluti
    • Anonimo scrive:
      Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
      - Scritto da: Anonimo[..]
      A quando un sistema come DriveCrypt Plus Pack per
      Linux?esistono da secoli su gnu/linux; ora come ora io uso dm-crypt
    • Anonimo scrive:
      Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
      - Scritto da: Anonimo
      Fantastico! se win si impalla non potremo neanche
      attaccare il disco fisso ad un'altra macchina per
      recuperare i dati! probabilmente sarà necessaria la password di amministratore
      • Anonimo scrive:
        Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Fantastico! se win si impalla non potremo
        neanche

        attaccare il disco fisso ad un'altra macchina
        per

        recuperare i dati!

        probabilmente sarà necessaria la password di
        amministratoreSe il disco è criptato allora è inutile qualsiasi chip e qualsiasi intervento del sistema operativo. Se non è criptato allora la protezione in un modo o nell'altro è aggirabile. Magari, se è una protezione sull'elettronica dell'HD, smontando i piatti e rimontandoli su HD modificato. Ovviamente si tratta di un'operazione complessa per un utente ma perfettamente alla portata di un'organizzazione criminale...Se infine è criptato con la password di administrator allora siamo di fronte al solito guazzabuglio by microsot(TM)A dire il vero l'articolo è poco chiaro, ma sembra alludere ad un chip su scheda madre. Se è così l'utilità di questo chip da solo è pressochè nulla e sarebbe quindi necessario implementare funzionalità simili su tutte le periferiche. In parole povere per arrivare a qualche cosa di utile è necessario proseguire fino ad implementare in toto palladium. Però arrivati a ciò resta da chiedersi chi è il beneficiario di tale 'utilità'....
        • Anonimo scrive:
          Re: BELLISSIMO PALLADIUM!
          - Scritto da: Anonimo
          implementare in toto palladium. Però arrivati a
          ciò resta da chiedersi chi è il beneficiario di
          tale 'utilità'....M$ che impedira' l'installazione di Linux e Win nello stesso disco.Che scriptera' i tuoi dati perche' tu non veda cio' che le applicazioni Win mandano alla M$ per spiare le tue tendenze multimediali e di navigazione.Che ingabbiera' i tuoi dati se non hai comprato la versione ufficiale per il tuo mercato di Win+Office.
  • Anonimo scrive:
    Re: Dannato sara'...
    - Scritto da: Anonimo
    Ma che dici...

    poter usare più di 4GB di RAM, finalmente, senza
    dover comprare la versione ENTERPRISE del 2003,
    ti sembra poco?Il ritardo con cui Windows ti sta dando queste features, ed al costo di un'instabilita' da versione beta, sono quel che si meritano gli utenti Windows.Perche' questo ritardo denota come questo sistema operativo sia un giocattolo che solo da poco inizia a diffondersi in ambito enterprise.Segno che a Microsoft questa utenza non interessava poiche' ha avuto molto poca.E non interessa ancora dato che gli fornisce una specie di beta.Io ho una Sun Sparc con Linux che funziona molto bene e tutto il software e' a 64 bit da tempo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dannato sara'...
      - Scritto da: Anonimo
      Il ritardo con cui Windows ti sta dando queste
      features, ed al costo di un'instabilita' da
      versione beta, sono quel che si meritano gli
      utenti Windows.BUM!siamo messi bene...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dannato sara'...
      Condivido a pieno le tue osservazioni, ti ricordo pero' (correggimi se sbaglio) su SPARC64 lo userspace in Linux e' completamente a 32 bit, questo per il semplice fatto che e' nettamente + veloce (a meno che tu non abbia ricompilato tutto, cosa sconsigliata direttamente da coloro che si occupano del porting), inoltre l'indirizzamento e' *solamente* a 40bit...Io sono sempre stato pro-Sun, ma volevo far notare quanto sia in realta' complessa la disquisizione sui tanto osannati 64bit...ciao
  • Anonimo scrive:
    beccatevi...
    ... il palladium, winari ! vi sta proprio bene, anzichè passare a sistemi operativi veri continuate a usare il frigorifero-windows... continuate... vi arriverà una bella supposta...
    • Anonimo scrive:
      Re: beccatevi...
      - Scritto da: Anonimo
      ... il palladium, winari ! vi sta proprio bene,
      anzichè passare a sistemi operativi veri
      continuate a usare il frigorifero-windows...
      continuate... vi arriverà una bella supposta...Wow, sei proprio un aquila.Chi ci rimettera' sara' principalmente l'utente linux, costretto ad usare hardware obsoleto.
      • Anonimo scrive:
        Re: beccatevi...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ... il palladium, winari ! vi sta proprio bene,

        anzichè passare a sistemi operativi veri

        continuate a usare il frigorifero-windows...

        continuate... vi arriverà una bella supposta...
        Wow, sei proprio un aquila.
        Chi ci rimettera' sara' principalmente l'utente
        linux, costretto ad usare hardware obsoleto.qui si parla delle componenti sw di palladium innestate in Longhorn... comunque basterà disattivare da bios il sistema palladium per l'hardware e usare Linux in modialità non trusted... nel caso non fosse possibile uno passa al mac e oltre ad osx può installare Linux e tutte le varianti di BSD... con la certezza che l'hw non cambi ogni 5 giorni...
  • Anonimo scrive:
    winsozz 64 quante backdoors contiene???
    winsozz 64 quante backdoors contiene???
    • Anonimo scrive:
      Re: winsozz 64 quante backdoors contiene
      - Scritto da: Anonimo
      winsozz 64 quante backdoors contiene???All'incirca quelle che contengono gli altri sistemi operativi.
      • Anonimo scrive:
        Re: winsozz 64 quante backdoors contiene
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        winsozz 64 quante backdoors contiene???

