Paesi Bassi, se Skype consegna utenti

Il servizio VoIP avrebbe divulgato i dati di un utente senza l'autorizzazione delle autorità giudiziarie. All'origine della divulgazione, il sospetto che il netizen coinvolto fosse un membro di Anonymous

Roma – Dopo i diversi casi che l’hanno vista coinvolta in fughe di dati personali e divulgazione indebita delle comunicazioni tra utenti, Skype si ritrova con una nuova accusa: il servizio VoIP avrebbe fornito i dati personali di un netizen minorenne a una società di sicurezza informatica olandese senza autorizzazione o mandato delle autorità preposte.

Secondo le fonti , l’azienda specializzata in cyberintelligence iSight Partners avrebbe rivolto le proprie attenzioni nei confronti di un giovane all’epoca sedicenne, sospettato di aver preso parte all’attacco DDoS conosciuto come Operation Payback . Per risalire all’identità dell’utente, i tecnici della sicurezza avrebbero richiesto l’intervento diretto di Skype.

Il capo di iSight , Joep Gommers, avrebbe informato le autorità giudiziarie olandesi e, al contempo, richiesto al servizio VoIP i dati personali del sospetto. Invece di attendere il consenso formale, Skype avrebbe provveduto di propria iniziativa alla divulgazione dei dati richiesti , tra cui username, nome reale, email e indirizzo a cui facevano capo i pagamenti. Lo stesso Gommers si è preoccupato di chiarire di non aver ricevuto autorizzazioni formali da parte delle autorità di polizia , specificando che è possibile che si verifichino casi in cui i risultati delle indagini siano condivisi con soggetti che forniscono servizi al pubblico (in questo caso Skype), allo scopo di verificare l’effettiva presenza di un crimine in atto.

La vicenda solleva diversi dubbi circa la correttezza delle pratiche condotte da Skype, soprattutto in riferimento alle direttive europee in materia di privacy. Pur trattandosi di supposizioni da accertare, appare evidente, invece, la violazione delle policy interne al network VoIP, in base alle quali è vietato fornire informazioni personali sugli utenti senza una richiesta formale da parte della giustizia.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MacGeek scrive:
    Che brutta fine
    Per il proXXXXXre che era il cuore delle workstation più fiche di tutti i tempi: cioè le Silicon Graphics.Quelle che per anni erano lo stato dell'arte per il 3D.
    • bubba scrive:
      Re: Che brutta fine
      - Scritto da: MacGeek
      Per il proXXXXXre che era il cuore delle
      workstation più fiche di tutti i tempi: cioè le
      Silicon
      Graphics.
      Quelle che per anni erano lo stato dell'arte per
      il
      3D.mhh pensi anche tu che questa sia una manovra stile "abbraccia e estingui"?Sarebbe triste, perche il mips ancora cavalca (la broadcom, per dire, ha fatto tonnellate di SoC Mips... )
      • MacGeek scrive:
        Re: Che brutta fine
        No, no. È solo la fine di un'epoca.Oggi ci sono gli ARM, che al tempo dei MIPS erano proXXXXXri per giocattoli.
      • tucumcari scrive:
        Re: Che brutta fine
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: MacGeek

        Per il proXXXXXre che era il cuore delle

        workstation più fiche di tutti i tempi: cioè le

        Silicon

        Graphics.

        Quelle che per anni erano lo stato dell'arte per

        il

        3D.
        mhh pensi anche tu che questa sia una manovra
        stile "abbraccia e
        estingui"?
        Sarebbe triste, perche il mips ancora cavalca (la
        broadcom, per dire, ha fatto tonnellate di SoC
        Mips...
        )Non solo broadcom anche atheros e altri...
    • max scrive:
      Re: Che brutta fine
      - Scritto da: MacGeek
      Per il proXXXXXre che era il cuore delle
      workstation più fiche di tutti i tempi: cioè le
      Silicon
      Graphics.
      Quelle che per anni erano lo stato dell'arte per
      il
      3D.non è una brutta fine... adesso i brevetti di MIPS sono parte di un ecosistema più ampio... ormai l'alternativa a x86 si chiama ARM e quella al duopolio delle GPU si chiama Imagination
Chiudi i commenti