P2P, la Corte Suprema soccorrerà le major?

Industria, associazioni di settore, artisti e altri chiedono alla Corte Suprema di ribaltare la sentenza Betamax che ha messo in salvo Grokster e Morpheus. Ultimo tentativo di colpire le softwarehouse


Washington (USA) – Una partita importante quella che si sta giocando nella capitale americana in queste ore, una partita che potrebbe determinare il futuro del software peer-to-peer o, quantomeno, delle aziende che lo producono.

Una coalizione di diversi soggetti, tra cui industriali, discografici, artisti e attivisti, ha chiesto alla Corte Suprema di occuparsi del caso che contrappone le major ai produttori di Grokster e Morpheus, due dei più celebri programmi di peering. Come noto, infatti, tanto in primo grado quanto in appello le tesi delle softwarehouse del P2P hanno prevalso .

Trenta diverse associazioni professionali legate alla proprietà intellettuale, alcuni jukebox musicali in rete, una manciata di artisti e soprattutto gli uffici di 40 procuratori generali statunitensi hanno rivolto alla Corte Suprema un invito a riesaminare il caso .

Come noto, tutto verte attorno al fatto che i giudici hanno fin qui stabilito che i produttori di software P2P non possono essere considerati responsabili del fatto che i propri programmi, utilizzabili con finalità perfettamente legali, siano spesso utilizzati in modo illegale dagli utenti. Una tesi portata avanti con forza dai legali delle imprese coinvolte che si sono richiamate, e così anche i giudici, alla cosiddetta difesa Betamax , che si rifà ad una antica vicenda giudiziaria in cui Sony potè sostenere di non essere responsabile per l’eventuale abuso dei suoi videoregistratori da parte dei clienti.

Va detto, però, che in replica ai documenti presentati da artisti, produttori e distributori, varie note sono arrivate alla Corte anche dalle imprese coinvolte, sostenute nella loro battaglia da Electronic Frontier Foundation . Come StreamCast Networks, la “mamma” di Morpheus, che ha ricordato come proporre un riesame del caso dinanzi alla Corte è pressoché inutile visto che già oggi il Congresso sta lavorando sulla legalità del P2P con proposte normative come il cosiddetto Induce Act . Secondo StreamCast un giudizio della Corte oggi potrebbe svuotare di significato il processo legislativo e sostituirsi ad esso.

Prima che la Corte decida se esaminare il caso è probabile che passino molti mesi, periodo nel quale anche il destino dell’Induce Act dovrebbe diventare chiaro.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Carolina Figini scrive:
    diritti
    scusate, non ho detto niente per tanto tempo perché non so di che cosa discutiate, ma non penso sia giusto che sotto il nome di una persona che ha prestato ore di volontariato pro vittime dello tsunami e pro diritti e affetti dell'infanzia appaia un lungo thread sulla pedopornografia. Carolina Figini
  • carolina3 scrive:
    Nuove iniziative pro infanzia
    Buongiorno,ho il piacere di farvi conoscere alcune iniziative a favore dei bambini, adesso incentrate anche molto sul problema tsunami (in India dove sono presenti volontari dell'associazione)...ABChildren Charity Onlus www.abchildren.org ... per aiutare nei luoghi del disastro...... per aiutare da qui... ... per conoscere l'associazione...... per sostenere le sue iniziative... ... per scrivere nel forum... Insomma, per qualsiasi informazione veniteci a trovare!In fede,Carolina Figini
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e strupri
    - Scritto da: Anonimo

    Leggo molte arrampicate sui vetri,

    soprattutto da parte tua, sulla libera

    espressione della sessualita'
    infantile, sui

    bambini che VOGLIONO avere un rapporto

    sessuale e via elencando.

    Esiste una violenza psicologica che e'

    altrettanto dannosa di quella fisica, e'

    questo che sfugge ed e' quella che viene

    giustificata.

    La violenza psicologica è quella che
    fanno quelli come te cercando di inculcare a
    forza dei concetti morali che hanno come
    solo scopo la colpevolizzazione del piacere.Ma ROTFL. Infatti abbiamo un adulto che si presuppone in grado di ragionare e con una personalita' costituita. Dall'altra un bambino che non ha neppure definito l'orientamento sessuale.Chissa' come mai ho idea che i rapporti di forza non siano alla pari.Ma deve essere colpa della violenza psicologica subita per cui, secondo me, un adulto ed un bambino hanno livelli di evoluzione e maturita' diversi.Bizzarra questa cosa.
    Se un bambino prova piacere io gli dico
    bravo,
    tu invece gli dici che stà
    sbagliando e che "finirà all'inferno"
    (per usare un'espressione chiara, non dico
    che sia quello che gli diresti realmente, ma
    alla fine il concetto è quello)
    perchè la lussuria è un
    peccato capitale.
    Chi stà facendo violenza al bambino?Sia tu che chi gli dice che andra' all'inferno state esercitando la stessa violenza.Pensate di agire nel nome del bene del bambino per imporre la VOSTRA visione.


    Se si tratta di violenza.
    Altrimenti


    è un rapporto sessuale

    consenziente


    come posso averne io, te, e gli
    altri


    partecipanti (presumo più
    che

    adulti)


    di questo forum.Esticazzi non lo mettiamo ?

    Un rapporto sessuale CONSENZIENTE con un

    bambino non esiste.

    perchè il bambino non ha cervello, ho
    capito giusto???Fattene una ragione: il bambino ha una sessualita' diversa dalla tua.

    E' fantasia pura,

    giustificazione creata da adulti che

    vogliono darsi un alibi per farsi i
    cazzi

    loro.

    La fantasia è dire che i bambini non
    possano provare piacere o non possano dare
    il loro consenso.Aridaje. Avanti cosi' e i pedofili diventano dei benefattori. Occazzo.Continuano a blaterare di questo famoso consenso ma ti spiegassero come si forma a parte le stronzate sulla colpevolizzazione.
    Inoltre spiegami perchè per avere dei
    rapporti sessuali c'è bisogno di un
    livello di maturità, di volere o di
    stato fisico particolari? A mio avviso basta
    la capacità di provare piacere, tutto
    il resto non ha importanza.SCUSA?????????? Non ci posso credere.Non c'e' bisogno di un livello di maturita' ? E come cazzo fai a dire cosa vuoi se non hai un minimo livello di maturita' ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e strupri (1)
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo




      Leggo molte arrampicate sui vetri,


      soprattutto da parte tua, sulla
      libera


      espressione della sessualita'

      infantile, sui


      bambini che VOGLIONO avere un
      rapporto


      sessuale e via elencando.


      Esiste una violenza psicologica
      che e'


      altrettanto dannosa di quella
      fisica, e'


      questo che sfugge ed e' quella che
      viene


      giustificata.



      La violenza psicologica è quella
      che

      fanno quelli come te cercando di
      inculcare a

      forza dei concetti morali che hanno come

      solo scopo la colpevolizzazione del
      piacere.

      Ma ROTFL. Infatti abbiamo un adulto che si
      presuppone in grado di ragionare e con una
      personalita' costituita. Dall'altra un
      bambino che non ha neppure definito
      l'orientamento sessuale.
      Chissa' come mai ho idea che i rapporti di
      forza non siano alla pari.
      Ma deve essere colpa della violenza
      psicologica subita per cui, secondo me, un
      adulto ed un bambino hanno livelli di
      evoluzione e maturita' diversi.
      Bizzarra questa cosa.L'orientamento sessuale matura con l'individuo, ma la maturazione si effettua in molti modi, lasciando il bambino allo sbaraglio non significa che il suo orientamento sessuale sarà migliore/peggiore o più semplicemente diverso che se venga orientato.Per il rapporto di forza, in ogni caso non sono mai alla pari. Neppure tra adulti.E il rapporto di forza adulto/bambino è sbilanciato comunque anche nella scuola o in altro tipo di educazione.Non hai subito nessuna violenza per pensare che l'adulto e il bambino abbiano maturità diverse, la penso anch'io allo stesso modo. Ma non penso che questa differenza di maturità sia dannosa per una buona evoluzione del bambino.Anzi, per tutto il resto si consiglia di associare i giovani con i vecchi per permettere il trasferimento delle conoscenze e delle esperienze. Pensaci bene.L'unica cosa che viene considerata diversamente è il sesso. E questo perchè per millenni ci hanno riempito la testa con cose come l'importanza di arrivare vergini al matrimonio o del fatto che se si fa sesso ci si sporca o che una donna che avesse dei desideri sessuali simili a quelli di un uomo allora si tratta di una puttana o al meglio di una ninfomane.Vorrei averla io una ninfomane. :-)

      Se un bambino prova piacere io gli dico

      bravo,
      tu invece gli dici che
      stà

      sbagliando e che "finirà
      all'inferno"

      (per usare un'espressione chiara, non
      dico

      che sia quello che gli diresti
      realmente, ma

      alla fine il concetto è quello)

      perchè la lussuria è un

      peccato capitale.

      Chi stà facendo violenza al
      bambino?

      Sia tu che chi gli dice che andra'
      all'inferno state esercitando la stessa
      violenza.
      Pensate di agire nel nome del bene del
      bambino per imporre la VOSTRA visione.Questa è la migliore che ho sentito. Infatti gli adulti non impongono mai nessuna visione al bambino, giusto?A scuola il bambino è lasciato libero di fare e di imparare quello che vuole. I genitori non forzano mai i bambini a fare o dire o non dire quello che vogliono loro vero?Nessuno cerca di inculcare dei valori religiosi o morali al bambino in cui gli si spiega ciò che è giusto e ciò che è sbagliato, il bambino lo capisce da solo, giusto?E i bambini sono liberi di fare tutte le loro belle esperienze senza nessuna ingerenza da parte degli adulti?Scusa, ma non mi pare affatto il caso, anzi, mi sembra che di queste imposizioni i bambini ne subiscano a centinaia tutti i santi giorni. Quello che vorrei sapere è perchè si dice che colpevolizzare un bambino che faccia sesso sia giusto mentre complimentarlo sia sbagliato.



      Se si tratta di violenza.

      Altrimenti



      è un rapporto sessuale


      consenziente



      come posso averne io, te, e
      gli

      altri



      partecipanti (presumo
      più

      che


      adulti)



      di questo forum.

      Esticazzi non lo mettiamo ?Esticazzi.Contento?


      Un rapporto sessuale CONSENZIENTE
      con un


      bambino non esiste.



      perchè il bambino non ha
      cervello, ho

      capito giusto???

      Fattene una ragione: il bambino ha una
      sessualita' diversa dalla tua.Ogni persona al mondo ha una sessualità leggermente diversa. Ma tu ti ricordi veramente quale era la tua pulsione sessuale quando eri bambino? Io me lo ricordo perfettamente e mi ricordo pure che se non fossi stato colpevolizzato quando avevo 5 anni sarei stato un vero porcellone (mi sarò spogliato almeno 5 bambine diverse nelle toilettes della scuola, e ogni volta che vedevo una bella bambina per strada mi immaginavo cose). Avevo una sessualità molto vivace quando ero piccolo, ed ero pure l'unico della mia classe ad avere avuto l'amichetta fissa per 3 anni di seguito (senza per questo privarmi delle altre (poco fedele, è vero, ma assiduo :-) )).Sei veramente sicuro di conoscere così bene (almeno meglio di me) la sessualità dei bambini? Forse tu eri uno completamente amorfo e asessuato, non era così per me.Solo che mi sentivo sempre colpevole di qualcosa, di atti, di pensieri, ... E questo perchè sapevo che per gli adulti attorno a me quello che desideravo era considerata cosa sporca e da non fare. Mi sentivo anormale, ho potuto cominciare a sentirmi normale solo con l'adolescenza, quando ci si può sfogare.


      E' fantasia pura,


      giustificazione creata da adulti
      che


      vogliono darsi un alibi per farsi i

      cazzi


      loro.



      La fantasia è dire che i bambini
      non

      possano provare piacere o non possano
      dare

      il loro consenso.

      Aridaje. Avanti cosi' e i pedofili diventano
      dei benefattori. Occazzo.
      Continuano a blaterare di questo famoso
      consenso ma ti spiegassero come si forma a
      parte le stronzate sulla colpevolizzazione.Come si forma cosa? il consenso?Se veramente tu sai come si forma, perchè non me lo spieghi?Troppo facile dire "tu non sai" e poi però non aggiungere null'altro. Hai argomentazioni solide o sono solo cose del tipo "lo sanno tutti, non ho bisogno di spiegare niente". Beh, sappi che nulla è ovvio e nulla è così semplice come potresti pensare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e strupri (2)


      Inoltre spiegami perchè per
      avere dei

      rapporti sessuali c'è bisogno di
      un

      livello di maturità, di volere o
      di

      stato fisico particolari? A mio avviso
      basta

      la capacità di provare piacere,
      tutto

      il resto non ha importanza.

      SCUSA??????????
      Non ci posso credere.
      Non c'e' bisogno di un livello di maturita'
      ? E come cazzo fai a dire cosa vuoi se non
      hai un minimo livello di maturita' ?Un bambino sa molto bene cosa vuole, e di solito è legato al piacere che riesce a ricavarne. Questo piacere può essere di diversa natura, p.e. mangiare del cioccolato, o un gelato, ...Di solito i genitori intervengono perchè tutte queste voglie non siano un pericolo per il bambino, p.e. mangiare 2Kg di cioccolata a mezzogiorno (anche se non pericoloso al punto da morirne, avrebbe qualche problema di costipazione nei giorni seguenti. Anche se forse l'esperienza potrebbe essere molto costruttiva, infatti il bambino dopo averne sofferto probabilmente rinuncerebbe a rifare la stessa esperienza).Il bambino che prova piacere facendo sesso è nello stesso caso. Può farlo ed essere felice e contento dell'esperienza oppure ritenerla una brutta esperienza e rinunciare. Se si tratta di una bella esperienza o no dipende dalla maturazione del bambino (non per forza dall'età) e dalla capacità dell'adulto.Infatti anche un'esperienza di nuoto può diventare traumatica se il maestro di nuoto è un idiota e traumatizza il bambino scaraventandolo in acqua (cosa che infatti non si fa).Il sesso è un'esperienza come un'altra e come tale va trattata, se l'esperienza è fatta bene seguendo la volontà e i desideri del bambino (o dell'adulto in caso di rapporto tra adulti) allora è un'esperienza piacevole e costruttiva, se viene fatta male forzando la volontà e i desideri del bambino (o dell'adulto in caso di rapporto tra adulti) allora può diventare una brutta esperienza anche traumatizzante (vedi stupro).La maturazione della persona avviene grazie alle esperienze della persona stessa, un bambino di 8 anni che ha avuto esperienze superiori a un ragazzo di 15 anni è difatti più maturo del ragazzo. Spesso infatti ci si sorprende della maturità manifestata da alcuni bambini di strada di quei quartieri malfamati delle grandi città del terzo mondo, questo semplicemente perchè quei bambini hanno avuto molte più esperienze (piacevoli ma soprattutto spiacevoli) che li hanno maturati più in fretta. [Attento, non dico che i bambini dovrebbero sacrificare la loro infanzia per avere simili esperienze].Ciò significa che anche il grado di maturazione non può essere semplificato dicendo che tutti i bambini hanno la stessa maturazione o che ci sia una maturazione minima per avere certe esperienze.Se queste esperienze sono piacevoli, la maturità non è neppure necessaria. Infatti la cioccolata la si da al bambino anche se non è sufficientemente maturo da sapere che se ne mangia 2Kg poi sta male. Si ritiene che l'adulto con la sua maturità saprà dare la giusta quantità di cioccolata al bambino perchè ne tragga piacere senza subire conseguenze nefaste.Sostituisci cioccolata con sesso (+ amore) e a questo punto vedrai che anche quelle cose possono essere date al bambino da un adulto che sappia quanto e come, in modo da non arrecargli danno.Il bambino intanto maturerà una sua propria esperienza.
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e strupri
    - Scritto da: Brontoleus
    Sono pure gelosi, vogliono tirarseli solo
    loro e poi li fanno chiudere per non farli
    fare agli altri.
    Proprio birbanti 'sti volontari...Questa e' da voltastomaco. Non ho altre definizioni.
  • Brontoleus scrive:
    Re: Pedofilia e strupri
    - Scritto da: Anonimo
    Nel caso facessi finta di ignorarlo esiste
    anche lo stupro mentale che non si manifesta
    certo con forme fisiche esterne, ma è
    altrettanto lesivo nei confronti di chi lo
    subisce.Benissimo, ineccepibile.Adesso però mi spieghi perché nel caso dei bambini si pensa che tale cosa avvenga SEMPRE in tutti quei casi in cui non vi sono danni fisici (e cioè la maggioranza).Perché dovrebbe avvenire sempre?Perché dovrebbe avvenire per una persona di 13 anni e 364 giorni e non per una di 14 anni?Cosa cambia a livello psicologico nel giro di un giorno?Perché se il bambino dice che non voleva è grave ma se dice che voleva è ancora più grave perché non gli si crede mai?Cosa fa pensare che il bambino non sia mai in grado di dare liberamente un consenso?Rispondi a queste domande, grazie.
    Ah, ecco che improvvisamente si rovescia il
    discorso: non è più il bambino
    ad essere adulto, è l'adulto a
    diventare bambino per fare i suoi
    giochetti....Ovviamente sì, come in tutte le altre attività.Oppure pensi che quando ad esempio giochi a monopoli con un bambino inizi a parlargli di quanto siano solide le fondamenta dell'albergo costruito al Parco della Vittoria? Oppure se puoi trasformare i tuoi tre alberghi in una cosa tipo l'Holiday Inn?Perché per altre attività è (giustamente) così ma nel caso del sesso dovrebbe essere diverso?

    Nessuno e tantomeno io ha in questo

    forum giustificato le VIOLENZE. Riesci a

    cogliere la differenza?
    Finora NESSUNO mi sembra avesse fatto
    differenze tra le due cose..Consiglio un buon oculista e se del caso un paio di occhiali (e se li hai già magari controlla che la gradazione sia ancora quella).
    forse
    perché mentre tra adulti con pari
    livello intellettivo la violenza esiste solo
    verso la parte più debole, mentre
    invece è assodato che il bambino
    essendo parte non debole non subisce
    violenza?Credo tu volessi dire il contrario di quello che hai scritto.Nessuno nega che il bambino sia parte debole. Ma questo vale per qualsiasi attività in cui è in relazione con un adulto. Dall'insegnamento dagli insegnanti a scuola, all'educazione dai genitori, a qualsiasi altra cosa. Perché il discorso si pone solo nel caso dei pedofili che potrebbero (non sempre, ma magari in qualche caso sì) cercare di porsi al loro livello di comprensione e di sviluppo mentale/fisico, contrariamente (e questa purtroppo è una certezza) a quanto fanno insegnanti, educatori, genitori, preti e via dicendo?
    La condanna sociale e quindi penale esiste
    anche per chi impone rapporti sessuali con
    chi non lo vuole fare, ma da tutto quanto
    finora letto noto che la forma l'ha fatto
    quindi in qualche modo era consenziente,
    tipica dei processi per stupro verso le
    donne di qualche tempo fa neanche poi tanto
    lontano, è ancora dura a morire.Ma lì le donne dicevano di averle subite le violenze. Io sto dicendo che E' IL BAMBINO A DIRE CHE E' CONSENZIENTE.Come fai ad escluderlo in maniera categorica? L'hai chiesto a tutti i bambini del pianeta?
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e strupri
    www.amref.it/pages/donazioni.html.oltre a fare donazioni ce l'ho come pagina iniziale per ricordarmi sempre quanto sono fortunato.piu' fatti e meno parole. ma da parte di tutti!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Pedofilia e strupri


    E che cosa centra internet e le

    libertà digitali con i pericoli
    che

    corre l'infanzia?? Forse sarebbe meglio

    chiarirla sta cosa non ti pare??

    E comunque se prorpio vogliamo entrare
    nel

    merito relativo alla difesa
    dell'infanzia io

    mi chiedo come mai nessuno muove un
    dito per

    difendere i milioni di bimbi che ogni
    giorno

    devono lottare contro fame e malattie
    ???

    Mentre invece quando si parla di
    pedoporno

    subito gli animi si agitano e le manti
    si

    annebbiano???

    E veramente sconfortante vedere
    così

    tanta ipocrisia tra i cosidetti
    benpansanti

    e moralisti da quattro soldi.
    A me, nel piccolo della mia esperienza
    personale, risulta che non viene fatto nulla
    per entrambe le cose: visto che ti accalori
    tanto comincia a darti da fare per eliminare
    la fame nel mondo, a garantire alle famiglie
    povere che vendono bambini per sopravvivere
    il giusto sostentamento e dopo potrai
    parlare.E tu che ne sai?? Anzi come ti permetti di giudicare delle persone che manco conosci??? Che ne sai se io faccio qualcosa oppure no?? Impara a parlare per te che è meglio.
    E' troppo facile fare commenti e discussioni
    sulla pelle di coloro che non hanno
    possibilità di difendersi da coloro
    che avendo tutto, tutto possono. Ed è troppo facile dare giudizi senza manco sapere di che si sta parlando, nascondersi dietro un monitor a sparare caxxate.
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e strupri
      - Scritto da: Anonimo



      E che cosa centra internet e le


      libertà digitali con i
      pericoli

      che


      corre l'infanzia?? Forse sarebbe
      meglio


      chiarirla sta cosa non ti pare??


      E comunque se prorpio vogliamo
      entrare

      nel


      merito relativo alla difesa

      dell'infanzia io


      mi chiedo come mai nessuno muove un

      dito per


      difendere i milioni di bimbi che
      ogni

      giorno


      devono lottare contro fame e
      malattie

      ???


      Mentre invece quando si parla di

      pedoporno


      subito gli animi si agitano e le
      manti

      si


      annebbiano???


      E veramente sconfortante vedere

      così


      tanta ipocrisia tra i cosidetti

      benpansanti


      e moralisti da quattro soldi.

      A me, nel piccolo della mia esperienza

      personale, risulta che non viene fatto
      nulla

      per entrambe le cose: visto che ti
      accalori

      tanto comincia a darti da fare per
      eliminare

      la fame nel mondo, a garantire alle
      famiglie

      povere che vendono bambini per
      sopravvivere

      il giusto sostentamento e dopo potrai

      parlare.

      E tu che ne sai?? Anzi come ti permetti di
      giudicare delle persone che manco conosci???
      Che ne sai se io faccio qualcosa oppure
      no?? Impara a parlare per te che è
      meglio.Anche tu giudichi i pedofili senza conoscerli, solo per partito preso o per sentito dire. Inoltre anche tu mi hai praticamente giudicato.Io non faccio che fare esattamente quello che fai anche tu, ne più ne meno.

      E' troppo facile fare commenti e
      discussioni

      sulla pelle di coloro che non hanno

      possibilità di difendersi da
      coloro

      che avendo tutto, tutto possono.

      Ed è troppo facile dare giudizi senza
      manco sapere di che si sta parlando,
      nascondersi dietro un monitor a sparare
      caxxate.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedofilia e strupri




        E tu che ne sai?? Anzi come ti permetti
        di

        giudicare delle persone che manco
        conosci???

        Che ne sai se io faccio qualcosa oppure

        no?? Impara a parlare per te che
        è

        meglio.

        Anche tu giudichi i pedofili senza
        conoscerli, solo per partito preso o per
        sentito dire. Inoltre anche tu mi hai
        praticamente giudicato. Dei pedofili c'è poco da conoscere per poterli giudicare , non credo servano degli esami approfonditi per giungere alla conclusione che si tratta di individui con seri problemi di psiche e di convivenza col prossimo.Naturalmente quando parlo di pedofili mi riferisco sempre ai pedifili quelli veri cioè quelli a cui piacciono i bambini e non quelli che si alluppano di fronte ad una quindicenne, i quali per quanto mi riguarda non sono da ritenersi pedofili.Questo tanto per chiarire.
        Io non faccio che fare esattamente quello
        che fai anche tu, ne più ne meno.Beh; è già qualcosa.
  • Brontoleus scrive:
    Re: Pedofilia e strupri
    - Scritto da: Anonimo
    Un conto è sostenere la
    libertà di usare internet, un'altra
    quella di giustificare chi, in QUALUNQUE
    modo, nuoce all'integrità di quella
    minoranza chiamata infanzia che NON ha mezzi
    per difendersi dal plagio degli adulti.Il plagio (reato peraltro abolito) lo fanno anche gli adulti che dicono ai bambini che il sesso è una cosa brutta sporca e sbagliata.
    Appunto le favole lasciamole ai bambini e
    difendiamo questi dagli adulti che vogliono
    rovinare il mondo dei bambini.La favola che i bambini siano sempre incapaci di dire di sì ma siano sempre capaci di accusare gli adulti e di dire di no (magari ripetendo a bacchetta ciò che gli hanno insegnato senza ragionarci sopra) chi l'ha inventata?
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedofilia e strupri
      - Scritto da: Brontoleus
      Il plagio (reato peraltro abolito) lo fanno
      anche gli adulti che dicono ai bambini che
      il sesso è una cosa brutta sporca e
      sbagliata.Si chiamerebbe educazione.Il plagio riguarda gli adulti, se qualcuno cerca di convincere un bambino ad avere rapporti sessuali con lui/lei lo definirei MANIPOLAZIONE MENTALE nonche' ABUSO.
      La favola che i bambini siano sempre
      incapaci di dire di sì ma siano
      sempre capaci di accusare gli adulti e di
      dire di no (magari ripetendo a bacchetta
      ciò che gli hanno insegnato senza
      ragionarci sopra) chi l'ha inventata?Chi si e' tirato fuori la favoletta dei bambini consenzienti ad avere un rapporto sessuale con un adulto?
  • Anonimo scrive:
    Per tutti quelli che si cagano sotto..
    Se trovate qualcosa segnalate qui :http://www.stop-it.org/segnalazioni/segnalazione.aspPS - Io vado direttamente dai Carabinieri.
    • Anonimo scrive:
      Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
      - Scritto da: Anonimo
      Se trovate qualcosa segnalate qui :

      www.stop-it.org/segnalazioni/segnalazione.asp

      PS - Io vado direttamente dai Carabinieri.
      Libero di farlo.Un tempo avrebbero messo un link tipo:www.santainquisizione.org/streghe/segnalazione.htmlE chissà quanti avrebbero denunciato la megera di turno perchè con le sue pratiche stregonistiche metteva in pericolo la vita dei loro poveri pargoletti.Ed avrebbero pure avuto ragione. Almeno dal loro punto di vista.Facile cedere alle paure. Più difficile accendere le meningi e accettare le differenze, punendo i veri criminali e accettando qualche pratica moralmente strana o anche deviante ma non provatamente dannosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        Se trovate qualcosa segnalate qui :




        www.stop-it.org/segnalazioni/segnalazione.asp



        PS - Io vado direttamente dai
        Carabinieri.



        Libero di farlo.
        Un tempo avrebbero messo un link tipo:
        www.santainquisizione.org/streghe/segnalazion

        E chissà quanti avrebbero denunciato
        la megera di turno perchè con le sue
        pratiche stregonistiche metteva in pericolo
        la vita dei loro poveri pargoletti.

        Ed avrebbero pure avuto ragione. Almeno dal
        loro punto di vista.

        Facile cedere alle paure. Più
        difficile accendere le meningi e accettare
        le differenze, punendo i veri criminali e
        accettando qualche pratica moralmente strana
        o anche deviante ma non provatamente
        dannosa.Scusa chi ha detto che tali pratiche siano provatamente non dannose?Qualcuno ha mai letto in proposito cosa subiscono moralmente le persone oggetto di tali attenzioni? O parlate solo perché bisogna garantire la libertà di tutti a prescindere del danno arrecato alla società?Se non vi piace il termine società usiamo pure il termine specie.Volenti o no noi siamo una specie animale che ha nel DNA un solo scopo: preservarsi. Se per farlo occorre estirpare un cancro sottile che mina nelle fondamenta la specie stessa mi sembra normale che la stessa provveda in merito.O sei anche tu per preservare le cellule del cancro, in nome della libertà di esistere all'interno del tuo organismo di tali cellule?
        • Anonimo scrive:
          Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo


          Se trovate qualcosa segnalate qui :
          www.stop-it.org/segnalazioni/segnalazione.asp


          PS - Io vado direttamente dai

          Carabinieri.

          Libero di farlo.

          Un tempo avrebbero messo un link tipo:
          www.santainquisizione.org/streghe/segnalazion

          E chissà quanti avrebbero denunciato

          la megera di turno perchè con le sue

          pratiche stregonistiche metteva in pericolo

          la vita dei loro poveri pargoletti.

          Ed avrebbero pure avuto ragione. Almeno

          dal loro punto di vista.



          Facile cedere alle paure. Più

          difficile accendere le meningi e accettare

          le differenze, punendo i veri criminali e

          accettando qualche pratica moralmente strana

          o anche deviante ma non provatamente

          dannosa.
          Scusa chi ha detto che tali pratiche siano
          provatamente non dannose?
          Qualcuno ha mai letto in proposito cosa
          subiscono moralmente le persone oggetto di
          tali attenzioni? O parlate solo
          perché bisogna garantire la
          libertà di tutti a prescindere del
          danno arrecato alla società?
          Se non vi piace il termine società
          usiamo pure il termine specie.
          Volenti o no noi siamo una specie animale
          che ha nel DNA un solo scopo: preservarsi.
          Se per farlo occorre estirpare un cancro
          sottile che mina nelle fondamenta la specie
          stessa mi sembra normale che la stessa
          provveda in merito.Scusa ento adesso nel discorso, ma stai parlando di Berlusconi, Bush o Bill Gates ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            Si sta trattando l'argomento pedofilia, tra chi sostiene che vada giustificata e chi no.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
          - Scritto da: Anonimo
          Scusa chi ha detto che tali pratiche siano
          provatamente non dannose?Puoi dimostrare che siano SEMPRE PROVATAMENTE dannose?No, non puoi farlo, perché è pieno di persone che non hanno ricavato alcun danno.Quindi quello che dici non ha alcun senso, così come i paragoni che hai fatto.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
        - Scritto da: Anonimo
        Facile cedere alle paure. Più
        difficile accendere le meningi e accettare
        le differenze, punendo i veri criminali e
        accettando qualche pratica moralmente strana
        o anche deviante ma non provatamente
        dannosa.Oh cazzo! Pensa a quegli imbecilli che si sono fatti anni di psicoterapia per le conseguenze di una "pratica moralmente strana non provatamente dannosa".Essendoci passata non so spiegarti con dovizia e senza finire sul truculento cosa farei ad uno che scrive una cosa del genere ....
        • Brontoleus scrive:
          Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
          - Scritto da: Anonimo
          Oh cazzo! Pensa a quegli imbecilli che si
          sono fatti anni di psicoterapia per le
          conseguenze di una "pratica moralmente
          strana non provatamente dannosa".Sono tutti? Puoi dimostrare che sono tutti?Tu ci sei passata e ne hai ricavato un danno? Bene, potrei portarti esempi di persone che hanno avuto rapporti sessuali da bambini con adulti e NON ne hanno ricavato un danno.Come non pretendo di estendere questo concetto a tutta l'umanità, tu come puoi pretendere di estendere il tuo vissuto a tutta l'umanità? Chi sei per farlo?==================================Modificato dall'autore il 14/11/2004 21.36.57
          • Anonimo scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            - Scritto da: Brontoleus
            - Scritto da: Anonimo

            Oh cazzo! Pensa a quegli imbecilli che
            si

            sono fatti anni di psicoterapia per le

            conseguenze di una "pratica moralmente

            strana non provatamente dannosa".
            Sono tutti? Puoi dimostrare che sono tutti?
            Tu ci sei passata e ne hai ricavato un
            danno? Bene, potrei portarti esempi di
            persone che hanno avuto rapporti sessuali da
            bambini con adulti e NON ne hanno ricavato
            un danno.
            Come non pretendo di estendere questo
            concetto a tutta l'umanità, tu come
            puoi pretendere di estendere il tuo vissuto
            a tutta l'umanità? Chi sei per farlo?

            ==================================
            Modificato dall'autore il 14/11/2004 21.36.57Allora se regionassimo in questo modo in senso assolutistico, perché ti sei fatto vaccinare e o prendi medicine che uccidono microbi o virus: mica è detto che uccidano proprio te, chi sei tu per decidere lo sterminio ti tali esseri viventi?
          • Anonimo scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo


            Oh cazzo! Pensa a quegli imbecilli
            che

            si


            sono fatti anni di psicoterapia
            per le


            conseguenze di una "pratica
            moralmente


            strana non provatamente dannosa".

            Sono tutti? Puoi dimostrare che sono
            tutti?

            Tu ci sei passata e ne hai ricavato un

            danno? Bene, potrei portarti esempi di

            persone che hanno avuto rapporti
            sessuali da

            bambini con adulti e NON ne hanno
            ricavato

            un danno.

            Come non pretendo di estendere questo

            concetto a tutta l'umanità, tu
            come

            puoi pretendere di estendere il tuo
            vissuto

            a tutta l'umanità? Chi sei per
            farlo?



            ==================================

            Modificato dall'autore il 14/11/2004
            21.36.57
            Allora se regionassimo in questo modo in
            senso assolutistico, perché ti sei
            fatto vaccinare e o prendi medicine che
            uccidono microbi o virus: mica è
            detto che uccidano proprio te, chi sei tu
            per decidere lo sterminio ti tali esseri
            viventi?Brontoleus non ha mai parlato in senso assolutistico, ma in senso relativistico (esattamente come ho anche fatto io).Il ragionamento assolutistico è sbagliato per definizione perchè non puoi mai estendere un ragionamento all'assoluto, altrimenti cadi nel dogmatismo.Qui non mi sembra che si parli di dogmatismo.Per quanto riguarda l'uccidere i microbi, c'è gente che ha fatto proprio la scelta che tu dici e che non usa nessun tipo di medicina o di vaccino, proprio perchè ritengono che non sia corretto uccidere altri esseri viventi.È una loro scelta e la rispetto anche se non la condivido.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo



            - Scritto da: Brontoleus


            - Scritto da: Anonimo



            Oh cazzo! Pensa a quegli
            imbecilli

            che


            si



            sono fatti anni di
            psicoterapia

            per le



            conseguenze di una "pratica

            moralmente



            strana non provatamente
            dannosa".


            Sono tutti? Puoi dimostrare che
            sono

            tutti?


            Tu ci sei passata e ne hai
            ricavato un


            danno? Bene, potrei portarti
            esempi di


            persone che hanno avuto rapporti

            sessuali da


            bambini con adulti e NON ne hanno

            ricavato


            un danno.


            Come non pretendo di estendere
            questo


            concetto a tutta l'umanità,
            tu

            come


            puoi pretendere di estendere il tuo

            vissuto


            a tutta l'umanità? Chi sei
            per

            farlo?





            ==================================


            Modificato dall'autore il
            14/11/2004

            21.36.57

            Allora se regionassimo in questo modo in

            senso assolutistico, perché ti
            sei

            fatto vaccinare e o prendi medicine che

            uccidono microbi o virus: mica è

            detto che uccidano proprio te, chi sei
            tu

            per decidere lo sterminio ti tali esseri

            viventi?

            Brontoleus non ha mai parlato in senso
            assolutistico, ma in senso relativistico
            (esattamente come ho anche fatto io).
            Il ragionamento assolutistico è
            sbagliato per definizione perchè non
            puoi mai estendere un ragionamento
            all'assoluto, altrimenti cadi nel
            dogmatismo.

            Qui non mi sembra che si parli di dogmatismo.

            Per quanto riguarda l'uccidere i microbi,
            c'è gente che ha fatto proprio la
            scelta che tu dici e che non usa nessun tipo
            di medicina o di vaccino, proprio
            perchè ritengono che non sia corretto
            uccidere altri esseri viventi.
            è una loro scelta e la rispetto anche
            se non la condivido.Scusa ma devo contraddirti: chi sostiene che la pedofilia è naturale con argomentazioni che sono contestabili in quanto non accettate da tutti fa dogmatismo esattamente come chi dice che non lo è portando a sua difesa argomenti che non sono condivisi da tutti. Spiacente ma non ci sono differenze: tu sostieni che fa dogmatismo solo chi è contrario alla pedofilia e non riesci ad accorgerti che usi lo stesso dogmatismo per confutarlo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            - Scritto da: Anonimo


            Allora se regionassimo in questo
            modo in


            senso assolutistico, perché
            ti

            sei


            fatto vaccinare e o prendi
            medicine che


            uccidono microbi o virus: mica
            è


            detto che uccidano proprio te, chi
            sei

            tu


            per decidere lo sterminio ti tali
            esseri


            viventi?



            Brontoleus non ha mai parlato in senso

            assolutistico, ma in senso relativistico

            (esattamente come ho anche fatto io).

            Il ragionamento assolutistico è

            sbagliato per definizione perchè
            non

            puoi mai estendere un ragionamento

            all'assoluto, altrimenti cadi nel

            dogmatismo.



            Qui non mi sembra che si parli di
            dogmatismo.



            Per quanto riguarda l'uccidere i
            microbi,

            c'è gente che ha fatto proprio la

            scelta che tu dici e che non usa nessun
            tipo

            di medicina o di vaccino, proprio

            perchè ritengono che non sia
            corretto

            uccidere altri esseri viventi.