        All'incirca quelle che contengono gli altri sistemi operativi.HHhhhahhahahahahahahhahaah!!!!A te non serve il palladium......sei gia' te un pollodium!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit....
    .....ED E' PURE GRATIS !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit....
      Tru64 su Alpha era a 64 bit quando torvalds andava all'asilo... come al solito i linuxari non hanno inventato un cazzo, non conoscono la storia dell'informatica ma si fanno belli contro un sistema di merda come windows. Troppo facile... intanto OpenBSD fa il culo a linux come sicurezza server, e il kernel di linux diventa sempre più elefantiaco e zeppo di stronzate inutili destinate al desktop, cioè lo stesso mercato di merda di windows.La nobiltà dei sistemi unix deriva dal loro snobismo verso il SOHO e gli utonti, se si toglie questo resta solo liquame poltaceo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
        - Scritto da: Anonimo
        Tru64 su Alpha era a 64 bit quando torvalds
        andava all'asilo... come al solito i linuxari non
        hanno inventato un cazzo, non conoscono la storia
        dell'informatica ma si fanno belli contro un
        sistema di merda come windows. Troppo facile...
        intanto OpenBSD fa il culo a linux come sicurezza
        server, e il kernel di linux diventa sempre più
        elefantiaco e zeppo di stronzate inutili
        destinate al desktop, cioè lo stesso mercato di
        merda di windows.
        La nobiltà dei sistemi unix deriva dal loro
        snobismo verso il SOHO e gli utonti, se si toglie
        questo resta solo liquame poltaceo.Sai caro scienziato-ricercatore-premio nobel, non ci siete solo tu e i tuoi splendidi Unix da 1000 dollari a licenza su hardware costoso che spesso dentro nasconde molti ricicli di versioni precedenti di quelle macchine...C'e' tutto un mondo di utenti hobbistici, piccoli programmatori, semplici smanettoni, piccoli professionisti, piccole aziende, alle quali uno Unix senza interfaccia grafica non e' che gli serva a molto.E sono tanti ma cosi' tanti che la societa' praticamente vive si basa sull'hobby e il lavoro di queste persone.Windows e Linux sono le alternative a basso costo e di ottima produttivita' che li aiutano nei loro hobby e nel loro lavoro.Di uno spocchioso topo da laboratorio tutto chiacchiere e linea di comando non sanno cosa farsene...
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
          - Scritto da: Anonimo

          E sono tanti ma cosi' tanti che la societa'
          praticamente vive si basa sull'hobby e il lavoro
          di queste persone.Sono solo dei poveracci che si illudono di contare qualcosa, perché qualche cretino si è svegliato una mattina e ha pensato di piazzare un PC su ogni scrivania invece di usare a profusione set-top box e consolle. Ma non hanno mai avuto bisogno della complessità di un PC.E' tutto un mercato bacato che non vale una sega in termini tecnologici, il valore di una singola macchina Cray anche "vecchia" come YMP è anni luce superiore al valore intrinseco di tutta la cacca SOHO e hobbistica che c'è in circolazione...
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            E sono tanti ma cosi' tanti che la societa'

            praticamente vive si basa sull'hobby e il lavoro

            di queste persone.

            Sono solo dei poveracci che si illudono di
            contare qualcosa, perché qualche cretino si è
            svegliato una mattina e ha pensato di piazzare un
            PC su ogni scrivania invece di usare a profusione
            set-top box e consolle. Ma non hanno mai avuto
            bisogno della complessità di un PC.
            E' tutto un mercato bacato che non vale una sega
            in termini tecnologici, il valore di una singola
            macchina Cray anche "vecchia" come YMP è anni
            luce superiore al valore intrinseco di tutta la
            cacca SOHO e hobbistica che c'è in
            circolazione...E su PI tu posti con una XBox o con un Cray ?
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
        - Scritto da: Anonimo
        Tru64 su Alpha era a 64 bit quando torvalds
        andava all'asilo... come al solito i linuxari non
        hanno inventato un cazzo, non conoscono la storia
        dell'informaticameno male che ci sei tu che la conosci; comunque all'epoca si chiamava digital unix non tru64
        ma si fanno belli contro un
        sistema di merda come windows. Troppo facile...
        intanto OpenBSD fa il culo a linux come sicurezza
        server,falso, semplicemente l'installazione di default non tira su una mazza, ci credo che e' sicuro
        e il kernel di linux diventa sempre più
        elefantiaco e zeppo di stronzate inutili
        destinate al desktop, cioè lo stesso mercato di
        merda di windows.lo sai che a seconda dell'uso che ne devi fare puoi compilare il kernel con o senza quelle "stronzate inutili"?
        La nobiltà dei sistemi unix deriva dal loro
        snobismo verso il SOHO e gli utonti, se si toglie
        questo resta solo liquame poltaceo.se lo dici tu...
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
          Studiati le statistiche del CERT e quelle di ZoneH, poi torna a blaterare di insicurezza di OpenBSD vs quella ciofeca di linux... Theo de Raadt è un GRANDE e sta dando un esempio indimenticabile di come si porta avanti un progetto open di eccellente qualità senza la retorica caciarona e il todos caballeros del confusionario mondo linux !
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
            - Scritto da: Anonimo
            Studiati le statistiche del CERT e quelle di
            ZoneH, poi torna a blaterare di insicurezza di
            OpenBSD vs quella ciofeca di linux...quelle statistiche son fatte con i piedi, ormai lo sanno anche i bambini
            Theo de
            Raadt è un GRANDE e sta dando un esempio
            indimenticabile di come si porta avanti un
            progetto open di eccellente qualità senza la
            retorica caciarona e il todos caballeros del
            confusionario mondo linux !1) la facilita' e pulizia con cui si portano avanti progetti simili e' inversamente proporzionale alla diffusione del progetto e alle spinte commerciali alle sue spalle (OpenBSD non se lo caga nessuno, anche la NSA tempo fa ha ritirato le sovvenzioni che gli passava)2) OpenBSD e' sicuro perche' nell'installazione di default non ti mette quasi un cavolo (un po come qmail che se non ci metti n-mila patch non supporta una sega, grazie al cavolo che e' sicuro) e il poco che ti mette ha versioni del pleistocene3) le performance di OpenBSD fanno cagare (a differenza di FreeBSD che dal punto di vista delle performance e' buono, ma anche esso scala peggio del 2.6 di linux http://bulk.fefe.de/scalability/ )
          • Anonimo scrive:
            Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
            - Scritto da: Anonimo
            quelle statistiche son fatte con i piedi, ormai
            lo sanno anche i bambiniGià, in fondo a che servono le statistiche quando uno ha la Conoscenza infusa per diretto intervento di Dio...
            1) la facilita' e pulizia con cui si portano
            avanti progetti simili e' inversamente
            proporzionale alla diffusione del progetto e alle
            spinte commerciali alle sue spalleLa facilità e pulizia derivano dalla selezione rigorosa degli sviluppatori, dalla presenza di un PROGETTO (ever heard of ?), dal possesso di idee chiare e distinte, dal rispetto dai canoni del software engineering... la diffusione nel mass market di un sistema è inversamente proporzionale alla sua qualità intrinseca, i migliori sistemi in assoluto (Tru64, Plan9, Inferno, VMS, BeOS...) sono ignoti al mainstream.
            3) le performance di OpenBSD fanno cagare Decidetevi: o volete la "sicurezza" per i serverini web, o le performance. Tutte e due insieme non si possono avere, come non è possibile massimizzare contemporaneamente performance e portabilità (motivo fondamentale per cui java fa schifo)...
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
        GRANDE!!!!!!!!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
        -
        La nobiltà dei sistemi unix deriva dal loro
        snobismo verso il SOHO e gli utonti, se si toglie
        questo resta solo liquame poltaceo.signor duca ,permette una parola ?PRRRRRRRRRRRR!!!
        • Anonimo scrive:
          Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit
          - Scritto da: Anonimo

