Operazione EMMA: 1.800 arresti per cyber-riciclaggio

Operazione EMMA: 1.800 arresti per cyber-riciclaggio

Al termine dell'operazione EMMA 7 sono state arrestate oltre 8.000 persone e identificati oltre 18.000 muli che riciclavano i proventi delle truffe.
Al termine dell'operazione EMMA 7 sono state arrestate oltre 8.000 persone e identificati oltre 18.000 muli che riciclavano i proventi delle truffe.

La Polizia Postale ha annunciato la conclusione della settima edizione dell'operazione EMMA (European Money Mule Action), avviata in collaborazione con altri 26 paesi, Europol, Eurojust, Interpol e Federazione Bancaria Europea, che ha portato all'arresto di oltre 1.800 persone e l'identificazione di oltre 18.000 “money mules” coinvolti in frodi online, phishing e riciclaggio di denaro.

Truffe online e cyber-riciclaggio

L'operazione EMMA 7, durata circa due mesi e mezzo, ha evidenziato il modus operandi dei cybercriminali. Dopo aver sottratto il denaro a numerose vittime, utilizzando svariate tecniche (phishing, SIM swapping, siti di e-commerce fasulli, man-in-the-middle), gli autori delle attività illecite reclutavano i cosiddetti “money mules” per riciclare le somme ottenute mediante gli attacchi informatici.

I “muli” sono persone (membri dell'organizzazione o cittadini attratti da false offerte di lavoro) che offrono i dati personali per aprire conti correnti, carte di credito e altri strumenti di pagamento, sui quali viene accreditato il denaro ottenuto illegalmente. In alcuni casi, i muli viaggiano da un paese all'altro per aprire i conti correnti.

Solo in Italia sono state scoperte 922 transazioni fraudolente, identificati 356 muli e recuperati 11,5 milioni di euro (19 milioni di euro sono andati persi). L'intera operazione ha portato all'arresto di 1.803 persone, alla scoperta di 7.000 transazioni e all'identificazione di 18.351 muli. Ciò ha permesso di prevenire perdite per circa 70 milioni di euro.

Il risultato è stato ottenuto anche con l'aiuto degli istituti bancari, Western Union, Microsoft, Fintrail, Coinbase e Fourthline. In tutti i paesi che hanno partecipato all'operazione è stata avviata una campagna di sensibilizzazione e prevenzione con l'obiettivo di portare a conoscenza dei cittadini i rischi derivanti dall'attività di “money mules”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 12 2021
Link copiato negli appunti