P2P, si dice innocente l'autore di Winny

Spera in un giudizio saggio Isamu Kaneko, il giapponese arrestato nei mesi scorsi con l'accusa di aver creato un programma di file sharing che agevola la pirateria


Roma – In tempi di peer-to-peer il suo arresto aveva suscitato sensazione: per la prima volta le autorità nipponiche avevano arrestato un cittadino giapponese per “colpa” del peer-to-peer e lo avevano fatto non perché questi scambiasse file protetti ma perché aveva creato un software che consentiva di farlo.

Il 32enne Isamu Kaneko è un brillante programmatore che, come si ricorderà, aveva messo in piedi il sistemone Winny , un programmotto che, tra le altre cose, consente a chi lo usa di scambiare qualsiasi genere di file senza però consentire di tracciare l’IP degli utenti. In questo modo Winny, di cui rimane attivo un sito informativo giapponese , consentiva lo sharing anonimo .

L’accusa piovuta sulla testa di Kaneko è di aver istigato alla pirateria , un’accusa che potrebbe portarlo in carcere per tre anni e a pagare una sanzione che potrebbe arrivare all’equivalente di 25mila euro. Ad aggravare la sua posizione il fatto che Winny, secondo gli inquirenti, sarebbe stato utilizzato dagli utenti per diffondere, anche all’estero, videogiochi, manga e altri prodotti dell’intrattenimento nipponico, con una secca perdita per gli operatori del settore.

Kaneko nelle scorse ore ha deciso di dichiararsi innocente presso il Tribunale di Kyoto, smentendo quindi l’accusa secondo cui con la creazione di Winny il programmatore sapeva che avrebbe facilitato la pirateria via Internet. La legislazione nipponica, infatti, addossa maggiore responsabilità a chi realizza un sistema di sharing anche rispetto a chi lo utilizza qualora questo sistema si basi su tecnologie di cifratura, proprio ciò che consentiva a Winny, tra le altre cose, di proteggere l’IP dei propri utenti.

La posizione di Kaneko sembra dunque assai diversa da quelli degli ideatori di sistemi di file sharing di origine americana, come Grokster o Morpheus, che recentemente hanno visto trionfare in tribunale la propria tesi , secondo cui responsabile dell’utilizzo non è chi crea il mezzo ma chi lo usa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Buffetto?
    "[...]Subito dopo aver emesso l'ordinanza, Schwarzy ha ricevuto un buffetto dai suoi amici di sempre.[...]"Un buffetto al mio paese non é una cosa positiva... ne abbiamo cambiato il senso pur di fare una "battuta"? :s
    • Anonimo scrive:
      Re: Buffetto?
      - Scritto da: Anonimo
      "[...]Subito dopo aver emesso l'ordinanza,
      Schwarzy ha ricevuto un buffetto dai suoi
      amici di sempre.[...]"

      Un buffetto al mio paese non é una
      cosa positiva... ne abbiamo cambiato il
      senso pur di fare una "battuta"? :sCondivido totalmente quanto hai detto nel tuo intervento.
  • Anonimo scrive:
    [OT?]Swartzi non è poi così cattivo :P
    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3390&numero=999Barone dello Zwanlandshire(linux)
    • Anonimo scrive:
      Re: [OT?]Swartzi non è poi così cattivo
      Anche altri politici americani non erano poi così cattivi, ma poi "si sono ammalati di influenza".........
  • Solvalou scrive:
    Intervento scontato...
    ... a parte la delega a valutare metodi per controllare che i pc non si diano al P2P illegale. Tali controlli non possono venir eseguiti tramite filtri per determinate porte e protocolli, perche' teoricamente si puo' usare benissimo una connessione https, e voglio vedere chi prova a bloccare quelle.Pertanto o si filtrano i contenuti o si deve ricorrere a qualche forma di trusted computing o entrambi. Il ricorso al trusted computing potrebbe limitare la scelta di sistemi operativi per l'amministrazione pubblica. Brutto precedente, se capita.
  • Anonimo scrive:
    Da loro possono ancora scaricare?
    E' da 2 anni che la mia facolta' filtra il traffico per bloccare il p2p....
    • Anonimo scrive:
      Re: Da loro possono ancora scaricare?
      un po' come tutte.il principale motivo per cui lo fanno è perchè loro hanno la responsabilità civile di controllare che con le loro infrastrutture non si violi la legge.In fondo è giusto: ognuno a casa sua può fare ciò che vuole (salvo eventualmente risponderne civilmente e penalmente), ma con le strutture di un altro mi pare il minimo rispettare la sua policy per poterle usare.
  • Anonimo scrive:
    Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
    Piuttosto che giocare col P2P negli uffici pubblici che lavorino e se lo guadagnino lo stipendio ! Ma dove sta scritto che uno in ufficio invece di lavorare deve stare a non far nulla , giocare e scaricarsi file col P2P ? La legalità non c'entra niente, qui si tratta di far rispettare delle regole basilari di lavoro, far lavorare i dipendenti pagati con i soldi delle tasse dei cittadini.Ha fatto benissimo in questo caso.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
        - Scritto da: Anonimo
        scusa Silvio hai ragione!ma che silvio ha ragione sul serio... vorrei vedere se tu avessi un'azienda come saresti contento se i tuoi dipendenti intasassero la banda col mulo....dai suvvia un pò di oggettività nelle cose...
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

