P2P, chi ne parla male muore

Un musicista australiano si sente diffamato: le sue dichiarazioni sono state affiancate a quelle di musicisti che condannano il file sharing. Ma - dice - sono dichiarazioni estorte dall'industria della musica

Roma – Schierarsi contro la pirateria e il peer-to-peer, lamentare l’atteggiamento scorretto del pubblico non paga: è uno stigma indelebile per gli artisti, è un modo di inimicarsi il pubblico, di attirarsi le ire dei fan. Coinvolto in un video destinato alla formazione dei giovani consumatori di musica australiani, un artista locale ritira le proprie dichiarazioni: accusa l’industria di averlo ingannato e diffamato, di aver ricontestualizzato le proprie parole lasciando sottintendere il proprio appoggio alla lotta al file sharing.

Lindsay McDougall Scoraggiare il file sharing con un video da distribuire nelle scuole è una crociata nella quale Lindsay McDougall, chitarrista della punk band australiana Frenzal Rhomb , non si sente coinvolto. Compare in un video di dieci minuti prodotto dall’industria della musica australiana e dal suo braccio armato Music Industry Piracy Investigations ( MIPI ), una clip distribuita nelle scuole per educare i giovani alla cultura della musica legale, un video ospitato anche da Pro-Music, finestra web dell’industria della musica che raccoglie le voci degli artisti oppressi dal “comportamento irresponsabile” di certi netizen.

McDougall racconta della vita dura degli artisti ma non è disposto a figurare come testimonial dell’industria: ritiene che il video, che affronta argomenti quali la tecnologia nel futuro della musica e del lavoro degli artisti, sia parte di una caccia alle streghe alla quale non è disposto a partecipare. Credeva di dover raccontare ai ragazzi come sopravvive un artista, ma non avrebbe dato il proprio contributo se avesse saputo che le sue parole sarebbero state affiancate alla voce di coloro che condannano la pirateria.

“Non mi sono mai schierato contro la pirateria e contro l’illegalità dei download e mai lo farò” ha spiegato furente McDougall al Sydney Morning Herald : “Non lascerò che il mio nome compaia in un’iniziativa contro il download e la pirateria”. Sono parole a cui Sabiene Heindl, a capo della campagna, ha replicato spiegando che la clip non affronta la questione del consumo legale di musica se non in maniera tangenziale : a McDougall non sono state estorte delle dichiarazioni con l’inganno, semplicemente ciascuno ha la propria opinione e qualche artista ha desiderato esprimersi in materia di file sharing.

McDougall ha anticipato che non sporgerà alcuna denuncia nonostante le sue parole siano state snaturate ed inserite in un contesto che non approva: il musicista ritiene “che l’opinione che le persone hanno di me sia ormai cambiata”, che ormai la sua immagine presso il giovane pubblico dei suoi fan sia stata compromessa da dichiarazioni neutre collocate in un contesto impopolare . Nel frattempo la sua testimonianza è stata rimossa dalla clip promozionale e la sua offensiva contro il progetto educativo di MIPI ha trovato spazio in rete: netizen e consumatori di musica potranno tornare a credere che McDougall non aderirà ad alcun “tentativo di scoraggiare il download illegale finanziato dalla grande industria”. “Certo non sono come il batterista dei Metallica Lars Ulrich”, ha tenuto a precisare.

Ma anche i Metallica, che in passato si sono dimostrati attivi alfieri del business della musica tradizionale e hanno contribuito in modo decisivo alla chiusura di Napster, sembrano ora inclini a rivedere certe strategie. È recente la dichiarazione della band, che assicura di aver osservato da vicino le iniziative di Radiohead e di Nine Inch Nails e che ha lasciato intendere di meditare qualcosa di analogo, una volta sganciati dal contratto con Warner. Ma l’azione della band contro la pirateria è stata troppo massiccia, lo stigma indelebile: i fan non sembrano disposti a perdonare.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tizio Incognito scrive:
    Cip & Ciop VS Robocop
    Chi vincerà?(newbie)(troll3)
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Cip & Ciop VS Robocop
      - Scritto da: Tizio Incognito
      Chi vincerà?
      (newbie)

      (troll3) Secondo me Cip & Ciop, Robocop, senza molta fatica, lo fanno uscire pazzo come Paperino! (idea) :D
  • ogrish forum scrive:
    CHE SCHIFO DI TEMPI!
    Leggere queste cose mi fa venire il vomito.Si arriva a giocare in questo modo con la vita e con la coscienza.. che schifo, che vergogna, ho la nausea!
  • Funz scrive:
    Paragone interessante
    "Che sia un gruppo di scoiattoli in un campo o di umani in un centro commerciale, ci sono principi di comportamento generali che sembrano valicare i confini di specie"Ovvero: i consumatori dentro un supermercato sono come le cavie dentro un labirinto.In effetti stimoli e "ricompense" per fargli seguire certi percorsi e soffermarsi in certi punti sono abbondanti.Manca solo la scossa elettrica per quelli che incautamente si avvicinano alla cassa col carrello non abbastanza pieno :p
  • Bastard Inside scrive:
    Intravedo usi rivoluzionari...
    ... Per esempio potrebbero essere coprotagonisti di un nuovo finto documentario sui Finlandesi nelle pubblicità del Vivident Xylit! (idea) O) :D
    • Bastard Inside scrive:
      Re: Intravedo usi rivoluzionari...
      - Scritto da: Bastard Inside
      ... Per esempio potrebbero essere coprotagonisti
      di un nuovo finto documentario sui Finlandesi
      nelle pubblicità del Vivident Xylit!

