P2P, scarico dunque compro

Lo rivela uno studio britannico: i presunti pirati della Rete spendono annualmente 77 sterline in musica e collaterali. Più del doppio degli onesti cittadini di Internet

Roma – Sono stati definiti pirati della Rete, predoni alla caccia di contenuti nei mari del file sharing illecito. Eppure, un recente studio britannico sembra aver messo in luce un lato particolarmente onesto degli habitué del P2P: molti di questi spenderebbero più di ogni altro nel settore musicale , in dischi, t-shirt e concerti. L’indagine è stata commissionata da Demos , think tank con base a Londra, per comprendere meglio le abitudini di un campione di circa mille consumatori del web tra i 16 e i 50 anni d’età.

Si è scoperto che il 10 per cento degli intervistati ha ammesso di scaricare file musicali illegalmente, ma allo stesso tempo di acquistare beni e servizi legati alla musica per un valore medio di circa 77 sterline l’anno (110 euro). Sorpresa, si tratta di una cifra maggiore (di 33 sterline per la precisione) di quella spesa annualmente da chiunque eviti accuratamente di attingere canzoni e video dai torrentisti di tutto il mondo.

Sembra , allora, che i presunti pirati del web spendano più del doppio degli onesti cittadini di Internet, evidentemente in barba ai soliti dati annunciati dall’industria del settore. British Phonographic Industry (BPI) ha infatti ricordato che la violazione del copyright creerà nella stessa industria un buco del valore di 200 milioni di sterline (285 milioni di euro circa).

Non si tratta soltanto di conti di natura finanziaria: l’indagine condotta dall’istituto Ipsos Mori servirà come monito nei confronti del Segretario di Stato Lord Mandelson che ha recentemente presentato un piano dettagliato d’azione per sospendere temporaneamente gli account Internet, bloccare l’accesso ai siti legati allo sharing e rallentare il traffico per contenere le attività illegali.

“L’approccio mostrato di recente dal governo – ha spiegato il ricercatore Peter Bradwell di Demos – non aiuterà di certo l’industria musicale a guarire. Il mondo della politica e quello della musica devono capire che la stessa natura del consumo musicale è cambiata radicalmente, con gli utenti che chiedono prezzi più contenuti e un accesso più ampio”.

È, tuttavia, vero che il 61 per cento degli utenti intervistati ha dichiarato di essere intenzionato a smetterla con il downloading non autorizzato qualora debba affrontare la reale minaccia di un taglio netto alla connessione Internet per un mese intero. Per Mark Mulligan di Forrester Research la dottrina dei three strikes dovrebbe considerare una questione generazionale: “La gente coinvolta nel file sharing è quella più interessata alla musica. Utilizza il file sharing come mezzo di scoperta. Abbiamo una generazione di giovani che non vede la musica come un prodotto a pagamento”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    Questa è bella
    Chissà perchè non mi stupisce che la blindatissima infrastruttura Internet di Cuba sia stata realizzata da TI... sarà che noi abbiamo una lunghissima tradizione di collaborazione tra le nostre aziende e regimi dittatoriali di tutto il mondo.Per fare qualche esempio: Iran, Iraq (ai tempi di Saddam e pure durante l'embargo), fino ad arrivare alle ultime leccate a gente come Gheddafi e Putin.Però italianibravagente, eh...
  • Pincopallin o scrive:
    La solita propaganda anticubana
    Come al solito PI si distingue per la propaganda anticubana. D'altra parte il ritornello del "io tengo famiglia" funziona sempre per giustificare le solite panzane.Sorvolo sulla prima parte dell'articolo e vado subito alla perla del visto negato alla Sanchez.Ricordo perfettamente le segnalazioni di PI ruguardo i seguenti fatti:- gli Usa negano il visto a tutti i musicisti cubani che devono recarsi al ritiro dei premi Grammy (questo è sucXXXXX anche per l'ultima edizione);- gli Usa hanno negato il visto agli accompagnatori degli atleti cubani disabili che nel 2008 dovevano svolgere una gara in Usa impedendogli di fatto la partecipazione all'evento;- gli Usa negano il visto ai familiari dei cinque patrioti cubani detenuti illegalmente negli Usa;- gli Usa negano il visto a qualsiasi giornalista cubano, mentre Cuba concede il visto ai media internazionali (compresa CNN);- ecc., ecc., ecc.Infatti tutte queste cose - e molte altre - vengono riportate puntualmente dai "giornalisti" di PI.Distinti saluti
    • Mort Ocheparla scrive:
      Re: La solita propaganda anticubana
      (rotfl) Sì, hai ragione. Collaboriamo con gli Stati Uniti, il dottor Mengele e i Rettiliani (in un sotterraneo dell'Area 51 ovviamente) per resuscitare Fulgencio Batista, l'unico vero Presidente cubano. I fatti da te citati non rientrano esattamente nel nostro campo d'azione. Ciò non significa che non esistano, bada bene. Fossi in te proietterei il mio astio sui media generalisti che non riportano quel genere di notizie. Il bello è che proprio l'altro giorno ci hanno tacciato di estremismo di sinistra: le vie dei lettori sono infinite. :
    • Giorgio Pontico scrive:
      Re: La solita propaganda anticubana
      (rotfl) Sì, hai ragione. Collaboriamo con gli Stati Uniti, il dottor Mengele e i Rettiliani (in un sotterraneo dell'Area 51 ovviamente) per resuscitare Fulgencio Batista, l'unico vero Presidente cubano. I fatti da te citati non rientrano esattamente nel nostro campo d'azione. Ciò non significa che non esistano, bada bene. Fossi in te proietterei il mio astio sui media generalisti che non riportano quel genere di notizie.Il bello è che proprio l'altro giorno ci hanno tacciato di estremismo di sinistra: le vie dei lettori sono infinite. :
      • anonymous scrive:
        Re: La solita propaganda anticubana
        - Scritto da: Giorgio Pontico
        (rotfl) Sì, hai ragione. Collaboriamo con gli
        Stati Uniti, il dottor Mengele e i Rettiliani (in
        un sotterraneo dell'Area 51 ovviamente) per
        resuscitare Fulgencio Batista, l'unico vero
        Presidente
        cubano.