            è una loro scelta e la rispetto
            anche

            se non la condivido.
            Scusa ma devo contraddirti: chi sostiene che
            la pedofilia è naturale con
            argomentazioni che sono contestabili in
            quanto non accettate da tutti fa dogmatismo
            esattamente come chi dice che non lo
            è portando a sua difesa argomenti che
            non sono condivisi da tutti. Spiacente ma
            non ci sono differenze: tu sostieni che fa
            dogmatismo solo chi è contrario alla
            pedofilia e non riesci ad accorgerti che usi
            lo stesso dogmatismo per confutarlo.Ma la pedofilia è naturale, visto che succede in natura. Non è una questione di dogmatismo.Come ho specificato prima si cade nel dogmatismo dal momento in cui si fa un discorso assolutistico, della serie "la pedofilia è sempre dannosa" o "la pedofilia è sempre benefica". Se invece si omette il sempre e si usano frasi come "la pedofila è dannosa" o "la pedofilia è benefica" allora non c'è più dogmatismo e si può cominciare a parlare di discorso costruttivo.Io ho sempre cercato di evitare di usare espressioni assolutistiche (e Brontoleus pure), tentando di relativizzare le situazioni e di accettare i vari casi. È vero che ci sono persone che sono state danneggiate dalla pedofilia, ma è pure vero che ci sono persone che non sono state danneggiate dalla pedofilia.Se tu non accetti questi due punti di vista e non riesci a sostenere un discorso per cui affermi cose come "la pedofilia è sempre dannosa" o "fotografare un bambino nudo è fargli violenza", ecc... allora sei tu che fai discorsi assolutisti e quindi dogmatici.Nessuno di noi ha la verità infusa e questo implica che possono esserci verità alternative a noi sconosciute. Io non ho mai sofferto la fame (per fortuna) e neppure nessuna delle persone che conosco e di cui sono stato in contatto. Non nego però che la fame nel mondo sia una vera e propria piaga. Non perchè non ne ho mai avuta l'esperienza diretta posso semplicemente negare il fenomeno.Non posso neppure negare il fatto che c'è gente che si affama volontariamente (anche con lo scopo ultimo di morirne). Questo non significa che tutti quelli che muoiono di fame lo fanno volontariamente ma neppure che tutti subiscano la fame senza possibilità di reagire.Come in tutto c'è il bianco e c'è il nero. Bisogna cercare di stare nel grigio e accettare tutte le tonalità, anche se ad alcuni il bianco può essere troppo chiaro ed a altri il nero troppo scuro.Nella pedofilia ci sono pure il bianco e il nero. Alcuni vedono solo il nero, altri solo il bianco. Io cerco di vedere il grigio.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per tutti quelli che si cagano sotto
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa ma devo contraddirti: chi sostiene che
            la pedofilia è naturale con
            argomentazioni che sono contestabili in
            quanto non accettate da tutti fa dogmatismo
            esattamente come chi dice che non lo
            è portando a sua difesa argomenti che
            non sono condivisi da tutti.Non ho mai fatto dogmatismo perché non ho mai sostenuto (e mi guardo bene dal farlo) che la pedofilia sia SEMPRE positiva come non ho mai sostenuto (e mi guardo altrettanto bene dal farlo) che la pedofilia sia SEMPRE negativa.Io dico solo che non sempre la pedofilia è negativa e che applicare una teoria (negativa in questo caso) a tutti i casi di pedofilia, a tutti i pedofili e a tutti i bambini non ha alcun senso perché l'essere umano è talmente complesso che una generalizzazione non ha senso.Ci sono rapporti consenzienti e rapporti non consenzienti, rapporti penetrativi e rapporti di sole coccole, pedofili buoni e pedofili cattivi, pedofili violenti e pedofili non violenti, pedofili che sfruttano l'essere adulti come cosa per dominare e pedofili che si pongono coi bambini da pari a pari, bambini più piccoli e bambini più grandi, bambini pronti al sesso e bambini che vivono 24 ore al giorno nelle favole dove di sesso non si parla mai, ma pare che secondo te il mondo debba per forza essere tutto come lo vuoi tu, questo senza conoscere le singole *PERSONE* (bambini, adulti, pedofili, eterosessuali, gay, bisex, maschi, femmine e chi più ne ha più ne metta... sono tutti *PERSONE*) che come tali sono diverse tra loro e non si possono generalizzare.E' *QUESTO* che contesto, non il fatto che esistano i casi negativi ma il fatto che il concetto di negatività si applichi a tutti.==================================Modificato dall'autore il 17/11/2004 9.03.26
  • Anonimo scrive:
    Re: io non ho capito niente
    caro brontoleus, se un ragazzo di 15 anni sta insieme con una di 12 non gliene frega niente a nessuno, ma se lo stesso ragazzo visiona materiale pedopornografico in internet e' un criminale.anch'io a 15 anni avevo una tipa di 13, che a malapena mi baciava con la lingua. e che reato e'? e' normale a quell'eta' avere l'amichetta.poi l'ho lasciata (non l'avessi mai fatto, ha 24 anni ed e' una f... da paura), poi sono andato al mare in francia e alla prima imboscata con una coetanea francese lo voleva fare. pensa che figura di m...., io ero verginello. W la france
    • Brontoleus scrive:
      Re: io non ho capito niente
      - Scritto da: Anonimo
      caro brontoleus, se un ragazzo di 15 anni
      sta insieme con una di 12 non gliene frega
      niente a nessuno, ma se lo stesso ragazzo
      visiona materiale pedopornografico in
      internet e' un criminale.
      anch'io a 15 anni avevo una tipa di 13, che
      a malapena mi baciava con la lingua. e che
      reato e'?15 con 13 nessun reato, perché se la persona più piccola ha 13 anni si rientra nel concetto dei 3 anni di differenza.15 con 12 invece è punito dall'art. 609-quater del Codice Penale: se ben ricordo il quarto comma. Da 6 a 12 anni di carcere (i primi nel carcere minorile finché non compi 18 anni).
      e' normale a quell'eta' avere
      l'amichetta.15 con 13 è legale, 15 con 12 no. Che sia NORMALE non ci piove, lo scopo del mio intervento era proprio far notare che quella legge è sbagliata di principio, punisce anche le cose che tutti considerano normali. Adesso spero l'abbiate capito.==================================Modificato dall'autore il 11/11/2004 17.15.15
      • Anonimo scrive:
        Re: io non ho capito niente
        da 6 a 12 anni di carcere????????una mia amica a 14 anni e' stata molestata (ma seriamente)da un 40enne e gli hanno dato 4 anni mi sembra , che in carcere non ha mai scontato. lei ha avuto seri problemi psicologici.e magari a chi scarica un immagine gli danno 3 anni.ma roba de mach !!!!!!!!!!!!!
        • Brontoleus scrive:
          Re: io non ho capito niente
          - Scritto da: Anonimo
          da 6 a 12 anni di carcere????????
          una mia amica a 14 anni e' stata molestata
          (ma seriamente)da un 40enne e gli hanno dato
          4 anni mi sembra , che in carcere non ha mai
          scontato. La pena è quella, poi nei casi di minore gravità può essere diminuita fino a due terzi, se sei incensurato ci sono le attenuanti generiche e se fai il patteggiamento o il rito abbreviato puoi diminuire ulteriormente, se dopo tutto questo scendi sotto i 3 anni scatta la condizionale.Poi le carceri sono piene, di solito in carcere si tengono recidivi e criminali particolarmente violenti o socialmente pericolosi (omicidio e associazioni mafiose ecc.), agli altri si danno di solito i domiciliari. E' questione di priorità.
          lei ha avuto seri problemi psicologici.E' andata da qualcuno a farsi curare?
          e magari a chi scarica un immagine gli danno
          3 anni.La pena massima per la detenzione è quella.
          ma roba de mach !!!!!!!!!!!!!Già.==================================Modificato dall'autore il 12/11/2004 2.01.21
          • Anonimo scrive:
            Re: io non ho capito niente
            - Scritto da: Brontoleus
            - Scritto da: Anonimo

            da 6 a 12 anni di carcere????????

            una mia amica a 14 anni e' stata
            molestata

            (ma seriamente)da un 40enne e gli hanno
            dato

            4 anni mi sembra , che in carcere non
            ha mai

            scontato.
            La pena è quella, poi nei casi di
            minore gravità può essere
            diminuita fino a due terzi, se sei
            incensurato ci sono le attenuanti generiche
            e se fai il patteggiamento o il rito
            abbreviato puoi diminuire ulteriormente, se
            dopo tutto questo scendi sotto i 3 anni
            scatta la condizionale.
            Poi le carceri sono piene, di solito in
            carcere si tengono recidivi e criminali
            particolarmente violenti o socialmente
            pericolosi (omicidio e associazioni mafiose
            ecc.), agli altri si danno di solito i
            domiciliari. E' questione di
            priorità.


            lei ha avuto seri problemi psicologici.
            E' andata da qualcuno a farsi curare?
            Scusa se il tipo che l'ha molesta fosse stato fermato prima, avrebbe avuto bisogno di farsi curare un danno NON desiderato? Oppure in nome di una pseudolibertà non ben chiara, continuiamo a chiudere stalle dopo la fuga dei buoi?

            e magari a chi scarica un immagine gli
            danno

            3 anni.
            La pena massima per la detenzione è
            quella.


            ma roba de mach !!!!!!!!!!!!!
            Già.

            ==================================
            Modificato dall'autore il 12/11/2004 2.01.21
          • Brontoleus scrive:
            Re: io non ho capito niente
            - Scritto da: Anonimo
            Scusa se il tipo che l'ha molesta fosse
            stato fermato prima, avrebbe avuto bisogno
            di farsi curare un danno NON desiderato?
            Oppure in nome di una pseudolibertà
            non ben chiara, continuiamo a chiudere
            stalle dopo la fuga dei buoi?Non ho capito perché lo chiedi a me, io ho sempre sostenuto sia che non ci sia proprio nulla da curare, sia che finché una persona pensa (o guarda, ma è un mio parere e non pretendo che vada condiviso, solo rispettato) non vada né condannata (condannare per i pensieri significa stare al livello dell'Inquisizione) né *OBBLIGATA* a curarsi. Se pensa che sia meglio che si faccia curare, dev'essere la persona a deciderlo.Anche perché ammesso che funzionino (e non lo credo) le terapie psicologiche, psicoanalitiche e psichiatriche funzionano solo se c'è la volontà del paziente. E in quanto alle terapie farmacologiche e cioè alla castrazione chimica, non solo causano effetti collaterali gravi (tra cui la sterilità), ma non risolvono comunque il problema, sempre che di problema si possa parlare.
          • Anonimo scrive:
            Re: io non ho capito niente
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo


            da 6 a 12 anni di carcere????????


            una mia amica a 14 anni e' stata

            molestata


            (ma seriamente)da un 40enne e gli
            hanno

            dato


            4 anni mi sembra , che in carcere
            non

            ha mai


            scontato.

            La pena è quella, poi nei casi di

            minore gravità può essere

            diminuita fino a due terzi, se sei

            incensurato ci sono le attenuanti
            generiche

            e se fai il patteggiamento o il rito

            abbreviato puoi diminuire
            ulteriormente, se

            dopo tutto questo scendi sotto i 3 anni

            scatta la condizionale.

            Poi le carceri sono piene, di solito in

            carcere si tengono recidivi e criminali

            particolarmente violenti o socialmente

            pericolosi (omicidio e associazioni
            mafiose

            ecc.), agli altri si danno di solito i

            domiciliari. E' questione di

            priorità.




            lei ha avuto seri problemi
            psicologici.

            E' andata da qualcuno a farsi curare?


            Scusa se il tipo che l'ha molesta fosse
            stato fermato prima, avrebbe avuto bisogno
            di farsi curare un danno NON desiderato?
            Oppure in nome di una pseudolibertà
            non ben chiara, continuiamo a chiudere
            stalle dopo la fuga dei buoi?già, e visto che ci siamo, perchè non arrestare subito tutti quanti, visto che potenzialmente potremmo essere tutti dei criminali. In fondo chiunque potrebbe rubare o uccidere o fare chissà cos'altro. Perchè chiudere le stalle dopo la fuga dei buoi? Arrestiamo subito tutti e così non avremo più criminali di nessun genere.Tu forse saresti a favore a un sistema alla "minority report". Per quanto mi riguarda lo trovo totalmente aberrante e indegno di una società che si pretende democratica, libera e ugualitaria.


            e magari a chi scarica un immagine
            gli

            danno


            3 anni.

            La pena massima per la detenzione
            è

            quella.




            ma roba de mach !!!!!!!!!!!!!

            Già.



            ==================================

            Modificato dall'autore il 12/11/2004
            2.01.21
          • Anonimo scrive:
            Re: io non ho capito niente
            ehm!! comunque la mia amica non si e' fatta curare da nessun psicanalista. l'amicizia prima e l'amore poi sono state le sue cure; ma e' sicuramente un ricordo che ancora oggi, passati degli anni, non vuole ricordare.comunque, secondo il mio modesto parere, bisognerebbe colpire di piu' chi stupra (e non parlo solo di chi stupra minorenni), rispetto a chi scarica delle immagini."potenzialmente stupratore" perche' uno scarica delle immagini pedopornografiche non vuol dire nulla, perche' altrimente lo e' anche quello che scariche le immagini pornografiche di adulti.poi dipende dalle immagini; comunque non si puo' sapere se uno che guarda, e gode, davanti a delle immagini voglia stuprare qualcuno. e se poi non lo fa, capisce di aver sbagliato, e cambia vita? che ne sai tu? allora e' giusto pescare nel mucchio perche' prima o poi uno cattivo prima o poi lo si trova?
  • Anonimo scrive:
    Per capire
    http://www.stop-it.org/home/share/Doc/Position%20_Paper_2004_IT.pdf
    • Brontoleus scrive:
      Re: Per capire
      - Scritto da: Anonimo

      www.stop-it.org/home/share/Doc/Position%20_PaLa tua è pubblicità.Se vuoi mostrare statistiche di parte prendi entrambe le campane così che la gente possa farsi un'idea propria.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per capire
        - Scritto da: Brontoleus

        Se vuoi mostrare statistiche di parte Invece tu sei obbiettivo....
      • Anonimo scrive:
        Re: Per capire
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da: Anonimo




        www.stop-it.org/home/share/Doc/Position%20_Pa

        La tua è pubblicità.Pubblicità di cosa ?Di organizzazioni che , da sempre, onestamente, aiutano i bambini a differenza di quelliche come te, sottovalutando il problema ("sapete quanti a 11 anni sono già in grado di decidere ? , "ma che volete farci ormai la foto è stata fatta" "denuciate pure alla polizia ma attenti che potreste finite in guai") aiutano i pedofili
        • Brontoleus scrive:
          Re: Per capire
          - Scritto da: Anonimo

          La tua è pubblicità.
          Pubblicità di cosa ?Pubblicità di associazioni di parte, allora tiravi fuori per compensare anche il link alla NAMBLA o ad altra associazione analoga che dice le cose contrarie e che è a sua volta a favore dei bambini (al *DIRITTO* dei bambini ad avere, se sono loro a desiderarlo, partner sessuali, anche adulti) e così ognuno leggerà le due campane e potrà farsi la sua opinione personale.Come l'hai postata è né più né meno che spam.Io non credo che le associazioni pedofile abbiano ragione sempre, ma non credo nemmeno che abbiano torto sempre. Così come le associazioni antipedofile, stessa cosa.Quindi per correttezza avresti dovuto portare entrambi i casi così che la gente non leggesse solo opinioni preconfezionate da altri, che non ammettono repliche.Siccome entrambi i tipi di associazioni (quelle pro e quelle contro) sono così (cioè non ammettono repliche) allora portando entrambi gli esempi avresti fatto una cosa corretta.Come hai fatto tu invece è pura propaganda.==================================Modificato dall'autore il 11/11/2004 16.22.15
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Brontoleus
            Io non credo che le associazioni pedofile
            abbiano ragione sempre, ma non credo nemmeno
            che abbiano torto sempre. Le associazioni pedofile ?Esistono anche associazioni di serial killer ?
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Le associazioni pedofile ?Uff... Le associazioni che vogliono rendere legittima la pedofilia, ok? NAMBLA e quant'altro.
            Esistono anche associazioni di serial killer?Esistono associazioni di tutto.==================================Modificato dall'autore il 12/11/2004 18.50.00
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Brontoleus
            - Scritto da: Anonimo


            La tua è pubblicità.

            Pubblicità di cosa ?
            Pubblicità di associazioni di parte,
            allora tiravi fuori per compensare anche il
            link alla NAMBLA o ad altra associazione
            analoga che dice le cose contrarie e che
            è a sua volta a favore dei bambini
            (al *DIRITTO* dei bambini ad avere, se sono
            loro a desiderarlo, partner sessuali, anche
            adulti) e così ognuno leggerà
            le due campane e potrà farsi la sua
            opinione personale.
            Come l'hai postata è né
            più né meno che spam.
            Io non credo che le associazioni pedofile
            abbiano ragione sempre, ma non credo nemmeno
            che abbiano torto sempre. Così come
            le associazioni antipedofile, stessa cosa.
            Quindi per correttezza avresti dovuto
            portare entrambi i casi così che la
            gente non leggesse solo opinioni
            preconfezionate da altri, che non ammettono
            repliche.
            Siccome entrambi i tipi di associazioni
            (quelle pro e quelle contro) sono
            così (cioè non ammettono
            repliche) allora portando entrambi gli
            esempi avresti fatto una cosa corretta.
            Come hai fatto tu invece è pura
            propaganda.


            ==================================
            Modificato dall'autore il 11/11/2004 16.22.15Potranno anche essere di "parte" come sostieni, ma almeno sono dalla parte del fondamentale diritto del bambino di non essere plagiato da chi ha capacità persuasive che non può assolutamente contrastare.Se come hai sostenuto da più parti esistono anche bambini che possono provare attrazione per gli adulti, ciò rientra in quel grande schema di formazione che porta all'emulazione del grande per diventare grande egli stesso, con la complicazione del complesso di Edipo che porta anche alla infatuazione sessuale verso l'adulto proprio per emularlo; e mi sembra che ciò rientri nello schema di normale evoluzione di crescita del futuro adulto della specie uomo (Froid docet, o sparava ca77@te anche lui?). L'attrazione di un adulto verso un cucciolo della specie non rientra in questo schema, mi ricordo che anche alcuni miti dell'antica grecia in proposito, anche se sul momento dovrei documentarmi meglio, che trattano l'argomento in modo piuttosto cruento verso l'adulto che pratica tale attrazione senza fermarsi.Comunque anche senza essere sanguinario, NON LO SONO, resto dell'idea che tale pratica vada fermata in quanto nociva per la specie umana in quanto lesiva della componete più debole ossia il bambino.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Brontoleus
            link alla NAMBLA o ad altra associazione
            analoga che dice le cose contrarie e che
            è a sua volta a favore dei bambini
            (al *DIRITTO* dei bambini ad avere, se sono
            loro a desiderarlo, partner sessuali, anche
            adulti) Mi puoi spiegare *con parole tue* come fa un bambino a desiderare un partner sessuale adulto?La sessualita' infantile e' *totalmente* diversa da quella adulta. E' seduttiva ma per ben altre ragioni che nulla hanno a che fare con la seduzione normalmente intesa.Un adulto e' la parte con in mano il potere nel gioco e con un bambino non gioca alla pari.L'eta' dei bambini a cui si riferiscono i pedofili puo' andare dai pochi mesi ai 10 anni.Se cosi' sicuro che un bambino di 4 anni sia in grado di desiderare un partner sessuale adulto?Leggere la sessualita' infantile nell'ottica di quella adulta e' molto vicino a leggere la storia romana in ottica politically correct.A questo punto mi spieghi dove sta il *diritto* del bambino?Pensi che tra un Pokemon e un po' di playstation esistano realmente quelli che dicono "va, oggi mi faccio il vicino di casa" ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (1)
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Brontoleus...
            Ma come qui Froid dice cose sensate, e da
            un'altra parte no?
            E come C@77O credi che intenda la
            sessualità un adulto?
            Ho la vaga sensasione che tu usi la stessa
            tecnica usata da chi plagia i bambini per
            imporre la tua idea....Qui mi pare che sei tu che stai completamente deviando. Non ha mai detto che Freud ha sempre ragione o torto. Semplicemente che Freud a volte a ragione e a volte torto. La psicologia dai tempi di Freud ha fatto grandi passi avanti e ci si è resi conto che non tutto quello che lui aveva detto era sempre giusto.Sarebbe come se la scienza di oggi considerasse i testi di Galileo come della verità assoluta. Galileo ha avuto ragione per alcune cose e torto per altre. La maturità consiste anche a capire dove e dove.


            E' seduttiva ma


            per ben altre ragioni che nulla
            hanno a

            che


            fare con la seduzione normalmente

            intesa.
            Allora ammetti che la sessualità del
            bambino è diversa da quella
            dell'adulto: hai appena detto che la
            seduzione è divera tra adulti e
            bambini. Lo neghi?
            Dimentichi che se pure le pulsioni sono
            regolate da ormoni, il cervello generalmente
            non è ancora così maturato da
            accettare capendolo ciò che viene
            loro "adeguatamente" proposto.Il cervello è maturo al punto giusto, non preoccuparti. Ci sono bambini piccoli che si masturbano o si fanno la loro bambola io mi sono masturbato la prima volta a 4 anni.Visto che però gli adulti non parlano mai di sesso con i bambini, essi non hanno la possibilità di capire il perchè ciò capita. Tutto quello che mia madre mi ha detto una mattina quando mi ha visto con un'erezione al momento del bagnetto (mi ero appena masturbato (cosa che facevo la mattina prima di alzarmi)) è stata che era una cosa che non dovevo fare e che mi avrebbe fatto male. Non ho smesso e devo dire che adesso che di anni ne ho 36 il mio membro funziona ancora benissimo.Senza una corretta educazione sessuale e la possibilità di parlarne liberamente con i genitori e con gli amici, il bambino non può farsi un'opinione e neppure decidere se è bene per li o no. Il problema è solamente quello. Se il bambino avesse le informazioni giuste sarebbe in grado di prendere una decisione da solo (così come fa già anche per altre cose).

            Prima dei 10-11 anni la
            sessualità

            infantile è semplicemente un
            tipo di

            sessualità che NON include
            (almeno di

            norma) la penetrazione.
            Anche dopo, non puoi essere così
            certo di una affermazione del genereInfatti alcune donne preferiscono i preliminari alla penetrazione, ma questo non significa che tutte le donne hanno quell'opinione o che si deve vietare il sesso prima dei 40 anni.Semplicemente ognuno vive la propria sessualità come meglio crede. Ma semplicemente questa sessualità non è libera, è anzi molto guidata dalla società e dalle "buone maniere". Quindi non se ne parla e si fa sempre e solamente di nascosto.

            Quindi punta

            praticamente a quelli che, per noi
            adulti,

            sono i cosiddetti preliminari. Ossia,
            tante

            coccole, carezze, al massimo
            masturbazione,

            e nulla più.

            Probabilmente questo è ciò che
            tu immagini succeda: le descrizioni di chi
            c'è passato generalmente non sono poi
            così "leggere"...Passato da cosa? se citi qualcuno fallo per intero. Li diceva che il bambino punta praticamente a quelli che ...Non mi sembra nulla di sbagliato che un bambino preferisca un rapporto basato sui preliminari.Aggiungerei però che i preliminari non sono sempre e solamente ciò a cui punta un bambino. Anche qui dipende da persona a persona. Alcuni non ambiscono alla penetrazione prima dei 20 anni (e li rispetto) mentre alcuni la desiderano già a 10 (e li rispetto pure loro).

            Assume, quindi, la forma di GIOCO, e
            per il

            bambino è un'attività
            ludica

            come un'altra (ad esempio, quando
            giocano

            alla lotta, i bambini provano piacere

            sessuale).
            Questa propio mi mancava: sapevo che la fase
            ludica produce una senzazione di piacere, ma
            che questo fosse di tipo sessuale non lo
            immaginavo proprio...Le sensazioni sessuali sono molto legati alla fase piacere. Si è pure constatato che una madre che allatta il proprio neonato prova piacere sessuale. Ma non definirei tutte le madri che allattano delle depravate (anche se in passato l'allattamento al seno è pure stato molto criticato con varie scuse di tipo scientifico, probabilmente anche a causa di questo piacere poco "puro").
            Non è che confondi gratificazione,
            senzazione di piacere intellettuale nel fare
            una cosa piacevole, con l'orgasmo, termine
            per designare il piacere sessuale?Non penso che confonda i due, sei tu che li confondi leggendo quello che ha scritto, ma mi pare che abbia le idee molto più chiare di quanto non le abbia tu (e probabilmente neppure io).

            Il raggiungimento del piacere avviene

            ugualmente (senza eiaculazione) ed il

            bambino è consapevole del
            piacere che

            prova.


            SEI PROPIO SICURO CHE IL BAMBINO INTENDA
            TUTTO PER GIOCO? Anche quando un adulto lo
            usa certamente non in maniera GIOCOSA per
            soddisfare il proprio desiderio sessuale? E
            sei proprio così convinto che sia un
            gioco che si concluda con un raspone da
            parte dell'adulto?Se il bambino ne prova pure lui un piacere non vedo dove stà il problema.Comunque per un bambino il 99% di ciò che fa è un gioco. Forse un gioco strano, ma comunque un gioco. E se gli piace riproverà a giocare di nuovo, mentre se non gli piace lo eviterà.

            Se lo decide, sì. Ma con il
            discorso

            che hai appena fatto allora i bambini e
            gli

            adulti non dovrebbero mai rapportarsi
            tra

            loro, per nessuna cosa.
            Tra adulti e fanciulli il rapporto esiste e
            come: il bambino ha la predisposizione
            genetica ad usare gli adulti come modello:
            sta agli adulti fare in modo che tale
            modello sia costruttivo e non distruttivo.Giusto, il bambino deve usare l'adulto come modello. Ma secondo te lo deve usare come modello per tutto ma non per il sesso. Perchè? forse perchè il sesso è una cosa sporca?O il sesso è un'attività distruttiva? ma se è la cosa più piacevole e desiderabile al mondo, e inoltre serve a produrre nuovi bambini, dimmi cosa c'è di distruttivo. A me pare una cosa costruttiva.continua...
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (1)
            - Scritto da: Anonimo
            Il cervello è maturo al punto giusto,
            non preoccuparti. Ci sono bambini piccoli
            che si masturbano o si fanno la loro bambola
            io mi sono masturbato la prima volta a 4
            anni.Hai presente cosa sia l'esplorazione del proprio corpo? A 4 anni il bambino esplora e scopre che toccandosi in alcune parti si gode.
            Visto che però gli adulti non parlano
            mai di sesso con i bambini, essi non hanno
            la possibilità di capire il
            perchè ciò capita. Per il bambino la masturbazione e' gioco piacevole. Scopre il suo corpo. FULLSTOP.
            Tutto
            quello che mia madre mi ha detto una mattina
            quando mi ha visto con un'erezione al
            momento del bagnetto (mi ero appena
            masturbato (cosa che facevo la mattina prima
            di alzarmi)) è stata che era una cosa
            che non dovevo fare e che mi avrebbe fatto
            male. Non ho smesso e devo dire che adesso
            che di anni ne ho 36 il mio membro funziona
            ancora benissimo.Anche a me dissero di non farlo e non ho problemi sessuali ma non vuol dire che consideri la masturbazione infantile come un indizio che il bambino possa avere una vita sessuale allo stesso modo di un adulto.
            Senza una corretta educazione sessuale e la
            possibilità di parlarne liberamente
            con i genitori e con gli amici, il bambino
            non può farsi un'opinione e neppure
            decidere se è bene per li o no. Il
            problema è solamente quello. Se il
            bambino avesse le informazioni giuste
            sarebbe in grado di prendere una decisione
            da solo (così come fa già
            anche per altre cose).Fammi capire: se a un bambino di 4 anni spiego la finanziaria e' in grado di farsi una corretta idea e possiamo dargli il diritto di voto?Cosi' semplice.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (1)
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Il cervello è maturo al punto
            giusto,

            non preoccuparti. Ci sono bambini
            piccoli

            che si masturbano o si fanno la loro
            bambola

            io mi sono masturbato la prima volta a 4

            anni.

            Hai presente cosa sia l'esplorazione del
            proprio corpo?
            A 4 anni il bambino esplora e scopre che
            toccandosi in alcune parti si gode.Quindi in pratica ammetti anche tu che il bambino può godere sessualmente.

            Visto che però gli adulti non
            parlano

            mai di sesso con i bambini, essi non
            hanno

            la possibilità di capire il

            perchè ciò capita.

            Per il bambino la masturbazione e' gioco
            piacevole. Scopre il suo corpo. FULLSTOP.Chiaro, la masturbazione è gioco piacevole. Ma in fondo tutta la sessualità è un gioco piacevole, sia che ci si masturbi sia che ci si faccia masturbare. Solo che è un gioco che gli adulti vogliono tenersi ad ogni costo per se stessi.

            Tutto

            quello che mia madre mi ha detto una
            mattina

            quando mi ha visto con un'erezione al

            momento del bagnetto (mi ero appena

            masturbato (cosa che facevo la mattina
            prima

            di alzarmi)) è stata che era una
            cosa

            che non dovevo fare e che mi avrebbe
            fatto

            male. Non ho smesso e devo dire che
            adesso

            che di anni ne ho 36 il mio membro
            funziona

            ancora benissimo.


            Anche a me dissero di non farlo e non ho
            problemi sessuali ma non vuol dire che
            consideri la masturbazione infantile come un
            indizio che il bambino possa avere una vita
            sessuale allo stesso modo di un adulto.Io lo considero solamente come l'indizio che un bambino (e una bambina) sono perfettamente in grado di godere sessualmente. Se poi lo fanno per scoprire il proprio corpo o quello di qualcun'altro è secondario. La sessualità la si può godere da soli, a due o a molti. Il da soli i bambini lo fanno normalmente (ed è pure considerato normale), il con qualcun'altro lo fanno pure (ho "esplorato" la prima bambina quando avevo 5 anni), e con molti non penso che capiti spesso.Semplicemente che agli adulti, l'idea che i bambini possano provare piacere sessuale è semplicemente rivoltante (forse perchè hanno paura che se i bambini ci prendono gusto poi non si fermano più).

            Senza una corretta educazione sessuale
            e la

            possibilità di parlarne
            liberamente

            con i genitori e con gli amici, il
            bambino

            non può farsi un'opinione e
            neppure

            decidere se è bene per li o no.
            Il

            problema è solamente quello. Se
            il

            bambino avesse le informazioni giuste

            sarebbe in grado di prendere una
            decisione

            da solo (così come fa già

            anche per altre cose).

            Fammi capire: se a un bambino di 4 anni
            spiego la finanziaria e' in grado di farsi
            una corretta idea e possiamo dargli il
            diritto di voto?
            Cosi' semplice.La sessualità è un piacere istintivo di base. È una cosa personale ed è un piacere intenso provato da una singola persona (non si può condividere il piacere sessuale, si può condividere il momento, ma non il piacere).La finanziaria non ha nulla di personale (e neppure di piacevole direi).Puoi perfettamente spiegare a un bambino di 4 anni i piaceri della tavola e spiegargli quali alimenti si preparano o si mangiano assieme. Puoi spiegare i piaceri della musica, la composizione delle note e l'armonia dei suoni. Puoi spiegare la pittura e il piacere dell'armonia dei colori. Puoi spiegare pure il piacere degli odori, i fiori, i profumi, ...Questi piaceri sensuali un bambino è perfettamente in grado di capirli e di sfruttarli per il proprio piacere.Alcuni bambini sono pure in grado di apprezzare alcuni piaceri intellettuali, ma sono molto rari, perchè un piacere intellettuale richiede la comprensione della mente dell'altro e questo un bambino ha difficoltà a farlo prima dei 5 anni.I problemi della politica, finanziari, o altro, sono problemi che sfuggono perfino a un'adulto proprio perchè sono estremamente complessi.Quindi il sesso che è un piacere sensuale e che concerne il tatto può perfettamente essere spiegato a un bambino anche molto piccolo, ed è sicuramente in grado di capirne le basi.Poi con gli anni maturerà anche la sua comprensione di tutto quello che ci stà in torno. Esattamente come un bambino a cui è stata insegnata la musica potrà diventare un gran musicista, quello a cui si è insegnata la pittura un gran pittore, ...Solo che a un bambino al quale si è insegnato il sesso cosa diventa? Se una bambina, magari la più grande pu...na, proprio perchè il sesso è così mal considerato che chiunque decida di farne il proprio mestiere viene automaticamente denigrato e emarginato.Noi adulti non vogliamo che i bambini facciano sesso non perchè sia realmente pericoloso, ma solo perchè il sesso è considerato qualcosa di brutto e di sporco, da fare solo di nascosto da tutti e che se esposto mette in imbarazzo. Se un bambino facesse sesso ci si chiederebbe subito "poverino, chissà cosa diventerà da adulto?".
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (2)

            Infatti la religione insegnata ai bambini
            è solo la parte fantastica della
            religione stessa, crescedndo se vuole
            può integrare le sue conoscenze con
            altre letture delle Sacre Scritture sempre
            più complete di cose che non sono
            più fantatiche...
            Credi che la Bibbia sia composta solo daii
            libri che legge la maggior parte delle
            persone? Beh ti devo deludere esistono molti
            altri libri che non sono divugati a tutti e
            che contengono ben altro della storia degli
            ebrei..Ma spiegami allora perchè traviare lo spirito di un bambino con delle storielle fantastiche? Se non è in grado di capire la religione (quella vera secondo quello che mi dici tu), perchè aspettare che cresca e fargli leggere i veri testi religiosi?Te lo spiego io. Perchè la religione si basa sul lavaggio del cervello, e per farlo bisogna cominciare da piccoli, quando la mente è più aperta. Infatti sia i Cristiani, sia gli Ebrei, sia gli Islamici ripetono continuamente le scritture ad ogni preghiera, l'Islam lo fa più volte al giorno dai minareti, gli Ebrei con la lettura continua della Tora e i Cristiani sono quelli che lo fanno di meno. Infatti i Cristiani sono attualmente i meno fanatizzati, proprio perchè la pressione religiosa è inferiore.Questo lavaggio del cervello immette delle idee nella mente della gente su ciò che dev'essere ritenuto giusto o sbagliato, fino al punto da convincersi di aver sempre ragione (una caratteristica tipica delle religioni).Io dal canto mio sarei dell'opinione di vietare ogni forma di religiosità prima dei 16 anni, fin quando il bambino non abbia la capacità mentale di capire quale sia veramente il senso dei testi religiosi e le loro implicazioni. Gli si permetterebbe di scegliere con più ragionevolezza la propria religione senza vedersela imposta dai genitori.Cosa mi rispondi a questo?
            Chi vuole può crescere nel tempo mano
            a mano che le sue conoscenze crescono.
            Lo stesso, anche se tu lo contesterai
            sicuramente, si applica alla crescita del
            bambino ed alla quantità di cose che
            maturando accetta e capisce.
            Imporre in fase di crescita un uso della
            sessualità ad hoc per soddisfare in
            primis un adulto non è una cosa
            moralmente accettabile, se non altro
            perché giocata in modo sleale!Stessa cosa per la religione. E una barca di altre cose.

            Ah, comunque, tecnicamente, se ben
            ricordo,

            quelli attratti da neonati o bambini
            sotto i

            3-4 anni si dovrebbero chiamare
            EFEBOFILI.


            Credo che in questo caso mostri, o cancro,
            della società sia più
            corretto...Qui dimostri la tua obiettività nel discorso. Non accetti neppure le definizioni del dizionario.
            Anche affermare che la sessualità
            infantile sia paragonabile a quella adulta
            is not politically correct :)Qualsiasi cosa è paragonabile. Semplicemente bisogna situarsi nel contesto.

            Dipende dal bambino e soprattutto

            dall'età.
            Continuo a credere che partendo da un punto
            di vista errato confondi un po' le cose...A me sembra che sei tu che hai confuso un po' tutto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (2)
            - Scritto da: Anonimo

            Infatti la religione insegnata ai
            bambini

            è solo la parte fantastica della

            religione stessa, crescedndo se vuole

            può integrare le sue conoscenze
            con

            altre letture delle Sacre Scritture
            sempre

            più complete di cose che non sono

            più fantatiche...

            Credi che la Bibbia sia composta solo
            daii

            libri che legge la maggior parte delle

            persone? Beh ti devo deludere esistono
            molti

            altri libri che non sono divugati a
            tutti e

            che contengono ben altro della storia
            degli

            ebrei..

            Ma spiegami allora perchè traviare lo
            spirito di un bambino con delle storielle
            fantastiche? Se non è in grado di
            capire la religione (quella vera secondo
            quello che mi dici tu), perchè
            aspettare che cresca e fargli leggere i veri
            testi religiosi?
            Te lo spiego io. Perchè la religione
            si basa sul lavaggio del cervello, e per
            farlo bisogna cominciare da piccoli, quando
            la mente è più aperta. Infatti
            sia i Cristiani, sia gli Ebrei, sia gli
            Islamici ripetono continuamente le scritture
            ad ogni preghiera, l'Islam lo fa più
            volte al giorno dai minareti, gli Ebrei con
            la lettura continua della Tora e i Cristiani
            sono quelli che lo fanno di meno. Infatti i
            Cristiani sono attualmente i meno
            fanatizzati, proprio perchè la
            pressione religiosa è inferiore.
            Questo lavaggio del cervello immette delle
            idee nella mente della gente su ciò
            che dev'essere ritenuto giusto o sbagliato,
            fino al punto da convincersi di aver sempre
            ragione (una caratteristica tipica delle
            religioni).
            Io dal canto mio sarei dell'opinione di
            vietare ogni forma di religiosità
            prima dei 16 anni, fin quando il bambino non
            abbia la capacità mentale di capire
            quale sia veramente il senso dei testi
            religiosi e le loro implicazioni. Gli si
            permetterebbe di scegliere con più
            ragionevolezza la propria religione senza
            vedersela imposta dai genitori.

            Cosa mi rispondi a questo?che ti contraddici da solo: la religione no il sesso si?


            Chi vuole può crescere nel tempo
            mano

            a mano che le sue conoscenze crescono.

