Querelle su un balletto di indirizzi email

Sulla lista antispam del NIC italiano appare la protesta di un utente secondo cui è probabile che del suo indirizzo email si sia abusato


Roma – Una singolare lettera pubblicata nelle scorse ore sulla lista anti-abuse del NIC italiano, lista che raccoglie le segnalazioni antispam che provengono dagli utenti internet italiani, parla di quello che viene definito un possibile passaggio illegale di indirizzi email.

Una pratica che in questo caso sembra circoscritta ad una federazione sportiva ma che, secondo alcuni militanti antispam, è ormai prassi comune in molti ambiti commerciali e industriali.

In particolare, il mittente della lettera pubblicata sulla lista sostiene di aver ricevuto dal vicepresidente della Federazione arcieristica a cui è iscritto un’email commerciale su un indirizzo noto esclusivamente alla Federazione. Da qui la convinzione che sia stato commesso un abuso ai propri danni.

“Ho ricevuto tramite la mia email aziendale – si legge nella lettera di segnalazione apparsa sulla lista del NIC – il seguente messaggio (invito a una gara nazionale) firmato Pxxxx Pxxxxxx (che mi legge per conoscenza). La cosa molto strana è che la mia email aziendale in ambiente arcieristico era assolutamente ignota ed era stata usata solo ed esclusivamente per l’iscrizione alla mailing list della Federazione Italiana di tiro con l’arco.
Ho ovviamente chiesto in via privata al signor Pxxxxxxx da dove avesse preso la mia email e lui mi ha risposto “da una mail in cui c’era il suo indirizzo”. Tuttavia io non ho mai ricevuto altre email “arcieristiche” prima della sua (ovviamente a parte quelle della federazione, in cui l’indirizzo degli iscritti per ovvi motivi non compare)”.

In altre occasioni chi protesta afferma nella sua lettera di aver pubblicamente richiesto come mai il suo indirizzo di iscrizione alla Federazione fosse stato utilizzato in una lettera che promuove un’attività commerciale. Una lettera che sarebbe stata inviata dal Pxxxxxxx peraltro a moltissimi utenti i cui indirizzi appaiono in chiaro nel campo “A”, come dimostra quanto pubblicato sulla lista del NIC.

“Dato che non ho ottenuto risposte convincenti – continua la lettera – ho motivo di ritenere che il mittente (o chi per esso) abbia in qualche maniera recuperato la mia email dal database della federazione (di cui è anche vicepresidente), in violazione con quanto pattuito all’atto dell’iscrizione (cito “La FITArco si impegna a non divulgare a nessuno per nessuna ragione gli indirizzi di questa mailing list”).”

La lettera che sarebbe stata inviata dal Pxxxxxxx, contenente un allegato di 244K, recita come segue:

