Olanda, i proxy della Baia alla rimozione coatta

Una seconda ingiunzione del giudice de L'Aia costringe una piattaforma proxy locale a chiudere i battenti. Alcuni siti simili sventolano bandiera bianca su pressione di BREIN. La Baia non ha timore: tutta pubblicità gratis
Una seconda ingiunzione del giudice de L'Aia costringe una piattaforma proxy locale a chiudere i battenti. Alcuni siti simili sventolano bandiera bianca su pressione di BREIN. La Baia non ha timore: tutta pubblicità gratis

Maggio 2010. I vertici di BREIN, attivissima organizzazione anti-pirateria in terra olandese, scatenavano il fuoco legale contro il provider locale Ziggo, accusato di non aver bloccato a mezzo DNS gli accessi a The Pirate Bay. Dopo quasi due anni, un giudice de L’Aia obbligava l’ISP ad applicare i sigilli alla Baia, pena il pagamento di una sanzione pecuniaria fissata a 10mila euro per ciascun giorno d’inadempienza .

L’ordinanza non era però riuscita a stroncare la nascita di centinaia di servizi proxy per l’aggiramento dei blocchi imposti a Ziggo e XS4ALL . Il team legale di BREIN aveva così iniziato a contattare gli operatori delle principali piattaforme di proxy, chiedendo – non troppo gentilmente – l’immediata rimozione dei servizi realizzati ad hoc per permettere agli utenti olandesi di accedere all’ex-tracker BitTorrent .

La stessa corte de L’Aia ha ora emanato una seconda ingiunzione per l’immediata rimozione del servizio proxy tpb.dehomies.nl . Qualora i gestori della piattaforma continuassero a rimanere online, rischierebbero una multa pari a mille euro per ciascun giorno d’inadempienza. L’ordine del giudice sembra aver sortito gli effetti sperati da BREIN: numerosi siti di proxy – tra cui alwaysapirate.org e remastered.nl – hanno deciso di sventolare bandiera bianca.

Come spiegato dal gestore di thepiratebay2.nl , non ci sarebbero le risorse economiche necessarie a fronteggiare un processo in aula. C’è chi ha però sottolineato come la strategia di BREIN sia molto simile a quella del gatto col topo. I servizi proxy disponibili si contano a centinaia, per non parlare degli strumenti messi a disposizione da piattaforme di blogging come WordPress.

“Se gli operatori di questi siti proxy non si decideranno a rispettare l’ordinanza del giudice verranno considerati responsabili dei danni arrecati da The Pirate Bay”, ha spiegato il direttore di BREIN Tim Kuik. Nessuna paura da parte dell’ex- tracker del torrentismo: l’ordinanza firmata dal giudice de L’Aia altro non farebbe che portare pubblicità gratuita alla Baia dei pirati.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 03 2012
Link copiato negli appunti