Processo Fineco, assolti i due del penetration test

I tecnici condannati in primo grado per cracking nei giorni scorsi sono stati assolti. Tra le ragioni l'assenza di alcune prove decisive

Milano – Si è concluso con l’assoluzione il processo di appello voluto da due tecnici italiani imputati per un attacco informatico che si è registrato nel 2001 contro alcuni sistemi di Fineco, una vicenda di cracking per la quale i due erano stati condannati ad alcuni mesi di reclusione in primo grado. L’assoluzione è freschissima e le motivazioni non sono ancora state pubblicate, ma qualcosa si può dedurre dal ricorso presentato dai due e accolto dai giudici d’appello. Si tratta di un caso molto rilevante sotto il profilo procedurale perché pone al centro anche la questione dei diritti alla difesa nei processi per reati informatici, questione più volte emersa anche nella cronaca recente .

Il processo, uno dei primi in Italia ad affrontare questo genere di violazione nei confronti di una banca, riguardava la registrazione di un attacco informatico tra il 7 e il 9 febbraio 2001, una incursione che si sarebbe verificata attraverso l’utilizzo di sistemi ponte di altre società dai quali, secondo l’accusa, i due avrebbero tentato l’accesso alla rete informatica di Fineco.

La condanna in primo grado dei due informatici italiani, all’epoca entrambi tecnici di Sun Microsystems, era fondata sul fatto che facevano parte del team di Sun incaricato da Fineco di collaudare la sicurezza dei sistemi bancari: una posizione privilegiata, questa la tesi dell’accusa, che avrebbero poi cercato di sfruttare. I due si sono difesi sostenendo che i tentativi di intrusione registrati altro non erano che l’esecuzione del contratto di testing stretto tra le due aziende e che null’altro se non quel tipo di testing era a loro ascrivibile. La ricostruzione degli avvenimenti è stata eseguita sulla base delle dichiarazioni del responsabile Fineco che, dinanzi a quelle che riteneva delle incongruenze molto gravi, aveva sporto denuncia.

A giocare a favore dei due appellanti nel ricorso accolto dalla Seconda sezione penale della Corte d’Appello di Milano è stata, con ogni probabilità, la sostanziale assenza di prove certe di quanto avvenuto. La condanna in primo grado si basava principalmente sulle ricostruzioni dei responsabili Fineco ma in appello la difesa ha fatto notare che non erano mai stati acquisiti fisicamente i log e i dischi dei server che si ritiene siano stati violati. La macchina che sarebbe stata “bucata”, dunque, mancava come “corpo del reato”.

Non solo: in primo grado erano mancate, a detta della difesa, anche analisi di computer forensics terze rispetto a quelle dell’accusa.

Come accennato, è comunque necessario attendere le motivazioni della sentenza per comprendere su quali basi i magistrati d’appello abbiano voluto decidere. L’interesse di tutti è naturalmente focalizzato sull’importanza che è stata data all’assenza di prove informatiche certe : le procedure di computer forensics adeguate e di garanzia per la difesa rimangono uno dei maggiori problemi nella lotta contro i crimini informatici condotta ogni giorno dalle forze dell’ordine.

Paolo De Andreis

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gianni bella scrive:
    Imponiamo il computer più diffuso
    L'home computer più diffuso è il commodore64.Bisogna far capire ai nostri politici che tutto il software va sviluppato solo per questa macchina.Riportiamo il basic V2.0 alla ribalta
    • asdomar scrive:
      Re: Imponiamo il computer più diffuso
      - Scritto da: gianni bella
      L'home computer più diffuso è il commodore64.puoi spiegarti meglio?
  • Luca Beccalossi scrive:
    Elezioni a Brescia con Open Source
    Gent. Punto Informatico,Leggo con piacere questo articolo relativo all'implementazione, ove possibile, di software open source nella PA e proprio in merito a questo vorrei sottolineare come il software libero possa venire utilizzato anche dai candidati politici quale mezzo di comunicazione con in cittadini. Infatti a Brescia, il 13 e 14 aprile, si svolgeranno anche le elezioni amministrative per eleggere il nuovo sindaco, ed è bello vedere come i candidati sindaci e consiglieri si propongano alla cittadinanza anche attraverso materiale telematico e siti web tematici: tra questi vorrei segnalarne uno in particolare, di proprietà del candidato consigliere Andrea Ghezzi, realizzato interamente con software open-source Wordpress, e strutturato in modo da proporsi agli elettori in forma di social portaling. Infatti l'obiettivo del candidato consigliere è quello di invitare i cittadini ad utilizzare il portale per dire la propria sulle necessità della città, sul programma elettorale. Insomma per ascoltare la voce delle persone e farne un'integrazione di programma da portare in Consiglio se eletto. Direi che in un contesto politico e sociale fatto solo di immagine e partiti, l'idea di Andrea Ghezzi fa ben sperare per il futuro: un uomo politico che chiede il sostegno dei cittadini elettori per costruire i propri punti di forza elettorali lo definirei, oltre che umile, un uomo del futuro. Segnalo per conoscenza il sito in oggetto: www.votaghezzi.it.
    • Varro86 scrive:
      Re: Elezioni a Brescia con Open Source
      Non me ne voglia l'utente in questione...ma sento puzza di propaganda :pEDIT: Il sito in questione rientra peraltro nel tuo portfolio di webmaster e webdesigner, sempre se il nome è quello tuo, poi ho notato che il signor ghezzi ha una foto con una certa Viviana Beccalossi... ma tutto in famiglia?Dai scherzavo un poco, seriamente però ci sarebbe da dire che la propaganda politica non è pubblica amministrazione.Cioè, non è futuristico pubblicizzarmi via internet, è solamente furbo.Futuristico è invece portare l'open source nella pubblica amministrazione, e, nonostante la differenza fra open e free software sussista, abbassare i costi di gestione informatica dello stato.Ciò che reputi futuristico e/o umile, è solo un modo di farsi pubblicità, utilizzato da moltissimo tempo dai partiti per raggiungere l'elettorato, soprattutto quello giovane.Il futuro è ben altra cosa.Perdona i toni aggressivi magari, ma è una precisazione che va fatta.EDIT 2: Inoltre il titolo del post mi sembra fuorviante, mica sono elezioni con open source, ma propaganda con open source :p-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 12.17----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 12.18-----------------------------------------------------------
      • Giuseppe Cavalleri scrive:
        Re: Elezioni a Brescia con Open Source
        A titolo informativo Beccalossi è un nome molto diffuso a Brescia e non mi pare che ci siano parentele
        • Varro86 scrive:
          Re: Elezioni a Brescia con Open Source
          Beh, fatto sta che ci sono un pò di coincidenze strane, basta usare google. In ogni caso una critica pertinente andrebbe fatta su un discorso più complesso e non su una semplice parentesi scherzosa di un mio discorso.Purtroppo il nostro amico propagandista non si è fatto più avanti. Un vero peccato.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 aprile 2008 12.03-----------------------------------------------------------
    • pippo75 scrive:
      Re: Elezioni a Brescia con Open Source



