Porta il laptop a riparare. Arrestato

Condanna pesante per un autore in viaggio negli States col suo portatile, su cui sono state rinvenute immagini di pornografia infantile dal tecnico informatico incaricato della riparazione

Roma – Michael Fortino non pensava certo di essere accusato di traffico di materiale pedopornografico né di finire in galera, quando ha portato il suo PC per alcune riparazioni da Best Buy , celebre catena commerciale americana. Sulla sua strada si è però frapposto un tecnico di Geek Squad , che dopo aver dato un’occhiata al laptop ha pensato bene di denunciare quanto da lui scoperto alle autorità mettendo Fortino in guai grossi con la giustizia USA.

Le forze di polizia, dopo aver ottenuto un mandato per esaminare il PC, si sono trovate davanti a 130 immagini di pornografia infantile , un video commerciale di simile risma e due clip catturate con una camera nascosta ritraenti due ragazzine che si spogliano per entrare in piscina.

Fortino, descritto come “autore, speaker e personalità dei media”, è stato pizzicato a Fayetteville, Arkansas durante un viaggio di lavoro. Avendo varcato il confine di stato portando con sé il laptop con sopra i contenuti incriminati, l’uomo è stato accusato di traffico inter-statale di pornografia infantile . Il suo reato è diventato così federale con l’aggravante dello sconfinamento. Accusa che si è poi trasformata in questi giorni in una sentenza che lo costringerà in prigione per 135 mesi, più di 11 anni, e ad una multa di 10mila dollari.

E il PC dove andrà a finire? Confiscato, assieme a una videocamera e disposto secondo i termini di legge.

Di certo non è la prima volta che Best Buy si rivela crocevia di prove tecnologiche importanti ai fini legali : basti pensare alla vicenda di Jammie Thomas , la donna accusata dalle major di aver condiviso circa 2mila brani illegali sul P2P, che ha sostituito il proprio hard disk nel 2005 nella celebre catena commerciale. Disco che secondo l’accusa avrebbe potuto contenere le prove necessarie per inchiodare la Thomas.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fred scrive:
    le brutte notizie di oggi
    Grazie a Dio non succede in Europahttp://arstechnica.com/news.ars/post/20071004-verdict-is-in.htmlE con questo la leggenda della grande democrazia e' tramontata definitivamente, le altre notizie le avete gia' lette oggi e nei giorni scorsi, d'ora in poi dichiaro gli Stati Uniti pericolo per il pianeta.Scusate ma devo sbollire l'incazzatura.
  • ...... scrive:
    Le cause EU
    A M$ (in primis) e agli altri; non centrano nulla con i copyright.Le ditte in questione sono sotto indagine per comportamenti anticoncorrenziali (con la palma che spetta a M$).In USA le ditte vengono fatte a pezzi per simili comportamenti, perchè dovremmo sopportarli noi per RIAA & C?Perchè questi signori si vogliono ingraziare (stranamente???) questi produttori hw/sw affinchè li aiutino nella loro crociata anti-p2p.Poi ..... M$ che fà know-how ... si, su dove sisemare l'iconcina nel desktop!!!
  • Wiseman scrive:
    Ieri mi è entrata la Finanza in casa...
    E mi è andata bene: per fortuna avevo nascosto la chiavetta con i miei 4 MP3 in mezzo agli 80kg di eroina sotto al letto delle 6 minorenni rumene che obbligo a prostituirsi...Non l'hanno trovata, quindi ho ottenuto un bel verbale con "nulla da segnalare"..........;-)
  • spericolato scrive:
    COME NON ESSERE DACCORDO
    La pirateria, uccide la musica, impoverisce lo stato, strangola i musicisti in una morsa terrificante.Bisogna combatterla con tutti i mezzi, bisogna far cambiare radicalmente mentalita' alle persone; la musica non e' un diritto e' un prodotto e come tale va rispettato.Chi canta all'asilo un musichetta per banbini o fischietta allegramente sul treno una canzone o meglio ancora riproduce con il suo cellulare polifonico l'ultima hit di little tony, ha l'obbligo morale di pagare per lo sfruttamento di euste opere.La felicita' seppure momentanea derivante dall'ascolto della musica, deve essere saldato al piu' presto.tuttavia sono contro il drm, bisognerebbe applicare delle forme di microcredito; tipo non so un lettore mp3 con carta di credito integrata; ogni volta che si ascolta una canzone automaticamente viene scalato un centesimo.In questo modo sarebbero renumerativo persino gli mp3 duplucati illegalmente; senza uccidere il consumatore tra copyright e drm.Pagara tutti; unica strada da seguire.
    • Msdead scrive:
      Re: COME NON ESSERE DACCORDO
      Anch'io sono d'accordo che la pirateria, quella illegale e con scopi di profitto, debba essere fermata ma soprattutto ritengo anch'io che, sia che lo scaricamento sia legalizzato o meno, chi comunque ti consegna una canzone, un programma,un film, debba ricevere un compenso.Noi usiamo e sfruttiamo a nostro favore il lavoro di altri ed è giusto che gli altri, come sorta di ringraziamento e per premiarli della fatica, ricevano una quota da tutti per il lavoro svolto, se non altro meritano pubblicità se pubblicchiamo contenuti su web. Ciò con cui io non sono d'accordo è (ormai lo sapete) il DRM e qualunque forma di limitazione, di controllo e spionaggio.Proteggere i contenuti e ricompensare gli autori e artisti ok, senza però incorrere in metodi poco razionali come fanno tuttora con il P2P.Per causa stessa delle protezioni alcuni prodotti acquistati non funzionano per la massiccia presenza di protezioni e limitare un prodotto originale (programma, gioco, film, musica) ad un solo apparecchio nel momento in cui questo viene utilizzato è scorretto.Uno compra un gioco originale ed è giusto che lo possa usare su più pc, come un cd audio su più pc, stereo e altri accessori che gli consentono di fruirne, stesso discorso per il software.Se uno acquista è giusto che sia permessa la copia per conservare l'originale, in fondo lo ha pagato, però non deve darlo a nessuno o vendere ad un prezzo maggiorato per trarne guadagno superiore.Scaricare ok ma è giusto anche comprare per remunerare chi crea i contenuti che ci permettono di passare il tempo, lavorare e divertirci.
      • Reolix scrive:
        Re: COME NON ESSERE DACCORDO
        Chi di voi si è preso la briga di leggere il DMCA?Per il resto non vi rispondo neanche, vi ho già risposto in altri post con diversi link....
    • nec scrive:
      Re: COME NON ESSERE DACCORDO
      - Scritto da: spericolato
      La pirateria, uccide la musica, impoverisce lo
      stato, strangola i musicisti in una morsa
      terrificante.apparte lo stato che si impoverisce volutamente da sè, per gli artistiprogrammatori di giochi etc etc sono d'accordo.

