P2P? Autodenuncia di massa

La propone un lettore che analizza la progressiva riduzione delle libertà digitali e il lungo lavorio con cui si vanno vanificando le promesse rivoluzionarie di Internet. Gli utenti? E' ora che si mettano in gioco


Roma – Fino a solo pochi anni fa, guardavamo con eccitazione alle allora incredibili possibilità del mondo della comunicazione. Telegiornali e rotocalchi televisivi predicevano una connettività globale capace non soltanto di semplificare e velocizzare all’inverosimile lo spostamento fisico delle informazioni, ma anche di avvicinare culture diverse e di ampliare le possibilità di crescita personale tramite il libero scambio di idee, di concetti, di emozioni e di creatività. Insomma si pensava ad una rivoluzione culturale intesa non come lo smantellamento di idee e ideologie preesistenti, ma come la possibilità, tendente all’infinito, della divulgazione di idee e ideologie.

Facendo il punto oggi, mi chiedo, dove siamo arrivati? Ad una guerra. Epocale.

La libertà che si diceva insita nella rete non sembra più così scontata e ovvia. Al contrario si può affermare con una certa tranquillità che sia in pericolo. Gli operatori dell’IT a tutti i livelli, dai produttori hardware agli sviluppatori software, dai fornitori di connettività a quelli di fonia, dai governi alle unioni fra stati sembrano avere un unica parola d’ordine: protezione.

Cosa c’è da proteggere?

Con le potenzialità di una diffusa connettività ci si poteva immaginare una corsa all’innovazione per sfruttarne le potenzialità a livello di creatività e di contenuti, non certo una ricerca costante dell’impedimento tecnico nell’uso della stessa. Ed invece le notizie che leggiamo ogni giorno sono sconfortanti. Invece di offrirci novità, gli operatori ci offrono gli stessi prodotti e servizi di sempre con il tentativo onnipresente di limitarne l’uso non a seconda delle nostre necessità, ma dei loro profitti imprenditoriali.

La RIAA americana che ha messo in piedi una campagna terroristico-legale contro studenti e casalinghe per il download illecito di pochi brani musicali, gli internet provider che con tecniche di retaining furioso che preferiscono lasciare gli utenti senza connessione mesi pur di scoraggiare il passaggio alla competizione, gli operatori di telefonia che bloccano i cellulari e gli operatori UMTS che invece di offrirci i vantaggi della banda larga mobile come ci si aspettava, ci costringono a navigare (velocemente, per carità) nel catalogo online dei loro servizi a pagamento.

Ed ancora: il nuovo Windows Vista 64 bit che non permette l’installazione di driver non firmati, (ma non era mio il computer?) i sistemi DRM grazie ai quali l’utente inesperto non riesce neanche a trasferire gli mp3 registrati col suo gruppo in cantina dal portatile al computer di casa, addetti alla sicurezza nei cinema che chiedono di ispezionare il contenuti di zaini (mica alla ricerca di bombe, ma di telecamere), bozze di legge che bandiscono lo sviluppo di prodotti che potrebbero essere usati per scopi illegali.
Fra i casi più agghiaccianti c’è quello dei server P2P “civetta”, che sembrano normali server per lo scambio di file, ed invece raccolgono informazioni sugli utenti, utili per far partire denunce. Un po’ come aprire copisterie per poi denunciare chi fotocopia i libri.

Insomma appare chiaro che gli operatori vedono gli utenti come nemici del profitto e come tali devono essere controllati, limitati, terrorizzati e soprattutto spremuti fino all’ultima goccia.
E’ arrivato, credo, il momento di una risposta altrettanto forte e decisa, che faccia capire chiaramente che no, a noi non va bene così. Per niente. Siamo stanchi di dover tribolare per trovare rimedi alle limitazioni dei prodotti che abbiamo comprato e possediamo, stanchi di essere trattati come criminali, stanchi di essere litigati a nostre spese se scegliamo questo servizio o quell’altro.

E allora mi è venuta un idea. Ammettiamo tutto. Costituiamoci in massa alle autorità. “Confesso, ho scaricato materiale protetto da copyright, ho aggirato protezioni, ho sbloccato telefoni e anche in questo momento il mio Pc a casa continua a commettere reati su qualche server P2P. Confesso inoltre la mia intenzione a reiterare i reati commessi anche in futuro, riservandomi la possibilità di sfruttare qualsiasi nuova tecnologia per commetterne di nuovi.”

Questo diremo al funzionario della polizia postale in decine di migliaia.
Così facendo o verremo arrestati tutti, o qualcuno capirà che non siamo disposti a cambiare la nostra concezione della comunicazione per i capricci delle multinazionali.