      Segnalo per conoscenza il sito in oggetto:
      www.votaghezzi.it.per parcondiciohttp://uptime.netcraft.com/up/graph?site=http%3A%2F%2Fwww.partitodemocratico.it%2Fè passato da linux a windows.http://uptime.netcraft.com/up/graph?site=http%3A%2F%2Fwww.forzaitalia.it%2Fha sempre usato linux.Quindi Silvio è comunista e anche difensore dell'open source."Meno male che Silvio c'è'"
    • asdomar scrive:
      Re: Elezioni a Brescia con Open Source
      Caspita, ma è un candidato del PDL!scusa ma allora perchè qua sopra scrivonoopen source = comunismo?(newbie)
    • .net scrive:
      Re: Elezioni a Brescia con Open Source
      Da un punto di vista tecnico è vergognoso che un WebMaster usi wordpress. Come in tervento nella board, direi che è una sorta di pubblicità, questi messaggi dovrebbero essere cancellati subito dato che siamo in piena campagna elettorale.
      • Guido Angeli scrive:
        Re: Elezioni a Brescia con Open Source
        - Scritto da: .net
        Da un punto di vista tecnico è vergognoso che un
        WebMaster usi wordpress.Perché?
        • .net scrive:
          Re: Elezioni a Brescia con Open Source
          No, lo dico solo perchè ci sono webmaster che si prendono tanti soldi dai clienti per lavori già pronti. Nella mia zona ci sono diversi "webmaster" che vivino grazie all'ignoranza della gente.
      • hiccup scrive:
        Re: Elezioni a Brescia con Open Source
        Che punto di vista?
    • pentolino scrive:
      Re: Elezioni a Brescia con Open Source
      anche a me puzza di propaganda... magari scritto dopo le elezioni avrebbe un altro "odore".Giusto i miei 0.02
  • paoloholzl scrive:
    Open Source e politica
    Non facciamo l'errore di dare colore ai valori.L'Open Source è trasparenza, condivisione della conoscenza e molto altro che sono 'valori assoluti'.Sarebbe un po come chiedersi se la contrarietà alla pena di morte é di destra o di sinistra (riascoltatevi la canzone di Gaber).Che poi la sinistra lo sostenga più apertamente magari associando al concetto di software libero quello di 'software gratis alla faccia degli sporchi capitalisti', può anche starci.Personalmente sostengo con conferenze ed altro il software libero per l'universalità dei suoi valori etici.I valori devono essere riconosciuti tali senza connotazioni politiche.
  • Cetto La Qualunque scrive:
    succo di pera
    Io sono scocciatissimo del fatto di non riuscire a trovare nella mia zona il succo di pera di cui sono ghiotto, è una chiara discriminazione nei confronti di una minoranza come la nostra che beve ogni giorno mezzo litro di succo di pera. E' vero che Veltroni ha assicurato pubblicamente che nel programma del PD ci saranno, DICO, Software Open Source e succo di pera pe' tutti, ma io resto scettico e se non vedo non credo. Quindi prima ci date i nostri diritti, POI forse vi votiamo, oh, e che cribbio, mi consenta! Io sulla scheda scrivo SUCCO DI PERA.
    • gianni bella scrive:
      Re: succo di pera
      buono.. da più dipendenza delle pere
    • asd scrive:
      Re: succo di pera
      - Scritto da: Cetto La Qualunque
      Io sono scocciatissimo del fatto di non riuscire
      a trovare nella mia zona il succo di pera di cui
      sono ghiotto, è una chiara discriminazione nei
      confronti di una minoranza come la nostra che
      beve ogni giorno mezzo litro di succo di pera. E'
      vero che Veltroni ha assicurato pubblicamente che
      nel programma del PD ci saranno, DICO, Software
      Open Source e succo di pera pe' tutti, ma io
      resto scettico e se non vedo non credo. Quindi
      prima ci date i nostri diritti, POI forse vi
      votiamo, oh, e che cribbio, mi consenta! Io sulla
      scheda scrivo SUCCO DI
      PERA.Tu ci scherzi, ma i linari estremisti ragionano davvero così.
      • asdomar scrive:
        Re: succo di pera
        - Scritto da: asd

