Oracle, sciopero e blocco degli straordinari

Sindacati in subbuglio per le condizioni offerte ai dipendenti Sun acquisiti con la loro azienda a luglio. In attesa della risposta dell'azienda

UPDATE: Modificati terzo e quarto paragrafo. Inserita la posizione dell’azienda sulla notizia, chiarita la posizione del sindacato rispetto alle condizioni contrattuali proposte.

Roma – FIOM e le Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) di Oracle Italia di Padova, Torino, Roma e Milano unite in coordinamento nazionale, hanno annunciato uno sciopero: ad agitare i lavoratori dell’azienda statunitense le conseguenze dell’ acquisizione di Sun Microsystem e in particolare il mancato processo di armonizzazione del trattamento per gli ex-Sun.

Al momento della conclusione dell’acquisto di Sun da parte di Oracle si temeva per il destino non meglio specificato dei dipendenti facenti capo alla prima: anche gli incontri iniziati dopo mesi dalla fusione tra la Direzione aziendale e le organizzazioni nazionali non sono riusciti a districare la situazione che si è arenata sulle condizioni contrattuali offerte agli uomini Sun che il sindacato afferma essere trattati come lavoratori di serie B .

Sembrerebbe, stando al sindacato, che a loro siano state offerte condizioni di lavoro inferiori a quelle precedenti (pari a quelle dei dipendenti Oracle) e questo avrebbe portato allo stallo delle trattative: i sindacati ritengono di aver ceduto fin troppo accettando condizioni contrattuali inferiori (tra cui polizze sanitarie con pregi minori e costi superiori e ritiro della carta carburante), e la trattativa si è interrotta con l’azienda che ha lasciato il tavolo sui temi della reperibilità e degli straordinari , argomenti che i sindacati avrebbero voluto lasciare aperti.

Le organizzazioni sindacali, che hanno definito quella di Oracle “un’inspiegabile rottura delle trattative”, hanno così annunciato lo “stato di agitazione con blocco di straordinari e reperibilità” e proclamato un’ora di sciopero per la giornata di Martedì 12 Aprile 2011 con presidi davanti alla sede di Roma . Oracle Italia è stata contattata da Punto Informatico , e ha preferito non commentare la vicenda.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • salvo federici scrive:
    anonimato
    Lo sbracamento dei dati personali vede contrari tanti e tanti. Non se ne può più.Anche al supermercato...tanto che è da pensare che la legge sulla privacy sia stata fatta apposta per violarla, dato che a protezione esistevano già diverse norme della legge, anche penale. Tranne casi particolari di idiozia e maleducazione, togliere la possibilità a tanti di poter esprimere la propria opinione anonimamente sembra più confacente a regimi e internet non democratici. Grazie per l'ospitalità
  • sentinel scrive:
    Altra assurdità
    "se garantisci a qualcuno l'anonimato e gli dai un pubblico, lo trasformi in un perfetto XXXXXXXXX"Falso, la vera affermazione è questa:"se garantisci a qualcuno un account Facebook e gli dai un pubblico, lo trasformi in un perfetto XXXXXXXXX";)
    • gomez scrive:
      Re: Altra assurdità

      "se garantisci a qualcuno un account Facebook e
      gli dai un pubblico, lo trasformi in un perfetto
      XXXXXXXXX""Facebook helps you connect and share with the people in your life. Whether you want to or not." :-DmAURO
  • sentinel scrive:
    Ma è assurdo!
    "l'anonimato sia un valore della prima Internet ampiamente decaduto"Questa affermazione è assurda e dimostra ignoranza sul fattoche i NEWSGROUP su Internet sono VIVI e VEGETI meglio chealtre forme patetiche di interscambio opinioni tipo facebooket similia...Nei NEWSGROUP ognuno ha il diritto di usare un nickname difantasia per poter parlare in libertà di qualunque cosa...
  • galessandroni scrive:
    Faccialibro e dintorni
    Sembra semplice, ma non lo è. Utilizzare Faccialibro implica registrarsi con i propri dati. Fin qui tutto chiaro: sono le regole del gioco.La cosa assume aspetti tragici quando si scrive - per esempio in una mail - "la foto che mi hai chiesto lo messa su Faccialibro a quest'indirizzo", senza pensare che: non tutti gli esseri umani sono iscritti a Faccialibro; non tutti gli esseri umani desiderano iscriversi a Faccialibro.Faccialibro è come il tavolino di un bar dove si può conversare solo con le persone sedute con noi. Se passa qualcuno, anche con idee molto interessanti questo - a noi del tavolino - sarà completamente trasparente. Un gruppo chiuso, molto chiuso, insomma.Il mio non è uno sfogo, è un monito. Chi ha pensato Faccialibro ha anche pensato che tutto il web dovesse iscriversi al suo portale, altrimenti nulla da fare. E questo non mi piace affatto.Ecco perché, prima o poi, divorzierò da Faccialibro, anche se Faccialibro non divorzierà da me, ricordandosi tutti i miei dettagli, tutte le mie conversazioni, fotografie, commenti [rimossi e no].Giacomo AlessandroniSegretario di PeaceLinkPS Basta guardare la mia firma per comprendere che non sono alla ricerca di un nickname alla Diabolik.
    • sentinel scrive:
      Re: Faccialibro e dintorni
      - Scritto da: galessandroni
      Sembra semplice, ma non lo è. Utilizzare
      Faccialibro implica registrarsi con i propri
      dati. Fin qui tutto chiaro: sono le regole del
      gioco.Regole di gioco che sono però impari:il Sistema ti succhia i dati e li usa per i propriscopi (commerciali & non), tu al massimo puoiessere ricontattato da un amico delle superioricol quale c'era un motivo valido se non ti vedevida anni...
      La cosa assume aspetti tragici quando si scrive -
      per esempio in una mail - "la foto che mi hai
      chiesto lo messa su Faccialibro a
      quest'indirizzo", senza pensare che: non tutti
      gli esseri umani sono iscritti a Faccialibro; non
      tutti gli esseri umani desiderano iscriversi a
      Faccialibro.Questo devi dirlo a chi dirige Faccialibro:Vuoi sbirciare cosa c'è dietro il link? Bene,PRIMA ti devi registrare e mi devi consegnaretutti i tuoi dati, POI ti faccio sbirciare (fesserienel 99.99% dei casi).
      Faccialibro è come il tavolino di un bar dove si
      può conversare solo con le persone sedute con
      noi. Se passa qualcuno, anche con idee molto
      interessanti questo - a noi del tavolino - sarà
      completamente trasparente. Un gruppo chiuso,
      molto chiuso,
      insomma.No.Al "tavolino di un bar" ci si siede fra amici.Bene, se passa un conoscente mica gli chiedi PRIMAtutti i suoi dati per farlo partecipare POI alladiscussione al tavolino.Quindi l'esempio che hai fatto NON è calzante.
      Il mio non è uno sfogo, è un monito. Chi ha
      pensato Faccialibro ha anche pensato che tutto il
      web dovesse iscriversi al suo portale, altrimenti
      nulla da fare. E questo non mi piace
      affatto.Chiaro, se non ti iscrivi non posso controllarti. Punto.
      Ecco perché, prima o poi, divorzierò da
      Faccialibro, anche se Faccialibro non divorzierà
      da me, ricordandosi tutti i miei dettagli, tutte
      le mie conversazioni, fotografie, commenti
      [rimossi e
      no].Ahi... Brutta cosa. Ormai pezzi della tua personasono archiviati digitalmente AD AETERNUM senzache tu li possa più controllare ed eliminare...
      Giacomo Alessandroni
      Segretario di PeaceLink

      PS Basta guardare la mia firma per comprendere
      che non sono alla ricerca di un nickname alla
      Diabolik.Diabolik è Rock.
      • galessandroni scrive:
        Re: Faccialibro e dintorni
        Carissimo/a,mi sa che diciamo e pensiamo le stesse cose con parole differenti.- Scritto da: sentinel
        [...]

        Diabolik è Rock.
  • mela marcia doc scrive:
    per la redazione - messaggio cassato
    Di grazia, perché avete cassato il mio post in cui facevo riferimento ad un servizio per la creazione di email temporanee della durata di 24 ore inerente alla tutela dell'anomimato?
  • mela marcia doc scrive:
    Giusto in tema di anonimato
    Creare una mail temporanea della durata di 24 ore:http://www.thenorba.com/2011/04/11/webemail-me-creare-una-e-mail-temporanea-usa-e-getta/
  • Cretino Coerente scrive:
    FB fobia???
    Nooo vabbe qua siete fuori come un balcone...Da un lato ripudiate FB come riserva di deficienti,dall'altro lato vi fate falsi profili o usate stratagemmi vari ed eventuali per poterci sbirciare senza identificarvi e inconsciamente far parte della tribù di deficienti.FB è solo un mezzo,ci puoi fare quello che vuoi,informazione,ca**eggio,pubblicità,contattare vecchi amici,condividere idee,foto,esperienze,progetti.Le alternative ci sarebbero ma che senso ha usare dei sistemi chiusi con poche centinaia di utenti?!?!? l'Asocial Network è morto prima di nascere è roba da Nerd frustrati...
    • gomez scrive:
      Re: FB fobia???
      - Scritto da: Cretino Coerente
      Nooo vabbe qua siete fuori come un balcone...Da
      un lato ripudiate FB come riserva di
      deficienti,dall'altro lato vi fate falsi profili
      o usate stratagemmi vari ed eventuali per poterci
      sbirciare sbirciare ? :-Oforse ti e' sfuggito che ormai anche le istituzioni sonosu fessbuk, quindi un id su FB e' ormai necessarioche poi molti ritengano opportuno metterci su l'identita' vera con tanto di dati sensibili e' qualcosa che stentoa comprendere, ma suppongo che il tuo nick spieghi parecchio :-DMauro
      • Cretino Coerente scrive:
        Re: FB fobia???
        Credi che il dato più sensibile sul web sia nome e cognome??? Su FB sai quanta gente trovi col mio nome e cognome???I banners e tutta la pubblicità mirata sono indirizzati sulla localizzazione dell'IP(che non è la pompa di benzina vicino casa...)
        • gomez scrive:
          Re: FB fobia???
          - Scritto da: Cretino Coerente
          Credi che il dato più sensibile sul web sia nome
          e cognome??? Su FB sai quanta gente trovi col mio
          nome e cognome???I banners e tutta la pubblicità
          mirata sono indirizzati sulla localizzazione
          dell'IP(che non è la pompa di benzina vicino
          casa...)dove hai letto "nome e cognome" nel mio post???i dati sensibili messi (da tanti) su FB sono indirizzodi casa e ufficio, numeri telefonici, abitudini di vita,foto proprie e dei propri cari, altri dati che sipossono lasciar sfuggire sulla bacheca rispondendo adaltri (ehi, anch'io ho il conto in Cariplo, no guardail mio avvocato e' Bianchettini che e' bravissimo...)tutti materiali che nessuno con un minimo di buon senso mette a disposizone di perfetti sconosciutichiudo con una citazione di Mark Zuckerberg, che pare che pochi fessbuccari conoscano:

          âThey 'trust me'. Dumb fucks.âMauro :-D
  • Romano Scuri scrive:
    Nuova newsletter con link che puntano...
    Nuova newsletter con link che puntano a t.contactlab.itAnche voi avete ceduto al fascino (in)discreto del conteggio dei contatti...E' possibile che smetta di leggere la newsletter. Peccato.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Nuova newsletter con link che puntano...
      lo abbiamo sempre fatto, solo in maniera diversaabbiamo cambiato strumento per poter avere più flessibilità in certe operazioni :)
    • Funz scrive:
      Re: Nuova newsletter con link che puntano...
      - Scritto da: Romano Scuri
      Nuova newsletter con link che puntano a
      t.contactlab.itNoscript è nostro amico
  • gomez scrive:
    uno dei miei profili FB
    e' un congolese trentenne che vive a Dusseldorfed e' fanatico di caccia al leone e ricamo al tombolo,usero' quella per lasciare commenti autentici certificati da FB :-)Maurops: il mio vero profilo su FB non c'e' :-D
    • Marco Calamari scrive:
      Re: uno dei miei profili FB
      - Scritto da: gomez
      e' un congolese trentenne che vive a Dusseldorf
      ed e' fanatico di caccia al leone e ricamo al
      tombolo,
      usero' quella per lasciare commenti autentici
      certificati da FB :-)

      Mauro

      ps: il mio vero profilo su FB non c'e' :-DSono quelli che si credono furbi ad essere i piu' esposti.Prova a leggere qualcosa sulla deanonimizzazione e reidentificazione dei dati.E' solo un consiglio, ovviamente.
      • gomez scrive:
        Re: uno dei miei profili FB

        Prova a leggere qualcosa sulla deanonimizzazione
        e reidentificazione dei dati.se fossi Bin Laden e la CIA mi cercasse mi preoccuperei(magari non tanto, visto come vanno le cose) ;-)ma dubito che postando un commento sul sito in oggettoqualcuno vorrebbe dedicare tempo ed energie (costi, in altri termini) per identificarmi :-)
        E' solo un consiglio, ovviamente.gia' fatto da moooooooooolto tempo, ovviamente :-DMauro
  • smuz scrive:
    la qualità del portafogli
    si può dire che sta cosa del migliorare i commenti non importa un cacchio a nessuno (e tra l'altro sarebbe da discuterne) ma che piuttosto importa che sulla bacheca di tizio venga fuori che ha commentato il sito X con conseguente traffico e "i like" che tanto piacciono a zio google?se non si può dire non lo dico.
  • il solito bene informato scrive:
    Qual'è il rischio di FB?
    Sarò lento... ma non ho ancora capito in cosa Facebook sia più rischioso, per il singolo individuo, di un qualsiasi altro social network o forum.La cosa che mi preoccupa, invece, è che un network sociale tanto ampio sia gestito come una società, con quindi l'unico obbligo nei confronti degli investitori che, al suo interno, possono decidere il bello ed il cattivo tempo: nessuna democrazia, nessun diritto ad un "giusto proXXXXX" sulle censure che cadono come una pietre da un cavalcavia.E' ormai talmente grande da essere uno stato sopra gli stati , uno stato che rappresenta di fatto il sogno liberistico delle corporazioni: cittadini come vacche da sfruttare, nessun limite legale e qualsiasi dissenso stroncato sul nascere.E' una cosa che mi dà da pensare... e se un giorno questo stato sopra gli stati diventasse talmente grande da non poterci girare attorno? se un giorno ogni forma di comunicazione "mainstream" dovesse passare da questo network? Dopo Microsoft avremmo un nuovo monopolista con cui aver a che fare, solo peggiore, perché nell'ambito della comunicazione... avremmo l'interlink .Se c'è una speranza, viene dai Prolet.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 14.13-----------------------------------------------------------
    • sxs scrive:
      Re: Qual'è il rischio di FB?

      Se c'è una speranza, viene dai Prolet.Complimenti per la dotta citazione ma spero e pensoche fessbuc non potra' mai essere cosi' invasivo comeun regime vero e proprio.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Qual'è il rischio di FB?
        - Scritto da: sxs

        Se c'è una speranza, viene dai Prolet.

        Complimenti per la dotta citazione ma spero e
        penso
        che fessbuc non potra' mai essere cosi' invasivo
        come
        un regime vero e proprio.più che invasivo direi "ingombrante"... se un giorno tutti i più grandi provider di film, TV e musica dovessero sceglierlo come piattaforma preferenziale, visto il bacino d'utenza, e se un giorno la gente chatterà esclusivamente con facebook "dimenticandosi" degli storici yahoo, msn vari, si potrà parlare di vero e proprio monopolio.Ovviamente i vari messenger "sovversivi" per gli utenti che non vogliono far parte della massa continueranno ad esistere...
        • panda rossa scrive:
          Re: Qual'è il rischio di FB?
          - Scritto da: il solito bene informato
          Ovviamente i vari messenger "sovversivi" per gli
          utenti che non vogliono far parte della massa
          continueranno ad
          esistere......e magari nasceranno dei servizi di tunnel anonimizzanti che permetteranno a quelli che stanno fuori, di poter comunicare con quelli che stanno dentro, senza dover tuttavia entrare.
          • mela marcia doc scrive:
            Re: Qual'è il rischio di FB?
            Ho letto che qualcosa del genere esiste già: http://youropenbook.org/.Se ho capito bene, ti permette di leggere i messaggi pubblici postati su FB senza essere registrato.
    • bubba scrive:
      Re: Qual'è il rischio di FB?
      - Scritto da: il solito bene informato
      Sarò lento... ma non ho ancora capito in cosa
      Facebook sia più rischioso, per il singolo
      individuo, di un qualsiasi altro social network o
      forum.

      La cosa che mi preoccupa, invece, è che un
      network sociale tanto ampio sia gestito come una
      società, con quindi l'unico obbligo nei confronti
      degli investitori che, al suo interno, possono
      decidere il bello ed il cattivo tempo: nessuna
      democrazia, nessun diritto ad un "giusto
      proXXXXX" sulle censure che cadono come una
      pietre da un
      cavalcavia.
      E' ormai talmente grande da essere uno stato
      sopra gli stati , uno stato che rappresenta di
      fatto il sogno liberistico delle corporazioni:
      cittadini come vacche da sfruttare, nessun limite
      legale e qualsiasi dissenso stroncato sul
      nascere.
      E' una cosa che mi dà da pensare... e se un
      giorno questo stato sopra gli stati
      diventasse talmente grande da non poterci girare
      attorno? se un giorno ogni forma di comunicazione
      "mainstream" dovesse passare da questo network?
      Dopo Microsoft avremmo un nuovo monopolista con
      cui aver a che fare, solo peggiore, perché
      nell'ambito della comunicazione... avremmo
      l'interlink .