      (idea) O) :DDannati rosicchiatori di betulle, fanno più danni delle nutrie!!! :o :| :s :p
  • chojin scrive:
    Spreco di soldi, ricerche spettacolo...
    .. ridicoli. Gli scoiattoli si fanno quattro risate a giocare con i costosi giocattoloni. Questi pseudo-scienziati credono davvero che lo scoiattolo o un altro animale si tanto stupido? Non è molto tempo che sono apparse notizie di casi di gatti in Russia che parlano russo... e di un elefante in un paese asiatico che parla la lingua umana... Quindi? Le cose non sono ciò che sembrano e gli animali non sono così idioti come si vuole far credere e come gli animali stessi volutamente vogliono apparire...
    • nome cognome scrive:
      Re: Spreco di soldi, ricerche spettacolo...
      si.. e c'era la marmotta che incartava la cioccolata. (rotfl)
    • lellykelly scrive:
      Re: Spreco di soldi, ricerche spettacolo...
      tutte le cose apparentemente stupide della scenza hanno una seconda possibilità
  • marietto2008 scrive:
    deduzione logica.
    gli scoiattoli veri non distinguono quelli sintetici : interessante,fa capire che il loro cervello prende in considerazione solo alcuni aspetti del loro essere.
    • lellykelly scrive:
      Re: deduzione logica.
      e i tori? e gli asini? e i cavalli? come li fanno a riprodurre negli allevamenti? alla vecchia maniera?
    • Guido Angeli scrive:
      Re: deduzione logica.
      - Scritto da: marietto2008
      gli scoiattoli veri non distinguono quelli
      sintetici : interessante,fa capire che il loro
      cervello prende in considerazione solo alcuni
      aspetti del loro
      essere.Non penso sia questo il significato da trarre dall'esperimento.Gli animali "ragionano" in maniera più istintiva di noi, ti faccio un esempio:io ti faccio un emoticon, : ) e tu ci vedi in quei due punti e una bocca, un sorriso, e inconsciamente e istintivamente ti predisponi in un'ottica positiva, come se ti avessero sorriso. Ovviamente tutto questo effetto è molto debole e mediato da altre considerazioni come quelle che i significanti sono dei semplici segni di interpunzione e che la mente umana è predisposta a riconoscere schemi preesistenti e prericonosciuti in ciò che vede, a costo di "forzare" certe immagini.allo stesso modo reagisce uno scoiattolo che vede la cosa agitarsi in un certo modo, ma non ha il superstrato intellettuale abbastanza sviluppato e/o potente da fargli intendere che potrebbe benissimo essere una simbologia astratta ed eventualmente anche poco rassomigliante con i suoi canoni comunicativi.Invece a quanto pare tende a riconoscere il gesto e a interpretarlo come gli suggerisce l'istinto.ergo: gli animali non "parlano", il loro modo di esprimersi è più simile semmai al nostro modo di gesticolare, di fare espressioni facciali, di brontolare o gemere o ridere o piangere: tutte cose che facciamo quotidianamente in maniera istintiva e per lo più incontrollata. Lo studio verte su questo linguaggio.e come postilla se uno/a è riuscito a diventare scienziato/a e a farsi finanziare qualche ricerca, tanto coglione non deve essere, no? ;)
      • marietto2008 scrive:
        Re: deduzione logica.
        penso di aver capito : il loro linguaggio e' non verbale,quel linguaggio che noi usiamo senza nemmeno accorgercene. Penso che dovremmo imparare a capirlo,perche' e' importante. grazie della tua esauriente spiegazione.
        • Guido Angeli scrive:
          Re: deduzione logica.
          - Scritto da: marietto2008
          penso di aver capito : il loro linguaggio e' non
          verbale,quel linguaggio che noi usiamo senza
          nemmeno accorgercene. Penso che dovremmo imparare
          a capirlo,perche' e' importante. grazie della tua
          esauriente
          spiegazione.ti suggerisco un evergreen, "l'anello di re salomone", di konrad lorenz!
          • marietto2008 scrive:
            Re: deduzione logica.
            senti,mi intrighi come persona,se vuoi possiamo approfondire l'amicizia,hai msn ?
          • Guido Angeli scrive:
            Re: deduzione logica.
            - Scritto da: marietto2008
            senti,mi intrighi come persona,se vuoi possiamo
            approfondire l'amicizia,hai msn
            ?vieni sul forumdeitroll e fai prima!
          • marietto2008 scrive:
            Re: deduzione logica.
            cos'e' forumdeitroll e dove si trova ?
          • Guido Angeli scrive:
            Re: deduzione logica.
            - Scritto da: marietto2008
            cos'e' forumdeitroll e dove si trova ?www.forumdeitroll.it
Chiudi i commenti