        I fatti da te citati non rientrano esattamente
        nel nostro campo d'azione. Ciò non significa che
        non esistano, bada bene. Fossi in te proietterei
        il mio astio sui media generalisti che non
        riportano quel genere di
        notizie.

        Il bello è che proprio l'altro giorno ci hanno
        tacciato di estremismo di sinistra: le vie dei
        lettori sono infinite.
        :ecco il solito male italiano: distinguere tra destra o sinistra, mai tra fatti e opinioniquando taggate attacchi alla libertà di stampa in occidente "libertà di espressione" mentre analoghi provvedimenti in stati canaglia "censura" vi dimostrate poco obiettivi, quando riportate il divieto di acquisto pc in vigore fino a ieri senza menzionare il razionamento energetico siete poco obiettivi, quando menzionate il razionamento di banda ai cittadini senza specificare che la banda complessiva disponibile é poca siete poco obiettivi, questo magari non intenzionalmente ma imho un bravo giornalista deve anche liberare gli articoli delle agenzie (magari meno innocenti in tal senso) che traduce e riporta dai condizionamenti originari con commenti e documentazioni aggiuntive, poi se si vuole scoraggiare il diritto di critica -tra l'altro costruttiva, mi pare- con le ironie rettiliane fuori luogo ad un lettore che non mi pare abbia citato teorie complottiste fuori logica, fate pure
      • skyeye scrive:
        Re: La solita propaganda anticubana
        - Scritto da: Giorgio Pontico
        l'altro giorno ci hanno
        tacciato di estremismo di sinistraquesta me la sono persa.. mi piacerebbe proprio vedere chi e su che cosa.
  • anonymous scrive:
    solito articolo
    "Gli utenti cubani da qualche giorno lamentano difficoltà ad accedere a Revolco.com, un sito di ecommerce basato negli Stati Uniti ma molto popolare nell'isola caraibica. Secondo gli esperti la responsabilità del blocco sarebbe da attribuire alle autorità di L'Avana, apparentemente preoccupate dall'idea di mercato libero veicolata dal sito."da noi vengono chiusi, non secondo gli esperti (ma quali esperti ?) ma dichiaratamente i siti di scommesse dalle autorità, perchè da noi il commercio é libero solo quando ci conviene"Se digito l'indirizzo e premo invio vengo automaticamente reindirizzato sulla home page di Google - spiega un'impiegata statale che ha preferito rimanere anonima - e anche cercando attraverso il motore di ricerca non riesco ad accedervi".da noi GIUSTAMENTE negli uffici pubblici viene disabilitato e-bay oltre al peer to peer"A Cuba sembrano sussistere, secondo le più recenti indagini,"indagini di chi ? di rsf ?"tutti i problemi legati alla libertà di informazione tipici degli stati guidati da regimi dittatoriali,"vuoi mettere delle belle elezioni democratiche come quelle afghane ? o il democratico regime dell'arabia saudita ?per quel che riguarda la libertà d'informazione, anche secondo la freedom house é carente pure in regimi democratici o sedicenti tali" a fronte di un divario digitale decisamente profondo che costringe gli utenti cubani entro i 64,4 kbps garantiti da una connessione satellitare. Nonostante sia prevista la posa di un cavo sottomarino che collegherà finalmente l'isola al Venezuela, non è chiaro se ai netizen cubani sarà conXXXXX di navigare la Rete a velocità maggiore."eh certo, sono illiberali perchè danno 64 k a tutti, mica come nei paesi civili dove le