DMARC, alleanza contro il phishing

Pronto alla validazione uno standard per la protezione delle caselle di posta da scammer e signori del phishing. Google, Microsoft e Yahoo! si consorziano per il riconoscimento dei mittenti

Roma – Una nuova alleanza contro la posta indesiderata, per contrastare la proliferazione di fenomeni sgradevoli come lo scam e il phishing. Domain-based Message Authentication, Reporting & Conformance (DMARC) è il nome esteso di una iniziativa intrapresa da alcuni giganti nei servizi email: da Google a Microsoft, da AOL a Yahoo! .

In collaborazione con Facebook e grandi istituti finanziari come la Bank of America , i colossi dell’IT cercheranno di ridurre drasticamente il flusso in entrata di posta fraudolenta. Attraverso la creazione di un macrocosmo di fiducia, ovvero un ambiente che impedisca alle missive elettroniche di ingannare gli utenti in base al mittente .

E il consorzio dietro DMARC.org intende promuovere un insieme di standard che dovrebbero superare certe problematiche legate alla firma digitale, spesso ignorata o dimenticata da chi invia un messaggio di posta elettronica. Come faranno allora gli utenti a capire se una email proviene da una fonte attendibile?

DMARC.org è dunque pronto a validare una serie di policy comuni, adottate allo stesso modo da tutti i partecipanti nel mondo IT . Un messaggio ricevuto da PayPal che non abbia superato gli standard di validità stabiliti dal consorzio verrebbe infatti considerato “non attendibile” e quindi segnalato come spam.

Secondo Brett McDowell, chairman di DMARC e senior manager di PayPal, il sistema standardizzato del consorzio permetterebbe il blocco di 200mila messaggi non desiderati al giorno . Che si utilizzi la posta di Google o di Yahoo!. La tecnologia di DMARC.org verrà ora sottoposta agli organi competenti per la validazione come standard di Internet.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    ADSL in Polonia
    Questa è la velocità tipica di una discreta ADSL in Polonia:[img]http://img59.imageshack.us/img59/3383/1705299971.png[/img]A chi diamo la colpa di questi ritardi nell'avere un'Italia tutta cablata ed a buona velocità? Al Berluska e il suo interesse per il solo DTT? Agli Italiani vecchi, ignoranti e retrogradi che non ne hanno sentito il bisogno?E so che prima della guerra perfino la Libia era messa meglio dell'Italia.
  • Funz scrive:
    Brunetta vergogna
    Adesso cerca di magnificare l'operato del suo governo, quando sappiamo tutti benissimo che non solo non hanno fatto niente per promuovere digitale, innovazione, banda larga ecc., ma hanno sempre fatto in modo di favorire i vecchi media che guarda caso rappresentano gli interessi del loro boss...bisogna proprio avere la faccia come non dico cosa... Monti pur facendo poco o niente ha fatto +infinito in rapporto a Brunetta. :p
  • Ombromanto scrive:
    Carrozzoni inutili
    Carrozzoni pubblici buoni a distribuire poltrone e prebende ad amici e clienti.Totalmente inutili.
  • Gigione scrive:
    allora...

    potenziamento delle applicazioni di amministrazione digitale, promozione
    della diffusione di architetture di cloud computing.Allora sono XXXXXXXX!Ma il caso Megaupload & C., non insegna nulla?Teste di cz...
  • VIVA PUNTO INFORMATIC O scrive:
    VIVA PUNTO INFORMATICO
    VIVA PUNTO INFORMATICO
  • panda rossa scrive:
    Stefano Parisi, presidente di ?
    Stefano Parisi, presidente di che?
    • pjt scrive:
      Re: Stefano Parisi, presidente di ?
      Confindustria Digitale, la sezione di Confindustria che raggruppa le azinede che lavorano nel settore informatico-comunicazioni-elettronico.L'ho sentito quando l'hanno intervistato a 2024 qualche settimana fa...
      • panda rossa scrive:
        Re: Stefano Parisi, presidente di ?
        - Scritto da: pjt
        Confindustria Digitale, la sezione di
        Confindustria che raggruppa le azinede che
        lavorano nel settore
        informatico-comunicazioni-elettronico.
        L'ho sentito quando l'hanno intervistato a 2024
        qualche settimana
        fa...Ah, ecco, adesso hanno corretto l'articolo.
      • tucumcari scrive:
        Re: Stefano Parisi, presidente di ?
        - Scritto da: pjt
        Confindustria Digitale, la sezione di
        Confindustria che raggruppa le azinede che
        lavorano nel settore
        informatico-comunicazioni-elettronico.
        L'ho sentito quando l'hanno intervistato a 2024
        qualche settimana
        fa...Nonche A.D. di Fastweb... completano il quadro:Cesare Avenia, (Ericsson) e Marco Tripi (Almaviva) delegati rispettivamente al coordinamento degli associati dellarea fornitori di reti prodotti e servizi e dellarea outsourcers, Paolo Bertoluzzo (Vodafone), Ossama Bessada (Wind), Oscar Cicchetti (Telecom Italia), Vincenzo Novari (H3G), Corrado Sciolla (Bt Italia), Renato Soru (Tiscali).la solita zuppa dei soliti noti....Manca qualcuno? :D
        • MarcelloRomani scrive:
          Re: Stefano Parisi, presidente di ?
          Ma C.D. non è mica un organo di controllo... Mi sembra normale che dentro ci siano le maggiori industrie... del digitale.
          • tucumcari scrive:
            Re: Stefano Parisi, presidente di ?
            - Scritto da: MarcelloRomani
            Ma C.D. non è mica un organo di controllo... Mi
            sembra normale che dentro ci siano le maggiori
            industrie... del
            digitale.Del digitale?Ma che staiaddì?Sono ne più e ne meno che carriers TLC.L'unico che non lo è ALMAVIVA-TRIPI è un maneggione che ha "comprato" carrozzoni pubblici (e anche di telecom) trasferendo i dipendenti, lucrando sui contratti (che dovevano ancora scadere egli garantivano il liquido) con lo scopo principale di chiuderli (i carrozzoni) naturalmente licenziando i dipendenti!e "ristrutturando"... (cioè la sola è sempre quella famiglie sul lastrico).T'e capì Carugatti?
        • claudio scrive:
          Re: Stefano Parisi, presidente di ?
          stiamo parlando di confindustria, che rappresenta gli industriali e nel settore informatico-comunicazioni-elettronico, dicasi ICT, chi ci vuoi mettere, l'ad di Edisontel meglio conosciuta come Eutelia?
  • tucumcari scrive:
    dietro a tutti i bla bla
    Dietro a tutti i bla bla generici ci sono (come la storia ci insegna) tutti e solo i presupposti per potere spendere appena ce ne sarà disponibilità il grisbì a favore dei propri soliti "clientes".Stanno già facendo a XXXXXtti per infilarsi nella famosa "cabina di regia" che è l'unica cosa sicura che ci sarà!Perché ovviamente se stai in cabina ( gabina per i fan del senatur) avrai (se arriva e quando arriva) la possibilità di indirizzare il grisbì se sei fuori... beh... che lo dico a fare?
Chiudi i commenti