Pakistan, Facebook chiuso a scadenza

Gli utenti locali dovranno fare a meno del social network per tutto il mese di maggio. Colpa di un gruppo che incita a postare immagini di Maometto. Origine di tutto, l'irriverenza di South Park

Roma – Una corte pakistana ha imposto al Governo di impedire momentaneamente l’accesso a Facebook: una pagina incoraggerebbe gli utenti a pubblicare immagini del profeta dell’Islam Maometto.

Sulle immagini del profeta della religione mussulmana si sono giocate già numerose battaglie: basti ricordare la vicenda della vignetta danese che ha generato tanto scalpore anche in Italia e la richiesta di rimozione delle immagini dalla pagina dedicata a Maometto su Wikipedia.

Stavolta a riportare alla ribalta la questione è un gruppo del social network in blu che intende trasformare il 20 maggio nella giornata all’insegna di “Tutti disegnino Maometto” con l’intento di protestare contro un gruppo musulmano estremista che ha minacciato i creatori si South Park. La motivazione? In una puntata dell’ultima serie dell’irriverente cartone animato Maometto è stato fatto apparire vestito da orso (non conoscendo la vera immagine di Maometto può avere qualsiasi aspetto), scherzando proprio sull’iconoclastia e sulle minacce in passato mosse dagli estremisti islamici.
I fondatori del gruppo voleva dimostrare di non temere tali minacce.

Per cercare di rispondere alle polemiche divampate internamente, tuttavia, il Governo del Pakistan aveva ordinato agli ISP locali di rendere la pagina inaccessibile. Ammesso che ciò sia tecnicamente possibile, ciò non è bastato a un gruppo di avvocati islamici, che è ricorso alla Corte Suprema chiedendo l’inibizione dell’accesso alla totalità di Facebook, colpevole di non aver bloccato la pagina fin da subito.

La corte ha dato ragione ai richiedenti e ordinato al governo di bloccare il sito fino al 31 maggio, quando il tribunale terrà un’udienza sul caso.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Joliet Jake scrive:
    Sequestro hard disk
    Dunque:Caso ARagazzino scarica un mp3 illegale. Un'ente privato (RIAA o chi per esso) va dall'autorià e lo denuncia. L'autorità manda la polizia a casa sua e gli sequestra computer, hard disk, cd e quant'altro.Caso BUn'azienda forse ha infranto la legge. L'autorità ordina di vedere la prove. L'aziende risponde "No, non te le faccio vedere, ciao."L'autorità non fa nulla.Purtroppo non ho studiato legge per cui chiedo gentilmente chi conosce un pò di giurisprudenza di spiegarmi la differenza fra il caso A e il caso B e le motivazioni della disparità di trattamento.Grazie.
  • iupiter scrive:
    google ha rotto
    questi di google hanno rotto le scatole...sempre a intrufolarsi dappertutto a partire da chrome che si sa traccia tutto ad altro...ora che qualcuno gli commina una megamulta.
    • Dott Gonzo scrive:
      Re: google ha rotto
      - Scritto da: iupiter

      sempre a intrufolarsi dappertutto :D sei forte
    • Funz scrive:
      Re: google ha rotto
      - Scritto da: iupiter
      questi di google hanno rotto le scatole...sempre
      a intrufolarsi dappertutto a partire da chrome
      che si sa traccia tutto ad altro...ora che
      qualcuno gli commina una
      megamulta.Quindi tu non usi mai nessun servizio o programma di Google?
  • darksenderl scrive:
    Privacy come la groviera
    Salve siamo alle solite la privacy viene violata pubblicamente ed i giganti come Google pensano che uno scusateci risolva tutto? E che dopo tra le righe ci dicono che se loro faranno altri errori simili in futuro noi ci dovremo fare il callo oppure peggio(fare i finti tonti?) e loro nel mentre sguazzano tra i nostri dati personali? Come disse qualcuno :FERMATE IL MONDO VOGLIO SCENDERE!!!Ciao.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 maggio 2010 09.29-----------------------------------------------------------
  • dalai scrive:
    Dubbio
    A meno che non metto il router sulla finestra già quando scendo da casa il segnale e pesantemente peggiorato.Questi stanno su una macchina in movimento e quindi mi chiedo quanta roba potranno mai captare.Il nome della rete? e stica!Il protocollo WPA? e aristica!Tempo per sfondare i wep non ce l'hanno.Rimangono fuori le reti aperte: ma peggio per loro!!!La verità è che Google da troppo fastidio.Mappe gratis Office gratis Posta gratis.E musica gratis con il tubo... altro che storie.
    • boh scrive:
      Re: Dubbio
      Sacrosanta verità.
    • ullala scrive:
      Re: Dubbio
      - Scritto da: dalai
      A meno che non metto il router sulla finestra già
      quando scendo da casa il segnale e pesantemente
      peggiorato.
      Questi stanno su una macchina in movimento e
      quindi mi chiedo quanta roba potranno mai
      captare.
      Il nome della rete? e stica!
      Il protocollo WPA? e aristica!
      Tempo per sfondare i wep non ce l'hanno.
      Rimangono fuori le reti aperte: ma peggio per
      loro!!!

      La verità è che Google da troppo fastidio.
      Mappe gratis Office gratis Posta gratis.
      E musica gratis con il tubo... altro che storie.bhe oddio ... gratis...Dipenda dai punti di vista.... c'è un do ut des!Qualcuno (non tu) google la paga ovviamente!Fino a che si rimane nel lecito non c'è problema (vedi wifi) quando si corre il rischio di passare il lecito (vedi buzz e latitude) qualche dubbio è legittimo!Per questo trovo stupido e fuffoso questo movimento sul wifi dove non si vede quale sia il reale problema (a parte l'ignoranza).
    • Lemon scrive:
      Re: Dubbio


      La verità è che Google da troppo fastidio.si, a noi consumatori
      Mappe gratis sanno dove vai
      Office gratis sanno cosa scrivi
      Posta gratis.sanno a chi scrivi e pure cosa (vedi punto precedente)
      E musica gratis con il tubo... altro che storie.sanno i tuoi gusti...
  • ullala scrive:
    ma fatemi capire
    Secondo qualcunoI dati tipo bssid ssid essid che un AP spedisce (via beacon) nel protocollo 802.11 e che non sono cifrati (per protocollo) anzi sono spediti pubblicamente (e sottolineo pubblicamente) a bella posta per permettere alle stazioni di identificare il proprio AP e eventualmente autenticarsi (se si conoscono chiavi metodo di autenticazione ecc.) sono dati privati?Ma siamo folli?Sarebbe come se io cominciassi a distribuire cartellini con il mio nome e cognome a tutti quelli che passano e poi mi lamentassi che tizio o caio hanno violato la mia privacy perchè hanno il cartellino (che io gli ho dato) con il mio nome e cognome?Google ha altri problemi (magari più seri vedi buzz) di privacy altro che il wifi il cui dato è pubblico per costruzione!Vediamo di stare calmini e sparare al centro del bersaglio invece che sparacchiare a caso e fare 300 morti solo perchè si è ignoranti e non si è mai presa una pistola in mano!Ma dico io!Perchè continuiamo a mandare certa gente in posti di responsabilità?Siamo proprio niubbi!
    • Teone scrive:
      Re: ma fatemi capire
      Prova a spiegarlo agli incompetenti che si fregano le mani per aver trovato il pretesto per vessare di nuovo GoogleInoltre diffonderanno l'idea distorta di Google LADRO di dati quando- sono connessioni aperte lasciate SENZA protezione e la responsabilità ERA dell'utilizzatore- non hanno catturato (come vogliono fa credere per tornaconto) e-mail, conversazioni ecc... ma frammenti di dati
      • Ubunto scrive:
        Re: ma fatemi capire
        Ma poi non è obbligatorio proteggere le reti wireless, anche private, con password?Certo che, dire di aver messo "per caso" quel codice... - "Hum... sì, ci mettiamo le ruote, il volante, i freni... ci metto anche il codice per sniffare il traffico?"- "Ma sì, buttaci dentro un po' di tutto che non si sa mai, magari fa freddo."-------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 maggio 2010 22.36-----------------------------------------------------------
        • Teone scrive:
          Re: ma fatemi capire
          La captazione degli SSID, vendor ecc.. tutti dati identificativi di un apparato emittente wireless, era nata con l'intento di realizzare un mappa degli hotspot wireless pubblicipoi ci solo al mondo quelli che lasciano le loro reti wireless aperte... ma anche in questo caso sono stati raccolti FRAMMENTI di dati. invece di preoccuparmi di Google per una sciocchezza ingigantita ad arte da chi ha tornaconto a vessare google sia economico che politico, mi preoccuprerei di più di quelle caput mentulae che hanno avuto la bella idea di realizzare la moneta unica europea col risultato che quando un paese crolla si trascina dietro pure gli altri
          • ullala scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: Teone
            La captazione degli SSID, vendor ecc.. tutti dati
            identificativi di un apparato emittente wireless,
            era nata con l'intento di realizzare un mappa
            degli hotspot wireless
            pubblici

