Privatizzazione Dell, squali in vista?

Carl Icahn mette le mani (e il portafogli) su un gran numero di azioni. L'obiettivo potrebbe essere quello di incassare ingenti guadagni sul breve periodo impedendo la privatizzazione della società

Roma – Ancora complicazioni in vista per la delicata operazione di privatizzazione di Dell , con la società statunitense che diventa mira di interessi finanziari dall’appetito smisurato e la minaccia di un veto che potrebbe mandare a rotoli il tentativo di de-finanziarizzazione portato avanti da Michael Dell.

L’idea di una Dell privata svincolata dalla bramosia di dividendi degli azionisti non piace a Hewlett-Packard , ma HP non possiede azioni Dell e ha ben poche armi a disposizione per impedire l’operazione.
Chi invece potrebbe avere tali armi – e un certo interesse a usarle – è Carl Icahn , magnate degli investimenti di borsa che si è costruito una fama di “saccheggiatore” di aziende interessato al ritorno economico immediato a discapito delle prospettive a lungo termine delle società acquisite.

Icahn starebbe ammassando azioni Dell come un forsennato, dicono le voci di corridoio di Wall Street, sarebbe già arrivato a 100 milioni di quote azionarie per un 6 per cento del valore totale della corporation statunitense. Tale somma di azioni non potrebbe – da sola – impedire la privatizzazione, ma una volta sommata alla partecipazione di Southeastern Asset Management (SAM) raggiungerebbe una percentuale sufficiente (14,4 per cento) a influenzare il corso futuro degli eventi.

SAM è dichiaratamente ostile alla privatizzazione di Dell, e anche Icahn non è affatto esaltato dall’idea: il multimiliardario è piuttosto interessato a modificare la struttura finanziaria della società tramite leveraged recapitalization , con la possibilità di pagare agli azionisti – e naturalmente a Icahn per primo – un “significativo” dividendo una tantum .

In risposta alle critiche di Icahn e delle altre “terze parti” interessate alle sorti di Dell, lo speciale comitato organizzato dal management per gestire la privatizzazione ha deciso di coinvolgere investitori e aziende (concorrenti) nel processo decisionale. “L’obiettivo è garantire il miglior risultato per gli azionisti di Dell – si spiega – che si tratti dell’annunciata transazione o di una soluzione alternativa”. HP e Lenovo si sono già dimostrate interessate, mentre si attende la risposta di Icahn.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aldo scrive:
    Gratis
    Pensando che la suite è gratuita, e pensando a tutti i problemi che gli sviluppatori hanno avuto nel reverse engineering del pattume .doc .xls e compagnia, per garantire una compatibilità il più alta possibile, il lavoro è semplicemente incredibile.La uso in ufficio e solo ogni tanto devo aprire Office per problemi di compatibilità con formattazioni complesse che mi arrivano o devo inviare ad altri uffici.A dire la verità, mi sembrava che con la 4.0 si fosse fatto un deciso passo indietro, tanto che ho dovuto reinstallare al 3.6, ma vedo che adesso i bug sono in via di risoluzione.
  • trullo scrive:
    evvai apriamo buchi nella sicurezza
    come se ce ne fosse bisogno di aprire nuovi possibili buchi da cui intrusi possono entrare nei pc da remoto
    • Odez scrive:
      Re: evvai apriamo buchi nella sicurezza
      È come dire "come se ce ne fosse bisogno di aprire nuovi possibili buchi da cui intrusi possono entrare in casa" quando ti fai mettere una finestra...
    • Luy scrive:
      Re: evvai apriamo buchi nella sicurezza
      Ah, beh allora aboliamo qualsiasi connessione wifi/bluetooth/ethernet con il pc, isoliamolo dal resto del mondo... assurdo!
Chiudi i commenti