Rackspace e NASA, insieme per nuvole open

La partnership mira alla realizzazione di una piattaforma di cloud compuning aperta, trasparente, potente e sufficientemente flessibile da poterla adattare a ogni tipo di impiego

Roma – Piccole e grandi piattaforme di cloud computing crescono, e questa volta si è impegnata persino la NASA: l’agenzia spaziale statunitense ha avviato una partnership con la società di hosting Rackspace con l’obiettivo dichiarato di dar vita a una nuova infrastruttura di nuvole telematiche che rispetti pienamente i dettami della filosofia del software open source.

La piattaforma si chiama OpenStack , ed è al momento in fase di “developer preview”. Supportata da importanti protagonisti dell’IT come Intel, AMD, Dell e Citrix, OpenStack è un progetto che nasce sotto il segno della licenza Apache (seconda versione) e vuole diventare “la piattaforma di cloud computing open source ubiquo che andrà incontro alle necessità dei fornitori di cloud pubblici e privati indipendentemente dalle dimensioni, e lo farà per la facilità di implementazione e per la scalabilità”.

Due i componenti principali di OpenStack : Object Storage è il sistema di storage degli oggetti completamente distribuito che aggrega i server disponibili in cluster per l’immagazzinamento “affidabile, ridondante, e su larga scala di oggetti statici”; Compute è basato sulla tecnologia Nebula di NASA e si incarica della somministrazione di istanze di computing su un’infrastruttura distribuita.

Jim Curry, vicepresidente di RackSpace e principale responsabile del nuovo progetto di cloud computing, loda OpenStack descrivendone la natura di “software autenticamente open source” e notando l’assoluta mancanza di “limiti artificiali o limitazioni di performance” all’interno del progetto.

RackSpace si occuperà della guida dello sviluppo e della roadmap di distribuzione del codice sorgente, e Curry promette che l’intero iter sarà aperto a tutti in maniera trasparente con i processi decisionali documentati alla luce del sole .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Risposta alla notizia scrive:
    No a Sony
    No a Sony :DSony è pessima :Il gigante nipponico è alle prese con un altro flop annunciato (anonimo)
  • dr_GeKill scrive:
    semplicemente geniale
    idea semplice e geniale :-)
  • James kirk scrive:
    Finalmente un brevetto meritato
    Ecco, questo è una idea che merita la brevettazione, altro che la disposizione delle icone o la velocità del dito sullo schermo e altre amenità ancora più banali.
    • ottomano scrive:
      Re: Finalmente un brevetto meritato
      - Scritto da: James kirk
      Ecco, questo è una idea che merita la
      brevettazione, altro che la disposizione delle
      icone o la velocità del dito sullo schermo e
      altre amenità ancora più
      banali.Si, ma stanno brevettando qualcosa di "ovvio".Le card che usano la barriera di parallasse esistono da 30 anni. L'unica differenza è che qui stiamo facendo la stessa cosa su un televisore.Nicola
      • Sborone di rubikiana memoria scrive:
        Re: Finalmente un brevetto meritato
        Si, ma finalmente stanno indirizzando questa tecnologia verso qualcosa di veramente utile e non le solite paccottiglie in treddì... ;)
        • krane scrive:
          Re: Finalmente un brevetto meritato
          - Scritto da: Sborone di rubikiana memoria
          Si, ma finalmente stanno indirizzando questa
          tecnologia verso qualcosa di veramente utile e
          non le solite paccottiglie in treddì...
          ;)Blindandola con un brevetto, quindi se qualcuno vorra' fare una cosa del genere dovra' dare il pizzo a sony.
          • p4bl0 scrive:
            Re: Finalmente un brevetto meritato
            - Scritto da: krane

            Blindandola con un brevetto, quindi se qualcuno
            vorra' fare una cosa del genere dovra' dare il
            pizzo a
            sony.potevi brevettarlo tu allora..
  • barra78 scrive:
    Interessante!
    Il multiplayer via split screen mi è sempre sembrata una XXXXXta.Il multiplayer "classico" con due pc è "scomodo" (troppa roba da portarsi dietro x 2 partite con un amico). Questa potrebbe essere la gallina dalle uova d'oro: 2 paia occhiali (e relative cuffie) ed ecco che non solo si può giocare in multiplayer ma anche guardare 2 programmi differenti in tv diventa possibile!
    • kaiserxol scrive:
      Re: Interessante!
      ahaha immagino una scena bellissima: mia madre che piange davanti alla tv, mio padre che si scassa dal ridere e io che bestemmio per un gol sbagliato...tutti sulla stessa tv...futuro? no presente! :-)
      • ottomano scrive:
        Re: Interessante!
        - Scritto da: kaiserxol
        ahaha immagino una scena bellissima: mia madre
        che piange davanti alla tv, mio padre che si
        scassa dal ridere e io che bestemmio per un gol
        sbagliato...tutti sulla stessa tv...futuro? no
        presente!
        :-)Io invece avevo immaginato una roba simile, ma con uno che si guarda un horror e l'altro che di punto in bianco "GOOOOOOOOL!!!".Roba da panico :)
    • Talking Head scrive:
      Re: Interessante!
      Molto.Quel genere di idee che dispiace non avere avuto.
Chiudi i commenti