            poi ci solo al mondo quelli che lasciano le loro
            reti wireless aperte... ma anche in questo caso
            sono stati raccolti FRAMMENTI di dati. invece di
            preoccuparmi di Google per una sciocchezza
            ingigantita ad arte da chi ha tornaconto a
            vessare google sia economico che politico, mi
            preoccuprerei di più di quelle caput mentulae che
            hanno avuto la bella idea di realizzare la moneta
            unica europea col risultato che quando un paese
            crolla si trascina dietro pure gli
            altriGuarda che non è questione di reti "aperte" o "chiuse" quei dati sono propagati sia che la rete sia aperta sia che sia chiusa!è un fatto di protocollo i tag essid ssid bssid sono parte del protocollo 802.11 e sono trasmessi in chiaro a prescindere che tu ti autentichi o meno e a prescindere dall'algoritmo di autenticazione.
          • gerry scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: ullala
            Guarda che non è questione di reti "aperte" o
            "chiuse" quei dati sono propagati sia che la rete
            sia aperta sia che sia
            chiusa!il broadcast SSID mi pare possa essere disabilitato, in questo caso puoi connetterti solo se lo conosci di già.
          • ullala scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: ullala


            Guarda che non è questione di reti "aperte" o

            "chiuse" quei dati sono propagati sia che la
            rete

            sia aperta sia che sia

            chiusa!

            il broadcast SSID mi pare possa essere
            disabilitato, in questo caso puoi connetterti
            solo se lo conosci di
            già.Si ma in quel caso hai comunque il beacon con bssid e essid (somiglia al mac ma non è il mac è più lungo) direttamente nella trama del beacon!Morale è solo una "mascheratura" apparente.Per non passare "quasi nulla" in chiaro devi usare in modo speciale (non standard 802.11) i "radiotap" packets e magari cifrare la trama... in quel modo solo i "radiotap headers" e le eventuali trame di management del protocollo rimangono in chiaro.Alcuni chipset (Atheros e Prism ad esempio) implementano questa possibilità ma devi usare un protocollo diciamo "speciale" che tratta le trame più o meno come trame ethernet e eventualmente cifrarle.Io ho usato spesso questa modalità ma non è standard e in quel caso la google car non avrebbe rilevato nulla!Ma si tratta di un utilizzo per cui ti occore avere o implmentare un driver speciale!Parte di questo lavoro (ripeto non standard) è in grado di farlo ad esempio il driver "madwifi" di linux, quella modalità che ti ho descritto si chiama ahdemo (in quel driver) e viaggia (quella davvero) con un BSSID speciale che è sempre fatto di tutti 0 (e quindi indistinguibile) ma in quel modo non fungi da access point serve per fare una rete wireless peer to peer attenzione si tratta di una modalità proprietaria!Da non confondere con il normale modo "adhoc" in cui invece il bssid in trama è presente eccome!La modalità "comune" di peer to peer wireless è invece prevista nello standard 802.11 e si chiama appunto "adhoc" completamente differente dal non standard "ahdemo" reso possibile dal madwifi (a patto che uno conosca questa feature e la sappia usare)!
        • ullala scrive:
          Re: ma fatemi capire
          Modificato dall' autore il 19 maggio 2010 22.36
          ----------------------Ma che stai dicendo?Quale codice per sniffare cosa?Ti rendi conto o no che sono dati diffusi dall'access point stesso?Ma hai la più pallida idea di cosa stai parlando?
          • Ubunto scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: Ubunto

            Ma poi non è obbligatorio proteggere le reti

            wireless, anche private, con

            password?



            Certo che, dire di aver messo "per caso" quel

            codice...



            - "Hum... sì, ci mettiamo le ruote, il volante,
            i

            freni... ci metto anche il codice per sniffare
            il

            traffico?"



            - "Ma sì, buttaci dentro un po' di tutto che non

            si sa mai, magari fa

            freddo."
            Ma che stai dicendo?
            Quale codice per sniffare cosa?
            Ti rendi conto o no che sono dati diffusi
            dall'access point
            stesso?
            Ma hai la più pallida idea di cosa stai parlando? Dalla puntata precedente: " In presenza di reti wireless non protette, quella che Google ha definito come una svista ha portato tuttavia all'accumulazione di una quantità ancora non precisata di dati personali come cronologie delle pagine web, email e altre informazioni che nessuno si sarebbe aspettato potessero essere intercettati dalle Googlecar ".Non si tratta solo di MAC Address e SSID quindi. Ammesso che quanto riportato sia corretto (un router wireless propaga la cronologia delle pagine web? :s Al massimo darà informazioni su cosa viene fatto in quel momento...)Il termine "sniffare" che ho usato è parte di un commento ovviamente ironico, tu ti rendi conto se un commento è ironico? Ma anche se non fosse ironico, sai che "sniffare" è esattamente quello che hanno fatto?Glossario: Sniffing - Si definisce sniffing l'attività di intercettazione passiva dei dati che transitano in una rete telematica. Tale attività può essere svolta sia per scopi legittimi (ad esempio l'individuazione di problemi di comunicazione o di tentativi di intrusione) sia per scopi illeciti (intercettazione fraudolenta di password o altre informazioni sensibili).Quindi sei tu che stai dando un accezione negativa al termine "sniffare", che invece ha un significato neutrale. Di cosa sto parlando - Volendo approfondire il discorso, se lo scopo era esclusivamente quello di raccogliere MAC e SSID delle reti wireless incontrate avrebbero dovuto "registrare" solo quei dati, questo a prescindere dal fatto che ne venissero forniti di altro genere.Il motivo è stata una svista? Può darsi. La colpa è di chi non ha criptato la propria rete? Sicuramente! Embé? Con una battuta avrei detto qualcosa di diverso a quanto scritto qua sopra?
          • ullala scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: Ubunto
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: Ubunto


            Ma poi non è obbligatorio proteggere le reti


            wireless, anche private, con


            password?





            Certo che, dire di aver messo "per caso" quel


            codice...





            - "Hum... sì, ci mettiamo le ruote, il
            volante,

            i


            freni... ci metto anche il codice per sniffare

            il


            traffico?"





            - "Ma sì, buttaci dentro un po' di tutto che
            non


            si sa mai, magari fa


            freddo."


            Ma che stai dicendo?

            Quale codice per sniffare cosa?

            Ti rendi conto o no che sono dati diffusi

            dall'access point

            stesso?

            Ma hai la più pallida idea di cosa stai
            parlando?

            Dalla puntata precedente: " In presenza
            di reti wireless non protette, quella che Google
            ha definito come una svista ha portato tuttavia
            all'accumulazione di una quantità ancora non
            precisata di dati personali come cronologie delle
            pagine web, email e altre informazioni che
            nessuno si sarebbe aspettato potessero essere
            intercettati dalle
            Googlecar ".Forse non ti è ancora chiaro che le pagine web non sono un dato privato le pubblichi tu!E pubblicare pagine web è esattamente il mestiere che fa google con o senza wifi e con o senza google car! Sveglia! Non c'è nessuna privacy violata a prescindere dal fatto che i dati li abbiano presi per errore o meno!È ciò che già fanno normalmente!

            Non si tratta solo di MAC Address e SSID quindi.
            Ammesso che quanto riportato sia corretto (un
            router wireless propaga la cronologia delle
            pagine web? :s Al massimo darà informazioni su
            cosa viene fatto in quel
            momento...)

            Il termine "sniffare" che ho usato è parte di un
            commento ovviamente ironico, tu ti rendi conto se
            un commento è ironico? Ma anche se non fosse
            ironico, sai che "sniffare" è esattamente quello
            che hanno
            fatto?No non hanno sniffato nulla esattamente come per leggere una pagina web che pubblichi su un server http non sniffi nulla! Svegliarsi no?

            Glossario:
            Sniffing - Si definisce sniffing
            l'attività di intercettazione passiva dei dati
            che transitano in una rete telematica. Tale
            attività può essere svolta sia per scopi
            legittimi (ad esempio l'individuazione di
            problemi di comunicazione o di tentativi di
            intrusione) sia per scopi illeciti
            (intercettazione fraudolenta di password o altre
            informazioni
            sensibili).Non è quello che hanno fatto hanno letto dati pubblici pubblicati con un protocollo pubblico esattamente (ripeto) quello che fanno tutti i giorni !

            Quindi sei tu che stai dando un accezione
            negativa al termine "sniffare", che invece ha un
            significato
            neutrale.No io ho detto che non sniffano!

            Di cosa sto parlando - Volendo
            approfondire il discorso, se lo scopo era
            esclusivamente quello di raccogliere MAC e SSID
            delle reti wireless incontrate avrebbero dovuto
            "registrare" solo quei dati, questo a
            prescindere dal fatto che ne venissero
            forniti di altro
            genere.Macchina esiste ecc. Sono dati sicuramente pubblicati, se poi la rete è aperta e c'è un server http con delle pagine (la cronologia te la dice lui ) hai un dato volontariamente pubblicato su una rete aperta da te e quindi pubblicamente visibile .Nessuna privacy violata!
            Il motivo è stata una svista? Può darsi. La colpa
            è di chi non ha criptato la propria rete?
            Sicuramente! Embé? Con una battuta avrei detto
            qualcosa di diverso a quanto scritto qua
            sopra?Non c'è colpa di nessuno si tratta di dati pubblici, che ne abbiano o meno raccolto per errore più di quelli che volevano raccogliere è un problema loro non certo di privacy!
          • Ubunto scrive:
            Re: ma fatemi capire
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: Ubunto

            - Scritto da: ullala


            - Scritto da: Ubunto



            Ma poi non è obbligatorio proteggere le reti



            wireless, anche private, con



            password?







            Certo che, dire di aver messo "per caso"
            quel



            codice...







            - "Hum... sì, ci mettiamo le ruote, il

            volante,


            i



            freni... ci metto anche il codice per
            sniffare


            il



            traffico?"







            - "Ma sì, buttaci dentro un po' di tutto che

            non



            si sa mai, magari fa



            freddo."




            Ma che stai dicendo?


            Quale codice per sniffare cosa?


            Ti rendi conto o no che sono dati diffusi


            dall'access point


            stesso?


            Ma hai la più pallida idea di cosa stai

            parlando?



            Dalla puntata precedente: " In presenza

            di reti wireless non protette, quella che Google

            ha definito come una svista ha portato tuttavia

            all'accumulazione di una quantità ancora non

            precisata di dati personali come cronologie
            delle

            pagine web, email e altre informazioni che

            nessuno si sarebbe aspettato potessero essere

            intercettati dalle

            Googlecar ".
            Forse non ti è ancora chiaro che le pagine web
            non sono un dato privato le pubblichi
            tu!
            E pubblicare pagine web è esattamente il mestiere
            che fa google con o senza wifi e con o senza
            google car!

            Sveglia!
            Non c'è nessuna privacy violata a prescindere dal
            fatto che i dati li abbiano presi per errore o
            meno!
            È ciò che già fanno normalmente!




            Non si tratta solo di MAC Address e SSID quindi.

            Ammesso che quanto riportato sia corretto (un

            router wireless propaga la cronologia delle

            pagine web? :s Al massimo darà informazioni su

            cosa viene fatto in quel

            momento...)



            Il termine "sniffare" che ho usato è parte di un

            commento ovviamente ironico, tu ti rendi conto
            se

            un commento è ironico? Ma anche se non fosse

            ironico, sai che "sniffare" è esattamente quello

            che hanno

            fatto?
            No non hanno sniffato nulla esattamente come per
            leggere una pagina web che pubblichi su un server
            http non sniffi nulla!

            Svegliarsi no?




            Glossario:

            Sniffing - Si definisce sniffing

            l'attività di intercettazione passiva dei dati

            che transitano in una rete telematica. Tale

            attività può essere svolta sia per scopi

            legittimi (ad esempio l'individuazione di

            problemi di comunicazione o di tentativi di

            intrusione) sia per scopi illeciti

            (intercettazione fraudolenta di password o
            altre

            informazioni

            sensibili).
            Non è quello che hanno fatto hanno letto dati
            pubblici pubblicati con un protocollo pubblico
            esattamente (ripeto) quello che fanno tutti i
            giorni
            !




            Quindi sei tu che stai dando un accezione

            negativa al termine "sniffare", che invece ha un

            significato

            neutrale.
            No io ho detto che non sniffano!




            Di cosa sto parlando - Volendo

            approfondire il discorso, se lo scopo era

            esclusivamente quello di raccogliere MAC e SSID

            delle reti wireless incontrate avrebbero dovuto

            "registrare" solo quei dati, questo a

            prescindere dal fatto che ne venissero

            forniti di altro

            genere.
            Macchina esiste ecc. Sono dati sicuramente
            pubblicati, se poi la rete è aperta e c'è un
            server http con delle pagine (la cronologia te la
            dice lui ) hai un dato volontariamente pubblicato
            su una rete aperta da te e quindi pubblicamente
            visibile
            .
            Nessuna privacy violata!

            Il motivo è stata una svista? Può darsi. La
            colpa

            è di chi non ha criptato la propria rete?