      Se c'è una speranza, viene dai Prolet.messaggio curioso... prima ti chiedi perche Facebook desti preoccupazioni, e poi elenchi una serie di motivi di preoccupazione :)Il fatto di avere una buona profilazione di un numero di individui superiore a MOLTE nazioni in mano a una megacorp E' motivo di preoccupazione esso stesso.
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Qual'è il rischio di FB?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: il solito bene informato

        Sarò lento... ma non ho ancora capito in cosa

        Facebook sia più rischioso, per il singolo

        individuo, di un qualsiasi altro social network

        o forum
        messaggio curioso... prima ti chiedi perche
        Facebook desti preoccupazioni, e poi elenchi una
        serie di motivi di preoccupazione
        :)
        Il fatto di avere una buona profilazione di un
        numero di individui superiore a MOLTE nazioni in
        mano a una megacorp E' motivo di preoccupazione
        esso
        stesso.includo anche la parte iniziale del mio post.Mi chiedo perché Facebook desti preoccupazioni al singolo, alla sua privacy, intendo. Per quanto in FB venga messo nome e cognome, di dati sensibili che veramente ti identifichino nella "actual realtity" non ce ne sono, eccetto l'email... quindi Facebook è, secondo me, alla pari di tanti altri forum e social network. Non riesco nemmeno a contare quante persone conosco che si sono create profili "segreti" per i loro loschi affari ;)E' lo stesso discorso che applicavo da adolescente in autobus quando il controllore mi beccava senza biglietto... "non ho documento, mi dispiace",i miei amici si inventavano nomi fasulli, io invece davo tranquillamente il mio nome e cognome: senza un documento che certifichi la mia identità, poteva benissimo essere un nome fasullo(infatti poi i controllori sono diventati "polizia amministrativa" con la prerogativa di poter trattenere e portare in questura le persone senza documenti :)) Tornando a FB, tutto dipende da quanto "ci stai dentro". La violazione della propria privacy avviene consapevolmente, mi pare.
        • gomez scrive:
          Re: Qual'è il rischio di FB?

          Mi chiedo perché Facebook desti preoccupazioni al
          singolo, alla sua privacy, intendo. Per quanto in
          FB venga messo nome e cognome, di dati sensibili
          che veramente ti identifichino nella
          "actual realtity" non ce ne sono, eccetto
          l'email... mica tanto... ad esempio le piu' recenti fotocameregeotaggano le foto, quindi una foto del tuo salottocol Rubens in bella vista sul caminetto ti porta gli scassinatori dritti alla porta di casa :-Dinoltre non sei in alcun modo al riparo dai continuicambiamenti di regole della privacy, che ad ogninuova "release" resettano l'account allo stato iniziale (nudo e col XXXX per aria, in termini tecnici) quindi finche' non te ne rendi conto e ripristini uno per uno i settaggi i tui dati sono visibili a chiunque (questo almeno sino a qualche tempo fa, ho smesso di interessarmene in quanto su FB ho solo identita' fittizie, con i miei amici resto in contatto con normali e-mail)Mauro
  • All scrive:
    puntata di Report di ieri
    Aboliamo Facebook!
    • Alfio Muschio scrive:
      Re: puntata di Report di ieri
      - Scritto da: All
      Aboliamo Facebook!No, basterebbe ridimensionarlo a recinto per niubbi e utonti vari.
      • marco scrive:
        Re: puntata di Report di ieri
        - Scritto da: Alfio Muschio
        - Scritto da: All

        Aboliamo Facebook!

        No, basterebbe ridimensionarlo a recinto per
        niubbi e utonti
        vari.Perché, non lo è già?
        • Alfio Muschio scrive:
          Re: puntata di Report di ieri
          - Scritto da: marco
          - Scritto da: Alfio Muschio

          - Scritto da: All


          Aboliamo Facebook!



          No, basterebbe ridimensionarlo a recinto per

          niubbi e utonti

          vari.

          Perché, non lo è già?In gran parte sì. Dici che è il caso di chiuderlo, così i buoi non scappano, che poi infestano la Rete?
          • Valeren scrive:
            Re: puntata di Report di ieri
            Temo sia giusto un filo tardi...
          • il solito bene informato scrive:
            Re: puntata di Report di ieri
            - Scritto da: Alfio Muschio
            - Scritto da: marco

            - Scritto da: Alfio Muschio


            - Scritto da: All



            Aboliamo Facebook!





            No, basterebbe ridimensionarlo a recinto per


            niubbi e utonti


            vari.



            Perché, non lo è già?

            In gran parte sì. Dici che è il caso di
            chiuderlo, così i buoi non scappano, che poi
            infestano la
            Rete?(rotfl)l'unica cosa positiva di Facebook è che sono sparite le catene di sant'antonio dalla mia email
          • sxs scrive:
            Re: puntata di Report di ieri

            (rotfl)
            l'unica cosa positiva di Facebook è che sono
            sparite le catene di sant'antonio dalla mia
            emailCacchio hai ragione!Si vede che ora i fessi se le scambiano la' dentro. :-D
          • il solito bene informato scrive:
            Re: puntata di Report di ieri
            - Scritto da: sxs

            (rotfl)

            l'unica cosa positiva di Facebook è che sono

            sparite le catene di sant'antonio dalla mia

            email

            Cacchio hai ragione!
            Si vede che ora i fessi se le scambiano la'
            dentro.
            :-Din quanto fesso iscritto a Facebook, ti posso dire come funziona: la catena di sant'antonio ha lasciato il posto alla condivisione, sulla propria bacheca, di argomenti, storie, idee, il più banali, lacrimose e demagogiche immaginabili, spingendoti a condividerle anche sulla tua bacheca, eventualmente cercando di farti sentire in colpa, tipo:foto di un bambino malato - "il piccolo Timmy sta morendo di leucemia, se non condividi sei un MOSTRO"oppurefoto di cane in gabbia - "no all'abbandono dei cani. Sei tu la BBESTIA se non condividi"io sono molto sensibile riguardo certi argomenti, e spesso sento che sto per cadere nella tentazione... ma poi mi dico: "a che caxx servirebbe?" e rinsavisco. :D-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 14.21-----------------------------------------------------------
          • marc scrive:
            Re: puntata di Report di ieri



            No, basterebbe ridimensionarlo a recinto per


            niubbi e utonti


            vari.



            Perché, non lo è già?

