Opera, il browser tra patate lesse e iPhone

Il browser norvegese tira stoccate ai comunicati di Google Chrome e si gode il successo con la versione mignon per iPhone. Che ora rappresenta il terzo dispositivo mobile Opera-powered a livello mondiale

Roma – Opera è un browser “alternativo” e tiene alla sua terzietà rispetto agli altri navigatori del web. Il concetto è stato ribadito con la posizione assunta nella nuova “guerra dei formati” avviata da Apple contro Adobe – Opera supporta Flash, ma Flash deve darsi una mossa per non restare indietro – e risulta vieppiù confermato da una nuova clip video pubblicata sul canale YouTube ufficiale dell’azienda. Che irride l’estetica da MythBusters scelta da Google per l’ultima pubblicità di Chrome.

Google Chrome è più veloce di una scarica elettrica o di una patata sparata a tutta velocità, sostiene il succitato video con tanto di prove in laboratorio al rallentatore: non ce n’è davvero per nessuno e gli utenti non hanno di meglio che scegliere il browser di Mountain View per le loro sessioni online. Ai test bizzarri e simil-scientifici di Google, Opera risponde in maniera ancora più bizzarra, usando l’arma dell’umorismo per smontare un assunto (Chrome è il più veloce del web) che evidentemente in Norvegia non vedono molto di buon occhio.

I due strambi figuri protagonisti del video di Opera “misurano” la differenza tra l’apertura di una pagina web nel browser e il tempo impiegato per la bollitura delle patate in un pentolino. È una “prova” chiaramente demenziale, inframmezzata da tiri a freccette e sfida a colpi di pesci in faccia che fa da contraltare alla professionalità geek messa in campo da Google per la sua campagna di advertising.

Ma non di solo umorismo vive Opera, anzi: Opera Mini per iPhone, la versione mobile del browser compatibile con il melafonino, è stata scaricata 2,6 milioni di volte in due sole settimane di disponibilità sullo store di Cupertino.

iPhone è ora il terzo dispositivo più popolare al mondo per quanto riguarda l’impiego di Opera Mini, sostiene la software house norvegese, posizione che diventa di leadership negli Stati Uniti battendo il precedente Opera Mini per BlackBerry.

Il rapporto di Opera, basato sui dati di traffico raccolti sui siti web più popolari, dimostra che anche nel giardino recintato di iPhone si sente la necessità di un browser alternativo a quello già incluso, Safari. Poco importerebbe dunque, visto il successo dei numeri, che l’integrazione con le funzionalità dello smartphone della Mela non sia propriamente al 100% e che Safari continui a rappresentare uno strumento obbligato per certe operazioni come la visualizzazione dei link via mail.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • LaNberto scrive:
    Una cosa è sicura
    Una cosa è sicura: Internet sulla tv non funziona proprio. Altrimenti nelle statistiche Wii e PS3 avrebbero una bella percentuale e non quella infima di oggi.
    • FinalCut scrive:
      Re: Una cosa è sicura
      - Scritto da: LaNberto
      Una cosa è sicura: Internet sulla tv non funziona
      proprio. Altrimenti nelle statistiche Wii e PS3
      avrebbero una bella percentuale e non quella
      infima di
      oggi.Io sono un felicissimo possessore di una AppleTV, ovviamente mi devo comprimere i film uno ad uno da DVD ma posso anche godermi le registrazione via EyeTV in automatico.Purtroppo tutte cose mediamente difficili per l'utente medio per avere sucXXXXX.(linux)(apple)
      • Zucca Vuota scrive:
        Re: Una cosa è sicura
        Io uso un Windows 7 con Media Center, un synth TV, qualche addon software e telecomando collegato al televisore via HDMI.Riesce ad usarlo anche mia moglie!
        • FDG scrive:
          Re: Una cosa è sicura
          - Scritto da: Zucca Vuota
          Riesce ad usarlo anche mia moglie!Riesce? Azz, sembra che non ci scommettessi tanto... o sbaglio?
      • LaNberto scrive:
        Re: Una cosa è sicura
        Mah. l'anno scorso ho preso il LaCie Black Max e mi trovo bene.Proietta e suona anche l'indicibile, funziona da decoder e VCR per il digitale terrestre, digitalizza il video analogico. Ha un telecomando schifoso però, ma pazienza.
        • FDG scrive:
          Re: Una cosa è sicura
          - Scritto da: LaNberto
          Ha un telecomando schifoso però, ma pazienza.Io mi chiedo. Ma per fare una cosa usabile ci vuole per forza... Apple?Certi progettisti li manderei a lavorare in miniera :(
    • Uno scrive:
      Re: Una cosa è sicura
      Mai navigato dal Ps3, ma da wii si ed è un esperienza tragica.... dipende dai dispositivi di input credo e da siti web costruiti per questo tipo di esperienza (quindi poco testo )...
    • ruppolo scrive:
      Re: Una cosa è sicura
      - Scritto da: LaNberto
      Una cosa è sicura: Internet sulla tv non funziona
      proprio. Altrimenti nelle statistiche Wii e PS3
      avrebbero una bella percentuale e non quella
      infima di
      oggi.Questo insegna che non basta infarcire i gadget di funzioni.
    • Ciufolo scrive:
      Re: Una cosa è sicura
      Uhm.. non sapreiWii e Ps3 non richiedono una connessione ad internet per svolgere la loro funzione primaria.E se hai una connessione ad internet, credo che nel 99,9% dei casi hai anche un pc/mac con cui usufruirne in modo corretto, ovvero con un dispositivo che fa della navigazione uno dei suoi utilizzi normali.L'unico caso in cui si avrebbe l'uso di una console per navigare sarebbe quello in cui non ho la connessione ad internet, compro la console e voglio giocare online, quindi mi faccio la connessione ad internet e ci navigo anche.. però a questo punto fatto 30 farei 31 e mi comprerei uno scassone da 300 euro al supermercato anche solo per navigare..
      • FDG scrive:
        Re: Una cosa è sicura
        - Scritto da: Ciufolo
        L'unico caso in cui si avrebbe l'uso di una
        console per navigare sarebbe quello in cui non ho
        la connessione ad internet, compro la console e
        voglio giocare online, quindi mi faccio la
        connessione ad internet e ci navigo anche.. però
        a questo punto fatto 30 farei 31 e mi comprerei
        uno scassone da 300 euro al supermercato anche
        solo per navigare.Perché, giochi con la console seduto alla scrivania?
Chiudi i commenti