Palin: Twitter, parla con me

Il governatore dell'Alaska si dimette e usa solo i social media per parlare ai cittadini. Ma i blogger non erano pettegoli?

Roma – La prima notizia è che Sarah Palin si è dimessa dall’incarico di governatore dell’Alaska, con un anno di anticipo rispetto alla scadenza del mandato. L’ex candidata alla vice-presidenza durante le scorse elezioni negli Stati Uniti ha annunciato che, dal 26 luglio, il suo posto verrà preso dall’attuale vice-governatore Sean Parnell. La seconda è che Sarah Palin pare abbia smesso di parlare con i media mainstream, rivelando i suoi pensieri attuali a piattaforme social come Twitter e Facebook.

Associated Press ha, infatti, pubblicato un lungo articolo in cui si parla di un “basso profilo” tenuto dall’ormai ex-governatore. “Dov’è Sarah Palin?” si chiede AP, spiegando come neanche il portavoce David Murrow fosse a conoscenza dei suoi piani in occasione della celebrazione del 4 luglio. “L’unica traccia di Palin – continua l’articolo – è venuta fuori su Twitter dove ha scritto che stava partecipando alla parata a Juneau”.

Palin ha inoltre utilizzato Facebook per caricare un lungo messaggio dove ha augurato a tutti un buon Independence Day, particolarmente a chi ha scelto di onorare e servire la nazione. Il messaggio è stato pubblicato per intero dal Washington Post e recita: “Se posso, vorrei prendermi un momento per riflettere sulle ultime 24 ore, condividendo con voi quelli che sono i miei pensieri”. Pensieri non troppo generosi nei confronti dei media tradizionali, accusati di aver tenuto comportamenti diffamatori nei suoi confronti. Apparentemente, gli avvocati di Sarah Palin hanno minacciato azioni legali contro chi ha speculato sui probabili motivi delle sue dimissioni.

