RAI, niente social network per i dipendenti

Una circolare vieta di commentare vicende aziendali. Su qualunque media. Scattano le proteste e le accuse di censura. Il CdA: è così da tempo

Roma – I dipendenti e i collaboratori RAI non possono rilasciare commenti e dichiarazioni attraverso i social network. È quanto contenuto in una circolare diramata dal direttore generale Lorenza Lei.

Negli ultimi tempi si è verificato un numero sempre crescente di casi in cui sono state rilasciate, con diverse modalità, da parte di dipendenti e collaboratori dell’Azienda, dichiarazioni improprie agli organi di informazione. Alla luce dell’evoluzione tecnologica e produttiva dei mezzi e sistemi di comunicazione, quanto stabilito con riferimento alle dichiarazioni agli organi di informazione, deve intendersi riferito anche alle dichiarazioni rilasciate su siti internet, blog, social network e similari
Immediata la protesta. Giuseppe Giulietti di Articolo 21 attacca senza mezzi termini: “Cosa vuol dire invitare i dipendenti a non commentare le vicende aziendali? Una misura punitiva col forte sapore della censura pura e semplice, dell’intimidazione e della provocazione”.
Più duro il commento di Carlo Verna, segretario Usigrai: “Sul terreno del Web la RAI si ritrova ancora all’anno zero. Ce ne si occupa solo quando si tratta di affermare l’ovvio. È chiaro che un dipendente deve osservare l’obbligo di fedeltà all’azienda, ma non sono tollerabili attacchi alla libertà di espressione sancita dall’articolo 21 della Costituzione”.

“Non si era mai visto un bavaglio alla Rete imposto tramite circolare – sostiene il senatore Francesco Pancho Pardi – Mi auguro che la signora Lei smentisca al più presto quest’assurdità. Nessuno può imbavagliare l’ultimo territorio libero che almeno finora è rimasto”.

Da Viale Mazzini è giunta una precisazione in cui si sottolinea che “non c’è alcun bavaglio ai dipendenti RAI in materia di dichiarazioni ai social network: le norme relative alle dichiarazioni agli organi di informazione esistono da tempo e sono state contestualizzate alle nuove tecnologie di comunicazione mediatica ormai in atto. Si sono semplicemente ribadite norme di comportamento in vigore da anni”.

Cristiano Vaccarella

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • robiderobi scrive:
    Nokia è ok
    io ho comprato un Lumia e mi trovo pienamente soddisfatto. WP è un buon OS e l'hardware è di ottimo livello. Solo che adesso è di moda Galaxy / Android (che per carità sono degli ottimi prodotti). Diamo un po di tempo a Nokia e a WP.
  • Gianfranco scrive:
    Così salvò anche Nokia
    Un azienda che ha dato milioni di posti di lavoro e si vede negata l'aiuto statale. Eppure ha dato cellulari di buona fattura e adesso il caso Samsung. Se Microosft dovesse acquistare come scrivete almeno si salverebbero posti di lavoro. Cosi come Apple rischiò di affondare se Microsoft non avesse acquistato un pacchetto di azioni per niente risicato così Nokia eviterà di chiudere se Microosft dovesse adottare una soluzione simile. Almeno si eviterà si far sparire dalla scena mondiale una azienda che si è sempre contraddistinta per operosità e dedizione alla tecnologia mobile.E non venitemi a raccontare che Nokia è fallita perchè ha sposato il WP. La crisi era visibile già molto tempo prima che WP7 fosse in produzione. Il dominio Iphone e Android è stato imponente. Chi oggi comprerebbe un nokia android se c'è l'imbarazzo della scelta? Non basterebbero a risollevare l'azienda. Solo investendo i nuovi prodotti può avere qualche speranza. Io non penso che fallirà, è solo una fase di transizione che il mercato, brutale nella sua velocità, non rende indolore.
  • Andea annda scrive:
    ohiohiohiohicosasentomaifigakculwe
    ssssssssssssssssssssssstate zitti! Il nokia 701 è buonissimo
  • gerardo scrive:
    peccato
    non sono orribili i cellulaRi che sta producendo ,è solo che con l arrivo di iOs e di android le esigenze sono cambiate ,nokia con windows Phone ha cercato ci fare qualcosa di più funzionale ,qualcosa di semplice e diretto ,ma purtroppo deve fare i conti con questi 2 sistemi operativi prima citati.HA bisogno di un'idea
  • kenshemo scrive:
    Nessuno vuole Windows Phone
    Microsoft sarà costretta a comprarla per cercare di far decollare Windows PhoneDeve però capire che nessuno lo vuolePeccato per Nokia un tempo faceva ottimi telefoni adetto fa degli smartphone orrendi da vedere (il lumia sembra una saponetta di quelle che usano in galera per farti chinare) e hanno windows phone
    • SeiUnoSfiga toFanboy scrive:
      Re: Nessuno vuole Windows Phone
      Oh pezzo di sfigato! Se non ti piace una cosa perchè hai un gusto da cerebroleso o perchè sei solo una modaiola, non significa che una cosa è orrenda. Vedrai come piano piano la piattaforma windows soppianterà tutti quegli i-cosi da sodomita! Cos'è, hai avuto brutte esperienze con le saponette? Bè, se hai un'iphone sicuramente avrai apprezzato... Ma ritirati!
    • harvey scrive:
      Re: Nessuno vuole Windows Phone
      Non lo vuole talmente nessuno che stanno spuntando come funghi chi ritorna su WP8
  • David R scrive:
    Nokia is dead
    come da oggetto
Chiudi i commenti