            Lo stesso, anche se tu lo contesterai

            sicuramente, si applica alla crescita
            del

            bambino ed alla quantità di cose
            che

            maturando accetta e capisce.

            Imporre in fase di crescita un uso della

            sessualità ad hoc per soddisfare
            in

            primis un adulto non è una cosa

            moralmente accettabile, se non altro

            perché giocata in modo sleale!

            Stessa cosa per la religione. E una barca di
            altre cose.



            Ah, comunque, tecnicamente, se ben

            ricordo,


            quelli attratti da neonati o
            bambini

            sotto i


            3-4 anni si dovrebbero chiamare

            EFEBOFILI.




            Credo che in questo caso mostri, o
            cancro,

            della società sia più

            corretto...

            Qui dimostri la tua obiettività nel
            discorso. Non accetti neppure le definizioni
            del dizionario.La definizione di una cosa su un vocabolario è una cosa, ciò che significa un'altra. Oppure perché il termine radiattività nel dizionario non ha nessun significato negativo ti tieni qualche kg di uranio in casa?


            Anche affermare che la sessualità

            infantile sia paragonabile a quella
            adulta

            is not politically correct :)

            Qualsiasi cosa è paragonabile.
            Semplicemente bisogna situarsi nel contesto.



            Dipende dal bambino e soprattutto


            dall'età.

            Continuo a credere che partendo da un
            punto

            di vista errato confondi un po' le
            cose...

            A me sembra che sei tu che hai confuso un
            po' tutto.Io ammetto di essere confuso, molto confuso e sopratutto spaventato dalla mancanza di valori morali etici che ho trovato in tutti i post letti finora.Dato che però tali valori riguardano me e certamente non li imporrò ad altri (anche se non sembra, e lo riconosco, do la massima libertà al comportamento altrui: sono fatti suoi per definizione, non miei!) continuerò a valutare ciò che succede con riferimento ai miei valori, non rispetto a valori che non mi appartengono.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire (2)
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo


            Infatti la religione insegnata ai

            bambini


            è solo la parte fantastica
            della


            religione stessa, crescedndo se
            vuole


            può integrare le sue
            conoscenze

            con


            altre letture delle Sacre Scritture

            sempre


            più complete di cose che
            non sono


            più fantatiche...


            Credi che la Bibbia sia composta
            solo

            daii


            libri che legge la maggior parte
            delle


            persone? Beh ti devo deludere
            esistono

            molti


            altri libri che non sono divugati a

            tutti e


            che contengono ben altro della
            storia

            degli


            ebrei..



            Ma spiegami allora perchè
            traviare lo

            spirito di un bambino con delle
            storielle

            fantastiche? Se non è in grado di

            capire la religione (quella vera secondo

            quello che mi dici tu), perchè

            aspettare che cresca e fargli leggere i
            veri

            testi religiosi?

            Te lo spiego io. Perchè la
            religione

            si basa sul lavaggio del cervello, e per

            farlo bisogna cominciare da piccoli,
            quando

            la mente è più aperta.
            Infatti

            sia i Cristiani, sia gli Ebrei, sia gli

            Islamici ripetono continuamente le
            scritture

            ad ogni preghiera, l'Islam lo fa
            più

            volte al giorno dai minareti, gli Ebrei
            con

            la lettura continua della Tora e i
            Cristiani

            sono quelli che lo fanno di meno.
            Infatti i

            Cristiani sono attualmente i meno

            fanatizzati, proprio perchè la

            pressione religiosa è inferiore.

            Questo lavaggio del cervello immette
            delle

            idee nella mente della gente su
            ciò

            che dev'essere ritenuto giusto o
            sbagliato,

            fino al punto da convincersi di aver
            sempre

            ragione (una caratteristica tipica delle

            religioni).

            Io dal canto mio sarei dell'opinione di

            vietare ogni forma di religiosità

            prima dei 16 anni, fin quando il
            bambino non

            abbia la capacità mentale di
            capire

            quale sia veramente il senso dei testi

            religiosi e le loro implicazioni. Gli si

            permetterebbe di scegliere con
            più

            ragionevolezza la propria religione
            senza

            vedersela imposta dai genitori.



            Cosa mi rispondi a questo?

            che ti contraddici da solo: la religione no
            il sesso si?Non ho mai detto questo. Dico solo che i testi religiosi traviano la mente del bambino esattamente come si pretende faccia il sesso.Solo che la religione viene permessa, il sesso no.


            Chi vuole può crescere nel
            tempo

            mano


            a mano che le sue conoscenze
            crescono.


            Lo stesso, anche se tu lo
            contesterai


            sicuramente, si applica alla
            crescita

            del


            bambino ed alla quantità di
            cose

            che


            maturando accetta e capisce.


            Imporre in fase di crescita un uso
            della


            sessualità ad hoc per
            soddisfare

            in


            primis un adulto non è una
            cosa


            moralmente accettabile, se non
            altro


            perché giocata in modo
            sleale!



            Stessa cosa per la religione. E una
            barca di

            altre cose.





            Ah, comunque, tecnicamente,
            se ben


            ricordo,



            quelli attratti da neonati o

            bambini


            sotto i



            3-4 anni si dovrebbero
            chiamare


            EFEBOFILI.






            Credo che in questo caso mostri, o

            cancro,


            della società sia più


            corretto...



            Qui dimostri la tua obiettività
            nel

            discorso. Non accetti neppure le
            definizioni

            del dizionario.

            La definizione di una cosa su un vocabolario
            è una cosa, ciò che significa
            un'altra. Oppure perché il termine
            radiattività nel dizionario non ha
            nessun significato negativo ti tieni qualche
            kg di uranio in casa?La definizione del dizionario dice forse che la radioattività è pericolosa e che uccide chi ci stà vicino o che si tratta di una mostruosità della natura che Dio ci ha messo in terra per punirci per il troppo consumo di energia? no. Spiega che è una radiazione elettromagnetica o composta da particelle che ...Della pedofilia dice che è una tendenza sessuale che porta a desiderare l'avere rapporti sessuali con bambini.Della efebofilia non so perchè non conosco il termine, ma sicuramente non c'è scritto che si tratta di mostri.Quindi se tu pensi che i pedofili siano mostri, libero di pensarlo, ma nel messaggio era scritto chiaramente che coloro che desiderano avere rapporti con i piccolissimi dovrebbero essere chiamati efebofili e neppure pedofili!Se non capisci neppure una definizione allora credo proprio che per te non ci sia speranza.


            Anche affermare che la
            sessualità


            infantile sia paragonabile a quella

            adulta


            is not politically correct :)



            Qualsiasi cosa è paragonabile.

            Semplicemente bisogna situarsi nel
            contesto.





            Dipende dal bambino e
            soprattutto



            dall'età.


            Continuo a credere che partendo da
            un

            punto


            di vista errato confondi un po' le

            cose...



            A me sembra che sei tu che hai confuso
            un

            po' tutto.
            Io ammetto di essere confuso, molto confuso
            e sopratutto spaventato dalla mancanza di
            valori morali etici che ho trovato in tutti
            i post letti finora.Non c'è mancanza di valori morali ed etici. Qui dimostri di non aver capito nulla una volta di più.Perchè se qualcuno non ha i tuoi stessi valori allora non ha valori?Ognuno di quelli che ha scritto sul forum ha dei valori morali ed etici, semplicemente non gli stessi tuoi. Ma non puoi permetterti di affermare che si tratta di individui amorali, semmai degli immorali secondo la tua propria visione della morale.
            Dato che però tali valori riguardano
            me e certamente non li imporrò ad
            altri (anche se non sembra, e lo riconosco,
            do la massima libertà al
            comportamento altrui: sono fatti suoi per
            definizione, non miei!) continuerò a
            valutare ciò che succede con
            riferimento ai miei valori, non rispetto a
            valori che non mi appartengono.Finalmente una cosa che condivido appieno.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire (2)
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo

            Dato che però tali valori

            riguardano me e certamente non li imporrò ad

            altri (anche se non sembra, e lo

            riconosco, do la massima libertà al

            comportamento altrui: sono fatti suoi

            per definizione, non miei!)

            continuerò a valutare ciò che succede con

            riferimento ai miei valori, non

            rispetto a valori che non mi appartengono.

            Finalmente una cosa che condivido appieno.Quoto.Peccato sia l'unica che condivida (del suo messaggio, non del tuo che invece condivido tutto).
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Ma come qui Froid dice cose sensate, e da
            un'altra parte no?Dove? Ho solo detto che ha scritto cazzate in merito all'omosessualità, ma perché è figlio del suo tempo, non per altro.
            Allora ammetti che la sessualità del
            bambino è diversa da quella
            dell'adulto: hai appena detto che la
            seduzione è divera tra adulti e
            bambini. Lo neghi?Ho detto che il DESIDERIO (mi hai chiesto come può un bambino desiderare di stare con un adulto e ti ho risposto "nello stesso modo in cui un adulto può desiderare di stare con un adulto": non è il desiderio di stare con l'altro che cambia) è uguale e la MANIFESTAZIONE è diversa (perché l'adulto pensa più facilmente alla penetrazione -non necessariamente come parte attiva, eh- mentre normalmente un bambino -e qui intendo sotto i 10 perché come detto dagli 11 in poi non vi sono differenze sostanziali psicologiche nell'immaginario sessuale tra bambini e adulti- non ci pensa).La SEDUZIONE (cioè la capacità di suscitare NELL'ALTRO il desiderio) è ancora un'altra cosa, ed è tendente all'uguale (per banale processo di imitazione). In molti casi non riesce ad essere uguale, ma questo non possiamo dirlo in senso assoluto: il più delle seduzioni non ha esito perché la maggioranza degli adulti è insensibile alle seduzioni dei bambini. Quindi probabilmente non è che non è uguale, ma è che gli adulti non se ne accorgono, o se se ne accorgono, pensano sia uno scimmiottamento e nulla più.
            Dimentichi che se pure le pulsioni sono
            regolate da ormoni, il cervello generalmente
            non è ancora così maturato da
            accettare capendolo ciò che viene
            loro "adeguatamente" proposto.L'hai detto. GENERALMENTE.Infatti come ho detto non ho detto che TUTTI i bambini siano psicologicamente pronti. Ho affrontato al contrario un discorso statistico: se a 14 anni la maggioranza è pronta (e se non fosse così non avrebbe senso la legge) allora una minoranza a 13 lo è, una minoranza ancora inferiore a 12 e un'altra ancora inferiore a 11. Dovrei dire "e così via" ma ritengo che dai 10 in giù queste minoranze siano talmente risibili e contemporaneamente non rientrerebbe il concetto di maturità *fisica* che è altrettanto valida di quella psicologica.[Prima dei 10-11 non si fantastica la penetrazione]
            Anche dopo, non puoi essere così
            certo di una affermazione del genereMa tendente a scomparire. Questo per alcuni avviene prima e per altri un po' più tardi. Ma per alcuni avviene prima ed è di quelli che sto parlando, a loro viene negato il diritto alla sessualità (ed è un loro diritto).
            Probabilmente questo è ciò che
            tu immagini succeda: le descrizioni di chi
            c'è passato generalmente non sono poi
            così "leggere"...Perché hai letto solo descrizioni di rapporti palesemente violenti.Io ho letto *ANCHE* (nota bene anche, non solo) descrizioni di rapporti non violenti e che non hanno provocato alcun danno alla presunta vittima.Non sto dicendo che quelli che dico io siano la maggioranza, anzi credo fermamente che siano una minoranza. Ma esistono anche se sono una minoranza, non si possono negare.
            Questa propio mi mancava: sapevo che la fase
            ludica produce una senzazione di piacere, ma
            che questo fosse di tipo sessuale non lo
            immaginavo proprio...L'erezione come la giudichi?Hai mai fatto la lotta da piccolo coi tuoi compagni?Forse non te lo ricordi, non so nemmeno quanti anni hai.Io ne ho quasi 28 e me lo ricordo chiaramente.
            Non è che confondi gratificazione,
            senzazione di piacere intellettuale nel fare
            una cosa piacevole, con l'orgasmo, termine
            per designare il piacere sessuale?No, non sto parlando di orgasmo, aspetta. Ho parlato di eccitazione sessuale, e l'erezione indica quella. Per arrivare all'orgasmo dalla sola erezione solitamente serve qualcosa di più.
            SEI PROPIO SICURO CHE IL BAMBINO INTENDA
            TUTTO PER GIOCO? Anche quando un adulto lo
            usa certamente non in maniera GIOCOSA per
            soddisfare il proprio desiderio sessuale?E che ne sai che lo usa non in maniera giocosa? Ma soprattutto che ne sai che lo USA?
            E
            sei proprio così convinto che sia un
            gioco che si concluda con un raspone da
            parte dell'adulto?Non sempre, ma potrebbe essere che succeda in alcuni casi.Tu non ce l'hai il dubbio? Perché? Io il dubbio me lo pongo su tutto e soprattutto su tutte le teorie che presumono le parole "sempre" o "tutti" o "sei proprio sicuro".Allora per rispondere alle tue ultime domande: no, non ne sono sicuro.Tu lo sei? Hai prove inequivocabili che riguardano senza alcuna ombra di dubbio l'intera popolazione mondiale? Hai prove che tutte le descrizioni positive siano sempre inequivocabilmente costruite ad arte? Hai prove che tutte le descrizioni negative siano sempre inequivocabilmente vere?Se ce l'hai, mostramele, e io non avrò più dubbi.Ma se come me non ne hai, allora mi stupisco come tu, in quanto essere pensante e razionale, non abbia il benché minimo dubbio.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Tra adulti e fanciulli il rapporto esiste e
            come: il bambino ha la predisposizione
            genetica ad usare gli adulti come modello:
            sta agli adulti fare in modo che tale
            modello sia costruttivo e non distruttivo.Il sesso è distruttivo?
            Infatti la religione insegnata ai bambini
            è solo la parte fantastica della
            religione stessa, crescedndo se vuole
            può integrare le sue conoscenze con
            altre letture delle Sacre Scritture sempre
            più complete di cose che non sono
            più fantatiche...Il Battesimo, l'Eucaristia e la Confessione coinvolgono bambini (per tacere dei chierichetti).Non mi pare che insegnino la parte fantastica, a meno che per fantastica tu non intenda metafisica. Ma allora ti chiedo, visto che il bambino ha molte meno difficoltà a imparare le cose tangibili e materiali di quelle non materiali perché il sesso, che è inevitabilmente materiale, non viene insegnato ai bambini e si insegna piuttosto il concetto di "non commettere atti impuri"?
            Credi che la Bibbia sia composta solo daii
            libri che legge la maggior parte delle
            persone?Certo che no.
            Imporre in fase di crescita un uso della
            sessualità ad hoc per soddisfare in
            primis un adulto non è una cosa
            moralmente accettabile, se non altro
            perché giocata in modo sleale!Questo perché tu includi "ad hoc per soddisfare il primis un adulto". E se invece fosse per soddisfare in primis il bambino? Ci hai mai pensato? Ti sei mai posto il dubbio?[Efebofili]
            Credo che in questo caso mostri, o cancro,
            della società sia più corretto...Quoto, per quanto ritenga che comunque finché non faranno nulla vadano lasciati stare, non appena faranno -o proveranno a fare- qualcosa, allora in cella di rigore senza nessuna pietà (ma questo concetto lo penso pari pari per i terroristi, per farti capire come la penso).
            Anche affermare che la sessualità
            infantile sia paragonabile a quella adulta
            is not politically correct :)Paragonabile tutto ciò che ha qualcosa di similare è paragonabile: pasta e fagioli e pasta e lenticchie sono due piatti paragonabili perché c'è la pasta, mentre un'automobile con la nutella non sono paragonabili.La sessualità infantile e la sessualità adulta sono paragonabili perché comunque nonostante le differenze coinvolgono zone del corpo analoghe; non ho detto che siano uguali e le differenze principali le ho citate (quella adulta include la penetrazione a diversi livelli mentre quella infantile no).
            Continuo a credere che partendo da un punto
            di vista errato confondi un po' le cose...Io parto dal punto di vista che nella classificazione degli individui non si possa mai generalizzare. Questo vale per tutti, vale anche per i bambini e vale anche per i pedofili. Come detto sopra sono una persona che si pone il dubbio su qualsiasi cosa, perché ritengo che questo porsi il dubbio sia insito nel concetto di intelligenza, e mi dispiace che ci siano persone così sicure delle proprie idee da applicarle all'intera popolazione italiana, europea, o peggio ancora mondiale. E' un po' come dire che tutti gli abitanti degli USA sono a favore di Bush quando è ovvio che non è assolutamente così.Lo stesso discorso ritengo valga per qualsiasi concetto applicato a qualsiasi categoria.Anch'io purtroppo cado talvolta in generalizzazioni (ad esempio contro i media, contro il sistema giudiziario, contro le FF.OO.), ma solo perché sono consapevole che certa gente certi errori NON li dovrebbe mai fare, perché se li fa si paga con la vita (e il fatto che in Italia non vi sia la pena di morte vuol dire solo che si paga con la morte sociale, che per certi versi è pure peggio).
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Ok, ho cercato la parola efebofilo sul
            dizionario e non l'ho trovata. Ho
            però trovato efebo, che nella grecia
            antica indicava il ragazzo adolescente o
            subito oltre l'adolescenza. Quindi un
            efebofilo non commette nulla di illegale
            amando un'adolescente. Molto probabilmente
            è per questo che quella parola non
            è neppure citata sui dizionari.Probabilmente a questo punto le mie fonti riguardanti la parola "efebofilia" erano sbagliate (o forse mi ricordo io male). Anche perché facendo una ricerca veloce su google sembra sia proprio come dici tu.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per capire
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da: Anonimo





        La tua è pubblicità.Sbagli, questa è informazione :Save the Children è la più grande organizzazione internazionale indipendente per la difesa e la promozione dei diritti dei bambini. Opera in oltre 100 paesi nel mondo con una rete di 27 organizzazioni nazionali e un ufficio di coordinamento internazionale: la International Save the Children Alliance. Save the Children sviluppa progetti che consentono miglioramenti sostenibili e di lungo periodo a beneficio dei bambini, lavorando a stretto contatto con le comunità locali; porta aiuti immediati, assistenza e sostegno alle famiglie e ai bambini in situazioni di emergenza, createsi a causa di calamità naturali o di guerre; parla a nome dei bambini e promuove la loro partecipazione attiva, intervenendo per far pressione su governi e istituzioni nazionali e internazionali.Le statistiche parlano da sole. 600 milioni di bambini, un quarto di tutti i bambini del mondo, vivono in condizioni di assoluta povertà. Ogni anno 12 milioni di bambini al di sotto dei 5 anni muoiono per malattie di facile prevenzione. Oltre 16 milioni hanno perso la madre o entrambi i genitori a causa dell'AIDS. Circa 250 milioni lavorano, spesso in condizioni di pericolo e sfruttamento. Risulta dolorosamente evidente come non si stia facendo abbastanza per proteggere la prossima generazione di adulti.Save the Children lavora per:un mondo che rispetti e valorizzi ogni bambino un mondo che ascolti i bambini e impari da loro un mondo in cui tutti i bambini abbiano speranze ed opportunità L’International Save the Children Alliance è una ONG (Organizzazione Non Governativa) con status consultivo presso il consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite.Save the Children ItaliaSave the Children Italia è una ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale). E’ presente in Italia dalla fine del 1998 e, dalla primavera del 2000, ha una sede operativa a Roma. L'Organizzazione Internazionale è impegnata a tutelare e promuovere i diritti dei bambini anche nel nostro paese, concentrandosi su situazioni dell'infanzia particolarmente svantaggiate o difficili. La lotta al razzismo e alla discriminazione, le iniziative in risposta alla drammatica condizione dei minori coinvolti nel traffico degli esseri umani, la non facile situazione dei bambini che, per diversi motivi, si trovano in Italia senza la propria famiglia, sono solo alcune delle iniziative nelle quali Save the Children è impegnata attivamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per capire
          - Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Brontoleus



          - Scritto da: Anonimo










          La tua è pubblicità.

          Sbagli, questa è informazione :


          Save the Children è la più
          grande organizzazione internazionale
          indipendente per la difesa e la promozione
          dei diritti dei bambini. Opera in oltre 100
          paesi nel mondo con una rete di 27
          organizzazioni nazionali e un ufficio di
          coordinamento internazionale: la
          International Save the Children Alliance.

          Save the Children sviluppa progetti che
          consentono miglioramenti sostenibili e di
          lungo periodo a beneficio dei bambini,
          lavorando a stretto contatto con le
          comunità locali; porta aiuti
          immediati, assistenza e sostegno alle
          famiglie e ai bambini in situazioni di
          emergenza, createsi a causa di
          calamità naturali o di guerre; parla
          a nome dei bambini e promuove la loro
          partecipazione attiva, intervenendo per far
          pressione su governi e istituzioni nazionali
          e internazionali.

          Le statistiche parlano da sole. 600 milioni
          di bambini, un quarto di tutti i bambini del
          mondo, vivono in condizioni di assoluta
          povertà. Ogni anno 12 milioni di
          bambini al di sotto dei 5 anni muoiono per
          malattie di facile prevenzione. Oltre 16
          milioni hanno perso la madre o entrambi i
          genitori a causa dell'AIDS. Circa 250
          milioni lavorano, spesso in condizioni di
          pericolo e sfruttamento. Risulta
          dolorosamente evidente come non si stia
          facendo abbastanza per proteggere la
          prossima generazione di adulti.Da quello che dici mi sembra che ci siano problemi ben più urgenti di quelli del trovare chi stà scaricando immagini pedoporno.Usate quei soldi per risolvere quei problemi, salvate delle vite, migliorate il loro livello di vita e vedrete che ridurrete pure lo sfruttamento dei minori.Ma lasciate tranquilli gli internauti che scaricano troppo.
          Save the Children lavora per:

          un mondo che rispetti e valorizzi ogni
          bambino
          un mondo che ascolti i bambini e impari da
          loro
          un mondo in cui tutti i bambini abbiano
          speranze ed opportunità

          L?International Save the Children
          Alliance è una ONG (Organizzazione
          Non Governativa) con status consultivo
          presso il consiglio Economico e Sociale
          delle Nazioni Unite.



          Save the Children Italia
          Save the Children Italia è una ONLUS
          (Organizzazione Non Lucrativa di
          Utilità Sociale). E? presente
          in Italia dalla fine del 1998 e, dalla
          primavera del 2000, ha una sede operativa a
          Roma. L'Organizzazione Internazionale
          è impegnata a tutelare e promuovere i
          diritti dei bambini anche nel nostro paese,
          concentrandosi su situazioni dell'infanzia
          particolarmente svantaggiate o difficili. La
          lotta al razzismo e alla discriminazione, le
          iniziative in risposta alla drammatica
          condizione dei minori coinvolti nel traffico
          degli esseri umani, la non facile situazione
          dei bambini che, per diversi motivi, si
          trovano in Italia senza la propria famiglia,
          sono solo alcune delle iniziative nelle
          quali Save the Children è impegnata
          attivamente.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Da quello che dici mi sembra che ci siano
            problemi ben più urgenti di quelli
            del trovare chi stà scaricando
            immagini pedoporno.
            Usate quei soldi per risolvere quei
            problemi, salvate delle vite, migliorate il
            loro livello di vita e vedrete che ridurrete
            pure lo sfruttamento dei minori.
            Ma lasciate tranquilli gli internauti che
            scaricano troppo.Quell'internauta che sta scaricando un'immagine pedoporno sta scaricando un'immagine che raffigura un bambino venduto, stuprato e dopo ammazzato.Non stiamo parlando di persone che scaricano mp3, stiamo parlando di qualcuno che eventualmente si tira un raspone su un bambino stuprato o che ha la curiosita' di vedere come sia la cosa."Save the children" ed associazioni simili si occupano di dare un futuro decente a quel bambino cercando di evitare che vengano venduti dalle famiglie.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            Non stiamo parlando di persone che scaricano
            mp3, stiamo parlando di qualcuno che
            eventualmente si tira un raspone su un
            bambino stuprato o che ha la curiosita' di
            vedere come sia la cosa.Quindi? Perché dovrebbe essere peggio di chi scarica mp3? Se chi scarica mp3 fa male al mercato discografico perché non fa guadagnare soldi alle case discografiche e agli autori, perché chi scarica pedoporno non dovrebbe far male al mercato dei bambini sfruttati per produrre e vendere pornografia infantile, togliendogli fondi (non paga né guarda banner) e di conseguenza non aumentando le nuove violenze?O pensi che se non scaricasse foto se ne starebbe buono buono? Meglio il raspone su una foto, no?
            "Save the children" ed associazioni simili
            si occupano di dare un futuro decente a quel
            bambino cercando di evitare che vengano
            venduti dalle famiglie.Allora vadano ad aiutare i bambini sul posto (e se già lo fanno facciano SOLO quello) e non a cercare chi scarica foto dalla Internet.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo

            Non stiamo parlando di persone che
            scaricano

            mp3, stiamo parlando di qualcuno che

            eventualmente si tira un raspone su un

            bambino stuprato o che ha la curiosita'
            di

            vedere come sia la cosa.
            Quindi? Perché dovrebbe essere peggio
            di chi scarica mp3? Se chi scarica mp3 fa
            male al mercato discografico perché
            non fa guadagnare soldi alle case
            discografiche e agli autori, perché
            chi scarica pedoporno non dovrebbe far male
            al mercato dei bambini sfruttati per
            produrre e vendere pornografia infantile,
            togliendogli fondi (non paga né
            guarda banner) e di conseguenza non
            aumentando le nuove violenze?
            O pensi che se non scaricasse foto se ne
            starebbe buono buono? Meglio il raspone su
            una foto, no?
            Già peccato che per far fare un raspone a qualcuno ci sia un'altro che subisce un danno più o meno grave....:(

            "Save the children" ed associazioni
            simili

            si occupano di dare un futuro decente a
            quel

            bambino cercando di evitare che vengano

            venduti dalle famiglie.
            Allora vadano ad aiutare i bambini sul posto
            (e se già lo fanno facciano SOLO
            quello) e non a cercare chi scarica foto
            dalla Internet.Continui a dimenticare che in questo caso non puoi applicare la regola che la domanda crei l'offerta in quanto vale anche il fatto che l'offerta crea il mercato, senza soluzione di continuità, a meno di non fermare etntrambe le cose.Ciò non implica fermare internet come qualcuno afferma, significa solo impedire che tale mezzo venga usato per un tale "mercato".
          • Anonimo scrive:
            Re: Per capire
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Da quello che dici mi sembra che ci
            siano

            problemi ben più urgenti di
            quelli

            del trovare chi stà scaricando

            immagini pedoporno.

            Usate quei soldi per risolvere quei

            problemi, salvate delle vite,
            migliorate il

            loro livello di vita e vedrete che
            ridurrete

            pure lo sfruttamento dei minori.

            Ma lasciate tranquilli gli internauti
            che

            scaricano troppo.

            Quell'internauta che sta scaricando
            un'immagine pedoporno sta scaricando
            un'immagine che raffigura un bambino
            venduto, stuprato e dopo ammazzato.1. Non tutte le foto pedopornografiche rappresentano bambini venduti, stuprati e/o ammazzati.2. La foto non rappresenta l'omicidio, ma solo un rapporto sessuale che può anche far schifo a qualcuno ma non per questo deve per forza essere vietato (a me personalmente fa più schifo il corpo di una 90enne che quello di una 9enne, ma non vado in giro a richiedere l'abolizione o la condanna di quelli che scaricano foto con 90enni nude).3. Se tu scarichi il filmato con quel poveraccio che si stà facendo decapitare dai terroristi Iracheni, sei colpevole di omicidio? E se godi nel vedere quel filmato, vuol dire che stai favoreggiando il terrorismo? Secondo me hai semplicemente un problema, ma non sei sicuramente colpevole di omicidio e neppure condannabile, anche se io, personalmente, rabbrividisco al solo pensiero che qualcuno possa farsi un raspone di fronte a qualcuno che si fa decapitare.
            Non stiamo parlando di persone che scaricano
            mp3, stiamo parlando di qualcuno che
            eventualmente si tira un raspone su un
            bambino stuprato o che ha la curiosita' di
            vedere come sia la cosa.Perchè, da quando la curiosità è un crimine? C'è gente che si ferma a guardare gli incidenti stradali per curiosità. Che criminali, pensa che delle persone sono rimaste ferite o uccise nell'incidente, e questi stanno curiosando, osceno, la polizia dovrebbe arrestarli tutti stì curiosi.Se ti scarichi delle immagini pedopornografiche per curiosità, non ci vedo proprio nulla di male. Stai semplicemente cercando di farti un'idea su di cosa si tratta.Non puoi forgiarti un'opinione tua se non raccogli prima delle informazioni. E questo sia che si tratti della guerra in Iraq, sia che si tratti di pedofilia. E spiegami perchè gli stessi che si lamentano della soggettività e la parzialità dei giornali sulla guerra non si lamentano della stessa quando si tratta di pedofilia? anzi, tendono a richiedere il silenzio di chiunque non abbia lo stesso avviso?
            "Save the children" ed associazioni simili
            si occupano di dare un futuro decente a quel
            bambino cercando di evitare che vengano
            venduti dalle famiglie.Bellissimo intento, ma secondo me non arriveranno a nulla combattendo lo scaricare su Internet, anzi, rischiano di consumare inutilmente risorse che potrebbero essere meglio spese per agire veramente sul terreno aiutando chi ne ha davvero bisogno.Per adesso non posso che augurare buon lavoro a "Save the children" e ad altre associazioni simili, ma sempre tenendo presente che il vero problema non è la pedofilia e neppure chi scarica immagini, ma è la povertà, l'ignoranza e la corruzione, aiutata da una buona dose di criminalità.L'accettare la pedofilia come fatto naturale quale è aiuterebbe sicuramente a ridurre la parte di criminalità, per il resto occorre duro lavoro e mezzi.
  • Brontoleus scrive:
    Re: Rivolta!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Internet aumenta il numero di persone
    interessate? Come? Ma allora la pedofilia e'
    in aumento? E perche' dovrebbe aumentare
    visto che in quanto orientamento sessuale e'
    determinato alla nascita come
    l'omosessualita' e l'eterosessualita'?
    Si finanzia il mercatopedoporno che cosi'
    fara' nuove vittime. E chi lo dice? In
    internet ci sono scambi senza alcuno scopo
    di lucro di immagini pedoporno, nelle reti
    p2p, in irc, in comunita' web e chissa' dove
    altro ancora. Se non c'e' pagamento non c'e'
    finanziamento, se non c'e' finanziamento non
    c'e' aumento degli abusi. Allora come si
    giustifica la galera per il semplice
    possesso? Come cavolo ce la giustificano la
    galera i nostri politicanti?Hai centrato il punto, la risposta è una sola: stupidità.Stupidità dei politici e stupidità di chi li vota. Il problema è che i politici stupidi non solo sono la stragrande maggioranza (come gli italiani stupidi) ma sono anche in tutte le parti politiche (come gli italiani stupidi). Ci sono partiti con percentuali minori di stupidi ma comunque sono sempre più della metà.D'accordo su tutto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivolta!!!
      - Scritto da: Brontoleus

      - Scritto da: Anonimo

      Internet aumenta il numero di persone

      interessate? Come? Ma allora la
      pedofilia e'

      in aumento? E perche' dovrebbe aumentare

      visto che in quanto orientamento
      sessuale e'

      determinato alla nascita come

      l'omosessualita' e l'eterosessualita'?

      Si finanzia il mercatopedoporno che
      cosi'

      fara' nuove vittime. E chi lo dice? In

      internet ci sono scambi senza alcuno
      scopo

      di lucro di immagini pedoporno, nelle
      reti

      p2p, in irc, in comunita' web e chissa'
      dove

      altro ancora. Se non c'e' pagamento non
      c'e'

      finanziamento, se non c'e'
      finanziamento non

      c'e' aumento degli abusi. Allora come si

      giustifica la galera per il semplice

      possesso? Come cavolo ce la
      giustificano la

      galera i nostri politicanti?
      Hai centrato il punto, la risposta è
      una sola: stupidità.
      Stupidità dei politici e
      stupidità di chi li vota. Il problema
      è che i politici stupidi non solo
      sono la stragrande maggioranza (come gli
      italiani stupidi) ma sono anche in tutte le
      parti politiche (come gli italiani stupidi).
      Ci sono partiti con percentuali minori di
      stupidi ma comunque sono sempre più
      della metà.
      D'accordo su tutto.Non stupidi, opportunisti. L'unica cosa che conta è essere popolari per essere rieletti.Non preoccuparti che se la maggioranza del popolo italiano chiedesse la reintroduzione della pena di morte i politici non si chiederebbero più se è una cosa buona o meno, cavalcherebbero l'onda con il solo scopo di farsi eleggere. E la pena di morte sarebbe reintrodotta.Basta dare un'occhiata negli USA dove oggigiorno sono i più bigotti e i più apertamente anti-gay e anti-aborto che sono i più votati. Un politico per farsi eleggere negli USA oggi ha più interesse ad essere di quel tipo che al suo opposto.E non penso che in Italia sia poi molto diverso.
      • Brontoleus scrive:
        Re: Rivolta!!!
        - Scritto da: Anonimo
        Non stupidi, opportunisti. L'unica cosa che
        conta è essere popolari per essere
        rieletti.
        Non preoccuparti che se la maggioranza del
        popolo italiano chiedesse la reintroduzione
        della pena di morte i politici non si
        chiederebbero più se è una
        cosa buona o meno, cavalcherebbero l'onda
        con il solo scopo di farsi eleggere. E la
        pena di morte sarebbe reintrodotta.La gente lo vorrebbe ma l'Italia sarebbe screditata a livello internazionale. Le associazioni come Amnesty International andrebbero su tutte le furie.[situazione in USA]
        E non penso che in Italia sia poi molto
        diverso.Non lo è. :(
  • Anonimo scrive:
    Se i pedofili son così tanti...
    ...ed in così costante aumento, fra neanche 20 anni la pedofilia sarà un comportamento seussuale perfettamente lecito perchè praticato dai più.Rassegnatevi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Se i pedofili son così tanti...
      - Scritto da: Anonimo
      ...ed in così costante aumento, fra
      neanche 20 anni la pedofilia sarà un
      comportamento seussuale perfettamente lecito
      perchè praticato dai più.


      Rassegnatevi.Finchè continueranno a pompare e propagandare in questo modo un fenomeno che per adesso coinvolge una esigua moniranza di persone fra non molto saremo tuttti pedofili.Difatti già oggi è sufficiente guardare una ragazina di 17 anni 11 mesi e 29 giorni per essere considerati dei pericolosissimi pedofili.
      • Anonimo scrive:
        Re: Se i pedofili son così tanti...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo

        ...ed in così costante aumento,
        fra

        neanche 20 anni la pedofilia
        sarà un

        comportamento seussuale perfettamente
        lecito

        perchè praticato dai più.





        Rassegnatevi.

        Finchè continueranno a pompare e
        propagandare in questo modo un fenomeno che
        per adesso coinvolge una esigua moniranza
        di persone fra non molto saremo tuttti
        pedofili.
        Difatti già oggi è sufficiente
        guardare una ragazina di 17 anni 11 mesi e
        29 giorni per essere considerati dei
        pericolosissimi pedofili.Se tu hai 18-20 anni no, se ne hai 60 il dubbio è legittimo....
        • Anonimo scrive:
          Re: Se i pedofili son così tanti...
          - Scritto da: Anonimo

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: Anonimo


          ...ed in così costante
          aumento,

          fra


          neanche 20 anni la pedofilia

          sarà un


          comportamento seussuale
          perfettamente

          lecito


          perchè praticato dai
          più.








          Rassegnatevi.



          Finchè continueranno a pompare e

          propagandare in questo modo un
          fenomeno che

          per adesso coinvolge una esigua
          moniranza

          di persone fra non molto saremo tuttti

          pedofili.