            In gran parte sì. Dici che è il caso di
            chiuderlo, così i buoi non scappano, che poi
            infestano la
            Rete?No, finché sono lì non danno fastidio almeno e se ne arrivano altri si ritrovano
    • say no scrive:
      Re: puntata di Report di ieri
      - Scritto da: All
      Aboliamo Facebook!e google no?
  • ruppolo scrive:
    Codardi
    È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.Non tutti? A mio parere, tutti.
    • Ghostdog scrive:
      Re: Codardi
      ma anche te usi un nick
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Codardi
        ruppolo è il suo cognome: Roberto Ruppolo.Sul suo sito ci sono le sue generalità.
        • krane scrive:
          Re: Codardi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          ruppolo è il suo cognome: Roberto Ruppolo.
          Sul suo sito ci sono le sue generalità.Verificate ?
          • Ghostdog scrive:
            Re: Codardi
            http://www.ruppolo.com/questo?
          • Mario Rossi scrive:
            Re: Codardi
            - Scritto da: Ghostdog
            http://www.ruppolo.com/

            questo?Lo faccio sempre anche io quando un sito richiede certificazione, tipicamente in siti social XXXXX; chissa' quanto e' usata quella pagina in effetti quegli scopi :Dhttp://www.mariorossi.net
          • Valeren scrive:
            Re: Codardi
            Vediamo...Servizi offerti: * Sviluppo soluzioni database basate su FileMaker. * Trolling filo-Mac su Punto InformaticoSi è lui :p
        • Ghostdog scrive:
          Re: Codardi
          lolok :):)
        • il solito bene informato scrive:
          Re: Codardi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          ruppolo è il suo cognome: Roberto Ruppolo.

          Sul suo sito ci sono le sue generalità.io pensavo fosse il nome...
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Codardi
            - Scritto da: il solito bene informato
            - Scritto da: uno qualsiasi

            ruppolo è il suo cognome: Roberto Ruppolo.



            Sul suo sito ci sono le sue generalità.

            io pensavo fosse il nome...Io credevo fosse un nik tipo n-esimo nano:..Brontolo, Mammolo, Ruppolo...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 17.13-----------------------------------------------------------
          • bubba scrive:
            Re: Codardi
            Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 17.13
            --------------------------------------------------Ehh... MAGARI fosse roba inventata. Lui e' PROPRIO cosi'! un puro adepto della Mela per mere questioni di marketing..
        • Giambo scrive:
          Re: Codardi
          - Scritto da: uno qualsiasi
          ruppolo è il suo cognome: Roberto Ruppolo.

          Sul suo sito ci sono le sue generalità.Urka :o ! E' nato a Zurigo, chissa' perche' se n'e' andato da questa bellissima citta' :) ... E poi pare che la Svizzera sia un paese con la piu' alta concentrazione di Mac-users ;) !
    • Difensore scrive:
      Re: Codardi
      Dietro allo schermo avete tutti le pal.. per chiamare altra gente codarda, ma ricordati che rimani sempre un cogl...eMettiamo un esempio:Se gli Anonymous no si nascondessero dietro l'anonimato, il loro gruppo verrebbe schiacciato, uno ad uno verrebbero trovate scuse per fare la gente fuori.
    • panda rossa scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.
      Non tutti? A mio parere, tutti.Finche' ci sara' gente come te, che invece di confutare l'idea scomoda, va a minacciare direttamente l'individuo, e' d'obbligo la difesa.E' forse codardo il guerriero che scende in campo con l'armatura?Codardo secondo me invece e' proprio colui che invece di controbattere l'idea sul piano dialettico, va a minacciare il contraddittore utilizzando strumenti che esulano dal contesto (tipo la querela per diffamazione, o peggio).
      • sxs scrive:
        Re: Codardi

        Codardo secondo me invece e' proprio colui che
        invece di controbattere l'idea sul piano
        dialettico, va a minacciare il contraddittore
        utilizzando strumenti che esulano dal contesto
        (tipo la querela per diffamazione, o
        peggio).5463446872 ore di applausi
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Codardi
        - Scritto da: panda rossa
        Codardo secondo me invece e' proprio colui che
        invece di controbattere l'idea sul piano
        dialettico, va a minacciare il contraddittore
        utilizzando strumenti che esulano dal contestoo coprendo con insulti ripetuti ad alta voce (tipo "taci", "capra" o "ma va là").In pratica quello che i nostri politici intendono per contraddittorio .
      • Sgabbio scrive:
        Re: Codardi
        Come Don fortunato di noto che vuole censurare mezzo web su chi dice un parere diverso sulla pedofilia ?
    • krane scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.
      Non tutti? A mio parere, tutti.Quindi sei un codardo "ruppolo".
    • mr_caos scrive:
      Re: Codardi
      In effetti a te bisogna riconoscere un certo coraggio, o piu' probabilmente incoscienza. Come consulente informatico, riempire i forum di "informatica" di fesserie come fai tu, non è certo da tutti.
    • mela marcia doc scrive:
      Re: Codardi
      Infatti sistemi come TOR servono appunto ai codardi per trollare sui vari forum/social network
      • il solito bene informato scrive:
        Re: Codardi
        - Scritto da: mela marcia doc
        Infatti sistemi come TOR servono appunto ai
        codardi per trollare sui vari forum/social
        network... dimentichi le due piaghe del millennio: i pediatri e i terronisti!
        • ciucciolo scrive:
          Re: Codardi
          - Scritto da: il solito bene informato
          ... dimentichi le due piaghe del millennio: i
          pediatri e i
          terronisti!ed i tronisti no?
    • say no scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.tu compreso allora: quando vai a votare anche il tuo voto è segreto
      Non tutti? A mio parere, tutti.compresi gli oppositori del regime cinese? e anche di quello iraniano, libico, iemenita, saudita, italiano, francese, algerino, russo ecc. ecc.?visto che dici di non essere codardo ed hai pure la faccia di bronzo di dare del codardo a tanta gente che non conosci e di cui non sai nulla, perché non vai da loro a diglielo in faccia che sono codardi? dai che ti aspettano tutti con ansia...
    • Sgabbio scrive:
      Re: Codardi
      Allora cambia nick e metti nome cognome, data di nascita ecc ecc.
    • Codardo Anonimo scrive:
      Re: Codardi
      Fascista è l'aggettivo giusto per descrivere le tue idee (anche quelle sui minorenniparassiti).
    • marco scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.
      Non tutti? A mio parere, tutti.Quindi sono codardi:Donato di Angelo di PascuccioAlessandro di Mariano di Vanni FilipepiSamuel Langhorn ClemensSecondo TranquilliCarlo LorenziniRocco Francis MarchegianoVisto che non si firmavano col loro nome
    • Shiba scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.
      Non tutti? A mio parere, tutti.Ma a 50 anni non ti vergogni a ragionare come un bimbominkia di prima liceo?
    • Funz scrive:
      Re: Codardi
      - Scritto da: ruppolo
      È l'aggettivo giusto per descrivere gli anonimi.
      Non tutti? A mio parere, tutti.Sei furbo tu, a fare certe figure mettendoci la faccia...
  • panda rossa scrive:
    Anonimato vs identita' segreta
    L'analisi del Mantellini e' ottima come al solito.Pero' secondo me trascura uno stato intermedio, quello dell'identita' segreta.Si contrappone l'identita' di FB con l'anonimato totale, mentre quelle figure citate dallo stesso Mantellini, che appartengono a quel nugulo di commentatori abituali di un certo blog, o forum, sono talvolta etichettabili come identita' segrete, ovvero individui perfettamente riconoscibili da un nick registrato nel blog/forum, ma che non e' riconducibile all'identita' reale.E' sicuramente anonimato pure questo, ma profondamente diverso dall'anomimo non identificabile neppure da un nick.E comunque la teoria del "grande XXXXXXXXX" non la condivido.Chi si comporta da XXXXXXXXX nascondendosi dietro lo scudo dell'anonimato, non lo fa perche' anonimo, lo fa perche' e' proprio XXXXXXXXX.
    • Ghostdog scrive:
      Re: Anonimato vs identita' segreta
      concordo pienamentesia sull'identità segreta, sia sulla teoria dell'XXXXXXXXXda quando è nata la rete , sono sempre esistiti i nick, che sono una sorta di seconda identità virtualese qualcuno usa nick completamente anonimi per sparare cavolate è un idiotama lo è lui non è l'anonimato a farlo diventareè una specie di in vino veritas,
      • Accordatore scrive:
        Re: Anonimato vs identita' segreta
        - Scritto da: Ghostdog
        se qualcuno usa nick completamente anonimi per
        sparare cavolate è un
        idiotaE' un po' come quello che ruba se nessuno lo vede: non lo rende ladro il fatto che nessuno lo veda, è un ladro e basta.
        • pippO scrive:
          Re: Anonimato vs identita' segreta
          - Scritto da: Accordatore
          - Scritto da: Ghostdog