        Tu ci scherzi, ma i linari estremisti ragionano
        davvero
        così.casomai quelli ignoranti.gli altri tuttalpiù si limitano a spiegare quali sarebbero i vantaggi del consumare succo di perao a premiare chi glielo promette(nella fattispecie non do il minimo credito all'iniziativa, sono convinto che per la diffusione dell'opensource sia sufficiente partire dal basso ed impegnarsi in prima persona: se voglio il succo di pera mi sbatto e inizio a vedere come ci si può attrezzare per averlo nella mia zona)
      • Torino Negli Occhi scrive:
        Re: succo di pera
        Io sono un linaro non estremista... ho fatto una GROBE KOALITION tra Linux e Vista... compromesso storico.
  • danieleNA scrive:
    rifare le schede
    giusto ieri sentivo al TG1 della possibilità che le elezioni vengano rinviate perché la DC di Pizza è stata riammessa. E della conseguente necessità, fra l'altro, di ristampare le schede.Mi è venuto spontaneo chiedermi se usando dei sistemi informatici tale problema di ristampa non si fosse potuto risolvere senza rinvio delle elezioni.
    • Uby scrive:
      Re: rifare le schede
      - Scritto da: danieleNA
      giusto ieri sentivo al TG1 della possibilità che
      le elezioni vengano rinviate perché la DC di
      Pizza è stata riammessa. E della conseguente
      necessità, fra l'altro, di ristampare le
      schede.
      Mi è venuto spontaneo chiedermi se usando dei
      sistemi informatici tale problema di ristampa non
      si fosse potuto risolvere senza rinvio delle
      elezioni.Credo che tutto si sia già risolto in una bolla di sapone.Le elezioni si devono tenere entro 70 giorni dallo scioglimento delle camere ovvero il 16 aprile, quindi il rinvio delle elezioni è assai poco probabile.
  • an0nim0 scrive:
    Un "piccolo" controsenso
    La petizione, come emerge dal modulo di adesione riservato ai candidati, e' rivolta SOLO ai candidati delle nazionali (che NON possiamo scegliere) mentre tralascia quelli delle amministrative (che invece possiamo scegliere). Le liste di Beppe Grillo (tra cui Pisa - www.cittadeidiritti.net ) che condividono l'iniziativa cosi' non possono parteciparvi ufficialmente, non essendo presenti alle nazionali. Un peccato.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 01.12-----------------------------------------------------------
    • dido scrive:
      Re: Un "piccolo" controsenso
      Un peccato, certo. Ma non è semplice seguire tutte le amministrative che ci sono sul territorio. Anche solo raccogliere l'elenco delle consultazioni, le liste, i simboli, i candidati...Non era fattibile, con le nostre forze.
      • an0nim0 scrive:
        Re: Un "piccolo" controsenso
        Non condivido. Si puo' fare un piccolo sforzo in tal senso, accettando documenti firmati in cui gli esponenti delle forze locali garantiscono sia l'impegno sia il fatto che sono realmente chi dicono di essere (candidati sindaci / consiglieri comunali) e chiedendo loro un recapito telefonico. Con "l'autocertificazione" voi vi liberate dallo sforzo della verifica citta' per citta'. Sempre il candidato si preoccuperebbe di indicare citta', regione e nome della lista civica (non e' necessario che sia presente anche il simbolo). E' possibile perfezionare il meccanismo prevedendo un sistema di controllo lato utente: se qualcuno contesta l'esistenza o la firma del candidato, puo' inviare una segnalazione e un suo recapito telefonico. In questo modo il lavoro degli organizzatori si limiterebbe a controllare gli eventuali contenziosi (scometto sarebbero pochissimi) magari anche contattandoli entrambi.Ripeto, l'impegno delle singole citta' conta molto e forse anche piu' di quello nazionale. Non a caso il ricorso al software open-source e' stato realizzato dietro la spinta di assessori o addirittura singoli dipendenti volenterosi, mentre a livello nazionale e' stato fatto pochissimo. Che senso ha proporre questo meccanismo alle nazionali proprio oggi che, incostituzionalmente (a detta di qualcuno), ci viene privata la possibilita' di indicare una preferenza?
  • Overture scrive:
    Massì dai... aggiungiamo altre...
    ...promesse al calderone dei "prometto" e "farò" (per certi politici valgono "farerò" e "faccerò" la qualità di certe lauree comprate/false/inesistenti si vede dalle piccole cose) tanto il parco buoi votante s'accontenta di poco...(domani mi cerco quell'episodio di south park su Stan indeciso se votare per il partito della mrd o quello della peretta)
  • masuzz scrive:
    Hanno aderito i migliori...
    Hanno aderito proprio i migliori... quelli che campano con "sì, faremo esattamente così" e poi faranno quel cavolo che gli pare senza nemmeno voltarsi indietro.Linguaggio P:Class Esponente {string dimmi_di_si() { return "Si"; }string dimmi_che_lo_farete() { return "Lo faremo"; }void dire_votate_in_massa();void dire_vota_per_me(bool fallo_per_te);void dire_gli_altri_sono_peggio_di_me();void incitare_odio_allavversario(bool mentire);void get_bandiera_qualsiasi();void fare_spallucce();void confondere_lelettorato();void mostrare_dati_falsi();string avevate_detto_che() { fare_spallucce(); return "Ci sono stati dei problemi e alla fine non lo abbiamo fatto. Pazienza, la prossima volta sarai più fortunato..."}}E' una favola vecchia, questi mentono sapendo di mentire... (non solo quei 3 della lista).Tanto si sà che in queste elezioni ci saranno più voti ai partitini che ai partitoni, se no perchè dovevano fioccare così di tanti bollini secondo voi?Il teatrino della politica ha dimostrato che la democrazia è un errore, era meglio la monarchia... almeno si arricchiva una famiglia sola e non una branca di politici a turno...
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: Hanno aderito i migliori...
      - Scritto da: masuzz
      Il teatrino della politica ha dimostrato che la
      democrazia è un erroreNon credo proprio. Tu stai esprimendo la tua idea perché c'è democrazia. E t'informo che il contrario di 'democrazia' è 'dittatura'. La monarchia può essere democratica (Inghilterra, Svezia, Spagna, Belgio...) e la repubblica può essere dittatoriale (Cina, Cuba, Libia...).
  • Anonimo scrive:
    basta co sta storia
    Per loro stessa ammissione i politici non capiscono un H di informatica a livelli da utenti di solitario.Cosa vorrebbero ora? Che legiferassero su argomenti di cui non capiscono nulla proponendo soluzioni spinte da ideali invece che da seri motivi tecnici.Dovrebbero essere i tecnici a decidere non i politici.In questo modo non si crea una vera concorrenza in quanto non diventano più i motivi tecnici a spingere un prodotto ma la corrente di ideali promossi da certe associazioni.Usate pure l'open, però non perchè l'ha deciso Prodi, Veltroni o Berlusconi
    • pinco scrive:
      Re: basta co sta storia
      - Scritto da: Anonimo
      Per loro stessa ammissione i politici non
      capiscono un H di informatica a livelli da utenti
      di
      solitario.
      Cosa vorrebbero ora? Che legiferassero su
      argomenti di cui non capiscono nulla proponendo
      soluzioni spinte da ideali invece che da seri
      motivi
      tecnici.
      Dovrebbero essere i tecnici a decidere non i
      politici.
      In questo modo non si crea una vera concorrenza
      in quanto non diventano più i motivi tecnici a
      spingere un prodotto ma la corrente di ideali
      promossi da certe
      associazioni.
      Usate pure l'open, però non perchè l'ha deciso
      Prodi, Veltroni o
      BerlusconiQuoto.
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: basta co sta storia
      Lo sai perché non va bene avere Veronesi come ministro della sanità? perché è un tecnico.Per legiferare non serve un tecnico, serva un politico supportato da una schiera di tecnici che lo consiglino. Il politico comprenderà e deciderà. Sennò, mandiamo i professori universitari in parlamento, piuttosto che i politici.
    • raspa scrive:
      Re: basta co sta storia

      in quanto non diventano più i motivi tecnici a
      spingere un prodotto ma la corrente di ideali
      promossi da certe
      associazioni.ma di cosa vai cianciando, l'open non è un ideale è una necessità, solo un allocco usa prodotti totalmente closed per attività riservate, compreso l'uso domestico, che dovrebbe essere il più riservato.se non capisci questo chiamali ideali, ma fatti venire un piccolo dubbio, è segno d'intelligenza.ps: degli ideali non me ne può fregar di meno, dei computer che fanno quel che voglio io e non quel che vogliono altri, invece, m'interessa molto.pps: hai bisogno di esempi:http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2217120non è il più calzante ma prova a farlo con outlook o con l'intero winzdos se ci riesci, ma ti avverto, se ci provi violi la legge.
      • AMEN scrive:
        Re: basta co sta storia
        - Scritto da: raspa

        ma di cosa vai cianciando, l'open non è un ideale
        è una necessità, Beh, per me necessità è qualcos'altro....
        pps: hai bisogno di esempi:
        http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2217120
        non è il più calzante ma prova a farlo con
        outlook o con l'intero winzdos se ci riesci, ma
        ti avverto, se ci provi violi la legge.?? Bell'esempio hai scelto. Un software free che ruba dati.....
        • get a life scrive:
          Re: basta co sta storia
          - Scritto da: AMEN
          - Scritto da: raspa



          ma di cosa vai cianciando, l'open non è un
          ideale

          è una necessità,
          Beh, per me necessità è qualcos'altro....
          bravo hai scoperto l'esistenza "visioni diverse" opinioni ecc...

          pps: hai bisogno di esempi:

          http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2217120

          non è il più calzante ma prova a farlo con

          outlook o con l'intero winzdos se ci riesci, ma

          ti avverto, se ci provi violi la legge.
          ?? Bell'esempio hai scelto. Un software free che
          ruba
          dati.....LOL
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: basta co sta storia
        - Scritto da: raspa
        ma di cosa vai cianciando, l'open non è un idealePerché no?Libertà, condivisione, solidarietà non sono ideali? Gli ideali sono una necessità.
        solo un allocco usa prodotti totalmente closed per
        attività riservatePerfettamente d'accordo.
        dei computer che fanno quel che voglio io e non
        quel che vogliono altri, invece, m'interessa molto.Anche questo è, a suo modo, un ideale.
  • qwerty scrive:
    Open Source = Comunismo
    (anonimo)
    • 123 scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      - Scritto da: qwerty
      (anonimo)E' un dato di fatto che la maggior parte dei linari fondamentalisti preferisce la sinistra alla destra. Sarà un caso? :D
      • Franco scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: 123
        - Scritto da: qwerty

        (anonimo)

        E' un dato di fatto che la maggior parte dei
        linari fondamentalisti preferisce la sinistra
        alla destra. Sarà un caso?
        :DGNU/linux è nato negli stati uniti,nota patria di comunisti talebani!ed è nato al MIT,noto covo di cantinari barbuti.Politicizzarlo è davvero da dementi,la cosa triste è che purtroppo ci sono anche non-troll a pensarlo davvero,io spero che per il vostro bene siate bimbetti trolletti.
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          Diciamo che si incarna bene con l'idea di comunismo che si sono fatti oggi i ragazzi:tutti uguali con i soldi, in questo caso tutti possono avere il top del software gratuito lasciando che altri lo sviluppino gratis.Un software etico, condiviso, realizzato in comunità.Diciamo che i punti chiave ci sono tutti
          • dsfgsdf scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Anonimo
            Diciamo che si incarna bene con l'idea di
            comunismo che si sono fatti oggi i
            ragazzi:
            tutti uguali con i soldi, in questo caso tutti
            possono avere il top del software gratuito
            lasciando che altri lo sviluppino
            gratis.
            Un software etico, condiviso, realizzato in
            comunità.

            Diciamo che i punti chiave ci sono tuttiMava' il comunismo era imposto dallo stato. Al software libero invece si aderisce spontaneamente.
          • asdfg scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: dsfgsdf
            - Scritto da: Anonimo

            Diciamo che si incarna bene con l'idea di

            comunismo che si sono fatti oggi i

            ragazzi:

            tutti uguali con i soldi, in questo caso tutti

            possono avere il top del software gratuito

            lasciando che altri lo sviluppino

            gratis.

            Un software etico, condiviso, realizzato in

            comunità.



            Diciamo che i punti chiave ci sono tutti

            Mava' il comunismo era imposto dallo stato. Al
            software libero invece si aderisce
            spontaneamente.I linari se potessero imporrebbero l'uso del software libero a tutti.
          • Franco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Nono,non voglio dalla mia stessa parte una marea di utonti,tu non devi dare retta ai trolletti linari di P.I.Fortunamente lo scopo di GNU/linux non è ancora quello di sostituirsi completamente a windows,ma di fare del buon software che tutti possano utilizzare.- Scritto da: asdfg
            - Scritto da: dsfgsdf

            - Scritto da: Anonimo


            Diciamo che si incarna bene con l'idea di


            comunismo che si sono fatti oggi i


            ragazzi:


            tutti uguali con i soldi, in questo caso tutti


            possono avere il top del software gratuito


            lasciando che altri lo sviluppino


            gratis.


            Un software etico, condiviso, realizzato in


            comunità.





            Diciamo che i punti chiave ci sono tutti



            Mava' il comunismo era imposto dallo stato. Al

            software libero invece si aderisce

            spontaneamente.

            I linari se potessero imporrebbero l'uso del
            software libero a
            tutti.
          • lrmoa80 scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: asdfg
            I linari se potessero imporrebbero l'uso del
            software libero a
            tutti.Noi ci accontentiamo di avere un sistema operativo gratuito, il resto può essere free o non free (proprio come su winzozz).Molti apprezzerebbero anche la possibilità di trovare sugli scaffali quello che non trovano già free... cosa che MS e Apple invece cercano in tutti i modi di monopolizzare...Oggi come oggi, se voglio un prodotto Adobe "devo" avere tale sistema, se voglio "Autodesk" devo avere quell'altro...E tutto questo perchè? Per le solite api, che guardacaso vengono date gratis dai produttori di OS, a condizione che non esistano equivalenti in altre piattaforme.Il freeware e il free software è una risposta alle politiche commerciali di questo tipo, non centra un piffero il comunismo.Ma a te, come tanti altri che campano con la MS, conviene sparare le solite balle.
          • MircoM scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            chissà quanti "linari" hanno provato ad importi software open...come hanno fatto? ti hanno rubato il pc e restituito solo dopo aver caricato software open?e tu come hai fatto a scampare a questa orda di infoiati che volevano obbligarti a fare qualcosa? hai temuto per la tua incolumità?ma per piacere...
          • chicken deluxe scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: asdfg

            I linari se potessero imporrebbero l'uso del
            software libero a
            tutti.è che il nostro altruismo viene frainteso...a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace vedere tutta questa gente ancora incatenata a soffrire tra schermate blu e patch per rattoppare il sistema...in realtà cerchiamo solo di aiutarvi
          • joe tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo


            a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace vedere
            tutta questa gente ancora incatenata a soffrire
            tra schermate blu luogo comunee patch per rattoppare il
            sistema...quelle ci sono anche per voi, mi sembra !

            in realtà cerchiamo solo di aiutarvi
          • ben tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            mi eri mancado
          • joe tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            bella :)
          • Franco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: joe tornado



            a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace
            vedere

            tutta questa gente ancora incatenata a soffrire

            tra schermate blu

            luogo comune
            Luogo comune sticazzi,vuoi per colpa di nvidia,di creative o di intel o del os stesso,ma le schermate ci sono.
            e patch per rattoppare il

            sistema...