          signor duca, permette una parola ?
          PRRRRRRRRRRRR!!!ROFLASTC ! :-D
    • Anonimo scrive:
      E' anche da un pezzo...
      ...che è all' 1%... hi hi hi , scusa, mi è scappata.hi hi hi
    • Anonimo scrive:
      Re: Linux e' da un pezzo che e' a 64 bit....
      Seee ma non spaventare i poveri winari dai se gli dici che suporta anche i 128bit e può essere montato su un mac ti inquisiscono.
  • Anonimo scrive:
    Palladium...
    ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software microsoft che usero' in vita mia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Palladium...
      - Scritto da: Anonimo
      ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software
      microsoft che usero' in vita mia.la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa win copiato....cazzi vostri... ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software

        microsoft che usero' in vita mia.

        la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa
        win copiato....
        cazzi vostri... ;)se avessi un pochino di furbizia in più scopriresti che c'è in gioco ben più della ridicola licenza di win...
      • citrullo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software

        microsoft che usero' in vita mia.

        la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa
        win copiato....
        cazzi vostri... ;)Ciccino, io uso sw con licenza, ma sta storia non mi piace affatto. Inoltre il la protezione di Xp rompe le p***e solo a me (utente) visto che se devo formattare e reinstallare mi tocca chiamare un call center chissa' dove nel mondo per avere un codice che mi sblocca sta ciofeca visto che ha trovato qualcosa che non va.
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: Anonimo
        la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa
        win copiato....Credimi, sei troppo stupido per usare un computer.
        cazzi vostri... ;)No, figliolo, sono pure cazzi tuoi. Solo che tu non ci arrivi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        se non hai 15 anni, fatti un pò di ricerche sul "Palladium" perchè dimostri di non sapere niente nè sull'argomentonè sul mondo (quello reale) in cui vivi
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software

        microsoft che usero' in vita mia.

        la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa
        win copiato....
        cazzi vostri... ;)C*zzi anche tuoi quando rimarrai l'unico a utilizzarlo. Buon divertimento. =)
        • Anonimo scrive:
          Re: Palladium...
          - Scritto da: Anonimo
          C*zzi anche tuoi quando rimarrai l'unico a
          utilizzarlo. Buon divertimento. =)Oh... m'avete risposto in 5...dico UNA risposta concreta.... ***UNA***Tutti bravi a dire che si piglia in culo e che sono un coglione ma nessuno che abbia detto dove sta la paura... (o nessuno che lo sappia?.... mistero)
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=975329&tid=975329&p=1
          • nicscics scrive:
            Re: Palladium...
            http://www.casperize.com/imho/ngscb.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            - Scritto da: Anonimo
            ...
            Tutti bravi a dire che si piglia in culo e che..http://www.apogeonline.com/webzine/2002/07/02/01/200207020102http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=1334http://www.apogeonline.com/webzine/2002/10/01/01/200210010102http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3887
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo
            Ti è stato detto di cercare da te (che è sempre il consigliomigliore) cmq:http://www.againsttcpa.com/inoltre se vuoi farti un'idea più "veritiera" del mondo in cuiviviamo e di perchè (alla fine) sarebbe meglio difendere il più possibile il diritto alla "privacy" (già largamente minata) segui un pò questo blog..http://xiaodongpeople.blogspot.com/vedrai che con il giusto impegno e un pò di tempo dovrairivedere l'intera concezione del mondo in cui tu vivi e perchè"palladium" sia decisamente pericoloso anche ad altri"livelli"..
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            maddai che verrà crackato, sprotetto, eliminato, disintegrato come tutte le protezioni esistenti da sempre...avete un inutile paura di niente...Senza contare che uscirà la solita versione "tranquilla" per aziende senza codici, telefonate e palladium.Tutte le volte che esce il windows nuovo 1000 post inutili e siamo sempre alla stessa zolfa...
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            Probabilmente uscirà il finto crack per far finta di accontentare gli smanettoni...
        • Anonimo scrive:
          Re: Palladium...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software


          microsoft che usero' in vita mia.



          la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa

          win copiato....

          cazzi vostri... ;)

          C*zzi anche tuoi quando rimarrai l'unico a
          utilizzarlo. Buon divertimento. =)state ripetendo i discorsi che avete fatto nel 2001, quando dicevate che XP non lo avrebbe usato nessuno... eppure solo XP è riuscito a superare il record storico di diffusione del vecchio win98che dire, linux è zero tondo anche nel marketing
          • Anonimo scrive:
            Re: Palladium...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Anonimo





            - Scritto da: Anonimo



            ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software



            microsoft che usero' in vita mia.





            la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa


            win copiato....


            cazzi vostri... ;)



            C*zzi anche tuoi quando rimarrai l'unico a

            utilizzarlo. Buon divertimento. =)

            state ripetendo i discorsi che avete fatto nel
            2001, quando dicevate che XP non lo avrebbe usato
            nessuno... eppure solo XP è riuscito a superare
            il record storico di diffusione del vecchio win98

