Rambus, accordo con l'Europa

Diminuirà le royalty in cambio della conclusione della procedura antitrust. Non è il primo né l'ultimo caso che vede protagonista lo standard DRAM

Roma – L’investigazione portata avanti dalla Commissione Europea nei confronti di Rambus per abuso di monopolio si conclude con un accordo: la UE non multa la produttrice di chip americana, che da parte sua si impegna a ridurre le royalty sulle memorie DRAM.

Il caso antitrust era stato aperto nel 2007, con l’accusa mossa a Rambus di imporre royalty non eque per l’utilizzo dei suoi brevetti necessari allo standard industriale DRAM. L’accusa, inoltre, affermava che lo standard fosse stato fatto approvare con secondi fini, dal momento che tali domande di brevetto erano state tenute segrete all’organizzazione che doveva fissarlo (la Joint Electron Device Engineering Council – JEDEC) e di cui Rambus faceva parte.

Qualsiasi apparecchio che intende utilizzare DRAM deve, di conseguenza, pagare le royalty richieste da Rambus per il design da essa sviluppato. Un mercato che vale circa 34 miliardi di dollari l’anno.

Secondo l’ impegno assunto davanti alla Commissione, Rambus non richiederà più nulla per l’utilizzo degli standard chip SDR e DDR e abbasserà le richieste per le nuove versioni di DDR dal 3,5 per cento all’1,5 per i prossimi cinque anni, per poi scendere all’1 per cento.

Azioni analoghe erano peraltro state intraprese dalla Federal Trade Commission (FTC) statunitense, ma erano cadute . Restano ancora in piedi, tuttavia, gli altri procedimenti che coinvolgono Rambus: davanti le Corti del Nord California, del Delaware, nonché davanti all’USPTO, la società sta attaccando Nvidia, Hynix, Hanya, Micron e Samsung per violazione dei suoi brevetti.

Rambus, peraltro, si è è già aggiudicata negli anni importanti vittorie che sembrano convalidare la solidità delle sue tesi. L’unica battuta di arresto per la sua strategia si è avuta quando un esaminatore dell’USPTO, nell’ ultimo caso portato all’attenzione dell’ufficio, ha respinto tutte le sue rivendicazioni mosse contro Nvidia.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Tauro scrive:
    Progresso
    Meno male che ci sono scienziati (inclusi gli informatici ovviamente) che lavorano per ridare buone condizioni di vita a persone sfortunate nella vita. Questo tipo di protesi potrebbero far camminare tanti anziani costretti sui letti o su sedie a rotelle a causa di un fisico debilitato. (ovviamente se il cervello è in buone condizioni)Questo è il progresso che mi piace vedere.
  • attonito scrive:
    ma l'autonomia?
    come si alimentano queste protesi? suppongo ci sia una batteria/accumulatore all'interno del palmo: quanto e' l'autonomia? massimo carico applicabile (in kili)? Si tratta di una evoluzione della classica pinza, non credo ci si possa appendere al quadro svedese.Un bel passo avanti, ma una protesi - credo io - dovvebbe innestarsi sul moncone di osso per rendela permanente.
    • Notevole scrive:
      Re: ma l'autonomia?
      Nessuno ti vieta di realizzare quello che dici, visto che sembra non piacerti molto questa soluzione.Comunque mi sa che una persona senza entranbe le mani sarebbe abbondantemente felice di avere a disposizione tale protesi anche considerando le magagne che tu menzioni. Ovviamente aspettando che tu realizzi quella definitiva.
      • attonito scrive:
        Re: ma l'autonomia?
        - Scritto da: Notevole
        Nessuno ti vieta di realizzare quello che dici,
        visto che sembra non piacerti molto questa
        soluzione.hai capito male... no diciamo chenon sono stato chiaro io.
        Comunque mi sa che una persona senza entranbe le
        mani sarebbe abbondantemente felice di avere a
        disposizione tale protesi anche considerando le
        magagne che tu menzioni. Ovviamente aspettandoNon avevo intenzione di porre l'accento sulle parti negative, ma unicamente evidenziarle. E' ovvio che una qualunque cosa e' meglio di niente, e dall'"uncino" alla protesi mobile di strada se ne e' fatta. Ovviamente moltissima ne resta da fare.
        che tu realizzi quella definitiva.potessi farlo!
  • Borg scrive:
    DITA
    Devo comprarne uno per la mia ragazza ... :P
Chiudi i commenti