            quelle ci sono anche per voi, mi sembra !Ne è uscita una poco tempo fa,appena l'hanno scoperta è stata corretta in due giorni.Generalmente sono patch al kernel per migliorarne le prestazioni e non per correggere difetti ;)




            in realtà cerchiamo solo di aiutarvi
          • joe tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Franco
            - Scritto da: joe tornado





            a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace

            vedere


            tutta questa gente ancora incatenata a
            soffrire


            tra schermate blu



            luogo comune



            Luogo comune sticazzi,vuoi per colpa di nvidia,di
            creative o di intel o del os stesso,ma le
            schermate ci
            sono.Ci sono, e chi dice di no ? Leggi e considera la frase nel suo complesso : "soffrire tra schermate blu". Non credo che queste schermate blu siano in grado di affliggere l'utente in modo tale da impedirgli un sereno utilizzo del computer - ovvero, non ti costringono a perdere il lavoro ogni due ore, come più frequentemente succedeva utilizzando Windows 9X. O i computer miei e delle persone con cui sono a contatto sono miracolati ?


            e patch per rattoppare il


            sistema...



            quelle ci sono anche per voi, mi sembra !

            Ne è uscita una poco tempo fa,appena l'hanno
            scoperta è stata corretta in due
            giorni.
            Generalmente sono patch al kernel per migliorarne
            le prestazioni e non per correggere difetti
            ;)
            amen. A me, del resto, basta che funzioni tutto !


            in realtà cerchiamo solo di aiutarvi
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: joe tornado
            - Scritto da: Franco

            - Scritto da: joe tornado



            a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace



            vedere tutta questa gente ancora incatenata



            a soffrire tra schermate blu


            luogo comune

            Luogo comune sticazzi,vuoi per colpa di

            nvidia, di creative o di intel o del os

            stesso, ma le schermate ci sono.
            Ci sono, e chi dice di no ? Basta che si faccia prestare una scheda PCMCI e la tolga senza fare rimozione sicura dell'hardware; alla faccia dei driver in user space (rotfl)(rotfl)
            Leggi e considera la frase nel suo complesso :
            "soffrire tra schermate blu". Non credo che
            queste schermate blu siano in grado di affliggere
            l'utente in modo tale da impedirgli un sereno
            utilizzo del computer -Bhe, se dovessi prendere l'aereo qui : http://www.miguelcarrasco.net/miguelcarrasco/WindowsLiveWriter/BlueScreenofDeathTop10_7B1A/blue%20screen%20of%20death%20airfrance%5B2%5D.jpgIl responsabile del TG della CNN : http://www.miguelcarrasco.net/miguelcarrasco/WindowsLiveWriter/BlueScreenofDeathTop10_7B1A/famous-windows-95-blue-scre%5B2%5D.jpg
            ovvero, non ti costringono a perdere il lavoro
            ogni due ore, come più frequentemente succedeva
            utilizzando Windows 9X. O i computer miei e delle
            persone con cui sono a contatto sono miracolati ?Bhe, che dire... WOW... Era ora...
            O i computer miei e delle persone con
            cui sono a contatto sono miracolati ?Dipende anche da cosa ci fanno con il computer: io che lo uso per rendering che durano 4 o 5 gg mentre continuo ad usarlo normalmente e fluidamente non potrei fare altrettanto con XP o vista, a meno (forse) di cambiare Pc per uno potente il triplo.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo


            ovvero, non ti costringono a perdere il lavoro

            ogni due ore, come più frequentemente succedeva

            utilizzando Windows 9X. O i computer miei e
            delle

            persone con cui sono a contatto sono miracolati
            ?

            Bhe, che dire... WOW... Era ora...

            Sono quasi sette anni che esiste Windows XP - lasciando da parte Windows 2000 ed i vari Windows NT !

            O i computer miei e delle persone con

            cui sono a contatto sono miracolati ?

            Dipende anche da cosa ci fanno con il computer:
            io che lo uso per rendering che durano 4 o 5 gg
            mentre continuo ad usarlo normalmente e
            fluidamente non potrei fare altrettanto con XP o
            vista, a meno (forse) di cambiare Pc per uno
            potente il
            triplo.Io di "pesante" ci faccio compressioni video (*.TS che diventano DivX) anche con filtri. Con il computer che uso ora in un paio d'ore posso finire; con il P2-400 che ho al paesello ci metto una notte ed un giorno, per un film. Non credo che con altri sistemi al posto di Windows XP - che con quella CPU e memoria di 224 MBytes va benissimo - possa metterci meno tempo.
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Joe Tornado


            ovvero, non ti costringono a perdere il lavoro


            ogni due ore, come più frequentemente
            succedeva


            utilizzando Windows 9X. O i computer miei e

            delle


            persone con cui sono a contatto sono
            miracolati

            ?



            Bhe, che dire... WOW... Era ora...





            Sono quasi sette anni che esiste Windows XP -
            lasciando da parte Windows 2000 ed i vari Windows
            NT
            !



            O i computer miei e delle persone con


            cui sono a contatto sono miracolati ?



            Dipende anche da cosa ci fanno con il computer:

            io che lo uso per rendering che durano 4 o 5 gg

            mentre continuo ad usarlo normalmente e

            fluidamente non potrei fare altrettanto con XP o

            vista, a meno (forse) di cambiare Pc per uno

            potente il

            triplo.

            Io di "pesante" ci faccio compressioni video
            (*.TS che diventano DivX) anche con filtri. Con
            il computer che uso ora in un paio d'ore posso
            finire; con il P2-400 che ho al paesello ci metto
            una notte ed un giorno, per un film. Non credo
            che con altri sistemi al posto di Windows XP -
            che con quella CPU e memoria di 224 MBytes va
            benissimo - possa metterci meno tempo.Non e' questione di tempo, e' questione che riesco ad utilizzare il pc normalmente, senza neanche accorgermi che sta swappando paurosamente; ci guardo film e ci programmo mentre aspetto che il rendering sia finito senza avere rallentamenti. Questo con XP non riesco ad ottenerlo.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Io ho parzialmente risolto così il problema dello swap : il file su partizione fat 16 all'inizio di due dischi in raid sata, velocità secondo benchamrk di Nero superiore a 100 MBytes/sec., non elimini l'accesso al disco, ma lo fai passare quasi inosservato. Io mi sono ritrovato - con 768 MBytes di RAM - a comprimere due film mentre ne registravo altri due, e navigavo tranquillamente.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: joe tornado