          Difatti già oggi è
          sufficiente

          guardare una ragazina di 17 anni 11
          mesi e

          29 giorni per essere considerati dei

          pericolosissimi pedofili.
          Se tu hai 18-20 anni no, se ne hai 60 il
          dubbio è legittimo....Legittimo che??!! Allora uno a 60 anni che fa si spara??Proibito guardare?? Ma per favore!!!!!!!!!!
        • Brontoleus scrive:
          Re: Se i pedofili son così tanti...
          - Scritto da: Anonimo

          guardare una ragazina di 17 anni 11

          mesi e 29 giorni per essere considerati dei

          pericolosissimi pedofili.
          Se tu hai 18-20 anni no, se ne hai 60 il
          dubbio è legittimo....Falso.
  • Anonimo scrive:
    SONDAGGIO - esperienza personale
    Da anni navigo in TUTTI i siti che trovo, giro in TUTTI i newsgroups, e uso TUTTI i programmi di p2p, scaricando TUTTO quello che posso. L'uso dei caratteri maiuscoli non è casuale.EPPURE... sono venuto a conoscenza del fatto che in internet gira materiale di tipo pe*ofilo solo dai mass-media tradizionali (tv, giornali, radio). Su internet, non ne ho MAI trovato.... ... ... Non è strano tutto ciò? Quanti di voi si sono trovati in una situazione come questa (paradossale, direi)?
    • Masque scrive:
      Re: SONDAGGIO - esperienza personale
      Onestamente, sono del tuo stesso parere. Però, devo anche aggiungere che non scarico, visito o leggo TUTTO e che non mi sono mai messo esplicitamente a cercare materiale simile (me ne guardo bene anche solo dal pensarci!!). Come ho scritto nel thread "Mancano sempre il bersaglio", è molto più facile che una persona subisca notizie od informazioni riguardanti la pedofilia tramite i media tradizionali che non in internet.-- Masque
    • Anonimo scrive:
      Re: SONDAGGIO - esperienza personale
      Io una volta cercando foto pornosoft di ragazze (ebbene si' mi piacciono le ragazze, condannatemi) sono finito su un sito con ragazze un po' giovani, non saprei proprio dire se maggiorenni o minorenni, impossibile stabilirlo. Ma la cosa brutta non e' questa bensi' che mi si e' aperto un popup con una top100 di siti di giovani modelle (ragazzine, tipo sui 12 anni, ma vestite credo!) ma anche pedo, non so quanto pedo che ne so non sono andato a guardarli. Sicuramente ce ne saranno stati anche di illegali.Siccome presumo che i banner fossero sui server dei singoli siti significa che dalla mia connessione, anche se ho chiuso subito la pagina, sono partite richieste di download di file ad un centinaio di siti del genere.Cosa faccio adesso? Io tra l'altro con il pc ci campo perche' ci lavoro. Me ne frego? Mi sparo? Scrivo ai giornali? Mi castro chimicamente?
      • Anonimo scrive:
        Re: SONDAGGIO - esperienza personale
        Scusa, il sito ti ha insospettito? Ti ha offeso?Mi sembra di si.Mi sembra che tu ti sia trovato di fronte a dei criminali che hanno speculato, o speculano, su minori. Criminali con tanto di sito, identificabile. E che questo ti abbia dato giustamente fastidio.Non hai pensato di segnalarli alla polizia postale?Quello che stavi facendo non è assolutamente una cosa censurabile o illegale, sono loro che ci sarebbero (FORSE, se la legge fosse uguale per tutti... se la legge si muovesse...) andati di mezzo. Non ti fare spaventare da questo battage pro-pedopornografico (altro che battage pedofobico, qui molti istigano a chiudere gli occhi, a "facessi gli affari sua, ah!" e non collaborare con le autorità, gravissimo!), davanti ad episodi del genere hai tutto IL DIRITTO di sentitri tranquillo a fare partire una bella denuncia contro quel sito!
        • Brontoleus scrive:
          Re: SONDAGGIO - esperienza personale
          - Scritto da: Anonimo
          Non ti fare spaventare da questo battage
          pro-pedopornografico (altro che battage
          pedofobico, qui molti istigano a chiudere
          gli occhi, a "facessi gli affari sua, ah!" e
          non collaborare con le autorità,
          gravissimo!), davanti ad episodi del genere
          hai tutto IL DIRITTO di sentitri tranquillo
          a fare partire una bella denuncia contro
          quel sito!Come lo trova lui lo possono trovare anche le autorità. Collaborare con le autorità va bene se sei convinto di essere perfettamente in regola con la legge, e non mi sto riferendo certo al pedoporno, ma a reati molto più diffusi come ad esempio la violazione del copyright.Ricordatevi che QUALSIASI segnalazione attirerà le attenzioni delle autorità. Se reiterata, poi, cominceranno a sospettare che ve le andate a cercare e magari cercate l'impunità attraverso la segnalazione.Siete cittadini indegerrimi? Benissimo, segnalate.Non lo siete? Ognuno ha i suoi scheletri nell'armadio.Io condivido e ho condiviso decine di GB di mp3 e di giochi per PC e PSX e se incappassi su materiale pedopornografico *MAI* mi sognerei di segnalarlo.Volete fare diversamente? Fate pure, ma non veniate a lamentarvi quando verranno a casa vostra e troveranno Windows piratato + divx + mp3 + giochi.
          • Anonimo scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale
          • Brontoleus scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale
            [Post stranamente vuoto]-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 luglio 2006 14.41-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale

            Io condivido e ho condiviso decine di GB di
            mp3 e di giochi per PC e PSX Hai mai provato a scaricare da Gicgi Di Fantasia.itwww.gdf.itaraaance!!!
            e se incappassi
            su materiale pedopornografico *MAI* mi
            sognerei di segnalarlo.Questo è rinunciare ad un tuo diritto di cittadino, punto e basta.
          • Brontoleus scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale
            - Scritto da: Anonimo

            e se incappassi

            su materiale pedopornografico *MAI* mi

            sognerei di segnalarlo.
            Questo è rinunciare ad un tuo diritto
            di cittadino, punto e basta.Appunto, DIRITTO e non DOVERE. Ai diritti ognuno può rinunciare quando e come vuole.
          • Anonimo scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale

            Appunto, DIRITTO e non DOVERE. Ai diritti
            ognuno può rinunciare quando e come
            vuole.Il genere di diritti a cui proponi di rinunciare allegramente e quelli che invece ti impunti a non rinunciare o a voler estendere o a voler rendere diritti la dicono MOLTO lunga!
          • Brontoleus scrive:
            Re: SONDAGGIO - esperienza personale
            - Scritto da: Anonimo
            Il genere di diritti a cui proponi di
            rinunciare allegramente e quelli che invece
            ti impunti a non rinunciare o a voler
            estendere o a voler rendere diritti la
            dicono MOLTO lunga!Anzitutto firmati se vuoi parlare con me.Poi a cosa ti riferisci? Io ho detto che chi commette le violenze va punito, ho detto che chi compra e chi vende le immagini delle violenze va punito, ho detto che non sempre il sesso è violenza, ho detto che non sempre una foto contiene scene di violenza, ho detto che chi guarda non commette violenza, ho detto (e RIBADISCO) che trovare siti è compito delle forze dell'ordine, e segnalarli NON E' UN DOVERE (non c'è nessuna legge italiana che obbliga i cittadini a farlo) ma semmai un diritto e in quanto tale rinunciabile, specialmente in virtù del fatto che attira inevitabilmente le attenzioni delle forze dell'ordine. Se c'è chi non ha mai commesso il più piccolo reato e non ha paura di una perquisizione con vita rovinata, tanto di cappello. Se invece c'è chi ha Windows piratato e si scarica iso/mp3/divx (non pedoporno) e quant'altro allora è soltanto FESSO dal mio punto di vista, rimane libero ovviamente di segnalare perché la vita è sua ed è libero di rovinarsela.==================================Modificato dall'autore il 12/11/2004 18.48.53
      • Anonimo scrive:
        Re: SONDAGGIO - esperienza personale
        - Scritto da: Anonimo
        bensi' che mi si e' aperto un popup con una
        top100 di siti di giovani modelle
        (ragazzine, tipo sui 12 anni, ma vestite
        credo!) ma anche pedo, non so quanto pedo
        che ne so non sono andato a guardarli.
        Sicuramente ce ne saranno stati anche di
        illegali.
        Siccome presumo che i banner fossero sui
        server dei singoli siti significa che dalla
        mia connessione, anche se ho chiuso subito
        la pagina, sono partite richieste di
        download di file ad un centinaio di siti del
        genere.
        Cosa faccio adesso? Io tra l'altro con il pc
        ci campo perche' ci lavoro. Me ne frego? Mi
        sparo? Scrivo ai giornali? Mi castro
        chimicamente?Passa a Firefox. I popup saranno solo un brutto ricordo.
  • Anonimo scrive:
    Mi auguro che Punto Informatico sia paga
  • Anonimo scrive:
    Re: Rivolta!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Rivolta morale e politica contro questo
    bigottismo da caccia alle streghe.
    Gli abusi (su chiunque, minori e adulti)
    sono male. Punto e stop. Il resto e' solo
    me..a con cui tentano di riempirci il
    cervello.E' difficile distinguere i molteplici effetti dell'abuso sessuale su un bambino, e che conseguentemente è consapevole che le immagini verranno distribuite in Internet. Si possono identificare:_ Gli effetti dell'abuso di per sé. _ Gli effetti derivanti dall'essere stati fotografati come vittime di abuso sessuale._ Gli effetti della consapevolezza che le immagini saranno scambiate.Nel documento di base del Secondo Congresso Mondiale contro lo Sfruttamento Sessuale dei Bambini a scopo Commerciale, John Carr scrive:"Tuttavia, anche quando è stato possibile identificare la vittima, le possibilità di aiutarla a riprendersi dal trauma del coinvolgimento iniziale nell?abuso possono essereseriamente compromesse se il bambino viene a sapere che le immagini che lo ritraggono nell'atto, possono essere copiate o convertite in formato digitale in qualsiasi altro modo, per essere collezionate in un computer o trasferite da un computer all'altro tramite Internet. In effetti, questo rende le immagini pubbliche in modo permanente. La sua immagine potrebbe improvvisamente comparire sullo schermo di un suo vicino o compagno di scuola. Può divenire parte del materiale in vendita ripetutamente sui siti pornografici o altri sistemi collegati al business della pedo-pornografia. Le autorità ed enti preposti non devono ricordare costantemente al bambino dell'abuso subito. Sia le autorità che i difensori del bambino devono coordinare il loro lavoro in modo da proteggerlo da un'eventuale ripetizione del racconto drammatico a un vario numero di adulti.Testimonianze suggeriscono che la registrazione diabuso sessuale in immagini pedo-pornografiche aggrava e prolunga la vittimizzazione del bambino.
    • Anonimo scrive:
      Re: Rivolta!!!
      - Scritto da: Anonimo


      - Scritto da: Anonimo

      Rivolta morale e politica contro questo

      bigottismo da caccia alle streghe.

      Gli abusi (su chiunque, minori e adulti)

      sono male. Punto e stop. Il resto e'
      solo

      me..a con cui tentano di riempirci il

      cervello.



      E' difficile distinguere i molteplici
      effetti dell'abuso sessuale su un
      bambino, e che conseguentemente è
      consapevole che le immagini verranno
      distribuite in Internet. Si possono
      identificare:
      _ Gli effetti dell'abuso di per sé.
      _ Gli effetti derivanti dall'essere
      stati fotografati come vittime di abuso
      sessuale.
      _ Gli effetti della consapevolezza
      che le immagini saranno scambiate.

      Nel documento di base del Secondo Congresso
      Mondiale contro lo Sfruttamento Sessuale dei
      Bambini a scopo Commerciale, John Carr
      scrive:
      "Tuttavia, anche quando è stato
      possibile identificare la vittima, le
      possibilità di aiutarla a riprendersi
      dal trauma del coinvolgimento iniziale
      nell?abuso possono essere
      seriamente compromesse se il bambino viene a
      sapere che le immagini che lo ritraggono
      nell'atto, possono essere copiate o
      convertite in formato digitale in qualsiasi
      altro modo, per essere collezionate in un
      computer o trasferite da un computer
      all'altro tramite Internet.
      In effetti, questo rende le immagini
      pubbliche in modo permanente. La sua
      immagine potrebbe improvvisamente comparire
      sullo schermo di un suo vicino o compagno di
      scuola. Può divenire parte del
      materiale in vendita ripetutamente sui siti
      pornografici o altri sistemi collegati al
      business della pedo-pornografia.
      Le autorità ed enti preposti non
      devono ricordare costantemente al bambino
      dell'abuso subito. Sia le autorità
      che i difensori del bambino devono
      coordinare il loro lavoro in modo da
      proteggerlo da un'eventuale ripetizione del
      racconto drammatico a un vario numero di
      adulti.
      Testimonianze suggeriscono che la
      registrazione di
      abuso sessuale in immagini
      pedo-pornografiche aggrava e prolunga la
      vittimizzazione del bambino.Sono parzialmente d'accordo su quello che dici. In caso di abuso non è piacevole avere continuamente la possibilità di ritrovarsi di fronte alle immagini dell'accaduto e neppure il sapere che quelle immagini restano in circolazione.Ma il problema è molto più profondo di quello che si pensi. Il problema in realtà è dato dall'educazione che si da al bambino. Se gli si ripete per tutta la vita che fare sesso è una cosa sporca e che non si devono avere rapporti sessuali prima dei 14 anni perchè non è giusto e che la persona con la quale ha avuto dei rapporti sessuali è un brutto cattivo e criminale, il bambino si abitua a questa visione delle cose e comincia a credere realmente di aver subito una violenza anche se al momento dei fatti era consenziente.La nostra società si rifiuta di accettare la sessualità dei bambini così come pena ad accettare la sessualità dei vecchi che spesso si ritrovano a doverla esprimere di nascosto (anche manifestando sensi di colpa).Il problema in realtà non è la sessualità, ma il rapporto che la nostra società ha con essa. È quello che è pervertito e andrebbe rivisto.In questo modo si ridurrebbero notevolmente in casi di autocolpevolizzazione e di disagio provato anche dalle vittime di reali abusi sessuali che ancora troppo spesso si nascondono dietro a un muro di omertà per paura di esporsi a una società che rischierebbe di condannarli ancor prima di colui che ne ha abusato.
  • Anonimo scrive:
    Mancano sempre il bersaglio...
    "Secondo l'esperto, tutto quello che va dalla prostituzione al turismo sessuale, fino al traffico di minori e agli abusi sui bambini, è stato alimentato dalla diffusione della rete. Questa non ne è evidentemente la causa, nelle parole di Balagopal, ma una incubatrice che permette a questi problemi di svilupparsi."Non si svilupparsi, ma di esplicitarsi. Non è utile fare queste dichiarazioni riduzioniste. La rete non può essere l'unico motivo per l'aumento dell'interesse in queste pratiche perverse.Indubbiamente, anche tutto il parlarne tramite media di vari tipi ha portato alla consocenza di più persone queste cose. Allo stesso modo in cui era successo qualche tempo fa in Italia per la questione del teppisti che lanciavano i sassi dai cavalcavia delle autostrade.A certe cose, un persona non ci pensa nemmeno se qualcuno non gliele mette davanti, e questo accade sia che siano i media tradizionali a metterglele davanti, sia che sia un conoscente, sia che sia la rete.Ma per quest'ultima, la questione è un po' differente, per un semplice motivo: in televisione, o sui giornali, non sei tu a decidere cosa vedere, sono i media che te lo propongono e tu subisci passivamente la loro scelta di notizie da mostrare (fra le quali anche gli arresti per pedofilia), che, in alcuni casi, per individui particolarmente sensibili, potrebbero portare all'imitazione (prima, magari, non ci avrebbero mai pensato). Per quanto riguarda la rete, le cose da vedere, una persona se le deve cercare, quindi la scelta e' completamente sua (certo, può capitare di finire su qualche pagina per errore, ma è meno probabile comunque di trovarsi davanti al naso un servizio televisivo sull'ennesimo caso di pedofilia!). Quand'e' allora che una persona si interessa di pedoporno in internet? Quando è già interessata a queste pratiche e ha sentito/letto su qualche testata che in internet si trova quel genere di materiale. Quando non era interessata, ma la sua personalità deviata lo ha portato ad interessarsi in seguito a qualche notizia sull'argomento vista magari non di sua iniziativa (dato che inizialmente potrebbe non essere stato al corrente di eventi simili).Sembrerà impossibile, dato che ora tutti sanno cosa sia la pedofilia (soprattutto grazie al gran parlare che se ne è fatto), ma qualche tempo fa, era possibilissimo che la maggior parte delle persone non si immaginasse neppure una cosa simile. Oppure che se la immaginasse, ma rimanesse così disgustato al pensiero da rimuovrlo istantaneamente, credendo che nessuno potrebbe mai fare cose del genere. Successivamente, i media gli hanno invece dimostrato che effettivamente qualcuno cose del genere le fa...Allora che fare? Censusre la diffusione di certe notizie sui media tradizionali? Non mi pare il caso, anche se forse avrebbe più senso questo che non l'accanirsi su internet. E poi, ormai, la frittata è fatta...Con la diffusione così capillare del sapere, non è più pensabile tornare in dietro, perchè i vantaggi che porta sono molto maggiori degli svantaggi, però bisogna educare le persone ad aumentare il proprio senso critico ed il proprio buonsenso. Non credere ne interiorizzare nulla sulla fiducia, testare ogni cosa, mettere in dubbio tutto."Beliefs allow the mind to stop functioning.A non-functioning mind is clinically dead.Believe in nothing" (Timothy Leary)-- Masque
  • Anonimo scrive:
    Sapete leggere ?
    Nessuno sta chiedendo la chiusura di Internet.Si dice tutto quello che va dalla prostituzione al turismo sessuale, fino al traffico di minori e agli abusi sui bambini, è stato alimentato dalla diffusione della rete. Questa non ne è evidentemente la causa, nelle parole di Balagopal, ma una incubatrice che permette a questi problemi di svilupparsiQualcuno può forse affermare il contrario ?E' chiaro che il fenomeno va fermato conservando alla grande rete le libertà digitali che sono parte costitutiva della sua diffusione e della sua importanza per l'umanità.Non vedo dove sia lo scandalo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Sapete leggere ?
      secondo me vogliono colpire il filesharingche ne dici?
    • Brontoleus scrive:
      Re: Sapete leggere ?
      - Scritto da: Anonimo
      Nessuno sta chiedendo la chiusura di
      Internet.
      Si dice tutto quello che va dalla
      prostituzione al turismo sessuale, fino al
      traffico di minori e agli abusi sui bambini,
      è stato alimentato dalla diffusione
      della rete.La crescita se c'è è in misura proporzionale alle altre attività (lecite e illecite) che si possono fare tramite Internet. Ma Internet ha fatto venire a galla il fenomeno e quindi ha facilitato la sua individuazione non solo da chi lo usa ma anche da chi lo indaga, criminalizzare Internet significa non aver capito nulla.
  • Anonimo scrive:
    due piccole considerazioni....
    primo: invece di constatare che viviamo in un mondo di mer**, dove c'è gente che va dietro al pedoporno, ci si preoccupa di internet.... mi fa incazzare la visione (purtroppo sempre piu diffusa) di una internet "contro le regole", sembra che tutti i mali nascano dalla rete.... non è che il cervello di molte persone è andato in tilt?secondo: se è vero che "Il problema - ha affermato - cresce in quelle aree del mondo, come l'Asia, dove il numero di persone connesse ad internet aumenta rapidamente", beh allora in Italia possiamo dormire sonni tranquilli.... almeno fino a quando non ci sarà la saturazione da digitale terrestre..... :D
  • Terra2 scrive:
    Mio dio!!
    Se l'unicef continua questa battaglia contro i mezzi che favoriscono la pedofilia su scala mondiale, prima o poi sara costretta a chiedere anche l'abolizione della chiesa cattolica?Vuoi vedere che Buttiglione c'ha ragione? :-) E' un complotto!
    • Anonimo scrive:
      Re: Mio dio!!
      - Scritto da: Terra2
      Se l'unicef continua questa battaglia contro
      i mezzi che favoriscono la pedofilia su
      scala mondiale, prima o poi sara costretta a
      chiedere anche l'abolizione della chiesa
      cattolica?

      Vuoi vedere che Buttiglione c'ha ragione? :)
      E' un complotto!E perche solo della chiesa cattolica? mi sembra che di pedofili ne siano usciti una bella carellata anche in quella anglicana inglese e statunitense....:(
      • Terra2 scrive:
        Re: Mio dio!!

        E perche solo della chiesa cattolica? mi
        sembra che di pedofili ne siano usciti una
        bella carellata anche in quella anglicana
        inglese e statunitense.... :(Non saprei... non sono al corrente degli sviluppi in inghilterra. Negli usa, lo scandalo emerso qualche anno fa, riguardava preti sotto la "giuristizione" del vaticano.Gli anglicani, inoltre, sono esentati dal voto di castità. Il che riduce di gran lunga il problema, permettendo loro, di dar libero sfogo agli impulsi di mamma natura in modo convenzionale :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Mio dio!!
          - Scritto da: Terra2


          E perche solo della chiesa cattolica? mi

          sembra che di pedofili ne siano usciti
          una

          bella carellata anche in quella
          anglicana

          inglese e statunitense.... :(

          Non saprei... non sono al corrente degli
          sviluppi in inghilterra. Negli usa, lo
          scandalo emerso qualche anno fa, riguardava
          preti sotto la "giuristizione" del vaticano.

          Gli anglicani, inoltre, sono esentati dal
          voto di castità. Il che riduce di
          gran lunga il problema, permettendo loro, di
          dar libero sfogo agli impulsi di mamma
          natura in modo convenzionale :)Ne sei proprio sicuro che l'esenzione dal voto di castità impedisca la pedofilia?
  • Anonimo scrive:
    il vero business del pedoporno
    all'inizio non ci credevo.... l'avevo presa come una leggenda metropolitana... poi scopri' che era tutto vero...esiste un numero enorme di dvd pornografici, venduti a prezzi assurdi, apparentemente con normale materiale per adulti... ma che in realta' sono mezzi per il trasporto di pedoporno.questi DVD, che pare siano in buona parte nelle mani di un russo, vero boss del settore, contengono tracce non accessibili tramite i normali menu ma solo conoscendone la procedure (delle sorte di easter eggs) con tracce pedoporno...in questo modo i dvd possono circolare tranquillamente tramite tutte le dogane, passare tutti i controlli, e arrivare nella grande distribuzione, e poi una volta qui... essere venduti al pubblico che tramite il passaparola, sa quale dvd comprare e come attivare la feature nascosta... nulla di piu' semplice, con tanto di tasse pagate, e bollino SIAE... e cosi' tutti contenti, e tutti zitti... tutti sanno e nessuno dice una parola.altro che internet... la pedofilia corre su altri canali, ora io conosco questo... ma nulla vieta che ne esistano altri anche piu' sofisticati, magari che utilizzano addirittura crittografia, perche' non inserire ad esempio una traccia video su un normale cd audio... o altri migliaia di metodi per far circolare informazioni alla luce del sole...altro che internet cari signori, perche' rischiare quando posso comprare un dvd andare a casa e guardarmi due energumeni che uccidono un bambino, senza aver lasciato neanche mezza traccia...
    • Anonimo scrive:
      Re: il vero business del pedoporno
      Mah mai sentito nulla del genere. Possibile? Non sara' un po' una leggenda metropolitana?
      • TrollSpammer scrive:
        Re: il vero business del pedoporno
        - Scritto da: Anonimo
        Mah mai sentito nulla del genere. Possibile?
        Non sara' un po' una leggenda metropolitana?Penso proprio sia una leggenda, altrimenti il primo che rippa quel dvd scopre subito la traccia non accessibile dai menu ;)
    • Brontoleus scrive:
      Re: il vero business del pedoporno
      - Scritto da: Anonimo
      all'inizio non ci credevo.... l'avevo presa
      come una leggenda metropolitana... poi
      scopri' che era tutto vero...

      esiste un numero enorme di dvd pornografici,
      venduti a prezzi assurdi, apparentemente con
      normale materiale per adulti... ma che in
      realta' sono mezzi per il trasporto di
      pedoporno.

      questi DVD, che pare siano in buona parte
      nelle mani di un russo, vero boss del
      settore, contengono tracce non accessibili
      tramite i normali menu ma solo conoscendone
      la procedure (delle sorte di easter eggs)
      con tracce pedoporno...

      in questo modo i dvd possono circolare
      tranquillamente tramite tutte le dogane,
      passare tutti i controlli, e arrivare nella
      grande distribuzione, e poi una volta qui...
      essere venduti al pubblico che tramite il
      passaparola, sa quale dvd comprare e come
      attivare la feature nascosta... nulla di
      piu' semplice, con tanto di tasse pagate, e
      bollino SIAE... e cosi' tutti contenti, e
      tutti zitti... tutti sanno e nessuno dice
      una parola.Quanto dici sembra fantascienza oltre ad essere molto preoccupante... la fonte?
    • Anonimo scrive:
      Re: il vero business del pedoporno
      - Scritto da: Anonimo
      all'inizio non ci credevo.... l'avevo presa
      come una leggenda metropolitana... poi
      scopri' che era tutto vero...

      esiste un numero enorme di dvd pornografici,
      venduti a prezzi assurdi, apparentemente con
      normale materiale per adulti... ma che in
      realta' sono mezzi per il trasporto di
      pedoporno.

      questi DVD, che pare siano in buona parte
      nelle mani di un russo, vero boss del
      settore, contengono tracce non accessibili
      tramite i normali menu ma solo conoscendone
      la procedure (delle sorte di easter eggs)
      con tracce pedoporno...

      in questo modo i dvd possono circolare
      tranquillamente tramite tutte le dogane,
      passare tutti i controlli, e arrivare nella
      grande distribuzione, e poi una volta qui...
      essere venduti al pubblico che tramite il
      passaparola, sa quale dvd comprare e come
      attivare la feature nascosta... nulla di
      piu' semplice, con tanto di tasse pagate, e
      bollino SIAE... e cosi' tutti contenti, e
      tutti zitti... tutti sanno e nessuno dice
      una parola.

      altro che internet... la pedofilia corre su
      altri canali, ora io conosco questo... ma
      nulla vieta che ne esistano altri anche piu'
      sofisticati, magari che utilizzano
      addirittura crittografia, perche' non
      inserire ad esempio una traccia video su un
      normale cd audio... o altri migliaia di
      metodi per far circolare informazioni alla
      luce del sole...

      altro che internet cari signori, perche'
      rischiare quando posso comprare un dvd
      andare a casa e guardarmi due energumeni che
      uccidono un bambino, senza aver lasciato
      neanche mezza traccia...Molto divertente quello che racconti, io ne ho un'altra, parla di un tipo al quale è esplosa la testa togliendogli il casco dopo un'incidente di moto. Mi pare che ce ne sia anche un'altra in cui un cagnolino si è poi rivelato essere un topo.Ma quanta gente ci sarà che continuerà a credere a ste cose?Tu credi veramente que a questo gioco di passaparola la polizia non ne abbia accesso? Ti faccio notare che sono molto più al corrente di quello che si possa pensare e che se realmente questa roba esistesse sarebbero tra i primi a saperlo.Per concludere ti faccio notare che i pedofili non uccidono i bambini, quindi ti sei pure sbagliato sul soggetto. E il filmato di un omicidio non è sicuramente definibile pedoporno.
      • Anonimo scrive:
        Re: il vero business del pedoporno
        spiacente ma questa e' vera :-(il tipo si schianta con la motosi toglie il cascoe muore perche si e' fracassato il cranio il casco lo teneva unitol'altra e' quella del 56K che con il temporale si fulminaanche questa e' vera :-( mi mori il 14.400 e feci il passaggio al 56k) IMHO dipende dove abitileggende metropolitane o fatti che poi diventano leggende ?
        • Brontoleus scrive:
          Re: il vero business del pedoporno
          - Scritto da: Anonimo
          spiacente ma questa e' vera :(
          il tipo si schianta con la moto
          si toglie il casco
          e muore perche si e' fracassato il cranio il
          casco lo teneva unitoQuesta l'ho sentita ma non ho prove certe, è possibile che sia vero com'è possibile che sia una stronzata.
          l'altra e' quella del 56K che con il
          temporale si fulmina
          anche questa e' vera :( mi mori il 14.400 e
          feci il passaggio al 56k)

          IMHO dipende dove abitiConosco personalmente almeno 2 persone a cui è successo. Succede a chi vive in campagna in luoghi distanti dai parafulmini ed è quindi soggetto al pericolo che un fulmine entri nell'impianto (elettrico, o telefonico, o dell'antenna TV, ecc.), per chi vive in città è molto più difficile, anche se non impossibile.
  • reflection scrive:
    Pedopolitica
    Io vorrei fare un piccolo appunto a quello che ha detto il rispettabilissimo esponente dell'UNICEF. Se e' davvero cosi' semplice entrare nel giro della pedopornografia, questo sara' semplice sia per il semplice cittadino che per l'agente delle forze dell'ordine. Ergo mi sembra istantaneo che creare un contronetwork di agenti specializzati in crimini informatici sia cosa facile facile, e probabilmente nemmeno troppo costosa, debellando gran parte di questa terribile piaga. Perche' allora non si fa nulla? Inizio a pensare che di politici a cui i bambini piacciano troppo ce ne siano tanti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Pedopolitica
      mi associo in toto.ormai s'è perso l'uso cognitivo delle parole, in realtà non sanno un cazzo di niente ed inventano falsi allarmi su quanto sia facile questo o quell'altro. in realtà loro neanche riescono ad immaginarselo chi sono e come fanno, altrimenti o sono pedopolitici o sarebbero tutti, MERITATAMENTE, in galera.
      • Anonimo scrive:
        Re: Pedopolitica
        il problema sono le leggiin italia una 12 enne e' pedofiliain giappone e' normaleadesso c'e' da rivedere le leggi dei singoli stati e definirequali comportamenti sono permessi e quali noche i politici facciano accordi internazionali prima di fare leggiinternet non ha confini le leggi si, gli accordi servono per definire in modo globale che COSA non deve essere permesso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Pedopolitica
          - Scritto da: Anonimo
          il problema sono le leggi
          in italia una 12 enne e' pedofilia
          in giappone e' normale

          adesso c'e' da rivedere le leggi dei singoli
          stati e definire
          quali comportamenti sono permessi e quali no

          che i politici facciano accordi
          internazionali prima di fare leggi
          internet non ha confini le leggi si, gli
          accordi servono per definire in modo globale
          che COSA non deve essere permesso.Se capisco bene tu proponi di uniformare tutte le leggi a livello mondiale per non avere più differenze.Ci dobbiamo fermare a limitare le attività sessuali ai minori di 18 anni in tutto il pianeta o dobbiamo anche impedire cose come il consumo di alcolici (vietato nei paesi islamici) o la libertà di parola (vietata in paesi come la cina e la corea del nord)?L'altra opzione è impegnarci per ottenere maggiori libertà su tutto il pianeta. È a questo che io mi impegnerei, non a vietare tutto a tutti solo per far contenti alcuni "benpensanti" che considerano il sesso, l'alcol o la discussione libera (o la libertà della donna o chissà che altro) come un'attività pericolosa per la società.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Pedopolitica
            - Scritto da: Anonimo
            Ci dobbiamo fermare a limitare le
            attività sessuali ai minori di 18
            anni in tutto il pianeta o dobbiamo anche
            impedire cose come il consumo di alcolici
            (vietato nei paesi islamici) o la
            libertà di parola (vietata in paesi
            come la cina e la corea del nord)?No si adegua tutto il mondo alle leggi che permettono maggior libertà caso per caso. Quindi se l'alcool è permesso in un solo Paese tutto il mondo si adegua a quel Paese, se in Brasile puoi detenere coca tutto il mondo può detenere coca, se in Olanda puoi stare con una 12enne tutto il mondo può stare con una 12enne e via dicendo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Pedopolitica
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo

            Ci dobbiamo fermare a limitare le

            attività sessuali ai minori di 18

            anni in tutto il pianeta o dobbiamo
            anche

            impedire cose come il consumo di
            alcolici

            (vietato nei paesi islamici) o la

            libertà di parola (vietata in
            paesi

            come la cina e la corea del nord)?
            No si adegua tutto il mondo alle leggi che
            permettono maggior libertà caso per
            caso. Quindi se l'alcool è permesso
            in un solo Paese tutto il mondo si adegua a
            quel Paese, se in Brasile puoi detenere coca
            tutto il mondo può detenere coca, se
            in Olanda puoi stare con una 12enne tutto il
            mondo può stare con una 12enne e via
            dicendo.Semplicemente allucinante: allora se in un paese sono permesse le stragi fatti da serial killer, queste devono essere permesse in tutti i paesi?Non dirmi che dipende da caso a caso: o il trattamento delle leggi è uguale per tutti i casi, qualunque essi siano, o le tue affermazioni sono false.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Pedopolitica
            - Scritto da: Anonimo
            Semplicemente allucinante: allora se in un
            paese sono permesse le stragi fatti da
            serial killer, queste devono essere permesse
            in tutti i paesi?In quale Paese sono permesse? (non "tollerate" ma legalmente permesse)
            Non dirmi che dipende da caso a caso: o il
            trattamento delle leggi è uguale per
            tutti i casi, qualunque essi siano, o le tue
            affermazioni sono false.Il trattamento è uguale ma non esistono legislazioni che giustificano le stragi. Se ce ne sono citali e allora potrò controbattere, come l'hai detto tu è un esempio stupido.==================================Modificato dall'autore il 12/11/2004 18.39.06
          • Anonimo scrive:
            Re: Pedopolitica
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo

            Ci dobbiamo fermare a limitare le

            attività sessuali ai minori di 18

            anni in tutto il pianeta o dobbiamo
            anche

            impedire cose come il consumo di
            alcolici

            (vietato nei paesi islamici) o la

            libertà di parola (vietata in
            paesi

            come la cina e la corea del nord)?
            No si adegua tutto il mondo alle leggi che
            permettono maggior libertà caso per
            caso. Quindi se l'alcool è permesso
            in un solo Paese tutto il mondo si adegua a
            quel Paese, se in Brasile puoi detenere coca
            tutto il mondo può detenere coca, se
            in Olanda puoi stare con una 12enne tutto il
            mondo può stare con una 12enne e via
            dicendo.Il problema è che di solito si adeguano sulla più restrittiva.Se un paese vieta la maria giovanna allora tutti la devono vietare (hanno cominciato gli USA per non rovinare il commercio della carta e tutti si sono adeguati o lo stanno facendo).Se un paese vieta il sesso sotto i 18 anni lo devono più o meno fare tutti, ci sono infatti pochi paesi che lo ammettono dai 12 in su e anche quelli stanno pensando di aumentare le età sotto pressioni internazionali (per l'Olanda si tratta delle pressioni dell'Europa).Attualmente alcune cose come l'alcool e il fumo, le varie lobby sono sufficientemente potenti da evitare che sia vietato ovunque, ma scommetto che ci sarebbe chi vorrebbe vietarlo su scala mondiale (non sono un fumatore, non bevo alcolici e neppure il caffé se è per questo).Quando un paese ritiene di avere le migliori leggi del mondo e ritiene che quello che vieta sia giusto vietarlo, userà di tutti i mezzi a sua disposizione (di solito economici) per vietarlo ovunque.Adagio adagio ci dirigiamo verso uno stato dove sempre più cose saranno vietare, e il peggio è che la gente sarà pure convinta che tutti quei divieti siano veramente utili a qualcosa.Io sono dell'opinione che nulla debba essere vietato, solamente regolamentato. La regolamentazione deve essere stretta per alcune cose e meno per alcune altre.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Pedopolitica
            - Scritto da: Anonimo
            Il problema è che di solito si
            adeguano sulla più restrittiva.Il problema è proprio lì, bisognerebbe invertire la tendenza e adeguarsi sulla norma *MENO* restrittiva. Altrimenti tanto vale lasciare le cose come stanno, ogni Stato decide le sue norme e chi vuole se ne va altrove. Almeno si lascia la possibilità di muoversi. Se invece fosse tutto unificato sarebbe inutile anche muoversi.
            Adagio adagio ci dirigiamo verso uno stato
            dove sempre più cose saranno vietare,
            e il peggio è che la gente
            sarà pure convinta che tutti quei
            divieti siano veramente utili a qualcosa.Già :'(
            Io sono dell'opinione che nulla debba essere
            vietato, solamente regolamentato. La
            regolamentazione deve essere stretta per
            alcune cose e meno per alcune altre.Quoto.
    • Brontoleus scrive:
      Re: Pedopolitica
      - Scritto da: reflection
      Perche' allora non si fa nulla?Perché ai politici, ai media e alle forze dell'ordine non frega niente dei bambini ma devono alimentare il clima forcaiolo per far vedere che fanno qualcosa, così si concentrano su chi guarda le foto e non su chi li abusi li compie davvero.
  • Anonimo scrive:
    E indovinate...
    ... prima dell'invenzione delle compagnie aeree non esisteva il turismo sessuale su larga scala!!!... ma fanno sul serio?E magari prima dell'invenzione della stampa non esistevano i libretti porno, vero? Che grande scoperta!!!E prima dell'invenzioni delle armi da fuoco non c'erano morti per armi da fuoco, naturalmente!!! Poffare!!!Ma fanno sul serio o scherzano?Si accorgono adesso che un mezzo si può usare in due modi, bene e male?Io direi di bandire la stampa, i cd gli aerei, i computer, le armi da fuoco, i cervelli...
    • Rex1997 scrive:
      Re: E indovinate...
      - Scritto da: Anonimo
      ... prima dell'invenzione delle compagnieCut
      Io direi di bandire la stampa, i cd gli
      aerei, i computer, le armi da fuoco, i
      cervelli...Non vorrei sembrare caustico ma questi ultimi, i cervelli, nella maggioranza dei casi non serve bandirli...semplicemente già non vengono usati!:(
    • Brontoleus scrive:
      Re: E indovinate...
      - Scritto da: Anonimo
      i cervelli...Soprattutto di chi non fa ragionamenti logici e prende le sue opinioni come assolutamente valide per tutta la popolazione mondiale e guai se gliele tocchi ;)==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 18.05.47
      • Anonimo scrive:
        Re: E indovinate...
        - Scritto da: Brontoleus
        - Scritto da: Anonimo

        i cervelli...
        Soprattutto di chi non fa ragionamenti
        logici e prende le sue opinioni come
        assolutamente valide per tutta la
        popolazione mondiale e guai se gliele tocchi
        ;)

        ==================================
        Modificato dall'autore il 10/11/2004 18.05.47Già, perché tu solo invece hai la conoscenza di tutto, vero?Esaminando tutti i post relativi alla notizia, devo oltremodo notare l'obbiettività con chi non la pensa come te al pari di chi ti ha contrastato, pertanto mi sembra che differenze di fanatismo tra te e gli altri ce ne siano veramente poche!
        • Brontoleus scrive:
          Re: E indovinate...
          - Scritto da: Anonimo
          Già, perché tu solo invece hai
          la conoscenza di tutto, vero?
          Esaminando tutti i post relativi alla
          notizia, devo oltremodo notare
          l'obbiettività con chi non la pensa
          come te al pari di chi ti ha contrastato,Obiettività di chi non la pensa come me?Tipico discorso:Brontoleus: spiegazioni logichePersona anti-Brontoleus: nononononononononoBrontoleus: spiegazioni logichePersona anti-Brontoleus: nononononononononoBrontoleus: spiegazioni logichePersona anti-Brontoleus: nononononononononoDove la vedi l'obiettività?In 2 o 3 casi lo ammetto, mi sono lasciato andare, perché ero esasperato dalla scarsa intelligenza del mio interlocutore.Lo ripeto ancora: dire che NESSUN bambino è pronto al sesso è una cazzata sullo stesso piano che dire che TUTTI i bambini sono pronti al sesso. E possiamo sostituire a "bambini" qualsiasi categoria di persone: adulti, italiani, cristiani, e quant'altro.Le generalizzazioni in queste cose NON HANNO MAI SENSO. Se non ci sapete arrivare, è un vostro problema.
          pertanto mi sembra che differenze di
          fanatismo tra te e gli altri ce ne siano
          veramente poche!Ne sei proprio sicuro? Mah...
          • Rex1997 scrive:
            Re: E indovinate...
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Anonimo

            Già, perché tu solo
            invece hai

            la conoscenza di tutto, vero?