            che dire, linux è zero tondo anche nel marketingCome darti torto...Che dire, utilizza pure il tuo palladium, che io preferisco tralasciare il marketing per poter continuare ad essere padrone del mio PC...
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: Anonimo
        la paura che fa palladium ce l'ha solo chi usa
        win copiato....
        cazzi vostri... ;)Quindi, visto che quasi tutti hanno paura, se ne deduce che quasi tutti hanno win copiato... mmhh :-
    • Anonimo scrive:
      Re: Palladium...
      - Scritto da: Anonimo
      ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software
      microsoft che usero' in vita mia.il Palladium per funzionare richiede una controparte nell'hardware della macchina, sta a noi quindi scegliere l'hardware opportunamente per fare che tale protezione non sia utilizzabile.Diciamo anche che un tipo di protezione come questo potrebbe essere utile, dato che non permette l'accesso ai dati se non al propietario del sistema, tuttavia il progetto del palladium andava molto piu' in la di questo tipo di protezione e questo mi preoccupa; a sua volta non mi fido delle dichiarazioni e sono convinto che ci siano troppe cose dentro che no nci vengono dette.In definitiva occorrera' aspettare e capire....
    • Anonimo scrive:
      Re: Palladium...
      - Scritto da: Anonimo
      ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software
      microsoft che usero' in vita mia.Sottoscrivo totalmente, se devo usare Winpuntoqualcosa soloper giocare (ormai in pratica dal mio punto di vista,l'updgrade conta solo per questo) piuttosto farò a menodi giocare. Se il mondo come lo conosciamo sarà ancorain piedi tra qualche anno e mi ci costringeranno (ci sonomolti modi per farlo) al più mi terrò un PC con questamerda ma un'altro per lavorare e farci tutto il resto ("privacy")magari con Linux installato..Non aggiungo altro se non che appena letto la notizia misono passate per la mente diverse best..Sono nero..
    • TafkaL scrive:
      Re: Palladium...
      - Scritto da: Anonimo
      ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software
      microsoft che usero' in vita mia.sei in ritardo... il mio ultimo SO microsozz è win2000 (tuttora in uso).Quella chiavica di xp manco lo voglio vedere figuriamoci longhorn
      • Anonimo scrive:
        Re: Palladium...
        - Scritto da: TafkaL

        - Scritto da: Anonimo

        ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software

        microsoft che usero' in vita mia.

        sei in ritardo... il mio ultimo SO microsozz è
        win2000 (tuttora in uso).
        Quella chiavica di xp manco lo voglio vedere
        figuriamoci longhornConcordo anche su questo.. piuttosto, sai per caso sealmeno le cpu dual core funzioneranno su Win2k? oppureci sarà la menata come l'Hyperthread dei P4 che, *coff*,richiedono per forza 'sua stabilità' XP?
        • TafkaL scrive:
          Re: Palladium...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: TafkaL



          - Scritto da: Anonimo


          ahia... mi sa che xp è 'l'ultimo software


          microsoft che usero' in vita mia.



          sei in ritardo... il mio ultimo SO microsozz è

          win2000 (tuttora in uso).

          Quella chiavica di xp manco lo voglio vedere

          figuriamoci longhorn

          Concordo anche su questo.. piuttosto, sai per
          caso se
          almeno le cpu dual core funzioneranno su Win2k?
          oppure
          ci sarà la menata come l'Hyperthread dei P4 che,
          *coff*,
          richiedono per forza 'sua stabilità' XP?Non ne ho la più pallida idea, anzi scopro adesso la faccenda dei P4. Del resto la mafia winzozz-intel è cosa risaputa: cercheranno sicuramente di farti cambiare hardware e software. Per questo che non mi schiodo da ormai due anni dalla mia configurazione attuale. Per esperienza ho imparato che quando cambi una piccolissima parte del tuo pc, si innesca una reazione a catena che ti porta a cambiare tutto per far funzionare quella piccolissima modifica.
  • Anonimo scrive:
    domanda ...
    ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile installare il SO a 64 bit ?
    • pheudo scrive:
      Re: domanda ...
      E come speri di farlo girare? :D
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda ...
      - Scritto da: Anonimo
      ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile
      installare il SO a 64 bit ?no
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda ...
      - Scritto da: Anonimo
      ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile
      installare il SO a 64 bit ?Dipende.Se è Apple si.
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda ...
        se e' un apple a 32 bit voglio proprio vedere come fai a farci girare un so a 64.....ti do 100 euro se ci riesci.....
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda ...
          - Scritto da: Anonimo
          se e' un apple a 32 bit voglio proprio vedere
          come fai a farci girare un so a 64.....

          ti do 100 euro se ci riesci.....E io te ne do millemila di euri !
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            se e' un apple a 32 bit voglio proprio vedere

            come fai a farci girare un so a 64.....



            ti do 100 euro se ci riesci.....

            E io te ne do millemila di euri !Attento l'offerta sta diventando allettante, qualche hacker potrebbe trovare il modo di farlo
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...


            E io te ne do millemila di euri !

            Attento l'offerta sta diventando allettante,
            qualche hacker potrebbe trovare il modo di farloE io offro 3 ettari cubici di euro (come disse De Paperoni :-).Comunque e' sicuramente possibile farlo, basta un wrapper. Basti pensare all'emulazione per il 387. Credo cmq sia complicatissimo e inutile.
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo
            Credo cmq sia complicatissimo e inutile.Sarebbe più inutile di un berlusconi bis
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda ...
          - Scritto da: Anonimo
          se e' un apple a 32 bit voglio proprio vedere
          come fai a farci girare un so a 64.....

          ti do 100 euro se ci riesci.....Powerbook con processore rigorosamente a 32 bit (G4) e Mac OS X 10.4 (Tiger). O funziona o sto avendo le allucinazioni. Ovvio che sia un OS che si "adatta" alla macchina...Per l'assegno...ti farò avere l'indirizzo a cui spedirlo... ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo
            Powerbook con processore rigorosamente a 32 bit
            (G4) e Mac OS X 10.4 (Tiger).
            O funziona o sto avendo le allucinazioni. Ovvio
            che sia un OS che si "adatta" alla macchina...


            Per l'assegno...ti farò avere l'indirizzo a cui
            spedirlo... ;)un os ibrido a 32/64 bit... proprio un sogno...se non altro con win non hai compromessi, usi un OS interamente a 64bit SE hai una cpu a 64 bit.PS.: Apple ha fatto un ibrido perchè gli costava meno lo sviluppo e siccome ha tutto un arnese proprietario, non avrebbe avuto senso farne 2.
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo
            Powerbook con processore rigorosamente a 32 bit
            (G4) e Mac OS X 10.4 (Tiger).
            O funziona o sto avendo le allucinazioni. Ovvio
            che sia un OS che si "adatta" alla macchina...Ma il G4 e' gia' una CPU con registri a 64 bit e in alcuni modelli indirizzamento a 32. I PowerPC sono a 64 bit dal 604...Come ai tempi il Motorola 68000 era a 32bit ma con indirizzamento a 16bit. Lo stesso il 68EC020 che passo' a 24 bit di indirizzamento, ma il set di istruzioni era gia quello a 32bit del 68k.
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda ...
      - Scritto da: Anonimo
      ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile
      installare il SO a 64 bit ?Perbacco!Ma solo con Linux... (rotfl)
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda ...
        - Scritto da: Anonimo
        Perbacco!
        Ma solo con Linux... (rotfl)Ma manco per sogno, se installi Suse ad esempio e vede che hai nu processore a 32 di bit di fa l'installazione a 32 bit e a 64 bit sei hai il processore adatto. Hanno semplicemente messo il ramo 32 e 64 sullo stesso dvd e degli script per guardare il modello del processore e decidere che installazione fare, ma non è che puoi installare un sistema operativo a 64 bit su un processore a 32 bit.
        • Anonimo scrive:
          Re: domanda ...