            tutta questa gente ancora incatenata a soffrire

            tra schermate blu

            luogo comuneNo, schermata comune. Cinque minuti fa ho assistito al crash di un Server Windows 2003: schermo blu. Corrotto il file pci.sys.Quale operazione stavamo compiendo? Aggiornare un driver *certificato* per una delle schede di rete.
          • joe tornado scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Sarebbe interessante sapere con quale frequenza ciò si verifica.Perchè a me non capita ? Eppure di porcate ne ho fatte sui miei computer con Windows XP ...Pensa che a me è successo a settembre l'ultima volta, installando l'ultima versione di Plextools per il masterizzatore Plextor appena acquistato. All'avvio del software, bsod. Ho risolto installando una versione di molto precedente.Comunque mi rendo conto che la mia è una situazione di utente casalingo, che sopporto di buon grado. Credo che quando succeda anche una sola volta in un ampio lasso di tempo, in un contesto lavorativo, sia una bella noia.
          • pippo75 scrive:
            Re: Open Source = Comunismo

            a noi "linari" sotto sotto un po' dispiace vedere
            tutta questa gente ancora incatenata a soffrire
            tra schermate blu e patch per rattoppare il
            sistema...a noi vanno cosi bene queste puff-schermate, anzi andrebbero bene, peccato che non si vedono da un pezzo.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: asdfg
            I linari se potessero imporrebbero l'uso del
            software libero a tutti.Cioè obbligherebbero tutti a scegliere liberamente? Ti fa paura essere libero?
          • pinco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: www.aleksfalcone.org
            - Scritto da: asdfg

            I linari se potessero imporrebbero l'uso del

            software libero a tutti.

            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere
            liberamente? Ti fa paura essere
            libero?Deve essere una scelta personale, e non un obbligo.
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: pinco
            - Scritto da: www.aleksfalcone.org

            - Scritto da: asdfg


            I linari se potessero imporrebbero l'uso del


            software libero a tutti.

            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere

            liberamente? Ti fa paura essere

            libero?
            Deve essere una scelta personale, e non un
            obbligo.Scegliere di non scegliere non e' una scelta...
          • pinco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pinco

            - Scritto da: www.aleksfalcone.org


            - Scritto da: asdfg



            I linari se potessero imporrebbero l'uso del



            software libero a tutti.



            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere


            liberamente? Ti fa paura essere


            libero?


            Deve essere una scelta personale, e non un

            obbligo.

            Scegliere di non scegliere non e' una scelta...Vero.Dipende però dal significato che si attribuisce alla parola "libertà": se essere liberi deve significare scegliere soltanto software libero allora preferisco non essere libero.
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: pinco
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pinco


            - Scritto da: www.aleksfalcone.org



            - Scritto da: asdfg




            I linari se potessero imporrebbero l'uso
            del




            software libero a tutti.





            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere



            liberamente? Ti fa paura essere



            libero?




            Deve essere una scelta personale, e non un


            obbligo.



            Scegliere di non scegliere non e' una scelta...

            Vero.
            Dipende però dal significato che si attribuisce
            alla parola "libertà": se essere liberi deve
            significare scegliere soltanto software libero
            allora preferisco non essere libero.Mi sembra che nessuno abbia mai specificato una cosa simile a quello che dici tu...Come dici tu dipende dal significato che si attribuisce alla parola liberta: in tutto il tread mi sembra che si sia sempre inteso come lo intende la FSF free as beer...
          • pinco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pinco

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: pinco



            - Scritto da: www.aleksfalcone.org




            - Scritto da: asdfg





            I linari se potessero imporrebbero l'uso

            del





            software libero a tutti.







            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere




            liberamente? Ti fa paura essere




            libero?






            Deve essere una scelta personale, e non un



            obbligo.





            Scegliere di non scegliere non e' una
            scelta...



            Vero.

            Dipende però dal significato che si attribuisce

            alla parola "libertà": se essere liberi deve

            significare scegliere soltanto software libero

            allora preferisco non essere libero.

            Mi sembra che nessuno abbia mai specificato una
            cosa simile a quello che dici
            tu...

            Come dici tu dipende dal significato che si
            attribuisce alla parola liberta: in tutto il
            tread mi sembra che si sia sempre inteso come lo
            intende la FSF free as
            beer...Molti sostengono che scegliere software closed source non è libertà...
          • hiccup scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            e su questo basi la questione? c'e qualcuno in questo thread che lo ha esplicitato?
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: pinco
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pinco


            - Scritto da: krane



            - Scritto da: pinco




            - Scritto da: www.aleksfalcone.org





            - Scritto da: asdfg






            I linari se potessero imporrebbero
            l'uso


            del






            software libero a tutti.









            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere





            liberamente? Ti fa paura essere





            libero?








            Deve essere una scelta personale, e non un




            obbligo.







            Scegliere di non scegliere non e' una

            scelta...





            Vero.


            Dipende però dal significato che si
            attribuisce


            alla parola "libertà": se essere liberi deve


            significare scegliere soltanto software libero


            allora preferisco non essere libero.



            Mi sembra che nessuno abbia mai specificato una

            cosa simile a quello che dici

            tu...



            Come dici tu dipende dal significato che si

            attribuisce alla parola liberta: in tutto il

            tread mi sembra che si sia sempre inteso come lo

            intende la FSF free as

            beer...
            Molti sostengono che scegliere software closed
            source non è libertà...E' perche' sono costretti a sceglierlo a causa della mancanza di alternative.Alternative eliminate da operazioni commerciali sleali, operazioni di sabotaggio degli standard e varie altre tecniche anche illegali per cui l'attuale monopolista e' stato condannato da piu' parti diverse volte.
          • pinco scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: pinco

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: pinco



            - Scritto da: krane




            - Scritto da: pinco





            - Scritto da: www.aleksfalcone.org






            - Scritto da: asdfg







            I linari se potessero imporrebbero

            l'uso



            del







            software libero a tutti.











            Cioè obbligherebbero tutti a scegliere






            liberamente? Ti fa paura essere






            libero?










            Deve essere una scelta personale, e non
            un





            obbligo.









            Scegliere di non scegliere non e' una


            scelta...







            Vero.



            Dipende però dal significato che si

            attribuisce



            alla parola "libertà": se essere liberi deve



            significare scegliere soltanto software
            libero



            allora preferisco non essere libero.





            Mi sembra che nessuno abbia mai specificato
            una


            cosa simile a quello che dici


            tu...





            Come dici tu dipende dal significato che si


            attribuisce alla parola liberta: in tutto il


            tread mi sembra che si sia sempre inteso come
            lo


            intende la FSF free as


            beer...


            Molti sostengono che scegliere software closed

            source non è libertà...

            E' perche' sono costretti a sceglierlo a causa
            della mancanza di
            alternative.Falso, le alternative ci sono. In minore quantità rispetto a Windows, è vero, ma comunque ci sono.
          • krane scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: pinco
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: pinco


            - Scritto da: krane



            - Scritto da: pinco




            - Scritto da: krane





            - Scritto da: pinco






            - Scritto da: www.aleksfalcone.org







            - Scritto da: asdfg








            I linari se potessero imporrebbero


            l'uso




            del








            software libero a tutti.













            Cioè obbligherebbero tutti a
            scegliere







            liberamente? Ti fa paura essere







            libero?












            Deve essere una scelta personale, e
            non

            un






            obbligo.











            Scegliere di non scegliere non e' una



            scelta...









            Vero.




            Dipende però dal significato che si


            attribuisce




            alla parola "libertà": se essere liberi
            deve




            significare scegliere soltanto software

            libero




            allora preferisco non essere libero.







            Mi sembra che nessuno abbia mai specificato

            una



            cosa simile a quello che dici



            tu...







            Come dici tu dipende dal significato che si



            attribuisce alla parola liberta: in tutto il



            tread mi sembra che si sia sempre inteso
            come

            lo



            intende la FSF free as



            beer...




            Molti sostengono che scegliere software closed


            source non è libertà...



            E' perche' sono costretti a sceglierlo a causa

            della mancanza di

            alternative.
            Falso, le alternative ci sono. In minore quantità
            rispetto a Windows, è vero, ma comunque ci
            sono.Che noia... Sempre le solite risposte... :-o1) Se ADESSO c'e' un minimo di concorrenza e' solo grazie a IBM, Sun e gli altri che hanno spinto linux come tale2) Mediamente una ditta come quella in cui lavoro io richiede 3 - 5 preventivi da parte di ditte in grado di fornire assistenza a livello nazionale o meglio in tutta europa... Mi sai dire 5 nomi di produttori di Pc che offrano qualcosa che non sia Microsoft che io possa proporre ?
          • pippo75 scrive:
            Re: Open Source = Comunismo

            2) Mediamente una ditta come quella in cui lavoro
            io richiede 3 - 5 preventivi da parte di ditte in
            grado di fornire assistenza a livello nazionale o
            meglio in tutta europa... Mi sai dire 5 nomi di
            produttori di Pc che offrano qualcosa che non sia
            Microsoft che io possa proporre
            ?Prova a sentire questi:AppleSunIBMAsusDellAcer.....Cosa ti hanno risposto?P.s. dimenticavo, alternativo a MS, ma cosa cerchi in particolare?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 20.29-----------------------------------------------------------
          • AMEN scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: dsfgsdf
            - Scritto da: Anonimo



            Diciamo che i punti chiave ci sono tutti

            Mava' il comunismo era imposto dallo stato. Al
            software libero invece si aderisce
            spontaneamente.Tranne che su Punto Informatico. Dove, se non aderisci al credo Open sei un nemico dell'umanità....
          • get a life scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            invece su slashdot...
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: AMEN
            Tranne che su Punto Informatico. Dove, se non
            aderisci al credo Open sei un nemico
            dell'umanità....Probabilmente lo sei a prescindere... non dipende dal credo.
        • MircoM scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          ovviamente quoto.ed è incredibile come ci sia l'occasione per rispondere a tono con queste stesse parole almeno un paio di volte alla settimana.
      • dont feed the troll scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: 123
        - Scritto da: qwerty

        (anonimo)

        E' un dato di fatto che la maggior parte dei
        linari fondamentalisti preferisce la sinistra
        alla destra. Sarà un caso?
        :Dsebbene non ci sia nessun legame tra open source e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è + aperto di mente di solito è di sinistra e chi è + ottuso di solito è di destra.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: Open Source = Comunismo

          sebbene non ci sia nessun legame tra open source
          e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +
          aperto di mente di solito è di sinistra e chi è
          + ottuso di solito è di
          destra.Quindi tu sei di destra?
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Nome e cognome

            sebbene non ci sia nessun legame tra open source

            e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +

            aperto di mente di solito è di sinistra e chi è

            + ottuso di solito è di

            destra.

            Quindi tu sei di destra?CVD
        • Anonimo scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          - Scritto da: dont feed the troll
          - Scritto da: 123

          - Scritto da: qwerty


          (anonimo)



          E' un dato di fatto che la maggior parte dei

          linari fondamentalisti preferisce la sinistra

          alla destra. Sarà un caso?

          :D

          sebbene non ci sia nessun legame tra open source
          e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +
          aperto di mente di solito è di sinistra e chi è
          + ottuso di solito è di
          destra.Cazzata.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: 123


            - Scritto da: qwerty



            (anonimo)





            E' un dato di fatto che la maggior parte dei


            linari fondamentalisti preferisce la sinistra


            alla destra. Sarà un caso?


            :D



            sebbene non ci sia nessun legame tra open source

            e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +

            aperto di mente di solito è di sinistra e chi è

            + ottuso di solito è di

            destra.

            Cazzata.CVD, i grandi argomenti dei destri...
        • Tizio scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          - Scritto da: dont feed the troll
          - Scritto da: 123

          - Scritto da: qwerty


          (anonimo)



          E' un dato di fatto che la maggior parte dei

          linari fondamentalisti preferisce la sinistra

          alla destra. Sarà un caso?

          :D

          sebbene non ci sia nessun legame tra open source
          e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +
          aperto di mente di solito è di sinistra e chi è
          + ottuso di solito è di
          destra.Non è vero, si può essere di destra e aperti di mente, così come si può essere di sinistra e ottusi.Su PI pare che la maggior parte della gente sia di quest'ultimo tipo.
          • www.aleksfalcone.org scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Tizio

            sebbene non ci sia nessun legame tra open source

            e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +

            aperto di mente di solito è di sinistra e chi è

            + ottuso di solito è di

            destra.

            Non è vero, si può essere di destra e aperti di
            mente, così come si può essere di sinistra e
            ottusi.Infatti sopra c'è scritto 'di solito', il che non esclude clamorose eccezioni.
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Tizio
            - Scritto da: dont feed the troll

            - Scritto da: 123


            - Scritto da: qwerty



            (anonimo)





            E' un dato di fatto che la maggior parte dei


            linari fondamentalisti preferisce la sinistra


            alla destra. Sarà un caso?


            :D



            sebbene non ci sia nessun legame tra open source

            e comunismo, c'è sicuramente da annotare che è +

            aperto di mente di solito è di sinistra e chi è

            + ottuso di solito è di

            destra.

