Polizia Postale a caccia di SMS truffaldini

Lo chiedevano i consumatori, lo hanno chiesto anche alcuni parlamentari: alla fine l'Autorità TLC ha deciso di chiedere alla PolPost di intervenire contro i messaggini che sottraggono denaro a molti utenti italiani

Roma – “Nella sua segreteria ci sono messaggi per te. Chiama da fisso al 899-(omissis), info e costi nella tua segreteria”. Messaggi come questo, talvolta scritti in un italiano da prima elementare, pur camuffati da innocente comunicazione di servizio, sono in realtà vere e proprie truffe che circolano da tempo su molti telefonini, che possono costare all’utente anche 15 euro a botta .

ADUC segnala di aver ricevuto numerosissime segnalazioni in merito a truffe simili. Per una di esse, “Il mittente dell’SMS risulta essere il numero +2648-811900123, il prefisso è quello della Namibia, in Africa – spiega Domenico Murrone, consigliere dell’associazione – Il numero a cui si invita a telefonare, invece, è italianissimo e concesso dal ministero delle Comunicazioni. Quindi abbiamo un soggetto che dall’estero invita un utente che non gli ha richiesto nessun servizio a telefonare ad un numero speciale italiano. I risvolti illegittimi di questa operazione sono due: l’invito ad usufruire di un servizio mai richiesto e la mancata autorizzazione del destinatario a ricevere l’SMS. Materia per Polizia Postale e Authority della Privacy e delle Comunicazioni – conclude Murrone – a cui rivolgiamo un caloroso invito a scovare i responsabili e trovare rimedi prima che una nuova epidemia si diffonda”.

“A tantissimi cittadini vengono inviati SMS nei quali si scrive che si possono ottenere suonerie gratis. In realtà, quando si invia l’ok arrivano flotte di SMS a pagamento. Si tratta di una vera e propria estorsione – afferma la senatrice Maria Burani Procaccini – che vede coinvolti i gestori della rete che lucrano su queste operazioni effettuate senza alcun consenso informato”. La parlamentare chiede “al presidente (dell’ Agcom , ndr) Calabrò di aprire un procedimento specifico e di coinvolgere i Co.Re.Com” e preannuncia “un intervento con una proposta legislativa che indichi regole chiarissime per poter vendere questi prodotti”.