          se qualcuno usa nick completamente anonimi per

          sparare cavolate è un

          idiota

          E' un po' come quello che ruba se nessuno lo
          vede: non lo rende ladro il fatto che nessuno lo
          veda, è un ladro e
          basta.Tipo il P2P ?
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: Accordatore

            - Scritto da: Ghostdog


            se qualcuno usa nick completamente anonimi per


            sparare cavolate è un idiota

            E' un po' come quello che ruba se nessuno lo

            vede: non lo rende ladro il fatto che nessuno lo

            veda, è un ladro e

            basta.
            Tipo il P2P ?No, non c'e' sottrazione e chi ha comtprato il prodotto lo condivide.
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: Accordatore


            - Scritto da: Ghostdog



            se qualcuno usa nick completamente anonimi
            per



            sparare cavolate è un idiota



            E' un po' come quello che ruba se nessuno lo


            vede: non lo rende ladro il fatto che nessuno
            lo


            veda, è un ladro e


            basta.

            Tipo il P2P ?

            No, non c'e' sottrazione e chi ha comtprato il
            prodotto lo
            condivide.A sua insaputa? :D
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pippO


            - Scritto da: Accordatore



            - Scritto da: Ghostdog




            se qualcuno usa nick completamente anonimi

            per




            sparare cavolate è un idiota





            E' un po' come quello che ruba se nessuno lo



            vede: non lo rende ladro il fatto che
            nessuno

            lo



            veda, è un ladro e



            basta.


            Tipo il P2P ?



            No, non c'e' sottrazione e chi ha comtprato il

            prodotto lo condivide.
            A sua insaputa? :DNo, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice, problemi ?
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: krane


            No, non c'e' sottrazione e chi ha comtprato il


            prodotto lo condivide.

            A sua insaputa? :D


            No, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice,
            problemi
            ?Mettendo: io mario rossi abitante in via g. verdi a milano condivido questo cd con il mondo? :D
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: krane



            No, non c'e' sottrazione e chi ha



            comtprato il prodotto lo condivide.


            A sua insaputa? :D

            No, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice,

            problemi ?
            Mettendo: io mario rossi abitante in via g. verdi
            a milano condivido questo cd con il mondo?
            :DNo, non mette informazioni che non interessano all'utente che prende.
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: krane




            No, non c'e' sottrazione e chi ha




            comtprato il prodotto lo condivide.



            A sua insaputa? :D



            No, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice,


            problemi ?

            Mettendo: io mario rossi abitante in via g.
            verdi

            a milano condivido questo cd con il mondo?

            :D

            No, non mette informazioni che non interessano
            all'utente che
            prende.Come no, come faccio a ringraziare il mio benefattore? :D
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pippO


            - Scritto da: krane





            No, non c'e' sottrazione e chi ha





            comtprato il prodotto lo condivide.




            A sua insaputa? :D



            No, ha comprato il cd, e' suo e lo



            condivice, problemi ?


            Mettendo: io mario rossi abitante in via g.


            verdi a milano condivido questo cd con il


            mondo? :D

            No, non mette informazioni che non interessano

            all'utente che prende.
            Come no, come faccio a ringraziare il mio
            benefattore?
            :DCondividendo se vuoi, senno' e' lo stesso...
          • panda rossa scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: krane



            No, non c'e' sottrazione e chi ha comtprato
            il



            prodotto lo condivide.


            A sua insaputa? :D





            No, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice,

            problemi

            ?
            Mettendo: io mario rossi abitante in via g. verdi
            a milano condivido questo cd con il mondo?
            :DSe vuole.Io non ho mica bisogno di sapere le sue generalita', comunque.
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: krane




            No, non c'e' sottrazione e chi ha
            comtprato

            il




            prodotto lo condivide.