            Non è vero, si può essere di destra e aperti di
            mente, così come si può essere di sinistra e
            ottusi.Certo, tutto puo' essere.
            Su PI pare che la maggior parte della gente sia
            di quest'ultimo
            tipo.Direi che moltissimi sono dei trolletti imberbi, probabilmente senza nessuna idea politica, oltre che informatica.
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: 123
        - Scritto da: qwerty

        (anonimo)

        E' un dato di fatto che la maggior parte dei
        linari fondamentalisti preferisce la sinistra
        alla destra. Sarà un caso? No.Si sceglie la libertà: non è un caso.
    • anonimo scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      - Scritto da: qwerty
      (anonimo)Per essere precisi l'open source è un sottoinsieme del comunismo. 8)
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: anonimo
        - Scritto da: qwerty

        (anonimo)

        Per essere precisi l'open source è un
        sottoinsieme del comunismo. In che modo?Qual'è il legame?Vuoi dire che il Comunismo garantisce la libertà d'informazione?
    • Darkat scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      lol ma ke centra?allora ki usa closed source è fascista??ma lool
      • AMEN scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: Darkat
        lol ma ke centra?allora ki usa closed source è
        fascista??ma loolCasomai capitalista....
    • MircoM scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      capisco il postare solo per il gusto di trollare, ma questa te la potevi risparmiare.io da questo genere di post mi sento offeso.
    • pentolino scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      ad esempio non io... linaro da un anno e mezzo e di destra da sempre. Ho detto "di destra", non fascista, sono proprio due cose diverse, come comunista e staliniano...
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: pentolino
        ad esempio non io... linaro da un anno e mezzo e
        di destra da sempre. Ho detto "di destra", non
        fascista, sono proprio due cose diverse, come
        comunista e staliniano......o comunista e 'di sinistra'.
        • pentolino scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          quoto, si può usare anche l' espressione che hai usato tu, anche se io volevo mettere l' accento più sul discorso democrazia/totalitarismo.Diciamo che forse il parallelo sarebbe stato corretto al 100% se avessi scritto: 'di sinistra e staliniano' :-)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 16.34-----------------------------------------------------------
    • Severissimus scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      Rispondo in maniera semplice semplice: io sono per l'open source e non sono per niente comunista. Dimostrazione empirica del fatto che hai detto una sciocchezza.
      • Comunasta scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: Severissimus
        Rispondo in maniera semplice semplice: io sono
        per l'open source e non sono per niente
        comunista. Dimostrazione empirica del fatto che
        hai detto una
        sciocchezza.e come si spiega che il tuo logo rappresenta mario, noto esponente del comunismo russo?leggi un pò qua: http://nedmartin.org/amused/communist-mario
        • Severissimus scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          Si spiega dal fatto che io vedo le cose per quello che sono, non per quello che qualche megalomane sostiene, si spiega dal fatto che io giocavo a super-mario all'età di 7 anni e ci sono rimasto affezionato, si spiega dal fatto che da bambino vedevo pure i Puffi e non sono un massone.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 15.42----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 03 aprile 2008 15.43-----------------------------------------------------------
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Severissimus
            Si spiega dal fatto che io vedo le cose per
            quello che sono, non per quello che qualche
            megalomane sostiene, si spiega dal fatto che io
            giocavo a super-mario all'età di 7 anni e ci sono
            rimasto affezionato, si spiega dal fatto che da
            bambino vedevo pure i Puffi e non sono un
            massone.Guarda che anche i puffi erano comunisti! Forse non te ne rendi conto ma anche tu, sotto sotto, sei comunista! :P
          • Severissimus scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Io spero vivamente che tu stessi scherzando: non aggiungo altro!
          • asdomar scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            ha ragione: guarda caso grande puffo ha un cappello rossoe deve difendersi da gargamella che ha un vestito nero.*casualmente*
          • Severissimus scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            E il "chissenefrega?" alla fine ce lo devo mettere io? Cioè, fatemi capire, voi siete veramente convinti che uno è comunista perché da bambino vedeva i Puffi e giocava a Super Mario? Vedevo anche Mazinga e giocavo pure a Sonic: sono anche fascista per caso? Mi sembra veramente meschino tirare in ballo un discorso simile per difendere l'idea (se porprio la vogliamo elevare a tale) che se uno usa l'opensource dev'essere per forza comunista.
          • asdomar scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            mi dispiace davvero...[img]http://content.ytmnd.com/content/2/5/7/257b805ad4cc66810154e1e86e6482e8.gif[/img]
          • Severissimus scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Ok, dopo questo, mi pare evidente con chi ho a che fare e penso sia pressocché inutile continuare la conversazione.
          • asdomar scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            :Ddai non te la prendere guarda che si scherzava :Dalmeno, io sicuramente, e penso anche gli altri!!spero di non aver offeso nessuno...
          • Severissimus scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            Se si tratta di scherzare è diverso. Anzi, scusa tu se me la sono presa, ma c'ero cascato in pieno. :D
          • asdomar scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: Severissimus
            Anzi, scusa tu se me la sono presa,
            ma c'ero cascato in pieno.
            :Dasd ho visto (rotfl)va be no problem ci siam fatti 2 risate :Dps. scrivo da ubuntu ;)
    • pippo75 scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      - Scritto da: qwerty
      (anonimo)se fosse vero, devo dire che almeno una cosa buona questo comunismo l'ha fatta.
    • .net scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      Smoderatamente per il closed source, sono di centro-sinistra
      • hiccup scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        gia' si era capito, ma il problema sta nella mancanza di moderazione nella scelta ;-)
      • www.aleksfalcone.org scrive:
        Re: Open Source = Comunismo
        - Scritto da: .net
        Smoderatamente per il closed source, sono di
        centro-sinistraAnche a sinistra c'è chi sragiona.
        • .net scrive:
          Re: Open Source = Comunismo
          - Scritto da: www.aleksfalcone.org
          - Scritto da: .net

          Smoderatamente per il closed source, sono di

          centro-sinistra

          Anche a sinistra c'è chi sragiona.Sragiono perchè non credo nell'open source? Oddio sono un eretico!
          • dont feed the troll scrive:
            Re: Open Source = Comunismo
            - Scritto da: .net
            - Scritto da: www.aleksfalcone.org

            - Scritto da: .net


            Smoderatamente per il closed source, sono di


            centro-sinistra



            Anche a sinistra c'è chi sragiona.

            Sragiono perchè non credo nell'open source?Sragioni perchè non hai motivi validi, o quanotmeno, non li sai esprimere.
    • www.aleksfalcone.org scrive:
      Re: Open Source = Comunismo
      - Scritto da: qwerty
      (anonimo)Il comunismo sovietico attuava una politica che controllo e limitazione della diffusione delle informazioni. Allo stesso modo si comporta il regime Cinese. Così come tutti i regimi totalitari.Il software libero si fonda sulla libertà di diffusione delle informazioni e della cultura. A me sembra che siano due posizioni opposte.
Chiudi i commenti