RAEE, l'Europa dà peso ai rifiuti elettronici

Aggiornamento della direttiva 2003 sulla gestione dei rifiuti elettrici ed elettronici. Entro il 2020 il volume raccolto a persona raggiungerà i 20 chilogrammi. Ciascun paese dovrà smaltire 65 tonnellate su 100 immesse sul mercato

Roma – Tutti i consumatori del Vecchio Continente potranno restituire i vecchi dispositivi elettronici senza l’obbligo di acquistarne di nuovi . È la svolta annunciata dal Parlamento Europeo nel cruciale aggiornamento della direttiva del 2003 sulla gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche ( RAEE ).

Regole che entreranno pienamente in vigore entro l’anno 2020, quando il volume dei rifiuti elettronici raccolto a persona dovrà risultare pari a 20 chilogrammi . Praticamente 16 chilogrammi in più rispetto ai 4 attuali. Secondo le previsioni dell’Unione Europea, il volume complessivo dei RAEE salirà a 12 milioni di tonnellate entro la fine del decennio.

La nuova direttiva europea andrà però per gradi: entro l’anno 2016 ciascun paese dovrà raccogliere 45 tonnellate di rifiuti su 100 di beni immessi sul mercato . Dopo tre anni, bisognerà salire al 65 per cento. I consumatori potranno restituire piccoli device elettronici presso i negozi dai 400 metri quadri in su. Senza l’obbligo di acquistare un nuovo prodotto.

Particolare attenzione dovrà poi essere posta nel recupero di quei dispositivi contenenti materiali preziosi come l’oro. Il Parlamento Europeo ha inoltre irrigidito l’impianto burocratico nel processo di smaltimento, in modo da evitare la spedizione dei RAEE in paesi meno sviluppati , non dotati di adeguate strutture di smaltimento.

“Sono molto soddisfatto – ha spiegato l’eurodeputato Karl-Heinz Florenz – Siamo riusciti ad accordarci su tassi di raccolta ambiziosi, ma raggiungibili. L’Europa recupererà più materiale grezzo, che è un’ottima notizia sia per l’economia sia per l’ambiente”. L’aggiornamento della direttiva 2003 ha ottenuto “una schiacciante maggioranza”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sherpya scrive:
    se il brevetto non si vede non c'è
    Questi della Samsung non hanno capito... È una forma, un colore? Come possono prendere che un giudice capisca un brevetto funzionale?
    • James Kirk scrive:
      Re: se il brevetto non si vede non c'è
      - Scritto da: Sherpya
      Come possono prendere che un
      giudice capisca un brevetto
      funzionale?Il giudice nulla, ma nelle questione tecniche i giudici si avvalgono di consulenti indipendenti che effettuano per lui le valutazioni tecniche.
Chiudi i commenti