PSN, nuova class action all'orizzonte

L'attacco del 21 aprile poteva essere evitato. Secondo i tre accusatori statunitensi Sony avrebbe peccato di negligenza, abbassando la guardia

Roma – Anche se il PlayStation Network è tornato finalmente online, la polemica non accenna a raffreddarsi. A due mesi dal clamoroso blocco del servizio, causato dall’intrusione fra i dati sensibili degli utenti iscritti, si torna infatti a parlare di class action .

Tre utenti di New York hanno intentato una nuova causa contro il colosso nipponico, chiedendo il rimborso del prezzo sborsato per l’acquisto delle console PlayStation 3, degli abbonamenti al PSN e un ulteriore indennizzo sotto forma di “punitive damages”, i danni esemplari.

Secondo gli accusatori americani Sony avrebbe peccato di lassismo: l’azienda sapeva di lavorare con sistemi di codifica inadeguati e software obsoleti , già da tempo. La nuova class action sfrutta le testimonianze illustri di ex dipendenti SCEA e SOE .

Stando a queste dichiarazioni, appena due settimane prima del cyber-attacco la multinazionale giapponese avrebbe addirittura abbassato la guardia e ridotto ulteriormente i costi in quel settore, licenziando diversi membri del Network Operations Center, il team che si occupa della sicurezza sui server.

Dopo aver ripristinato i servizi il colosso nipponico ha comunque messo in piedi un programma di bentornato , che varia da paese a paese, spaziando tra contenuti speciali gratuiti, rimborso per gli account mensili inutilizzati e abbonamenti omaggio al programma anti-frode . Ma tutto questo potrebbe non bastare.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti