Più compatti i documenti distillati sui cellulari

Come fruire agevolmente di documenti memorizzati in un moderno e potente cellulare dal piccolo schermo? Viene in aiuto questa ricerca di Fuji Xerox, grazie a cui si viaggerà senza risme di carta al seguito

Roma – Molti hanno tentato di rendere agevole la fruizione di un documento dal display di un cellulare. Ma quanto realizzato in ambito di ricerca , dal Fuji Xerox Palo Alto Laboratory ( FXPAL ), va oltre e rende veramente più facile non solo vedere, ma usare i documenti trasferiti nei microschermi: è Seamless Documents .

L'uso di Seamless Documents Per via della legge di Moore , anche nei cellulari la potenza di calcolo è ormai sufficiente per memorizzare i documenti e analizzarne struttura e contenuti. Seamless Documents sfrutta le potenzialità di elaborazione dei telefonini identificando sezioni e paragrafi , estraendo automaticamente frasi chiave che li riassumono. In tal modo, visualizzando un documento, si può saltare direttamente ad una sezione individuata da una parola chiave. Inoltre, durante lo scrolling , il software ridimensiona automaticamente le immagini , le intestazioni e il testo stesso, man mano che i diversi elementi del documento vengono a trovarsi sotto la “finestra di lettura”.

“I dirigenti portano con sé enormi pile di documenti quando sono in viaggio” dice Scott Carter, ricercatore che lavora al progetto. “Volevamo dunque trovare il modo di fargliene fare miglior uso e più velocemente”.

Avviato da circa sei mesi, il progetto ha anche altri obiettivi, quali quello di estrarre le informazioni dai documenti e sincronizzarle tra diversi apparati, nonché di rendere tali informazioni estratte facilmente “navigabili” sullo schermo di un cellulare.

Si tratta, lato utente, di una normale applicazione J2ME spiega O Reilly Radar – e fa parte di una serie di applicazioni e novità, quali la recente carta autocancellante , che Xerox sta pianificando di sfruttare commercialmente.

Marco Valerio Principato

( fonte immagine )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo P. scrive:
    it.city censura bankitalia e astagiud.
    Nulla di fantascientifico nelle affermazioni di Marco.Gia' ora a Parma sui terminali pubblici delle biblioteche comunali it.city tra le altre cose ha messo un programma che censura la Banca d'Italia e le aste giudiziarie del Tribunale, entrambe notoriamente organizzazioni criminali.Quanto ai siti che insegnano a fare bombe o contengono manuali di addestramento per guerriglieri e terroristi, sono contrario a oscurarli, infatti fa parte integrante dell'addestramento delle piu' serie forze di polizia e reparti antiguerriglia e antiterrorismo studiare i manuali di addestramento del nemico. Non di rado esperti cosi' addestrati hanno piutato degli agguati semplicemente rendendosi conto che stavano per entrare in un luogo con una delle configurazioni tipiche tra quelle consigliate al nemico per un agguato. Ed anche il comune cittadino ha diritto a sapere queste cose. In Israele si insegna ai bambini a evitare i luoghi troppo frequentati quando sono pieni di gente, perche' e' la situazione preferita da terroristi arabi, meglio ripassare piu' tardi. Su questo punto sarebbe ora che le varie autorita' competenti si decidessero ad assumere una linea di condotta razionale e coerente. Un manuale online su come costruire una bomba puo' servire a un aspirante terrorista, ma puo' essere utile anche all'onesto cittadino, che quando in un negozio nota che qualcuno sta comprando due o tre prodotti che servono a fabbricare esplosivo puo' avvertire la polizia. E invece l'atteggiamento delle autorita' e' incoerente. A Parma l'assessore Monteverdi ha promosso un corso di autodifesa, ma non ne vuole sapere di diffondere un metodo facile e pratico di prendere nota dell'Identikit di un criminale, prima che il ricordo svanisca o si alteri (C4O2N5M7 potrebbe significare forma del capo di tipo 4, occhi 2, nas 5 e mento 7).Paolo
  • gomez scrive:
    Prove tecniche di censura
    Io diffido per principio di chi vuol fare il mio bene mio malgrado, ora si rimuovono dai risultati di ricerca i siti "pericolosi" secondo una ditta di antivirus, domani cosa impedira' a iau' e gugle di bloccare quelli che esprimono opinioni sgradite a qualcun'altro, e ne verremo infornmati ? Vi ricordate ancora il tentativo di frattinizzazione dei termini pericolosi, "bomba" "antrace" "esplosivo" andavano oscurati... se iau' avesse agito in base a quel delirio quanti "pericolosi" siti sarebbero spariti dai risultati di ricerca, per esempio quelli delle "bombe alla crema" o delle "bionde esplosive"... ? :-)Mauro
    • Joliet Jake scrive:
      Re: Prove tecniche di censura
      Magari sarà la volta buona che esce qualche nuovo motore di ricerca alternativo... :D
    • Gianni l ottimista scrive:
      Re: Prove tecniche di censura
      Finché scrivono che il sito è pericoloso ma mi lasciano libero di scegliere ben vengano tali servizi!
Chiudi i commenti