Oracle contro HP a mezzo Autonomy

Scontro di CEO tra Oracle e Autonomy per la presunta intenzione di quest'ultima di "vendersi" al colosso statunitense. Tutto falso, ribatte Autonomy, mentre l'accordo con HP procede come previsto

Roma – Ultimamente Oracle e HP non vanno molto d’accordo, e questo è un fatto . Meno scontata è l’idea che i due colossi dell’IT – in pericolosa rotta di collisione sul medesimo business dell’hardware dopo l’acquisizione di Sun da parte di Oracle – si prendano a calci per interposta persona. Eppure è quello che sembra sia appena successo, con Oracle impegnata a coinvolgere Autonomy e la presunta volontà di quest’ultima di farsi acquisire dalla società dei database relazionali.

Autonomy è la software house britannica in via di cessione a Hewlett-Packard: l’operazione ha un valore di 10,3 miliardi di dollari e rappresenta una delle discusse mosse dell’ex-CEO di HP Leo Apotheker sopravvissuta al passaggio di consegne al nuovo ad Meg Whitman.

Nell’ennesima occasione di attriti tra le due corporation, Oracle ha cercato di sottostimare il valore dell’operazione di HP rivelando che il CEO di Autonomy Mike Lynch aveva già provato a vendere la sua società a Oracle in passato. Oracle aveva però rifiutato giudicando la stima del valore di Autonomy eccessiva.

L’operazione non valeva la candela, suggerisce Oracle, e pertanto HP avrebbe giocato il ruolo di secondo arrivato in un “affare” tutt’altro che intelligente. Per tutta risposta Lynch ha negato la volontà di vendere a Oracle, e il battibecco è proseguito tra comunicati stampa pepati (“il CEO di Autonomy non ha buona memoria o sta mentendo”) e slide che secondo Oracle proverebbero il tentativo di Autonomy di farsi acquisire.

Tutto falso, risponde ancora Lynch: è vero che ad aprile 2011 ci fu un meeting fra Autonomy e Mark Hurd , ma le finalità di quell’incontro andrebbero considerate nell’ottica del fatto che Oracle è cliente dei sistemi software di Autonomy e sicuramente non come il tentativo di presentarsi in veste di invitante boccone per le finanze di Oracle.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Alfredo scrive:
    Esiste la portabiltà!
    Io proverò a portare il numero a CheapVoip:http://cheapnet.it/supporto/guide/voip/number-portability.php
  • Max scrive:
    portabilità verso Messagenet.it
    Come al solito gli utenti sono quelli calpestati!Ma l'AGCOM dov'è!Io per fortuna sono riuscito a salvare il mio numero portandolo verso Messagenet.it che devo ringraziare per l'ottimo servizio e assistenza.
    • nec scrive:
      Re: portabilità verso Messagenet.it
      e' solo la punta dell'iceberg, mai come ora "cui prodest", queste sono le trombe che annunciano l'XXXXXXXX da parte delle societa' telecom, aspettate e poi ricordatevi di questo commento quando succedera'
    • ruppolo scrive:
      Re: portabilità verso Messagenet.it
      - Scritto da: Max
      Come al solito gli utenti sono quelli
      calpestati!Si, quelli sprovveduti.
      Ma l'AGCOM
      dov'è!Pisola.
      Io per fortuna sono riuscito a salvare il mio
      numero portandolo verso Messagenet.it che devo
      ringraziare per l'ottimo servizio e
      assistenza.Io sto con Messagenet da molti anni e mi trovo bene, soprattutto perché è un VoIP standard che mi permette di usare normali cordless VoIP, oltre che l'iPhone.
  • Mela avvelenata scrive:
    Eutelia - Skype
    Stop alle telefonate!
    • bah scrive:
      Re: Eutelia - Skype
      - Scritto da: Mela avvelenata
      Stop alle telefonate!Esatto stop alle telefonate, esistono altri modi per comunicare, tutti migliori del telefono sia dal punto di vista della qualità che della riservatezza!!!
      • Che baggianata scrive:
        Re: Eutelia - Skype
        - Scritto da: bah
        - Scritto da: Mela avvelenata

        Stop alle telefonate!

        Esatto stop alle telefonate, esistono altri modi
        per comunicare, tutti migliori del telefono sia
        dal punto di vista della qualità che della
        riservatezza!!!Il tam tam?
        • sbrotfl scrive:
          Re: Eutelia - Skype
          - Scritto da: Che baggianata
          - Scritto da: bah

          - Scritto da: Mela avvelenata


          Stop alle telefonate!