      Bisogna combatterla con tutti i mezzi, bisogna
      far cambiare radicalmente mentalita' alle
      persone; la musica non e' un diritto e' un
      prodotto e come tale va
      rispettato.la musica di per sè invece è un diritto.Per la musica senza copyleft, ma solo coperta da copyright invece ci sono delle restrizioni:Fischiettarla in pubblico è legale, in quanto fair use, un tuo diritto.Dedicare una canzone alla tua ragazza è legale, in quanto fair use.Masterizzare la canzone sul cd è fair use.Vendere il cd con la canzone coperta da copyright ma non da copyleft è illegale, in quanto non rientra nel fair use, ma è violazione di copyright a scopo di lucro.Condividere il cd o la canzone _SENZA SCOPO DI LUCRO_ su internet, _SECONDO ME_ è perfettamente legale. ti spiego il perchè:come ben saprai da anni le agenzie che si occupano della tutela dei diritti derivanti dalla detenzione del copyright su un'opera, ESIGONO, per legge, un balzello.Tale balezello viene chiamato EQUO COMPENSO.Tale balzello è illegale, in quanto prevede un risarcimento su un danno che non è ancora avvenuto e per giunta un danno che è REATO PENALE (almeno in italia) e che per sua natura non può essere ammendato prima che sia commesso.Comunque sia tale balzello viene incassato da chi di dovere quando tu acquisti perficeriche di storage (dvd,hard disk, cd, immagino anche flash disk ma non ne sono sicuro) e periferiche di acquisizione (so per certo dello scanner, ma immagino anche macchine fotografiche).ORA, dato che si chiama EQUO COMPENSO significa che "quella tassa è il giusto compenso per lo spazio per l'uso che farai di quello storagedi quella periferica in previsione di una violazione di copyright".Perchè mai quindi dovrei pagare DUE VOLTE la licenza?Il problema è che l'equo compenso va ad arricchire le casse di chi lo riceve, ma gli autori dell'opera nn prendono un cavolo.Il meccanismo sbagliato è la RIDISTRIBUZIONE dell'introito generato dall'equo compenso (che è tutt'altro che una scemata! sono tonnellate di soldi).Dove vanno a finire? come vengono ripartiti? Sarebbe il caso che i carrozzoni come la S*AE sparissero dalla faccia del mondo?