            Sicuramente! Embé? Con una battuta avrei detto

            qualcosa di diverso a quanto scritto qua

            sopra?
            Non c'è colpa di nessuno si tratta di dati
            pubblici, che ne abbiano o meno raccolto per
            errore più di quelli che volevano raccogliere è
            un problema loro non certo di
            privacy!Ma che dici? Dati pubblici? Il mestiere di google...C'è un'enorme differenza fra collezionare dati anonimi e a fini statistici su ciò che passa attraverso i propri servizi o dati meno anonimi ma la cui raccolta è autorizzata da un contratto , e "appostarsi" presso un domicilio e registrare le comunicazioni di una rete privata .Anche le telefonate sono "pubblicamente disponibili" se ti attacchi alla centralina, questo non vuol dire che puoi metterti a fare legalmente l'agente segreto.Se la tua vicina di casa esce completamente nuda in balcone e tu la vedi non commetti alcun reato, l'opposto avviene nel caso in cui ti apposti con una telecamera per registrarla.La tipologia di connessioni rilevate e registrate non hanno nulla a che fare con dei servizi di pubblico utilizzo, ma riguardano la presenza di reti private con connessione wireless incautamente lasciate senza protezione.Incuria questa che espone i proprietari di tali connessioni anche a sanzioni, ma che non scagiona nemmeno per un istante qualunque uso improprio del segnale ad opera di terze parti.L'unico punto a favore di google, è che come hanno detto loro stessi si è trattato di registrazioni accidentali e comunque limitate ai tempi di transito dei loro veicoli, non di un piano criminale di intercettazione su connessioni private.
          • ullala scrive:
            Re: ma fatemi capire


            Ma che dici? Dati pubblici? Il mestiere di
            google...
            C'è un'enorme differenza fra collezionare dati
            anonimi e a fini statistici su ciò che passa
            attraverso i propri servizi o dati meno
            anonimi ma la cui raccolta è autorizzata da un
            contratto , e "appostarsi" presso un domicilio
            e registrare le comunicazioni di una rete
            privata .Questo non è stato fatto perchè non è di nessuna utilità!Ne per google ne per i suoi clienti!PUNTO!La notizia è data in modo palesemente errato!

            Anche le telefonate sono "pubblicamente
            disponibili" se ti attacchi alla centralina,
            questo non vuol dire che puoi metterti a fare
            legalmente l'agente
            segreto.Non sono disponibili pubblicamente c'è lartiolo 15 della costituzione e non è quello che google ha fatto!
            Se la tua vicina di casa esce completamente nuda
            in balcone e tu la vedi non commetti alcun reato,
            l'opposto avviene nel caso in cui ti apposti con
            una telecamera per
            registrarla.Se il luogo è pubblico (pubblica via) o esposto al pubblico non commetti alcun reato!Anzi lo commette lei (atti osceni in luogo pubblico).
            La tipologia di connessioni rilevate e registrate
            non hanno nulla a che fare con dei servizi di
            pubblico utilizzo, ma riguardano la presenza di
            reti private con connessione wireless
            incautamente lasciate senza
            protezione.Non è questione di "protezione" essid ssid bssid e mac sono trasmessi pubblicamente che la rete sia protetta o no!Un server http invece se non protetto è pubblico esattamente come lo è su internet sei tu che lo pubblichi!
            Incuria questa che espone i proprietari di tali
            connessioni anche a sanzioni, ma che non scagiona
            nemmeno per un istante qualunque uso improprio
            del segnale ad opera di terze
            parti.Nessuno usa nulla rilevano solo quello che tu trasmetti in chiaro e pubblicamente e volontariamente nessuno ti obbliga!Se pubblichi l'elenco delle sigle dei radioamatori non commetti alcun reato è pubblico!

            L'unico punto a favore di google, è che come
            hanno detto loro stessi si è trattato di
            registrazioni accidentali e comunque limitate ai
            tempi di transito dei loro veicoli, non di un
            piano criminale di intercettazione su connessioni
            private.Non si vede ne il fondamento (non è utile) ne il mezzo tecnico per farlo se analizzi traffico (diverso dal rilevare un portale http e i dati identificativi della rete) devi farlo volontariamente con uno "sniffer" non lo puoi fare "per errore".Siccome è un dato inutile (lo sniffaggio di qualche secondo) come dato statico è palesemente data in modo equivoco (volutamente o no?) la notizia!L'unica cosa che potrebbe essere stata rilevata "per errore" è (ripeto) il dato di un eventuale portale http in quanto è possibile se metti un client wifi in modo "automatico" che acquisica un ip di quella rete (via dhcp) e sia rinviato automaticamente al portale web (come succede ad esempio coi captive portal comunemente installati in molti AP).Riassumendo i dati (statici) e quindi con un qualche valore per google e per i suoi clienti sono:1) essid ssid bssid e mac (sono statici e pubblici)2) channel ( idem statico e pubblico) 3) portal (se c'è) statico e pubblicoPuò essere che qualcuno di questi dati sia di troppo rispetto alle intenzioni e si stato rilevato per errore (involontariamente) tecnicamente parlando?SI!È utile sniffare (ipoteticamente anche in malafade) un secondo di traffico?Qualche cliente o google stesso potrebbe essere commercialmente interessato?NO!È possibile tecnicamente parlando aver rilevato INVOLONTARIAMENTE (per errore) tale dato? e a che pro?Occorre uno sniffer e per averlo bisogna installarlo!Possibile l'errore involontario?NO!Ma se non ti serve commercialmente perchè avresti dovuto farlo?Ergo la notizia è data in modo improprio quando parla di dati di navigazione (i giornalisti sono ignoranti)...Mi pare molto semplice e senza bisogno di farla lunga!Basta fare 2+2!Ripeto Google ha ben altri problemi di privacy... (buzz latitude ecc.) a cui fare eventualmente attenzione!Trollare sulle ipotesi (oltretutto difficilmente giustificabili in modo razionale come ti ho dimostrato) mi pare più un modo per sviare l'attenzione dai problemi veri!
          • Ubunto scrive:
            Re: ma fatemi capire
            Ma infatti, si tratta di un fatto accidentale limitato al periodo di transito dei loro veicoli.La notizia riporta che è google stesso ad ammetterlo.Tornando all'esempio della vicina nuda, se lei sta in casa sua - anche se è visibile esternamente - non si trova in luogo pubblico. A casa sua fa quello che vuole e mantiene il diritto alla privacy.L'esempio che ho fatto della "registrazione" della vicina è un caso riportato in tanti forum che trattano di questi argomenti (privacy).In modo similare, il fatto che una rete privata sia visibile non la rende "pubblica". Il paragone visibile : pubblico = criptato : privato è mediamente falso, dipende dal caso e dai regolamenti.Una connessione wireless non è legalmente anche "pubblica" solo perché ci accedi senza la password. E per capirlo basta vedere le sentenze sull'impiego di reti wireless non criptate / protette per il P2P.
    • Egli scrive:
      Re: ma fatemi capire
      Esatto.Quello che mi stupisce è che persino sul forum di "Repubblica" quando questa notizia è stata pubblicata, con molta meno enfasi un paio di giorni fa, hanno detto tutti che era una stupidaggine.L'altro giorno stavo gironzolando in macchina, mi sono fermato ho aperto il netbook mentre aspettavo una persona e mi sono trovato 5 reti che mi dicevano chi erano (protette), una addirittura col nome del tizio, che ora so abitare lì ! Dite che finirò in galera per questo ?E se avessi "carpito" il loro misterioso mac address, dell'interfaccia interna, che uso ne avrei potuto fare se la rete già non è protetta ?E se avessi usato quell'IP per spedire un pacchetto a qualcuno (esempio un server Google) e avessi tracciato l'IP che magari non è nemmeno fisso ?Se vogliamo parlare di Google poi stiamo parlando di qualcuno che è già in grado di catturare ogni informazione che vuole sui suoi utenti, geolocalizza gli indirizzi ip (con la funzione "my position" di maps per esempio o i GPS dei cellulari) li associa nomi e cognomi, dati personali e le ricerche, ha comperato doubleclick e l'ultima cosa che ha bisogno è mandarti un auto sotto casa per vedere chi sei tu. Questa storia sembra tanto un FUD per mascherare un altro grosso problema che sta venendo fuori, cioè quello di Facebook, come se il problema scaturito dal fatto che da un giorno all'altro uno abbia deciso di vendere i dati "privati" delle persone alle aziende, sia paragonabile a quattro dati ricevuti da un router mobile dalle reti non protette e probabilmente loggati sui server google.
    • Lemon scrive:
      Re: ma fatemi capire
      - Scritto da: ullala
      Secondo qualcuno
      I dati tipo
      bssid ssid essid che un AP spedisce (via beacon)
      nel protocollo 802.11 e che non sono cifrati (per
      protocollo) anzi sono spediti pubblicamente (e
      sottolineo pubblicamente) a bella posta per
      permettere alle stazioni di identificare il
      proprio AP e eventualmente autenticarsi (se si
      conoscono chiavi metodo di autenticazione ecc.)
      sono dati
      privati?Bastava leggere la notizia (sempre che sia vero quello c'è scritto e sempre che in realtà Google non nasconda ancora di più di quello già sospettato/accertato):"Google ha già ammesso di aver catturato "per sbaglio" dati aggiuntivi oltre agli indirizzi MAC dei dispositivi di rete e gli identificativi SSID, inclusi i siti web visitati laddove le reti wireless risultassero prive di protezione."Si parla di "siti web visitati", quindi non solo la presenza o meno di una rete aperta. Tra l'altro le cose si fanno veramente interessante perchè se tu mi becchi la rete aperta, anche così per sbaglio in buona fede diciamo, al massimo ci navighi... ma per beccare dove navigo mi vengono in mente due tecniche:- la prima è sicuramente la più efficace ed in pratica mi fai un attacco MiM con arp poisoning per poi sniffarmi il traffico- la seconda è più semplice ma più empirica. Tu google ti colleghi alla mia rete e riesci a vedere che indirizzo ip pubblico ho, confronti poi l'indirizzo ip con le ultime ricerche fatte nel mio motore di ricerca; naturalemente avevi già l'elenco dei siti da me ricercati e visitati partendo dal motore di ricerca, adesso puoi dargli anche una collocazione geografica molto più precisa, magari anche una foto dell'abitazione dalla quale parte.Cosa ancora più "interessante" è il fatto non tanto nominativo, cioè, voglio dire, forse non è che a google interessi poi tanto il singolo dato di casa mia... però se google inizia anche a correlare i dati, potrebbe notare che in certe aree del territorio (città, paesi, quartieri...) ci sono tendenze di navigazione e ricerca piuttosto che in altre. Ad esempio potrebbe accorgersi che parecchia gente di quel paese cerca alternative a Telecom, oppure che in certi quartieri molti ricercano impianti di allarme a casua dell'aumento di furti, o ancora magari in certi quartieri ci sono tante ricerche per le denuncia anti- usura o anti-pizzo...potrebbe fare delle pubblicità mirate e/o rivendersi i dati.naturalmente sono solo fantasie, Google è buona, i cattivi che violano la nostra privacy sono ben altri (frase ironica)
      • ullala scrive:
        Re: ma fatemi capire
        - Scritto da: Lemon
        - Scritto da: ullala

        Secondo qualcuno

        I dati tipo

        bssid ssid essid che un AP spedisce (via beacon)

        nel protocollo 802.11 e che non sono cifrati
        (per

        protocollo) anzi sono spediti pubblicamente (e

        sottolineo pubblicamente) a bella posta per

        permettere alle stazioni di identificare il

        proprio AP e eventualmente autenticarsi (se si

        conoscono chiavi metodo di autenticazione ecc.)

        sono dati

        privati?

        Bastava leggere la notizia (sempre che sia vero
        quello c'è scritto e sempre che in realtà Google
        non nasconda ancora di più di quello già
        sospettato/accertato):

        "Google ha già ammesso di aver catturato "per
        sbaglio" dati aggiuntivi oltre agli indirizzi MAC
        dei dispositivi di rete e gli identificativi
        SSID, inclusi i siti web visitati laddove le reti
        wireless risultassero prive di
        protezione."

        Si parla di "siti web visitati", quindi non solo
        la presenza o meno di una rete aperta. Tra
        l'altro le cose si fanno veramente interessante
        perchè se tu mi becchi la rete aperta, anche così
        per sbaglio in buona fede diciamo, al massimo ci
        navighi... ma per beccare dove navigo mi vengono
        in mente due
        tecniche:
        - la prima è sicuramente la più efficace ed in
        pratica mi fai un attacco MiM con arp poisoning
        per poi sniffarmi il
        traffico
        - la seconda è più semplice ma più empirica. Tu
        google ti colleghi alla mia rete e riesci a
        vedere che indirizzo ip pubblico ho, confronti
        poi l'indirizzo ip con le ultime ricerche fatte
        nel mio motore di ricerca; naturalemente avevi
        già l'elenco dei siti da me ricercati e visitati
        partendo dal motore di ricerca, adesso puoi
        dargli anche una collocazione geografica molto
        più precisa, magari anche una foto
        dell'abitazione dalla quale
        parte.
        Cosa ancora più "interessante" è il fatto non
        tanto nominativo, cioè, voglio dire, forse non è
        che a google interessi poi tanto il singolo dato
        di casa mia... però se google inizia anche a
        correlare i dati, potrebbe notare che in certe
        aree del territorio (città, paesi, quartieri...)
        ci sono tendenze di navigazione e ricerca
        piuttosto che in altre. Ad esempio potrebbe
        accorgersi che parecchia gente di quel paese
        cerca alternative a Telecom, oppure che in certi
        quartieri molti ricercano impianti di allarme a
        casua dell'aumento di furti, o ancora magari in
        certi quartieri ci sono tante ricerche per le
        denuncia anti- usura o
        anti-pizzo...
        potrebbe fare delle pubblicità mirate e/o
        rivendersi i
        dati.

        naturalmente sono solo fantasie, Google è buona,
        i cattivi che violano la nostra privacy sono ben
        altri (frase
        ironica)Il punto non è se google è buona o cattiva il punto è se hanno preso dati già pubblici per loro natura.Sniffare intanto che passi per poi pubblicare un dato statico è privo di senso e non sono così stupido da pensare ne che a google serva farlo ne che sia una informazione utilizzabile di qualche significato!Quindi la notizia è (in questa interpretazione) sicuramente falsa.Se invece con dati web si riferisce al fatto che su una rete aperta (quindi dato pubblico) ci sia un portale http (magari proprio ad esempio un "captive portal" che gestisce anche la autenticazione) è verosimile ma si tratta appunto di dato pubblico.La conclusione è sempre la stessa "sniffare" non è di nessuna utilità (sono dati dinamici) ne per google ne per i suoi clienti aggregare un dato (peraltro pubblico) e statico invece è esattamente il mestiere di google (con o senza google car con o senza wifi) e in questo non c'è alcuna violazione di privacy!Sparacchiare ipotesi a caso (addirittura di XXXXXXX e a che scopo poi?) mi pare dannoso proprio per chi voglia davvero porre attenzione ai problemi reali di privacy!Google ha ben altri problemi REALI di privacy provate a pensare a BUZZ o Latitude solo per fare due esempi!Li i potenziali problemi ci sono eccome!E quei dati hanno anche una utilità commerciale!Altro che sniffare inutilmente qualche secondo di traffico (inutile per chiunque)!Altro che wifi!Continuate a guardare il dito invece che la luna pollastri!
        • Lemon scrive:
          Re: ma fatemi capire
          - Scritto da: ullala
          - Scritto da: Lemon

          - Scritto da: ullala


          Secondo qualcuno


          I dati tipo


          bssid ssid essid che un AP spedisce (via
          beacon)


          nel protocollo 802.11 e che non sono cifrati

          (per


          protocollo) anzi sono spediti pubblicamente (e


          sottolineo pubblicamente) a bella posta per


          permettere alle stazioni di identificare il


          proprio AP e eventualmente autenticarsi (se si


          conoscono chiavi metodo di autenticazione
          ecc.)


          sono dati


          privati?