          Esatto stop alle telefonate, esistono altri
          modi

          per comunicare, tutti migliori del telefono
          sia

          dal punto di vista della qualità che della

          riservatezza!!!
          Il tam tam?No. I segnali di fumo :D
          • iii scrive:
            Re: Eutelia - Skype
            Nè il tam tam nè i segnali di fumo garantiscono riservatezza
          • sbrotfl scrive:
            Re: Eutelia - Skype
            - Scritto da: iii
            Nè il tam tam nè i segnali di fumo garantiscono
            riservatezzasi, se oppportunamente codificati!Basta che entrambe le persone abbiano una chiave privata ed è fatta!Certo potresti provare con le chiavi pubbliche ma è un po' complicata come cosa...
  • ruppolo scrive:
    Il tocco di Re...
    Microsoft (rotfl)
    • P.Inquino scrive:
      Re: Il tocco di Re...
      - Scritto da: ruppolo
      Microsoft (rotfl):D:D:D:D
    • an0nim0 scrive:
      Re: Il tocco di Re...
      Per una volta Microsoft non c'entra. Se ben ricordo, il problema di Skype e' dato dalla cifratura delle comunicazioni e la difficolta' di poterne intercettare il contenuto da parte degli organi predisposti: Skype aveva promesso di collaborare per ovviare al problema, ma forse ci sara' stato qualche "ritardo".In tutta onesta', se questa fosse la causa del problema, siamo davanti ad una realta' "angosciante": perche' se da un lato e' sacrosanto e inviolabile il diritto dei cittadini di comunicare come piu' gli pare, anche in modo "cifrato", dall'altro va riconosciuto che se queste tecniche fossero alla portata di tutti, i gia' miseri e scarsissimi risultati ottenuti dalla magistratura inquirente si polverizzerebbero. Oggi la stragrande maggioranza dei processi importanti e' basata sulle intercettazioni telefoniche, senza le quali certi crimini rimarrebbero irrisolti. L'"angoscia" di cui sopra e' data dal fatto che, se da un lato vorrei e dovrei irridere la politica perche' mette paletti alla tecnologia VoIP cifrata (che, per inciso, continuera' ad esistere anche senza lo skypein), dall'altro decreterei la fine di quel barlume di giustizia che, in Italia piu' che nel resto dell'Occidente, e' l'unica speranza per un mondo piu' giusto.
      • Positron scrive:
        Re: Il tocco di Re...
        Quoto completamente.
      • pinco pallino scrive:
        Re: Il tocco di Re...
        - Scritto da: an0nim0
        Per una volta Microsoft non c'entra. Se ben
        ricordo, il problema di Skype e' dato dalla
        cifratura delle comunicazioni e la difficolta' di
        poterne intercettare il contenuto da parte degli
        organi predisposti: Skype aveva promesso di
        collaborare per ovviare al problema, ma forse ci
        sara' stato qualche
        "ritardo".

        In tutta onesta', se questa fosse la causa del
        problema, siamo davanti ad una realta'
        "angosciante": perche' se da un lato e'
        sacrosanto e inviolabile il diritto dei cittadini
        di comunicare come piu' gli pare, anche in modo
        "cifrato", dall'altro va riconosciuto che se
        queste tecniche fossero alla portata di tutti, i
        gia' miseri e scarsissimi risultati ottenuti
        dalla magistratura inquirente si
        polverizzerebbero. Oggi la stragrande maggioranza
        dei processi importanti e' basata sulle
        intercettazioni telefoniche, senza le quali certi
        crimini rimarrebbero irrisolti. L'"angoscia" di
        cui sopra e' data dal fatto che, se da un lato
        vorrei e dovrei irridere la politica perche'
        mette paletti alla tecnologia VoIP cifrata (che,
        per inciso, continuera' ad esistere anche senza
        lo skypein), dall'altro decreterei la fine di
        quel barlume di giustizia che, in Italia piu' che
        nel resto dell'Occidente, e' l'unica speranza per
        un mondo piu'
        giusto.basata un par di palle. L'unica cosa che è basata sulle intercettazioni è il XXXXXXXX televisivo sul primo ministro italiano che sinceramente è ormai diventata la cosa meno importante della mia vita. Ci hanno ormai dilaniato i testicoli con queste intercettazioni e la maggiorparte dei processi va in prescrizione per via di giudici che rimandano le udienze continuamente senza motivo(anche perchè possono farlo e senza alcun tipo di sanzione). Un mondo più giusto si ha quando tu hai tempo un anno per decidere se sono colpevole oppure no, se non ci riesci vai a quel paese che non ho tempo di stare al tuo servizio. Qua in italia le sentenze o vanno in prescrizione o durano decine d'anni(quando già uno è anhe troppo!) e non è da pase giusto bensí da terzo mondo. Leggi qualsiasi mass media, le principali notizie sono di indagini in corso mentre le sentenze(che sono quelle che contano in un paese civile e che determinano lo stato di colpevolezza o meno) le trovi col lumicino.
        • bubba scrive:
          Re: Il tocco di Re...