            A sua insaputa? :D








            No, ha comprato il cd, e' suo e lo condivice,


            problemi


            ?

            Mettendo: io mario rossi abitante in via g.
            verdi

            a milano condivido questo cd con il mondo?

            :D

            Se vuole.
            Io non ho mica bisogno di sapere le sue
            generalita',
            comunque.Tu no, quelli in divisa forse si... :D
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pippO


            - Scritto da: krane





            No, non c'e' sottrazione e chi ha





            comtprato il prodotto lo condivide.




            A sua insaputa? :D



            No, ha comprato il cd, e' suo e lo



            condivice, problemi ?


            Mettendo: io mario rossi abitante in via g.


            verdi a milano condivido questo cd con il


            mondo?


            :D

            Se vuole.

            Io non ho mica bisogno di sapere le sue

            generalita', comunque.
            Tu no, quelli in divisa forse si... :DPotrebbero benissimo dedicarsi ad altro, tipo verificare le affermazioni di certi cartelli che pretendono il cambio di leggi a loro favore.
          • panda rossa scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO

            Se vuole.

            Io non ho mica bisogno di sapere le sue

            generalita',

            comunque.
            Tu no, quelli in divisa forse si... :DQuindi vedi che ho ragione quando affermo che quelli contrari all'anonimato sono coloro che invece di controbattere ad idee che non sono in grado di controbattere, fanno ritorsioni sulle persone.L'anonimato e' una indispensabile forma di difesa per poter esercitare liberamente i propri diritti.
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: panda rossa


            Se vuole.


            Io non ho mica bisogno di sapere le sue


            generalita',


            comunque.

            Tu no, quelli in divisa forse si... :D

            Quindi vedi che ho ragione quando affermo che
            quelli contrari all'anonimato sono coloro che
            invece di controbattere ad idee che non sono in
            grado di controbattere, fanno ritorsioni sulle
            persone.

            L'anonimato e' una indispensabile forma di difesa
            per poter esercitare liberamente i propri
            diritti.Il P2P NON è un diritto...
          • panda rossa scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa

            L'anonimato e' una indispensabile forma di
            difesa

            per poter esercitare liberamente i propri

            diritti.
            Il P2P NON è un diritto...Costituzione italianaArt.21Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione .Art. 15.La libertà e la segretezza della corrispondenza e di ogni altra forma di comunicazione sono inviolabili.
          • pippO scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: pippO

            - Scritto da: panda rossa



            L'anonimato e' una indispensabile forma di

            difesa


            per poter esercitare liberamente i propri


            diritti.

            Il P2P NON è un diritto...

            Costituzione italiana

            Art.21
            Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il
            proprio pensiero con la parola, lo scritto e
            ogni altro mezzo di
            diffusione .Lady gaga sarebbe un TUO pensiero? :D
          • krane scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: pippO
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: pippO


            - Scritto da: panda rossa



            L'anonimato e' una indispensabile forma



            di difesa per poter esercitare



            liberamente i propri diritti.


            Il P2P NON è un diritto...

            Costituzione italiana

            Art.21

            Tutti hanno diritto di manifestare liberamente

            il proprio pensiero con la parola, lo scritto

            e ogni altro mezzo di diffusione .
            Lady gaga sarebbe un TUO pensiero? :DSolo perche' a te piace quella roba gonfiata dalle major non e' detto debba piacere a tutti...
        • anony scrive:
          Re: Anonimato vs identita' segreta
          - Scritto da: Accordatore
          E' un po' come quello che ruba se nessuno lo
          vede: non lo rende ladro il fatto che nessuno lo
          veda, è un ladro e
          basta.ma non era l'occasione che fa l'uomo ladro?
    • MeX scrive:
      Re: Anonimato vs identita' segreta
      mah tanto zuzzurro l'abbiamo sgamato subito :D
    • lol scrive:
      Re: Anonimato vs identita' segreta
      In realtà puo' essere divertente in certi contesti essere "XXXXXXXXX" (ci sono posti dove ad esempio c'è un miscuglio di onestà intellettuale, sarcasmo e spunti utili, dovuto anche all'atteggiamento particolare dei partecipanti anonimi).Ps. divertente il tuo logo :D io metterei "no alla fissione, si alla fusione", dopotutto hai messo il simbolo del sole che di suo fa proprio fusione nucleare (e quindi elio come scorie). Si al nucleare, ma quello a fusione (e risolvi tutti i problemi, anche se ci vorranno anni).
      • panda rossa scrive:
        Re: Anonimato vs identita' segreta
        - Scritto da: lol
        Ps. divertente il tuo logo :D io metterei "no
        alla fissione, si alla fusione", dopotutto hai
        messo il simbolo del sole che di suo fa proprio
        fusione nucleare (e quindi elio come scorie).Tu non eri ancora nato quando ci fu il primo referendum sul nucleare in Italia, vero?Ed evidentemente non ti sei documentato abbastanza su che cosa venne deciso coi referendum del 1987.
        • Punto scrive:
          Re: Anonimato vs identita' segreta
          per l'esattezza nessuno dei tre quesiti al referendum era votato a vietare il nucleare:1) Volete che venga abrogata la norma che consente al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) di decidere sulla localizzazione delle centrali nel caso in cui gli enti locali non decidono entro tempi stabiliti? (la norma a cui si riferisce la domanda è quella riguardante "la procedura per la localizzazione delle centrali elettronucleari, la determinazione delle aree suscettibili di insediamento", previste dal 13° comma dell'articolo unico legge 10/1/1983 n.8) 2) Volete che venga abrogato il compenso ai comuni che ospitano centrali nucleari o a carbone? (la norma a cui si riferisce la domanda è quella riguardante "l'erogazione di contributi a favore dei comuni e delle regioni sedi di centrali alimentate con combustibili diversi dagli idrocarburi", previsti dai commi 1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,11,12 della citata legge) 3) Volete che venga abrogata la norma che consente allENEL (Ente Nazionale Energia Elettrica) di partecipare ad accordi internazionali per la costruzione e la gestione di centrali nucleari all'estero? (questa norma è contenuta in una legge molto più vecchia, e precisamente la N.856 del 1973, che modificava larticolo 1 della legge istitutiva dellENEL).All' atto pratico, con le tre domande si domandava di cancellare alcune disposizioni di legge concepite per rendere più facili e rapidi gli insediamenti.La scelte di abbandonare le l'uso e la costruzione di centrali nucleari, fu una scelta politica successiva e non obbligata dal referendum.
          • panda rossa scrive:
            Re: Anonimato vs identita' segreta
            - Scritto da: Punto
            per l'esattezza nessuno dei tre quesiti al
            referendum era votato a vietare il
            nucleare:Se il nucleare ti piace tanto, vai a comprare una bella villetta a Fukushima, con vista sulla centrale.Costano veramente poco, oggi.Ti trasferisci li' con la tua famiglia, per un paio d'anni.Poi quando tornerai qua, se tornerai, ci racconti di quanto e' bello e sicuro il nucleare.Io il nucleare NON LO VOGLIO!
    • bubba scrive:
      Re: Anonimato vs identita' segreta
      - Scritto da: panda rossa
      L'analisi del Mantellini e' ottima come al solito.