          Perbacco!

          Ma solo con Linux... (rotfl)

          Ma manco per sogno, se installi Suse ad esempio e
          vede che hai nu processore a 32 di bit di fa
          l'installazione a 32 bit e a 64 bit sei hai il
          processore adatto. Hanno semplicemente messo il
          ramo 32 e 64 sullo stesso dvd e degli script per
          guardare il modello del processore e decidere che
          installazione fare, ma non è che puoi installare
          un sistema operativo a 64 bit su un processore a
          32 bit.Non vedi che prende per il culo?
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo
            Non vedi che prende per il culo?ah ok, qui non do mai niente per scontato.
          • Anonimo scrive:
            Re: domanda ...
            - Scritto da: Anonimo


            Perbacco!


            Ma solo con Linux... (rotfl)



            Ma manco per sogno, se installi Suse ad esempio
            e

            vede che hai nu processore a 32 di bit di fa

            l'installazione a 32 bit e a 64 bit sei hai il

            processore adatto. Hanno semplicemente messo il

            ramo 32 e 64 sullo stesso dvd e degli script per

            guardare il modello del processore e decidere
            che

            installazione fare, ma non è che puoi installare

            un sistema operativo a 64 bit su un processore a

            32 bit.

            Non vedi che prende per il culo?Poi passa qualcuno che pure gli crede e l'ignoranza dilaga...Meglio metterlo a tacere con un pò di sana verità ;)
    • Anonimo scrive:
      Re: domanda ...
      in teoria si: basta farlo girare su un emulatore, a patto di avere velocità qualche decina di volte inferiori
      • Anonimo scrive:
        Re: domanda ...
        - Scritto da: Anonimo
        in teoria si: basta farlo girare su un emulatore,
        a patto di avere velocità qualche decina di volte
        inferioriConfermo: ho letto da qualche parte di un emulatore per 64bit. Penso fosse usato all'interno di AMD per testare gli applicativi.
    • The_Stinger scrive:
      Risposta.

      ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile
      installare il SO a 64 bit ?In un motore Diesel puoi mettere la benzina verde e sperare di farlo funzionare? ;-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Risposta.
        - Scritto da: The_Stinger

        ma su un PC tradizionale a 32bit è possibile

        installare il SO a 64 bit ?

        In un motore Diesel puoi mettere la benzina verde
        e sperare di farlo funzionare? ;-)ora qualcuno tirerà fuori la storia dell'olio di colza che fa andare i motori diesel, un altro continuerà il discorso collegandosi al fatto che l'olio extravergine italiano viene venduto all'estero e da noi arriva un mix tra olio tunisino e olio extravergine nostrano, poi qualcun altro altro partendo da questo si collegherà al discorso sull'immigrazione e sull'unione europea, poi nascerà il solito dibattito sinistra vs destra, si arriverà a parlare delle corporations,poi di microsoftquindi di windows vs linux e infine dei processori a 64 bit.
  • Anonimo scrive:
    Mancano i driver...
    Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux sul desktop, se alcuni produttori non si sbrigano a fare i driver.Qualche tempo fa un mio amico ha provato la beta (che fino a poco tempo fa era scaricabile) e me l'ha fatta vedere, era molto più veloce ma mancavano i driver per la scheda video e audio... ergo era inusabile.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mancano i driver...
      - Scritto da: Anonimo
      Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux
      sul desktop, se alcuni produttori non si sbrigano
      a fare i driver.E che fine ha fatto linux sul desktop?
      • Anonimo scrive:
        Re: Mancano i driver...
        - Scritto da: Anonimo
        - Scritto da: Anonimo

        Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux

        sul desktop, se alcuni produttori non si
        sbrigano

        a fare i driver.

        E che fine ha fatto linux sul desktop?Quella di dover cercare a destra e a manca i driver perchè non ci sono, perchè il produttore se ne frega o magari ce ne sono altri che "dovrebbero andare" ma poi non vanno...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mancano i driver...
          - Scritto da: Anonimo
          Quella di dover cercare a destra e a manca i
          driver perchè non ci sono, perchè il produttore
          se ne frega o magari ce ne sono altri che
          "dovrebbero andare" ma poi non vanno...E tu credi che accadrà per windows?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Quella di dover cercare a destra e a manca i

            driver perchè non ci sono, perchè il produttore

            se ne frega o magari ce ne sono altri che

            "dovrebbero andare" ma poi non vanno...

            E tu credi che accadrà per windows?Per l'hardware vecchio si.Per quello nuovo ovviamente no, ma c'è tanta gente che ha hardware "non nuovo" ma che funziona egregiamente e che magari non vorrebbe buttarlo via.Anche con linux, quando ho buttato via il modem usb per uno Etho ha funzionato una meraviglia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...

            Per quello nuovo ovviamente no, ma c'è tanta
            gente che ha hardware "non nuovo" ma che funziona
            egregiamente e che magari non vorrebbe buttarlo
            via.ragazzo, ma e' proprio per quello che servono le innovazioni informatiche di intel, amd, microsfott &co. , a costringere la gente a buttare via il vecchio hw e comprarsi i nuovi ritrovati.e' business, mica reale innovazione costruttiva. compreresti il nuovo proce 2core 64bit da 1000 e passa euro, se ti basta ed avanza già il tuo vechio p3 ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo
            ragazzo, ma e' proprio per quello che servono
            le innovazioni informatiche di intel, amd,
            microsfott &co. , a costringere la gente a
            buttare via il vecchio hw e comprarsi i nuovi
            ritrovati.
            e' business, mica reale innovazione costruttiva.
            compreresti
            il nuovo proce 2core 64bit da 1000 e passa euro,
            se ti basta ed avanza già il tuo vechio p3 ?monteresti del vecchio hardware su un athlon64 ?scusa ma avete fatto due post inutili.Difficilmente chi ha un athlon64 ha scheda video/scheda audio/altre periferiche abbastanza vecchie da non avere supporto sui drivers a 64 bit...
          • The Raptus scrive:
            Re: Mancano i driver...
            Io ho uno scanner per dia che difficilmente passerà a 64 bit!Visto che l'ho coprato nel 2001 e che i driver sono ancora per win2000.... Sai cosa costa uno scanner per pellicola (dedicato dico ...!) il canon 1.000 euro, il nikon 2000.Il mio piccolo ha risoluzione inferiore, ma a me basta ed avanza. Lo butto?altri scanner, altre stampanti (davvero epson e lexmar che ti vendono stampanti a 99 euri si sforzano per la tua stampante del 2003?). HP segue!!!Poi la lista è ancora lunga ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...