Effettivamente, non si conoscono ancora le ragioni che hanno spinto l’ex-vice di John McCain a lasciare l’incarico prima del tempo. Quella che, tuttavia, appare certa è una decisa marcia indietro di Palin nei confronti dei tanto vituperati blogger, definiti “ragazzini in pigiama che si chiudono nei seminterrati”. Ora, i cinguettii sembrano aver affascinato anche lei. M.V.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lulz scrive:
    how to farli impazzire
    Basta creare qualche programma (e portarsi dietro un notebook(magari netbook)) che broadcasti indirizzi casuali con nomi casuali...si troveranno a un concerto con chessò 5000 persone e 99999999999 dispositivi bluetooth ^_^
    • Zio scrive:
      Re: how to farli impazzire
      Certo, loro installano un sistema simile per darti un servizio più efficiente e tu crei un'azione di disturbo per impedirglielo. Complimenti!
      • Mauro scrive:
        Re: how to farli impazzire
        Tralasciando la moralità o meno dell'azione di "cracking"... dove starebbe il "servizio" scusa? A mio parere venire tracciato negli spostamenti da uno sconosciuto non è un servizio, ma una violazione della privacy, che registrino o meno qualcos'altro oltre al MAC.
    • a n o n i m o scrive:
      Re: how to farli impazzire
      - Scritto da: lulz
      Basta creare qualche programma (e portarsi dietro
      un notebook(magari netbook)) che broadcasti
      indirizzi casuali con nomi
      casuali...
      si troveranno a un concerto con chessò 5000
      persone e 99999999999 dispositivi bluetooth
      ^_^nah, con la triangolazione vedono immediatamente che i segnali partono da un unico punto...
  • Zio scrive:
    Con quali software?
    ...è possibile tracciare e creare statistiche?L'idea può essere interessante per capire gli spostamenti all'interno di un parco divertimenti o di un supermercato.Non tanto per conoscere "chi" ma per sapere "come", "quando", e "quante volte", per poter capire "PERCHE'".Grazie.
  • qwerty scrive:
    ma era la scorsa settimana!
    ma era la scorsa settimana! http://www.rockwerchter.be/en/home/
  • hp suck scrive:
    Basta far accendere il bluetooth, no?
    Vado a vedere il concerto dei Pinco Pallinosul cui biglietto è pubblicizzato che monitoreranno il bluetoothio lo accendo? assolutamente no!se però durante il concerto venissero distribuiti casualmente alcuni brani in mp3 del concento, della band, (e anche pubblicità) allora tutti lo accenderanno!
  • MrAhUa scrive:
    ahahah troveranno una decina di persone
    ma c'è ancora qualche pazzo che tiene acceso il bluetooth? ROFL
    • A.M. scrive:
      Re: ahahah troveranno una decina di persone
      - Scritto da: MrAhUa
      ma c'è ancora qualche pazzo che tiene acceso il
      bluetooth?
      ROFLeeeeeeeeeee... anche io ero convinto come te poi.... vai in stazione e ti meraviglierai ;)A.M.
      • Zio scrive:
        Re: ahahah troveranno una decina di persone
        Confermo, i BT accesi sono molto più di quanto puoi immaginare, ho provato anch'io a fare l'esperimento in un locale relativamente piccolo ed ho rilevato una marea di dispositivi attivi.
        • dario scrive:
          Re: ahahah troveranno una decina di persone
          nelle stazioni e centri commerciali si sfiora facilmente il 20% della popolazione... fatti due conti su cosa significhi per Termini, MI Centrale o strutture di quel tipo.
  • a n o n i m o scrive:
    si fa da tempo...
    BT, data l'intrinseca (in)sicurezza si presta benissimo alla tracciabilità.siamo arrivati all'ordine dei 50/60cm con relativemante pochi sensori e triangolazioni del segnale (via doppler e balle varie)
    • Zio scrive:
      Re: si fa da tempo...
      Con quali software? E' interessante la cosa. Se ad ogni bambino che entra in un parco divertimenti gli si da un braccialetto BT le mamme difficilmente lo perderanno. Ve lo dice uno che lavorando nel settore vede mamme disperate tutti i giorni! ;-)
      • a n o n i m o scrive:
        Re: si fa da tempo...
        - Scritto da: Zio
        Con quali software?scritti ad-hocin pratica una serie di sensori "pingano" i dispositivi BT e calcolano i tempi di risposta, il resto è una (relativamente) banale applicazione di ben noti effetti (doppler in primis)
        E' interessante la cosa. Se
        ad ogni bambino che entra in un parco
        divertimenti gli si da un braccialetto BT le
        mamme difficilmente lo perderanno. Ve lo dice uno
        che lavorando nel settore vede mamme disperate
        tutti i giorni!
        ;-)imho sarebbe antieconomico, BT richiede energia nel dispositivo...la triangolazione dei RFID forse sarebbe già più alla portata di tutti ;)
        • Guybrush scrive:
          Re: si fa da tempo...
          - Scritto da: a n o n i m o[...]
          imho sarebbe antieconomico, BT richiede energia
          nel
          dispositivo...
          la triangolazione dei RFID forse sarebbe già più
          alla portata di tutti
          ;)Nessuno dice che sarebbe gratis.All'ingresso del parco puoi decidere se "noleggiare" il braccialetto e metterlo al polso del pupo.Il braccialetto e' corredato di batteria ricaricabile e tenuto in carica fino all'utilizzo, un po' come si fa con le audio-guide.-- GT
          • dario scrive:
            Re: si fa da tempo...
            quello che intende anonimo non è antieconomico in senso monetario, ma in senso assoluto.se per tenere acceso un sensore BT mi servono più milliampere/h di quanti ne servano per un tag RFID attivo... il consumo di energia è superiore quindi:- più cicli di ricarica- più dispositivi da tenere sempre carichi e pronti all'uso- più carica batterie sempre collegati alla rete- ecc.Questa tecnologia va bene, su base statistica per valutare i flussi delle masse, magari mixando questi dati con quelli derivanti da misure ottiche che hanno il problema di perdere facilmente il soggetto misurato con estrema facilità.Con il BT, invece, la possibilità di tracciare il mac address dall'ingresso all'uscita con le varie traiettorie è possibile... logicamente il telefono/braccialetto/auricolare di turno deve essere visibile.
  • Faber scrive:
    Hai detto niente...
    QUOTE: Posto, naturalmente, che il Bluetooth sia attivato.Hai detto niente!
  • sasuke scrive:
    Ricerca delluniversità di Napoli
    Già esiste da anni (almeno 5) una sperimentazione alla facoltà di Ingegneria della Federico II della localizzaizione dei dispositivi BT nello spazio.Niente di nuovo.
  • terr1 scrive:
    assolutamente inutile IMHO
    La riuscita di un esperimento del genere non porterebbe alcun beneficio. Non vedo utilita' nel tracciare dispositivi con BT attivato. Il sistema GSM permette tracciabilita' a sim inserita... che avrebbe piu' senso...Personalissima opinione, ovviamente.FG
    • dario scrive:
      Re: assolutamente inutile IMHO
      Per tracciare una SIM/IMEI serve l'autorizzazione da parte degli organi di sicurezza o un'autorizzazione esplicita dell'utente al proprio gestore telefonico.Il BT, essendo ignaro sull'identità dell'utente, non prevede la necessità di avere queste autorizzazioni.Queste misure possono essere utili per un tracciamento su base statistica dei flussi.
      • Paolo Nocco scrive:
        Re: assolutamente inutile IMHO
        ...peccato che se ho il BT spento o in modalità nascosta questo tipo di tracciamento sia assolutamente inutile...Quanta tecnofuffa...
        • Faber scrive:
          Re: assolutamente inutile IMHO
          Infatti. Ma si rendono conto di quello che hanno scritto? Una "folla" dovrebbe possedere:a) Un telefono cellulareb) un telefono cellulare con BTc) un telefono cellulare con BT accesoGià mi vedo piccole pattuglie di bluetoother organizzati che deviano dal flusso principale per distogliere le forze di polizia :-)
        • Funz scrive:
          Re: assolutamente inutile IMHO
          - Scritto da: Paolo Nocco
          ...peccato che se ho il BT spento o in modalità
          nascosta questo tipo di tracciamento sia
          assolutamente
          inutile...
          Ma quanta gente accende il BT solo quando gli serve?Ma quanta gente sa di avere il BT? :D
          • seba scrive:
            Re: assolutamente inutile IMHO
            Evidentemente non hai mai fatto una scansione bluetooth in un luogo affollato.Solo in una birreria a caso dalle mie parti su una 50ina di avventori trovi almeno una decina di dispositivi.C'è (molta) gente (imho) che il bluetooth lo lascia sempre acceso, anche quando perfettamente inutile.Quindi credo che l'esperimento non sia così stupido.
          • Funz scrive:
            Re: assolutamente inutile IMHO
            - Scritto da: seba
            Evidentemente non hai mai fatto una scansione
            bluetooth in un luogo
            affollato.

