Pisanu e WiFi, oggi la proroga del Governo

Il motivo per cui un accesso WiFi libero non è ancora disponibile in Italia verrà ribadito nel cosiddetto decreto milleproroghe, che sposterà il problema di un altro anno

Roma – Come sempre all’avvicinarsi di fine anno il Governo si prepara a varare il cosiddetto decreto milleproroghe, che serve a rinviare una serie di scadenze e di impegni legislativi ed operativi. Tra questi rinvii anche quello relativo ai pubblici esercizi che offrano connettività Internet .

In particolare, tra le misure antiterrorismo che furono previste dal controverso Decreto Pisanu , c’era anche quella che obbligava chi offrisse in un “pubblico esercizio” ma anche in un “circolo privato” delle postazioni connesse ad Internet, a registrarsi presso la Questura .

La misura, del tutto simile a quella da anni applicata in Cina per gli internet café, è stata considerata essenziale nella lotta all’abuso di Internet da parte di malfattori e terroristi: tenere un registro di chi offre connettività, e chi la offre è anche obbligato a registrare i dati dei propri clienti o soci , dovrebbe consentire secondo il progetto originario una più efficace azione delle forze dell’ordine o, comunque, ostacolare un terrorista che volesse comunicare via Internet.

Al di là del senso ultimo o dell’efficacia di una visione di questo tipo, salvo ripensamenti imprevisti dell’ultimo minuto, oggi il Consiglio dei Ministri dovrebbe prorogare questa misura al 31 dicembre 2009 . Tra le conseguenze di una decisione di questo tipo c’è anche l’ulteriore prolungamento della sospensiva contro il WiFi libero .

Come già contemplato da altre norme, e ribadito da questa proroga, nessun privato potrà aprire la propria connessione WiFi impunemente: farlo senza una regolare registrazione in Questura, farlo senza catturare preventivamente i dati di chi si colleghi, espone chi lo fa all’essere considerato responsabile di azioni illegali eventualmente poste in essere da terzi.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • 01234 scrive:
    sì ma che palle
    'sti australiani...e temo anche che siano il laboratorio per sperimentare dinamiche poi estendibili a tutto il mondo... :-(
    • Fra scrive:
      Re: sì ma che palle
      Non vedo l'ora che la applichino anche in italia cosi' finalmente la smettete di scaricare tutto il giorno.
  • francososo scrive:
    Isp giudici e boia .... si ma dove ?
    Isp giudici e boia .... si ma dove ?l'AFACT si illude ....chissà da chi avranno preso questo pensata ? (newbie)(newbie)...........io lo so ! @^
    • XYZ scrive:
      Re: Isp giudici e boia .... si ma dove ?
      - Scritto da: francososo
      Isp giudici e boia .... si ma dove ?
      l'AFACT si illude ....chissà da chi avranno preso
      questo pensata ? (newbie)(newbie)...........io lo
      so !
      @^Illusione a parte, la cosa veramente grave è capire "come" e "perchè" in australia è stato possibile (da parte delle autorità) adottare comportamente del genere... Capisco che gli australiani, vista la loro industria dei media, e guardando qualche loro programma, sono notoriamente lobotomizzati.. Ma quando leggo articoli del genere mi viene da dire... Incredibile lo siano fino a questo punto!Tenetevi stretti i vostri cervelli, usate internet come deve essere usato e fate buona & sana pirateria people!E fatelo fino al punto in cui sarà socialmente impossibile prendere tali provvedimenti... Altrimenti tra qualche anno toccherà anche a noi!
Chiudi i commenti