            Io ho uno scanner per dia che difficilmente
            passerà a 64 bit!
            Visto che l'ho coprato nel 2001 e che i driver
            sono ancora per win2000.
            ... Sai cosa costa uno scanner per pellicola
            (dedicato dico ...!)
            il canon 1.000 euro, il nikon 2000.
            Il mio piccolo ha risoluzione inferiore, ma a me
            basta ed avanza. Lo butto?No, ti tieni XP a 32bit.
            altri scanner, altre stampanti (davvero epson e
            lexmar che ti vendono stampanti a 99 euri si
            sforzano per la tua stampante del 2003?). HP
            segue!!!Beh, le stampanti non credo siano un problema, visto che ogni marca ha un suo linguaggio standard.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: The Raptus
            Io ho uno scanner per dia che difficilmente
            passerà a 64 bit!
            Visto che l'ho coprato nel 2001 e che i driver
            sono ancora per win2000.
            ... Sai cosa costa uno scanner per pellicola
            (dedicato dico ...!)
            il canon 1.000 euro, il nikon 2000.
            Il mio piccolo ha risoluzione inferiore, ma a me
            basta ed avanza. Lo butto?
            altri scanner, altre stampanti (davvero epson e
            lexmar che ti vendono stampanti a 99 euri si
            sforzano per la tua stampante del 2003?). HP
            segue!!!le faranno, le faranno... come hanno fatto con windows 2000... forse ci vorrà qualche mese in più, ma fra un anno e mezzo quasi tutto il vecchio hardware (non più vecchio di 5 anni) sarà utilizzabile anche con windows-intel 64
            Poi la lista è ancora lunga ...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            ragazzo, ma e' proprio per quello che servono

            le innovazioni informatiche di intel, amd,

            microsfott &co. , a costringere la gente a

            buttare via il vecchio hw e comprarsi i nuovi

            ritrovati.

            e' business, mica reale innovazione costruttiva.

            compreresti

            il nuovo proce 2core 64bit da 1000 e passa euro,

            se ti basta ed avanza già il tuo vechio p3 ?

            monteresti del vecchio hardware su un athlon64 ?
            scusa ma avete fatto due post inutili.No. Lo sostituirei con hardware nuovo magari del tutto identico con l'unica differenza che ha il driver...Vogliamo fare la lista dell'hardware che non ha subito innovazioni di rilievo nel corso degli ultimi anni ? A cominciare magari dai modem ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...


            Per l'hardware vecchio si.
            Se uno ha l'hardware vecchio probabilmente ha una CPU a 32bit...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mancano i driver...
          se lo dici tu... tutto il mio hardware e' supportato e sai perche'? perche' prima di acquistare ferraglia mi informo su cosa supporta; questi discorsi sono assurdi, e' come se uno comprasse una blade 150 e poi si incazzasse con sun perche' non riesce a installarci windows.
          • matteo.moro scrive:
            Re: Mancano i driver...


            tutto il mio hardware e' supportato e sai perche'?
            perche' prima di acquistare ferraglia mi informo
            su cosa supporta;
            Ah, quindi sulla scatola delle periferiche che hai acquistato fino a oggi era indicata la presenza di driver per Windows XP 64bit?E magari anche per Longhorn e per le future versioni? :-Dciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: matteo.moro

            tutto il mio hardware e' supportato e sai
            perche'?

            perche' prima di acquistare ferraglia mi informo

            su cosa supporta;


            Ah, quindi sulla scatola delle periferiche che
            hai acquistato fino a oggi era indicata la
            presenza di driver per Windows XP 64bit?
            E magari anche per Longhorn e per le future
            versioni? :-Dnon uso windows in nessuna sua versione, spiacente; in ogni caso, quando possibile, tendo ad acquistare ferraglia le cui specifiche siano pubbliche.
          • matteo.moro scrive:
            Re: Mancano i driver...


            non uso windows in nessuna sua versione,
            spiacente;
            Neanch'io, ma non ne sono spiacente. Però si parlava di driver per XP-64.ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: matteo.moro



            non uso windows in nessuna sua versione,

            spiacente;


            Neanch'io, ma non ne sono spiacente. Però si
            parlava di driver per XP-64.no si parlava di questo (perlomeno io ho risposto a questo post):"
            E che fine ha fatto linux sul desktop?Quella di dover cercare a destra e a manca i driver perchè non ci sono, perchè il produttore se ne frega o magari ce ne sono altri che "dovrebbero andare" ma poi non vanno..."
          • matteo.moro scrive:
            Re: Mancano i driver...
            Mea culpa, ho visto male il post a cui rispondevi :-)ciao.Matteohttp://www.MatteoMoro.net
      • Anonimo scrive:
        Re: Mancano i driver...
        - Scritto da: Anonimo


        - Scritto da: Anonimo

        Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux

        sul desktop, se alcuni produttori non si
        sbrigano

        a fare i driver.

        E che fine ha fatto linux sul desktop?Boh... sul mio desktop linux c'è finito già da tempo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mancano i driver...

      Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux
      sul desktop, se alcuni produttori non si sbrigano
      a fare i driver.Non ti preoccupare, dietro c'è una società che crede veramentre nel prodotto e si sbatterà per scrivere e far scrivere i drivers.IBM, Sun, Guru opensorci e compagni di merende vari invece come sempre diranno "Linux is the kernel! (you, poor ignorant closed source minded trollman! )" e tireranno indietro per continuare a tenere saldi gli artigli sulla loro nicchia per vendere consulenze soluzioni ed interventi a pagamento, con la bella folla di quaqquaraqquà che installano una distro da un giornale alla settimana e in un anno si sono già pagati l'equivalente di Win2020 server ma in compenso continueranno ad andare in giro a starnazzare che è tutto aggratis (salvo poi inca**arsi con chi un vero gratis lo pretende, specialemnte nei drivers di qualcosa che abbia meno di un anno e sia usato da più di tre persone al mondo) e gli rispondono "free as speech, not free as beer! (you, por ignorant closed soource minded trollman! )!
      • Anonimo scrive:
        Re: Mancano i driver...
        - Scritto da: Anonimo

        Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux

        sul desktop, se alcuni produttori non si
        sbrigano

        a fare i driver.
        Non ti preoccupare, dietro c'è una società che
        crede veramentre nel prodotto e si sbatterà per
        scrivere e far scrivere i drivers.Qui mi fermo perchè il resto del post è troppo 'sgramamticato' perchè ci perda tempo a cercare di interpretarlo...Mi sono capitate per le mani diverse periferiche assolutamente ancora del tutto attuali, visto che quelle più recenti non hanno introdotto nulla di particolarmente migliorativo, che però è stato necessario buttare via perchè non più supportate da una certa versione in poi di Windows. E' curioso che le stesse periferiche spesso su Linux funzionano benissimo...Tralascio poi i commenti ironici sulla 'società checrede veramentre nel prodotto'...
        • Anonimo scrive:
          Re: Mancano i driver...