risorse prima vengono usate fino allo spreco da chi ha i soldi e poi, se avanza qualcosa, agli altri"Le vendita dei computer è stata legalizzata solo nel 2008"come quella di altri elettrodomestici che consumavano corrente, tipo le risiere elettriche, in quanto solo da tale anno si sono stabilizzate le forniture energetiche da parte di paesi amici, e se prima l'energia doveva essere razionata era dovuto all'azione di paesi che si autodefiniscono liberali"e tuttavia la poca banda a disposizione viene centellinata da un ente statale denominato ETECSA, frutto di una collaborazione tra il governo dell'isola e Telecom Italia."fa veramente ridere leggere questo da un paese in cui le linee appartengono a un unico incumbent e in cui il traffico telefonico é stato pseudo-liberalizzato solo da pochi anni "Manifestare il proprio dissenso o cercare informazioni sgradite al regime può costare caro: gli Internet Cafè, i luoghi da cui si connette il 12 per cento della popolazione cubana (il restante 88 per cento è ancora offline), sono costantemente monitorati."anche da noi, vedi legge pisanu"Lo sanno bene alcuni blogger cubani che più volte hanno incontrato problemi: l'ultima in ordine di tempo è la ormai celebre Yoani Sànchez, alla quale è stato negato ancora una volta il permesso di uscire dai confini nazionali per andare a ricevere un premio giornalistico negli States."da che pulpito! alla sheenan, cittadina a pieno titolo del suo liberale paese, non viene consentito neanche di sostare su un marciapiede assieme al resto della folla ...per farsi un'idea della sanchez non c'é niente di meglio dell'intervista che ha rilasciato l'anno scorso alle iene, forse in rete si trova ancora
  • Hydrogen scrive:
    Cuba fuori dal mondo
    Cuba si dimostra come sempre fuori dal mondo, questa notizia fa capire ancora una volta la questione cubana.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Cuba fuori dal mondo
      contenuto non disponibile
      • anonymous scrive:
        Re: Cuba fuori dal mondo
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: Hydrogen

        Cuba si dimostra come sempre fuori dal mondo,

        questa notizia fa capire ancora una volta la

        questione

        cubana.

        in compenso hanno:
        -alloggio di qualità garantito
        -sanità di qualità garantita
        -istruzione di qualità garantita

        come il pesce del mio acquario.mentre da altre parti sei sempre nell'acquario ma non hai garantito niente, devi accontentarti delle briciole che ti lasciano gli squali
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Cuba fuori dal mondo
          contenuto non disponibile
          • anonymous scrive:
            Re: Cuba fuori dal mondo
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: anonymous


            mentre da altre parti sei sempre nell'acquario
            ma

            non hai garantito niente, devi accontentarti

            delle briciole che ti lasciano gli

            squali

            sì, ma non piangere.é più forte di me, i pesci mi commuovono, i paguri meno...
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Cuba fuori dal mondo
            contenuto non disponibile
          • anonymous scrive:
            Re: Cuba fuori dal mondo
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: anonymous


            é più forte di me, i pesci mi commuovono, i

            paguri

            meno...

