Quando l'ex-marito viola l'email

di V. Frediani (Consulentelegaleinformatico.it) - Accedere alla posta elettronica altrui è un reato penale. Lo spionaggio coniugale non fa eccezione

Roma – Lo spionaggio coniugale può passare anche dalla visualizzazione della posta elettronica. Ma non rimane impunito. Questo sembra emergere dal provvedimento del Gip di Trento che, chiamato ad archiviare un procedimento penale a carico di un ex marito per violazione dell’ art. 616 del codice penale , ha respinto l’archiviazione e rinviato a giudice l’ex marito.

Ma cosa prevede l’art. 616 in oggetto? L’articolo dispone:

Chiunque prende cognizione del contenuto di una corrispondenza chiusa, a lui non diretta, ovvero sottrae o distrae, al fine di prenderne o di farne da altri prendere cognizione, una corrispondenza chiusa o aperta, a lui non diretta, ovvero, in tutto o in parte, la distrugge o sopprime, è punito, se il fatto non è preveduto come reato da altra disposizione di legge, con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 30 a euro 516. (…) Agli effetti delle disposizioni di questa sezione, per corrispondenza si intende quella epistolare, telegrafica, telefonica, informatica o telematica, ovvero effettuata con ogni altra forma di comunicazione a distanza “.

Il reato dunque non riguarda solo la corrispondenza ordinaria, ma anche quella informatica o telematica. Ebbene, siccome l’ex marito, con una causa di separazione in atto, attraverso la posta elettronica sembrerebbe aver carpito informazioni riservate proprio sulla causa di separazione stessa, il Gip ha richiesto al Pubblico Ministero di formulare il capo di imputazione accogliendo l’opposizione all’archiviazione che la ex moglie aveva proposto a seguito di richiesta di chiusura del procedimento avanzata proprio dalla Procura, che evidentemente invece non aveva ravvisato gli estremi per procedere.

L’accusa verso l’uomo è di essere stato trovato in possesso di un supporto esterno contenente atti di parte relativi alla causa di separazione, non ancora depositati. Una semi-furbizia che sarà pagata caramente dal presunto reo! Ancora una volta la posta elettronica rappresenta un bene meritevole di tutela, ed ancora una volta l’accesso a posta elettronica altrui (che sia ex moglie o moglie o figlio poco rileva) costituirà oggetto di un processo penale.

Chissà se la difesa cercherà di giocare sui contenuti del 616 codice penale: occorrerà verificare a chi è intestata la casella di posta elettronica, perché l’ex marito ne possedesse le credenziali di accesso (dimenticanza del cambio password da parte della ex moglie? Casella di posta elettronica utilizzata a suo tempo da entrambi?), perché queste chiavi di accesso non fossero mai state modificate. Apprendere i contenuti della posta elettronica dell’ex moglie val bene un processo penale?

Avv. Valentina Frediani
www.consulentelegaleinformatico.it
www.consulentelegaleprivacy.it

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Beppe scrive:
    Adsl cosa è?
    Titolo provocatorio ma indubbiamente vero, si perchè io faccio parte di quelle zone di montagna dove la copertura non esiste, non sono un felice possessore di villa isolata nel bosco a km da una centralina, ma più semplicemente un abitante di uno dei tanti comuni non raggiunti dall'adsl, faccio parte dello scarto sulla percentuale di copertura nazionale, quindi non sarebbe giusto, prima di ampliare quello che esiste, che si connettesse chi ne è sprovvisto?Ben vengano tutti gli ammodernamenti possibili, ma che arrivi a 100 km da casa mia una gigabit e a casa mia devo fare i segnali di fumo per comunicare, abbiate pazienza ma poco mi interessa, sarò egoista ma vorrei anche io, quello che all'85% degli Italiani è conXXXXX, in fondo le tasse le pago anche io, oppure ne sarò esentato perchè non connesso?
  • www scrive:
    la quarta ipotesi
    Le indiscrezioni sono infondate, berluscuni adotterà la "quarta soluzione" che consiste in un grande annuncio a reti televisive unificate sul fatto che saranno fatti ingenti investimenti (non con soldi veri, ma addirittura "verissimi") per ammodernare la rete senza necessità di scorporo grazie ad una cordata di "capitani coraggiosi" amici suoi :-P (Per farlò sarà necessario licenziare/mandare in cassa integrazione mezza telecom, ma questo si sa è un effetto della crisi)
    • Christian scrive:
      Re: la quarta ipotesi
      Condivido :)... Poi quando ci sarà da tirare fuori i soldi per cominciare i lavori ecco che non si potrà fare perché i sindacati si opporranno ai licenziamenti ... E così ancora una volta il Santo Governo avrà tentato di portare ricchezza e benessere nel paese e i cattivi sindacati avranno bloccato il progresso ... E la soluzione proposta sarà quella che da un po' si afferma: più potere al Santo Governo a cui nessuno ha diritto di opporsi.... un tempo detta dittatura.
  • Hunes scrive:
    Il governo dei ricchi
    In questo momento in italia il governo è in mano ai potenti, ai ricchi del paeseLa prova massima è la recente bocciatura da parte del CENTRO DESTRA della proposta di legge sulla tassa degli alti redditi 1 tantum per SOLIDARIETA' verso i ceti più poveriQuindi che leggi volete che usciranno da questo "governo dei ricchi" ?Se proprio ma proprio messi alle strette dalla UE il governo DOVRA' dare l'ultimo miglio a qucluno e come al solito se lo aggiudicherà quello che pagherà di più (in nero e in chiaro) Ma fino all'ultimo lascerano le cose così per accontetare mamma $ TelecomD'altronde ricordo che Telecom è stata "comprata" con soldi che non esistono, con i debiti (offerta pubblica) e quindi l'esigenza massima da qui a 10anni della società è quello di fare cassa, in ogni modo possibile
    • nome e cognome scrive:
      Re: Il governo dei ricchi