      Chi canta all'asilo un musichetta per banbini o
      fischietta allegramente sul treno una canzone o
      meglio ancora riproduce con il suo cellulare
      polifonico l'ultima hit di little tony, ha
      l'obbligo morale di pagare per lo sfruttamento di
      euste
      opere.

      La felicita' seppure momentanea derivante
      dall'ascolto della musica, deve essere saldato al
      piu'
      presto.

      tuttavia sono contro il drm, bisognerebbe
      applicare delle forme di microcredito; tipo non
      so un lettore mp3 con carta di credito integrata;
      ogni volta che si ascolta una canzone
      automaticamente viene scalato un
      centesimo.

      In questo modo sarebbero renumerativo persino gli
      mp3 duplucati illegalmente; senza uccidere il
      consumatore tra copyright e
      drm.

      Pagara tutti; unica strada da seguire.
      • ano nim o scrive:
        Re: COME NON ESSERE DACCORDO

        Condividere il cd o la canzone _SENZA SCOPO DI
        LUCRO_ su internet, _SECONDO ME_ è perfettamente
        legale. (rotfl) se e' legazle, perche' non ti autodenunci alla polpost
    • Msdead scrive:
      Re: COME NON ESSERE DACCORDO
      - Scritto da: spericolato
      La pirateria, uccide la musica, impoverisce lo
      stato, strangola i musicisti in una morsa
      terrificante.Sì quella illegale di pirateria con scopi di profitto.

      Bisogna combatterla con tutti i mezzi, bisogna
      far cambiare radicalmente mentalita' alle
      persone; la musica non e' un diritto e' un
      prodotto e come tale va
      rispettato.D'accordo ma senza arrivare al controllo totale, spiare, controllare, limitare, pagare ogni volta che si vuole sentire qualcosa, usare un cd audio su un solo apparecchio, impedire la copia di riserva per conservare l'originale.Queste ed altre limitazioni non ci devono essere.

      Chi canta all'asilo un musichetta per banbini o
      fischietta allegramente sul treno una canzone o
      meglio ancora riproduce con il suo cellulare
      polifonico l'ultima hit di little tony, ha
      l'obbligo morale di pagare per lo sfruttamento di
      euste
      opere.Allora tu dovresti pagare ogni volta che Windows produce un suono di avviso critico, ogni volta che il tuo cellulare squilla, ogni volta che ascolti la radio, ogni file che produci con i software (sì è non sono i tuoi programmi)...devo andare avanti o mi fermo qui?

      La felicita' seppure momentanea derivante
      dall'ascolto della musica, deve essere saldato al
      piu'
      presto.Acquistando il prodotto originale e riga!Dopo niente spionaggio, limiti, controlli.

      tuttavia sono contro il drm, bisognerebbe
      applicare delle forme di microcredito; tipo non
      so un lettore mp3 con carta di credito integrata;
      ogni volta che si ascolta una canzone
      automaticamente viene scalato un
      centesimo.Mi era sfuggito questo punto.NON SONO D'ACCORDO SU QUESTE FORME DI MICROCREDITO!(mi riallaccio al discorso dei suoni sopra)

      In questo modo sarebbero renumerativo persino gli
      mp3 duplucati illegalmente; senza uccidere il
      consumatore tra copyright e
      drm.Pagato na volta basta e avanza!Pagare ogni volta che si ascolta un qualsiasi cd, mp3 (uguale per i film) è assurdo!

      Pagara tutti; unica strada da seguire.D'accordo, comprare originale il cd e poterselo sentire ovunque senza rivenderlo, usare un programma originale, vedere un film senza limiti, potersi fare una copia di riserva per conservare l'originale.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 ottobre 2007 12.33-----------------------------------------------------------
    • ... scrive:
      Re: COME NON ESSERE DACCORDO


      l'ultima hit di little tony, Quando non si chiamavano ancora hit...
  • Egidio Cuniberti scrive:
    dei radiohead non hanno parlato eh? :)
    Scommetto che nessuno gli ha parlato dei RadioHead ;)
  • ... scrive:
    Halo 3 copiato su x360 non modificate ?
    Ma davvero ?
Chiudi i commenti