“Invito gara Nazionale Hunter + Field Lago di Baratz”
“Si allega l’invito della gara in oggetto, un’occasione ideale per abbinare una buona gara ad alcuni giorni di vacanza in una località stupenda, la Riviera del Corallo.
Saluti, Pxxxx Pxxxxxxx”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    WHOIS M. B. FROM ETNA COLONI-VALLEY
    http://www.multimedialand.com/abismm/ilcapo.htmla parte che ad uno con questa faccia non gli darei nemmeno incarico di formattarmi l'HD, ma mi chiedo, con un sito mediocre come questo con che faccia si chiama "Imprenditore IT" della Etna Valley?E' penoso, vuoto, roba da terza elementare e Front Page...La gente come twe giusto con l'assistenzialismo regionale campa, aderenze,a micizie, tangenti e raccomadazioni per fare obbrobri come Museumland o peggio il Kiosk....Fa bene ST a chiuderesi nel suo limbo senza dare nulla in outsourcing e colonizzando un paese fatto di tanti Bucolo arraffoni, incompetenti e truffaldini......e se va male licenziare tutti, altro che storiePSPer ulteriori informazioni su da chi stare lontani in affari:ABIS MultiMedia Via Milano n.61 - 95127 CATANIA tel.:(095) 38.70.92 - 38.75.20  fax: (095) 38.70.67 Email: abis@multimedialand.com
    • Anonimo scrive:
      Re: WHOIS M. B. FROM ETNA COLONI-VALLEY
      Il sito potrà anche non piacerti, ce ne possono essere di mogliori, ma tu chi sei? Un suo concorrente? Preferisci l'anonimato solo perchè ti aiuta a diffamare? Ne vai orgoglioso?A me fai pena. Arricchisci di motivazioni valide il tuo post e non da diffamazioni di basso livello e prive di ogni fondamento.P.S.Guarda che qui un WHOIS lo sanno fare tutti non c'è bisogno di un "informatico esperto" come te. :-P
  • Anonimo scrive:
    Fatti i forum bisogna educare i partecipanti
    I post giustamente censurati dalla redazione, confermano diverse cose:A) I forum sono una fantastica espressione di democrazia, per chi li sa usare e per chi merita di potervi partecipareB) I codardi, i vigliacchi, i falliti usano i forum per sfogarsi, anonimamente, contro persone che vogliono solo manifestare le proprie idee ed opinioniC) la cosidetta piazza virtuale viene usata a spropositoD) una critica ben espressa, fuori dall'anonimato, normalmente risulta sempre utile per chi la fa e per chi la riceveE) chi "spara" sul mucchio, anonimamente, è peggio dei terroristi che hanno ucciso 3000 persone a New York e che erano convinti di farlo per il loro Dio.F) con comportamenti censurabili non si facilità la partecipazione e la libera espressione di opinione ai forumG) la Apple, tempo addietro ha adottato un bellissimo slogan "Think different", con uno spot molto bello nel quale si diceva che le persone in gamba e geniali non possono essere ignorate, possono essere glorificate o denigrate, ma non ignorate. Ringrazio gli anonimi per non ignorarmi!H) beh, se in un forum nazionale ti arrivano subito diversi messaggi, anche contro, vuol dire che hai lasciato il segno e, statisticamente, si è nelle 500 persone che più contano in un particolare settore.I) continuate, tutti, a partecipare i forum, i cretini prima o poi si stancano.SalutiMario Bucolo
  • Anonimo scrive:
    M. B. IL TRUFFALDINO
    ha prodotto un CD Rom per un Ente Regionale col quale ho collaborato, non solo ha fornito un prodotto mediocre, ma si è anchhe tenuto i sorgenti infrangendo le regole contrattualise è questo il modo di lavorare di questo "imprenditore da 18 anni" meglio che gli imprenditori li facciamo noi del nord e voi meridionali truffaldini mettete solo le braccia(controllate da noi)
    • Anonimo scrive:
      Re: M. B. IL TRUFFALDINO
      Ma il tipo o la tipa che ha scritto l'email precedente cosa si è fumato/a oltre al proprio cervello se lo ha mai avuto, o magari è qualche frustratello che è dovuto emigrare al nord perchè al sud nessuno lo considerava.Però potrebbe aver sbagliato clamorosamente persona, non avendo io mai prodotto alcun CdRom per alcun ente di formazione.
      • Anonimo scrive:
        Re: MARIO BUCOLO IL TRUFFALDINO
        sai bene che si tratta di beni Culutali e non formazione caro il mio PIRLA :o)
        • Anonimo scrive:
          [OT] x Pappaciccia
          Mi dispiace per gli altri che ci leggono, spero che tutta questa serie di messaggi sia subito levata dal forum, neanche censurata, proprio levata. Prometto che è l'ultimo intervento che faccio su questo argomento che mi tira stupidamente in ballo, ma finalmente ho scoperto un caro signore che inviava vari messaggi anonimi e che la digos stava cercando di rintracciare.Beh ti sei tradito. Per la cronaca non era un CdRom ma un kiosk multimediale il cui contratto non prevedeva assolutamente i sorgenti. Tra l'altro sorgenti praticamente inesistenti visto che il kiosk è stato fatto con director senza neanche l'uso di comandi lingo, se non i classici per andare avanti ed indietro tra i frame. Il kiosk in questione è quello che potrete tutti vedere nella Casa Museo di Giovanni Verga a Catania, che tra l'altro ha ricevuto diversi premi. L'ente è la Regione Sicilia, assessorato ai BBCC presso il quale il signore in questione, tale A.P., collabora ancora.
  • Anonimo scrive:
    Contententi i Siciliani, contenti tutti
    • Anonimo scrive:
      Re: Contententi i Siciliani, contenti tutti
      Il problema e' che la Sicilia non e' in africa. Certe politiche rovinano tutto il mercato del lavoro in Italia, mica solo in Sicilia.- Scritto da: Mariobusy

      In realtà la Sicilia è contenta della
      situazione:
      vedi ora che pur di conservare il lavoro
      muoiono avvelenati dal Coke?