          Ci hanno ormai dilaniato i testicoli con
          queste intercettazioni e la maggiorparte dei
          processi va in prescrizione per via di giudici
          che rimandano le udienze continuamente senza
          motivo(anche perchè possono farlo e senza alcun
          tipo di sanzione).


          Un mondo più giusto si ha quando tu hai tempo un
          anno per decidere se sono colpevole oppure no, se
          non ci riesci vai a quel paese che non ho tempo
          di stare al tuo servizio. Qua in italia le
          sentenze o vanno in prescrizione o durano decine
          d'anni(quando già uno è anhe troppo!) e non è da
          pase giusto bensí da terzo mondo. Leggi
          qualsiasi mass media, le principali notizie sono
          di indagini in corso mentre le sentenze(che sono
          quelle che contano in un paese civile e che
          determinano lo stato di colpevolezza o meno) le
          trovi col
          lumicino.Un lettore fedele de Il Giornale e Libero, presumo...
          • Io scrivo scrive:
            Re: Il tocco di Re...
            - Scritto da: bubba


            Ci hanno ormai dilaniato i testicoli con
            Un lettore fedele de Il Giornale e Libero,
            presumo...O "coda di paglia" ...
        • Martyn scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          - Scritto da: pinco pallino Ci hanno ormai dilaniato i testicoli con
          queste intercettazioni e la maggiorparte dei
          processi va in prescrizione per via di giudici
          che rimandano le udienze continuamente senza
          motivo(anche perchè possono farlo e senza alcun
          tipo di sanzione).Non è il giudice a rimandare, o meglio, lui rimanda perché glie lo chiedono gli avvocati (mancata presenza dell'imputato [ti dice nulla la parola "legittimo impedimento"?], mancanza di una o più persone a testimoniare, ecc ecc) sta di fatto che, per far si che il proXXXXX abbia un seguito, viene rimandato (e si allungano i tempi). Questa cosa non è un problema dei giudici, ma è causata dagli avvocati che prendono tempo per vincere la causa.
          • Io scrivo scrive:
            Re: Il tocco di Re...
            - Scritto da: Martyn
            - Scritto da: pinco pallino
            Ci hanno ormai dilaniato i testicoli con

            queste intercettazioni e la maggiorparte dei

            processi va in prescrizione per via di
            giudici

            che rimandano le udienze continuamente senza

            motivo(anche perchè possono farlo e senza
            alcun

            tipo di sanzione).