Forse, così, questa stupida ed inutile guerra finirà.

Stefano Maccari

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ufo1 scrive:
    Nè contro, nè pro
    Che tutto sia caro è basato sul ns. ragionamento e giudizio di cosa abbia valore.Se uno si sciroppa tutti i titoli di coda di un film, può osservare (annoiato), quante persone vi sono citate. Un film di certe entità viene prodotto in anni di lavoro (tranne alcune pappette italiana fatte in serie in qualche mese).Moltiplicate per ogni individuo la paga corrisposta. Fate voi il prezzo, tenete conto che lavorare per un film in una posizione tale da apparire sui titoli di coda il compenso dovrebbe avere una motivazione.Metteteci dentro un tot di persone non elencate che comunemente vengono impiegate. (sguatteri, aiuto cuochi, elettricisti e così via).Aggiungeteci materiali e tecnologie. non dimenticate promo, marketing e cose del genere.Alla fine, avrete un'idea sul costo del progetto.Certo che in base a questo i bottegai vogliono avere un ritorno sostanzioso. Certo che i pesci grossi pappano la parte più appetitosa. Sono d'accordo che le cifre escono dalla nostra realtà corrente.Per chi produce, somme di certa entità paiono normali. Il nostro senso di misura non arriva a certe quote. Sebbene possiamo immaginare una montagna di denaro, in genere non ne abbiamo mai realmente gestito tale entità. Un po' come per noi quando sentiamo ragazzini che discutono sul costo settimanale delle figurine e ci facciamo un sorriso mentre per loro è un concreto problema.Non è che abbiamo un tantinino d'invidia? Costa troppo? Non comperiamolo. Ma pretendere che sia lecito e "ganzo" avere una copia non ufficiale, bhe...Ma poi, cose avute in questo modo, non finiscono forse nel dimenticatoio? Usate solo per moda e per fare "figo"? Chi le raccoglie davvero, spende un bel po' per averli originali. Nella mia casa posseggo più di un centinaio di DVD originali! Non nego che mi sia stato dato un film "usa e getta", ma la sua qualità e la sua forma , stonavano fra gli altri. ora non m'interessano e rifiuto anche di averli in omaggio da amici e conoscenti. Nel tempo uno si rende conto dell'inutilità dei film, ma visto che spende per averli, non li compra più. E se compra, prima s'informa ben bene per vie ufficiali. L'idea di un film tramite una copia di esso, magari fatta male è come chi pretende di conoscere le balene perchè è stato al mare e ha letto qualche libro.La richiesta di danni forse è esagerata, la pena forse tropo severa. Ma il gusto di avere le cose per vantarsi di averlo ancora di più.E non venetimi a dire che era solo per uso personale. Se così fosse stato, nessuno lo avrebbe saputo!==================================Modificato dall'autore il 27/01/2006 20.58.54
    • Anonimo scrive:
      Re: Nè contro, nè pro
      Quoto tutto quanto!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Nè contro, nè pro
      Mi spiace x l'elettricista e l'aiuto sguattero ma io vado al cine perchè il film mi è stato pubblicizzato in maniera positiva. Se poi non corrisponde a quanto promesso perchè il produttore non aveva di meglio da scegliere tra le varie possibilità allora sono stato truffato e visto che come dici noi non siamo abituati a gestire una montagna di soldi ho diritto a tutelarmi. Il film è un terribile horror più terrificante di x paragonabile solo a y ? Benissimo me lo visiono con calma e se merita me lo rivedo regolarmente altrimenti pipa
  • Anonimo scrive:
    ..ma io mi chiedo..
    Il biglietto al cinema costa troppo, ok non ci vado...ma perchè dovete vederlo per forza sto dannato film???Troppo bello dire costa troppo lo prendo tarocco...con un po di coerenza "costa troppo, non lo compro!"...ma visto che i prezzi non scendono significa che siamo in minoranza noi che diciamo "costa troppo!", quindi invece che prendersela con quei maiali delle major dovremmo prendercela con chi spende in tranquillità 22 euro per un CD audio o 8 euro per vedersi un film al cinema senza battere ciglio....visto che son loro che tengono i prezzi alti...(e poi in maggioranza son quelli che dicono di non arrivare alla fine del mese)...non funzionava così il mercato??
    • Anonimo scrive:
      Re: ..ma io mi chiedo..
      Comincia te a metterti fuori da Ricordi armato di randello pronto a colpire tutti quelli che escono con qualcosa
  • Anonimo scrive:
    Pistolotto filosofico
    Una società civile (sic!) che prevede la GALERA per reati del genere è alla frutta.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pistolotto filosofico
      per non parlare di quei paesi civili in cui qualcuno vuole ancora instaurare il comunismo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pistolotto filosofico
      - Scritto da: Anonimo
      Una società civile (sic!) che prevede la GALERA
      per reati del genere è alla frutta.MI immagino quando gli chiederanno:tu che grave crimine hai commesso per finire un anno in galera?Sigh, ho copiato un dvd
      • Anonimo scrive:
        Re: Pistolotto filosofico
        Così gli altri detenuti lo meneranno perchè colpevole di non essersi fatto furbo.Non è questione di rubare o meno ma quanto ! Rubare di più !
  • Anonimo scrive:
    cioè, dico, 849 millllllioni ?!!
    e si lamentano e se la prendono con questi criminali bastardi?!! Assassini, come osate avere "profitto" di 7-8 dollari ciascuno? ci dovete una 60ina di dollari, e ora dovete andare in prigione!!! diciamo pure che non ci si accontenta mai, poverini, forse non hanno potuto comprare la ferrari che volevano ma solo quella lamborghini scrausa?!
    • Anonimo scrive:
      Re: cioè, dico, 849 millllllioni ?!!