            Esaminando tutti i post relativi alla

            notizia, devo oltremodo notare

            l'obbiettività con chi non la
            pensa

            come te al pari di chi ti ha
            contrastato,
            Obiettività di chi non la pensa come
            me?
            Tipico discorso:
            Brontoleus: spiegazioni logiche
            Persona anti-Brontoleus: nonononononononono
            Brontoleus: spiegazioni logiche
            Persona anti-Brontoleus: nonononononononono
            Brontoleus: spiegazioni logiche
            Persona anti-Brontoleus: nonononononononono

            Dove la vedi l'obiettività?
            In 2 o 3 casi lo ammetto, mi sono lasciato
            andare, perché ero esasperato dalla
            scarsa intelligenza del mio interlocutore.
            Lo ripeto ancora: dire che NESSUN bambino
            è pronto al sesso è una
            cazzata sullo stesso piano che dire che
            TUTTI i bambini sono pronti al sesso. E
            possiamo sostituire a "bambini" qualsiasi
            categoria di persone: adulti, italiani,
            cristiani, e quant'altro.
            Le generalizzazioni in queste cose NON HANNO
            MAI SENSO. Se non ci sapete arrivare,
            è un vostro problema.
            Esatto, le generalizzazioni non hanno mai giovato.La tua generalizzazione di pensare che la sessualità dei bambini sia identica a quella degli adulti ti ha fatto dimenticare che la sessualità dei bambini è MOLTO DIVERSA da quella degli adulti, come qualcuno ho visto ti fatto notare in altri post, e non puoi paragonarle semplicemente perché tale paragone non ha punti comuni.Comincia a ragionare su questo punto e vedrai che la posizione, da me sostenuta che tu hai catalogato come nononono ha un senso, in quanto preso dalla foga di scrivere ammetto di aver travalicato, non mettondo immediatamente in forma scritta tale osservazione, perché davo per scontato che fosse ovvia.La sessualità come la intende un adulto non ha connessioni con quella del mondo infantile, vissuta in maniera più o meno fantasiosa per prepararsi alla vita da adulto, visione che un adulto distrugge distruggendo contemporaneamente la psiche di un bambino con risultati che particamente tutti gli psichiatri unmanimamente riconoscono gravi.
          • Brontoleus scrive:
            Re: E indovinate...
            - Scritto da: Rex1997
            Esatto, le generalizzazioni non hanno mai
            giovato.
            La tua generalizzazione di pensare che la
            sessualità dei bambini sia identica a
            quella degli adulti ti ha fatto dimenticare
            che la sessualità dei bambini
            è MOLTO DIVERSA da quella degli
            adulti, come qualcuno ho visto ti fatto
            notare in altri post, e non puoi paragonarle
            semplicemente perché tale paragone
            non ha punti comuni.Leggi la mia risposta:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=802544
            Comincia a ragionare su questo punto e
            vedrai che la posizione, da me sostenuta che
            tu hai catalogato come nononono ha un senso,
            in quanto preso dalla foga di scrivere
            ammetto di aver travalicato, non mettondo
            immediatamente in forma scritta tale
            osservazione, perché davo per
            scontato che fosse ovvia.Non ho mai parlato di bambini *piccoli* come vuoi far credere. Mi sono sempre riferito dai 10 in su.
            La sessualità come la intende un
            adulto non ha connessioni con quella del
            mondo infantile, vissuta in maniera
            più o meno fantasiosa per prepararsi
            alla vita da adulto, visione che un adulto
            distrugge distruggendo contemporaneamente la
            psiche di un bambino con risultati che
            particamente tutti gli psichiatri
            unmanimamente riconoscono gravi.Vedi post linkato sopra, praticamente senza neanche leggerti ti ho risposto in quel messaggio a tutto quello che mi contestavi.Ciao.
  • Anonimo scrive:
    Come dire che
    Le siringhe sono la causa della tossicodipendenza, gli esplosivi la causa degli attentati.... ah! mica è stato binladen contro le torri gemelle....la causa sono stati gli aerei!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Rivolta!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Se, ed e' cosi', la
    pedofilia e' un orientamento sessuale
    predeterminato (mica e' un vizio, mica ce lo
    si sceglie perche' si e' brutti e cattivi)
    perche' infangarlo tanto quando ci si
    stracciano le vesti per il rispetto dei gay?
    Non faccio parte di nessuna delle due
    categorie e proprio per questo mi posso
    permettere di notare da una posizione super
    partes come i gay siano difesi e coccolati
    mentre i pedofilia siano sempre considerati
    alla stregua della me..a. Ehm... c'è un bug in questa teoria: due gay che da adulti consenzienti fanno sesso per molti daranno scandalo, ma non fanno del male a nessuno. Ma da che mi risulti quasi mai i bambini coinvolti nella pedofilia sono consenzienti, a volte subiscono torture o vengono uccisi. E anche se ci fosse questo consenso, non credi che la cosa sarebbe decisamente molto più anomala che non l'essere gay?
    • Brontoleus scrive:
      Re: Rivolta!!!
      - Scritto da: Anonimo
      Ma da che mi
      risulti quasi mai i bambini coinvolti nella
      pedofilia sono consenzientiAppunto, QUASI mai. Quei pochi casi (se anche fosse uno solo) vanno tutelati come e più degli altri. La legge tutela le minoranze, o meglio dovrebbe farlo ma non lo fa se non nel caso delle minoranze linguistiche delle regioni a statuto speciale.
  • Anonimo scrive:
    Anche gli alberi...
    Anche gli alberi hanno contribuito a diffondere le riviste pornografiche......Mi sembra che con questa criminalizzazione di Internet si stia esagerando: forse è più comodo agire così che bloccare il problema alla fonte.....
  • Anonimo scrive:
    Internet ha messo in evidenza...
    il problema del pedoporno, non l'ha di certo creato.IL vero problema di Internet e' che annullando le distanze ci avvicina tutti alle opportunita' e alle miserie che offre il mondo di oggi e non si puo' piu' chiudere gli occhi e far finta di nulla. :|
  • Anonimo scrive:
    Re: La auto aumentano i morti sulle stra

    E cosa dire della stampa? L'invenzione di
    Gutemberg ha permesso la diffusione
    incontrollata di materiale pornografico.In effetti all'invenzione della stampa la megalobby di allora (non che oggi QUELLA lobby sia meno potente...) ha dato addosso parecchio.... censure, perquisizioni, gente mandata a morte con le scuse più assurde... per avere la stampa libera c'è chi ha dovuto andarsene in continenti semiinesplorati, e anche così prima che questo concetto arrivasse da noi ce n'è voluta....
    • Anonimo scrive:
      Re: La auto aumentano i morti sulle stra


      Gutemberg ha permesso la diffusione

      incontrollata di materiale pornografico....
      assurde... per avere la stampa libera
      c'è chi ha dovuto andarsene in
      continenti semiinesplorati, e anche
      così prima che questo concetto
      arrivasse da noi ce n'è voluta....Hasta companeros, infatti Gutemberg è dovuto andare ad imboscarsi nelle foreste dell'america latina per poter stampare...mavattinn...
      • Anonimo scrive:
        Re: La auto aumentano i morti sulle stra
        - Scritto da: Anonimo


        Gutemberg ha permesso la diffusione


        incontrollata di materiale
        pornografico.
        ...

        assurde... per avere la stampa libera

        c'è chi ha dovuto andarsene in

        continenti semiinesplorati, e anche

        così prima che questo concetto

        arrivasse da noi ce n'è
        voluta....
        Hasta companeros, infatti Gutemberg è
        dovuto andare ad imboscarsi nelle foreste
        dell'america latina per poter stampare...
        mavattinn...Gutemberg no, ma ti ricordo che ha cominciato stampando Bibbie e la cosa alla chiesa è piaciuta (anche se nel contempo c'era il timore che la gente potendo leggerla direttamente senza l'intermediario di un prete potesse travisarne il significato).Ma nel momento in cui sono apparsi i primi scritti "laici" sono cominiciate anche le censure e i copyright (come forma di controllo della stampa e facilitazione dell'operazione di censura).
  • Anonimo scrive:
    Qualcuno fa finte di non saperlo
    Le definizioni normative dei comportamenti sessuali illeciti, rispondono ad una duplice esigenza: da un lato quella di tutelare la libertà sessuale di ogni individuo, dall’altro quella di regolamentare tali comportamenti per legge, qualora essi sfociassero in atteggiamenti, tali da far scaturire un comportamento illecito. E’ necessario, quindi, sia sul piano legislativo sia sul piano psicologico, definire cosa s’intende per pedo-pornografia. Il nostro codice penale non definisce il concetto di pornografia minorile dal punto di vista legislativo la definizione più ampia è quella, data dal Protocollo Opzionale delle Nazioni Unite del 2000, che la definisce come qualsiasi rappresentazione, con qualsiasi mezzo, di un bambino dedito ad attività sessuali esplicite, concrete o simulate o qualsiasi rappresentazione degli organi sessuali di un bambino a fini soprattutto sessuali. La pornografia minorile è la prova dell’abuso sessuale su un bambino e la produzione di pedo-pornografia presuppone sempre un crimine commesso nei confronti di un bambino. La pedo-pornografia considera i bambini come oggetti e li umilia. E’ dunque la registrazione di un crimine commesso e i bambini che appaiono in queste immagini, nel momento in cui esse vengono registrate, sono sottoposti ad azioni degradanti, abusive e umilianti di natura criminale. In alcune immagini essi sono picchiati, ustionati o sottoposti a torture sessuali perverse. Quando vengono costretti a posare in atteggiamenti sessuali offensivi con altri individui, inclusi altri bambini, sono sottoposti a una manipolazione psicologica dolorosa e ad abuso. Nessuna reale fotografia pornografica di un bambino è stata prodotta senza che vi sia stata sofferenza o sfruttamento del bambino stesso.Il materiale pedo-pornografico rappresenta, dunque, un elemento centrale dell’abuso sul minore, assumendo caratteristiche e funzioni ben più complesse della semplice gratificazione voyiueristica".La fruizione del materiale pedo-pornografico tramite Internet risulta particolarmente preoccupante per una serie di ragioni:a) Per prima cosa, come abbiamo visto per produrre materiale pornografico occorre che vi sia stato un abuso sul minore/vittima. Il fruitore di suddetto materiale dunque concorre in questo tipo di reato in quanto favorisce la domanda del mercato, incrementando la relativa offerta.b) Il materiale prodotto una volta distribuito su Internet, può essere riprodotto all’infinito e risulta impossibile o comunque ardua una sua totale distruzione. Dunque, il minore/vittima e la sua famiglia vedranno o comunque sapranno che la prova dell’abuso subito sarà sempre reperibile su Internet.c) Secondo autorevoli studi la fruizione del materiale pedo-pornografico genera fantasie sessuali che potrebbero spingere il soggetto o quanto meno incuriosirlo a trasformare tali fantasie in realtà e dunque portarlo ad esssere un vero e proprio abusante.d) Il materiale pedo-pornografico viene utilizzato anche per realizzare la tecnica del Grooming. In questo processo, colui che abusa induce gradualmente il bambino a superare le resistenze attraverso tecniche di manipolazione psicologica, usando il materiale pedo-pornografico sia per indurre che per ricattare la vittima.e) Le conseguenze della fruizione di materiale pedo-pornografico possono alterare anche le relazioni all’interno della famiglia soprattutto nei confronti dei minori.Dunque, ricapitolando, risulta evidente che per chi produce suddetto materiale si avrà un coinvolgimento diretto in quanto esso fotografa l’abuso e molte volte addirittura vi partecipa; mentre per chi fruisce o colleziona o distribuisce materiale pedo-pornografico anche se non è direttamente coinvolto nell’atto, contribuisce al processo di abuso, supportando e favorendo la produzione di suddetto materiale.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno fa finte di non saperlo

      a) Per prima cosa, come abbiamo visto per
      produrre materiale pornografico occorre che
      vi sia stato un abuso sul minore/vittima. IlStati diversi hanno leggi diverse. Chi decide quali sono giuste e quali sono sbagliate? Noi? Loro? Se in uno stato si puo' avere rapporti sessuali con adulti a 12 anni, in altri a 14, in altri a 16, in altri a 18, in altri a 21, chi ha ragione? Chi decide? Perche' fare sesso con una 14enne in italia e' legale ma possedere una immagine di una 17enne che fa sesso e' reato? Fare sesso con una 17enne in italia non e' considerato abuso. Allora perche' anni di galera per una foto che ritrae un non-abuso? Spiega un po'.
      fruitore di suddetto materiale dunque
      concorre in questo tipo di reato in quanto
      favorisce la domanda del mercato,
      incrementando la relativa offerta.Ci sono scambi, e immagino siano pure la stragrande maggioranza, che non prevedono alcun pagamento, quindi non incrementano alcun mercato. Quali sfruttatori del pedoporno si andrebbe a finanziare quindi? E poi se il fine e' quello di punire il finanziamento del mercato pedoporno perche' e' punito con anni di galera il semplice possesso e non l'acquisto? Spiega un po'.
      b) Il materiale prodotto una volta
      distribuito su Internet, può essere
      riprodotto all?infinito e risulta
      impossibile o comunque ardua una sua totale
      distruzione. Dunque, il minore/vittima e laPerche' le foto di omicidi, morti, suicidi, malattie, carestie sono liberamente disponibili in internet su siti "rinomati" nel settore e diffusamente conosciuti e visitati? Se l'abuso sta nella diffusione di una scena di un crimine perche' la pedopornografia si' e un omicidio no? Perche' due pesi e due misure? E poi non andrebbe colpito chi diffonde? Non e' lui che commette l'illecito di rendere disponibile ad altri, di diffondere la scena del crimine? Perche' anni di galera per il solo possesso? Perche' un abuso su un minore viene secondo la tua visione tutelato mentre l'omicidio dello stesso minore no? Perche' c'entra il sesso? E' questo il punto? Il sesso? Quella cosa sporca che si fa al buio di nascosto? E' il sesso che spaventa tanto la gente ed i legislatori? Spiega un po'.
      c) Secondo autorevoli studi la fruizione del
      materiale pedo-pornografico genera fantasie
      sessuali che potrebbero spingere il soggetto
      o quanto meno incuriosirlo a trasformare
      tali fantasie in realtà e dunqueQuindi fotografie di omicidi potrebbe spingere il soggetto a compiere omicidi, e le notizie del telegiornale potrebbero indurre i soggetti a compiere crimini, e i film violenti potrebbero indurre i soggetti a pestare il primo che passa per strada e la musica metal potrebbe spingere i soggetti a compiere omicidi di massa e quindi tutto deve essere vietato perche' non si sa mai che a qualcuno salti in mente di fare qualcosa di illegale. Non conta se un film e' solo un film, una notizia e' una notizia e se il reato esiste soltanto nel momento in cui lo si commette. Non importa se il 99,99999% della gente non fara' mai cio' che vede nei film perche' capisce che e' sbagliato fare del male al prossimo. Va vietato tutto, e' cosi'? Lo stato deve bandire qualsiasi vago riferimento a comportamenti violenti, non devono esistere nemmeno per finta, la gente non li deve conoscere in nessuna maniera cosi' che non si diffonda. Chi ne parla o possiede immagini che riproducono scene di violenza deve andare in galera, e' cosi'? Spiega un po'.
      d) Il materiale pedo-pornografico viene
      utilizzato anche per realizzare la tecnica
      del Grooming. In questo processo, colui che
      abusa induce gradualmente il bambino a
      superare le resistenze attraverso tecniche
      di manipolazione psicologica, usando il
      materiale pedo-pornografico sia per indurre
      che per ricattare la vittima.I criminali usano coltelli per commettere reati, vietiamo il possesso dei coltelli e condanniamo il possesso di questi con anni di galera perche' il coltello e' un mezzo che potrebbe essere usato un giorno da qualcuno da qualche parte del mondo per commettere un reato. Non va condannato l'abuso, fisico o psicologico sul bambino, no no, va condannato il possesso del coltello, e' nel coltello e' il male e se un collezionista di coltelli viene scoperto verra' messo in galera per il gravissimo reato commesso, magari al pari di uno stupratore di bambini, anzi di piu' perche' un collezionista di coltelli ne ha tanti, ad uno stupratore magari ne bastava uno oppure usava un bastone... E' cosi' vero? Spiega un po'.
      e) Le conseguenze della fruizione di
      materiale pedo-pornografico possono alterare
      anche le relazioni all?interno della
      famiglia soprattutto nei confronti dei
      minori.Le relazioni all'interno della famiglia sono affare di stato e lo stato decide, se ci si deve volere bene, se ci si deve volere male, cosa si deve pensare del figlio, della sorella, del papa'. Le persone non hanno titolo per scegliere cosa pensare degli altri, dovranno avere comportamenti consoni alle leggi dello stato il quale con opportuni decreti legge decide come e quando guardare i bambini, cosa dirgli, cosa non dirgli, cosa pensare di loro e cosa no. L'individuo non e' libero di avere i rapporti familiari che vuole, pensare quello che vuole in base alle sue esperienze personali. Spiega un po'.
      Dunque, ricapitolando, risulta evidente cheRicapitolando mi sembrano tutte argomentazioni banali e trite a tentativo di sostegno di leggi papocchio che ledono sempre di piu' la liberta' della gente e che tradiscono gravi problemi psicologici nell'affrontare il bambino come entita' a se con i suoi diritti e il suo libero pensare ed agire e gravi problemi psicologici nell'affrontare la sessualita' nella societa' occidentale moderna che in italia e' ancora considerata sporca, qualcosa da nascondere, qualcosa da cui la societa' dev'essere difesa mediante leggi dello stato.
      • fasibia scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo

        Perche' le foto di omicidi, morti, suicidi,
        malattie, carestie sono liberamente
        disponibili in internet su siti "rinomati"
        nel settore e diffusamente conosciuti e
        visitati? Se l'abuso sta nella diffusione di
        una scena di un crimine perche' la
        pedopornografia si' e un omicidio no?
        Perche' due pesi e due misure? E poi non
        andrebbe colpito chi diffonde? Non e' lui
        che commette l'illecito di rendere
        disponibile ad altri, di diffondere la scena
        del crimine? Perche' anni di galera per il
        solo possesso? Perche' un abuso su un minore
        viene secondo la tua visione tutelato mentre
        l'omicidio dello stesso minore no? Perche'
        c'entra il sesso? E' questo il punto? Il
        sesso? Quella cosa sporca che si fa al buio
        di nascosto? E' il sesso che spaventa tanto
        la gente ed i legislatori? Spiega un po'.Hai idea di come cresce un bambino che da piccolo ha subito violenza? Hai idea di quello che succede nel suo cervello? Hai mai letto qualcosa in proposito? Hai mai guardato negli occhi un minore che ha subito sistematicamente o sporadicamente abusi sessuali?Hai mai conosciuto persone adulte che da piccoli hanno subito abusi? hai idea di quanta terapia serve per superare i blocchi causati da quegli abusi? Hai minimamente idea di quante persone non hanno avuto una vita normale perché da piccoli hanno subito abusi e non hanno avuto la fortuna di ottenere un sostegno psicologico adeguato?Attenzione, fratellino, a fare troppa teoria. E confronti.Il sesso è una cosa sana, giusta, piacevole, utile.La violenza è una cosa tremenda. I politici a volte hanno paura del sesso per la sua capacità di liberare. Ma in questo caso hanno ragione.Io leggo: "Perche' un abuso su un minore
        viene secondo la tua visione tutelato mentre
        l'omicidio dello stesso minore no? Perche'
        c'entra il sesso? E' questo il punto? Il
        sesso? Quella cosa sporca che si fa al buio
        di nascosto? E' il sesso che spaventa tanto
        la gente ed i legislatori? Spiega un po'."E quasi mi vergongo a sprecare tempo per rispondere all'autore.E mi fermo dunque. Resisto alla tentazione di rispondere al resto delle vaccate scritte.Non chiedo, in questo caso, scusa a nessuno epr la mia intolleranza.Fabio.
        • Rex1997 scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: fasibia

          Perche' le foto di omicidi, morti,
          suicidi,

          malattie, carestie sono liberamente

          disponibili in internet su siti
          "rinomati"

          nel settore e diffusamente conosciuti e

          visitati? Se l'abuso sta nella
          diffusione di

          una scena di un crimine perche' la

          pedopornografia si' e un omicidio no?

          Perche' due pesi e due misure? E poi non

          andrebbe colpito chi diffonde? Non e'
          lui

          che commette l'illecito di rendere

          disponibile ad altri, di diffondere la
          scena

          del crimine? Perche' anni di galera per
          il

          solo possesso? Perche' un abuso su un
          minore

          viene secondo la tua visione tutelato
          mentre

          l'omicidio dello stesso minore no?
          Perche'

          c'entra il sesso? E' questo il punto? Il

          sesso? Quella cosa sporca che si fa al
          buio

          di nascosto? E' il sesso che spaventa
          tanto

          la gente ed i legislatori? Spiega un
          po'.

          Hai idea di come cresce un bambino che da
          piccolo ha subito violenza? Hai idea di
          quello che succede nel suo cervello? Hai mai
          letto qualcosa in proposito? Hai mai
          guardato negli occhi un minore che ha subito
          sistematicamente o sporadicamente abusi
          sessuali?
          Hai mai conosciuto persone adulte che da
          piccoli hanno subito abusi? hai idea di
          quanta terapia serve per superare i blocchi
          causati da quegli abusi? Hai minimamente
          idea di quante persone non hanno avuto una
          vita normale perché da piccoli hanno
          subito abusi e non hanno avuto la fortuna di
          ottenere un sostegno psicologico adeguato?
          Attenzione, fratellino, a fare troppa
          teoria. E confronti.
          Il sesso è una cosa sana, giusta,
          piacevole, utile.
          La violenza è una cosa tremenda. I
          politici a volte hanno paura del sesso per
          la sua capacità di liberare. Ma in
          questo caso hanno ragione.
          Io leggo: "Perche' un abuso su un minore

          viene secondo la tua visione tutelato
          mentre

          l'omicidio dello stesso minore no?
          Perche'

          c'entra il sesso? E' questo il punto? Il

          sesso? Quella cosa sporca che si fa al
          buio

          di nascosto? E' il sesso che spaventa
          tanto

          la gente ed i legislatori? Spiega un
          po'."

          E quasi mi vergongo a sprecare tempo per
          rispondere all'autore.

          E mi fermo dunque. Resisto alla tentazione
          di rispondere al resto delle vaccate
          scritte.
          Non chiedo, in questo caso, scusa a nessuno
          epr la mia intolleranza.
          Fabio.Ti do ragione in toto: mi sembra che chi ha scritto il post cui ti riferisci non abbia idee molto chiare.....Il danno psicologico subito dal minore è talmente grande che non si riesce a guarirlo del tutto.E ricordo che persino nel Vangelo c'è scritto che chi fa del male a degli innocenti, riferito a dei bambini, è meglio che si leghi una macina al collo e si uccida! E direi che il riferimento è chiaro: va colpito chi commette l'abuso, non il mezzo con il quale si compie.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            E ricordo che persino nel Vangelo c'è
            scritto che chi fa del male a degli
            innocenti, riferito a dei bambini, è
            meglio che si leghi una macina al collo e si
            uccida!Nel Vangelo c'è scritto pure "Lasciate che i bambini VENGANO a me". :D:D:D:D:D:D
          • Rex1997 scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Rex1997

            E ricordo che persino nel Vangelo
            c'è

            scritto che chi fa del male a degli

            innocenti, riferito a dei bambini,
            è

            meglio che si leghi una macina al collo
            e si

            uccida!
            Nel Vangelo c'è scritto pure
            "Lasciate che i bambini VENGANO a me".
            :D:D:D:D:D:DIgnorante (nel senso per la tua limitata conoscenza di ciò di cui parli :( ) se vuoi citare tutto il passo lo devi citare nel contesto del discorso in maniera corretta.L'episodio di cui tu citi solo una frase per i tuoi fini, è riferito al fatto che mentre Gesù parlava e discuteva di Sacre Scritture (spero tu sappia cosa sono) alcuni bambini giocavano e alcuni sacerdoti volevano allontanarli per non disturbare; Gesu dice loro che i bambini vengano a Lui inteso come DIO, non come uomo...A chi gli fa osservare successivamente comportamenti poco puliti da parte di qualcuno verso di loro, Gesù, con parole molto dure risponde che chi fa loro del male sarebbe meglio per lui che si legasse una macina al collo e si lasciasse cadere nel mare, perché non ci sarà perdono per lui se fa male ad un solo piccolo.Come vedi i contesti delle due frasi sono differenti e la realtà è differente da come la vuoi far intendere!
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997

            Nel Vangelo c'è scritto pure

            "Lasciate che i bambini VENGANO a me".

            :D:D:D:D:D:D
            Ignorante (nel senso per la tua limitata
            conoscenza di ciò di cui parli :( )
            se vuoi citare tutto il passo lo devi citare
            nel contesto del discorso in maniera
            corretta.
            L'episodio di cui tu citi solo una frase per
            i tuoi fini, è riferito al fatto che
            mentre Gesù parlava e discuteva di
            Sacre Scritture (spero tu sappia cosa sono)
            alcuni bambini giocavano e alcuni sacerdoti
            volevano allontanarli per non disturbare;
            Gesu dice loro che i bambini vengano a Lui
            inteso come DIO, non come uomo...
            A chi gli fa osservare successivamente
            comportamenti poco puliti da parte di
            qualcuno verso di loro, Gesù, con
            parole molto dure risponde che chi fa loro
            del male sarebbe meglio per lui che si
            legasse una macina al collo e si lasciasse
            cadere nel mare, perché non ci
            sarà perdono per lui se fa male ad un
            solo piccolo.
            Come vedi i contesti delle due frasi sono
            differenti e la realtà è
            differente da come la vuoi far intendere!Gli smileys questi sconosciuti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997

            - Scritto da: Brontoleus



            - Scritto da: Rex1997


            E ricordo che persino nel Vangelo

            c'è


            scritto che chi fa del male a degli


            innocenti, riferito a dei bambini,

            è


            meglio che si leghi una macina al
            collo

            e si


            uccida!

            Nel Vangelo c'è scritto pure

            "Lasciate che i bambini VENGANO a me".

            :D:D:D:D:D:D
            Ignorante (nel senso per la tua limitata
            conoscenza di ciò di cui parli :( )
            se vuoi citare tutto il passo lo devi citare
            nel contesto del discorso in maniera
            corretta.
            L'episodio di cui tu citi solo una frase per
            i tuoi fini, è riferito al fatto che
            mentre Gesù parlava e discuteva di
            Sacre Scritture (spero tu sappia cosa sono)
            alcuni bambini giocavano e alcuni sacerdoti
            volevano allontanarli per non disturbare;
            Gesu dice loro che i bambini vengano a Lui
            inteso come DIO, non come uomo...
            A chi gli fa osservare successivamente
            comportamenti poco puliti da parte di
            qualcuno verso di loro, Gesù, con
            parole molto dure risponde che chi fa loro
            del male sarebbe meglio per lui che si
            legasse una macina al collo e si lasciasse
            cadere nel mare, perché non ci
            sarà perdono per lui se fa male ad un
            solo piccolo.
            Come vedi i contesti delle due frasi sono
            differenti e la realtà è
            differente da come la vuoi far intendere!Ma ha parlato esplicitamente di sesso?Un conto è fare del male a un bambino un conto è farci del sesso. Ti ricordo pure che Gesù è vissuto in un periodo in cui era ancora comune lo sposare le bambine a 8 anni (se non prima) e non mi pare che si sia mai pronunciato in proposito.Anche lui considerava il sesso una cosa naturale, da regolamentare (p.e. nessun rapporto al di fuori del matrimonio) anche se i peccatori possono (e devono) essere perdonati (vedi la Maddalena). Ma non si è mai pronunciato sulla sessualità dei bambini o dei matrimoni con i minori (visto che all'epoca il concetto di minore non esisteva). Ti ricordo pure che Maria stessa si è sposata con Giuseppe molto giovane.Cerchiamo di mettere quei racconti nell'epoca in cui si svolsero cercando di evitare qualsiasi interpretazione al di fuori del loro periodo storico. È proprio grazie a queste interpretazioni assurde che sono state effettuate le peggiori atrocità della storia (e che se faranno ancora altre in futuro).
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Anonimo
            Ti
            ricordo pure che Maria stessa si è
            sposata con Giuseppe molto giovane.La Madonna quando si sposò S.Giuseppe aveva 12 o 14 anni, forse (e probabilmente è così) meno, sicuramente non di più.Se oggi il menarca (cioè la prima mestruazione) alle bambine arriva intorno ai 9 anni, all'epoca (per la vita media decisamente più breve) è possibile che arrivasse intorno ai 6 o 7.
            è
            proprio grazie a queste interpretazioni
            assurde che sono state effettuate le
            peggiori atrocità della storia (e che
            se faranno ancora altre in futuro).Galileo e la teoria eliocentrica su tutte (o meglio l'Inquisizione e il processo che ne seguirono).==================================Modificato dall'autore il 11/11/2004 16.26.54
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Brontoleus
            - Scritto da: Anonimo

            Ti

            ricordo pure che Maria stessa si
            è

            sposata con Giuseppe molto giovane.
            La Madonna quando si sposò S.Giuseppe
            aveva 12 o 14 anni, forse (e probabilmente
            è così) meno, sicuramente non
            di più.
            Se oggi il menarca (cioè la prima
            mestruazione) alle bambine arriva intorno ai
            9 anni, all'epoca (per la vita media
            decisamente più breve) è
            possibile che arrivasse intorno ai 6 o 7.Sembrerebbe invece che fosse piuttosto il contrario. Il menarca arriva quando la bambina è pronta. Quando è pronta? Dipende dal tipo di vita che ha avuto, dalla qualità dell'alimentazione, dal lavoro che ha fatto ecc.Una cattiva alimentazione lo ritarda, il lavoro (quindi lo sforzo fisico) può a sua volta ritardarlo. L'esposizione alla luce solare invece sembra anticiparlo.Come qui in Europa in passato arrivava verso i 15 anni (probabilmente a causa di cattive alimentazione e igniene di vita), c'è da supporre che non arrivasse molto prima all'epoca.Maria si è sposata a 12 o 14 anni ed'è probabile che le sue mestruazioni non fossero cominciate molto prima.

            è

            proprio grazie a queste interpretazioni

            assurde che sono state effettuate le

            peggiori atrocità della storia
            (e che

            se faranno ancora altre in futuro).
            Galileo e la teoria eliocentrica su tutte (o
            meglio l'Inquisizione e il processo che ne
            seguirono).Per fortuna che quell'idea si è affermata anche se osteggiata dalla chiesa. Anche perchè sebbene onnipresente, la chiesa non aveva a disposizioni i mezzi di indagine e controllo che avrebbe a disposizione oggi se solo lo volesse.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Anonimo
            Per fortuna che quell'idea si è
            affermata anche se osteggiata dalla chiesa.
            Anche perchè sebbene onnipresente, la
            chiesa non aveva a disposizioni i mezzi di
            indagine e controllo che avrebbe a
            disposizione oggi se solo lo volesse.Si è affermata solo perché la Chiesa si è dovuta arrendere di fronte all'evidenza della scienza. Purtroppo in molti campi la Chiesa mantiene le sue posizioni conservatrici e antiprogressiste (nel senso di "contro il progresso").Il matrimonio e le adozioni per le coppie omosessuali, l'aborto, i sistemi anticoncezionali, la pillola del giorno dopo, e via bigottizzando.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997

            - Scritto da: fasibia


            Perche' le foto di omicidi, morti,

            suicidi,


            malattie, carestie sono liberamente


            disponibili in internet su siti

            "rinomati"


            nel settore e diffusamente
            conosciuti e


            visitati? Se l'abuso sta nella

            diffusione di


            una scena di un crimine perche' la


            pedopornografia si' e un omicidio
            no?


            Perche' due pesi e due misure? E
            poi non


            andrebbe colpito chi diffonde? Non
            e'

            lui


            che commette l'illecito di rendere


            disponibile ad altri, di
            diffondere la

            scena


            del crimine? Perche' anni di
            galera per

            il


            solo possesso? Perche' un abuso su
            un

            minore


            viene secondo la tua visione
            tutelato

            mentre


            l'omicidio dello stesso minore no?

            Perche'


            c'entra il sesso? E' questo il
            punto? Il


            sesso? Quella cosa sporca che si
            fa al

            buio


            di nascosto? E' il sesso che
            spaventa

            tanto


            la gente ed i legislatori? Spiega
            un

            po'.



            Hai idea di come cresce un bambino che
            da

            piccolo ha subito violenza? Hai idea di

            quello che succede nel suo cervello?
            Hai mai

            letto qualcosa in proposito? Hai mai

            guardato negli occhi un minore che ha
            subito

            sistematicamente o sporadicamente abusi

            sessuali?

            Hai mai conosciuto persone adulte che da

            piccoli hanno subito abusi? hai idea di

            quanta terapia serve per superare i
            blocchi

            causati da quegli abusi? Hai minimamente

            idea di quante persone non hanno avuto
            una

            vita normale perché da piccoli
            hanno

            subito abusi e non hanno avuto la
            fortuna di

            ottenere un sostegno psicologico
            adeguato?

            Attenzione, fratellino, a fare troppa

            teoria. E confronti.

            Il sesso è una cosa sana, giusta,

            piacevole, utile.

            La violenza è una cosa tremenda.
            I

            politici a volte hanno paura del sesso
            per

            la sua capacità di liberare. Ma
            in

            questo caso hanno ragione.

            Io leggo: "Perche' un abuso su un minore


            viene secondo la tua visione
            tutelato

            mentre


            l'omicidio dello stesso minore no?

            Perche'


            c'entra il sesso? E' questo il
            punto? Il


            sesso? Quella cosa sporca che si
            fa al

            buio


            di nascosto? E' il sesso che
            spaventa

            tanto


            la gente ed i legislatori? Spiega
            un

            po'."



            E quasi mi vergongo a sprecare tempo per

            rispondere all'autore.



            E mi fermo dunque. Resisto alla
            tentazione

            di rispondere al resto delle vaccate

            scritte.

            Non chiedo, in questo caso, scusa a
            nessuno

            epr la mia intolleranza.

            Fabio.
            Ti do ragione in toto: mi sembra che chi ha
            scritto il post cui ti riferisci non abbia
            idee molto chiare.....
            Il danno psicologico subito dal minore
            è talmente grande che non si riesce a
            guarirlo del tutto.
            E ricordo che persino nel Vangelo c'è
            scritto che chi fa del male a degli
            innocenti, riferito a dei bambini, è
            meglio che si leghi una macina al collo e si
            uccida! E direi che il riferimento è
            chiaro: va colpito chi commette l'abuso, non
            il mezzo con il quale si compie.La violenza si, il sesso no.C'è sempre la confusione del sesso=violenza.ma sesso violenza anche se nella nostra società si tende a considerare il sesso una cosa sporca e da evitare/nascondere a tutti i costi.Un bambino che ha subito violenza resta traumatizzato e va aiutato e sono il primo a dirlo. Sono pure il primo a dire che colui che ha fatto violenza a un bambino deve essere punito.Ma visto che sesso non è violenza, se qualcuno fa sesso con un bambino ritengo che per prima cosa si debba appurare se ci sia stata o meno violenza. E non dire sesso = violenza quindi se si sono avuti rapporti sessuali con un minore si è anche fatta violenza.Quello che il post originale diceva era semplicemente una generalizzazione a forma di legge. Cose del tipo fare sesso con un minore è sempre violenza o fotografare un minore in atti sessuali è violento e degradante.Io direi che in certi casi può essere violento e in altri casi no.Sul degradante ci si può discutere, infatti una foto di un bambino nudo non è degradante per il bambino (molte famiglie ne hanno nei loro album di fotografie e non mi sembra che abbiano degradato i propri figli o abbiano fatto loro violenza).Una foto di un atto sessuale non è per forza degradante o umiliante. Altrimenti bisognerebbe vietare qualsiasi immagine pornografica (alcuni gruppi fondamentalisti vorrebbero anche quello).Ricordatevi bene che le leggi che abbiamo oggi sono spesso dovute ad alcuni fondamentalisti religiosi che arrivati al potere sono riusciti a imporre regole semplicemente perchè giudicate immorali e in seguito entrate nell'opinione comune (vedi attività antiabortista negli USA).
        • Rex1997 scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo 2)
          Scusate ho sbagliato posto......

          d) Il materiale pedo-pornografico viene

          utilizzato anche per realizzare la
          tecnica

          del Grooming. In questo processo, colui
          che

          abusa induce gradualmente il bambino a

          superare le resistenze attraverso
          tecniche

          di manipolazione psicologica, usando il

          materiale pedo-pornografico sia per
          indurre

          che per ricattare la vittima.

