Pirateria, arresti a Napoli

Blitz

Napoli – Nuova ondata di azioni antipirateria nell’area napoletana. In differenti interventi Guardia di Finanza e Carabinieri hanno assestato nelle scorse ora durissimi colpi alla produzione e alla distribuzione di falsi cd e dvd. Lo ha reso noto in una nota la F.P.M.- Federazione contro la pirateria musicale .

Una centrale con 30 masterizzatori in serie è stata smantellata dai Carabinieri nel quartiere di Poggioreale con l’arresto constestuale di due soggetti, padre e figlio, rispettivamente S.B, di 47 anni e A.B di 26.

“La Guardia di Finanza – continua la nota – ha invece rinvenuto una centrale con 60 masterizzatori, oltre a due depositi con 41 mila tra cd e dvd nell’area della stazione centrale di Napoli. Altri sequestri hanno riguardato venditori abusivi. Sette acquirenti sono stati sanzionati perchè colti in flagranza nel momento di comprare cd e dvd falsi”.

Nei giorni scorsi i Carabinieri di Castello di Cisterna avevano invece svolto una serie di operazioni contro commercianti abusivi in quaranta comuni della zona e che avevano portato all’arresto di 29 persone dedite alla vendita di cd musicali e dvd falsi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Almeno in Italia...
    si ma chi dice a telecom che in un comune,diciamo di 5-6000 abitanti,non ci sia comunque una percentuale sufficiente di persone e/o industrie interessate alla banda larga?p.s. ricordo che ci sono comuni a pochi km da grandi città non coperti da adsl... non è del tutto vero che non coprono solo le baite sperdute ai piedi delle montagne
  • Anonimo scrive:
    Re: Almeno in Italia...
    - Scritto da: Anonimo
    abbiamo T?lecom che continua a non coprire
    chi sta scopertoC'è da dire che, seguendo le tradizionali logiche di mercato, telecom investe dove si aspetta un ritorno economico... una zona industriale sviluppata potrebbe essere un buon motivo...Per coprire anche le zone meno appetibili ci vorrebbero sovvenzioni statali come per i trasporti (tanto ormai internet sta diventando un bisogno fondamentale per strati sempre più ampi di popolazione)
  • Anonimo scrive:
    si, e poi censurano a piè sospinto
    se poi censurano a go go, e ci mettono le violazioni della privacy come se piovesse ... che cazzo!!!! :(
  • Anonimo scrive:
    Almeno in Italia...
    abbiamo T?lecom che continua a non coprire chi sta scoperto
Chiudi i commenti