            Solo in una birreria a caso dalle mie parti su
            una 50ina di avventori trovi almeno una decina di
            dispositivi.

            C'è (molta) gente (imho) che il bluetooth lo
            lascia sempre acceso, anche quando perfettamente
            inutile.

            Quindi credo che l'esperimento non sia così
            stupido.Era proprio quello che volevo dire io, in maniera ironica :)
  • Mr.Bil scrive:
    Chissà che movimenti sospetti...
    Ad un concerto un ipotetico spettatore chissà quali movimenti / spostamenti dovrà fare...e chissà che studio ci sarà da fare su essi.Tipicamente l'iter è questo: arrivo nei pressi del luogo del concerto (macchina, treno, pulmann ecc...) entro nell'area del concerto, se ho il posto numerato mi siedo, se non è numerato, cerco di avvicinarmi il piu possibile al palco, ascolto il concerto, e alla fine esco e torno casa.Interessante no?Poi via bluetooth che movimenti si possono seguire...che il raggio d'azione è limitato a 10mt per i classe 1 e ipotetici 100 metri (mai visti nella realtà) per i BT classe 2
    • GioCa scrive:
      Re: Chissà che movimenti sospetti...
      Più che altro, se tutti fanno come me che lo tengo spento, hai voglia a seguire!
      • JackBahuer scrive:
        Re: Chissà che movimenti sospetti...
        - Scritto da: GioCa
        Più che altro, se tutti fanno come me che lo
        tengo spento, hai voglia a
        seguire!quoto in pieno ;)
    • . . scrive:
      Re: Chissà che movimenti sospetti...
      L'esperimento non si interessa del singolo, ma dell'aggregazione. Possono fare una statistica per sapere quanta gente va al bagno, dove si creano ingorghi, il tutto per migliorare i servizi e ridurre i rischi.Un'altra applicazione potrebbe essere quella di individuare le marche dei cellulari piu diffuse tra i giovani che seguono il concerto, per il marketing.
      • AbbaSC scrive:
        Re: Chissà che movimenti sospetti...
        Infatti il significato di questi esperimenti è strettamente statistico. Su 5.000 spettatori un gran numero avrà il BT acceso ed avrà dei comportamenti che a pubblicitari ed organizzatori sicuramente interessano molto... per il resto dubito che malintenzionati sconfinino in aree riservate per motivi di sicurezza con il BT acceso ed il cellulare pronto a squillare... - Scritto da: . .
        L'esperimento non si interessa del singolo, ma
        dell'aggregazione. Possono fare una statistica
        per sapere quanta gente va al bagno, dove si
        creano ingorghi, il tutto per migliorare i
        servizi e ridurre i
        rischi.
        Un'altra applicazione potrebbe essere quella di
        individuare le marche dei cellulari piu diffuse
        tra i giovani che seguono il concerto, per il
        marketing.
    • dario scrive:
      Re: Chissà che movimenti sospetti...
      Abbiamo test di tracciamento e misura che sono risultati attendibili sino a 60/70m con un Class1 di qualità e dall'altra parte un telefono commerciale.Se questi olandesi vogliono fare quanto stiamo facendo noi ci si accontenta dei grandi numeri e della statistica.Sembra che con alcuni accorgimenti il BT possa restituire misure di posizionamento abbastanza attendibili ed utili ai fini citati nell'articolo.
    • nome e cognome scrive:
      Re: Chissà che movimenti sospetti...
      http://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
Chiudi i commenti