        scusa Silvio hai ragione!Credo che fare "battute" di questo genere non servano alla "causa" contro Silvio Berlusconi.Perchè tra le righe (in realtà una sola) si legge che per te un politico durante l'ora di lavoro (dove vieni pagato per lavorare) deve in realtà poterti far fare i tuoi comodi.Per carità, ineccepibile come cosa. Ma allora non ci si lamenti poi di malasanità, malascuola, malagiustizia, e soprattutto malagiustiziasportiva:D
      • Anonimo scrive:
        ma che commento cretino
    • Akiro scrive:
      Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

      Ma dove sta scritto che uno in ufficio
      invece di lavorare deve stare a non far
      nulla , giocare e scaricarsi file col P2P ? guarda che i software p2p non funzionano a manovella... puoi benissimo lanciare un download e far tutt'altrosei rimasto alle schede perforate forse?ciau(linux)
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
        - Scritto da: Akiro

        Ma dove sta scritto che uno in ufficio

        invece di lavorare deve stare a non far

        nulla , giocare e scaricarsi file col
        P2P ?

        guarda che i software p2p non funzionano a
        manovella... puoi benissimo lanciare un
        download e far tutt'altro

        sei rimasto alle schede perforate forse?
        ciau
        (linux)il p2p te lo usi a casa tua. è così difficile come concetto?
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

        Guarda che i software p2p non funzionano a manovella...
        puoi benissimo lanciare un download e far tutt'altroVero, ma... in ogni modo perdi tempo x cercare i file (tempo irrisorio se vogliamo) e tempo per vedere l'andamento (tempo irrisorio se vogliamo) e tempo per vedere la qualità di quello che hai scaricato (tempo irrisorio se vogliamo)... Una sommatoria di tempi irrisori da un tempo non irrisorio però :DIn ogni modo il problema si supera semplicemente bloccando le porte per il P2P. Ma solo per spirito di uguaglianza. Non è giusto che uno nella PA debbe poter scaricare e uno in salumeria no :DSeriamente, non credo sia corretto usare il P2P al lavoro, se non per scaricare materiale utile all'aumento di produttività...E non dite che se scaricate i CD dei Pink Floyd la vostra produtività aumenta... ehehehe
        • Anonimo scrive:
          Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

          produttività...
          E non dite che se scaricate i CD dei Pink
          Floyd la vostra
          produtività aumenta... eheheheDella mia si, io produco e vendo CD taroccati sulle bancarelle del mercato rionale....Alla faccia di Urbani e della Finanza!!!!!
        • Akiro scrive:
          Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

          E non dite che se scaricate i CD dei Pink
          Floyd la vostra
          produtività aumenta... eheheheci sono casi di società (molto grosse) che mettono a disposizione dei propri dipendenti interi server di divx e mp3...lo trovo molto interessante, anke perkè secondo me più si sta bene in ufficio meglio si lavora
      • Anonimo scrive:
        Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
        mi sa che alle schede perforate ci sei rimasto tu, la banda a disposizione di un'azienda non è ne gratis ne infinita.
        • Akiro scrive:
          Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !

          mi sa che alle schede perforate ci sei
          rimasto tu, la banda a disposizione di
          un'azienda non è ne gratis ne
          infinita.ho detto che è gratis io?ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Fa bene! Che i dipendenti lavorino !
            - Scritto da: Akiro

            mi sa che alle schede perforate ci sei

            rimasto tu, la banda a disposizione di

            un'azienda non è ne gratis ne

            infinita.

            ho detto che è gratis io?
            ciaoNon condivido pienamente cio che hai scritto nel tuo intervento.
  • Anonimo scrive:
    Ma che pretendete...
    ... da un governatore che dà una botta al cerchio e una alla mastella, come linea politica?
  • Anonimo scrive:
    a Schwarzy....
Chiudi i commenti