      In questo momento in italia il governo è in mano
      ai potenti, ai ricchi del
      paeseOddio, è mai esistito un paese -Topolinia a parte- il cui governo non sia espressione dei ricchi e potenti?
  • Il Gargilli scrive:
    come no ?!...
    Diciamo anche che la fibra ottica (per quello che riguarda la cablatura a lunghe distanze) esiste da molto tempo, ma nè lo Stato nè Telecom vollero mai prendersi la briga di "completare" l'opera portando agli utenti finali la linea (cercate e-Planet, Albacom...tanto per citarne due)Poi arrivò Fastweb, che si proponeva come azienda privata e indipendente e per questo (ma non solo) giustificava i prezzi (tutt'ora) elevatissimi. Fastweb l'abbiamo pagata tutti con l'aumento della bolletta elettrica nelle principali città interessate..Qui quello che successe all'inizio:http://www.decoder.it/approfondimenti.php?task=view&articleID=37Qui come andò a finire nel Febbraio 2003:http://archiviostorico.corriere.it/2003/febbraio/14/Fastweb_Metroweb_via_allo_scambio_co_7_0302142019.shtmlAggiungerei anche che spesso da parte delle grosse Aziende vige una interessante regola che sembra abbia voluto seguire la più grossa compagnia telefonica italiana.Girava voce che l'intenzione da parte di questa compagnia fosse quella di "lasciare" ad altri il compito di comprare KM di fibra ottica e di stenderli in giro per le città, per poi fare concorrenza sleale (approfittando della posizione dominante) per poi comprarsi la suddetta società (fatta fallire appositamente) a prezzi irrisori rispetto al valore reale... Ma questi sono altri discorsi..Di fatto, l'italia protrebbe (e dovrebbe) avere almeno metà del territorio cablato in fibra, e invece siamo ancora qua con una adsl che fa ridere pure i paesi dell'Est...Aloha!
    • nome scrive:
      Re: come no ?!...
      - Scritto da: Il Gargilli
      invece siamo ancora qua con una adsl che fa
      ridere pure i paesi
      dell'Est...

      Aloha!xkè "pure"? guarda che è nell'est dove le connessioni sono più sviluppate e potenti XD
      • Il Gargilli scrive:
        Re: come no ?!...
        Si, daccordo, ma il senso voleva essere un'altro. Noi abbiamo il digitale terrestre, Loro no..Aloha!
        • Zoozle scrive:
          Re: come no ?!...
          E che c'è di così valido e bello nel digitale terrestre? a parte l'aumento di prezzi per adeguare le TV esistenti?Se oggi Rai / Mediaset e quant'altro fanno 6 programmi da schifo domani ne faranno 20 (sempre da schifo ovviamente)
    • 01234 scrive:
      Re: come no ?!...
      Girava voce che l'intenzione da parte di questa compagnia fosse quella di "lasciare" ad altri il compito di comprare KM di fibra ottica e di stenderli in giro per le città, per poi fare concorrenza sleale (approfittando della posizione dominante) per poi comprarsi la suddetta società (fatta fallire appositamente) a prezzi irrisori rispetto al valore reale..realistico, ahinoi....
    • Soldino scrive:
      Re: come no ?!...