          I criminali usano coltelli per commettere
          reati, vietiamo il possesso dei coltelli e
          condanniamo il possesso di questi con anni
          di galera perche' il coltello e' un mezzo
          che potrebbe essere usato un giorno da
          qualcuno da qualche parte del mondo per
          commettere un reato. Non va condannato
          l'abuso, fisico o psicologico sul bambino,
          no no, va condannato il possesso del
          coltello, e' nel coltello e' il male e se un
          collezionista di coltelli viene scoperto
          verra' messo in galera per il gravissimo
          reato commesso, magari al pari di uno
          stupratore di bambini, anzi di piu' perche'
          un collezionista di coltelli ne ha tanti, ad
          uno stupratore magari ne bastava uno oppure
          usava un bastone... E' cosi' vero? Spiega un
          po'.
          Secondo me a questo punto dovresti farti un bel corso di criminologia per capire l'errata esposizione delle tue tesi, io non mi sento in grado in quanto sono solo un tecnico informatico, anche se i mie interessi spaziano su molti argomenti.

          e) Le conseguenze della fruizione di

          materiale pedo-pornografico possono
          alterare

          anche le relazioni all?interno della

          famiglia soprattutto nei confronti dei

          minori.

          Le relazioni all'interno della famiglia sono
          affare di stato e lo stato decide, se ci si
          deve volere bene, se ci si deve volere male,
          cosa si deve pensare del figlio, della
          sorella, del papa'. Le persone non hanno
          titolo per scegliere cosa pensare degli
          altri, dovranno avere comportamenti consoni
          alle leggi dello stato il quale con
          opportuni decreti legge decide come e quando
          guardare i bambini, cosa dirgli, cosa non
          dirgli, cosa pensare di loro e cosa no.
          L'individuo non e' libero di avere i
          rapporti familiari che vuole, pensare quello
          che vuole in base alle sue esperienze
          personali. Spiega un po'.
          Il comportamento all'interno della famiglia è regolato non solo dalle leggi dello stato, ma anche dal buon senso. Studiati il diritto familiare, il diritto penale applicato alla famiglia e meditaci sopra. Oppure per te, tanto per fare un esempio, se un marito picchia la moglie nessuno deve intervenire perché sono affari di famiglia?

          Dunque, ricapitolando, risulta evidente
          che

          Ricapitolando mi sembrano tutte
          argomentazioni banali e trite a tentativo di
          sostegno di leggi papocchio che ledono
          sempre di piu' la liberta' della gente e che
          tradiscono gravi problemi psicologici
          nell'affrontare il bambino come entita' a se
          con i suoi diritti e il suo libero pensare
          ed agire e gravi problemi psicologici
          nell'affrontare la sessualita' nella
          societa' occidentale moderna che in italia
          e' ancora considerata sporca, qualcosa da
          nascondere, qualcosa da cui la societa'
          dev'essere difesa mediante leggi dello
          stato.come vedi confutare le tue tesi è abbastanza banale, basta mettersi d'impegno, un po di tempo ed aver voglia di rispondere a (troll)oni che in nome di una finta libertà giustificano tutto senza ragionare.Ah, dimenticavo una cosa: se vuoi continuare ad esporre tesi del genere firmati!:)==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 15.17.43
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        Ok ok continua pure a scaricarti le tue porcherie e tieniti anche la convinzione di non star facendo nulla di male, sappi però che, se capita a me di vedertelo fare, ti sfondo i denti a scarpate.E poi denunciami anche se vuoi.
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: sammily76
          Ok ok continua pure a scaricarti le tue
          porcherie e tieniti anche la convinzione di
          non star facendo nulla di male, sappi
          però che, se capita a me di vedertelo
          fare, ti sfondo i denti a scarpate.
          E poi denunciami anche se vuoi.mi associo...anzi, se dovessi aver bisogno di una mano...Questo dovrebbe essere uno di quelli della frangia pseudo-intellettuale della lega pedofili.E già mi prudono le mani......
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo

        Ti ricordo solo che in tutte le
        società arcaiche e moderne,
        liberticide o repressive, comuniste o
        capitalistiche, culturalmente grandi o
        piccole, aperte o limitate sempre si
        è cercato di preservare i bambini
        dalle ca77@te degli adulti.Oddio questa mi pare un pò un'esagerazione... in verità di esempi di sfruttamento dei bambini sia oggi, che in passato, ce ne sono a bizzeffe a cominciare dalle miniere.Per il resto nulla da dire.
        • Rex1997 scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Anonimo

          Ti ricordo solo che in tutte le

          società arcaiche e moderne,

          liberticide o repressive, comuniste o

          capitalistiche, culturalmente grandi o

          piccole, aperte o limitate sempre si

          è cercato di preservare i bambini

          dalle ca77@te degli adulti.

          Oddio questa mi pare un pò
          un'esagerazione... in verità di
          esempi di sfruttamento dei bambini sia oggi,
          che in passato, ce ne sono a bizzeffe a
          cominciare dalle miniere.

          Per il resto nulla da dire.Ti do ragione, i bambini sono stati impiegati come schiavi nell'antichità e anche in tempi più recenti, ma chi li toccava sessualmente era punito anche con la morte.In merito comunque sono il primo a non gistificare la schiavitù in genere e a maggior ragione quella infantile.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            Ti do ragione, i bambini sono stati
            impiegati come schiavi nell'antichità
            e anche in tempi più recenti, ma chi
            li toccava sessualmente era punito anche con
            la morte.No con gli schiavi potevano fare quel che volevano, anche farlo fuori e non venivano puniti, quindi a maggior ragione averci rapporti sessuali.
          • Rex1997 scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Rex1997

            Ti do ragione, i bambini sono stati

            impiegati come schiavi
            nell'antichità

            e anche in tempi più recenti, ma
            chi

            li toccava sessualmente era punito
            anche con

            la morte.
            No con gli schiavi potevano fare quel che
            volevano, anche farlo fuori e non venivano
            puniti, quindi a maggior ragione averci
            rapporti sessuali.Cita le fonti per questa tua argomentazione, perché in nessun libro di storia ufficiale o non ufficiale ne ho trovato cenno...==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 16.55.52
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Rex1997

            No con gli schiavi potevano fare quel

            che volevano, anche farlo fuori e non

            venivano puniti, quindi a maggior ragione averci

            rapporti sessuali.
            Cita le fonti per questa tua argomentazione,
            perché in nessun libro di storia
            ufficiale o non ufficiale ne ho trovato
            cenno...Eva Cantarella, "Secondo natura", Rizzoli
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997

            - Scritto da: Anonimo


            Ti ricordo solo che in tutte le


            società arcaiche e moderne,


            liberticide o repressive,
            comuniste o


            capitalistiche, culturalmente
            grandi o


            piccole, aperte o limitate sempre
            si


            è cercato di preservare i
            bambini


            dalle ca77@te degli adulti.



            Oddio questa mi pare un pò

            un'esagerazione... in verità di

            esempi di sfruttamento dei bambini sia
            oggi,

            che in passato, ce ne sono a bizzeffe a

            cominciare dalle miniere.



            Per il resto nulla da dire.
            Ti do ragione, i bambini sono stati
            impiegati come schiavi nell'antichità
            e anche in tempi più recenti, ma chi
            li toccava sessualmente era punito anche con
            la morte.dovresti leggere l'Anabasi" di Senofonte prima di scrivere queste cose.......
            In merito comunque sono il primo a non
            gistificare la schiavitù in genere e
            a maggior ragione quella infantile.
      • Bombardiere scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        Allora, so che potrei essere ampiamente criticato per quello che sto per dire.Io credo che ci sia un ampia differenza tra la violenza e sesso consensiente. La tendenza all'omosessualità non può essere repressa, e se lo si fa con voglia credo che non ci sia nulla di male, ma NO, anche questa cosa viene punita, perchè un ragazzo minorenne non è in grado di intendere e di volere, ma uno che ha 18 anni, CERTAMENTE SI, COME NO!Io condanno la violenza, gli abusi ecc ecc, su donne e bambini, ma qualunque cosa venga fatta con il VOLERE DI TUTTI E 2, non può essere condannato! Non è violenza! Certamente non è una cosa normale, ma a chi le fa NON INTERESSA!
        • Rex1997 scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Bombardiere
          Allora, so che potrei essere ampiamente
          criticato per quello che sto per dire.

          Io credo che ci sia un ampia differenza tra
          la violenza e sesso consensiente. La
          tendenza all'omosessualità non
          può essere repressa, e se lo si fa
          con voglia credo che non ci sia nulla di
          male, ma NO, anche questa cosa viene punita,
          perchè un ragazzo minorenne non
          è in grado di intendere e di volere,
          ma uno che ha 18 anni, CERTAMENTE SI, COME
          NO!

          Io condanno la violenza, gli abusi ecc ecc,
          su donne e bambini, ma qualunque cosa venga
          fatta con il VOLERE DI TUTTI E 2, non
          può essere condannato! Non è
          violenza!

          Certamente non è una cosa normale, ma
          a chi le fa NON INTERESSA!
          Dimentichi una cosa fondamentale: due adulti possono anche essere consenzienti, un bambino NO, non lo potrà mai essere in quanto la sua personalità non è ancora formata.Pertanto anche se un bambino apparentemente sembra essere consenziente, tale consenso è COMUNQUE ottenuto con una forma subdola di violenza e come tale và punito.Ripeto l'errore è considerare il bambino un adulto e sentirsi quindi scagionati.Probabilmente qualche psicologo dell'età infantile potrebbe spiegarti meglio il concetto, ma la sostanza resta: la violenza c'è ed è ancora più vergognosa in quanto ottenuta ingannando chi non sa ancora difendersi.Non proseguo oltre perché la rabbia che provo per un tale comportamento verso un innocente mi farebbe scrivere cose tropo pesanti all'indirizzo di tali esseri che reputo INFAMI, che passerei io dalla parte del torto...:(P.S. la rabbia mi ha fatto anche commettere parecchi errori di ortografia...==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 14.30.58
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            Dimentichi una cosa fondamentale: due adulti
            possono anche essere consenzienti, un
            bambino NO, non lo potrà mai essere
            in quanto la sua personalità non
            è ancora formata.Bambino di che età? Perché appena compiuti i 14 la sua personalità è formata e un giorno prima no? Io quando ho compiuto i 14 anni non ho mica notato cambiamenti dal giorno prima. Un conto è parlare di 2 anni, un conto è parlare di, per esempio, 13, o 12, o anche 11.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            Mi scuso con il forum di finire giocoforza per dare importanza a questo post rispondendogli, ma:http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Anonimo
            Mi scuso con il forum di finire giocoforza
            per dare importanza a questo post
            rispondendogli, ma:
            punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655Aspetta che ci arrivo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            - Scritto da: Bombardiere

            Allora, so che potrei essere ampiamente

            criticato per quello che sto per dire.



            Io credo che ci sia un ampia differenza
            tra

            la violenza e sesso consensiente. La

            tendenza all'omosessualità non

            può essere repressa, e se lo si
            fa

            con voglia credo che non ci sia nulla di

            male, ma NO, anche questa cosa viene
            punita,

            perchè un ragazzo minorenne non

            è in grado di intendere e di
            volere,

            ma uno che ha 18 anni, CERTAMENTE SI,
            COME

            NO!



            Io condanno la violenza, gli abusi ecc
            ecc,

            su donne e bambini, ma qualunque cosa
            venga

            fatta con il VOLERE DI TUTTI E 2, non

            può essere condannato! Non
            è

            violenza!



            Certamente non è una cosa
            normale, ma

            a chi le fa NON INTERESSA!


            Dimentichi una cosa fondamentale: due adulti
            possono anche essere consenzienti, un
            bambino NO, non lo potrà mai essere
            in quanto la sua personalità non
            è ancora formata.
            Pertanto anche se un bambino apparentemente
            sembra essere consenziente, tale consenso
            è COMUNQUE ottenuto con una forma
            subdola di violenza e come tale và
            punito.
            Ripeto l'errore è considerare il
            bambino un adulto e sentirsi quindi
            scagionati.
            Probabilmente qualche psicologo
            dell'età infantile potrebbe spiegarti
            meglio il concetto, ma la sostanza resta: la
            violenza c'è ed è ancora
            più vergognosa in quanto ottenuta
            ingannando chi non sa ancora difendersi.
            Non proseguo oltre perché la rabbia
            che provo per un tale comportamento verso un
            innocente mi farebbe scrivere cose tropo
            pesanti all'indirizzo di tali esseri che
            reputo INFAMI, che passerei io dalla parte
            del torto...:(

            P.S. la rabbia mi ha fatto anche commettere
            parecchi errori di ortografia...

            ==================================
            Modificato dall'autore il 10/11/2004 14.30.58Hai ragione, anche la donna non è in grado di dare il consenso. Si sa che è inferiore all'uomo e non è in grado di pensare. E anche quando essa dice si in realtà non sa quello che dice.Solo gli uomini possono dare il loro consenso e quindi è giusto che l'uomo tutore di una donna decida se essa debba sposarsi e con chi e se è pronta per avere rapporti sessuali o altro.Ti sembra assurdo?si?eppure ci sono villaggi islamici dove questo tipo di pensiero è corrente.Qui nella nostra società il pensiero è il bambino non può acconsentire, e anche se dice si in realtà è no.In fondo dov'è la differenza? semplicemente in un caso si nega la donna nell'altro di nega il bambino.In tutti e due casi siamo di fronte alla negazione di un individuo semplicemente perchè non ne si considera l'opinione e visto che la sua opinione non conta è inutile chiederla.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Anonimo
            Qui nella nostra società il pensiero
            è il bambino non può
            acconsentire, e anche se dice si in
            realtà è no.
            In fondo dov'è la differenza?
            semplicemente in un caso si nega la donna
            nell'altro di nega il bambino.Poi c'è da aggiungere che se i bambini non sono in grado di intendere e di volere perché li si manda a scuola? Perché li si manda al catechismo? Perché mai dovrebbero comprendere una cosa complessa e astratta come la religione e non dovrebbero comprendere una cosa molto più semplice e concreta come il sesso? Perché se i bambini non sono in grado di intendere e di volere la loro testimonianza dovrebbe contare nell'accusa ("quell'uomo mi ha violentato, mettetelo in galera") e non conta niente nella difesa ("con quell'uomo ci volevo andare volontariamente, lasciatelo stare")?
        • Brontoleus scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Bombardiere
          Allora, so che potrei essere ampiamente
          criticato per quello che sto per dire.

          Io credo che ci sia un ampia differenza tra
          la violenza e sesso consensiente. La
          tendenza all'omosessualità non
          può essere repressa, e se lo si fa
          con voglia credo che non ci sia nulla di
          male, ma NO, anche questa cosa viene punita,
          perchè un ragazzo minorenne non
          è in grado di intendere e di volere,
          ma uno che ha 18 anni, CERTAMENTE SI, COME
          NO!L'età del consenso in Italia è 14 anni. L'unico limite è che non può farlo con genitore o insegnante o tutore, solo in quel caso servono 16 anni. In tutti gli altri casi puoi farlo anche con un 80enne, se sei consenziente l'altro non sarà mai punito né punibile.Se poi l'altro fosse minorenne e ha meno di 3 anni di differenza, puoi avere anche 13 anni.Il brutto è che siamo in presenza di un paradosso, se fai sesso con una o uno di 14 sei a posto, se gli fai o tieni una foto no. Questa incongruenza del limite per la pornografia e limite per l'età del consenso è un assurdo. Come se una foto fosse una cosa più invasiva di un rapporto sessuale. Non ha senso.
          • Rex1997 scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Bombardiere

            Allora, so che potrei essere ampiamente

            criticato per quello che sto per dire.



            Io credo che ci sia un ampia differenza
            tra

            la violenza e sesso consensiente. La

            tendenza all'omosessualità non

            può essere repressa, e se lo si
            fa

            con voglia credo che non ci sia nulla di

            male, ma NO, anche questa cosa viene
            punita,

            perchè un ragazzo minorenne non

            è in grado di intendere e di
            volere,

            ma uno che ha 18 anni, CERTAMENTE SI,
            COME

            NO!
            L'età del consenso in Italia è
            14 anni. L'unico limite è che non
            può farlo con genitore o insegnante o
            tutore, solo in quel caso servono 16 anni.
            In tutti gli altri casi puoi farlo anche con
            un 80enne, se sei consenziente l'altro non
            sarà mai punito né punibile.
            Se poi l'altro fosse minorenne e ha meno di
            3 anni di differenza, puoi avere anche 13
            anni.
            Il brutto è che siamo in presenza di
            un paradosso, se fai sesso con una o uno di
            14 sei a posto, se gli fai o tieni una foto
            no. Questa incongruenza del limite per la
            pornografia e limite per l'età del
            consenso è un assurdo. Come se una
            foto fosse una cosa più invasiva di
            un rapporto sessuale. Non ha senso.Sei sicuro che chi è fotografato, sia nelle condizioni di aver dato il consenso alla divulgazione? Mi sembra che sulle foto non ci sia scritto o sbaglio?
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Rex1997
            Sei sicuro che chi è fotografato, sia
            nelle condizioni di aver dato il consenso
            alla divulgazione? Mi sembra che sulle foto
            non ci sia scritto o sbaglio?Allora questo vale per qualsiasi foto, anche di maggiorenni. Eppure anche lì mica c'è scritto.
          • Anonimo scrive:
            e mi togliete una curiosità al riguardo?
            e se una 15 enne facesse sesso con un professore della sua scuola ma non della sua classe??
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Brontoleus
            L'età del consenso in Italia è
            14 anni. L'unico limite è che non
            può farlo con genitore o insegnante o
            tutore, solo in quel caso servono 16 anni.
            In tutti gli altri casi puoi farlo anche con
            un 80enne, se sei consenziente l'altro non
            sarà mai punito né punibile.
            Se poi l'altro fosse minorenne e ha meno di
            3 anni di differenza, puoi avere anche 13
            anni.Errore. La regola dei 3 anni vale solo dai 14 in su.Farlo con una 13enne è reato. L'unico caso limite è nel caso in cui entrambi non abbiano 14 anni, nel caso è un illecito non punibile.
            Il brutto è che siamo in presenza di
            un paradosso, se fai sesso con una o uno di
            14 sei a postoSe non hai più di 17 anni.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Quelo
            Errore. La regola dei 3 anni vale solo dai
            14 in su.Tutto falso.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799749
      • Rex1997 scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo 1)
        - Scritto da: Anonimo

        a) Per prima cosa, come abbiamo visto
        per

        produrre materiale pornografico occorre
        che

        vi sia stato un abuso sul
        minore/vittima. Il

        Stati diversi hanno leggi diverse. Chi
        decide quali sono giuste e quali sono
        sbagliate? Noi? Loro? Se in uno stato si
        puo' avere rapporti sessuali con adulti a 12
        anni, in altri a 14, in altri a 16, in altri
        a 18, in altri a 21, chi ha ragione? Chi
        decide? Perche' fare sesso con una 14enne in
        italia e' legale ma possedere una immagine
        di una 17enne che fa sesso e' reato? Fare
        sesso con una 17enne in italia non e'
        considerato abuso. Allora perche' anni di
        galera per una foto che ritrae un non-abuso?
        Spiega un po'.
        Primo la natura ha una sola legge, secondo la legge ti permette di fare sesso con una 14enne solo dopo averla sposate legalmente con il permesso di entrambi i genitori.Avere in mano una foto con una 17enne che fa sesso NON implica automaticamente che questa a)sia consenziente, b) abbia ottenuto il permesso dei genitori, c)abbia dato il consenso a divulgare tali fotografie. In difetto di una sola di queste tre condizioni il possedere una foto del genere E' REATO in tutto il mondo civile,

        fruitore di suddetto materiale dunque

        concorre in questo tipo di reato in
        quanto

        favorisce la domanda del mercato,

        incrementando la relativa offerta.

        Ci sono scambi, e immagino siano pure la
        stragrande maggioranza, che non prevedono
        alcun pagamento, quindi non incrementano
        alcun mercato. Quali sfruttatori del
        pedoporno si andrebbe a finanziare quindi? E
        poi se il fine e' quello di punire il
        finanziamento del mercato pedoporno perche'
        e' punito con anni di galera il semplice
        possesso e non l'acquisto? Spiega un po'.
        Il fatto di fare scambio di materiale del genere, implica la condizione necessaria e sufficente che qualcuno la produca per permetterti di farla e questo è reato

        b) Il materiale prodotto una volta

        distribuito su Internet, può
        essere

        riprodotto all?infinito e risulta

        impossibile o comunque ardua una sua
        totale

        distruzione. Dunque, il minore/vittima
        e la

        Perche' le foto di omicidi, morti, suicidi,
        malattie, carestie sono liberamente
        disponibili in internet su siti "rinomati"
        nel settore e diffusamente conosciuti e
        visitati? Se l'abuso sta nella diffusione di
        una scena di un crimine perche' la
        pedopornografia si' e un omicidio no?Le foto di scene di deltti sono divulgate solo se i giudici lo permettono: ben difficilmente vedrai pubblicata una foto di un morto per omicidio REALE in posti meno che leciti, tanto è vero che la divulgazione è reato. La scena del crimine, dopo la pulitura della polizia scientifica non contiene nulla di spaventoso o spaventevole e da sola non significa nulla.
        Perche' due pesi e due misure? E poi non
        andrebbe colpito chi diffonde? Non e' lui
        che commette l'illecito di rendere
        disponibile ad altri, di diffondere la scena
        del crimine? Perche' anni di galera per il
        solo possesso? Perche' un abuso su un minore
        viene secondo la tua visione tutelato mentre
        l'omicidio dello stesso minore no? Perche'
        c'entra il sesso? E' questo il punto? Il
        sesso? Quella cosa sporca che si fa al buio
        di nascosto? E' il sesso che spaventa tanto
        la gente ed i legislatori? Spiega un po'.Mi sembra che l'omicidio del minore sia ampiamente punito dalle leggi vigenti. Quello che ti ostini a non vedere è che nel caso di abuso sul minore il reato e reiterato e questo per la legge fa aumentare la pena. Il sesso poi in questo caso se agggiunto all'abuso sul minore aggrava ancora di più la situazione del colpevole.


        c) Secondo autorevoli studi la
        fruizione del

        materiale pedo-pornografico genera
        fantasie

        sessuali che potrebbero spingere il
        soggetto

        o quanto meno incuriosirlo a trasformare

        tali fantasie in realtà e dunque

        Quindi fotografie di omicidi potrebbe
        spingere il soggetto a compiere omicidi, e
        le notizie del telegiornale potrebbero
        indurre i soggetti a compiere crimini, e i
        film violenti potrebbero indurre i soggetti
        a pestare il primo che passa per strada e la
        musica metal potrebbe spingere i soggetti a
        compiere omicidi di massa e quindi tutto
        deve essere vietato perche' non si sa mai
        che a qualcuno salti in mente di fare
        qualcosa di illegale. Non conta se un film
        e' solo un film, una notizia e' una notizia
        e se il reato esiste soltanto nel momento in
        cui lo si commette. Non importa se il
        99,99999% della gente non fara' mai cio' che
        vede nei film perche' capisce che e'
        sbagliato fare del male al prossimo. Va
        vietato tutto, e' cosi'? Lo stato deve
        bandire qualsiasi vago riferimento a
        comportamenti violenti, non devono esistere
        nemmeno per finta, la gente non li deve
        conoscere in nessuna maniera cosi' che non
        si diffonda. Chi ne parla o possiede
        immagini che riproducono scene di violenza
        deve andare in galera, e' cosi'? Spiega un
        po'.Ti ho gia risposto prima: le foto dei morti ammazzati NON sono disponibili ovunque.
        segue....
        • Brontoleus scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo 1)
          - Scritto da: Rex1997
          Primo la natura ha una sola legge,La NATURA dice che una persona è pronta quando può procreare. Questo (salvo casi particolarissimi di ritardo nello sviluppo) di norma avviene MOLTO PRIMA dei 14 anni.
          secondo
          la legge ti permette di fare sesso con una
          14enne solo dopo averla sposate legalmente
          con il permesso di entrambi i genitori.Questa è proprio una CAuna grande CAZZAuna grossagigantescastrepitosa CAZZATA!!!Dal Codice Penale italiano:Art. 609 quater - Atti sessuali con minorenneSoggiace alla pena [da 6 a 12 anni di carcere, ndr] stabilita dall`articolo 609 bis chiunque, al di fuori delle ipotesi previste in detto articolo [violenza sessuale ndr], compie atti sessuali con persona che. al momento del fatto:1) non ha compiuto gli anni quattordici;2) non ha compiuto gli anni sedici, quando il colpevole sial`ascendente, il genitore anche adottivo, il tutore, ovvero altra persona cui, per ragioni di cura, di educazione, di istruzione, di vigilanza o di custodia, il minore è affidato o che abbia, con quest`ultimo, una relazione di convivenza.Non è punibile il minorenne che, al di fuori delle ipotesi previste nell`articolo 609 bis compie atti sessuali con unminorenne che abbia compiuto gli anni tredici, se la differenza di età tra i soggetti non è superiore a tre anni.Nei casi di minore gravità la pena è diminuita fino a due terzi.Si applica la pena di cui all`articolo 609 ter [circostanze aggravanti, da 7 a 14 anni di carcere, ndr], secondo comma, se la persona offesa non ha compiuto gli anni dieci.
          Avere in mano una foto con una 17enne che fa
          sesso NON implica automaticamente che questa
          a)sia consenziente, b) abbia ottenuto il
          permesso dei genitori, c)abbia dato il
          consenso a divulgare tali fotografie. In
          difetto di una sola di queste tre condizioni
          il possedere una foto del genere E' REATO in
          tutto il mondo civile,Quindi il Canada è fuori dal mondo civile per te?
          Il fatto di fare scambio di materiale del
          genere, implica la condizione necessaria e
          sufficente che qualcuno la produca per
          permetterti di farla e questo è reatoQuesto COSA? Il fatto che qualcuno la produca? Ma andrà punito lui, non chi scambia.Caso 1: Non riescono a trovarlo? E' un loro problema, la responsabilità penale è PERSONALE, non si può punire qualcuno in luogo di un altro.Caso 2: L'hanno trovato? E allora perché continuano a cercare chi ha la foto? Non ce l'hanno già il colpevole?
          Le foto di scene di deltti sono divulgate
          solo se i giudici lo permettono: ben
          difficilmente vedrai pubblicata una foto di
          un morto per omicidio REALE in posti meno
          che leciti, tanto è vero che la
          divulgazione è reato.Questo forse per gli omicidi avvenuti in Italia, non lo so. Sicuramente non vale per gli omicidi avvenuti all'estero e le cui foto vengono pubblicate/trasmesse su giornali e TG italiani, in lingua italiana, che pubblicano e trasmettono da e sul territorio italiano e diretti agli italiani.
          Mi sembra che l'omicidio del minore sia
          ampiamente punito dalle leggi vigenti.L'omicidio, non la sua foto.
          Quello che ti ostini a non vedere è
          che nel caso di abuso sul minore il reato e
          reiterato e questo per la legge fa aumentare
          la pena. Il sesso poi in questo caso se
          agggiunto all'abuso sul minore aggrava
          ancora di più la situazione del
          colpevole.Come SE AGGIUNTO ALL'ABUSO? Ma non era il sesso l'abuso?
          Ti ho gia risposto prima: le foto dei morti
          ammazzati NON sono disponibili ovunque.E i film?
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo 1)
          - Scritto da: Rex1997

          - Scritto da: Anonimo


          a) Per prima cosa, come abbiamo
          visto

          per


          produrre materiale pornografico
          occorre

          che


          vi sia stato un abuso sul

          minore/vittima. Il



          Stati diversi hanno leggi diverse. Chi

          decide quali sono giuste e quali sono

          sbagliate? Noi? Loro? Se in uno stato si

          puo' avere rapporti sessuali con adulti
          a 12

          anni, in altri a 14, in altri a 16, in
          altri

          a 18, in altri a 21, chi ha ragione? Chi

          decide? Perche' fare sesso con una
          14enne in

          italia e' legale ma possedere una
          immagine

          di una 17enne che fa sesso e' reato?
          Fare

          sesso con una 17enne in italia non e'

          considerato abuso. Allora perche' anni
          di

          galera per una foto che ritrae un
          non-abuso?

          Spiega un po'.


          Primo la natura ha una sola legge,La legge della natura è una e una sola: quella del più forte.Inoltre una ragazza è pronta per natura dal momento in cui ha l'ovulazione e può variare da ragazza a ragazza dagli 8 ai 16 anni.Meccanicamente invece può essere considerata pronta da molto prima.Quindi non usare mai la parola natura o naturale quando parli di leggi, l'unica legge della natura è "io sono più forte di te, io faccio di te quello che voglio!".Tutte le altre leggi sono prettamente umane.
          secondo
          la legge ti permette di fare sesso con una
          14enne solo dopo averla sposate legalmente
          con il permesso di entrambi i genitori.
          Avere in mano una foto con una 17enne che fa
          sesso NON implica automaticamente che questa
          a)sia consenziente, b) abbia ottenuto il
          permesso dei genitori, c)abbia dato il
          consenso a divulgare tali fotografie. In
          difetto di una sola di queste tre condizioni
          il possedere una foto del genere E' REATO in
          tutto il mondo civile,Supponiamo che tu abbia ragione. Quindi se io scatto una foto a una diciassettenne in atti sessuali e possiedo un foglio firmato da lei e dai suoi genitori che autorizzano la divulgazione delle immagini non stò compiendo reato e non sono quindi punibile?A me pare che la polizia e i giudici in quel caso se ne freghino e che mi arrestano comunque.


          fruitore di suddetto materiale
          dunque


          concorre in questo tipo di reato in

          quanto


          favorisce la domanda del mercato,


          incrementando la relativa offerta.



          Ci sono scambi, e immagino siano pure la

          stragrande maggioranza, che non
          prevedono

          alcun pagamento, quindi non incrementano

          alcun mercato. Quali sfruttatori del

          pedoporno si andrebbe a finanziare
          quindi? E

          poi se il fine e' quello di punire il

          finanziamento del mercato pedoporno
          perche'

          e' punito con anni di galera il semplice

          possesso e non l'acquisto? Spiega un
          po'.


          Il fatto di fare scambio di materiale del
          genere, implica la condizione necessaria e
          sufficente che qualcuno la produca per
          permetterti di farla e questo è reatoMa se arresti colui che le produce, in che reato sono coinvolti quelli che le guardano?


          b) Il materiale prodotto una volta


          distribuito su Internet, può

          essere


          riprodotto all?infinito e risulta


          impossibile o comunque ardua una
          sua

          totale


          distruzione. Dunque, il
          minore/vittima

          e la



          Perche' le foto di omicidi, morti,
          suicidi,

          malattie, carestie sono liberamente

          disponibili in internet su siti
          "rinomati"

          nel settore e diffusamente conosciuti e

          visitati? Se l'abuso sta nella
          diffusione di

          una scena di un crimine perche' la

          pedopornografia si' e un omicidio no?

          Le foto di scene di deltti sono divulgate
          solo se i giudici lo permettono: ben
          difficilmente vedrai pubblicata una foto di
          un morto per omicidio REALE in posti meno
          che leciti, tanto è vero che la
          divulgazione è reato. La scena del
          crimine, dopo la pulitura della polizia
          scientifica non contiene nulla di spaventoso
          o spaventevole e da sola non significa
          nulla.Bravo co....ne dimmi quale giudice ha autorizzato la divulgazione della decapitazione di quei poveracci? E quanti sono stati arrestati per aver messo quelle immagini sul loro sito?Beh, ti rispondo subito: Nessuno.Perchè? perchè i terroristi sono i criminali che hanno commesso il fatto, quelli che hanno il filmato sul loro sito non fanno che della divulgazione.Perchè per le immagini pedofile non è lo stesso? A me pare molto peggiore un omicidio che un atto sessuale.


          Perche' due pesi e due misure? E poi non

          andrebbe colpito chi diffonde? Non e'
          lui

          che commette l'illecito di rendere

          disponibile ad altri, di diffondere la
          scena

          del crimine? Perche' anni di galera per
          il

          solo possesso? Perche' un abuso su un
          minore

          viene secondo la tua visione tutelato
          mentre

          l'omicidio dello stesso minore no?
          Perche'

          c'entra il sesso? E' questo il punto? Il

          sesso? Quella cosa sporca che si fa al
          buio

          di nascosto? E' il sesso che spaventa
          tanto

          la gente ed i legislatori? Spiega un
          po'.
          Mi sembra che l'omicidio del minore sia
          ampiamente punito dalle leggi vigenti.
          Quello che ti ostini a non vedere è
          che nel caso di abuso sul minore il reato e
          reiterato e questo per la legge fa aumentare
          la pena. Il sesso poi in questo caso se
          agggiunto all'abuso sul minore aggrava
          ancora di più la situazione del
          colpevole.Perchè il reato è reiterato? spiegami questo p.f.


          c) Secondo autorevoli studi la

          fruizione del


          materiale pedo-pornografico genera

          fantasie


          sessuali che potrebbero spingere il

          soggetto


          o quanto meno incuriosirlo a
          trasformare


          tali fantasie in realtà e
          dunque



          Quindi fotografie di omicidi potrebbe

          spingere il soggetto a compiere
          omicidi, e

          le notizie del telegiornale potrebbero

          indurre i soggetti a compiere crimini,
          e i

          film violenti potrebbero indurre i
          soggetti

          a pestare il primo che passa per strada
          e la

          musica metal potrebbe spingere i
          soggetti a

          compiere omicidi di massa e quindi tutto

          deve essere vietato perche' non si sa
          mai

          che a qualcuno salti in mente di fare

          qualcosa di illegale. Non conta se un
          film

          e' solo un film, una notizia e' una
          notizia

          e se il reato esiste soltanto nel
          momento in

          cui lo si commette. Non importa se il

          99,99999% della gente non fara' mai
          cio' che

          vede nei film perche' capisce che e'

          sbagliato fare del male al prossimo. Va

          vietato tutto, e' cosi'? Lo stato deve

          bandire qualsiasi vago riferimento a

          comportamenti violenti, non devono
          esistere

          nemmeno per finta, la gente non li deve

          conoscere in nessuna maniera cosi' che
          non

          si diffonda. Chi ne parla o possiede

          immagini che riproducono scene di
          violenza
      • Rex1997 scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo 2)


        d) Il materiale pedo-pornografico viene

        utilizzato anche per realizzare la
        tecnica

        del Grooming. In questo processo, colui
        che

        abusa induce gradualmente il bambino a

        superare le resistenze attraverso
        tecniche

        di manipolazione psicologica, usando il

        materiale pedo-pornografico sia per
        indurre

        che per ricattare la vittima.

        I criminali usano coltelli per commettere
        reati, vietiamo il possesso dei coltelli e
        condanniamo il possesso di questi con anni
        di galera perche' il coltello e' un mezzo
        che potrebbe essere usato un giorno da
        qualcuno da qualche parte del mondo per
        commettere un reato. Non va condannato
        l'abuso, fisico o psicologico sul bambino,
        no no, va condannato il possesso del
        coltello, e' nel coltello e' il male e se un
        collezionista di coltelli viene scoperto
        verra' messo in galera per il gravissimo
        reato commesso, magari al pari di uno
        stupratore di bambini, anzi di piu' perche'
        un collezionista di coltelli ne ha tanti, ad
        uno stupratore magari ne bastava uno oppure
        usava un bastone... E' cosi' vero? Spiega un
        po'.
        Secondo me a questo punto dovresti farti un bel corso di criminologia per capire l'errata esposizione delle tue tesi, io non mi sento in grado in quanto sono solo un tecnico informatico, anche se i mie interessi spaziano su molti argomenti.

        e) Le conseguenze della fruizione di

        materiale pedo-pornografico possono
        alterare

        anche le relazioni all?interno della

        famiglia soprattutto nei confronti dei

        minori.

        Le relazioni all'interno della famiglia sono
        affare di stato e lo stato decide, se ci si
        deve volere bene, se ci si deve volere male,
        cosa si deve pensare del figlio, della
        sorella, del papa'. Le persone non hanno
        titolo per scegliere cosa pensare degli
        altri, dovranno avere comportamenti consoni
        alle leggi dello stato il quale con
        opportuni decreti legge decide come e quando
        guardare i bambini, cosa dirgli, cosa non
        dirgli, cosa pensare di loro e cosa no.
        L'individuo non e' libero di avere i
        rapporti familiari che vuole, pensare quello
        che vuole in base alle sue esperienze
        personali. Spiega un po'.
        Il comportamento all'interno della famiglia è regolato non solo dalle leggi dello stato, ma anche dal buon senso. Studiati il diritto familiare, il diritto penale applicato alla famiglia e meditaci sopra. Oppure per te, tanto per fare un esempio, se un marito picchia la moglie nessuno deve intervenire perché sono affari di famiglia?