      poverini, forse non hanno potuto comprare la
      ferrari che volevano ma solo quella lamborghini
      scrausa?! Credo che la mitica Lambo costi di più...
  • Anonimo scrive:
    TROPPO GIUSTO!
    combattendo la pirateria avremmo dvd e cd musicali meno cari!
    • Anonimo scrive:
      Re: TROPPO GIUSTO!
      LOL
    • Anonimo scrive:
      Re: TROPPO GIUSTO!
      beato te che ci credi!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: TROPPO GIUSTO!
        ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah (troll3)un pirata denza bottino e' come un linaro senza un kernel da compilare...ah ah ah il DRM vi stendera' tutti e due
        • Anonimo scrive:
          Re: TROPPO GIUSTO!
          - Scritto da: Anonimo
          ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah (troll3)

          un pirata denza bottino e' come un linaro senza
          un kernel da compilare...ah ah ah il DRM vi
          stendera' tutti e dueMa LOL! Qualcuno mi spiega perchè verranno stesi tutti e due?? E poi chi ? A) Il pirata ed il bottino?B) Il pirata ed il linario?C)Il pirata ed il kernel?D)Il linario ed il bottino?E) Il linario ed il kernel?F) Il botino ed il kernel?Ai posteri l'adua sentenza...Ciaoz
          • Anonimo scrive:
            Re: TROPPO GIUSTO--parte SECONDA--

            Ma LOL! Qualcuno mi spiega perchè verranno stesi
            tutti e due?? E poi chi ? AH AH AH AH tra una risata e 'altra cerckero' di risponderti...(troll2)ah ah ah ah ah (troll2)
            A) Il pirata ed il bottino? Ki ha film pirata e il film pirata (bottino)
            B) Il pirata ed il linario?molti pirati sono linari
            C)Il pirata ed il kernel?il kernel e' una versione lontanamente piratata del kernel unix
            D)Il linario ed il bottino?il linaro non puo' piu' copilare il kernel cioe' il suo bottino e bneanche copiare dvd a causa del drm
            E) Il linario ed il kernel?vedi prima
            F) Il botino ed il kernel?(troll2)i dvd non si potranno piu' copiare e il kernel neancke compilare....pirati e linari senz pane per il loro dentiah ah ah ah ah ah ah aha h (troll2)KI HA VINTO SONO LE MULTINAZIONALI CHE HANNO REALIZZATO TCPA E LO INSTALLARANNO SU TUTTE LE MACCHINE E PERIFERICHE....SIA I LINARI KE I PIRATI SONO SPACCIATI(troll2)
      • Anonimo scrive:
        Re: TROPPO GIUSTO!
        mi sembrava um commento ironico (almeno spero :s )
    • Anonimo scrive:
      Re: TROPPO GIUSTO!
      Come no ! Come nel '93-'94, quando i primi giochi su CD - non copiabili da parte della grande massa degli utenti - costavano tutti oltre le 100.000 lire, molto di più dei titoli su floppies !Ciao,Piwi
      • Anonimo scrive:
        Re: TROPPO GIUSTO!
        bei tempi......le case di software avevano potezioni tipo digita la terza parola dell'ultima riga di pagine 33 del manuale d'isrtuzioni...altro che tcpa...altro che mod chip....
    • Anonimo scrive:
      Re: TROPPO GIUSTO!
      - Scritto da: Anonimo
      combattendo la pirateria avremmo dvd e cd
      musicali meno cari!quoto in pieno, anche io sono con la RIIA, stanno facendo il possibile per stroncare la pirateria in modo da fornirci prodotti migliori a prezzi più convenienti
      • Anonimo scrive:
        Re: TROPPO GIUSTO!
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo
        quoto in pieno, anche io sono con la RIIA, stanno
        facendo il possibile per stroncare la pirateria
        in modo da fornirci prodotti migliori a prezzi
        più convenientiSi sono daccordo, speriamo solo che li rendano anche piu' sicuri, e censurabili.....a me le scene di nudo danno fastidio.Anzi speriamo che le eliminino per legge.E poi fanno girare l' economia
      • Anonimo scrive:
        Re: TROPPO GIUSTO!

