Puglia, informatizzazione PA sarà realtà

Firmato il protocollo d'intesa. Semplificazione e accesso telematico ai servizi sono gli obiettivi principali. Interventi anche per Sanità e Giustizia
Firmato il protocollo d'intesa. Semplificazione e accesso telematico ai servizi sono gli obiettivi principali. Interventi anche per Sanità e Giustizia

È stato firmato a Palazzo Vidoni il protocollo d’intesa sull’innovazione nella Pubblica Amministrazione tra il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e il ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione Renato Brunetta. Un programma di interventi che si inserisce nel Piano di e-Gov 2012, finalizzati per incrementare l’accessibilità e la fruibilità dei sistemi di e-government in linea con la programmazione regionale in tema di sviluppo della società dell’informazione.

L’obiettivo è quello di agevolare il rapporto tra Pubblica Amministrazione, cittadini e imprese, migliorando l’offerta dei servizi pubblici al fine di compiere un opera di informatizzazione delle PA , attuando le disposizioni previste del Codice dell’Amministrazione Digitale (CAD).

Gli ambiti di intervento saranno molteplici : semplificazione e accesso telematico ai servizi (trasmissione sicura e certificata delle comunicazioni, PEC, VoIP), realizzazione dello sportello unico per le imprese, rafforzamento di “Linea Amica” e di “Reti Amiche”, dematerializzazione dei documenti cartacei, circolarità delle banche dati e, infine, la sanità elettronica. Proprio a quest’ultimo punto saranno dedicati interventi mirati per l’invio telematico di certificati di malattia, diffusione della ricetta digitale e l’implementazione, per servizi di prenotazione online di prestazioni sanitarie, del Centro Unico di Prenotazione (CUP) regionale.

Il programma prevede anche l’iniziativa “Mettiamoci la faccia”, con la quale i cittadini potranno esprimere il proprio giudizio circa la qualità dei servizi messi a disposizione dagli uffici regionali. E ancora il progetto “Vinca il Migliore”, con il quale la Regione si impegnerà per l’innovazione dei modelli di selezione e gestione delle risorse umane.

“È una giornata importante – ha dichiarato Vendola – perché siamo di fronte ad un evento che riguarda la collaborazione tra i diversi livelli dello Stato”. “L’informatizzazione – ha continuato – è un pezzo fondamentale del processo di bonifica delle Pubblica Amministrazione, l’informatizzazione rende trasparenti i luoghi in cui si esercitano i poteri e si assumono le decisioni. I cittadini possono controllare”. “Per noi – ha concluso il Presidente della Regione – è una tra le sfide più importanti”.

Ribadendo l’importanza della convergenza tra Regioni e Governo, il Ministro Brunetta ha annunciato l’intenzione di recarsi in Puglia nell’arco di tre-sei mesi per verificare i risultati che sembrano essere già notevoli. “Basti pensare che in Puglia – ha spiegato Brunetta – si fanno circa 6mila certificati medici online, quindi ha già abbondantemente implementato questo sistema e da questa certificazione della malattia online. La Regione potrà trarre tutte le informazioni per la pianificazione sanitaria, potrà sapere chi, quando, dove il dipendente si ammala e con quale frequenza”.

L’informatizzazione, ha poi chiarito il Ministro, rende più facile anche i controlli. Infatti, grazie a tale sistema sono emersi circa 30 milioni di certificati mentre i cartacei erano intorno ai dieci milioni. Dunque, sparivano circa 20 milioni di certificati e l’Inps poteva compiere i riscontri solo in maniera campionaria. “Ora – ha ribadito Brunetta – le verifiche si potranno fare con un semplice click”. “Abbiamo inoltre aggiunto – ha concluso Brunetta – una parte della giustizia, cioè un informatizzazione dalla notifica degli atti e alle procedure. Ora ci mancano solo le firme di protocolli con le ultime due regioni e poi si farà un tour di verifiche dei risultati”.

Raffaella Gargiulo

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti