SUN: l'addio del CEO?

Oracle ha finalmente completato l'acquisizione di Sun e si appresta ad annunciarlo ufficialmente al mondo. Nel mentre, il management di Sun perde pezzi da novanta

Roma – Alcuni continuano a parlare di allarme rosso sul futuro di MySQL, ma l’acquisizione di Sun da parte di Oracle è oramai cosa fatta. Nei giorni scorsi l’Unione Europea aveva sciolto i suoi ultimi dubbi dando il via libera all’operazione, e Oracle annuncia ora di aver finalizzato l’acquisizione e di aver preparato una press conference trasmessa anche in webcast alle 18:00 ora italiana. Non tutti quelli di Sun, a ogni modo, sono felici di proseguire la propria avventura lavorativa con la nuova proprietà, e lo mettono nero su bianco nelle note finali indirizzate ai dipendenti prima di rassegnare le dimissioni.

L’acquisizione da parte di Oracle è sempre stata “una possibilità interessante”, dice ora il presidente, co-fondatore ed ex-CEO di Sun Scott McNealy, e Oracle stessa si dimostra più che ben disposta a continuare a investire sulle linee di server commercializzate da Sun anche se si prospettano licenziamenti per un numero non meglio specificato di dipendenti facenti capo a quest’ultima.

A chi le prospettive offerte da Oracle non vanno proprio bene, al punto da decidere di rassegnare le dimissioni e contemporaneamente a vergare parole di burro nei confronti degli impiegati Sun è il CEO Jonathan Schwartz. Già “Unix specialist” e presidente esecutivo dall’aprile del 2006, Schwartz dice di aver passato quasi trent’anni in compagnia delle migliori menti tecnologiche che la Silicon Valley americana abbia mai avuto offrire .

Orgoglioso e soddisfatto di far parte di questa realtà lavorativa, che tanto ha fatto per l’innovazione nel settore tecnologico enterprise, Schwartz concede a Oracle le stesse qualità iperboliche di unicità e successo assicurato con un solo distinguo, vale a dire che d’ora in poi chi prima lavorava per Sun dovrà abituarsi a pensare che “Sun è un marchio, Oracle è la mia azienda”.

“Sun è un marchio, Oracle è la mia azienda” Schwartz lo ripete due volte per rafforzare il concetto e consiglia a chi rimane di “non cercare di preservare o indugiare nei vecchi modi in cui eravamo abituati a lavorare”. Occorrerà guardare avanti nell’assistenza al cliente, nella crescita di mercato e nel miglioramento delle performance commerciali di Oracle, dice ancora Schwartz, performance che andranno certamente “oltre le aspettative” ma a cui il CEO di Sun fa chiaramente intendere di non voler partecipare .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gianma scrive:
    vecchi concetti
    credo che il ragionamento del professore non sia sbagliato in sé ma piuttosto continui a esistere in un mondo che il web nella sua forma più pura ha annientato, che lo si voglia o no: il copyright. se iniziassimo a uscire fuori da questa logica, a mio avviso ormai sorpassata, credo che il problema posto da Lessig smetterebbe automaticamente di esistere, nonostante BigG.
  • panda rossa scrive:
    Ma vieteranno di vendere libri?
    Io non ho mica capito: ho letto e riletto l'articolo e non ho trovato dove dice che sara' vietato vendere i libri.Quindi quello scenario che ogni studente potra' accedere solo al 20% di un contenuto digitale, in che misura affosserebbe la cultura?
Chiudi i commenti