        quoto in pieno, anche io sono con la RIIA, stanno
        facendo il possibile per stroncare la pirateria
        in modo da fornirci prodotti migliori a prezzi
        più convenientiCavolo, uno il diritto di essere stupido c'è l'ha pure. Ma tu te ne stai approffittando.
  • Anonimo scrive:
    mi chiedo perchè non si accontentano mai
    Difficile dire se gli otto hanno fatto danni: il film di George Lucas di cui possedevano una copia, infatti, ha incassato qualcosa come 849 milioni di dollari in tutto il mondo, al netto di DVD, videogiochi o merchandise....io mi chiedo perchè a questo mondo la gente non si accontenta!!!! gia se incassano 10...20 milionidovrebbero essere felici!!! ma 849 milioni....
    • Anonimo scrive:
      Re: mi chiedo perchè non si accontentano
      Beh, ma mettiti nei panni di quelli che si vedono arrivare 849 milioni anzichè 850 e che cazzo è una seccatura. Mi incazzerei anche io. Penso che al loro posto andrei a chiedere un milione di risarcimento.
    • Anonimo scrive:
      Re: mi chiedo perchè non si accontentano
      - Scritto da: Anonimo
      Difficile dire se gli otto hanno fatto danni: il
      film di George Lucas di cui possedevano una
      copia, infatti, ha incassato qualcosa come 849
      milioni di dollari in tutto il mondo, al netto di
      DVD, videogiochi o merchandise....


      io mi chiedo perchè a questo mondo la gente non
      si accontenta!!!! gia se incassano 10...20
      milionidovrebbero essere felici!!! ma 849
      milioni....be...oddio...con quello che gli è costato il film, se si accontentano di 10 o 20 mil. fossi il loro mi sparerei.
    • Anonimo scrive:
      Re: mi chiedo perchè non si accontentano
      - Scritto da: Anonimo
      io mi chiedo perchè a questo mondo la gente non
      si accontenta!!!! io mi chiedo perche' non si sono accontentati solo di vedere il film in anteprima...che motivo c'era di metterlo in condivisione?
      • Pisky scrive:
        Re: mi chiedo perchè non si accontentano

        io mi chiedo perche' non si sono accontentati
        solo di vedere il film in anteprima...
        che motivo c'era di metterlo in condivisione?Hai ragione, ma forse non pensavano di intaccare molto i guadagni di Lucas (come in effetti è stato).
        • Anonimo scrive:
          Re: mi chiedo perchè non si accontentano
          - Scritto da: Pisky

          io mi chiedo perche' non si sono accontentati

          solo di vedere il film in anteprima...

          che motivo c'era di metterlo in condivisione?la legge e' fatta da uomini che possono sbagliare, se sono onesti, se non lo sono ...
          Hai ragione, ma forse non pensavano di intaccare
          molto i guadagni di Lucas (come in effetti è
          stato).e come lo sarebbe stato con qualunque altro film, non a caso quelli piu' scaricati sono anche quelli di maggior successo nelle sale, se un film non viene messo in condivisione da nessuno puoi star certo che non e' stato visto neanche a pagamento. Una cosa diabolicamente efficace sarebbe distribuire dei servizi corposi sul film prima che questo esca e metterli in condivisione, stimolerebbe l'appetito di molti.
          • Anonimo scrive:
            Esagerazione x la galera
            Ciao,Ma che cavolo ...e se uno non ha tutti quei soldi deve andare in galera per un simile fatto..... :| ...si si il copyright...si si tutto quello che vuoi....ma pure 250.000$ sono bei soldoni presi da un cittadino qualsiasi certo se mi parli di organizzazione è differente.W.
    • Anonimo scrive:
      Re: mi chiedo perchè non si accontentano
      mi hai preceduto nel post! lol
Chiudi i commenti