Pubblicità truffaldina, l'alleanza dei giganti

La Ads Integrity Alliance vanta partnership prestigiose come quelle di Facebook, Google e Twitter. Obiettivo: creare efficaci linee guida contro la diffusione di malware, scam e prodotti contraffatti
La Ads Integrity Alliance vanta partnership prestigiose come quelle di Facebook, Google e Twitter. Obiettivo: creare efficaci linee guida contro la diffusione di malware, scam e prodotti contraffatti

Si chiama Ads Integrity Alliance , la nuova iniziativa non profit contro il malware e la pubblicità fraudolenta sul web. Una campagna di sensibilizzazione – e lotta armata – alla costante diffusione di inserzioni ingannevoli, macchinazioni dello scam, prodotti contraffatti e software maligno .

Lanciata dall’organizzazione statunitense StopBadware , l’alleanza ha conquistato le adesioni di prestigiosi colossi del web, dai social network Facebook e Twitter fino a Google e AOL . Presenti anche i vertici dell’ Interactive Advertising Bureau (IAB), per lo sviluppo a livello industriale di policy efficaci contro la pubblicità ingannevole.

È questo il primissimo obiettivo della Ads Integrity Alliance , che vuole proporsi come un vero intermediario tra gli utenti, la sfera politica (meglio, legislativa) e le forze di polizia. L’alleanza dovrà così trovare delle specifiche linee guida per identificare, classificare e – si auspica – abbattere tutti quei messaggi ritenuti fraudolenti.

“Nel 2011, la sola Google ha disabilitato più di 130 milioni di pubblicità – si legge in un post pubblicato da BigG – con 800mila inserzionisti trovati in violazione delle policy, ovvero promotori di messaggi legati alla vendita di beni contraffatti o distributori di malware. Crediamo che quest’alleanza possa farli sparire da tutti gli angoli del web”.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 06 2012
Link copiato negli appunti