            Non è il giudice a rimandare, o meglio, lui
            rimanda perché glie lo chiedono gli avvocati
            (mancata presenza dell'imputato [ti dice nulla la
            parola "legittimo impedimento"?], mancanza di una
            o più persone a testimoniare, ecc ecc) sta di
            fatto che, per far si che il proXXXXX abbia un
            seguito, viene rimandato (e si allungano i
            tempi). Questa cosa non è un problema dei
            giudici, ma è causata dagli avvocati che prendono
            tempo per vincere la
            causa.Solo se hai sufficente capitale per pagare quel tipo di avvocati, altrimenti ti pigli qualceh "novellino" e tutto si risolve in 20 minuti ...
        • Lucedorient e scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          @Pinco PallinoSi vede che non sai nulla della giustizia italiana.Ti faccio un esempio, Tribunale di Treviso, uno dei più efficenti.Il "bacino di utenza" è di circa 800.000 persone, i magistrati sono 28, i procedimenti in un anno sono 30.000.Significa che un giudice, secondo il ministero (Alfano e Castelli per capirci) che ha definito il tribunale come "non critico" deve fare le udienze, studiare il procedimentoi, verificare le leggi, ascoltare le parti ed emettere 5 sentenze al giorno.Cosa OVVIAEMNTE impossibile.Allora mi chiedo, dove sta il problema?Anche avessimo un terzo delle leggi in ogni caso solo sentire i testimoni implica giorni di udienze, scrittura dei verbali, rilettura, elaborazione degli atti da aprte degli avvocati e poi altra udienza.E così via...Forse, ma dico FORSE non è che sarebbe il caso di avere MOLTI più giudici?
          • Francesco scrive:
            Re: Il tocco di Re...
            I giudici italiani non sono pochi, il rapporto tra magistrati ed abitanti è in linea con quello di molti grandi paese europei.In termini assoluti la giustizia italiana è la più costosa d'Europa.Pesa negativamente il numero di procedumenti aperto ogni anno, estremamente elevato, frutto forse di una nostra litigiosità congenita quando si parla di civile, del fatto che riarrestano sempre i soliti quando si parla di penale.Ma come vengono spesi questi soldi? Ci sei mai stato ad una causa civile? La disorganizzazione e la confuzione sono palapbili nell'aria, ma giammai mettere un manager, non si tocca la libertà della magistratura!L'ultimo cancelliere con cui ho avuto a che fare si è VANTATO di non utilizzare il computer, lui lavora a mano.Avevamo un excel con un elenco lungo tre pagine, se lo è preso stampato lo ha controllato e poi l'ha ricopiato a mano infilandoci due errori. In un paese civile questa persona sarebbe a fare il guardiano allo zoo (non do la colpa a lui, ma al sistema).
          • zaz zaz scrive:
            Re: Il tocco di Re...
            Una considerazione lucida, chiara e logica.Bravo. Quoto completamente.
      • Gabriele scrive:
        Re: Il tocco di Re...
        - Scritto da: an0nim0
        Per una volta Microsoft non c'entra. Se ben
        ricordo, il problema di Skype e' dato dalla
        cifratura delle comunicazioni e la difficolta' di
        poterne intercettare il contenuto da parte degli
        organi predisposti: Skype aveva promesso di
        collaborare per ovviare al problema, ma forse ci
        sara' stato qualche
        "ritardo".[...]Ehm, dove hai letto che sarebbe quello il motivo?A memoria io ricordo che invece è una cosa molto più semplice: la normativa prevede che si possano fornire numeri geografici (dai quali garantire le chiamate ai servizi di emergenza) unicamente del distretto di residenza ed il cliente deve spedire un documento d'identità al gestore.Siccome questo Skype non lo fa, è più che giusto che abbiano fatto interrompere il servizio!Cos'è Skype è piùXXXXX degli altri?Si può discutere quanto vuoi se sia una norma utile o meno, però è così e gli altri gestori che io sappia sono in regola.La cifratura non c'entra, non c'è alcuna legge che impedisca di usare VoIP criptato.ciaoG.ps: sul newsgroup it.tlc.telefonia.voip se ne è parlato spesso.
        • A.non scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          - Scritto da: Gabriele
          A memoria io ricordo che invece è una cosa molto
          più semplice: la normativa prevede che si possano
          fornire numeri geografici (dai quali garantire le
          chiamate ai servizi di emergenza) unicamente del
          distretto di residenza ed il cliente deve spedire
          un documento d'identità al
          gestore.
          Siccome questo Skype non lo fa, è più che giusto
          che abbiano fatto interrompere il
          servizio!Ricordi bene."secondo la normativa italiana (come in altri Paesi europei), è possibile usare un numero solo all'interno del distretto geografico corrispondente. Gli 06 solo a Roma, per esempio. È solo una formalità: gli altri operatori VoIP risolvono scaricando la responsabilità sull'utente. Al momento dell'attivazione del numero, gli fanno sottoscrivere una dichiarazione (sul web) secondo cui l'utente s'impegna a non usare il numero al di fuori del proprio distretto.Skype però non si era premunita in questo modo e così era incorsa nella scure ministeriale." http://www.repubblica.it/tecnologia/2011/09/30/news/disattivati_i_numeri_skype_italiani-22494821/?ref=HREC2-7
        • collione scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          mah, a me pare che l'idiota sia la normativa piuttosto che skypein che razza di parte del mondo posso usare lo 06 solo a Roma? forse nel Burundi, ma non mi paree intanto un'altra azienda, con relativi investimenti, se ne va dall'Italia, perchè ovviamente Eutelia non riceverà più un centesimo di skype e così abbiamo perso un altro clientebrava Itaglia, continua così che resterai in mutande e con gli spaghetti scotti in mano
        • Teo_ scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          - Scritto da: Gabriele
          - Scritto da: an0nim0

          Per una volta Microsoft non c'entra. Se ben

          ricordo, il problema di Skype e' dato dalla

          cifratura delle comunicazioni e la
          difficolta'
          di

          poterne intercettare il contenuto da parte
          degli

          organi predisposti: Skype aveva promesso di

          collaborare per ovviare al problema, ma
          forse
          ci

          sara' stato qualche

          "ritardo".
          [...]

