Progetto Morfeus, Sony esplora la Realtà Virtuale

La giapponese è la prima a proporre un accessorio del genere per la propria console Playstation 4. Ma Microsoft non sta a guardare. E Oculus Rift lavora da anni nel settore
La giapponese è la prima a proporre un accessorio del genere per la propria console Playstation 4. Ma Microsoft non sta a guardare. E Oculus Rift lavora da anni nel settore

Come ampiamente previsto da qualche mese a questa parte, Sony è al lavoro su un sistema di realtà virtuale per applicazioni videoludiche da abbinare alla PlayStation 4 e quel sistema si chiama Project Morpheus . L’azienda conferma ufficialmente l’esistenza del progetto e preannuncia la possibilità di testare le sue capacità in occasione del GDC 2014, partito proprio in queste ore.

il prototipo del progetto morfeus di Sony

La realtà virtuale e i relativi caschetti (o HMD, come venivano chiamati una volta) rappresentano il futuro dei videogiochi, sostiene baldanzosamente il presidente di Sony Computer Entertainment Shu Yoshida, e il colosso giapponese intende evidentemente giocare un ruolo chiave nella sua affermazione presso il pubblico. Il progetto Morfeo rappresenta il frutto di un lavoro di sviluppo durato oltre 3 anni, dice ancora Yoshida, con il prototipo attualmente dotato di un pannello LCD da 5 pollici capace di una risoluzione Full HD (1080p) e con un angolo di visione da 90 gradi, sensori accelerometri e giroscopi, audio spaziale 3D e collegamenti HDMI+USB.

Si tratta di specifiche destinate a mutare con il progredire dello sviluppo della tecnologia, avverte Sony, anche se il prototipo sarà la base per il primo kit di sviluppo per gli studi interessati a realizzare giochi pensati per l’esperienza immersiva resa possibile dalla realtà virtuale (VR). Un’esperienza che nel caso del progetto Morfeo fa uso di PlayStation Camera per il tracciamento dei movimenti, e dei controller Dualshock 4 e PlayStation Move (il famoso “gelato” wireless già disponibile per PS3) così da arricchire e rendere maggiormente coinvolgente il gioco in VR.

Sony getta dunque il guanto di sfida a Oculus Rift presentando un sistema ancora in via di sviluppo, ma la prospettiva di una diffusione di massa di questo genere di tecnologia – diffusione che non si è ancora concretizzata nonostante gli anni di tentativi multipli da parte di più soggetti – interessa molti dei protagonisti dell’industria dell’intrattenimento interattivo.

Sulla realtà virtuale videoludica John Carmack ci ha scommesso la carriera , e anche Microsoft – concorrente diretto di Sony sul fronte delle console domestiche di nuova generazione – sarebbe al lavoro su una soluzione in tal senso con Project Fortaleza . Su PC c’è il già citato Oculus Rift, e anche Valve ci mette del suo implementando una nuova “modalità in realtà virtuale” nell’ultima beta del client Steam.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 03 2014
Link copiato negli appunti