          Qui mi fermo ......all'1%, disse Torvalds!
          Tralascio poi i commenti Sputa pure sentenza, tanto lino a 64 bua ce c'è da anni continuerà a non supportare le periferiche appena uscite, che guardacaso supporteranno il win64bit che trollisticamente credete senza drivers.Tornatevene nelle caverne della preistoria trolletti command-line senza drivers!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            booo io ancora non riesco a far girare windows sulla mia blade 100 e amici che usano macchine apple mi dicono che non gira manco su ppc; ma windows gira solo su x86 e derivati?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            Perchè ci sono derivati? E' sempre x86 :-DComunque altri miei amici si chiedono perchè sui loro Blade e x86 non gira MacOS... ;-)
          • pippo75 scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo
            booo io ancora non riesco a far girare windows
            sulla mia blade 100 e amici che usano macchine
            apple mi dicono che non gira manco su ppc; ma
            windows gira solo su x86 e derivati?cercando con googleemulare windows macintoshsi trovahttp://www.ilmac.net/magazzino/emulazione2.htmciaop.s. comunque NT al tempo girava anche su PPC e su Alpha.almento credo di ricordare cosi' :-)
          • awerellwv scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: pippo75

            p.s. comunque NT al tempo girava anche su PPC e
            su Alpha.non voglio essere provocatorio... ma che fine ha fatto nt su ppc - alpha?

            almento credo di ricordare cosi' :-)se e' esistito voglio vederlo....
          • pippo75 scrive:
            Re: Mancano i driver...

            non voglio essere provocatorio... ma che fine ha
            fatto nt su ppc - alpha?


            sul mio candido lettino ho una scatola con scritto sopra "microsoft Windows NT WorkStation"all'interno del disco che si trova all'interno della scatola trovo anche le cartelleAlphai386mipsppccredo che si riferiscano alle piattaforme supportate.Coincidenza mi trovo in casa un CD di windows nt 3.51 server originale (lo uso come reliquia nelle notte di luna piena :-) )sembra che sia compatibile con x86, mips r4x00, alpha AXP, PPC

            almento credo di ricordare cosi' :-)

            se e' esistito voglio vederlo....se esiste ancora puoi cercare il libro Microsoft Windows NT ServerPasso per passoEdito da Mondadori informaticaCodice ISBN: 88-7131-742-4ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: pippo75
            - Scritto da: Anonimo

            booo io ancora non riesco a far girare windows

            sulla mia blade 100 e amici che usano macchine

            apple mi dicono che non gira manco su ppc; ma

            windows gira solo su x86 e derivati?


            cercando con google

            emulare windows macintoshemulare? no no, io intendo farceli girare nativamente
            p.s. comunque NT al tempo girava anche su PPC e
            su Alpha.di windows su ppc non ne so nulla, NT non ha mai girato su alpha, girava nello user space di un kernel digital unix ridotto all'osso
        • pippo75 scrive:
          Re: Mancano i driver...


          Mi sono capitate per le mani diverse periferiche
          assolutamente ancora del tutto attuali, visto che
          quelle più recenti non hanno introdotto nulla di
          particolarmente migliorativo, che però è stato
          necessario buttare via perchè non più supportate
          da una certa versione in poi di Windows. E'
          curioso che le stesse periferiche spesso su Linux
          funzionano benissimo...
          solo per curiosità, che periferiche sono?ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Mancano i driver...

          Mi sono capitate per le mani diverse periferiche
          assolutamente ancora del tutto attuali, visto che
          quelle più recenti non hanno introdotto nulla di
          particolarmente migliorativo, che però è stato
          necessario buttare via perchè non più supportate
          da una certa versione in poi di Windows. E'
          curioso che le stesse periferiche spesso su Linux
          funzionano benissimo...
          Al momento effettivamente molte periferiche non sono predisposte per funzionare sotto window essendo ancorapoco diffuso questo SO. Ritengo purtuttavia che in un non lontano futuro si avrà un espansione dell'ancor poco usatosistema operativo di Microsoft il che porterà alcuni produttoriad esaminare la possibilità di prenderlo in considerazione.Questo non porterà tuttavia, a mio avviso, ad un calo dellesvariate distro di linux che non possono assolutamenteperdere più del 1% del mercato globale il che è indubbiamente un notevole vantaggio.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo

            Mi sono capitate per le mani diverse periferiche

            assolutamente ancora del tutto attuali, visto
            che

            quelle più recenti non hanno introdotto nulla di

            particolarmente migliorativo, che però è stato

            necessario buttare via perchè non più supportate

            da una certa versione in poi di Windows. E'

            curioso che le stesse periferiche spesso su
            Linux

            funzionano benissimo...


            Al momento effettivamente molte periferiche non
            sono predisposte per funzionare sotto window
            essendo ancora
            poco diffuso questo SO. Ritengo purtuttavia che
            in un non
            lontano futuro si avrà un espansione dell'ancor
            poco usato
            sistema operativo di Microsoft il che porterà
            alcuni produttori
            ad esaminare la possibilità di prenderlo in
            considerazione.
            Questo non porterà tuttavia, a mio avviso, ad un
            calo delle
            svariate distro di linux che non possono
            assolutamente
            perdere più del 1% del mercato globale il che è
            indubbiamente un notevole vantaggio.Guarda che si può uscire dalla tossicodipendenza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...

            Guarda che si può uscire dalla
            tossicodipendenza...
            E cosa aspetti?
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo

            Guarda che si può uscire dalla

            tossicodipendenza...


            E cosa aspetti?A darti una mano ? Rivolgiti ad una comunità...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...

            A darti una mano ? Rivolgiti ad una comunità...
            Temo che le deleghe non vengano accettate in questi casi.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mancano i driver...
            - Scritto da: Anonimo


            A darti una mano ? Rivolgiti ad una comunità...