          Ehm, dove hai letto che sarebbe quello il motivo?
          A memoria io ricordo che invece è una cosa molto
          più semplice: la normativa prevede che si possano
          fornire numeri geografici (dai quali garantire le
          chiamate ai servizi di emergenza) unicamente del
          distretto di residenza ed il cliente deve spedire
          un documento d'identità al
          gestore.
          Siccome questo Skype non lo fa, è più che giusto
          che abbiano fatto interrompere il
          servizio!
          Cos'è Skype è piùXXXXX degli altri?
          Si può discutere quanto vuoi se sia una norma
          utile o meno, però è così e gli altri gestori che
          io sappia sono in
          regola.Considera però che a me, utente VoIP Eutelia dal 2007, ha chiesto di fornire il documento didentità il 16 settembre 2011 via mail.Se è stato un mass mail, disattiveranno contestualmente alle numerazioni Skype anche quelle dei clienti Eutelia che non hanno risposto fornendo il documento? Ne dubito.Mi fa pensare che per qualche motivo si volessero sbarazzare di Skype e questa era una scusa plausibile.
          • utente scrive:
            Re: Il tocco di Re...


            Considera però che a me, utente VoIP Eutelia dal
            2007, ha chiesto di fornire il documento
            didentità il 16 settembre 2011 via
            mail.
            Se è stato un mass mail, disattiveranno
            contestualmente alle numerazioni Skype anche
            quelle dei clienti Eutelia che non hanno risposto
            fornendo il documento? Ne
            dubito.
            Mi fa pensare che per qualche motivo si volessero
            sbarazzare di Skype e questa era una scusa
            plausibile.è arrivato anche a me quella mail.Io mi sono sempre chiesto come caspita faceva Eutelia a dare numerazioni nazionali senza ottenere un documento dal cliente.Adesso si stanno mettendo in regola.Non credo che Eutelia vuole sbarazzarsi di skype in quanto le numerazioni geografiche vengono pagate da skype quando Eutelia stesso le offre gratis, insomma skype non può fare concorrenza a Eutelia in questo.
      • collione scrive:
        Re: Il tocco di Re...
        Qui custodit custodem? lo disse Cicerone e Cicerone la sapeva lungase da un lato c'è necessità di intercettare, dall'altro non posso, io cittadino, essere completamente aperto a qualunque ingerenza esterna di un qualsiasi idiota con un minimo di potere e/o acXXXXX a strumenti d'intercettazioneperchè spesso parliamo di intercettazioni legali, ma dimentichiamo che ci sono agenzie che sulla legalità passano volentieri e hanno come unico motto il "pochi servizi e molti segreti"non capisco perchè la polizia giudiziaria non possa fare le indagini come ha fatto per così tanto tempocapisco che è facile spiare stando seduti dietro una scrivania, ma il detective è uno che per definizione tallona i sospettatiBerlusconi sballa ogni volta che parla contro la magistratura, però è pur vero che in Italia c'è un totale disprezzo peri diritti fondamentali del cittadino, così com'era in epoca fascista
        • Zaz Zaz scrive:
          Re: Il tocco di Re...
          Spero che non ti capiti mai di essere la vittima di un'estorsione, di minacce telefoniche o, peggio, indirettamente coinvolto in fatti ancora più gravi. In quel caso saresti tu stesso a chiederti perchè non intercettano il sospettato di una rapina, di un tentato omicidio o di altri gravi delitti.La polizia giudiziaria tallona e pedina, ma senza un minimo di controllo degli strumenti con cui il delinquente comunica, il lavoro è mille volte più arduo, proprio perchè gli strumenti odierni permettono alla malavita una "connettività" maggiore che in passato.Quando ti richiami al passato, per favore, dì anche ai delinquenti di non usare internet, telefoni cellulari e altre diavolerie moderne: diamine, non ci sono più i banditi tradizionalisti di una volta...
    • nec scrive:
      Re: Il tocco di Re...
      commento originale...
Chiudi i commenti