Procuratore di NY contro gli smartphone rubati

Procuratore di NY contro gli smartphone rubati

Eric Schneiderman scrive ai principali produttori. Vuole che siano introdotte tecnologie utili a garantire che i telefoni rubati siano inservibili ai ladri e invendibili sul mercato nero
Eric Schneiderman scrive ai principali produttori. Vuole che siano introdotte tecnologie utili a garantire che i telefoni rubati siano inservibili ai ladri e invendibili sul mercato nero

All'attenzione dei principali produttori di dispositivi mobile, un' allarmata missiva firmata dal procuratore generale di New York Eric Schneiderman. Da Apple a Samsung, le autorità della Grande Mela hanno chiesto spiegazioni dettagliate sulle strategie adottate dai giganti dell'industria per tutelare gli utenti statunitensi dal furto di smartphone e tablet che finiscono poi in vendita al mercato nero.

Nella sua lettera aperta Schneiderman ha chiesto ai vendor di assicurarsi che i consumatori newyorchesi godano della massima protezione in un contesto urbano sempre più segnato dalle incursioni criminose per il furto mirato dei preziosi dispositivi cellulari. Protagoniste dell'innovazione high-tech, aziende del calibro di Google e Microsoft dovrebbero trovare nuove soluzioni per rendere inutilizzabili i vari device sottratti ai legittimi possessori .

È dunque probabile che al procuratore generale di New York non bastino le tecnologie già introdotte – ad esempio da Apple con la feature Find My iPhone – per rintracciare i dispositivi rubati a mezzo GPS. In effetti, strumenti del genere non si sono rivelati sempre affidabili, come nel curioso caso del pensionato Wayne Dobson che veniva tempestato di visite casalinghe a causa di un falso positivo nel segnale satellitare.

Se esistono casi lieti di ritrovamento inatteso – con qualunque strumento per il ritrovamento via GPS – l'eliminazione da remoto dei dati interni ai Melafonini ad esempio non ha portato necessariamente sempre a risultati positivi con gli account iMessage . La preoccupazione di Schneiderman riguarda invece l'eliminazione di tutti i dati da parte del manigoldo di turno, in modo da rendere un telefono vergine e dunque pronto per l'oscurità del mercato illegale : una procedura che di fatto pare garantire, secondo il procuratore, impunità. Gli smartphone dovrebbero essere modificati per consentire una disattivazione definitiva se finissero nelle mani sbagliate.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 05 2013
Link copiato negli appunti