L’Authority TLC, dal canto suo, vuole dimostrare di non starsene con le mani in mano e dichiara di aver chiesto alla Polizia delle Comunicazioni “di effettuare con urgenza le opportune indagini, sotto i diversi profili di possibile violazione di norme di carattere penale o amministrativo”.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Slick scrive:
    Cannibalizzazione
    Mai sentito parlare del mercato dei pezzi di ricambio? Debitamente "smenbrati" i cellulari renderanno molto di più dei 37000
  • Slick scrive:
    Cannibalizzazione
    Mai sentito parlare del mercato dei pezzi di ricambio? Debitamente "smenbrati" i cellulari renderanno molto di più dei 37000
  • STEFANO scrive:
    RE : IMEI
    Basta utilizzare quei piccoli programmi che "girano" in rete per cambiare l'IMEI ....
  • silvio scrive:
    liste imei
    tutto giusto riguardo al blocco degli IMEI...peccato che non esiste ancora una black-list a livello mondiale.vista l'entità del furto,nn credo siano così sprovveduti da nn sapere come piazzare i cel!
  • adsfa scrive:
    che articolo
    inutile.
  • Sandro Scardapane scrive:
    Ma sono veramente così sicuri??
    Secondo me un sistema di tracking non ha alcuna validità al di fuori degli states. Basterà portare i telefoni fuori dalla nazione per poter risolvere il problema, come fanno qui da noi molti extracomunitari.
    • Glamour scrive:
      Re: Ma sono veramente così sicuri??
      in canada non cambierebbe una fava quindi in messico ma li prendono al confine
    • Andrea Lai scrive:
      Re: Ma sono veramente così sicuri??
      Portano la droga fuori e dentro gli USA, vuoi che non riescano a portare dei cellulari?E poi c'è il cambio dell'IMEI, molto in voga.
    • Luca69 scrive:
      Re: Ma sono veramente così sicuri??
      Forse sará anche possibile venderli fuori dal mercato americano, ma tutto ció costa e quindi il guadagno scende decisamente. In fonodo sono "solo" 37.000 euri! Se inizi a doverli spedire "segretamente" in auropa e poi trovare il modo per smerciarli, ci persono tutto il guadagno
  • Anonimo scrive:
    Cavetti vari
    Io qualche anno fa cambiavo gli IMEI ai Sony/Ericsson con grande facilità con un cavetto di 15 euro comprato su ebay, e c'erano cavetti per Nokia, Motorola e quasi qualsiasi cellulare.Rubare cellulare di per se è un po' stupido, non cambiargli l'imei sarebbe stupidissimo!
    • Guido la Macchina scrive:
      Re: Cavetti vari
      E perchè mai dovevi cambiare l'IMEI dei cellulari?
      • qwerty scrive:
        Re: Cavetti vari
        - Scritto da: Guido la Macchina
        E perchè mai dovevi cambiare l'IMEI dei cellulari?Magari per semplice protezione della privacy ??
      • Anonimo scrive:
        Re: Cavetti vari
        Perché li compravo su ebay e spesso i venditori mi truffavano vendendomi cellulari lockati per compagnie telefoniche britanniche, svizzere, francesi ecc.Il cavetto toglieva blocchi, personalizzazioni fatti dal produttore (sbrandizzare) e tra le tante funzioni cambiava anche l'IMEI.Si sa mai invece che un privato fosse stato un ladruncolo che lo aveva rubato nei sobborghi di Londra e a me mi prendono per ricettatore internazionale per un cellulofono di 50 euro.
        • Akiro scrive:
          Re: Cavetti vari
          non ti preoccupare che il problema non sono i cellulari rubati per le TLC.Credi che il nuovo imei che immettevi non poteva essere individuato se volevano? anzi, probabilmente se ne sono accorti.... ma se fai traffico e non crei problemi alle TLC non hanno nessun motivo per renderti la vita difficile, anzi...
    • Non authenticat scrive:
      Re: Cavetti vari
      - Scritto da: Anonimo
      Rubare cellulare di per se è un po' stupido, non
      cambiargli l'imei sarebbe
      stupidissimo!Il mondo è pienissimo di "stupidi" ci sono persino quelli che usano i "pizzini" per non farsi beccare.... lo straordinario è che invece chi mette sulla rete i video di al quaeda non si trova mai....Delle due una o qualcuno non la conta "giusta" sulla "sofisticatissima mafia" oppure "qualcuno" è davvero MOLTO stupido! @^
  • terapia scrive:
    a dire il vero...
    ...si capisce che il sistema non funzionnerà e che tutti passeranno a questa soluzione -
    http://daniele.resetmultimedia.com/2007/06/24/finalmente-voip-symbian-fring/
  • farbadagh scrive:
    sicuri che nn sappiano il fatto proprio?
    sicurissimi che non sappiano il fatto proprio?magari li venderanno e tutti quelle con le tecnologie che credevano essere di tecnocontrollo si troveranno con un palmo di naso
  • floriano scrive:
    imei
    hanno rubato un cellulare a mio cugino qualche giorno fa.. secondo me sono ladri di polli e quindi sarà facile trovarli (a meno che non cambino l'imei del cellulare)
  • ... scrive:
    Molto discutibile
    1° Questi tizi potrebbero vendere i cellulari su ebay ed a quel punto a rimetterci sarebbero i malcapitati di turno2° Siamo veramente sicuri che non si possa cambiare IMEI nel cellulare ? Se sono stati così bravi da organizzare un furto di queste proporzioni chi lo dice che non possiedono qualche strumento per riciclare i cell ?
    • ottomano scrive:
      Re: Molto discutibile
      Dipende dal modello.Io, senza avere grandi competenze, sono riuscio a cambiare l'IMEI sul mio motorola V220 (oltre che ad attivare/personalizzare molti menu e funzioni)Magari i nuovi cellulari non lo consentono... magari anche il contrario.bye
    • James Kirk scrive:
      Re: Molto discutibile
      Sulla N.2 non saprei risponderti, ma sulla N.1 sono perfettamente d'accordo.Alla fine i ladri ci guadagneranno e a rimetterci saranno gli utenti, compresi i poveretti che acquisteranno il cell come buono.Sull'inutilità de furto ho quindi i miei dubbi.
Chiudi i commenti