        Dunque, ricapitolando, risulta evidente
        che

        Ricapitolando mi sembrano tutte
        argomentazioni banali e trite a tentativo di
        sostegno di leggi papocchio che ledono
        sempre di piu' la liberta' della gente e che
        tradiscono gravi problemi psicologici
        nell'affrontare il bambino come entita' a se
        con i suoi diritti e il suo libero pensare
        ed agire e gravi problemi psicologici
        nell'affrontare la sessualita' nella
        societa' occidentale moderna che in italia
        e' ancora considerata sporca, qualcosa da
        nascondere, qualcosa da cui la societa'
        dev'essere difesa mediante leggi dello
        stato.come vedi confutare le tue tesi è abbastanza banale, basta mettersi d'impegno, un po di tempo ed aver voglia di rispondere a (troll)oni che in nome di una finta libertà giustificano tutto senza ragionare.Ah, dimenticavo una cosa: se vuoi continuare ad esporre tesi del genere firmati!
      • Brontoleus scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        - Scritto da: AnonimoQuoto tutto. Non avrei saputo fare meglio. Anche se ho portato comunque le mie argomentazioni, magari vattele a leggere e dimmi cosa ne pensi.
      • Brontoleus scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        - Scritto da: Rex1997
        Forse un motivo
        ci sarà se la pedofilia in quanto
        tale non viene considerata un orientamento
        sessuale, come ho letto da qualche parte, ma
        una vera e propria malattia pericolosa per
        la società.Hai appena detto una cazzata. Il DSM V (il manuale usato dagli psichiatri americani per decidere se qualcosa è una malattia oppure no) nel 1993 ha aggiornato la definizione sulla pedofilia, definendola malattia SOLO se si è ego-distonic, cioè se non la si accetta come parte di sé. Questo dopo che il DSM IV (l'edizione precedente) ha detto che l'omosessualità non è malattia per lo stesso motivo.
        Ah, dato che sicuramente qualcuno
        tirerà fuori che gli antichi persiani
        o gli stessi romani si accopiavano anche con
        giovani ricordo che detti giovani erano
        comunque adulti nel senso letterale del
        termineNo. Così come in Grecia se il più giovane dei due aveva superato i 16 anni era considerato disdicevole avere rapporti sessuali con lui. Il limite minimo ufficiale era 12, ma era solo teorico e non vi era nessuna legge che punisse chi lo violasse.
        (commilitoni,et similari in quanto
        in guerrra le donne e i bambini mica ci
        andavano...e quando non erano in guerra
        esistevano i postriboli dove soddisfare le
        voglie con le cosidette femmine di
        malaffare) e mai si permisero di usare
        bambini per i loro giochi sessuali.A Roma c'erano i bambini schiavi e contrariamente a come credi venivano usati a tale scopo.
        Anzi chi veniva scoperto a praticare sesso
        con bambini finiva generalmente decapitato
        senza neanche processo..Sulla Lex Scatinia molti storici dubitano che sia mai esistita, un po' come l'Editto di Costantino.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Rex1997
          Ah, ecco lo hanno detto gli psichiatri ,
          americani per di giunta, che come noto sono
          i diretti depositari della conoscenza
          infallibile della psiche dell'uomo....:(Se non sono gli psichiatri a conoscere l'uomo chi dovrebbe esserlo? Comunque è possibile che sia valido anche per il manuale dell'associazione europea, di solito le due seguono a pochi mesi l'una dall'altra. Anche se col clima che abbiamo in Europa è possibile di no.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Anonimo
          è la completa mancanza di discorso
          obiettivo che stà distruggendo la
          vita di centinaia di migliaia di persone
          (adulti e bambini). Esattamente come 50 anni
          fa veniva distrutta la vita deglio
          omosessuali.Quoto.
      • Brontoleus scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        - Scritto da: Anonimo
        La pedofilia è praticata pure dagli
        animali (p.e. le scimmie, ma non solamente)I gatti, per citare un animale più diffuso.Sostituire "bambini" con "cuccioli non in grado di procreare". Tra l'altro, ora che ci si pensa, una definizione universalmente accettata di "bambino" non esiste. Si potrebbe dare lo stesso significato e si risolverebbe tutto (nel senso di vietare i rapporti con le persone non in grado di procreare), invece si deve complicare per forza tutto.Dal punto di vista naturale, proprio la natura decide che quello è il momento (altrimenti a che servirebbe fargli avere l'ovulazione o la produzione dello sperma?).
        • Anonimo scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Brontoleus

          - Scritto da: Anonimo

          La pedofilia è praticata pure
          dagli

          animali (p.e. le scimmie, ma non
          solamente)
          I gatti, per citare un animale più
          diffuso.
          Sostituire "bambini" con "cuccioli non in
          grado di procreare". Tra l'altro, ora che ci
          si pensa, una definizione universalmente
          accettata di "bambino" non esiste. Si
          potrebbe dare lo stesso significato e si
          risolverebbe tutto (nel senso di vietare i
          rapporti con le persone non in grado di
          procreare), invece si deve complicare per
          forza tutto.
          Dal punto di vista naturale, proprio la
          natura decide che quello è il momento
          (altrimenti a che servirebbe fargli avere
          l'ovulazione o la produzione dello sperma?).Corretto, ma potrei aggiungere che l'avere rapporti sessuali prima del momento "naturale" permetterebbe di farsi un'esperienza e stabilire una relazione forte (quindi con un buon legame col partner) prima di rischiare di avere il carico della prole.Si parla di apprendistato e di esperienza per tutto. Non si accetta che qualcuno eserciti alcuna attività prima di aver imparato come si fa. Solamente la sessualità viene completamente nascosta e la si scopre di nascosto da tutti solo al momento dell'adolescenza, quando si tende a scoppiare di ormoni e non si riesce più a trattenersi. Chiaro che poi nessuno riesce ad avere il primo rapporto in modo tranquillo e gradevole, deve per forza essere un momento di tensione e di timore di sbagliare.Chiaro che per tutti l'esperienza è diversa, ma lo sarebbe comunque in qualunque caso.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
            - Scritto da: Anonimo
            Si parla di apprendistato e di esperienza
            per tutto. Non si accetta che qualcuno
            eserciti alcuna attività prima di
            aver imparato come si fa. Solamente la
            sessualità viene completamente
            nascosta e la si scopre di nascosto da tutti
            solo al momento dell'adolescenza, quando si
            tende a scoppiare di ormoni e non si riesce
            più a trattenersi. Chiaro che poi
            nessuno riesce ad avere il primo rapporto in
            modo tranquillo e gradevole, deve per forza
            essere un momento di tensione e di timore di
            sbagliare.
            Chiaro che per tutti l'esperienza è
            diversa, ma lo sarebbe comunque in qualunque
            caso.Concordo su tutto, ma ciò che dici è pura utopia al 101%, perlomeno oggi. E' molto più realistica una situazione in cui si seguano le leggi della natura (che comunque non sono assolute, come ho spiegato, ma danno un'indicazione "di massima").E' ovvio che per arrivare a una situazione come quella che descrivi ce n'è tantissima di strada da fare, e penso che servirà come minimo qualche secolo, visto l'attuale vuoto anche scientifico (e i pochi studi seri sono appunto pochi e tacciati di essere di parte).Per arrivare a quello che dici occorrerebbe quindi un cambiamento radicale della cultura, che certamente non avverrà se non in un'ipotetica "rivoluzione preadolescenziale" in cui i bambini stufi di stare sotto campane di vetro si ribellino. Ma ripeto: ciò di certo non avverrà nei prossimi 100 anni: come tutte le rivoluzioni bisogna arrivare al punto di rottura tra mondo adulto e mondo infantile, ed è evidente che da questo punto di rottura siamo ancora abbastanza lontani. In realtà la verità è sotto gli occhi di tutti, ma attualmente ad entrambe le parti fa comodo non perdere i loro privilegi (un bambino che pretenda i suoi diritti in campo sessuale o sia semplicemente "vivace" da questo punto di vista, oggi, verrebbe spedito immediatamente dallo psicologo che cercherà di plagiarlo e convincerlo che questo modo di fare non va bene).
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
      E la causa di tutto questo é internet o la mente umana? :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
      Quoto tutto, e aggiungo che leggendo qui molti post che cercano di instillare tolleranza o sdoganare il fenomeno provo vero schifo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        - Scritto da: Anonimo
        Quoto tutto, e aggiungo che leggendo qui
        molti post che cercano di instillare
        tolleranza o sdoganare il fenomeno provo
        vero schifo.Anche tu dovresti andare nel 1600 al tempo della caccia alle streghe. In fondo a te non importa cosa capita realmente e perchè. Tu vuoi solo vedere sangue e punizioni per tutti quelli che non sono come te.Se fosse per gente come te ci sarebbe una nuova inquisizione. E guardando bene per la pedofilia è proprio quello che stà capitando.
    • Anonimo scrive:
      Per i pisquani pedofobici che rispondono
      Messaggio per i pisquani pedofobici che rispondono, scrivo un solo messaggio in risposta a tutti (visto che dite tutti le stesse cose; quando si dice "buttare il cervello all'ammasso").Noto che non osate rispondere alle mie argomentazioni, e sapete perche'? Perche' non sapete cosa rispondere di fronte a tutti i punti che ho posto all'attenzione che sono veri e propri e gravi bug di una caccia alle streghe che fa acqua da tutte le parti.Sapete soltanto rispondere che i bambini non si devono molestare.MA E' OVVIO CHE I BAMBINI NON SI DEVONO MOLESTARE!!!Credete di potervi lavare la coscienza e chiudere la faccenda cosi' facilmente con frasi cosi' banalotte?Il punto non e' il bambino da non molestare su cui siamo gia' TUTTI d'accordo ma le leggi a tentativo di repressione di questo fenomeno che FANNO SCHIFO e sono scritte in maniera del tutto incompetente da bigotti che non sono in grado di affrontare il problema con intelligenza e rispetto per la liberta' di tutti, dei bambini ma anche di tutti gli altri.E non parlo della liberta' di scoparsi un bambino per Dio, non diciamo ...zate! Parlo della liberta' di non finire in galera per anni per aver visto, per sbaglio o per curiosita', una immagine pedoporno. Immagini del genere a volte te le mandavano in irc. Immagini del genere a volte le trovi sul p2p anche se cercavi altro. Immagini del genere a volte la gente le cerca per piccola curiosita'. Un mio ex collega di lavoro, commerciale, lo ha detto in ufficio che sarebbe curioso di vedere una di quelle immagini. E' una grossa stupaggine sono il primo a dirlo (e gliel'ho detto) ma se l'avesse cercata e l'avesse trovata, meriterebbe la galera? Non la galera per scherzo, la galera per davvero! Anni! Quella stanzetta schifosa con le sbarre, per anni!Evitare il vostro facile qualunquismo. La salvaguardia della salute dei bambini sta a cuore A TUTTI. Si discute su cosa e' bene fare e cosa no, cosa funziona meglio e cosa no per cercare di evitare il fenomeno.Ripeto, affrontare le tematiche proposte, se ne avete il coraggio. Una persona intelligente che si sottrae alla discussione non e' una persona intelligente.
      • Rex1997 scrive:
        Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono
        - Scritto da: Anonimo
        Messaggio per i pisquani pedofobici che
        rispondono, scrivo un solo messaggio in
        risposta a tutti (visto che dite tutti le
        stesse cose; quando si dice "buttare il
        cervello all'ammasso").

        Noto che non osate rispondere alle mie
        argomentazioni, e sapete perche'? Perche'
        non sapete cosa rispondere di fronte a tutti
        i punti che ho posto all'attenzione che sono
        veri e propri e gravi bug di una caccia alle
        streghe che fa acqua da tutte le parti.
        Sapete soltanto rispondere che i bambini non
        si devono molestare.
        MA E' OVVIO CHE I BAMBINI NON SI DEVONO
        MOLESTARE!!!
        Credete di potervi lavare la coscienza e
        chiudere la faccenda cosi' facilmente con
        frasi cosi' banalotte?
        Il punto non e' il bambino da non molestare
        su cui siamo gia' TUTTI d'accordo ma le
        leggi a tentativo di repressione di questo
        fenomeno che FANNO SCHIFO e sono scritte in
        maniera del tutto incompetente da bigotti
        che non sono in grado di affrontare il
        problema con intelligenza e rispetto per la
        liberta' di tutti, dei bambini ma anche di
        tutti gli altri.
        E non parlo della liberta' di scoparsi un
        bambino per Dio, non diciamo ...zate! Parlo
        della liberta' di non finire in galera per
        anni per aver visto, per sbaglio o per
        curiosita', una immagine pedoporno. Immagini
        del genere a volte te le mandavano in irc.
        Immagini del genere a volte le trovi sul p2p
        anche se cercavi altro. Immagini del genere
        a volte la gente le cerca per piccola
        curiosita'. Un mio ex collega di lavoro,
        commerciale, lo ha detto in ufficio che
        sarebbe curioso di vedere una di quelle
        immagini. E' una grossa stupaggine sono il
        primo a dirlo (e gliel'ho detto) ma se
        l'avesse cercata e l'avesse trovata,
        meriterebbe la galera? Non la galera per
        scherzo, la galera per davvero! Anni! Quella
        stanzetta schifosa con le sbarre, per anni!
        Evitare il vostro facile qualunquismo. La
        salvaguardia della salute dei bambini sta a
        cuore A TUTTI. Si discute su cosa e' bene
        fare e cosa no, cosa funziona meglio e cosa
        no per cercare di evitare il fenomeno.
        Ripeto, affrontare le tematiche proposte, se
        ne avete il coraggio. Una persona
        intelligente che si sottrae alla discussione
        non e' una persona intelligente.Allora invece di tirare fuori argomentazioni stupide comincia TU per primo a proporre leggi giuste che tutelino il bambino, gli inconsapevoli e colpiscano solo i colpevoli.Noto però senza stupore che ti sei ben guardato dal firmarti....e questo mi da da pensare.Un pisquano pedofobico.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono

          stupide comincia TU per primo a proporre
          leggi giuste che tutelino il bambino, gliDevo raccogliere 50.000 firme per proporre una legge in parlamento? Siamo seri stiamo solo discutendo su un forum! Non costruiamo castelli in aria. Stavo facendo notare varie e secondo me gravi storture nel ragionamento di un messaggio. Per esempio diceva l'autore del messaggio che il possesso di una foto pedoporno va vietata perche' rappresenta un crimine. Bon, ma come la mettiamo per esempio col fatto che in italia e' legale fare sesso con una 14enne ma e' illegale possedere una foto di una 17enne che fa del sesso? Se fare sesso con una 17enne non e' un crimine, perche' e' vietato il possesso di una foto che rappresenta un non-crimine?Nessuno vuole rispondere a questa ed altre argomentazioni, perche' e' difficile, perche' e' piu' facile dire che non bisogna toccare i bambini e che a chi non si intruppa fa parte dei salotti pedopornofili e gli si spaccano i denti quando li si incontrano.Che pochezza...
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Anonimo
            Bon, ma come la mettiamo per
            esempio col fatto che in italia e' legale
            fare sesso con una 14enne ma e' illegale
            possedere una foto di una 17enne che fa del
            sesso? Alt, è legale fare sesso con una 14enne se tu hai al massimo 17 anni.Guardati la legge sul sesso minorile.E cmq, non vuol dire nulla. La legge sul sesso minorile regolamenta un fenomeno inevitabile, cioè il sesso tra minori (molti di noi hanno avuto la "prima volta" intorno ai 17 anni per esempio) ma questo non impedisce alla legge di tutelare cmq il minore in certi ambiti.Ti sembrera' un assurdo, ma io lo trovo un procedimento corretto.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Quelo
            Alt, è legale fare sesso con una
            14enne se tu hai al massimo 17 anni.

            Guardati la legge sul sesso minorile.http://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799749Per la serie non sapere di cosa si parla...Io cito l'articolo del codice penale (609 quater) tu citami il tuo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispon

          Noto però senza stupore che ti sei
          ben guardato dal firmarti....e questo mi da
          da pensare.Alcuni si firmano anche, per quel che costa...Il problema è che LORO (i pro-pedo) tirano fuori sempre gli stessi argomenti ritriti:- chi scarica gratis non fomenta il mercato:FALSO, è comunque richiesta, contatti che contano per i banner e pay per click (almeno nella parte non estrema dei siti) e per la squallida classifica dei "migliori" fornitori di materiale, se non anche per agganciare qualche pisquano con la macchina aperta che può essere usato come ponte, come deposito temporaneo, come fonte di indirizzi di posta e tante altre cose rivendibili che finanziano FATTIVAMENTE questa gente, ecc.. ecc...- chi guarda non fa loro del maleFALSO, alimenta le richieste- le foto possono essere falseTutto può essere, quindi la legge non dovrebbe fare nulla, sempre? Nemmeno indagare per vedere se sono false o meno? è una palese argomentazione antilogica!- le foto non fanno del male ai bambini:FALSO, si tratta comunque di un abuso che quei minori hanno il diritto di non subire, in + si tratta di un ulterore abuso contro quelle foto se le trova di fronte, uno squallido tentativo di grooming per i bambini, semplice ma vergognosa propaganda per gli adulti;- la pedofilia è una tendenza sessuale come le altre/ non sempre il bambino non è consenziente / il bambino può essere consenziente / i gerci, i romani, le diverse culture, bla bla bla...FALSO, la capacità di giudizio si forma progressivamente, il bambino ha tutto il diritto di essere tutelato fino a che non sia ragionevolmente fuori di dubbio che abbia potuto sviluppare sufficienete senso critico e quindi è meglio abbondare che deficere insomma, si tratta di farsi un rasp*ne (senza alimentare, nemmeno indirettamente! il mercato della pedopornografia) invece che una sc*pta messo contro il preservare il bambino da un possibile trauma, mi sembra che le due cose non siano minimamente proporzionate e proporzionabili! Detto più finemente il dubbio semmai non dovrebbe essere se il bambino è pronto o meno, ma piuttosto se NON lo è, aspettare per preservarlo da un trauma è molto più importante della soddisfazione di un desiderio!
          Un pisquano pedofobico.Insomma, questo è quello che penso, quelli si permettono di dire che solo le loro sono argomentazioni, che gli altri hanno solo pregioudizi, e si permettono pure di dare del "pisquano" a me e a te, magari minacciando anche denunce se ci scappa una parola di troppo "perchè si sentono offesi da questa intolleranza", mi chiedo se invece non abbiamo gli estremi noi per... ;)RIPETOil dubbio semmai non dovrebbe essere se il bambino è pronto o meno, ma piuttosto se NON lo è, aspettare per preservarlo da un trauma è molto più importante della soddisfazione di un desiderio!E se uno non ci arriva, vuole dire che non si tratta di desiderio, ma di qualcosa di incontrollabile che va segnalato alle autorità competenti e curato efficacemente (no, prima che tiriate in ballo altri luoghi comuni, non con la preghiera e la penitenza, ci sono altri mezzi scientificamente più efficaci oggi, ma se vi va provate anche quello, ma non solo quello, mi raccomando!)
          • Rex1997 scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Anonimo

            Noto però senza stupore che ti
            sei

            ben guardato dal firmarti....e questo
            mi da

            da pensare.
            Alcuni si firmano anche, per quel che
            costa...
            Il problema è che LORO (i pro-pedo)
            tirano fuori sempre gli stessi argomenti
            ritriti:
            - chi scarica gratis non fomenta il mercato:
            FALSO, è comunque richiesta, contatti
            che contano per i banner e pay per click
            (almeno nella parte non estrema dei siti) e
            per la squallida classifica dei "migliori"
            fornitori di materiale, se non anche per
            agganciare qualche pisquano con la macchina
            aperta che può essere usato come
            ponte, come deposito temporaneo, come fonte
            di indirizzi di posta e tante altre cose
            rivendibili che finanziano FATTIVAMENTE
            questa gente, ecc.. ecc...
            - chi guarda non fa loro del male
            FALSO, alimenta le richieste
            - le foto possono essere false
            Tutto può essere, quindi la legge non
            dovrebbe fare nulla, sempre? Nemmeno
            indagare per vedere se sono false o meno?
            è una palese argomentazione
            antilogica!
            - le foto non fanno del male ai bambini:
            FALSO, si tratta comunque di un abuso che
            quei minori hanno il diritto di non subire,
            in + si tratta di un ulterore abuso contro
            quelle foto se le trova di fronte, uno
            squallido tentativo di grooming per i
            bambini, semplice ma vergognosa propaganda
            per gli adulti;
            - la pedofilia è una tendenza
            sessuale come le altre/ non sempre il
            bambino non è consenziente / il
            bambino può essere consenziente / i
            gerci, i romani, le diverse culture, bla bla
            bla...
            FALSO, la capacità di giudizio si
            forma progressivamente, il bambino ha tutto
            il diritto di essere tutelato fino a che non
            sia ragionevolmente fuori di dubbio che
            abbia potuto sviluppare sufficienete senso
            critico e quindi è meglio abbondare
            che deficere insomma, si tratta di farsi un
            rasp*ne (senza alimentare, nemmeno
            indirettamente! il mercato della
            pedopornografia) invece che una sc*pta messo
            contro il preservare il bambino da un
            possibile trauma, mi sembra che le due cose
            non siano minimamente proporzionate e
            proporzionabili! Detto più finemente
            il dubbio semmai non dovrebbe essere se il
            bambino è pronto o meno, ma piuttosto
            se NON lo è, aspettare per
            preservarlo da un trauma è molto
            più importante della soddisfazione di
            un desiderio!


            Un pisquano pedofobico.
            Insomma, questo è quello che penso,
            quelli si permettono di dire che solo le
            loro sono argomentazioni, che gli altri
            hanno solo pregioudizi, e si permettono pure
            di dare del "pisquano" a me e a te, magari
            minacciando anche denunce se ci scappa una
            parola di troppo "perchè si sentono
            offesi da questa intolleranza", mi chiedo se
            invece non abbiamo gli estremi noi per... ;)

            RIPETO
            il dubbio semmai non dovrebbe essere se il
            bambino è pronto o meno, ma piuttosto
            se NON lo è, aspettare per
            preservarlo da un trauma è molto
            più importante della soddisfazione di
            un desiderio!
            E se uno non ci arriva, vuole dire che non
            si tratta di desiderio, ma di qualcosa di
            incontrollabile che va segnalato alle
            autorità competenti e curato
            efficacemente (no, prima che tiriate in
            ballo altri luoghi comuni, non con la
            preghiera e la penitenza, ci sono altri
            mezzi scientificamente più efficaci
            oggi, ma se vi va provate anche quello, ma
            non solo quello, mi raccomando!)Grazie, sapere che non sono l'unico a pensare mi ha sollevato un po' il morale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Rex1997

            Grazie, sapere che non sono l'unico a
            pensare mi ha sollevato un po' il morale.Ci sono anch'io, ieri mi volevano denuciare perchè ho perso il controllo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            Sarebbe interessante sapere chi sono quelli che continuano a postare sempre le stesse affermazioni per minimizzare il fenomeno della pedopornografia (facendo grooming e/o propaganda approfittando di PI) e che a chi glielo fa notare minacciano *sistematiche* denuncie "per la gravità delle affermazioni"... per non parlare delle *sistematiche* minacce di denuncia per "diffamazione" o altro quando scappa un termine di troppo, mentre dall'"altra parte" si da allegramente dei pisqu*ani, bacchett*ni, intoller*nti, ing****, repressi ecc...
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon

            E' tanto difficile discutere della
            risoluzione di un problema in termini
            intelligenti e pacifici senza sbattere i
            piedini in terra per avere ragione come si
            fa in tutti questi messaggi?No, non è affatto difficile, ma davanti a certi fatti oggettivihttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655la fazione pro non può controbattere e non può fare altro che disgustare la gente scendendo in particolari ai limiti dell'osceno, o minacciare querele per la "mancanza di tolleranza che ferisce" o insultare tirando fuori la santa inquisizione, torquemada e quanto altro sia di moda...
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            Veramente il "io ti denuncerei" l'ho scritto io senza fare grooming, senza dare del pisquano, senza volere minimizzare, senza essere neppure lontanamente daccordo con chi vuole minimizzare.Era solo perchè credo si possa discutere di problemi anche delicati come questo senza dover necessariamente scadere nelle accuse da caccia delle streghe che si vedono invece regolarmente.Non ho neppure partecipato alla discussione perché francamente non ho trovato nulla di intelligente da dire che non fosse stato detto, ma l'ho trovata interessante.Tutto qua.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Anonimo
            - chi scarica gratis non fomenta il mercato:
            FALSO, è comunque richiesta, contatti
            che contano per i banner e pay per clickIo ho parlato di p2p non di siti. Per i p2p non ci sono né banner né payperclick.
            - chi guarda non fa loro del male
            FALSO, alimenta le richiesteCome lo fa se scarica da p2p?
            - le foto possono essere false
            Tutto può essere, quindi la legge non
            dovrebbe fare nulla, sempre? Nemmeno
            indagare per vedere se sono false o meno?
            è una palese argomentazione
            antilogica!La logica è punire un reato, non la sua rappresentazione. Se poi andassimo a punire pure disegni e racconti (non ancora, ma presto succederà) siamo al paradosso più totale.
            - le foto non fanno del male ai bambini:
            FALSO, si tratta comunque di un abuso che
            quei minori hanno il diritto di non subire,
            in + si tratta di un ulterore abuso contro
            quelle foto se le trova di fronte, uno
            squallido tentativo di grooming per i
            bambini, semplice ma vergognosa propaganda
            per gli adulti;Una foto non fa del male a *nessuno* non solo ai bambini. Fa del male chi la foto la fa, fa del male chi la foto la vende. Ma non fa male chi la foto la guarda, o la tiene (guardare di suo non sarebbe reato nel senso che se la trovi per strada e la guardi ma non la prendi non sei punibile).
            - la pedofilia è una tendenza
            sessuale come le altreLo dice il DSM V.
            / non sempre il
            bambino non è consenziente /
            il bambino può essere consenziente /Dimostrami secondo quale scienza uno a 13 anni e 364 giorni è un imbecille e a 14 è pienamente in grado di dare un consenso. Dimostrami che tutti diventano in grado di dare un consenso da un giorno all'altro. Dimostrami che tutti diventano in grado di dare un consenso ad un dato momento della loro vita.Questo dal punto di vista psicologico.Quando l'avrai fatto, ALLORA E SOLTANTO ALLORA sarò pronto a ricredermi.
            i gerci, i romani, le diverse culture, bla bla
            bla...In culture diverse si cresce diversamente, non lo sapevi?
            FALSO, la capacità di giudizio si
            forma progressivamente, il bambino ha tutto
            il diritto di essere tutelato fino a che non
            sia ragionevolmente fuori di dubbio che
            abbia potuto sviluppare sufficienete senso
            critico e quindi è meglio abbondare
            che deficere insomma, si tratta di farsi un
            rasp*ne (senza alimentare, nemmeno
            indirettamente! il mercato della
            pedopornografia) invece che una sc*pta messo
            contro il preservare il bambino da un
            possibile trauma, mi sembra che le due cose
            non siano minimamente proporzionate e
            proporzionabili! Detto più finemente
            il dubbio semmai non dovrebbe essere se il
            bambino è pronto o meno,Cosa?
            ma piuttosto se NON lo è,EEEH???? Ammettilo che hai fumato roba buona...
            aspettare per
            preservarlo da un trauma è molto
            più importante della soddisfazione di
            un desiderio!Desiderio che è presente anche in lui/lei. E tutti da Freud in avanti sono d'accordo su questo.

            Un pisquano pedofobico.
            Insomma, questo è quello che penso,
            quelli si permettono di dire che solo le
            loro sono argomentazioni,Io dò argomentazioni logiche, finora non le ho viste confutare. Nemmeno tu l'hai fatto.
            che gli altri
            hanno solo pregioudizi, e si permettono pure
            di dare del "pisquano" a me e a te,Per la cronaca, io non ho dato del pisquano a nessuno. Piuttosto penso che non abbiate cervello perché:1) di fronte al discorso sull'improvvisa possibilità di dare un consenso tirate fuori leggi inesistenti (vi ho portato il codice penale per farvi leggere le leggi esistenti) tirate fuori le solite menate che i bambini non possono dare un consenso quando non specificate né età né altro2) sul pedoporno dite che si alimenta il mercato mi date dell'imbecille anche quando vi si spiega che via p2p non esiste un mercato perché nessuno ci guadagna e il produttore non può sapere chi ha scaricato cosa3) mi date dell'idiota quando paragono due mercati e spiego perché gli effetti negativi per l'uno (mp3) sono positivi per l'altro (pedoporno) e viceversa, proprio per via di cosa dicono le major e cioè che la distribuzione gratuita e non controllabile toglie introiti al mercato4) quando vi spiego che ci sono bambini maturi per altri versi sembrate fare orecchie da mercante, intendendo ogni tipo di rapporto sempre come se si trattasse del mostro che tortura e uccide5) non vi ponete mai o quasi mai il beneficio del dubbio assumendo le vostre teorie come assolutamente giuste senza valutarle con un minimo di senso critico6) non mi avete ancora spiegato perché si dovrebbe sviluppare una capacità di dare un consenso all'atto sessuale tutti nello stesso momento e da un giorno all'altro7) all'obiezione secondo cui ci si può scopare una/un 14enne ma non fargli foto finché non compie 18 anni avete tirato fuori la storia della privacy e sul fatto che dalla foto non si possa intuire se c'è stato consenso, alla mia obiezione che ciò vale anche per le foto con adulti vi siete zittiti8) dite che la pedofilia è una grave malattia quando vi ho spiegato che è stato sancito dall'associazione degli psichiatri statunitensi che lo è solo se si è ego-distonic9) dite che ci vuole la castrazione chimica quando vi ho dimostrato che non solo va contro la dignità umana, non solo causa notevoli effetti collaterali, ma non serve a niente (ci sono stati stupratori impotenti a causa della castrazione chimica che hanno violentato delle donne CON UNA BOTTIGLIA, fonte: sito di Amnesty International)10) di fronte all'obiezione storica avete detto che i romani non avevano rapporti sessuali coi bambini, vi ho dimostrato che ciò non corrisponde a verità (fonte: Eva Cantarella, "Secondo natura", Rizzoli)Qua nessuno ha negato che possa esserci effettivamente una violenza. Posso anche accettare che questa ci sia nella maggioranza dei casi. Non accetto assolutamente che si insista sul punto che ci sia SEMPRE, perché significa non fare ragionamenti logici (vedi punto 6).Questa è la cronistoria dei thread di questa notizia e di quella di due giorni fa. Me la puoi smentire?
            magari
            minacciando anche denunce se ci scappa una
            parola di troppo "perchè si sentono
            offesi da questa intolleranza", mi chiedo se
            invece non abbiamo gli estremi noi per... ;)Vuoi denunciarmi?Prego, fa pure, non ho mica paura.Non ho paura di fare ragionamenti logici e concreti, arriverò fino davanti la Cassazione se necessario.
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Anonimo(segue da sopra)
            Se uno ha tendenze pedofile queste rimangono
            un gusto e non una perversione fino a quando
            il tale riesce a non saltare addosso ad un
            bambino troppo piccolo (nb, vale la regola,
            meglio abbondare che deficere, un trauma
            infantile NON vale una sco*ata, mi dispiace
            che molti non lo capiscano) E a non
            incanalare in modo negativo per se e per gli
            altri questa pulsione e la sua negazione.Meglio abbondare che deficere ma gli istinti sessuali umani si risvegliano, nella loro forma adulta, ben prima dell'età del consenso, tanto più che quest'ultima non è uguale per tutti i Paesi. In Olanda 12, in Giappone 13, in Italia 14, negli USA a seconda dello Stato da 15 a 18 (fonte ageofconsent.com)

            Dimostrami secondo quale scienza uno a 13

            anni e 364 giorni è un imbecille e a

            14 è pienamente in grado di dare un

            consenso.
            ...Ti faccio notare che non hai risposto.

            Desiderio che è presente anche in

            lui/lei. E tutti da Freud in avanti sono

            d'accordo su questo.
            vale la regola, meglio abbondare che
            deficere, un trauma infantile NON vale una
            sco*ata, mi dispiace che molti non lo
            capiscano.Sei monotono, se è in grado di dare un consenso non c'è trauma, se non ne è in grado è una violenza, come è una violenza tra adulti se la tipa ti dice di no e te la stupri. Posso accettare una violenza di default sotto i 14 ma bisogna dare la possibilità a chi è in grado di dare un consenso di esercitarlo questo consenso. Allo stato attuale la legge non consente deroghe (se non attenuanti per i "casi di minore gravità").
            Se ribaltiamo la faccenda, dimostrami tu che
            invece è pronto, che quello che sta
            dicendo lo dice consapevolmente.Ci sono casi di bambini con quoziente intellettivo superiore alla media della loro età. Ci sono anche bambini laureati. Quindi perché questi bambini con intelligenza superiore non dovrebbero essere pronti a dare un consenso? Non è una violenza il non permetterglielo se lo vogliono?
            Non è possibile fare di tutte le erbe
            un fascio, bisogna ragionare caso per caso,
            sia che tu pretenda la prova da me che io da
            te, su questo credo che siamo daccordo.Ma mi pare ovvio che non tutti i bambini siano in grado di dare un consenso, ci mancherebbe altro! Però se la legge dice che a 14 lo sono vuol dire che a 14 perlomeno la maggioranza lo è, il che rende plausibile che a 13 lo sia una minoranza, diciamo tipo il 40%, a 12 il 15% e a 11 il 5% (sotto gli 11 non scendo, anche per motivi *fisici*). Questo per un semplice discorso LOGICO.Ora c'è da chiedersi se queste minoranze abbiano il diritto di esercitare il consenso o meno. Io so che lo Stato tutela le minoranze, e so che lo Stato tutela i minori. Quindi credo che un gruppo di minori in minoranza rispetto agli altri dovrebbe essere doppiamente tutelato rispetto al gruppo di minori in maggioranza. Bisogna allo stesso tempo evitare che gli adulti se ne approfittino quindi non va semplicemente abbassato il limite ma andrebbe piuttosto messa una clausola al limite attuale che imponga un test attitudinale per verificare questo PRIMA di poter intraprendere un rapporto. Tale test dovrebbe essere fatto a tutti (chessò a scuola) o comunque su richiesta del/della minore.Se il test viene passato, si può per sicurezza fare un colloquio con uno psicologo che si accerti che il minore sappia cosa significhi dare un consenso all'attività sessuale. Se tutti i controlli danno esito positivo, si scheda il nome del minore come "sessualmente capace" e si assume con lui lo stesso principio che con gli adulti, ovvero che di default c'è il consenso. In caso di violenza, la pena sarà pari a quella per rapporto violento con bambino non consenziente. In caso di rapporto consenziente, non vi sarà pena.Considera che già adesso dai 10 anni in poi la procedibilità è a querela della persona offesa (sotto i 10 si procede invece d'ufficio), quindi non sto rivoluzionando chissà quanto. Sto solo cercando di regolarizzare meglio e di dare un diritto che attualmente è negato ai minori di poco sotto i 14 anni.Il problema di questa proposta è che richiede tanti soldi e per questo temo che non si possa attuare.

            5) non vi ponete mai o quasi mai il

            beneficio del dubbio assumendo le vostre

            teorie come assolutamente giuste senza

            valutarle con un minimo di senso critico
            Quoto in pieno, è la prima cosa che
            ognuno dovrebbe tenere presente quando
            scrive un post. Robe come "Per i pisquani
            pedofobici che..." non uscirebbero dalla
            tastiera di chi prima riordina le sue idee
            con questo criterio.Quel post non l'ho scritto io (un po' di settimane fa anch'io non avevo il nick registrato e mi scambiavano per altri che dicevano concetti simili ai miei, poi l'ho registrato proprio per evitare confusione) e pur concordando in pieno coi concetti in esso espressi, non concordo con i termini usati.Io avanzo il dubbio perché SO che gli esseri umani non hanno un orologio integrato che cambia il carattere, e se anche fosse, questo orologio non è sincronizzato al secondo in tutti gli individui. E' solo questo che sto criticando, e come concetto mi sembra logico. Poi si può discutere se dato questo punto si debba o meno cambiare la legge e in che modo, però questo mi pare un dato inconfutabile.L'ho ragionato (per l'ennesima volta) poco sopra.
            Io parto dal presupposto che la
            comunità in grado da accedere ad
            internet sia in qualche modo selezionata e
            quindi in grado di autogestirsi.
            Questa utopia purtroppo sta molto declinando
            confrontandola con i primi tempi,
            sarò forse io ad essere cambiato?No. Anche se ultimamente ho visto un progressivo peggioramento con l'arrivo di Internet all'utente comune. Per quanto mi riguarda frequento la rete dall'estate 1998 e mi rammarico che certe discussioni intelligenti debbano trovare persone che pur di attaccare le tesi altrui debbano ricorrere agli insulti, questo dall'una e dall'altra parte. Mi ci metto anch'io in mezzo ovviamente, sono un essere umano come tutti ed è naturale che possa perdere la pazienza.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon

            Per quanto mi
            riguarda frequento la rete dall'estate 1998
            e mi rammarico che certe discussioni
            intelligenti debbano trovare persone che pur
            di attaccare le tesi altrui debbano
            ricorrere agli insulti, questo dall'una e
            dall'altra parte.Io dai tempi del videotel.Come livello delle discussioni, ma soprattutto del materiale che gira, sono sicuro che la rete ha attirato un bel po di marcio per colpa anche di gente come me che l'ha sempre considerato E una comunità selezionata tale da autogestirsi E un luogo talmente lontano dalla realtà fisica da non poter essere *troppo* minaccioso.Ora mi sono pentito di questa mia tolleranza nata solo dalla teoria e dalla mia supponenza, come è mio dovere segnalerò sistematicamente alle autorità competenti tutti i server, ip degli zombie e contenuti che reputo offensivi e inviterò sistematicamente chiunque a fare lo stesso.Non ne andrò a caccia perchè non è il mio lavoro ed ho di meglio da fare, ma quandola merda busserà al mio schermo NON mi chiuderò più dietro la scusa "tanto sono solo bit" e "tanto la gente che c'è qui sa come comportarsi",
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Anonimo

            Cut
            Cambiare le leggi, bello e democratico!
            Solo che prova un po' a proporre una legge
            che autorizzi (a vari livelli) la pedofilia.
            Il numero di firme necessarie lo
            raggiungeresti molto in fretta (ci sono
            sicuramente abbastanza pedofili per avere
            tutte le firme necessarie), ma tu stesso
            saresti immediatamente discriminato,
            indagato e discreditato pubblicamente. Se
            non addirittura ti ritroveresti con un
            coltello nella schiena (regalo di qualche
            benpensante che si dice che è meglio
            ucciderti che rischiare che una legge simile
            passi). In pratica dovresti atteggiarti
            immediatamente a martire per la pedofilia.