      Pero' secondo me trascura uno stato intermedio,
      quello dell'identita'
      segreta.

      Si contrappone l'identita' di FB con l'anonimato
      totale, mentre quelle figure citate dallo stesso
      Mantellini, che appartengono a quel nugulo di
      commentatori abituali di un certo blog, o forum,
      sono talvolta etichettabili come identita'
      segrete, ovvero individui perfettamente
      riconoscibili da un nick registrato nel
      blog/forum, ma che non e' riconducibile
      all'identita'
      reale.Mah#1) in verita' l'idea dell' "anonimato certificato" esiste... e piace anche alla RIAA e affini... chissa' come mai.Mah#2) secondo me Mantellini in realta' non trascura lo stato intermedio di "identita' segreta" in quanto e' perfettamente riconducibile a Facebook. Il fatto che una larga percentuale si registri con nome e cognome e metta la sua via e indirizzo, non implica che non si possa bellamente inventare i dati. Io sono stato "costretto" a iscrivermi a fakebook : dati tutti finti, interessi un po sballati, e ho 2 amici (aka non e' facile costruire la rete di conoscenti e interessi)...
  • dfghdhdfghg df scrive:
    non sequitur logico..
    tale è il ragionamento secondo il quale i commenti anonimi "riducono il valore informativo ed aumentano la confusione"; lo è perchè si basa sulla premessa che chi commenta da anonimo lo faccia necessariamente per scrivere fesserie o trollare.La suddetta premessa è ovviamente indimostrata e fatta passare per dogma.Il reale punto, a mio avviso, è che solo garantendo il post anonimo si può avere una reale idea di cosa pensa la gente perchè, sebbene alcuni dicano comunque quel che pensano mettendoci la propria faccia, la maggior parte delle persone di solito tende ad essere molto più politicamente corretta, nell'esprimere le proprie opinioni, di quanto non farebbe se fosse anonima.D'altra parte l'anonimato a garanzia di poter esprimere liberamente il proprio pensiero, senza che questo ci possa danneggiare, è gia garantito dalla maggior parte dei sistemi legali del mondo (in sede di voto ad esempio).Si noti bene che, l'idea che un commento non anonimo su internet ci possa danneggiare, è tutt'altro che paranoica; si pensi ad esempio ad un datore di lavoro che trovi in rete un commento politico/religioso/ecc.. di un suo dipendente e che tale commento sia antitetico al pensiero del datore di lavoro.
    • Concordator e scrive:
      Re: non sequitur logico..
      Concordo.La vera natura di una persona (e quindi quello che veramente pensa) si vede quando è libero dai giudizi degli altri. L'anonimato pone in questa condizione (più o meno).Se invece si desiderano i giudizi/commenti di persone che si comportino in maggior parte bene (principalmente per paura dei giudizi degli altri), allora l'anonimato è effettivamente un problema.
    • sxs scrive:
      Re: non sequitur logico..

      tutt'altro che paranoica; si pensi ad esempio ad
      un datore di lavoro che trovi in rete un commento
      politico/religioso/ecc.. di un suo dipendente e
      che tale commento sia antitetico al pensiero del
      datore di lavoro.Quoto!!!L'anonimato in rete e' importantissimo!Dobbiamo sepre pararci il kulo con delle maschereperche' se dici davvero come la pensi rischi sempreche qualcuno te la faccia pagare, almeno internetvogliamolo libero.
    • bubba scrive:
      Re: non sequitur logico..
      - Scritto da: dfghdhdfghg df
      tale è il ragionamento secondo il quale i
      commenti anonimi "riducono il valore informativo
      ed aumentano la confusione"; lo è perchè si basa
      sulla premessa che chi commenta da anonimo lo
      faccia necessariamente per scrivere fesserie o
      trollare.
      La suddetta premessa è ovviamente indimostrata e
      fatta passare per
      dogma.
      Il reale punto, a mio avviso, è che solo
      garantendo il post anonimo si può avere una reale
      idea di cosa pensa la gente perchè, sebbene
      alcuni dicano comunque quel che pensano
      mettendoci la propria faccia, la maggior parte
      delle persone di solito tende ad essere molto più
      politicamente corretta, nell'esprimere le proprie
      opinioni, di quanto non farebbe se fosse
      anonima.quoto abbastanza. Aggiungo due cose : L'"identita' unica" e' la manna per il profilatore perche vede bene cosa tu pensi,dici o fai in mille contesti diversi. Uno normalmente non parla e dice le stesse cose e nello stesso modo in birreria alle 2 di notte o in riunione in ufficio. Non e' mera questione di ipocrisia. Chi e' a conoscenza di queste problematiche, tenta di evitare il "superprofilatore" e ,magari non si registra o non si logga. Quindi non strettamente -nel mio caso- perche se no dovrebbe dire cose addomesticate, ma per rendere la vita difficile al superprofilatore.Altra cosa da notare: io come Mantellini non ho alcun problema a riguardo la "qualita'" del commentatore anonimo. Dal lato del gestore del servizio l'UNICO vero problema, in tal senso, lo vedo in quanto facilita i F0TTUTI SPAMMER.. gli stramaledetti omini del marketing selvaggio che postano m3Rda in automatico...
Chiudi i commenti