Pakistan, stop alle navigazioni cifrate

Tutti i provider locali dovranno segnalare alle autorità l'eventuale sfruttamento di reti VPN. Una misura che servirà a combattere meglio il terrorismo secondo il governo di Islamabad. Una nuova arma di censura?

Roma – In principio era il blocco dei social network più popolati della Rete, a partire da Facebook e il suo blasfemo materiale sul profeta Maometto. Le autorità del Pakistan hanno ora bandito l’uso delle cosiddette Virtual Private Network (VPN) , reti sfruttate da milioni di utenti locali per aggirare la censura governativa.

Una stretta ulteriore sul Pakistan Internet Exchange , l’infrastruttura che dirige tutto il traffico in terra pakistana. Il governo di Islamabad ha così ordinato a tutti i provider locali di segnalare l’eventuale sfruttamento di reti VPN per navigare online o mandare messaggi di posta elettronica .

A deciderlo è stato l’organo che in Pakistan regola tutte le telecomunicazioni: meccanismi di cifratura dovranno dunque essere segnalati dai provider, mentre tutti coloro che vorranno sfruttare una VPN saranno obbligati a chiedere uno specifico permesso . Una mossa che – almeno secondo la versione ufficiale – aiuterà il paese a combattere meglio il costante pericolo del terrorismo internazionale.

Gli ordini delle autorità pakistane non sono ovviamente piaciuti a istituti bancari e in generale al business basato sul web, che hanno bisogno di reti cifrate per proteggere dati finanziari o comunque sensibili . “È come bandire le auto perché vengono usate dai kamikaze con le bombe”, ha aggiunto il CEO della software house locale Creative Chaos.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • panda rossa scrive:
    Fiber dice che non e' vero!
    Fiber ha detto che l'autorun sulle unita' rimuovibili e' disabilitato da tempo, quindi quello che dice questo articolo non e' vero.
Chiudi i commenti