PIXEL, da Raspberry Pi ai sistemi X86

La Raspberry Pi Foundation ha adattato una distribuzione Debian Jessie inserendo il desktop enviroment usato di default sulle Raspberry Pi in modo da renderlo disponibile anche per architetture non ARM come PC o Mac

Roma – La Raspberry Pi Foundation ha realizzato una distribuzione Linux per sistemi x86 < (PC e Mac) che ha come desktop enviroment PIXEL (Pi Improved Xwindows Environment, Lightweight) basato sul progetto LXDE (Lightweight X11 Desktop Environment) .

PIXEL è stato lanciato a fine settembre 2016 ed è un ambiente grafico ottimizzato per funzionare al meglio sulle diverse versioni di Raspberry Pi, ossia su sistemi embedded basati su processore ARM.
Secondo il fondatore della Raspberry Pi Foundation Eben Upton “PIXEL costituisce la nostra ipotesi migliore di quello che la maggioranza degli utenti ricerca in un ambiente desktop, ossia: un’interfaccia utente pulita e moderna, una curata suite di software di produttività e strumenti di programmazione, sia free che proprietari”.

Nell’annuncio viene descritta anche quella che è la visione della Fondazione: “realizzare un computer desktop con tutte le funzionalità al costo prefissato di 35 dollari” in modo da dare la possibilità a chiunque di avere un computer sul quale poter programmare.

Gli investimenti quindi si sono divisi tra: hardware culminato nell’attuale Raspberry Pi 3 ; software per adattare sistemi operativi (Linux e Windows), in modo che funzionino sull’architettura ARM, molto differente da quella x86, oltre che ottimizzare l’ambiente grafico in modo da renderlo adatto all’hardware su cui dovrà funzionare e di cui PIXEL rappresenta un importante traguardo.
Il fatto che ogni distribuzione per Raspberry Pi debba supportare la retrocompatibilità ha comportato che l’ottimizzazione dell’ambiente grafico si dovesse adattare anche alle prime versioni che avevano a disposizione 512 MByte di RAM e un processore a 32bit con un solo core .

Poiché l’ambiente grafico generato è apparso ben riuscito e poiché era già ottimizzato anche per sistemi che risulterebbero ormai datati, si è pensato che sarebbe stata una buona idea esportare l’ambiente grafico PIXEL in modo da poter essere sfruttato anche su sistemi x86.
Tale scelta potrebbe da un lato permettere a chi è abituato ad utilizzare l’ambiente Raspberry Pi di avere un ambiente familiare sempre a disposizione; dall’altro consentire il recupero di vecchi computer, come si possono trovare spesso nelle scuole, considerati obsoleti poiché non in grado di funzionare con ambienti grafici recenti che utilizzano sempre più risorse.

La distro è basata su Debian 8 (Jessie) a 32-bit con incluso PIXEL, occupa 1,3 GByte e può essere usata come una qualsiasi altra distribuzione Linux sia installandola che usandola “live” da pennetta USB.
Per creare la pennetta USB avviabile con al suo interno la distro live, viene consigliato di usare Etcher software multipiattaforma e disponibile nelle versioni a 64 bit (Linux, Mac, WIndows) e 32 bit (Linux, Windows).

Stickes

Una volta lanciata la distro live si avrà subito a disposizione un sistema abbastanza completo con già presenti il browser Chromium , l’intera suite Libre Office oltre alle classiche utility di uso comune e quotidiano come un gestore di archivi, un lettore di PDF o una calcolatrice.
Molto completa risulta la sezione “Programmazione” che mette a disposizione strumenti per diversi linguaggi di programmazione che vanno dagli IDE BlueJ e Greenfoot per il linguaggio JAVA a quelli per Python 2 e Python 3 o come Geany , in grado di supportare diversi linguaggi .

Stickes

Rispetto alla versione per Raspeberry Pi non sono presenti ne Minecraft Wolfram Mathematica poiché la Fondazione non ha i diritti per poterli rendere disponibili se non sul proprio hardware.

Testata in live su una Virtual Machine impostata con processore mono core e 512 MByte di RAM il sistema è sembrato molto fluido e usabile è parso soffrire un po’ durante la riproduzione di video su YouTube.

Stickes

Luca Algieri

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bingo bongo scrive:
    allocchi solari
    Soldi pubblici spesi male; anche in francia i politici di bassa lega si danno da fare per farsi pubblicità a spese dei contribuenti-allocchi.
  • claudio scrive:
    e' tutto uno scherzo, vero?
    767 kWh day non ci credo ma ammettiamo che sia veroSono la "bellezza" di 280MWh anno.In pratica uno scooter 50cc ne fa 60.Hanno speso 5 milioni di euro per produrre quello che fa uno scooter targato tipo TamarMAX?notevole.uno spreco notevole.Se poi ha la manutenzione di quello dei paesi bassi avremo la fantastica manutenzione del costo di 30 scooter annuali.http://allarovescia.blogspot.com/2015/05/la-prima-pista-ciclabile-che-produce.htmlnext: il motore a gatto & burro
    • tgyhvrg scrive:
      Re: e' tutto uno scherzo, vero?
      Cosa c'è che non hai capito della parola "sperimentale"?
      • claudio scrive:
        Re: e' tutto uno scherzo, vero?
        - Scritto da: tgyhvrg
        Cosa c'è che non hai capito della parola
        "sperimentale"?cosa non hai capito della parola "boiata pazzesca?"
        • tgyhvrg scrive:
          Re: e' tutto uno scherzo, vero?

          cosa non hai capito della parola "boiata
          pazzesca?"Detto da uno che trucca i numeri. Un 50 cc non arriva neanche a 3 kwh
          • claudio scrive:
            Re: e' tutto uno scherzo, vero?
            - Scritto da: tgyhvrg

            cosa non hai capito della parola "boiata

            pazzesca?"

            Detto da uno che trucca i numeri. Un 50 cc non
            arriva neanche a 3
            kwhciccio confondi come i grillini KW con KWhun 50CC arriva fino a 6KW (potenza)che sulle 24h... quindi 6*24=144KWhMa la bolletta la leggete?
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: e' tutto uno scherzo, vero?
        - Scritto da: tgyhvrg
        Cosa c'è che non hai capito della parola
        "sperimentale"?per capire che sono soldi buttati non serve sperimentare, basta sapere fare due conti.Ad esempio confrontando i dati di un esperimento simile in Olanda, con i dati di tre impianti che si trovano ad un paio di chilometri di distanza.[yt]RjbKYNcmFUw[/yt]
      • Fulmy(nato) scrive:
        Re: e' tutto uno scherzo, vero?
        - Scritto da: tgyhvrg
        Cosa c'è che non hai capito della parola
        "sperimentale"?Caro T-1000dato che non mi risulta che il mio post contenesse alcunché di offensivo o contrario alle norme del forum, potrei sapere per quale motivo è stato cancellato?
Chiudi i commenti