      Di fatto, l'italia protrebbe (e dovrebbe) avere
      almeno metà del territorio cablato in fibra, e
      invece siamo ancora qua con una adsl che fa
      ridere pure i paesi
      dell'Est...Amenità che ascia il tempo che trova: citami un paese dell'est dove siano cablati VSDL o fibra in maniera sistematica.Altrimenti taci
    • blackshard scrive:
      Re: come no ?!...
      Se vogliamo dirla tutta, buona parte della rete in fibra ottica che ha oggi fastweb l'ha comprata da telecom tempo addietro, che l'ha costruita con fondi statali e europei.Quindi praticamente il progetto è rifare quello che è stato fatto tanto tempo fa, ma che poi è stato venduto ad un'azienda privata per far guadagnare qualche soldino a qualche porcellino che intanto aveva preso telecom in gestione.
  • blackshard scrive:
    A che pro?
    Quarta soluzione: rimane tutto com'è, tanto se l'italia va' a rotoli figurati cosa importa il livello di congestione della rete.E comunque, a cosa ci servirà tutta questa "propensione al futuro", visto che il futuro della rete, per l'attuale governo, è previsto essere "il vuoto"? Con il ddl Carlucci sarà illegale il p2p e con quello di quell'altro tizio del pdl si abolirà l'espressione del libero pensiero, a cosa dovrebbe servire la fibra ottica? Forse forse che mediaset ha intenzione di dominare anche il settore delle IPTV?
    • bubba scrive:
      Re: A che pro?
      - Scritto da: blackshard
      Quarta soluzione: rimane tutto com'è, tanto se
      l'italia va' a rotoli figurati cosa importa il
      livello di congestione della
      rete.
      E comunque, a cosa ci servirà tutta questa
      "propensione al futuro", visto che il futuro
      della rete, per l'attuale governo, è previsto
      essere "il vuoto"? Con il ddl Carlucci sarà
      illegale il p2p e con quello di quell'altro tizio
      del pdl si abolirà l'espressione del libero
      pensiero, a cosa dovrebbe servire la fibra
      ottica? Forse forse che mediaset ha intenzione di
      dominare anche il settore delle
      IPTV?con la % di delinquenza che c'e' in parlamento (per non parlare dei gradi inferiori.. specie al sud) direi che qualunque cosa scelgono produrra' più danni che risultati.
      • MArco scrive:
        Re: A che pro?
        Non ci sono più le mezze stagioni, governo ladro.Si stava meglio quando si stava peggio.
        • Zago scrive:
          Re: A che pro?
          - Scritto da: MArco
          Non ci sono più le mezze stagioni, governo ladro.
          Si stava meglio quando si stava peggio.sisi bravo berlusconianoe diciamo anche che l'incentivo per avere i decoder, pertanto anche quelli sbagliati, per il digitale terrestre, vinto casualmente dalla ditta di un "conoscente" del premier, sia una cosa cosa a pro nostrosisi continuiamo così
          • Ricky scrive:
            Re: A che pro?
            Berlusconi e' la pietra dello scandalo ma non e' solo al governo.Lui sta' la a dire e fare cose che hanno un impatto veramente negativo sia come qualita' della vita sia come gestione del "carrozzone Italia".Lui propone ma la compagine politica tutta, o quasi, dispone.Oramai al governo c'e' un terreno marcio che permette solo alla gramigna piu' fetida di attechire mentre cio' che di buono offre l'Italia pulita, viene distrutto prima ancora di poter attechire.Non credo si possa sperare in un futuro migliore se rimaniamo con quei politici al governo,anche se qualcuno cerca di ribaltare la situazione con le liste civiche,credo che ce ne sia parecchio di lavoro da fare.Avete per caso visto REPORT ieri sera?Ecco...alla fine mi sono sentito parecchio giu' di morale...non pensavo che in Italia si potesse arrivare cosi' in basso e continuare a cadere.
          • Guru Meditation scrive:
            Re: A che pro?
            - Scritto da: Zago
            - Scritto da: MArco

            Non ci sono più le mezze stagioni, governo
            ladro.

            Si stava meglio quando si stava peggio.

            sisi bravo berlusconiano

            e diciamo anche che l'incentivo per avere i
            decoder, pertanto anche quelli sbagliati, per il
            digitale terrestre, vinto casualmente dalla ditta
            di un "conoscente" del premier, sia una cosa cosa
            a pro
            nostro

            sisi continuiamo cosìConoscente?Direi "più che conoscente", era suo fratello!!!
        • Funz scrive:
          Re: A che pro?
          - Scritto da: MArco
          Non ci sono più le mezze stagioni, governo ladro.
          Si stava meglio quando si stava peggio.Hai ragione, sono verità talmente ovvie che oramai sono diventate luoghi comuni...
        • 01234 scrive:
          Re: A che pro?
          non è il caldo (freddo) è l'umidità
        • ciko scrive:
          Re: A che pro?
          - Scritto da: MArco
          Non ci sono più le mezze stagioni, governo ladro.
          Si stava meglio quando si stava peggio.bravo... annulla il pensiero e omologati... solo cosi' vivrai felice...senso critico, questo sconosciuto..
    • 01234 scrive:
      Re: A che pro?
      Forse forse che mediaset ha intenzione di dominare anche il settore delle IPTV?eggiào quanto meno imbrigliare
    • Muhammad scrive:
      Re: A che pro?
      Per alcuni sembra che Internet sia il P2P... mah... dovete per forza tirarlo in ballo in ogni salsa..
      • blackshard scrive:
        Re: A che pro?
        E' certamente ciò che genera più traffico di qualunque altro servizio presente su internet.E, perdinci, quando dico p2p intendo dire anche usare bittorrent per scaricare l'ultima distribuzione di linux, cosa perfettamente lecita mi pare.
    • ninjaverde scrive:
      Re: A che pro?
      Forse forse che mediaset ha intenzione di
      dominare anche il settore delle
      IPTV?Hai magiato la foglia! :
Chiudi i commenti