            I matsugoro sono un'ottima via di mezzo fra i due.

            Senti, che aspettativa daresti a dei cubani in
            terra cubana che si iscrivano al gruppo
            "uccidiamo C." (C. sai tu chi
            è)?
            Per semplificare le notazioni, esprimi la tua
            stima in
            femtosecondi.senz'altro un' aspettativa di vita maggiore di una famiglia afghana che non ha neanche internet
    • anonymous scrive:
      Re: Cuba fuori dal mondo
      - Scritto da: Hydrogen
      Cuba si dimostra come sempre fuori dal mondo,davvero! non manda aerei a bombardare paesi lontani, non ha centinaia di basi militari nall'estero, non compra hedge found dalle solide banche del nord del mondo... non hanno capito proprio niente!
      questa notizia fa capire ancora una volta la
      questione cubana.questa notizia fa capire ancora una volta lo stato dell'informazione nel resto del mondo e
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Cuba fuori dal mondo
        contenuto non disponibile
        • ciao scrive:
          Re: Cuba fuori dal mondo
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: anonymous


          davvero! non manda aerei a bombardare paesi

          lontani, non ha centinaia di basi militari

          nall'estero, non compra hedge found dalle solide

          banche del nord del mondo... non hanno capito

          proprio

          niente!

          Anche il mio gatto non mangia le persone.
          Magari non gli piacciono.
          O magari non ha abbastanza forza per mangiarle.
          Chissà.Magari per sicurezza é meglio isolarlo, no ? Vedrai che diventerá docilissimo :-o
        • anonymous scrive:
          Re: Cuba fuori dal mondo
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: anonymous


          davvero! non manda aerei a bombardare paesi

          lontani, non ha centinaia di basi militari

          nall'estero, non compra hedge found dalle solide

          banche del nord del mondo... non hanno capito

          proprio

          niente!

          Anche il mio gatto non mangia le persone.
          Magari non gli piacciono.
          O magari non ha abbastanza forza per mangiarle.
          Chissà.beh alla coalizione che ha attaccato l'iraq hanno partecipato stati comele isole tonga con 55 militari, quindi io mi chiederei se il tuo gatto dopo che un branco di leoni ti ha sbranato assaggerebbe un brandello del suo padrone...
        • anonymous scrive:
          Re: Cuba fuori dal mondo
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: anonymous


          davvero! non manda aerei a bombardare paesi

          lontani, non ha centinaia di basi militari

          nall'estero, non compra hedge found dalle solide

          banche del nord del mondo... non hanno capito

          proprio

          niente!

          Anche il mio gatto non mangia le persone.
          Magari non gli piacciono.
          O magari non ha abbastanza forza per mangiarle.
          Chissà.beh le isole tonga hanno partecipato con 55 militari alla coalizione che é intervenuta in iraq, per cui chiediti se il tuo gatto seguirebbe un branco di leoni che ti insegue per sbranarti nella speranza di assaggiare un pezzettino del suo padrone
  • incredibile scrive:
    e ci risiamo
    Siete un giornaletto da pizza e fichi.Telecom Italia ha venduto la sua quota in Etecsa a Telefonica da 1 anno,voglia de lavora' niente eh?
    • renz scrive:
      Re: e ci risiamo
      ne sei proprio sicuro?http://www.finanza.com/dettaglionotizia.asp?ActionNum=267146&Tipo=N
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: e ci risiamo
      Allora avremmo dovuto parlare anche del fatto che Benetton è uscito dal patto di maggioranza.E avremmo dovuto forse anche dire dell'affaire telecom brasile.E avremmo dovuto aggiungere altro sui movimenti di Telefonica per entrare nella cordata Telco.Ma di tutto questo, in un giornale che si chiama Punto Informatico, ha senso parlare? Siamo Punto Informatico o Punto Finanza?Buona giornata. ;)L
      • incredibile scrive:
        Re: e ci risiamo
        vabbe' era solo una critica alla notizia, magari un po' dura, pero' semplicemente una critica, dai
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: e ci risiamo
          ma infatti, mica me la sono presasolo hai posto una questione, e ho cercato di spiegarti perché facciamo delle sceltela tua argomentazione sottintendeva che non fossimo al corrente di quello che accade in telecom: noi certe cose ci stiamo dietro, ma non siamo il sole24ore... ;)
          • incredibile scrive:
            Re: e ci risiamo
            si si ok, non era esattamente un dettaglio da intenditore, e' piu' importante pero' che si capisca perche' qualcuno critica.Ma non mi piacerebbe metterla sul sentimentale, a buon intenditor...
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: e ci risiamo
            perchè? :)non l'hai dettoleggo: "Siete un giornaletto da pizza e fichi"e io, urbanamente, ti ho risposto: ritenendo, a prescindere (come diceva toto) che valesse la pena rispondertiio di notizie sulla cessione di etecsa da parte di TI non ne ho viste, mi puoi dare un link? ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 novembre 2009 11.23-----------------------------------------------------------
          • incredibile scrive:
            Re: e ci risiamo
            e insisti, il link non ce l'ho perche' non necessariamente devo averlo letto su internet.E' importante, e non una notizia dettaglio, perche parliamo della societa' piu' indebitata in italia, con 70 miliardi di debito, per questo vendono a telefonica.E che siete un giornaletto da pizza e fichi lo ribadisco con forza, visto che la maggior parte delle notizie contengono numerosi errori, imprecisioni, titoli ridicoli (che spingono a ridere), spesso fonti non citate, e i giornalisti (se cosi' vi fate chiamare) hanno problemi ad accettare le critiche e cercano, come stai facendo tu, "l'ultima parola" e percio' la polemica, segno di grande immaturita' personale e professionale.E poi parla delle 3 settimane di chiusura estiva, come se il mondo si fermasse ad agosto, che sono ridicole, ma se l'evoluzione vostra si e' fermate ai tempi delle vacanze scolastiche....
          • incredibile scrive:
            Re: e ci risiamo
            guarda facciamo cosi, siete il meglio che si puo' trovare online, non occorre criticarvi perche' siete gia' perfetti, quando uno vi critica accettate sempre le critiche e cercate di migliorarvi, non polemizzate mai con i lettori che sono poi l'unico capitale umane che avete, lo sapete bene ma per modestia lo nascondete, avete delle penne efficienti, precise ed un'ottima impostazione editoriale, gran lavoratori e non chiudete come le scuole dell'obbligo ad agosot.ecco, cosi sicuramente siete piu' contenti e chiudiamo sta storia.... contenti voi...
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: e ci risiamo
            Non è questione di fare i bastian contrari, ci mancherebbe.È che se vado sul sito telecom, non trovo comunicati sulla cessione e trovo ETECSA tra l'elenco delle sussidiarie. ;)Mai pensato di essere perfetto, mai pensato di essere il migliore.Faccio il mio (sXXXXX) lavoro e cerco di farlo al meglio. ;)E non mi butto sul personale. ;)Serenamente,L
          • incredibile scrive:
            Re: e ci risiamo
            e io critico nella speranza che lo fai ancora meglio, neanche qui niente di personale, anzi
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: e ci risiamo
            fai bene :)
          • krane scrive:
            Re: e ci risiamo
            - Scritto da: Luca Annunziata
            perchè? :)
            non l'hai detto
            leggo: "Siete un giornaletto da pizza e fichi"
            e io, urbanamente, ti ho risposto: ritenendo, a
            prescindere (come diceva toto) che valesse la
            pena risponderti
            io di notizie sulla cessione di etecsa da parte
            di TI non ne ho viste, mi puoi dare un link?
            ;)Tra le attività giudicate non indispensabili, oltre a Hansenet, anche Telecom Italia Sparkle, le attività a Cuba - dove il gruppo controlla, tramite TI International, il 27% di Etecsa - e la divisione internet olandese BbNed.http://www.key4biz.it/News/2009/11/03/Rete_Fissa/Hansenet_Telecom_Italia_Telefonica_Vodafone_United_Internet.htmlEtecsa, la società cubana che TI ha messo in vendita.http://www.milanofinanza.it/news/dettaglio_news.asp?id=200909041424527354&chkAgenzie=TMFI&sez=quotazioni&testo=&titolo=Urge%20piano%20strategico%20per%20Telecom,%20Telefonica%20nel%20mirino%20di%20Fossati
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: e ci risiamo
            non l'ha ceduta, la vuole vendereè diverso, no? ;)
Chiudi i commenti