      Per ora lasciamo le cose cose così:
      sono felici sia i siciliani che STM

  • Anonimo scrive:
    Non si è parlato di STMicroelectronics !
    Strano,ma si è trascurata l'unica vera grande azienda informatica:la STMicroelectronics: SPA metà italiana e metà francese, una delle maggiori produttrici mondiali di chipset, ( il chip grafico "Kyro2" solo per fare un esempio)è anche tra le prime 30 del settore tecnologico quotate in borsa.....Certo: si potrebbe aprire una diatriba molto complessa su Etna Valley:ingegneri sottopagati, sfruttamento degli incentivi per le aree svantaggiate....Ma se il tutto può portare innovazione e sviluppoben venga.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si è parlato di STMicroelectronics !

      Certo: si potrebbe aprire una diatriba molto
      complessa su Etna Valley:
      ingegneri sottopagati, sfruttamento degli
      incentivi per le aree svantaggiate....

      Ma se il tutto può portare innovazione e
      sviluppo
      ben venga.Certo, quando la pelle e' degli altri chi se ne frega!Se nei paesi del terzo mondo i bambini di 6-7 anni fanno 12 ore al giorno cucendo i palloni da calcio chi se ne frega, tanto non avrebbero altro! Viva lo sviluppo!Basta mettere sull'etichetta New e Sviluppo che una marea di beoti grida al miracolo.Non esiste New e Old Economy, esiste solo l'Economy.E l'Economy della Sicilia e' fatta di contributi, sgravi e sfruttamento a iosa.Ah, ma certo....c'e' lo sviluppo che bello...
    • Anonimo scrive:
      Re: Non si è parlato di STMicroelectronics !
      E meno male che non se ne è parlato, ci è bastato quando la St si è presa il 99% dei fondi destinati dalla legge 488 alle pmi siciliane.Innovazione si, ma con quali ritorni sul territorio? Solo quelli occupazionali, finchè vanno bene i mercati, poi appena c'è una crisi, da qualche parte del mondo, la ST mette in cassa integrazione proprio i catanesi.Comunque ben vengano le grani aziende, ma per favore non basiamo i distretti economici, come la Etna/colonisation valley, solo sulla ST o sulla Nokia (che credo sia andata via dopo avere aperto in pompa magna)Mario bucoloimprenditore a CT da 18 annimuseumland.com
      • Anonimo scrive:
        Re: Non si è parlato di STMicroelectronics !
        Mario Bucolo sei il solito pidocchio che non si accontenta di niente, non solo si spendono soldi in Terronia, pure ti lamentiP:S: fatti anche l'AMUG Piazza Municipio, l'AMUG Via Etnea e l'AMUG Via Roma cosi fai contenti tuttiPIRLA- Scritto da: Mario Bucolo
        E meno male che non se ne è parlato, ci è
        bastato quando la St si è presa il 99% dei
        fondi destinati dalla legge 488 alle pmi
        siciliane.
        Innovazione si, ma con quali ritorni sul
        territorio? Solo quelli occupazionali,
        finchè vanno bene i mercati, poi appena c'è
        una crisi, da qualche parte del mondo, la ST
        mette in cassa integrazione proprio i
        catanesi.
        Comunque ben vengano le grani aziende, ma
        per favore non basiamo i distretti
        economici, come la Etna/colonisation valley,
        solo sulla ST o sulla Nokia (che credo sia
        andata via dopo avere aperto in pompa magna)

        Mario bucolo
        imprenditore a CT da 18 anni
        museumland.com
      • Anonimo scrive:
        Re: Non si è parlato di STMicroelectronics !

        Mario bucolo
        imprenditore a CT da 18 annipirla dalla nascita
  • Anonimo scrive:
    Etna "Valley"? Ma non e' un vulcano?!?
    Insomma, va bene il gioco di parole con Silicon valley, ma riferito al piu' alto vulcano d'Europa si e' tradotto in una bizzarria.Grande autore, questo Carmelo...
    • Anonimo scrive:
      Re: Etna
      - Scritto da: ziobeppe
      Insomma, va bene il gioco di parole con
      Silicon valley, ma riferito al piu' alto
      vulcano d'Europa si e' tradotto in una
      bizzarria.
      Grande autore, questo Carmelo...Studia la geografia prima di parlare.
  • Anonimo scrive:
    Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
    Il pezzo e' di una faziosita unica. Non e' una notizia ma uno spot! L'obbiettivita' e' stata letteralmente buttata nel ce..o.Non entro nel merito della ricerca di KPMG perche' mi sembra che sia come sparare sulla crocerossa: sappiamo tutti come si fanno quelle ricerche di mercato!La realta' e' che alcule aziende hi-tech hanno scelto di andare in Sicilia per due ragioni fondamentali: (1) I contributi statali e dell'Unione Europea oltre agli sgravi fiscali.(2) Perche' si puo' assumere tecnici di livello per due lire! Anche a Taiwan pagano di piu'!A quel pistola del tuo amico Pistorio caro il mio Carmelo Carmelo dovresti chiedere perche' STmicroelectronics paga un ingegnere elettronico neolaureato a Grenoble 3.800.000 lire nette al mese e a Catania 2.100.000, e con una sfacciataggine senza fine se ne vanta pure elogiando la preparazione degli ingegneri italiani.Questo non e' progresso, e' schiavismo e opportunismo altro che miracolo economico.In California c'e' la Silicon Valley, ma visto quel che rendono non hanno il braccino corto con gli ingegneri. Idem dicasi per UK, Germania ecc ecc...E non tiratemi fuori il discorso del costo della vita: potete fare tutti i giri che voleti il confronto non regge comunque. Un Ingegnere Elettronicocon qualcosa sullo stomaco.
    • Anonimo scrive:
      Una lettera
      Che ho apprezzato, visto che i grandi fornitori di tecnologie e soluzioni all'Italia sono americani. Vai Etna!
      • Anonimo scrive:
        Re: Una lettera

        Che ho apprezzato, visto che i grandi
        fornitori di tecnologie e soluzioni
        all'Italia sono americani. Vai Etna!Certe volte credo di avere a che fare con i bambini di 2 anni.L'ST non e' un vanto per il paese, e' solo una delle tante multinazionali. A Catania non c'e' solo l'ST, ma centri di ricerca, se non erro, della Nokia, della Nortel e di tante altre Multinazionali.Sono solo Multinazionali! Della Sicilia non gliene puo' fregar di meno. Ci vanno perche' conviene. Se domani converra' andare in Ungheria e Romania chiuderanno baracca e burattini.Ah, ma certo, stanno facendo qualche chippetto in Sicilia allora sono i nuovi semidei della new economy dall'armatura scintillante! Ma datevi una svegliata.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!

      perche' STmicroelectronics paga un ingegnere
      elettronico neolaureato a Grenoble
      3.800.000 lire nette al mese e a Catania
      2.100.000, e con una sfacciataggine senzaIo ho lavorato alla ST di Agrate Brianza e lo stipendio era di 2.150.000, mi sembra che il problema sia piu' in generale italiano...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
        ma infatti non credo che ce l'avesse "con il sud", bensì con l'imprenditoria in genere.Che non paga chi rende.Si tengono tutto e basta.- Scritto da: GT

        perche' STmicroelectronics paga un
        ingegnere

        elettronico neolaureato a Grenoble

        3.800.000 lire nette al mese e a Catania

        2.100.000, e con una sfacciataggine senza

        Io ho lavorato alla ST di Agrate Brianza e
        lo stipendio era di 2.150.000, mi sembra che
        il problema sia piu' in generale italiano...
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
          Superano qualsiasi soglia infatti. Stanno usando l'Italia come un paese del terzo mondo e se ne vantano pure. Ovviamente basta mettere una bella etichetta 'New Economy' che tutto sembra piu' bello.- Scritto da: Profstalergix


          ma infatti non credo che ce l'avesse "con il
          sud", bensì con l'imprenditoria in genere.
          Che non paga chi rende.

          Si tengono tutto e basta.




          - Scritto da: GT


          perche' STmicroelectronics paga un

          ingegnere


          elettronico neolaureato a Grenoble


          3.800.000 lire nette al mese e a
          Catania


          2.100.000, e con una sfacciataggine
          senza



          Io ho lavorato alla ST di Agrate Brianza e

          lo stipendio era di 2.150.000, mi sembra
          che

          il problema sia piu' in generale
          italiano...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
            - Scritto da: JoCKerZ
            Superano qualsiasi soglia infatti. Stanno
            usando l'Italia come un paese del terzo
            mondo e se ne vantano pure. Tu per ora lasciali fare...lascia che si crei l'indotto e che altre aziendearrivino sul territo...Poi dopo ci penseranno i nostri sindacati:pagherà o il governo o l'azienda la giusta retribuzione....Per ora non guastiamo le uova nel paniere
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
            Sinceramente, ma tu ci credi a quello che hai scritto :)).Lo sappiamo tutti che negli ultimi 30 anni grazie ai nostri durissimi sindacati le paghe italiane sono tra le piu' basse d'europa in tutti i settori.- Scritto da: Mimmo


            - Scritto da: JoCKerZ

            Superano qualsiasi soglia infatti. Stanno

            usando l'Italia come un paese del terzo

            mondo e se ne vantano pure.

            Tu per ora lasciali fare...
            lascia che si crei l'indotto e che altre
            aziende
            arrivino sul territo...
            Poi dopo ci penseranno i nostri sindacati:
            pagherà o il governo o l'azienda la giusta
            retribuzione....
            Per ora non guastiamo le uova nel paniere
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
        Certo, ma solo che quando vedo uno che mi cita Pistorio come un nuovo semidio mi girano le b...e!!E' piu' forte di me.Non perche' ST sia l'unica a fare certe politiche, ma perche' a suo tempo lessi una bella intervista di Pistorio che confermava in tutto e per tutto la situazione e se ne vantava pure facendolo passare per un 'valore aggiunto'. Come se sottopagare la gente non sia una cosa da terzo mondo ma da paese evoluto. - Scritto da: GT

        perche' STmicroelectronics paga un
        ingegnere

        elettronico neolaureato a Grenoble

        3.800.000 lire nette al mese e a Catania

        2.100.000, e con una sfacciataggine senza

        Io ho lavorato alla ST di Agrate Brianza e
        lo stipendio era di 2.150.000, mi sembra che
        il problema sia piu' in generale italiano...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
        Forse perchè sei siciliano?!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergogna!
        Un mio amico all'IBM a Roma prende 2.300.000, quasi quanto uno della STM, ed è a Roma dove la vita costa il doppio...ed è vero!!!- Scritto da: GT

        perche' STmicroelectronics paga un
        ingegnere

        elettronico neolaureato a Grenoble

        3.800.000 lire nette al mese e a Catania

        2.100.000, e con una sfacciataggine senza

        Io ho lavorato alla ST di Agrate Brianza e
        lo stipendio era di 2.150.000, mi sembra che
        il problema sia piu' in generale italiano...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergog
      Beh forse alcune parti del pezzo sono state da te male interpretate, leggendo bene tra le righe si noterà come si è tentato di dire qualcosa sulle aziende che nascono a catania a sfavore di quelle che arrivano per colonizzarci. Personalmente sono d'accordo sull'idiozia dell'etna valley, se intesa nel paragone alla silicon valley californiana. In silicon valley le aziende sono state create dall'interno, grazie anche all'intervento oculato di business angels a venture capitalist. Qui siamo colonizzati, proprio per quello che dici tu, cioè per il ridotto costo del lavoro e per gli altri vantaggi fiscali. Ma non si fa nulla per aiutare ed agevolare la nascita di aziende locali. Non ci sono BA ne VC, chi ha usufruito della 488 lo ha fatto imbrogliando alla grande e non mettendoci la propria parte di investimento. Chi ha avuto, invece, i finanziamenti da parte della società per l'imprenditoria giovanile li ha usati per fare azioni di dumping. Devo anche cire che non c'è una grande cultura dell'imprenditorialità e relativa professionalità. Vedo ragazini che vendono paginette internet a 50mila lire, e che non sanno nulla di usabilità e comunicazione, in compenso conoscono troppo flash e company.salutimario bucolo, imprenditore a catania da 18 annimuseumland.com
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma come si puo' scrivere un pezzo cosi':vergog
        E' vero vedo molti siti da " spacchio e pirito " fatti da ragazzini. Che non comunicano nessun concetto, e che non saranno mai visibili nei varimotori di ricerca......Ma è cosi in tutta Italia, credo sia nella logicadi un mercato acerbo, per adesso si è andato avanti cosi' a "spacchio e pirito" questo durera' poco pero',perche' chi cerchera' dei risultati dovra' pagaree dovra' rivolgersi ad aziende serie.PS: anche io sono nato con il prestito D'onore,anche ho fatto siti da spacchio e pirito. Poiho fatto un bel corso di Web Marketing e comunicazione.Salvo Asero
    • Anonimo scrive:
      JOCKERZ, che cazzo stai a dire?
      stipendi da due lire? anche a taiwan pagano di piu'? ma che cazzo dici?gli stipendi sono alti .qualcosa sullo stomaco? sei cosi' ingordo che avrai mangiato troppoNon te la prendere, scherziamo, ma cazzo , scrivi certe fesserie!
Chiudi i commenti