          Bastava leggere la notizia (sempre che sia vero

          quello c'è scritto e sempre che in realtà Google

          non nasconda ancora di più di quello già

          sospettato/accertato):



          "Google ha già ammesso di aver catturato "per

          sbaglio" dati aggiuntivi oltre agli indirizzi
          MAC

          dei dispositivi di rete e gli identificativi

          SSID, inclusi i siti web visitati laddove le
          reti

          wireless risultassero prive di

          protezione."



          Si parla di "siti web visitati", quindi non solo

          la presenza o meno di una rete aperta. Tra

          l'altro le cose si fanno veramente interessante

          perchè se tu mi becchi la rete aperta, anche
          così

          per sbaglio in buona fede diciamo, al massimo ci

          navighi... ma per beccare dove navigo mi vengono

          in mente due

          tecniche:

          - la prima è sicuramente la più efficace ed in

          pratica mi fai un attacco MiM con arp poisoning

          per poi sniffarmi il

          traffico

          - la seconda è più semplice ma più empirica. Tu

          google ti colleghi alla mia rete e riesci a

          vedere che indirizzo ip pubblico ho, confronti

          poi l'indirizzo ip con le ultime ricerche fatte

          nel mio motore di ricerca; naturalemente avevi

          già l'elenco dei siti da me ricercati e visitati

          partendo dal motore di ricerca, adesso puoi

          dargli anche una collocazione geografica molto

          più precisa, magari anche una foto

          dell'abitazione dalla quale

          parte.

          Cosa ancora più "interessante" è il fatto non

          tanto nominativo, cioè, voglio dire, forse non è

          che a google interessi poi tanto il singolo dato

          di casa mia... però se google inizia anche a

          correlare i dati, potrebbe notare che in certe

          aree del territorio (città, paesi, quartieri...)

          ci sono tendenze di navigazione e ricerca

          piuttosto che in altre. Ad esempio potrebbe

          accorgersi che parecchia gente di quel paese

          cerca alternative a Telecom, oppure che in certi

          quartieri molti ricercano impianti di allarme a

          casua dell'aumento di furti, o ancora magari in

          certi quartieri ci sono tante ricerche per le

          denuncia anti- usura o

          anti-pizzo...

          potrebbe fare delle pubblicità mirate e/o

          rivendersi i

          dati.



          naturalmente sono solo fantasie, Google è buona,

          i cattivi che violano la nostra privacy sono ben

          altri (frase

          ironica)
          Il punto non è se google è buona o cattiva il
          punto è se hanno preso dati già pubblici per loro
          natura.
          Sniffare intanto che passi per poi pubblicare un
          dato statico è privo di senso e non sono così
          stupido da pensare ne che a google serva farlo ne
          che sia una informazione utilizzabile di qualche
          significato!
          Quindi la notizia è (in questa interpretazione)
          sicuramente
          falsa.
          Se invece con dati web si riferisce al fatto che
          su una rete aperta (quindi dato pubblico) ci sia
          un portale http (magari proprio ad esempio un
          "captive portal" che gestisce anche la
          autenticazione) è verosimile ma si tratta appunto
          di dato
          pubblico.
          La conclusione è sempre la stessa "sniffare" non
          è di nessuna utilità (sono dati dinamici) ne per
          google ne per i suoi clienti aggregare un dato
          (peraltro pubblico) e statico invece è
          esattamente il mestiere di google (con o senza
          google car con o senza wifi) e in questo non c'è
          alcuna violazione di
          privacy!
          Sparacchiare ipotesi a caso (addirittura di
          XXXXXXX e a che scopo poi?) mi pare dannoso
          proprio per chi voglia davvero porre attenzione
          ai problemi reali di
          privacy!
          Google ha ben altri problemi REALI di privacy
          provate a pensare a BUZZ o Latitude solo per fare
          due
          esempi!
          Li i potenziali problemi ci sono eccome!
          E quei dati hanno anche una utilità commerciale!
          Altro che sniffare inutilmente qualche secondo di
          traffico (inutile per
          chiunque)!
          Altro che wifi!
          Continuate a guardare il dito invece che la luna
          pollastri!ti ho risposto sopra
  • rino scrive:
    ma come , disposta????
    ma come sarebeb a dire disposta, se le informazioni sono illegittime non deve essere disposta a cancellarle, DEVE casncellarle . Non capisco il concetto di "disponibilità" ma ci stanno prendnedo per il c**u**l**o ????
    • Mbdf scrive:
      Re: ma come , disposta????
      Google a sempre preso per il c**u**l**o la nostra privacy: per portare a termine i loro sporchi affari pubblicitari.
      • Fino Finetti scrive:
        Re: ma come , disposta????
        - Scritto da: Mbdf
        Google a sempre preso per il c**u**l**o la nostra
        privacy: per portare a termine i loro sporchi
        affari
        pubblicitari.per chi non ha soldi da spendere non è un problema.
    • Fino Finetti scrive:
      Re: ma come , disposta????
      - Scritto da: rino
      ma come sarebeb a dire disposta, se le
      informazioni sono illegittime non deve essere
      disposta a cancellarle, DEVE casncellarle . Non
      capisco il concetto di "disponibilità" ma ci
      stanno prendnedo per il c**u**l**o
      ????scusa ma a te che ti frega dei dati di google ? pensa piuttosto a tutta quella massa di politici che ti prendono per il XXXX ogni giorno
      • Teone scrive:
        Re: ma come , disposta????
        In effetti, strombazzando ai quattro venti una versione distorta della realtà dei fatti (google con quei dati frammentari non ci ricava niente, proprio perché frammentari). Distolgono l'attenzione dai veri furti ai danni dei cittadini
  • Palmipedone scrive:
    "per sbaglio"
    l'autore dell'articolo mette in dubbio la veridicità delle affermazioni di google e per dimostrarlo dice che già in passato google si è spinta in là chiedendo poi scusa. ma "in passato" linka a una notizia che tratta questo stesso caso!come quella volta che ho aperto un thread su PIintitolato "per sbaglio"
    • Palmipedone scrive:
      Re: "per sbaglio"
      "gli utenti che 'si comportano bene' in rete non abbiano nulla da temere dal tecnocontrollo"frase attribuita dall'autore a Eric Schmidt,ma non trovo il link (newbie)
      • The Bishop scrive:
        Re: "per sbaglio"
        Eccoti i link:http://punto-informatico.it/2769262/PI/News/schmidt-perche-preoccuparsi-della-privacy.aspxhttp://gawker.com/5419271/google-ceo-secrets-are-for-filthy-peopleE sono sempre piu' convinto della mia decisione di rinunciare ai servizi made in Mountain View...
        • Rainheart scrive:
          Re: "per sbaglio"
          E al popolo?
        • Fino Finetti scrive:
          Re: "per sbaglio"
          - Scritto da: The Bishop
          Eccoti i link:

          http://punto-informatico.it/2769262/PI/News/schmid

          http://gawker.com/5419271/google-ceo-secrets-are-f


          E sono sempre piu' convinto della mia decisione
          di rinunciare ai servizi made in Mountain
          View...speriamo che google non fallisca !
        • Dott Gonzo scrive:
          Re: "per sbaglio"
          - Scritto da: The Bishop
          Eccoti i link:

          http://punto-informatico.it/2769262/PI/News/schmid

          http://gawker.com/5419271/google-ceo-secrets-are-f


          E sono sempre piu' convinto della mia decisione
          di rinunciare ai servizi made in Mountain
          View...e allora se si riporta il pensiero di un'altra persona, non sarebbe meglio usare le sue stesse parole invece che aggiungere personalissime interpretazioni?"If you have something that you don't want anyone to know, maybe you shouldn't be doing it in the first place."ah già siamo su novella-informatica.it
    • Enok scrive:
      Re: "per sbaglio"
      - Scritto da: Palmipedone
      l'autore dell'articolo mette in dubbio la
      veridicità delle affermazioni di google e per
      dimostrarlo dice che già in passato google si è
      spinta in là chiedendo poi scusa. ma "in passato"
      linka a una notizia che tratta questo stesso
      caso!

      come quella volta che ho aperto un thread su PI
      intitolato "per sbaglio"Non hai capito. Quella frase dice che, in realazione a quanto accaduto con Street View (cioè l'argomento di questa notizia e di quella linkata), già hanno ammesso di aver catturato "per sbaglio" informazioni.Non si parla di "roba passata".
      • ullala scrive:
        Re: "per sbaglio"
        - Scritto da: Enok
        - Scritto da: Palmipedone

        l'autore dell'articolo mette in dubbio la

        veridicità delle affermazioni di google e per

        dimostrarlo dice che già in passato google si è

        spinta in là chiedendo poi scusa. ma "in
        passato"

        linka a una notizia che tratta questo stesso

        caso!



        come quella volta che ho aperto un thread su PI

        intitolato "per sbaglio"

        Non hai capito. Quella frase dice che, in
        realazione a quanto accaduto con Street View
        (cioè l'argomento di questa notizia e di quella
        linkata), già hanno ammesso di aver catturato
        "per sbaglio"
        informazioni.
        Non si parla di "roba passata".Si ma il "segreto catturato" quale sarebbe?Ma cosa state dicendo?Sono dati che chiunque può vedere!Bata passare con un telefonino e wifi acceso o un portatile sono dati trasmessi pubblicamente e non cifrati fa parte del protocollo il beacon!E ne fa parte (in chiaro) sia che la rete sia chiusa o aperta o anhe cifrata il beacon rimane in chiaro e pubblico!Sveglia!
        • iride scrive:
          Re: "per sbaglio"
          ma svegliati tu.Il fatto che io lasci la porta di casa aperta non ti autorizza ad entrare, e a dire a tutti quelli che conosci che casa mia ha la porta aperta.
          • ullala scrive:
            Re: "per sbaglio"
            - Scritto da: iride
            ma svegliati tu.
            Il fatto che io lasci la porta di casa aperta non
            ti autorizza ad entrare, e a dire a tutti quelli
            che conosci che casa mia ha la porta
            aperta.Ma sei folle?Chi sarebbe che entra?E dove? Si tratta di dati che tu pubblichi e lo fai tu! Nessuno entra da nessuna parte! È esattamente come il numero civico della casa sta scritto sulla pubblica via!Se io dico che in via matteotti ci sono numeri dal 6 al 24 non svelo alcun dato privato ne entro a casa di nessuno! È dato pubblico da te addirittura pubblicato e nessuno entra da nessuna parte!
          • Lemon scrive:
            Re: "per sbaglio"
            - Scritto da: ullala
            - Scritto da: iride

            ma svegliati tu.

            Il fatto che io lasci la porta di casa aperta
            non

            ti autorizza ad entrare, e a dire a tutti quelli

            che conosci che casa mia ha la porta

            aperta.
            Ma sei folle?
            Chi sarebbe che entra?
            E dove?
            Si tratta di dati che tu pubblichi e lo fai tu!
            Nessuno entra da nessuna parte!
            È esattamente come il numero civico della casa
            sta scritto sulla pubblica
            via!
            Se io dico che in via matteotti ci sono numeri
            dal 6 al 24 non svelo alcun dato privato ne entro
            a casa di nessuno!

            È dato pubblico da te addirittura pubblicato e
            nessuno entra da nessuna
            parte!Bastava leggere la notizia (sempre che sia vero quello c'è scritto e sempre che in realtà Google non nasconda ancora di più di quello già sospettato/accertato):"Google ha già ammesso di aver catturato "per sbaglio" dati aggiuntivi oltre agli indirizzi MAC dei dispositivi di rete e gli identificativi SSID, inclusi i siti web visitati laddove le reti wireless risultassero prive di protezione."Si parla di "siti web visitati", quindi non solo la presenza o meno di una rete aperta. Tra l'altro le cose si fanno veramente interessante perchè se tu mi becchi la rete aperta, anche così per sbaglio in buona fede diciamo, al massimo ci navighi... ma per beccare dove navigo mi vengono in mente due tecniche:- la prima è sicuramente la più efficace ed in pratica mi fai un attacco MiM con arp poisoning per poi sniffarmi il traffico- la seconda è più semplice ma più empirica. Tu google ti colleghi alla mia rete e riesci a vedere che indirizzo ip pubblico ho, confronti poi l'indirizzo ip con le ultime ricerche fatte nel mio motore di ricerca; naturalemente avevi già l'elenco dei siti da me ricercati e visitati partendo dal motore di ricerca, adesso puoi dargli anche una collocazione geografica molto più precisa, magari anche una foto dell'abitazione dalla quale parte.Cosa ancora più "interessante" è il fatto non tanto nominativo, cioè, voglio dire, forse non è che a google interessi poi tanto il singolo dato di casa mia... però se google inizia anche a correlare i dati, potrebbe notare che in certe aree del territorio (città, paesi, quartieri...) ci sono tendenze di navigazione e ricerca piuttosto che in altre. Ad esempio potrebbe accorgersi che parecchia gente di quel paese cerca alternative a Telecom, oppure che in certi quartieri molti ricercano impianti di allarme a casua dell'aumento di furti, o ancora magari in certi quartieri ci sono tante ricerche per le denuncia anti- usura o anti-pizzo... potrebbe fare delle pubblicità mirate e/o rivendersi i dati.naturalmente sono solo fantasie, Google è buona, i cattivi che violano la nostra privacy sono ben altri (frase ironica)
          • gerry scrive:
            Re: "per sbaglio"
            - Scritto da: Lemon
            ma per beccare dove navigo mi vengono
            in mente due
            tecniche:Se non è protetta basta fare un packet dump, i dati viaggiano in chiaro.
          • Lemon scrive:
            Re: "per sbaglio"
            - Scritto da: gerry
            - Scritto da: Lemon

            ma per beccare dove navigo mi vengono

            in mente due

            tecniche:

            Se non è protetta basta fare un packet dump, i
            dati viaggiano in
            chiaro.Hai ragionissima, non ci avevo pensato. Però il punto è che anche in quel caso hanno fatto sniffing
          • ullala scrive:
            Re: "per sbaglio"
            - Scritto da: Lemon
            - Scritto da: ullala

            - Scritto da: iride


            ma svegliati tu.