            è per questa ragione che si parla di
            caccia alle streghe. Se non hai l'opinione
            della massa vieni immediatamente attaccato e
            nessuno ti permette di esprimere la tua
            opinione. Nessuno oserebbe mai ammettere
            pubblicamente la propria pedofilia proprio
            perchè sarebbe immediatamente escluso
            dalla società stessa.

            E si continua a parlare di dibattito
            democratico o di argomentazioni oggettive.

            E il peggio è che non si tratta di
            legalizzare la pedofilia, ma solo di poter
            guardare delle fotografie senza trovarsi col
            cappio al collo.
            Converrai però che gurdare la foto della maggiorenne ed "adulta" fi***a di turno non compromette la sua sanità mentale in quanto sa quello che fa, mentre la foto del bambino che fa sesso è estorta con la forza che non è necessariamente viloenza fisica , ma spesso e volentieri psicologica, in quanto un bambino è più facilmente manipolabile in quanto non ha raggiunto una maturità sufficente a non farsi plagiare dal porcone di turno.Chi sostiene che ci sono anche bambini che sono pronti per fare sesso, non comprende una cosa che è sottile ma ha la sua importanza: che possano fare sesso è una cosa che riguarda la loro crescita (anche se condannato nessuno grida allo scandalo se un dodicenne fa sesso con un/una coetanea), se questo atto viene usato per commercio o altre turpi depravazioni non è più fatto loro ma fatto della società e la cosa va stroncata in quanto da cosa che tra coetanei può essere vissuta normalmente diventa sicuramente una cosa sporca fonte di traumi che sono difficili da sanare.A quanti sostengono che la pedofilia è un orientamento sessuale come l'omossessualità rispondo che mentre la seconda, pur avendo subito censure più o meno violenta nel corso dei tempi, ha una base molto differente: si tratta di attrazione verso esemplari dello stesso sesso che matura verso soggetti aventi la stessa attrazione, mentre l'attrazione di un adulto verso un bambino non è la stessa cosa anche sul piano della costruzione del rapporto, in quanto non è condivisa nello stesso modo.Forse leggersi i manuali di psicologia in toto sarebbe più utile, oltre che leggersi i resoconti della vita sessuale animale, dove esistono si casi di omosessualità documentata in tutte le forme animali, ma non ho trovato casi di relazione sessuale da parte di un animale adulto verso un cucciolo, anzi in genere la reazione violenta della madre allontana e scoraggia qualunque possibilità che ciò possa accadere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono
        - Scritto da: Anonimo
        Un mio ex collega di lavoro,
        commerciale, lo ha detto in ufficio che
        sarebbe curioso di vedere una di quelle
        immagini. E come mai siete entrati in argomento ?Guarda un pò, dove ci sei tu si parla di queste cose qua.Spero per te che sia solo una fissazione.
        • Rex1997 scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Un mio ex collega di lavoro,

          commerciale, lo ha detto in ufficio che

          sarebbe curioso di vedere una di quelle

          immagini.

          E come mai siete entrati in argomento ?
          Guarda un pò, dove ci sei tu si parla
          di queste cose qua.
          Spero per te che sia solo una fissazione.Mi sembra un dubbio molto legittimo a questo punto....
          • Scorpion scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            -
            Mi sembra un dubbio molto legittimo a questo
            punto....La figura di accusatore da inquisizione non ti si addice se vuoi avere un minimo di credibilità in una discussione.Queste ridicole insinuazioni mi sembrano quelle che si facevano 800 anni fa nei confronti delle streghe...si vede che alcuni strati della popolazione non si sono evoluti da allora.
        • Anonimo scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
          - Scritto da: Anonimo
          - Scritto da: Anonimo

          Un mio ex collega di lavoro,

          commerciale, lo ha detto in ufficio che

          sarebbe curioso di vedere una di quelle

          immagini.

          E come mai siete entrati in argomento ?
          Guarda un pò, dove ci sei tu si parla
          di queste cose qua.
          Spero per te che sia solo una fissazione.Hai ragione, di queste cose non si deve parlare, mai. È giusto che tutto resti relegato in uno stretto circolo di pervertiti. Tutti quelli che ne parlano sone dei pervertiti e dovrebbero essere impiccati.Ho seguito il tuo pensiero?????
      • Anonimo scrive:
        Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono
        - Scritto da: Anonimo
        E non parlo della liberta' di scoparsi un
        bambino per Dio, non diciamo ...zate! Parlo
        della liberta' di non finire in galera per
        anni per aver visto, per sbaglio o per
        curiosita', una immagine pedoporno. Immagini
        del genere a volte te le mandavano in irc.
        Immagini del genere a volte le trovi sul p2p
        anche se cercavi altro. Immagini del genere
        a volte la gente le cerca per piccola
        curiosita'. Un mio ex collega di lavoro,
        commerciale, lo ha detto in ufficio che
        sarebbe curioso di vedere una di quelle
        immagini. E' una grossa stupaggine sono il
        primo a dirlo (e gliel'ho detto) ma se
        l'avesse cercata e l'avesse trovata,
        meriterebbe la galera? Non la galera per
        scherzo, la galera per davvero! Anni! Quella
        stanzetta schifosa con le sbarre, per anni!
        Evitare il vostro facile qualunquismo. La
        salvaguardia della salute dei bambini sta a
        cuore A TUTTI. Si discute su cosa e' bene
        fare e cosa no, cosa funziona meglio e cosa
        no per cercare di evitare il fenomeno.
        Ripeto, affrontare le tematiche proposte, se
        ne avete il coraggio. Una persona
        intelligente che si sottrae alla discussione
        non e' una persona intelligente.Senti schifoso.Vai a segnalare alla Polizia nome e cognome del tuo collega di lavoro in modo che possano fare accertamentiStessa cosa se scarichi "per caso" (ma quando mai ?) delle foto che ritraggono bambini che fanno sesso con degli adulti.Invece di correre nel cesso a masturbarti vai dalla Polizia e denuncia l'accadutoPuò darsi che riescano a rintracciare quei bambini e che li possano aiutare in qualche modo , che possano impedire il ripetersi delle violenze.Se te le nascondi nell'hard disk e le usi per i tuoi porci comodi allora meriti un procedimento penale e non ti preoccupare che in carcere, se non sei recidivo, non ci vai.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispondono
          - Scritto da: Anonimo
          Senti schifoso.
          Vai a segnalare alla Polizia nome e cognome
          del tuo collega di lavoro in modo che
          possano fare accertamentiAccertamenti DI COSA? Di una volontà non soddisfatta?
          Stessa cosa se scarichi "per caso" (ma
          quando mai ?) delle foto che ritraggono
          bambini che fanno sesso con degli adulti.
          Invece di correre nel cesso a masturbarti
          vai dalla Polizia e denuncia l'accadutoCosì attirerai l'attenzione delle autorità su di te."Vediamo sto tizio che ci ha denunciato quelle foto cosa fa... Uh, peccato, pare che scarichi solo mp3... beh, andate a fargli comunque una visitina, non si sa mai"
          Può darsi che riescano a
          rintracciare quei bambini e che li possano
          aiutare in qualche modo , che possano
          impedire il ripetersi delle violenze.
          Se te le nascondi nell'hard disk e le usi
          per i tuoi porci comodi allora meriti un
          procedimento penale e non ti preoccupare che
          in carcere, se non sei recidivo, non ci vai.Ma intanto hai la vita rovinata per sempre e il sequestro delle macchine nella loro interezza quando basterebbe farsi una copia degli HD o se proprio non hanno voglia sequestrare solo quelli. Invece a volte sequestrano anche monitor, stampante, mouse e tastiera come se là dentro si potesse celare chissà cosa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
        - Scritto da: Anonimo
        Parlo
        della liberta' di non finire in galera per
        anni per aver visto, per sbaglio o per
        curiosita', una immagine pedoporno. Per sbaglio o per curiosita'?Non sono la stessa cosa, permettimi. Ci arrivi da solo sul perchè. Pensaci bene.Ed io non mi ritengo un forcaiolo, cerco solo di guardare al problema con obiettivita'. Ho aperto un altro thread nella stessa notizia sul fatto che secondo me, internet non può esserne la causa, ma il mezzo casomai. Internet secondo me c'entra poco o niente, il giorno che uscisse il teletrasporto magari useranno quello... la rete è solo un mezzo di comunicazione.Ma quello che dici tu non è accettabile, in quanto la tua curiosita' entra in un mondo scabroso, abominevole, è moralmente inaccettabile. Oltre che illegale. Non si tratta di "portare il cervello all'ammasso", ma di ragionare su cosa vuol dire per un minore un trauma del genere.Certe curiosita' non le dovresti avere, e se le hai è molto meglio per te se le tieni insoddisfatte.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
          - Scritto da: Quelo
          Certe curiosita' non le dovresti avere,Non le ***DOVRESTI*** avere?PENSARE è lecito.
          • Anonimo scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da: Quelo

            Certe curiosita' non le dovresti avere,
            Non le ***DOVRESTI*** avere?
            PENSARE è lecito.Tutto è lecito, ma non tutto giova. Nel caso specifico di quel tipo, consiglio un buon analista (senza nessuna ironia)==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 17.59.22
          • Brontoleus scrive:
            Re: Per i pisquani pedofobici che rispon
            - Scritto da: Quelo
            Tutto è lecito, ma non tutto giova.
            Nel caso specifico di quel tipo, consiglio
            un buon analista (senza nessuna ironia)Finché non fa niente di male a nessuno (e se pensa e basta non fa niente di male a nessuno) non puoi obbligarlo, glielo puoi consigliare, ma poi le spese per l'analista gliele paghi tu? E se non riesce a "curarlo" (visto che non si può come non puoi "curare" l'omosessualità, il feticismo, il voyeurismo o il transessualismo)?
    • Brontoleus scrive:
      Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
      - Scritto da: Anonimo
      Quando vengono costretti
      a posare in atteggiamenti sessuali offensivi
      con altri individui, inclusi altri bambini,
      sono sottoposti a una manipolazione
      psicologica dolorosa e ad abuso. Nessuna
      reale fotografia pornografica di un bambino
      è stata prodotta senza che vi sia
      stata sofferenza o sfruttamento del bambino
      stesso.Non è detto, dipende.Una foto di un bambino fatta su una spiaggia nudisti (per esempio) non implica sofferenza o sfruttamento di nessuno (sempre che non vi sia sfruttamento economico e cioè che questa foto venga venduta).
      Il materiale pedo-pornografico rappresenta,
      dunque, un elemento centrale
      dell?abuso sul minore, assumendo
      caratteristiche e funzioni ben più
      complesse della semplice gratificazione
      voyiueristica".Dunque un corno.L'elemento centrale è l'abuso in sè. La foto è una sua componente, certo, ma marginale rispetto all'abuso.
      La fruizione del materiale pedo-pornografico
      tramite Internet risulta particolarmente
      preoccupante per una serie di ragioni:

      a) Per prima cosa, come abbiamo visto per
      produrre materiale pornografico occorre che
      vi sia stato un abuso sul minore/vittima.Come abbiamo visto, no.
      Il
      fruitore di suddetto materiale dunque
      concorre in questo tipo di reato in quanto
      favorisce la domanda del mercato,
      incrementando la relativa offerta.Quando il mercato è controllabile questa affermazione risponde al vero.Il mercato è controllabile quando chi vuole quella foto *DEVE* rivolgersi al produttore o a venditori da lui decisi. Questo succede anche con le cose legali, quindi non vedo perché non dovrebbe succedere in questo caso.Il mercato non è controllabile se chi vuole quella foto può rivolgersi ad un sistema parallelo per cui chi gli passa la foto non può avere denaro in corrispondenza di quella foto, né sia obbligatoriamente chi l'ha scattata.In pratica, se A fa la foto, B la vende, C la compra e la mette in condivisione sui p2p, D la scarica da C via p2p e la continua a condividere, ed E la scarica da D sempre via p2p, A e B non solo non potranno sapere dell'esistenza di D ed E, ma B avrà anche perso potenzialmente dei soldi dovuti al mancato guadagno di D e di E. Questo è il ragionamento che fanno le major per film e canzoni, ed è perfettamente applicabile, con la differenza che mentre film e canzoni hanno un mercato controllabile legale, i pedoporno non hanno mercati legali, né controllabili né non controllabili.
      b) Il materiale prodotto una volta
      distribuito su Internet, può essere
      riprodotto all?infinito e risulta
      impossibile o comunque ardua una sua totale
      distruzione. Dunque, il minore/vittima e la
      sua famiglia vedranno o comunque sapranno
      che la prova dell?abuso subito
      sarà sempre reperibile su Internet.Quindi mi stai dando ragione: è inutile punire la detenzione di quel materiale, perché punirla non distruggerà certo la sua esistenza, né l'abuso (che ormai è stato compiuto).
      c) Secondo autorevoli studi la fruizione del
      materiale pedo-pornografico genera fantasie
      sessuali che potrebbero spingere il soggetto
      o quanto meno incuriosirlo a trasformare
      tali fantasie in realtà e dunque
      portarlo ad esssere un vero e proprio
      abusante.Secondo altri studi altrettanto autorevoli la diffusione del materiale pedopornografico (e di quello pornografico in generale) ha ridotto considerevolmente il numero di abusi sessuali appianando le voglie di chi voleva compierli.
      d) Il materiale pedo-pornografico viene
      utilizzato anche per realizzare la tecnica
      del Grooming. In questo processo, colui che
      abusa induce gradualmente il bambino a
      superare le resistenze attraverso tecniche
      di manipolazione psicologica, usando il
      materiale pedo-pornografico sia per indurre
      che per ricattare la vittima.Ma non dicevi che traspariva sempre il dolore delle vittime? ;) Perché un bambino dovrebbe fare una cosa vedendo che quel suo coetaneo soffre? :DComunque, puniamo chi lo utilizza in questo modo, non chi ce l'ha e basta.
      e) Le conseguenze della fruizione di
      materiale pedo-pornografico possono alterare
      anche le relazioni all?interno della
      famiglia soprattutto nei confronti dei
      minori.Alt, chi ne sta fruendo all'interno della famiglia? Il minore? Il fratello maggiore? Il genitore? Il nonno? La madre? Tutti? Nessuno?
      Dunque, ricapitolando, risulta evidente che
      per chi produce suddetto materiale si
      avrà un coinvolgimento diretto in
      quanto esso fotografa l?abuso e molte
      volte addirittura vi partecipa; mentre per
      chi fruisce o colleziona o distribuisce
      materiale pedo-pornografico anche se non
      è direttamente coinvolto
      nell?atto, contribuisce al processo di
      abuso, supportando e favorendo la produzione
      di suddetto materiale.Manco per niente e te l'ho appena dimostrato.
      • Anonimo scrive:
        Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
        Dolente di dover dare importanza al tuo post rispondendogli, ma leggiti questohttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655se solo sono riuscito ad instillarti un dubbio, ne sono lieto
        • Brontoleus scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Anonimo
          Dolente di dover dare importanza al tuo post
          rispondendogli, ma leggiti questo
          punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655
          se solo sono riuscito ad instillarti un
          dubbio, ne sono lietohttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799790PS Ripeto, nessuno nega che ci siano le violenze. Quello che vorrei capiste è che quest'affermazione non vale SEMPRE come invece volete far credere. Comunque leggi quell'intervento, riassume bene tutto.==================================Modificato dall'autore il 10/11/2004 17.55.47
        • Scorpion scrive:
          Re: Qualcuno fa finte di non saperlo
          - Scritto da: Anonimo
          Dolente di dover dare importanza al tuo post
          rispondendogli, ma leggiti questo
          punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=799655
          se solo sono riuscito ad instillarti un
          dubbio, ne sono lietoScusa se te lo dico..forse è dura da capire: sei ridicolo.Tutte le tue risposte sono basate sul quoting di quel ridicolo post in cui il poverino che l'ha scritto da dei "pro-Pedo" a tutti quelli che non la pensano come lui.Se accendi ciò che madre natura ti ha inutilmente fornito ti accorgerai che non c'è neanche un post in questa discussione che sia,come dici tu,pro-pedo.E,purtroppo anch'io mi dolgo,nel risponderti,di dare indirettamente importanza al tuo inutile post.
          • Anonimo scrive:
            Re: Qualcuno fa finte di non saperlo


            se solo sono riuscito ad instillarti un

            dubbio, ne sono lieto
            Scusa se te lo dico..forse è dura da
            capire: sei ridicolo.ironic+Grazie Signore di avere messo alla prova la mia fede anche oggi!Non credevo che avessi veramente creato persone impermeabili ai dubbi, ed ecco che Tu me lo hai dimostrato!ironic-
  • Anonimo scrive:
    cosa VOGLIONO i POLITICI per il POPOLO?
    "meno internet, più cabernet"cya
  • Anonimo scrive:
    Sempre la solita storia.
    Se un qualcosa non lo conosco, se non riesco a controllarlo allora è colpa sua. Ma allora la vendita di cassetta (solo qualche anno fa) di video cd e dvd sarebbe da attribuire ad internet? Mah.
  • Anonimo scrive:
    Propongo
    La chiusura degli asili, in quanto c'è un'alta concentrazione di bimbi dove insegnanti e bidelli più di una volta sono stati la causa di pedofilia.La chiusura degli oratori, in quanto c'è un'alta concentrazione di bimbi dove con i preti più volte si sono riscontrati casi di pedofilia.L'abrograzione del matrimonio, in quanto più volte ci sono stati e continueranno ad asserci casi di pedofilia.La chiusura dei parchi giochi nei giardini di quartiere, in quanto c'è un'alta concentrazione di bimbi e di pedofili accomodati sulle panchine a leggere il giornale.L'affondamento dell'isola che non c'è, in quanto c'è un'alta concentrazione di bimbi e Capitan Uncino ed i suoi pirati potrebbero essere dei pedofili.La chiusura dei camini, in quanto Babbo Natale potrebbe fare le foto ai bimbi prima di lasciarvi i regali di Natale per rimetterle poi ai Club dei pedofili.La chiusura delle palestre ai minori, in quanto non è possibile sapere se tra gli adulti ci siano dei pedofili.Che internet diventi solo testo senza alcun tipo di foto o immagini che potrebbero essere scaricate.La chiusura dei bagni, visto che si scarica anche li...Inoltre propongo l'impiccagione con elastico per le Tartarughe Ningja e Goldrake su di una trave a 30 cm. dal soffitto, perchè insegnano ai bambini come difendersi, cosi questi maledetti prima di morire soffocati moriranno anche col mal di testa.Invece a me scusatemi tanto, ma leggo talmente tante di quelle stronzate che mi sono preso la rivalsa di scriverne qualcuna anch'io.;)
  • Anonimo scrive:
    hanno ragione
    internet madre di tutti i mali
  • fasibia scrive:
    x Brontoleus
    Hai visto che il discorso doveva continuare?Vado a dormire adesso!Ciao:D
    • Brontoleus scrive:
      Re: x Brontoleus
      - Scritto da: fasibia
      Hai visto che il discorso doveva continuare?LOL :D
      Vado a dormire adesso!Ciao, buonanotte :)
  • Anonimo scrive:
    Terrorismo a New York ?
    Boeing causa della strage.
    • Anonimo scrive:
      Re: Terrorismo a New York ?
      ma si siamo alle solitesi confonde il fine col mezzoper quanto ancora ci dimestrremo così stolti ?
  • Anonimo scrive:
    hanno coinvolto pure loro..
    Non sanno più cosa inventarsi per discriminare la rete. E questa è l'ultima delle meschinità che potevano fare, far si che una associazione puramente umanitaria plagi le menti degli analfabeti informatici per gettare ombre sospettose sul proprio parente o vicino, che usa un pc collegato a internet.Lodevole, ecco cosa può essere la globalizzazione...una dittatura?Un'altra nota; qualche anno fa in tv, vi erano spot di motori di ricerca, aste online e persino programmi dedicati per la navigazione in rete di siti a tema. Oggi, silenzio di tomba, come se a giornalisti e addetti al settore sia stato vietato tassativamente di accennare ad internet... la nuova idea anarchica.
  • Brontoleus scrive:
    E' tutto falso, mi hanno deluso
    Il pedoporno esiste da sempre.Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel paese delle meraviglie") all'inizio del secolo scorso fotografava le bambine che andavano a trovarlo a casa.Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile era venduta legalmente nelle edicole italiane e nei allora nascenti sexy-shop.Far finta che il fenomeno sia arrivato con Internet, significa fare come tutti gli altri: trovare una scusa per criminalizzare la rete in sé.Mi hanno deluso, li credevo seri e non volti alle speculazioni e a cavalcare le onde del momento, almeno loro. Evidentemente mi sbagliavo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      - Scritto da: Brontoleus
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.In realtà prima degli anni '90 praticamente nessuno conosceva neanche il significato della parola "pedofilia", poi improvvisamente è diventato il reato più ripugnante in assoluto.
    • Alessandrox scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      Il problema non e' tanto la sua esistenza ma la sua aumentata diffusione. Questo purtroppo e' un fatto. Quello che spero e' che si vada verso soluzioni a valle e non a monte...- Scritto da: Brontoleus
      Il pedoporno esiste da sempre.
      Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel
      paese delle meraviglie") all'inizio del
      secolo scorso fotografava le bambine che
      andavano a trovarlo a casa.
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.
      Far finta che il fenomeno sia arrivato con
      Internet, significa fare come tutti gli
      altri: trovare una scusa per criminalizzare
      la rete in sé.

      Mi hanno deluso, li credevo seri e non volti
      alle speculazioni e a cavalcare le onde del
      momento, almeno loro. Evidentemente mi
      sbagliavo.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
        - Scritto da: Alessandrox
        Quello che spero e'
        che si vada verso soluzioni a valle e non a
        monte...Quotoa valle....http://www.repubblica.it/2004/k/sezioni/esteri/perben/perben/perben.html
        • Alessandrox scrive:
          Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
          OK, io intendevo a valle e a monte rimanendo in ambito internet... nel senso di non creare lacci, vincoli, obblighi per quanto riguarda il libero pensiero e la sua diffusione ma adando a colpire direttamente i siti, i sistemi, le persone incriminati, facendo opera di investigazione accurata e considerando che non si puo' colpevolizzare chi riceve in mail links a siti porno che contengono anche links a immagini pedoporno...- Scritto da: Anonimo


          - Scritto da: Alessandrox

          Quello che spero e'

          che si vada verso soluzioni a valle e
          non a

          monte...

          Quoto
          a valle....
          www.repubblica.it/2004/k/sezioni/esteri/perbe
      • Brontoleus scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
        - Scritto da: Alessandrox
        Il problema non e' tanto la sua esistenza ma
        la sua aumentata diffusione. Questo
        purtroppo e' un fatto. Quello che spero e'
        che si vada verso soluzioni a valle e non a
        monte...Mah più che diffusione parlerei di "venuta a galla" del fenomeno, che fino a oltre la metà degli anni '90 è rimasto principalmente sommerso. Ha soltanto avuto una maggior visibilità. Questo ne ha contribuito anche ad una maggior diffusione ma ritengo che a livello di diffusione l'aumento sia minimo, è aumentata la reperibilità più che la diffusione. Le persone interessate erano l'1% prima e restano l'1% oggi.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      - Scritto da: Brontoleus
      Il pedoporno esiste da sempre.
      Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel
      paese delle meraviglie") all'inizio del
      secolo scorso fotografava le bambine che
      andavano a trovarlo a casa.
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.Bei tempi eh ?http://www.repubblica.it/2004/k/sezioni/esteri/perben/perben/perben.html
      • Anonimo scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso

        Bei tempi eh ?se fossi in lui ti denuncerei
        www.repubblica.it/2004/k/sezioni/esteri/perbesai benissimo che non serve a nulla, il recupero deve seguire altre strade, ma, riconoscendo un certo spirito forcaiolo, probabilmente ti andrebbe benissimo anche farli fuori
        • Anonimo scrive:
          Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
          - Scritto da: Anonimo

          Bei tempi eh ?

          se fossi in lui ti denuncerei
          era sarcastico ed era chiaro
          • Anonimo scrive:
            Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
            - Scritto da: Anonimo


            - Scritto da: Anonimo


            Bei tempi eh ?



            se fossi in lui ti denuncerei

            Non volevo offenderlo anche se non condivido una parola di quello che dice su questi argomenti.Chiedo scusa se ho oltrepassato il limite.
        • Brontoleus scrive:
          Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
          - Scritto da: Anonimo

          Bei tempi eh ?

          se fossi in lui ti denuncereiNon ho tempo da perdere coi troll, se vuoi farlo tu dimmelo, mi costituirò parte civile e a conoscenza dei fatti ;)
      • Brontoleus scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
        - Scritto da: Anonimo
        Bei tempi eh ?

        www.repubblica.it/2004/k/sezioni/esteri/perbehttp://punto-informatico.it/forum/pol.asp?mid=798998
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      - Scritto da: Brontoleus
      Il pedoporno esiste da sempre.
      Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel
      paese delle meraviglie") all'inizio del
      secolo scorso fotografava le bambine che
      andavano a trovarlo a casa.
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.
      Far finta che il fenomeno sia arrivato con
      Internet, significa fare come tutti gli
      altri: trovare una scusa per criminalizzare
      la rete in sé.E' un po' come dire che prima dell'invenzione del cinema non c'erano i film porno o prima dell'invenzione della stampa non c'erano le riviste !!!
      Mi hanno deluso, li credevo seri e non volti
      alle speculazioni e a cavalcare le onde del
      momento, almeno loro. Evidentemente mi
      sbagliavo.E' quasi sempre deludente seguire con attnzione queste grandi associazioni.
      • Anonimo scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso

        E' un po' come dire che prima
        dell'invenzione del cinema non c'erano i
        film porno o prima dell'invenzione della
        stampa non c'erano le riviste !!!Cio' che hai scritto mi pare vero... la seconda sicuro...:D
        • Brontoleus scrive:
          Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
          - Scritto da: Anonimo


          E' un po' come dire che prima

          dell'invenzione del cinema non c'erano i

          film porno o prima dell'invenzione della

          stampa non c'erano le riviste !!!

          Cio' che hai scritto mi pare vero... la
          seconda sicuro...:DAnche la prima se consideriamo "film" nel senso di "immagini impresse su pellicola proiettate a velocità tale che diano l'illusione del movimento". Se estendiamo il concetto ai disegni dobbiamo partire dai vasi greci ;) il discorso si farebbe lungo...
          • Anonimo scrive:
            Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
            - Scritto da: Brontoleus

            il discorso si farebbe
            lungo...doppio senso?
          • Brontoleus scrive:
            Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Brontoleus



            il discorso si farebbe

            lungo...

            doppio senso?Per gli antichi Greci sicuramente, per me manco per niente.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      - Scritto da: Brontoleus
      Il pedoporno esiste da sempre.
      Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel
      paese delle meraviglie") all'inizio del
      secolo scorso fotografava le bambine che
      andavano a trovarlo a casa.
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.
      Far finta che il fenomeno sia arrivato con
      Internet, significa fare come tutti gli
      altri: trovare una scusa per criminalizzare
      la rete in sé.

      Mi hanno deluso, li credevo seri e non volti
      alle speculazioni e a cavalcare le onde del
      momento, almeno loro. Evidentemente mi
      sbagliavo.Non c'e` nulla di cui stupirsi. Cosa ci si puo` aspettare da chi insedia una commissione per la stesura di una carta dei diritti civili e ne da` la presidenza ad un paese notoriamente all'avanguardia come l'Iran ?
    • fasibia scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      - Scritto da: Brontoleus
      Il pedoporno esiste da sempre.
      Lewis Carroll (l'autore del libro "Alice nel
      paese delle meraviglie") all'inizio del
      secolo scorso fotografava le bambine che
      andavano a trovarlo a casa.
      Negli anni 70 e 80 la pornografia infantile
      era venduta legalmente nelle edicole
      italiane e nei allora nascenti sexy-shop.
      Far finta che il fenomeno sia arrivato con
      Internet, significa fare come tutti gli
      altri: trovare una scusa per criminalizzare
      la rete in sé.

      Mi hanno deluso, li credevo seri e non volti
      alle speculazioni e a cavalcare le onde del
      momento, almeno loro. Evidentemente mi
      sbagliavo.Brontoleus, credo che nessuno creda che il problema sia nato con internet. Magari può crederlo qualcuno, ma leggendo l'articolo l'Unicef mi sembra si riferisca a un problema reale. Nel Sud-est asiatico esiste da molto il turismo sessuale. Ragazzini e ragazzini sono da sempre merce da quelle parti. Manco a dirlo, i clienti sono tutti ricchi occidentali. L'Unicef dice: Il problema dello sfruttamento sessuale dei bambini c'era prima e c'è adesso.Solo che proporzionalmente alla diffusione di internet le cose peggiorano. Non riconosco sviste o abbagli: mi sembra che abbiano ragione. Aggiungo: hanno scoperto l'acqua calda.Signori, libertà digitale a parte, delle regole servono. Ai tempi in cui in una città giravano 20 automobili si poteva tranquillamente fare a meno del codice della strada. Con la crescita del traffico ce n'è stato bisogno. poi della polizia stradale, dei vigili urbani ecc. Infine i famigerati autovelox e sorpassometri.E' giusto che sia così: l'automobile, usata scelleratamente, è un'arma.Internet è più che un mezzo per me. E' parte integrante della mia vita, essendo praticamente il mio pane. Il mezzo per sfamarmi e pagare affitto e bollette. Solo due anni or sono un qualunque lamer, partendo da google, poteva trovare i codici aggiornati al minuto di D+ e Stream, scaricarli su un biscottino da 5 euro, e guardare in santa pace l'Inter perdere lo scudetto all'ultima giornata, consolarsi con prima fila e palco, dopo le 23 magari. E arrotondare lo stipendio vendendo biscotti o ricaricandoli. Con le stesse conoscenze informatiche della segretaria (massimo rispetto) chee ha finalmente capito che per passare da word al solitario non c'è bisogno che ogni volta chiude uno e apre l'altro.La pirateria, in genere, esisteva già prima. Le schedine pirata si trovavano ben prima del boom di internet. L'abuso della diffusione di codici e sistemi tramite internet ha trasformato però un fenomeno marginale in regola. A occhio nudo, da nord a sud, si vedevano paraboliche ovunque, i negozi vendevano decoder. Ma in ben pochi si abbonavano.Con le regole, le chiusure, gli arresti, le sanzioni, il logo GDF in tre quarti dei siti *.da.ru, adesso si abbonano (quasi) tutti quelli che intendono accedere ai servizi SKY. Si parlò di:- attentato alle libertà digitali- vergognose operazioni della GDF che se la prende con i morti di fame e fa il gioco di D+- "e chi ammazza i bambini gira a piede libero"- "ragazzi, tranquilli, la rete non si ferma".Non si è fermata, è vero. Ma ha rallentato. L'abuso ha provocato la repressione. E' naturale. Successe con i briganti al sud, con i biscottini allora, con gli mp3 oggi.E ogni volta che scrivono una nuova regola e, cosa infinitamente più importante, ogni volta che decidono di applicarla, ci tolgono un pezzetto di libertà. Non vale solo per internet.Chiudo: purtroppo le regole servono. Internet non può sottrarsia questo assioma.
      • Brontoleus scrive:
        Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
        - Scritto da: fasibia
        Chiudo: purtroppo le regole servono.
        Internet non può sottrarsi
        a questo assioma.Sono d'accordo su tutto tranne che su questo: o meglio, non dico che non servano regole per Internet, ma dico che non servano regole SPECIFICHE. Internet è solo un mezzo, molto potente, ma rimane un mezzo che vive grazie a persone e computer che si trovano nel mondo reale e non in quello virtuale.Quindi ritengo che qualsiasi regola specifica per Internet (o per le reti telematiche in generale) non abbia senso.Se invece volevi dire che le regole del mondo vanno applicate alla rete come vengono applicate al mondo, ok.Però ti faccio notare che nessuno quando in casa tua dai un CD ad un amico viene a controllare cosa contiene quel CD. Sia perché è materialmente impossibile (e presto lo diventerà anche per Internet con la progressiva diffusione dei sistemi di crittazione) sia perché è, oggettivamente, ridicolo al pari di quella violenza che risponde al nome di ispezione personale senza fondato motivo.
    • Anonimo scrive:
      Re: E' tutto falso, mi hanno deluso
      io mi preoccuperei di più di chi sfrutta i bambini..ma infondo a nessuno interessa...è questa l'amara realtà, la pedofilia è solo un pretesto per non parlare dei veri problemi..organizzazioni come unicef ci campano con ste cose...tutti i fondi destinati a unicef servono solamente a mantenere l'apparato burocratico e centinaia di sedi..segretarie..poltrone in pelle..dei capi e capetti unicef..è solamente ipocrisia contemporanea questa..nulla di più..saluti
  • CoreDump scrive:
    Niente di Nuovo sotto l'albero :(
    Ormai internet è diventato il peggiormale del mondo, dove poter scaricare comodamente ogni colpa, negli ultimi anni questi signori dove erano dato cheil materiale pedoporno lo scambiavano al tempo delle bbs oancora prima, e facile blaterare chiudendo qualche sitarelloper il quale si calpestano privacy e diritti di molte persone,mentre i pedofili ( quelli veri ) fanno i loro comodi e se propriodevono scambiare via internet del materiale usano freenet /pgp o quant'altro, non vanno di certo sui siti con la loro bellacarta di credito ( oddio magari qualche sprovveduto lo fa ),comunque continuo a ritenere che internet per la sua fisionomiastia sulle palle a molti ( sopratutto nelle alte sfere ) che nonvedono l'ora di restringere la libertà di parola che ancoraper il momento la rete ci da, e fanno di tutto per averl'appoggio della massa ( ignorante ) che abbocca allanotizia bomba di turno.P.s. si lo so oggi sono un po paranoico :|saluti. ;)
  • Anonimo scrive:
    Dar sempre contro a Internet
    Per gli imbecilli è sempre colpa di Internet.Bush insegna; continuare a gridare al lupo prima o poi gli imbecilli credono che il lupo ci sia x davvero e non ci si rende conto che LUPO è chi lo continua a chiamare.Tutta questa gente dovebbe andare a nascondesi, han rotto le palle.
  • Anonimo scrive:
    Casomai mezzo, non causa...
    Perchè dovrebbe esserne la causa? :)E se li spedivano tra loro per posta, chiudevamo le poste o mettevamo dei filtri alle cassette delle lettere? (assurdo voluto, ma che rende l'idea)Internet è solo lo specchio di chi ci naviga, mica la gente ci abita in rete. Il problema sono i pedofili, non internet.Che poi lo trovino un mezzo di comunicazione comodo per scambiare le loro porcherie, non vedo perchè debba ricadere su tutti.Allora aboliamo le videocamere, anche quelle saranno un mezzo no? Oppure una causa? ;)
    • Alessandrox scrive:
      Re: Casomai mezzo, non causa...
      Pero' potrebbe essere, se non la causa in se, la causa dell' aumento del commercio di questo tipo...Va da se che con lo stesso identico ragionamento dovrebbero rendere fuorilegge tutto il commercio delle fotocamere.... per non parlare di quello delle armi. Ma li ci sono ben altre lobby- Scritto da: Quelo
      Perchè dovrebbe esserne la causa? :)

      E se li spedivano tra loro per posta,
      chiudevamo le poste o mettevamo dei filtri
      alle cassette delle lettere? (assurdo
      voluto, ma che rende l'idea)

      Internet è solo lo specchio di chi ci
      naviga, mica la gente ci abita in rete. Il
      problema sono i pedofili, non internet.

      Che poi lo trovino un mezzo di comunicazione
      comodo per scambiare le loro porcherie, non
      vedo perchè debba ricadere su tutti.

      Allora aboliamo le videocamere, anche quelle
      saranno un mezzo no? Oppure una causa? ;)
      • Anonimo scrive:
        Re: Casomai mezzo, non causa...
        - Scritto da: Alessandrox
        Pero' potrebbe essere, se non la causa in
        se, la causa dell' aumento del commercio di
        questo tipo...
        Va da se che con lo stesso identico
        ragionamento dovrebbero rendere fuorilegge
        tutto il commercio delle fotocamere.... per
        non parlare di quello delle armi. Ma li ci
        sono ben altre lobbyNo,rimane un mezzo: il mezzo può rendere più facile procurarsi un certo tipo di materiale,ma la causa per la richiesta di questo materiale è da cercare altrove(c'è un aumento di interesse e quindi si usano tutti i mezzi per reperirlo,non viceversa).
    • Anonimo scrive:
      Re: Casomai mezzo, non causa...
      - Scritto da: Quelo
      Perchè dovrebbe esserne la causa? :)Perchè si cerca di sovvertire la realtà.
  • Anonimo scrive:
    Ma in pratica cosa vogliono?
    Al di la delle sterili accuse in stile caccia alle streghe in cui internet è la causa della diffusione del pedo, cosa vorrebbero fare?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in pratica cosa vogliono?
      - Scritto da: Anonimo
      Al di la delle sterili accuse in stile
      caccia alle streghe in cui internet è
      la causa della diffusione del pedo, cosa
      vorrebbero fare?Vorrebbero vuoi dire?Vorrebbero un modo di "controllare" la rete i poverini non hanno ancora capito che non e' possibile!o meglio si illudono che qualcuno trovi la "bacchetta magica" un grande e alchemico stratagemma tecnico che li aiuti a tornare ai "bei tempi" in cui solo quelli "buoni e bravi" potevano (dopo i "dovuti controlli") permettersi la "liberta' di parola".In realta' sperano che la gente si metta volontariamente le manette rinunciando al proprio "arbitrio" e delegando ai "soliti" le proprie opinioni.Mi pare semplice!
Chiudi i commenti