            Temo che le deleghe non vengano accettate in
            questi casi.Appunto per questo non posso darti una mano e devi rivolgerti direttamente...
    • Anonimo scrive:
      Re: Mancano i driver...
      - Scritto da: Anonimo
      Windows a 64bit rischia di fare la fine di linux
      sul desktop, se alcuni produttori non si sbrigano
      a fare i driver.Non penso, Win64 supporta il thunking per il codice Win32.
  • Anonimo scrive:
    con 2 anni di ritardo
    intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.potenza dell'o.s.
    • Anonimo scrive:
      Re: con 2 anni di ritardo
      - Scritto da: Anonimo
      intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.
      potenza dell'o.s.i processori a 64 bit ci sono da tanti anni
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        si, ma per sfruttarli, devi usare un s.o. a 64 bit, come ad esempio il pinguino
        • Anonimo scrive:
          Re: con 2 anni di ritardo
          - Scritto da: Anonimo
          si, ma per sfruttarli, devi usare un s.o. a 64
          bit, come ad esempio il pinguinoSi, intendevo appunto che è possibile sfruttarli da più di due anni, credo 8 ma non ricordo di preciso.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 2 anni di ritardo

            - Scritto da: Anonimo

            si, ma per sfruttarli, devi usare un s.o. a 64

            bit, come ad esempio il pinguino

            Si, intendevo appunto che è possibile sfruttarli
            da più di due anni, credo 8 ma non ricordo di
            preciso.I processori a 64bit ci sono da una vita, vedi ad es. Alpha. Ne ho uno in ufficio da 9 anni. E quando e' stato acquistato era gia' una tecnologia matura.
    • FDG scrive:
      Re: con 2 anni di ritardo
      - Scritto da: Anonimo
      intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.
      potenza dell'o.s.Una curiosità: quanta memoria hai installato sui tuoi computer?
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        - Scritto da: FDG
        - Scritto da: Anonimo


        intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.

        potenza dell'o.s.

        Una curiosità: quanta memoria hai installato sui
        tuoi computer?.. non preoccuparti non lo sa e starà svegliando qualcuno per farselo dire o ...sparerà
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        ho 4 banchi, 2 da 512 e 2 da 256.
    • Anonimo scrive:
      Re: con 2 anni di ritardo
      - Scritto da: Anonimo
      intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.
      potenza dell'o.s.sul mac o su linux ?sul primo (a lavoro) sti 64 bit non l'ho notati... non è che photoshop vada di più... sul secondo mancano applicativi per poter vedere tutte le cosine promesse da chi fa applicativi audio/video...anche su windows sarà la stessa zuppa...l'unica cosa utile ? indirizzare giga di ram a quanto ho capito
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        beh ovvio..devi aspettare tiger....il 10.3 non è ancora completamete a 64 bit.aspetta e spera...teniamo alta la notra bandiera perché è col quiz che si fanno i milioni... evviva le televisioni
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo

        sul primo (a lavoro) sti 64 bit non l'ho
        notati... non è che photoshop vada di più... sul
        secondo mancano applicativi per poter vedere
        tutte le cosine promesse da chi fa applicativi
        audio/video...

        anche su windows sarà la stessa zuppa...

        l'unica cosa utile ? indirizzare giga di ram a
        quanto ho capitoBeh, chi non usa la virgola mobile, vedra' poche differenze. Infatti nessuna delle applicazioni per i comuni mortali NON usano il floating point.
        • Anonimo scrive:
          Re: con 2 anni di ritardo
          - Scritto da: Anonimo
          Beh, chi non usa la virgola mobile, vedra' poche
          differenze. Infatti nessuna delle applicazioni
          per i comuni mortali NON usano il floating point.
          I Giochi e Le applicazioni grafiche in genere usano e abusano il Floating Point...ma non capisco cosa c'entri coi 64 bit...
          • Anonimo scrive:
            Re: con 2 anni di ritardo
            c'entra col floating in quadrupla precisione
          • Anonimo scrive:
            Re: con 2 anni di ritardo


            I Giochi e Le applicazioni grafiche in genere
            usano e abusano il Floating Point...

            ma non capisco cosa c'entri coi 64 bit...Giochi e applicazioni grafiche usano pochissimo il FP. Non per nulla hanno inventato estensioni come MMX (che opera con gli interi). Poi necessitava qualita' superiore e hanno inventato SSE, sse2, 3dnow etc etc. Ma il floating point vero e proprio non viene praticamente mai usato in simili applicazioni.
          • Anonimo scrive:
            Re: con 2 anni di ritardo
            - Scritto da: Anonimo
            Giochi e applicazioni grafiche usano pochissimo
            il FP. Non per nulla hanno inventato estensioni
            come MMX (che opera con gli interi). Poi
            necessitava qualita' superiore e hanno inventato
            SSE, sse2, 3dnow etc etc. Ma il floating point
            vero e proprio non viene praticamente mai usato
            in simili applicazioni.Confermo e' troppo lento. E' un problema che ha inizio coi primi giochi 3D.Il videogame non necessita di dettagli particolari ma di velocita'.Spesso servono calcoli FP ma il livello di precisione della FPU non serve, quindi lo stesso calcolo molto arrotondato la CPU arriva ad impiegare anche 1/4 del tempo della FPU oppure ancora non si usa nessuno dei due, ma si sfrutta una tabella di valori precalcolati che il gioco usa spesso.In questo modo da calcolo diventa accesso ad una matrice che e' ancora piu' veloce.
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        con linux ricompili tutto, non solo il kernel e tutto gira a 32 bit.ovviamente la differenza la noti ed è enorme, soprattutto nell'elaborazione in quadrupla precisione (es. rippaggio)
        • Anonimo scrive:
          Re: con 2 anni di ritardo
          - Scritto da: Anonimo
          con linux ricompili tutto, non solo il kernel e
          tutto gira a 32 bit.
          ovviamente la differenza la noti ed è enorme,
          soprattutto nell'elaborazione in quadrupla
          precisione (es. rippaggio)Errore: il DCTche si usa nel 99.9% dei casi e' quello implementato con gli interi.
    • Anonimo scrive:
      Re: con 2 anni di ritardo
      - Scritto da: Anonimo
      intanto io da 16 mesi sfrutto i 64 bit.
      potenza dell'o.s.sentiamo, che ci faresti di tanto professionale da aver migliorato il tuo workflow ?
      • Anonimo scrive:
        Re: con 2 anni di ritardo
        acquisizione video e rippaggio di filmati amatoriali(conversioni vhs
        divx)con l'athlon 2800 il rippaggio durava 40 minuti l'ora, ora dura 25 minuti l'ora con l'amd64 3000. tolto il 7% dovuto alla frequenza, il miglioramento è di circa il 40%.
Chiudi i commenti