            Il fatto che io lasci la porta di casa aperta

            non


            ti autorizza ad entrare, e a dire a tutti
            quelli


            che conosci che casa mia ha la porta


            aperta.

            Ma sei folle?

            Chi sarebbe che entra?

            E dove?

            Si tratta di dati che tu pubblichi e lo fai tu!

            Nessuno entra da nessuna parte!

            È esattamente come il numero civico della casa

            sta scritto sulla pubblica

            via!

            Se io dico che in via matteotti ci sono numeri

            dal 6 al 24 non svelo alcun dato privato ne
            entro

            a casa di nessuno!



            È dato pubblico da te addirittura pubblicato e

            nessuno entra da nessuna

            parte!

            Bastava leggere la notizia (sempre che sia vero
            quello c'è scritto e sempre che in realtà Google
            non nasconda ancora di più di quello già
            sospettato/accertato):

            "Google ha già ammesso di aver catturato "per
            sbaglio" dati aggiuntivi oltre agli indirizzi MAC
            dei dispositivi di rete e gli identificativi
            SSID, inclusi i siti web visitati laddove le reti
            wireless risultassero prive di
            protezione."

            Si parla di "siti web visitati", quindi non solo
            la presenza o meno di una rete aperta. Tra
            l'altro le cose si fanno veramente interessante
            perchè se tu mi becchi la rete aperta, anche così
            per sbaglio in buona fede diciamo, al massimo ci
            navighi... ma per beccare dove navigo mi vengono
            in mente due
            tecniche:
            - la prima è sicuramente la più efficace ed in
            pratica mi fai un attacco MiM con arp poisoning
            per poi sniffarmi il
            traffico
            - la seconda è più semplice ma più empirica. Tu
            google ti colleghi alla mia rete e riesci a
            vedere che indirizzo ip pubblico ho, confronti
            poi l'indirizzo ip con le ultime ricerche fatte
            nel mio motore di ricerca; naturalemente avevi
            già l'elenco dei siti da me ricercati e visitati
            partendo dal motore di ricerca, adesso puoi
            dargli anche una collocazione geografica molto
            più precisa, magari anche una foto
            dell'abitazione dalla quale
            parte.
            Cosa ancora più "interessante" è il fatto non
            tanto nominativo, cioè, voglio dire, forse non è
            che a google interessi poi tanto il singolo dato
            di casa mia... però se google inizia anche a
            correlare i dati, potrebbe notare che in certe
            aree del territorio (città, paesi, quartieri...)
            ci sono tendenze di navigazione e ricerca
            piuttosto che in altre. Ad esempio potrebbe
            accorgersi che parecchia gente di quel paese
            cerca alternative a Telecom, oppure che in certi
            quartieri molti ricercano impianti di allarme a
            casua dell'aumento di furti, o ancora magari in
            certi quartieri ci sono tante ricerche per le
            denuncia anti- usura o anti-pizzo...

            potrebbe fare delle pubblicità mirate e/o
            rivendersi i
            dati.

            naturalmente sono solo fantasie, Google è buona,
            i cattivi che violano la nostra privacy sono ben
            altri (frase
            ironica)Il punto non è se google è buona o cattiva il punto è se hanno preso dati già pubblici per loro natura.Sniffare intanto che passi per poi pubblicare un dato statico è privo di senso e non sono così stupido da pensare ne che a google serva farlo ne che sia una informazione utilizzabile di qualche significato!Quindi la notizia è (in questa interpretazione) sicuramente falsa.Se invece con dati web si riferisce al fatto che su una rete aperta (quindi dato pubblico) ci sia un portale http (magari proprio ad esempio un "captive portal" che gestisce anche la autenticazione) è verosimile ma si tratta appunto di dato pubblico.La conclusione è sempre la stessa "sniffare" non è di nessuna utilità (sono dati dinamici) ne per google ne per i suoi clienti aggregare un dato (peraltro pubblico) e statico invece è esattamente il mestiere di google (con o senza google car con o senza wifi) e in questo non c'è alcuna violazione di privacy!Sparacchiare ipotesi a caso (addirittura di XXXXXXX e a che scopo poi?) mi pare dannoso proprio per chi voglia davvero porre attenzione ai problemi reali di privacy!Google ha ben altri problemi REALI di privacy provate a pensare a BUZZ o Latitude solo per fare due esempi!Li i potenziali problemi ci sono eccome!E quei dati hanno anche una utilità commerciale!Altro che sniffare inutilmente qualche secondo di traffico (inutile per chiunque)!Altro che wifi! Continuate a guardare il dito invece che la luna pollastri!
          • Lemon scrive:
            Re: "per sbaglio"

            Il punto non è se google è buona o cattiva il
            punto è se hanno preso dati già pubblici per loro
            natura.
            Sniffare intanto che passi per poi pubblicare un
            dato statico è privo di senso e non sono così
            stupido da pensare ne che a google serva farlo ne
            che sia una informazione utilizzabile di qualche
            significato!
            Quindi la notizia è (in questa interpretazione)
            sicuramente
            falsa.
            Se invece con dati web si riferisce al fatto che
            su una rete aperta (quindi dato pubblico) ci sia
            un portale http (magari proprio ad esempio un
            "captive portal" che gestisce anche la
            autenticazione) è verosimile ma si tratta appunto
            di dato
            pubblico.
            La conclusione è sempre la stessa "sniffare" non
            è di nessuna utilità (sono dati dinamici) ne per
            google ne per i suoi clienti aggregare un dato
            (peraltro pubblico) e statico invece è
            esattamente il mestiere di google (con o senza
            google car con o senza wifi) e in questo non c'è
            alcuna violazione di
            privacy!
            Sparacchiare ipotesi a caso (addirittura di
            XXXXXXX e a che scopo poi?) mi pare dannoso
            proprio per chi voglia davvero porre attenzione
            ai problemi reali di
            privacy!
            Google ha ben altri problemi REALI di privacy
            provate a pensare a BUZZ o Latitude solo per fare
            due
            esempi!
            Li i potenziali problemi ci sono eccome!
            E quei dati hanno anche una utilità commerciale!
            Altro che sniffare inutilmente qualche secondo di
            traffico (inutile per
            chiunque)!
            Altro che wifi!
            Continuate a guardare il dito invece che la luna
            pollastri!Guarda, sinceramente non avevo pensato che per una rete wireless non protetta i dati passano in chiaro quindi ammetto che tutte le mie supposizioni sono eccessive.Rimane però il problema che non è normale che una qualsiasi azienda o persona mi faccia una archiviazione "massiva" di reti wireless e, cosa più importante, mi faccia sniffing (o packet dump dir si voglia) per un secondo o un minuto poco importa. E se in quel momento passano le mie credenziali di acXXXXX alla posta o altro?Tu mi dirai "E' colpa di chi lascia le reti wifi aperte" forse, il punto è che la google car fa migliaglia di chilometri ed inziia ad essere un trattamento massivo, qualcosa la becca, non è normale che questo accada.Se la cosa non ti turba ben per te, io credo che se a posto di Google ci fosse MS o la Yakuza o la polizia di stato e chissà chi altri allora ci sarebbe molto più scalpore,a Google si tende a far passare un pò troppo a mio avviso.
Chiudi i commenti